SPAZIO PUBBLICITARIO

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com

mercoledì 22 ottobre 2014

Verso la Breeders’ Cup World Championships di Santa Anita del 31 Ottobre e 1° Novembre. Gli iscritti ed il programma..

Il numero record di 201 cavalli, compone la lista dei pre-iscritti alle Breeders’ Cup World Championships del 2014 che si terranno a Santa Anita dal 31 Ottobre al 1° Novembre prossimo, con probabile oscuramento dall'Italia. Nei 201 sono compresi 38 nomi di caratura internazionali, e 5 di questi hanno vinto nel 2013. Il precedente record di 194 del 2011. E allora, avviciniamoci a quello che è stato definito il vero campionato del mondo del purosangue. 
Un campo stellare, composto di 15 pre-iscritti alla Breeders Cup Classic, comprende il 3 anni Shared Belief (Candy Ride), il campione California Chrome (Lucky Pulpit) che ha sfiorato la triple crown, poi Tonalist (Tapit) e Bayern (Offlee) tra i nomi caldissimi.
La star di Juddmonte Close Hatches (First Defence) capeggia la lista del Distaff G1 dopo la defezione del campione uscente Beholder (Henny Hughes) dove è iscritta anche L'Amour de Ma Vie, recentemente 9° nel Di Capua G1 vinta da Priore Philip, ma la grigia di Pia Brandt dovrebbe correre il Filly & Mare Turf G1, dove sono iscritte tra le altre europee, anche Chicquita, Dank, Fiesolana, Secret Gesture, Just The Judge, Veda e Tarfasha, in una corsa molto europeggiante. Per il resto, nel Juvenile Turf gli europei sono rappresentati dal Juddmonte Commemorative, mentre Padre Aidan da The Great War e War Envoy.

Ippica in lutto. Se n'è andato Arturo Brambilla, figura chiave del settore negli anni d'oro..

Riceviamo e pubblichiamo dalla segreteria dell'Anac e SGA, e ci uniamo commossi alla triste notizia: "Arturo Brambilla, agente e tecnico del galoppo, vicepresidente della Sga nel decennio passato, si è spento a 70 anni, troppo presto. Per quasi 40 anni è stato una figura chiave di un settore, che stava cercando di passare dalla fase di puro hobby a quella di autentica attività. 
Ha comprato e venduto cavalli, ha progettato e creato allevamenti e campioni (Electrocutionist solo per citarne uno) ed è sempre stato una voce autorevole, tecnica. Il suo ufficio di Via Ippodromo a Milano per molti anni era diventato un luogo di incontro per proprietari e allevatori, una sorta di cenacolo. Ci mancherà e lo piangiamo insieme alla famiglia"

martedì 21 ottobre 2014

Asta cavalli in allenamento ITS del 2 Novembre a Capannelle, ore 11. Ecco gli iscritti, un buon affare è sempre dietro l'angolo

Domenica 2 Novembre si corre a Capannelle, c'è il Premio Roma GBI Racing, il Premio Ribot G2 e anche il Criterium Femminile, ma in generale è una opportunità per non mancare all'asta dei cavalli in allenamento organizzata dalla ITS, in programma dalle ore 11,00 presso il tondino dell'Ippodromo delle Capannelle. 
Ben 43 i cavalli in catalogo, ottimo l'assortimento con molte categorie rappresentate. Ci sono i 2 anni, i 3 anni e anche gli anziani, cavalli veloci, da distanza, da migliorare o da curare, buonissime genealogie, grandi paternità e famiglie buone che possono davvero diventare degli affari per gli ultimi acquirenti, nel naturale ricambio che coinvolgono le varie scuderie. Tra i presenti, non poteva mancare il solito dispersal de La Nuova Sbarra con 19 esponenti, quasi la metà del catalogo, ma denso di soggetti tra cui trovare certamente un buon affare, come testimoniano le aste degli anni passati. Tra gli altri venditori vanno citati 4 per la Montebelli, 4 per la Ponte di Pietra, 1 per la Aleali: la cavalla in questione è Francine, cavalla con un pedigree e trascorsi che possono valere il doppio visto anche per la carriera da fattrice. C'e addirittura un vincitore di Parioli come Malossol, una cavallina interessante come La Tripolina, altri cavalli che hanno una bassa valutazione in handicap e da li possono solo scalare categorie.. Non vogliamo togliervi il gusto di scoprire che tipo di catalogo verrà offerto, dunque rimandiamo alle righe più in basso la lettura di quelli che saranno presenti. Ricordiamo l'appuntamento del 2 Novembre, ippodromo delle Capannelle, ore 11. Una opportunità per acquistare cavalli utili per ogni tipo di impiego. I cavalli che calcheranno il ring dell'asta saranno

lunedì 20 ottobre 2014

Milano chiama Roma. Domenica 26 a Capannelle ci sono Lydia Tesio Longines ed il Berardelli, ecco le anticipazioni..

Milano cede il testimone a Capannelle. Da domenica prossima un trittico di appuntamenti da non perdere nella capitale. Si parte domenica 26 Ottobre, il programma c'è il Premio Longines Lydia Tesio G1 per femmine di 3 anni ed oltre sui 2000 metri con previste parecchie presenze straniere, ma in generale ci sarà il tradizionale Premio Guido Berardelli G3, poi il Pandolfi Lr, lo Scheibler Lr ed il Nearco HL. Domenica 2 Novembre sarà la volta del Premio Roma GBI Racing G1, del Premio Ribot G2, mentre il 9 si chiude il programma autunnale romano con il Premio Carlo e Francesco Aloisi G3 sui 1200 metri. Di volta in volta vi aggiorneremo su quelle che sono le conferme (aggiornamento del 22 Ottobre ndr), le presenze sicure e gli eventuali abbinamenti delle monte/cavalli. Per quanto riguarda il Guido Berardelli possiamo dirvi che l'attesissimo Misterious Boy in caso di terreno pesante potrebbe virare verso il Campobello, ed il suo posto verrebbe presto dall'altrettanto talentuoso Roccia D'Oro, altro allevato Le.Gi. di Massimo Parri. Comunque lo schieramento non dovrebbe essere di difficile interpretazione. 
Comunque rimandiamo al comunicato ufficiale diffuso dall'ippodromo delle Capannelle allegando, più in basso, le iscritte al Longines Lydia Tesio e quelli del Berardelli....

Mondo: Admire Rakti, primo giapponese nella Caulfield Cup, ora la Melbourne Cup! A Woodbine, europei sugli scudi

Fine settimana dai motivi molto interessanti in giro per il mondo. Partiamo dal far east ed in particolare dall'Australia dove in una edizione molto aperta della Crown Golden Ale Caulfield Cup G1 sul miglio e mezzo, a vincere è stato un giapponese che risponde al nome di Admire Ratki (Heart's Cry) e la prima cosa che ci è venuta in mente è stata: Appena un cavallo giapponese all'esterno viene montato da un fantino degno di questo nome, vince. Infatti, in sella al cavallo allenato da Tomoyuki Umeda c'era il locale Zac Purton il quale ha dato un percorso perfetto al sei anni giapponese, al quale non è parso vero di correre tatticamente in modo molto meno dispendioso. Admire Rakti ha battuto due femmine quali Rising Romance (Ekraar) e Lucia Valentina (Savabeel), mentre l'unico europeo presente era Seismos (Dalakhani) per Marco Botti ma il sauro è incappato in una brutta prestazione, finendo nelle retrovie 15° su 18. Admire in carriera ha vinto 2 delle 12 corse disputate, ha sfiorato sempre la massima categoria e lo scorso anno era finito 4° ad una lunghezza da Gentildonna nella Japan Cup. Male nell'Arima Kinen di Dicembre 2013, è rientrato con un secondo dietro a Gold Ship nelle Hanshin Daishoten Stakes G2, poi male a Kyoto nel Tenno Sho primaverile, ora è arrivata la vittoria a Caulfield, la prima per un giapponese. Seppure alterno, è ora un forte candidato alla Melbourne Cup del 4 Novembre a Flemington, in virtù di questa convincente vittoria. IL VIDEO DELLA CAULFIELD CUP QUI.
A proposito di Australia, qualche ora fa David Hayes, allenatore di Crackerjack King, ha annunciato a TVN, la tivù locale, che il grigio italiano di allevamento, vincitore in Italia di Derby e Repubblica, salterà il Cox Plate G1 a causa di un infortunio patito recentemente...

San Siro: Dylan Mouth facile alla meta, suo anche il Jockey Club e raccolta la sfida per la Japan Cup. Battuto un enorme Duca Di Mantova. Nel Dormello Fontanelice senza pericoli, il Piazzale agli stranieri, Omenoni ad Harlem Shake

Ancora Effevi, ancora Botti. Il vincitore del Derby Italiano G2 Dylan Mouth (Dylan Thomas) ha suggellato la sua superiorità in Italia vincendo anche il gran premio del Jockey Club G1 in una edizione molto domestica della corsa, staccando definitivamente un ticket per la Japan Cup G1 alla quale è stato invitato nei giorni scorsi, vincendo in modo molto convincente la prova per 3 anni contro gli anziani sul miglio e mezzo. Dylan, imbattuto in Italia, ha completato la missione nel più facile dei modi, da favorito a 3/10 e si è scrollato di dosso la brutta prestazione di Ascot di Giugno nelle King Edward VII G2 di Royal Ascot, dominando senza mai prendere una frustata, solo supportato a braccia da Fabio Branca, diventando il primo Derbywinner a vincere anche il Jockey Club dopo Ruysdael nel 1967 ed il primo italiano dopo tanti anni, l'ultimo a vincerlo fu Sumati nel 1999. A proposito, per i Botti pigliatutto era la prima affermazione in questa corsa.
Dylan Mouth (nella foto Stefano Grasso fotoreport QUI) è stato posizionato dal suo interprete alle spalle del pacemaker Wild Wolf che ha sostenuto una solida andatura dagli 800 fino a casa, al momento di far salire i giri è andato in lunga progressione ben attendo a non farsi sorprendere alle spalle da un Duca Di Mantova (Manduro) presentato perfettamente per ottenere il miglior risultato possibile, con la miglior monta possibile. L'Incolinx all'ingresso in retta era ultimo, ma Mirco Demuro ha rosicchiato almeno 50 metri al gruppo filtrando all'interno e cercando di insidiare Dylan Mouth che però è parso inavvicinabile, lasciando a molte lunghezze anche il Derbywinner 2013 Biz The Nurse (Oratorio), a disagio sul faticoso, trascinandosi con la classe al terzo, 14 lunghezze dietro al vincitore.

sabato 18 ottobre 2014

Ascot: Noble Mission trionfa nelle Champion Stakes! Duello esaltante in retta, battuto Al Kazeem e Free Eagle...

Uno dei duelli più entusiasmanti degli ultimi anni! Con una dirittura tutto cuore, coraggio, forza e tanta qualità, Noble Mission (Galileo) si è scrollato definitivamente di dosso il paragone con suo fratello Frankel vincendo, a sua volta, le QIPCO Champion Stakes G1 di Ascot. Il figlio di Galileo allenato da Lady Cecil, ha deciso di correre in avanti per evitare cali di concentrazione e mai tattica si è rivelata così corretta: James Doyle, deciso ma gentile nel gestirlo, ha messo giu una andatura che ha tagliato le gambe a quelli che hanno provato ad inseguirlo e non solo, su quel terreno infame ha messo da parte tutta la sua antica ignavia ed è riuscito a resistere ad un redivivo Al Kazeem (Dubawi) tornato più cattivo che mai dopo il tentativo, vano, in razza. I due si sono staccati in lotta dalla cima della dirittura e non si sono mai schiodati l'uno dall'altro, batti e ribatti ad un certo punto Noble sembrava bollito ed invece no, duro come il tungsteno ha tirato fuori tanto di quello orgoglio che ha fatto dimenticare in un amen l'impietoso paragone con suo fratello, decisamente più famoso ma ora un pochino meno ingombrante con la sua ombra. Noble non è Frankel ma non è nemmeno un cavallo scemo, o almeno non lo è più. Free Eagle (High Chaparral), ben impacchettato nel gruppo, si è presentato convinto che davanti prima o poi sarebbero calati, ed invece Noble ha chiuso la porta sbattendola in faccia a chiunque. Quanto a Free, forse ha pagato anche un pizzico di inesperienza e ce lo teniamo buono per l'anno prossimo, quando di anni ne avrà 4 e tutta l'intenzione di progredire ancora.

venerdì 17 ottobre 2014

Newmarket: Belardo ed Atzeni a segno nelle Dewhurst Stakes. Charming Thought beffa Ivawood nelle Middle Park

A Newmarket, è andato in scena un ricco antipasto nel weekend inglese che sabato vedrà Ascot protagonista. Nelle Dubai Dewhurst Stakes G1 sui 1400, Andrea Atzeni si è preso con le unghie e con i denti una sudatissima vittoria in sella a Belardo (Lope De Vega), cavallo del Principe Faisal il quale, da una posizione non proprio comodissima allo steccato, si è fatto largo prendendo a spallate tutti e trovando un varco millimetrico per sfoderare un poderoso allungo con relativo cambio di marcia, che ha messo di passo Kodi Bear (Kodiac) e Smuggler's Cove (Fastnet Rock) con al quarto Estidhkaar (Dark Angel), contro il quale ha ribaltato la linea delle Champagne Stakes G2, quando Belardo fu quarto dopo una preparazione forse non proprio ad hoc. Il figlio di Lope De Vega (Shamardal) allenato da Roger Varian, stallone a segno in altro Gruppo dopo Hero Look a San Siro che ha vinto...le Dewhurst italiane, ha realizzato un 1m 27.31s (slow by 4.81s) su terreno ritenuto soft...

mercoledì 15 ottobre 2014

OIivier Peslier con gli Al Thani. Dopo il divorzio con i fratelli Wertheimer, ecco l'accordo con Sheikh Abdullah bin Khalifa

A pochi giorni dall'annuncio del divorzio con la famiglia Wertheimer, Olivier Peslier ha già siglato un nuovo accordo per il 2015. Il jockey francese, 41 anni, 4 volte champion jockey ed una vagonata di G1 vinti in giro per il mondo, ha trovato un accordo con i colori di Sheikh Abdullah bin Khalifa Al Thani, per il quale sarà prima monta a partire dal 1 Gennaio prossimo. 
I colori sono quelli della giubba amaranto con stelline bianche, le stesse per intenderci di Charm Spirit (Invincible Spirit), vincitore del Jean Prat proprio con Olive, uno dei favoriti delle Queen Elizabeth II Stakes G1 di sabato. Charm Spirit ha recentemente vinto il Moulin G1 di Longchamp, ma aveva in sella Thierry Jarnet perchè Peslier impegnato con Bawina.
Peslier aveva annunciato tramite social il divorzio con i Wertheimer dopo un sodalizio durato 12 anni. Alla base del disaccordo, pare, la lontananza di Peslier da Parigi dopo il matrimonio dello stesso con la moglie. Durante gli ultimi 12 anni, Peslier ha montato Goldikova nelle 14 vittorie di G1 con altri punti alti della carriera nelle vittorie dell'Arc de Triomphe con Solemia e quella con Intello nel Prix du Jockey Club G1.

martedì 14 ottobre 2014

Verso il Premio del Jockey Club di San Siro: Edizione che si preannuncia molto "italiana", ecco gli 8 rimasti, ci sarà Dylan Mouth contro Biz The Nurse. Tutte le anticipazioni della domenica le puoi trovare qui...

Siamo a martedì ma è già tempo di guardare avanti e, dopo aver parlato delle corse all'estero tra Newmarket venerdì e sabato ad Ascot dove si distribuiranno una cosa come 5,7 milioni di Euro, diamo uno sguardo a quello che accadrà domenica 19 pomeriggio a San Siro dove si disputa il Gran Premio del Jockey Club G1 sui 2400 metri della retta di Milano con dotazione di €209,000, che ha perso qualche nome interessante al forfait di lunedì alle 12 quando qualche straniero, invece, aveva dato speranza di venire a nobilitare una corsa che avrebbe tanto bisogno di stranieri di spessore. Ne parliamo su queste righe, continuando anche più in fondo nel post. 
I rimasti per ora sono in 8 e sono BIZ THE NURSE, DUCA DI MANTOVA, DYLAN MOUTH, OPEN YOUR HEART, ORSINO, REFUSE TO BOBBIN, SOPRAN NICOLO, WILD WOLF. Ieri sono stati tolti Girolamo e Lucky Speed, che non verranno in Italia. Confermatissimi dunque Dylan Mouth, il Derbywinner 2014, contro quello del 2013 Biz The Nurse. C'è il vincitore del Repubblica Refuse To Bobbin, il vecchio habituè delle nostre corse Orsino, con il talento ancora da esprimere Sopran Nicolo e Wild Wolf a fare da valletto a Dylan.. senza dimenticare di Open Your Heart. Peccato, sarebbe stata una corsa più..."vera" con qualche ospite in più.. Ma parliamo delle premesse...

Italians: Domenica Vallecupa terza a Monaco, lunedì vittoria per un "Kitten's Joy" a Nantes per Gianluca Bietolini

Italians in giro per l'Europa, menzioniamo qualcosa che può essere sfuggito ai più. Domenica a Monaco correva Vallecupa (Mujahid), proprietà di Daniele Zarroli in training presso Michael Figge in Germania la quale, dopo una prima prova di approccio ad Hannover in Listed senza figurare, è arrivata terza nelle Nereide Rennen sui 2000 metri finendo molto bene in una corsa da Seperate Opinion (Osorio). Per la figlia di Mujahid è previsto forse un ritorno in Italia in occasione del Lydia Tesio G1 del 26 Ottobre oppure corre il Falck a Milano sui 2400 metri senza escludere un altro G3 in Germania prossimamente. IL VIDEO DELLE NEREIDE RENNEN QUI.
Continua invece la campagna francese di Gianluca Bietolini. Nella giornata di lunedì a Nantes nel Prix de Richemont, una condizionata sul miglio sul pesante, ha vinto Jolly Good Kitten (Kitten's Joy), il primo rappresentante di Mr Ramsey a correre in Francia, e a vincere. Aveva in sella Alexandre Roussel. Qualche giorno fa a reclamare, sempre allenato da Gianluca, ha vinto The Artista (Art Connoisseur) a Maisons-Laffitte per i colori della scuderia Beatrice. Lo score dell'allenatore italiano in Francia nella stagione lo vede con 11 affermazioni. 
Andando nell'altro emisfero, sabato mattina presto (ora italiana) l'italian bred Crackerjack King (Shamardal) non si è piazzato ed è terminato nelle retrovie delle Cathay Pacific Caulfield Stakes G1 in una corsa vinta da Fawkner (Reset) con al terzo Side Glance (Passing Glance). Non si è piazzato nemmeno Guest Of Honour (Cape Cross) al debutto in Australia nelle David Jones Nbcf Toorak G1 per cavalli anziani sul miglio, terminato settimo.
La settimana prossima per Marco Botti sarà molto interessante: Tanto Seismos quanto il giramondo Dandino tenteranno le fasi d'approccio in vista della Melbourne Cup G1 di Flemington ad inizio Novembre. Sabato saranno pronti nelle Crown Golden Ale Caulfield Cup da A$ 3 milioni.

Racing e breeding news: Taghrooda ritirata in razza, The Grey Gatsby e Kingston Hill rinunciano ad Ascot...sabato ci sono le Champion, venerdì a Newmarket le Dewhurst

Dopo Kingman, dopo Australia, anche Taghrooda (Sea The Stars) è entrata ufficialmente in razza. A comunicarlo nelle scorse ore Angus Gold il quale però già da tempo aveva annunciato che la figlia di Sea The Stars (Cape Cross) sarebbe stata ritirata in razza alla fine della carriera dei tre anni. La portacolori di Hamdan Al Maktoum ha vinto le Pretty Polly di Newmarket prima di dimostrarsi notevole nelle Oaks inglesi diventando la prima vincitrice di G1 per suo padre e poi, con un gran finale, è diventata la prima femmina dopo Dahlia e Pawneese a vincere le King George a 3 anni, battendo Telescope e Mukhadram, anche quest'ultimo entrato in razza nelle ultime ore. Taghrooda ha perso malamente le Yorkshire Oaks da Tapestry, e recentemente è arrivata terza nell'Arc de Triomphe alle spalle di Treve e Flintshire. Non ancora deciso chi sarà il primo promesso sposo, ma certamente è un ingresso importante nella broodmare band di Hamdan. Questa è un pò la stagione dei ritiri e degli annunci, ieri confermato anche quello di War Command (War Front) al Coolmore e quello di Wise Dan che, in America, non potrà partecipare alla Breeders causa infortunio. Una serie di scelte che di fatto tolgono un pò di pepe al Champions Day di sabato 18 ad Ascot. Dopo i ritiri di cui sopra, sono arrivate una dopo l'altra anche le rinunce di The Grey Gatsby (Mastercraftsman) e soprattutto di Kingston Hill (Mastercraftsman) i quali bypasseranno l'evento e verranno riproposti più in la nella stagione, magari proprio a 4 anni. Così il campo delle Champion Stakes diventa un pò più scarno di qualità: Alla fine saranno in 12 a correre, il favorito è il fresco Free Eagle (High Chaparral) rientrato con uno sparo a Leopardstown, che avrà contro il monumentale Cirrus des Aigles (Even Top) reduce da una retrocessione discussa nel Dollar. Su Ascot piove, è previsto terreno pesante e molti fattori cambieranno. In programma sabato anche le Queen Elizabeth II Stakes G1 dove, per esclusione, il favorito è Charm Spirit che è comunque un buonissimo cavallo. Sul pesante, torna forte la candidatura dell'italian bred Tullius
Venerdì 19 a Newmarket antipasto del Champions, soprattutto in prospettiva futura. Si corrono le Dewhurst Stakes G1 sui 1400 in pista dritta ed al momento il favorito è Gleneagles (Galileo), anche lui vittima di particolare retrocessione in Francia nel Jean Luc Lagardere G1 il giorno dell'Arco. In programma anche il Fillies Mile G1 per le 2 anni, e poi le Middle Park Stakes sui 1200 con favorito in Ivawood contro Cappella Sansevero sul quale dovrebbe tornare in tempo Andrea Atzeni, caduto ieri a Windsor fortunatamente senza conseguenze. 

domenica 12 ottobre 2014

San Siro: Hero Look continua da imbattuto, suo il Gran Criterium! Ginwar cronometrico secondo, Azari terzo

Ha vinto il più forte. Hero Look ha portato a compimento la missione Gran Criterium G2 su un terreno forse non adatto alle caratteristiche di un cavallo enorme nella mole e nell'azione. 
Il materialone figlio di Lope De Vega (Shamardal) non si è fatto intimorire dalla tentata fuga in avanti di Ginwar (Martino Alonso) ma anzi lo ha raggiunto e sopravanzato in pochi tempi di galoppo, nelle mani di un convincente Fabio Branca, concludendo in 1m 38,40s sui 1500 metri in pista grande, su una pista faticosissima. IL VIDEO DEL GRAN CRITERIUM CLICCANDO SU QUESTO LINK.
Terzo è arrivato Azari (Azamour) che ha conquistato l'ultimo gradino del podio ai danni di Brex Drago (Mujahid), giunto quarto. Dispersi per la pista gli altri. IL RISULTATO COMPLETO CLICCANDO QUI. Per Hero Look si trattava della terza vittoria consecutiva, procede così da imbattuto il portacolori della Effevi pagato £62,000 alle Doncaster 2yo Breeze Up Sale del 24 Aprile scorso. La fattrice è Roscoff (Daylami), già madre di Mawred (Tamayuz) che ha corso in Italia per il training di Agostino Affè. Hero Look ha debuttato vincendo il 28 Giugno in una maiden sui 1200 metri senza mai muovere una mano, ed ha replicato alla prima esperienza con la curva e sulla distanza nel Premio SGA del 6 Settembre scorso dove, sempre in canter, è finito con tanto da spendere ancora in mano. Ginwar secondo si è confermato un validissimo riferimento, che ha perso l'imbattibilità solo contro un cavallo davvero forte, mentre Azari è andato molto bene. Per quanto riguarda il risultato visto dall'alto: Botti ha fatto primo, secondo e quarto. Sempre più dominante..
Nel Verziere G3 memorial Aldo Cirla, alla fine ha avuto la meglio la tedesca Quaduna (Duke Of Marmalade) la quale, con in sella Edu Pedroza per il trainin di Andreas Wohler, è andata in avanti e non si è fatta mai avvicinare da So Many Shots (Duke Of Marmalade) che rientrava e non si è trovata benissimo su un terreno che ha condizionato fortemente la giornata. Terza è arrivata Lady Dutch (Dutch Art), con Mirco Demuro a bordo. IL VIDEO DEL VERZIERE SU QUESTA PAGINA. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

San Siro: Gran Criterium G2, è tutto pronto: Mirco Demuro ci sarà su Azari, come lo squadrone Botti (Hero Look, Ginwar, Brex Drago e Farinacci) contro tutti. Ecco le ultime da Milano sui partecipanti con quote e video delle ultime prestazioni!

Siamo arrivati al Gran Criterium, retrocesso a G2 dallo scorso anno, in una edizione (la numero 125) senza stranieri particolarmente pericolosi per la seconda volta consecutivamente. Lo scorso anno Priore Philip (Dane Friendly) ha riportato il Gran Criterium in Italia dopo un digiuno lunghissimo che durava dal 1995 quando Glory Of Dancer fece emergere i colori italiani. L'ALBO D'ORO DEL GRAN CRITERIUM CLICCANDO QUI. Priore lo scorso anno ha vinto e battuto, oltre agli italiani, lo svizzero Filou, ma l'allevato della famiglia Luciani ha saputo poi replicare vincendo il Vittadini G2 e poi il Di Capua G1 contro gli anziani. Quest'anno sono in 7, di straniero ce n'è uno ma è di colori italiani, si chiama Kloud Gate e fra poco vi diremo di che cavallo si tratta. Nella mattina di domenica qualche novità va raccontata: Il terreno presumibilmente sarà soffice. Al momento non piove a Milano e non sono previste piogge a breve ma il terreno è di gradazione 6, dunque molto pesante che fra qualche ora significa PESANTE..su tutte le fasce di terreno (aggiornamento delle 11,45). Si corre sui 1500 in pista media di San Siro e a tal facciamo una provocazione, più volte lanciata su queste colonne. Che ne pensate di un Gran Criterium sui 1400 metri in pista dritta in stile Dewhurst Stakes e un Berardelli accorciato ai 1600 metri sempre in pista grande di Roma? Discorsi filosofici, dite la vostra ma intanto concentriamoci su quello che accadrà oggi. 
L'altra novità riguarda un fantino: Mirco Demuro alla fine ce la metterà tutta per essere in sella ad Azari. Dopo la caduta di venerdì, all'esame radiografico è emersa solo una forte contusione, Mirco si è già imbottito di antidolorifici e ci sarà. Chi sono i partecipanti che si contenderanno i €264,000? Dalla Francia scende Kloud Gate (Astronomer Royale), colori della Razza della Sila e training di Jacques Heloury. Sette corse in carriera, 2 vittorie ed un piazzamento. In Francia è arrivato quarto nel Prix des Jouvenceaux et des Jouvencelles a Vichy e sesto, ma non correndo in modo malvagio, nella Listed del Criterium du Fonds Europeen de l’Elevage a Deauville (ANALIZZA QUELLA PRESTAZIONE CLICCANDO QUI). E' un performer consolidato, deve migliorare forse per essere competitivo con quelli che pensiamo siano migliori ma è uno da battere e non da sottovalutare.
Stefano Botti ha quelli più attesi....

sabato 11 ottobre 2014

Shocking News: Treve resterà in training anche per il 2015, obiettivo terzo Arc. Rimandata la carriera di fattrice

Alt, dietrofront! La campionessa Treve, vincitrice dell'Arc de Triomphe per la seconda volta consecutivamente e già annunciata verso una carriera da fattrice, resterà in allenamento anche per la prossima stagione, quella dei 5 anni, e tentare una incredibile tripletta nell'Arc de Triomphe. Ad annunciare la decisione shock è stato Harry Herbert, racing advisor dell'Al Shaqab il quale ha rivelato la sensazionale novità. Per Treve era stato scelto anche il "principe azzurro", cioè Dubawi, ma i piani da fattrice dunque cambiano inevitabilmente. Resterà in training da Criquette Head che ne ha ricostruito una verginità dopo una prima parte di stagione disastrosa, e William Hill ha reagito posizionando a 4/1 la terza vittoria nell'Arc del 2015, che si correrà a Chantilly (per via dei lavori di ristrutturazione di Longchamp) e dove Treve ha vinto il Diane G1. 
Seguiranno aggiornamenti.

Breaking News: #Australia infortunato! Salta Ascot con il Champions Day ed entrerà direttamente in razza

A qualche giorno dal Champions Day del 18 Ottobre ad Ascot, è arrivata la notizia dell'infortunio di Australia (Galileo), vincitore del Derby di Epsom e delle Juddmonte International Stakes, proprio mentre era in preparazione per le Champion Stakes G1 o, alternativamente, al miglio delle Queen Elizabeth II Stakes G1. Il figlio di Galileo ed Ouija Board era il favorito nell'antepost delle Champion e dunque lascerà via libera a Free Eagle, come favorito della main race di Ascot. Australia entrerà in razza al Coolmore a partire dal 2015, non ancora definito tasso di monta e tutto il resto.
Australia ha cominciato il suo percorso da cavallo sotto i riflettori alla nascita, figlio di un vincitore di Derby come Galileo e di una vincitrice di Oaks come Ouija Board. Frutto della joint venture tra Coolmore e Lord Derby, fu pagato da Demi O'Byrne gns525,000 alle Tattersalls October del 2012, una cifra sostanziosa in considerazione del fatto che fino a quel momento Ouija Board in razza aveva prodotto poco o niente. O almeno, ancora non si era espresso.
A due anni si è guadagnato la stima di O'Brien e mostrato al mondo vincendo il Breeders’ Cup Juvenile Trial Stakes a Leopardstown, vincendo per sei lunghezze e battendo il favorito Free Eagle (che avrebbe ritrovato nelle Champion Stakes del 18 Ottobre) il quale si infortunò proprio in quella occasione. Rientrato nelle 2000 Ghinee, è arrivato terzo alle spalle di Night Of Thunder (Dubawi) ed il champion miler Kingman (Invincible Spirit). Poi, 3 vittorie consecutive tra Derby, Irish Derby e Juddmonte International a York. Ha perso malamente a Leopardstown le Irish Champion, battuto da The Grey Gatsby dopo una condotta di gara non irreprensibile da parte di Joseph O'Brien. Era in preparazione per il Champions Day, ma un infortunio al posteriore destro (nella foto) ha anticipato la decisione del ritiro in razza, che sarebbe avvenuto a fine 2015.
Allevato da Stanley Estate and Stud Company, è mezzo fratello di Voodoo Prince (Kingmambo) che in Europa ha combinato poco ma produttivo da quando trasferito in Australia.. ha cambiato nome, si chiama Our Vodoo Prince, ed ha vinto la Easter Cup G3. Dopo Australia c'è un fratello da Dubawi (Dubai Millennium), acquistato privatamente da Godolphin che, quest'anno, è in vena di acquisti dopo la rivoluzione che ha coinvolto molti membri dello squadrone in blue. 

venerdì 10 ottobre 2014

Tattersalls October Sale 2014, Book 1. Top Price un figlio di Galileo da gns2,6 milioni, fatturato a gns79 milioni (+13%)

La lunga maratona dei Book 1, 2 e 3 delle Tattersalls in Inghilterra è cominciata martedì scorso 7 Ottobre e dunque, ad oggi, possiamo dire si sia concluso solo la tre giorni del Book 1 in attesa di quello che accadrà nel 2 e nel 3 nei giorni prossimi. Parliamo degli highlights giorno per giorno, in un post itinerante che aggiorneremo di volta in volta. Il primo giorno del primo libro, ha visto un totale di 107 lotti venduti su 144 offerti per un totale di £20,185,000 (-23%) rispetto ai £26,319,000 con una media di £140,000 (+19%) ed i mediani a £188,645 (-11%). A pensarci bene, infatti, mancano i £4 milioni spesi lo scorso anno da Sheikh Joann quest'anno assente il primo giorno, almeno non in modo apparente sul foglio delle vendite e questo ha destato molta sorpresa visto che dei tanti agenti presenti, nessuno era suo emissario. 
Comunque, a fare la parte del leone è stato John Ferguson, bloodstock advisor di Sheikh Mohammed per Darley e Godolphin, che ha speso 4,015,000gns per 11 cavalli. Il primo giorno del Book 1 delle Tattersalls October Yearling Sale ha visto il top price nel Lot 97, un maschio da Oasis Dream (Green Desert) per £775,000 prodotto della fattrice Titivation (Montjeu), mezza sorella della campionessa americana Attraction. Ecco, gli americani sono stati molto attivi. Al di la del fatto che sono stati underbidder per il top price, da registrare che il secondo prezzo più alto del day 1 è stato a favore di Alex Solis e Jason Litt, agenti americani alla prima visita inglese alle Tattersalls, che hanno piazzato il colpo da £700,000 per una figlia di Dansili (Danehill), sorella del campione e stallone Zoffany, residente al Coolmore. Zoffany è stato quello che ha fatto tremare Frankel in una edizione delle St James Palace Stakes di Ascot. Tremare, però, per colpa di Queally. Chi c'era ricorderà. In generale nel first day molto popolare la progenie di Oasis Dream, ne sono stati venduti 9 nel primo giorno ed i figli di questo stallone hanno realizzato £3,4 milioni ad una media di £379,000, e come terzo prezzo più alto dell'asta John Ferguson si è assicurato un figlio dello stallone residente al Juddmonte, e della fattrice Zee Zee Top per 625,000 guineas. Si tratta di un un mezzo fratello della buona Izzi Top, della famiglia di Kayf Tara ed Opera House. Quarto prezzo del day 1, non poteva mancare un Sea The Stars pagato £600,000 da Charlie Gordon-Watson dopo aver battuto la resistenza di John Ferguson. Andrà da Sir Michael Stoute. C'erano 6 Sea The Stars, venduti tutti per un totale di £1,790,000 ed una media di £298,333. Ovviamente non c'erano italiani, a parte Marco Botti e Federico Barberini i quali, per cause contingenti, non possiamo considerare tali. Comunque 6 acquisti generali effettuati da loro, nel mare degli yearlings di Newmarket.
La passione di Sheikh Mohammed non ha eguali: Comprare yearlings è il suo modo per sentirsi vivo (speriamo non solo questo), lo fa da prima del 1977 (anno del suo primo vincitore a Brighton) e nel day 2 del Book 1 ha continuato a tirare fuori il borsellino. Nella seconda sessione acquistati 14 yearlings per totali 8,090,000gns. I primi 3 prezzi della sessione sono stati acquistati proprio da John Ferguson per conto dello Sceiccone, il nostro amato Sceiccone, di gran lunga il più simpatico. Comunque il day 2 è stato quello del "supporto" dei grossi complessi nei confronti degli stalloni residenti nei propri allevamenti. Il day 2 è stato contraddistinto dai seguenti dati: 141 cavalli offerti, 123 venduti (87%) per un aggregate di £28,930,000 (+16%), una media a £235,203 (+4%) ed i mediani a £150,000 (+7%).

giovedì 9 ottobre 2014

Addio #Cigar, quando la grandezza è tutto. A 24 anni, se n'è andato il Campione della famiglia Paulson..

The unconquerable, invincible, unbeatable. Questo è Cigar, secondo una definizione storica di Tom Durkin. Per il resto, Cigar, era molto molto altro. Il campione se n'è andato, ci ha lasciato a 24 anni a causa dei postumi di una operazione all'osteoporosi al collo, presso il Rood and Riddle Equine Hospital in Lexington, Kentucky. Ci ha lasciato dopo una pensione dorata in seguito ad una storia fatta di trionfi e cuori gonfi di orgoglio, di quelli che lo hanno visto e ricevuto emozioni fuori dal normale. Ecco, la cosa migliore delle corse di cavalli, sono i cavalli. Sembra facile, ma non lo è. Sono loro le vere stelle. Loro, e solo loro, sono quelli che ci fanno infatuare, trattenere il fiato, alzare il battito cardiaco e creare legami emotivi. Cigar (Palace Music) è stato tutto questo, e molto di più. E' stato quello che ha vinto 16 corse consecutivamente tra il 1995 ed il 1996 prima che Zenyatta gli togliesse questo record (ottenuto in altri tempi) e prima di ritirarsi dalle competizioni con un bottino di $9,999,813, il più ricco di tutti i tempi prima che Curlin interrompesse quella leadership sorvolando quota $10 milioni grazie ai petroldollari della Dubai World Cup. Ecco, Cigar è stato il primo pioniere di Nad Al Sheba, il primo a vincere la prima edizione della corsa che è diventata la più farlocca ed allo stesso tempo più ricca del mondo. Ora, è farlocca. Prima era vera, da $4 milioni, e Cigar era un campione autentico. IL VIDEO DELLA DWC VINTA DA CIGAR QUI
Allenato originariamente da Alex Hassinger per Allen Paulson, Cigar ha trovato fama e gloria agli ordini di Bill Mott quando ottenne un filotto di vittorie nella Hollywood Gold Cup, Jockey Cup Gold Cup, Donn Handicap, Woodward Handicap e Breeders' Cup Classic, proprio nella quale Tom Durkin utilizzò la famosa frase a lui dedicata "the unconquerable, invincible, unbeatable Cigar", sempre sotto la spinta di un Jerry Bailey dall'assetto incredibilmente corretto. RIVEDI E ASCOLTA QUELLE EMOZIONI DELLA BREEDERS CUP CLASSIC CLICCANDO QUI
Cigar perse nel 1996 nel Pacific Classic a Del Mar mentre tentava di raggiungere il record di vittorie di Citation, di fronte a 40,000 persone, ma alla fine di quell'anno si ritirò in razza all'Ashford Stud in Kentucky dove il mancato interesse per il sesso femminile, abbinata ad una sterilità oggettiva, ne accelerò il processo di pensionamento. Il vecchio Cigar appese il cappello al chiodo e visse felice e contento, fino a ieri, presso il Kentucky Horse Park in Lexington, dove verrà seppellito. Pensare che alla fine della carriera di corse Paulson vendete il 75% di Cigar al Coolmore per l'equivalente di $25 milioni, ha cominciato a coprire a Febbraio ma nessuna delle 34 fattrici coperte si rivelò gravida. 
Cigar ha corso 33 volte ottenendo 19 vittorie, 4 secondi e 5 terzi posti. E' stato insignito di titoli come Racehorse of the Decade, inserito nel National Museum of Racing and Hall of Fame, il Blood-Horse lo ha messo al 18° posto nella top 100 U.S. thoroughbred champions of the 20th Century, a Gulfstream Park c'è una statua di bronzo in suo onore. 
Grazie, Cigar. 

mercoledì 8 ottobre 2014

Milano: Domenica 12 a San Siro c'è il Gran Criterium: Ecco i 10 rimasti prima dei partenti, attesissimo Hero Look

Domenica si avvicina, è quella del Gran Criterium alla prima edizione con lo status di G2 sui 1500 in pista media. San Siro si appresta ad ospitare una corsa dal palmares ricco, tornato in Italia nel 2013 dopo tanti anni di dominio estero grazie a Priore Philip (poi dominatore del Vittadini G2 e del Di Capua G1 a tre anni) che ha vinto l'edizione appena passata dopo un digiuno che durava dal 1995, quando ad emergere fu Glory Of Dancer. Questa sarà una edizione molto italiana, però. Dei 10 rimasti iscritti non c'è nessuno straniero e solo uno verrà dalla Francia, ma è di proprietà italiana, cioè Kloud Gate (Astronomer Royal). Il cavallo più atteso ci sarà: Si tratta di Hero Look (Pivotal), due preste e due vittorie, che avrà contro gli altri dello squadrone Botti vale a dire Ginwar (Martino Alonso), Brex Drago (Mujahid) e forse anche Farinacci (Sleeping Indian). Di contro i due Grizzettiani quali Azari (Azamour), Tango D'Arcadia (Red Rocks) e Pensierieparole (Exceed And Excel). Da Roma sale con una notevole ambizione Paco Royale (Paco Boy), autore di un vero e proprio numero al debutto e pericolosissimo su quel riferimento, e Change Of Moon (Le Cadre Noir). Il gioco delle monte ci viene in soccorso per dire che Mirco Demuro ha scelto Azari, Cristian Demuro sarà su Paco Royale. Fabio Branca ovviamente avrà Hero Look, Dario Vargiu probabilmente Ginwar mentre Carlo Fiocchi sarà su Brex Drago mentre Nicola Pinna su Farinacci, in caso. Domenica pomeriggio in programma anche il Verziere G3 per femmine di 3 anni de oltre sui 2000 metri in pista grande. 
La domenica successiva, quella del 19 Ottobre, sarà quella del Gran Premio del Jockey Club G1 sui 2400 metri, del Premio Del Piazzale G3 sui 1600 metri e del Premio Dormello G3 per femmine di 2 anni sul miglio. Poi, terminato il trittico milanese, sarà la volta di Roma e del Premio Longines Lydia Tesio ed in seguito Premio Roma GBI Racing, Ribot, Berardelli e poi Aloisi a Novembre inoltrato..

#Trêve ufficialmente ritirata in razza, visiterà Dubawi. I day after della campionessa di Sheikh Joaan bin Hamad Al Thani

I giorni successivi all'Arc, sono quelli dei numeri e delle decisioni. Alla fine i dati ufficiali filtrati da Longchamp hanno evidenziato presenze quantificabili in 51.208 persone solo la domenica (con il sabato si arriva a 60.000) ed un più 20% rispetto al pubblico del 2013 anche se il gioco non è che abbia avuto tanto risalto e questa è una piccola crepa nel ricco sistema francese. Il movimento sta calando, ed i francesi stanno commettendo l'errore che ha fatto l'Italia tanti anni fa, cioè aumentare gli eventi pensando di catturare più scommettitori. In realtà non è così, c'è il rischio comunque di bolla francese pronta a scoppiare ma in ogni caso non faranno la fine dell'Italia...monitoreremo la situazione e ve ne daremo conto. Torniamo all'Arc. La vincitrice, Treve, ha passato qualche ora di relax subito dopo la corsa ed è stata immortalata in una foto ripresa da più testate (pubblichiamo la prima pagina del Racing Post di ieri, ma anche Trotto&Turf grazie ad un servizio di Stefano Grasso ne ha dato ampio risalto) durante la quale si è stiracchiata e si è fatta ammirare per tutta la sua tranquillità il giorno dopo della corsa nel quartier generale della famiglia Head.
Criquette Head ne ha parlato: "Ha preso molto bene la corsa, sta benissimo ed ha mangiato tutto senza lasciare un chicco di biada. La sua carriera si ferma qui, lo Sceicco la vuole in razza così come era stabilito da tempo e lei è una cavalla dal grande cuore che ha saputo superare i problemi tornando in forma nel giorno giusto. Se non avesse avuto quei contrattempi avrei chiesto alla proprietà di tenerla ancora in corsa e tentare di nuovo l'Arc l'anno prossimo, per la terza volta. Ma è giusto così!". Criquette è tornata anche sull'argomento Dettori: "Frankie è un ragazzo d'oro, e spero possa montare ancora per me. Treve aveva bisogno di altro per rendere al meglio, e con Jarnet ha un feeling particolare. So che non l'ha presa benissimo ma il mio interesse era quello della cavalla e quando l'ho detto ad Al Thani lui non mi ha detto ne si e ne no, solo di fare quello che era il meglio per Treve". 
Intanto cominciano ad emergere particolari sul futuro in razza di Treve, nella giornata di ieri l'Al Shaqab Racing ha ufficializzato il suo primo Principe Azzurro in Dubawi (Dubai Millennium), residente al Darley. Qualcuno aveva parlato di Galileo, ma sarebbe stato un incrocio molto delicato Sadler's Wells su Sadler's Wells 3x2... La figlia di Motivator (Montjeu) è stata allevata dall'Haras du Quesnay della famiglia Head, è andata invenduta alle aste per €21,000 ed è rimasta in training per la famiglia costruendo la storia, pur essendo acquistata da Sheikh Joaan bin Hamad Al Thani nel Settembre 201. Si tratta di un prodotto della fattrice Trevise (Anabaa), e proviene dalla famiglia di Treble, Tamarisk, Triptych e Trillion. Famiglia buonissima e di G1.

martedì 7 ottobre 2014

Italians: A Sha Tin debutta impressionando Gentleman Only (ora Beauty Only) in handicap da £1M, verso il Derby di HK

A proposito di italiani, o ex italiani, all'estero va menzionato un risultato che arriva dal Far East. Gentleman Only (Holy Roman Emperor), che ora si chiama Beauty Only, ha vinto al debutto sulle piste di Hong Kong nella giornata di domenica. Dei suoi lavori preparatori ne avevamo dato conto qualche giorno fa, ma il figlio di Holy Roman Emperor allevato dall'allevamento Le.Gi. della famiglia Parri (www.allevamentolegi.it) ex di Felice Villa, ha colpito in grandissimo stile nel Festivity Handicap per cavalli di 3 anni ed oltre sulla distanza del miglio in una corsa su terreno duro con $HK1.060.000 di dotazione. Gentleman, pardon Beauty, montato da Neil Callan è stato posizionato al centro del gruppo di una corsa parecchio svelta sin dalla partenza e ai 200 era già padrone della contesa. Ha vinto praticamente in mano, senza ricevere mai una frustata, completando il miglio in 1m 35,07s con le seguenti frazioni: (24.27) (46.94) (1.11.72) (1.35.07)e parziali in 24.27, 22.67, 24.78, 23.35. IL VIDEO DEL FESTIVITY HANDICAP VINTO DA GENTLEMAN ONLY CLICCANDO QUI.
Gentleman Only in Italia ha vinto 3 delle 4 corse disputate incluso il Premio Guido Berardelli G3 in seguito al quale è stato acquistato dai proprietari cinesi. Era il miglior prospetto da Derby italiano ma la vendita ha fatto riscuotere più o meno la stessa cifra ai suoi proprietari, prima della vendita stessa. Ad HK è allenato da Tony Cruz per i colori di Eleanor Kwok Law Kwai Chun & Patrick Kwok Ho Chuen e dopo un periodo di ambientamento è piano piano cresciuto atleticamente e di condizione fino ad un risultato che ha fatto parlare molto la stampa cinese. La prestazione ricorda infatti molto quella che Beauty Flash, campione locale, fece nel 2009 prima di scalare i vertici:

Inarrestabile Andrea Atzeni! Qualche giorno fa il picco delle 500 vittorie in carriera, lunedì ha calato il poker a Windsor!

Neanche il tempo di smaltire l'atmosfera dell'Arc a Longchamp, che Andrea Atzeni si è rimesso in bottega a lavorare duro a fabbricare vittorie e cementare la fama di frusta notevole ed internazionale. Nel lunedì di Windsor ha collezionato 4 vittorie in 7 ingaggi. La prima vittoria è arrivata al primo ingaggio di giornata, in una maiden per i due anni sui 1600 metri in sella a Rocky Rider (Galileo) per i colori della Qatar Racing ed il training di Andrew Balding. Per Jamie Osborne ha portato al palo Dalgig (New Approach) in una reclamare, poi per Luca Cumani ha vinto in sella alla 4 anni Norway Cross (Cape Cross) in un handicap ed ancora in chiusura di convegno ha colpito con Donncha (Capitan Marvellous) per Robert Eddery oin una prova ad handicap. 
Il contatore delle vittorie gira, gira e gira, qualche giorno fa ha festeggiato le sue prime 500 vittorie in carriera mentre con le 4 di lunedì è arrivato a 118 affermazioni stagionali (ad un passo dal record in carriera delle 120 ottenute lo scorso anno) con uno stake £1 di +83,83! 
Ed è probabile che mentre scriviamo queste righe Andrea stia vincendo ancora.. anzi, il conto dovrà essere aggiornato a breve. A parte gli scherzi, oggi 4 ingaggi a Leicester, domani Nottingham e Kempton......
A Dicembre partirà per Hong Kong, dove rimarrà per 3 mesi almeno. Il tempo di farsi conoscere anche li e cominciare di nuovo l'avventura Europea per i nuovi capi della Qatar Racing. Certo, il prossimo anno sarà difficile combinare tutti gli ingaggi di scuderia in giro per il mondo, ma è una opportunità che non va trascurata. Come Lanfranco, che ha appena rinnovato con l'Al Shaqab dello sceicco Cugino Al Thani, dopo i primi 7 anni di carriera, il grande salto. Vai, Andrea. 

L'Italia ancora dentro al sistema Pattern nel 2015 (almeno per un altro anno), salve le corse di Gruppo. Ora è ufficiale..

La segreteria dell'ANAC qualche giorno fa ha diffuso il seguente comunicato, importantissimo per il discorso comunitario dell'ippica italiana nel circuito internazionale: "News Of The World. L'ITALIA E' SALVA! Secondo le notizie in nostro possesso sembrerebbe che il comitato pattern abbia dato esito favorevole perchè le pattern italiane continuino a figurare nella "part one" dell'International Cataloguing Standard! Vi daremo aggiornamenti non appena saremo in grado di fornirvi l'ufficialità della notizia".
Il comitato si è riunito ufficialmente il 6 Ottobre e, da quel consesso, è scaturito che l'Italia nel 2015 sarà ancora ufficialmente dell'ippica che conta. Certo, in una posizione molto defilata per via degli investimenti azzerati dall'interno e la cifra tecnica pari a zero, ma con la constatazione chiara che da questo punto bisogna ripartire in missione per valorizzare al meglio le nostre corse. Stefania Mastromarino, responsabile dell'ufficio corse del Ministero dell'Agricoltura, ha riferito che Brian Kavanagh (nella foto) ha comunicato il ritiro della proposta dell'espulsione dell'Italia da parte degli altri 4 paesi che facevano parte dell'offensiva. Ora, si legge nella nota a margine della riunione dell'EPC, bisogna davvero far si che i pagamenti agli stranieri (fondamentali nelle nostre corse) avvengano con una certa celerità, oltre a valorizzarle adeguatamente. A Parigi, durante la conferenza annuale della IFHA (International Federation of Horseracing Authorities) Kavanagh ha dichiarato di avere ricevuto impulsi positivi in termini di reazione dall'Italia e dunque, per un anno almeno, è congelata la questione. L'Italia paga la continua deficienza della propria nazione nel costruire relazioni serie, stabili, e reciproche con altri membri del consiglio.

lunedì 6 ottobre 2014

Longchamp: Treve riscrive la storia, doppietta dopo Alleged dal 1978. Battuto Flintshire, terza Taghrooda e quarto Atzeni

Non accadeva dal 1978, da quando Alleged diventò l'ultimo cavallo a vincere per la seconda volta consecutivamente l'Arc de Triomphe. Ci è riuscita Treve (Motivator) quando tutti, ma proprio tutti, non credevano nella reincarnazione della Reginetta della stagione 2013. Anche noi di Mondoturf dobbiamo cospargerci il capo di cenere: l'abbiamo data per bollita più volte nella stagione ed invece, la essenziale figlia di Motivator, ha fatto la storia scrivendo ancora una volta il proprio nome nell'albo d'oro di una corsa stellare. Ha vinto si, è la prima volta in questo 2014 dopo le battute d'arresto nel Ganay, Prince of Wales e Vermeille, nella maniera uguale e diversa da quella utilizzata lo scorso anno. Quest'anno il suo galoppo meno ampio ma più "corto" senza che questo inficiasse nel risultato. Prima, facile, con un Thierry Jarnet che le ha dato un percorso ideale vicino allo steccato nella posizione dove spesso e volentieri si vince l'Arco. Proprio li Treve ha scavato la sua miniera d'oro, mentre Flintshire (Dansili) e Kingston Hill (Mastecraftsman) stavano costruendo un piccolo miracolo: Di training, per Fabre vicino alla sua ottava affermazione nell'Arc, e di monta per un Atzeni che ha fatto tutto perfettamente in sella al grigio il quale, purtroppo per lui, ha trovato sotto gli zoccoli un terreno non troppo soffice.. altrimenti, per stessa ammissione di Andrea, sarebbe andato molto meglio. Alla fine quarto, battuto anche da Taghrooda (Sea The Stars) che ha dato la sua linea dopo l'ultima brutta, e quella Dolniya (Azamour) sulla quale Soumì ha disegnato un percorso come un sarto, prendendo un quinto. Ad un palmo dall'Aga Khan, sarebbe bene prendere appunti, è giunta come una saetta Harp Star (Deep Impact), un monumento di cavalla con a bordo tale Yuga Kawada che le ha dato un percorso tutt'altro che logico......

venerdì 3 ottobre 2014

Arc de Triomphe meno 2. Ecco gli steccati: Kingston Hill ha preso il 20, Taghrooda il 15, Avenir Certain il 2...

Quasi tutto è pronto per la domenica di Longchamp per l'Arc de Triomphe G1, e nella mattina di venerdì sono stati sorteggiati gli steccati, importantissimi nell'analisi di una corsa. Kingston Hill ha pescato il 20, Avenir Certain (come Zarkava) ha pescato l'1. Taghrooda è larghissima con il 15, il veleno Flintshire ha pescato il 4, la detentrice Treve il 3 e tra i giapponesi Gold Ship il 2, Just A Way il 14 e Harp Star il 12. Ecco il sorteggio completo:

giovedì 2 ottobre 2014

Anche la Rencati lascia Grizzetti: Tutti gli effettivi (7 cavalli) andranno in training da Stefano Botti

Come anticipato sull'edizione odierna del Trotto & Turf, anche la Scuderia Rencati nelle scorse ore ha "abbandonato" le scuderie di Bruno Grizzetti per approdare con tutti gli effettivi in quelle di Cenaia alle cure di Stefano Botti, seguendo la scia di qualche mese fa quando a far scalpore fu la notizia della Blueberry verso la famiglia Botti. Con questa operazione si è completata la fuga anche in relazione al fatto che qualche cavallo era in comproprietà tra la famiglia Salice e la famiglia Bezzera. La notizia si è diffusa in poche ore dopo che Finidaprest e Fanoulpifer, insieme con altri 5 portacolori di Luciano Salice, sono usciti materialmente dai box di Milano. 
Ieri a San Siro, per la cronaca, due della puledri della formazione con la giubba blu e banda gialla, quella di Falbrav, hanno vinto le prove per i debuttanti divise per sesso. Tra i maschi ha vinto Firun (High Chaparral) prodotto della fattrice Step Danzer (Desert Prince), mentre tra le femmine ha avuto la meglio Favulusa (Dansili), prodotto della fattrice Rosa Del Dubai (Dubai Destination) entrambi, manco a dirlo, sono allenati da Stefano Botti il quale da quando ha iniziato la stagione in collaborazione con Lady Bezzera ha collezionato la bellezza dei seguenti risultati: 8 vittorie, 3 secondi posti, 1 terzo ed un quinto posto in 13 corse!!!

Arc de Triomphe meno 3: Supplementata #Tapestry con Ryan Moore, Frankie su Ruler Of The World per il 4° Arco. Antipasto di sabato con il vecchio Cirrus nel Dollar..

Anche Tapestry (Galileo) è dentro. Aidan O'Brien ha proceduto nella supplementazione per €120,000 nell'Arc de Triomphe G1 da €5 milioni e le ha messo in sella Ryan Moore aggiungendo pepe ulteriore ad una contesa incertissima, quando ancora non sono stati sorteggiati gli steccati. Si attende un campo partenti di 20 unità: Tapestry è la stessa che ha fatto lo scalpo di Taghrooda, la favorita dell'Arco, nelle Yorkshire Oaks sui 2400 e poi, inspiegabilmente, è tornata sul miglio. Una mossa strana quella di Padre Aidan e questa edizione dell'Arc è misteriosa quanto mai. Misteriosa perchè il mago di Ballydoyle ha giocato un pò a mischiare le carte in una corsa che, curiosamente, gli è riuscito di vincere una sola volta in carriera con Dylan Thomas nel 2007 mentre stavolta ci proverà, oltre a Tapestry, anche con Chicquita e a metà con Ruler Of The World con Frankie Dettori in sella. Il sauro, vincitore del Derby lo scorso anno, è pronto ad esplodere in questa parte della stagione e per Frankie si apre la possibilità di vincere la quarta volta l'Arc dopo Lammtarra, Sakhee e Marienbard. Intanto a Parigi si aspetta un terreno buono per tutti e un bel sole a riscaldare il bois de boulogne. Non si attende pioggia, ecco...
I giapponesi ci proveranno:

Steaming Kitten venduto ad Hong Kong, il portacolori di Ken e Sarah Ramsey aveva vinto il Giubileo G3 a San Siro

Obiettivo valorizzazione, missione compiuta. Il vincitore del Premio del Giubileo G3 Steaming Kitten (Kitten's Joy), uno dei prossimi eventuali candidati al Premio Roma GBI Racing, è stato venduto ad Honk Kong dove proseguirà la carriera dopo una quarantena prima della partenza per il far east. Steaming, per il training di Gianluca Bietolini aveva vinto il Botticelli in preparazione al Derby, dove è arrivato quinto, e poi è andato ad affrontare gli anziani battendoli a San Siro. Da li il tentativo nel Guillame D'Ornano a Deauville dove, con un quinto posto, ha convinto investitori cinesi a formulare l'offerta giusta per convincere Mr Ramsey. Non è stata resa nota la cifra a 5 zeri, ma si tratta di un offerta congrua per un cavallo cresciuto tantissimo corsa dopo corsa.
A proposito di HK, due recenti acquisti dall'Italia stanno preparando l'approccio alle corse. Gentleman Only, vincitore del Berardelli, ora si chiama Beauty Only e domenica 5 Ottobre correrà a Sha Tin nell'esordio stagionale. Qualche settimana fa ha sostenuto un barrer trial vincendolo finendo forte dal fondo. L'altro è Hoovergetthekeys, che ora si chiama Flying Moochi, che sta lavorando e a breve sosterrà un trial.

martedì 30 settembre 2014

Verso l'Arc de Triomphe del 5 Ottobre. Ecco i 20 rimasti al forfait di martedì mattina, saranno in 17. Free Eagle e Australia andranno alle Champion Stakes G1 del 18 Ottobre ad Ascot

Mancano pochi giorni all'Arco e cominciano ad emergere le prime scremature per la corsa da €5 milioni. Dei 25 di ieri rimangono in 20 al forfait di martedì mattina, tra questi ancora iscritti Free Eagle ed Australia i quali avranno l'opportunità di correre l'uno contro l'altro nel Champions Day di Ascot del 18 Ottobre, anzi così sicuramente sarà. Alla fine però, verosimilmente, saranno in 17 al via. Aidan O'Brien ha lasciato dentro anche Ruler Of The World e Chicquita con quest'ultima (scelta curiosa, con l'Opera G1 in teoria più semplice a disposizione) che dovrebbe avere in sella Joseph, al netto della chance di Australia. Si apre dunque uno spiraglio, anzi quasi una certezza, nel vedere Lanfranco protagonista per l'ennesima volta nell'Arc dopo lo sfortunato esito dello scorso anno con l'infortunio mentre Treve passava solitaria il traguardo della corsa più ricca d'europa. Quest'anno la campionessa uscente avrà Thierry Jarnet in sella mentre Ectot, l'altro di Al Thani, avrà su Gregory Benoist che ha preferito la chance del cavallo allenato da Ellie Lellouche perchè più "difficile" rispetto ad Avenir Certain, sulla quale salirà CP Lemaire. Dalla Francia emergono indiscrezioni sui giapponesi che credono tantissimo nella chance di Just A Way, da loro ritenuto il migliore dei 3 giapponesi, per cercare di sfatare un tabu che dura da tanto, troppo tempo. 
Ecco chi sono i 20 rimasti......

Allevamento: Sea The Moon funzionerà dal 2015 al Lanwades Stud di Newmarket, al tasso di £15,000

E' arrivata anche la collocazione: Sea The Moon, sensazionale vincitore del Derby terdesco per 11 lunghezze, dal 2015 funzionerà al Lanwades Stud di Newmarket in Inghilterra in una trattativa mediata dalla Blandford Bloodstock. Il Lanwades è già casa di Aussie Rules (Danehill), Sir Percy (Mark Of Esteem), Archipenko (Kingmambo), Leroidesanimaux (Candy Stripes), North Light (Danehill). 
Favorito nell'antepost dell'Arc prima dell'ultima, brutta, prestazione, il brillante figlio del campionissimo Sea The Stars (Cape Cross), valutato 127 dai ratings internazionali, avrà un tasso di monta di £15,000 al 1st October SLF. Si tratta del primo Sea The Stars ad entrare in razza, con una superba famiglia alle spalle. C'è il sangue di Cape Cross, di Galileo e di Monsun nella sezione materna.