STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2015. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2015 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Prezzi modici e massimo profitto!

domenica 25 gennaio 2015

Italians (e non solo) ad Oriente. Doppietta per Rispoli (11) ad Hong Kong, tripletta per Demurino (15) a Nakayama e solito sigillo di Vargiu (4) a Kyoto

Italians intorno al mondo. é un fine settimana e dunque come spesso accade i nostri occhi sono tutti orientati verso Hong Kong ed il Giappone. Nella mattina di domenica Umbertino ha ottenuto una doppietta a Sha Tin in un convegno improntato su 2 corse di livello. La prima vittoria è maturata nel The Field Green Handicap sui 2000 metri da 760.000 HKD in sella a Money Cafe (New Approach) per Chor Hong Yip (VIDEO CORSA QUI). La seconda vittoria è maturata nella quinta corsa, nel The Heritage Handicap sui 1.200 m da 1.060.000 HKD su Why Why (Lohnro) per P. O'Sullivan (VIDEO CORSA QUI). Con queste 2 vittorie salgono ad 11 le vittorie stagionali per il jockey italiano che alla fine della sua esperienza tornerà in Francia. A Sha Tin c'erano due corse importantissime a livello locale. Il Centenary Sprint Cup G1 (VIDEO CORSA QUI) sui 1000 metri da 6.600.000 HKD dove l'ex europeo Peniaphobia (Dandy Man) per Tony Cruz e Douglas Whyte. Nella Stewards' Cup - Gruppo 1 (VIDEO CORSA QUI) sul miglio da 10.000.000 HKD$ ha vinto ancora uno straripante Able Friend (Shamardal), che ha confermato lo status di cavallo più forte ad Hong Kong certificato anche dai rating appena usciti, con Joao Moreira per John Moore ad una quota irrisoria di 1,3 su Beauty Flame e Rewarding Hero.

venerdì 23 gennaio 2015

Italians in.. medio Oriente. Doppiette per Pier Convertino (16), Marco Monteriso (16) e per Stefano Ibido da trainer

Non solo estremo oriente, ma anche Medio Oriente. Tre dei nostri fantini italiani sono attivi in Qatar e nei giorni scorsi hanno aggiunto vittorie alle loro rispettive esperienze. In particolare a Doha due doppiette messe a segno da Pierantonio Convertino e da Marco Monteriso che hanno fatto così arrivare il conto delle rispettive affermazioni in assoluto a quota 16 e 16. Nel dettaglio l'ultima vittoria per Marco Monteriso è maturata in sella a Tortoni (Teofilo) in un handicap sull'erba, per i colori di Mr. Abdulhadi Mana Al Hajr ed il training di Stefano Ibido, da qualche tempo stabile proprio in Qatar e titolare di 3 vittorie nella stagione 2014/2015.
In Qatar è presente e partecipe anche Alberto Sanna che ha vinto qualche settimana fa un Gran Premio locale ed il suo conto delle affermazioni è di 11 sigilli nell'esperienza. Le classifiche in Qatar vanno per somme vinte, il primo in assoluto è Harry Bentley con 40 affermazioni e 342,000 ryal in somme vinte, secondo è Gerald Avranche poi c'è Teddy O'Shea, quindi Alberto Sanna con 161,345 ryal, Pier Convertino con 143,160 ryal mentre Marco Monteriso è settimo con 128.435 ryal. Tutti i video ed i risultati delle corse di Doha cliccando su questo LINK.

giovedì 22 gennaio 2015

Calendario Pattern 2015 in Italia, ecco tutte le date e le decisioni del comitato. Premio Ribot declassato a G3, Carlo Chiesa a Lr, il Giubilo è una condizionata. Parioli ed Elena il 26 Aprile, il Derby il 17 Maggio, le Oaks il 31 Maggio. Per ora salvi Di Capua, Vittadini, Repubblica, Premio Milano, Premio Roma e Jockey Club...ma rischio declassamento sempre evidente

Eccoci di nuovo. Dopo doverosa ed attenta verifica, e grazie anche alla segnalazione di un lettore, scriviamo di nuovo il post relativo al calendario Pattern e Listed in Italia nel 2015, adeguatamente controllato, verificato, riverificato e, a questo punto, giustamente pubblicato. Siamo incorsi in qualche errore di valutazione e convinzione, lo ammettiamo, ma siamo qui di nuovo pronti a ripristinare la verità. Anzi, ci scusiamo per quanti coloro i quali sono stati tratti in inganno dal precedente post dove erano messe in evidenza date errato. Dunque, tutto è risolto, facciamo salvo il restante post che copiamo ed incolliamo, ma questa è la versione ufficiale del tutto. Grazie ancora, e scusate.
Salvi! La prima buona notizia è che non siamo stati definitivamente esclusi dal comitato Pattern per il 2015, la seconda notizia è che l'Italia ha comunque dovuto subire delle perdite, alcune discretamente dolorose, ma quantomai inevitabili visti i rating delle nostre corse. Facciamo il punto della situazione, perchè dalla riunione di qualche giorno fa nella quale ha partecipato Franco Castelfranchi che ha ampiamente riferito sul Trotto & Turf di martedì, sono emersi i momenti chiave della stagione che sta per arrivare, a cosa non abbiamo potuto dire di no e quelle che sono le decisioni ufficiali. Allora, in principio le famose "warning letters", cioè le corse che erano a pesante rischio declassamento erano in 17 tra cui 5 corse di Gruppo (alcune sono ad enorme rischio futuro, a livello di G1 come il Premio Roma, il Presidente della Repubblica, il Milano e d il Gran Premio del Jockey Club) ed una dozzina di Listed. Fermo restando che 9 corse si sono salvate in calcio d'angolo per motivi di rating e credito concesso, restavano alte 8 situazioni di cui dobbiamo parlare. 

Fatti salvi il Vittorio Di Capua G1 ed il Vittadini G2 che hanno mantenuto lo status, il declassamento più eclatante è avvenuto per il Premio Ribot che da G2 passa a G3, per una evidente sofferenza del rating medio negli ultimi anni. Porsenna (Dylan Thomas) è così l'ultimo vincitore del Ribot ancora di G2. Ah, altra novità è che il Ribot quest'anno sarà intitolato alla memoria di Loreto Luciani, scomparso nel Settembre scorso. Comunque, qui di lato trovate il calendario definitivo delle corse di Gruppo in Italia nel 2015 con evidenziate in arancio le variazioni significative rispetto agli scorsi anni. 

Giappone: Cristian Demuro vince ancora! Sigillo in G3 ad Ohi, nel circuito NRA sul dirt in sella a Sambista

Non si ferma mai. Nemmeno quando il circuito JRA osserva la settimana di pausa, Cristian Demuro riesce a stare fermo. Mercoledì mattina era ad Ohi, tracciato in sabbia del circuito NRA, dove era in programma una sola corsa di Gruppo che Cristian ha riportato con la solita agevole semplicità di un jockey ispirato. In sella alla femmina Sambista (Suzuka Mambo) ha vinto il TCK Jo-o Hai G3 sui 1800 metri per il training di Katsuhiko Sumii ed i colori della K. Hidaka Breeders Union, ed ha vinto nei confronti di Acti Beauty (Bago) e So Miracolous (Fuji Kiseki). Per Cristian si tratta della 12° affermazione del 2015 in Giappone, sempre più capolista nella classifica fantini (del circuito JRA) con 11 affermazioni davanti a fantini come Yuga Kawada a quota 8, e poi 4 fantini a pari vittorie con 7 affermazioni quali Yuichi Fukunaga, Keita Tosaki, Hideaki Miyuki, Francis Berry. IL VIDEO del TCK JO-O HAI QUI. Sabato e domenica un altro weekend interessante per i nostri jockey impegnati in Oriente...

mercoledì 21 gennaio 2015

Comitato Pattern, ecco tutte le decisioni, le promozioni, i declassamenti e i cambi di data e distanza in Europa nel 2015

Nelle scorse ore abbiamo parlato di decisioni da parte del Comitato Pattern (European Pattern Committee) in una riunione del 15 Gennaio scorso, soprattutto in ottica italia ma non si è parlato solo ed esclusivamente della nostra posizione, anzi. Per completezza di informazione riportiamo tutte le decisioni prese in vista del 2015.
Ci sono stati dei downgrade, ma anche degli upgrade. PROMOZIONI DA G3 a G2: Quelli rilevanti riguardano le seguenti corse: Il 3 Maggio, le Dahlia Stakes di Newmarket nel 2015 saranno di G2, promosse dallo status di G3. Il 23 Maggio, le Ridgewood Pearl Stakes del Curragh saranno di G2 promosse dal rango di G3. Stessa cosa è avvenuta per il Badener-Meile di Baden Baden promosso a G2 anche in virtù dello spostamento di data, originariamente programmato per il 29 Maggio, quest'anno in programma il 4 Giugno.....ecco le altre....

World's best racehorse rankings: Just A Way è il più forte del 2014 con 130 libbre! Priore Philip il migliore degli italiani, confermato il 120! Sul podio 2 giapponesi, 5 europei, 1 americano, 1 sudafricano, 1 cinese

E' tempo di valutazioni internazionali. A prescindere da tutto, per il Giappone, il 2014 è stato un anno da ricordare. Per la prima volta in assoluto sul tetto del mondo ci sono due cavalli nipponici che per un motivo o per un altro lasciano un filino freddi per il sistema di valutazione che tiene conto della "corsa più bella" anzichè considerare il computo generale della stagione. Ebbene, la corsa in assoluto più bella del 2014 è stata quella di Just A Way (Heart’s Cry) che con quello sparo nel Dubai Duty Free G1 a Marzo si è guadagnato un 130 di rating internazionale, +7 rispetto alla valutazione di 123 ottenuta nel 2013 dal cavallo di Akatsuki Yamatoya. IL VIDEO DI QUELLA STREPITOSA AFFERMAZIONE CLICCANDO QUI.
Al secondo posto c'è invece Epiphaneia (Symboli Kris S) con 129 frutto della bella vittoria nella Japan Cup. In Giappone ci sono i più forti al mondo sulla distanza, questo è chiaro, ed in classifica c'è anche il best stayer Gold Ship (Stay Gold; 120) ed il 3 anni Toho Jackal (Special Week; 118). 
In tutto il globo, dei primi 10, 5 sono europei, 3 asiatici, 1 nordamericano ed 1 sudafricano. Dall'emisfero sud proviene Variety Club (Var; 127) fortissimo sudafricano che in patria ha fatto incetta di G1 per il training di Joey Ramsden mentre nel corso della stagione è passato sotto le insegne di Mick De Kock. La sua campagna fuori dai confini domestici ha prodotto la vittoria nell'Hong Kong Mile ma a Sha Tin la stessa valutazione l'ha ottenuta nel Champions Mile Able Friend (Shamardal; 127). Alla stessa valutazione sono stati posizionati Australia (Galileo), The Grey Gatsby (Mastercraftsman; 127), Kingman (Invincible Spirit; 127), questo per la vittoria contro i pari età nelle St James Palace's Stakes.

Breaking News: Pubblicato il calendario dei prossimi 2 mesi, taglio del 10% del montepremi a Febbraio e Marzo

Riceviamo e un comunicato appena pervenutoci e pubblicato poche ore fa sul sito Gioconews.com che riguarda il Montepremi dei prossimi 2 mesi con la relativa pubblicazione del calendario di Febbraio e Marzo. Incredibilmente
Taglio del montepremi del 10% per i mesi di febbraio e marzo 2015. E' quanto stabilisce il Mipaaf che ha reso noto il calendario delle corse ippiche dei prossimi due mesi.
Le giornate di corse (109 a febbraio e 134 a marzo) sono in linea con quelle del 2014, ma non lo sono i soldi stanziati. "Una misura prudenziale di contenimento della spesa", la definisce il ministero, a causa dell'"incertezza delle disponibilità finanziarie".
Una scelta che farà sicuramente discutere e aprirà accenderà ancora una volta la polemica tra gli operatori.

lunedì 19 gennaio 2015

America: California Chrome incoronato Horse Of The Year 2014 con 143 voti. In pista il 7 Febbraio nelle San Antonio..

California Chrome (Lucky Pulpit), vincitore di 4 G1 nel 2014 tra cui Santa Anita Derby, Kentucky Derby Preakness Stakes ed Hollywood Derby sull'erba, è stato il grande protagonista della notte del 44° annuale Eclipse Awards che celebra il cavallo dell'anno, in una cena di gala che si è svolta all'ippodromo di Gulfstream Park, in Florida, con una commissione presieduta da rappresentanti della National Thoroughbred Racing Association, Daily Racing Form (DRF) e del National Turf Writers And Broadcasters (NTWAB).. California, vero sogno americano, è stato insignito del titolo di Horse of the Year e del Three-Year-Old Male. Il cavallo di proprietà di Steven Coburn e Perry Martin è frutto di un incrocio a basso costo tra lo stallone Lucky Pulpit (Pulpit), che costa $2,500, e di Love The Chase (Not For Love) che in corsa non è stata di certo fenomenale ed era stata acquistata a reclamare per $8,000. California è un miracolo della natura che ha fatto sognare milioni di appassionati del galoppo sfiorando la triple crown, che dura ancora dal 1978 quando vinse Affirmed, vincendo le prime due prove e fallendo come spesso accade storicamente l'ultima, vittima di un infortunio patito in partenza e della distanza un filo lunga in una stagione molto impegnativa dal punto di vista degli sforzi sostenuti.

domenica 18 gennaio 2015

Sha Tin: Beauty Only domina l'Hong Kong Classic G1 sul miglio, forte candidatura al Derby di Marzo. Successo del made in Italy ad Oriente..

L'Hong Kong Derby ha un favorito. Beauty Only (Holy Roman Emperor), ex Gentleman Only in Italia vincitore del Berardelli G3 per i colori della Effevi prima di essere venduto all'estero, ha aperto la domenica mattina italiana con un successo per l'allevamento nostrano dominando in lungo ed in largo il Classic Mile G1 di Sha Tin, prima prova della triplice locale, dotato di HK$ 8,000,000 (circa €830,000) con Neil Callan in sella, battendo i forti locali Divine Calling (Stratum) e Giant Treasure (Mizzen Mast), rispettivamente favorito e controfavorito, con l'altro ex italiano Arpinati (Lucky Story) ed Umberto Rispoli giunto al quarto posto.
Il figlio di Holy Roman Emperor (Danehill), allevato dalla Le.Gi. di Massimo Parri, ha concluso il miglio in 1m 33,95s e parziali di (24.41) (47.15) (1.10.68) graduando a metà gruppo e producendo una buonissima accelerazione dal centro della pista, vincendo chiaramente. Video e commenti cliccando più sotto.

Giappone: Doppietta per Dario Vargiu (3) ad alta quota e doppietta per Cristian Demuro (11) a Kyoto. Italians do it better..

Non solo Cristian, ma anche Dario ha fatto sentire la sua voce nella mattinata di domenica a Kyoto. Il jockey sardo ha fatto lievitare il conto delle sue affermazioni in terra d'oriente piazzando una doppietta colpendo subito in apertura di convegno in una prova sul dirt sui 1200 metri in sella a Avenement (Lantana Mob) per Kazuya Nakatake ed i colori di Makoto Kato alla quota di 21/1, e bissando nella terza corsa sui 1400 metri in dirt a bordo di Commodore (Commands) per il training di Mitsumasa Nakauchida ed i colori di Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Godolphin Giappone, per un cavallo allevato Darley Japan alla quota di 15/1. 
Per Dario questa è la terza vittoria dall'inizio della sua esperienza nipponica targata 2015. Cristian Demuro c'era e non ha fatto mancare il suo apporto realizzativo; Dopo la tripletta di sabato a Kyoto ne ha vinte altre due salire il conto delle vittorie a quota 11 nella stagione, sempre in testa alla classifica fantini in Giappone. Affermazione nella sesta corsa del convegno con Neoattraction (Montjeu), da favorito a 3,30, prodotto della campionessa europea Attraction (Efisio) per il training di Katsuhiko Sumii ed i colori di Masamichi Hayashi e poi in chiusura di convegno con Contessa Thule (Deep Impact) per Takayuki Yasuda ed i colori della Shadai Race Horse Co. Ltd.
Nulla da fare per i nostri jockey nella corsa più importante della giornata, il Nikkei Shinshun Hai G2 dove sono terminati 14° e 12° rispettivamente. 

L'Al Shaqab investe. Acquistato Toast Of New York, piazzato del Classic ed in corsa per la Dubai World Cup

Joann Al Thani ha una carta in più per la Dubai World Cup. E' notizia di qualche ora fa l'ufficializzazione e la finalizzazione della trattativa che ha portato il campione Americano Toast of New York (Thewayyouare), vincitore dellUAE Derby G2 lo scorso anno e secondo nella Breeders’ Cup Classic G1 e nel Pacific Classic G1 per i colori di Michael Buckley, è stato appunto acquistato della Al Shaqab Racing. Il 4 anni rimarrà in training da Jamie Osborne ma inevitabilmente cambierà monta con Frankie Dettori che sostituirà Jamie Spencer. Toast of New York è attualmente in preparazione per la Dubai World Cup G1 Meydan del 28 Marzo. Frankie, che in questi giorni si è distinto anche come allevatore del campione sgli ostacoli Dodging Bullets, si è detto eccitato dell'eventualità nella notte più ricca del mondo. Toast of New York è forse l'unico figlio che muove un pò le gambe dello stallone americano Thewayyouare (Kingmambo), che in corsa ha vinto il Criterium International G1 ed è mezzo fratello della triplice vincitrice di G1 Peeping Fawn (Danehill). Allevato dall'Ashleigh Stud and Frank and Jackie Ramos, Toast of New York fu acquistato da Timmy Hyde alle Keeneland January del 2012 per $35,000. Offerto successivamente alle Goffs’ Orby sale è andato invenduto ma acquistato privatamente dal suo allenatore per €60,000. Toast of New York a 2 anni ha vinto 2 volte sulla all-weather di Wolverhampton prima di presentarsi a Meydan e stravincere il Derby locale. In seguito è arrivato sesto nel Belmont Derby G1 del 5 Luglio. 

sabato 17 gennaio 2015

Giappone: Tripletta di Cristian #Demuro a Kyoto, raggiunta quota 9 affermazioni e la testa della Classifica fantini

Italians ad Oriente, all'ennesima potenza. Cristian Demuro continua a macinare vittorie in terra nipponica e nella mattinata di sabato è arrivata addirittura una tripletta quasi poker che ha fatto balzare il jockey italiano in cima alla classifica fantini in Giappone, a quota 9 affermazioni. Sabato mattina Cristian era a Kyoto dove ha cominciato il tris vincendo la seconda in programma in sella a Mikino Trombone (Fusaichi Concorde) per Yuki Ohashi ed i colori di Hisakazu Taniguchi, ha proseguito portando al palo Northern Barows (Pulpit) in una maiden sul dirt (nella foto) per Katsuhiko Sumii ed i colori di Hirotsugu Inokuma, in una corsa dove terzo è giunto Dario Vargiu, mentre l'hat trick pesante lo ha servito in sella a Chief Assessment (Fuji Kiseki) per Tadao Igarashi ed i colori della Shadai Race Horse Co. Ltd. Aklt
Il "sorcio" ha sfiorato il poker nelle Yamato Stakes, la corsa più importante del pomeriggio in sella a Robe de Soie (Special Week), secondo di muso alle spalle del sopraggiunto Kikuno Storm (Statue Of Liberty), per Teiichi Konno ed i colori della Silk Racing Co. Ltd. Altre foto di Cristian Demuro in Giappone cliccando sulla pagina Facebook di Mondoturf cliccando QUI.

venerdì 16 gennaio 2015

Italians (o ex) a Sha Tin. Gentleman Only, Arpinati ed Hoovergetthekeys domenica nell'Hong Kong Classic Mile G1

Non li abbiamo visti tutti insieme nel Parioli G3 e nel Derby G2, ma potremmo ritrovarli domenica mattina (ora italiana) ad Hong Kong, dove va in scena la prima delle 3 Classiche che da quelle parti si disputano a 4 anni. In programma l'Hong Kong Classic Mile G1 sul miglio, dopo di che ci sarà l'Hong Kong Classic Cup sui 1800 metri il 15 Febbraio e poi il BMW Hong Kong Derby il 15 Marzo prossimo sulla distanza dei 2000 metri.
Parliamo di attualità ma rimandiamo a quello che uscirà sabato sul Trotto & Turf, perchè il Classic Mile si corre sul miglio, è un G1 ed è dotato di 8.000.000 HK$. In pista troveremo Beauty Only (ex Gentleman Only, vincitore del Berardelli), Arpinati vincitore in Italia del Primi Passi G3, e Flying Moochi (ex Hoovergetthekeys, vincitore del Pisa, piazzato di Parioli G3), tutti da tempo attivi in Oriente dopo essere stati acquistati da scuderie locali. Gentleman, unico allevato da italiani (famiglia Parri) dei 3, era una promessa da Derby, fu acquistato nell'inverno successivo alla vittoria nel Berardelli G3 e non ha fatto la campagna per i 3 anni in Italia. Stessa sorte per Arpinati che è stato acquistato nel pieno della stagione dei 2 anni, diverso il destino di Hoover che ha fatto tutta la stagione Classica in Italia ed è stato poi venduto ad Hong Kong.

Meydan: #Reynaldothewizard domina le Dubawi Stakes verso il Golden Shaheen. Ecco tutti gli highlights della giornata

Reynaldothewizard sul traguardo delle Dubawi Stakes
Photo credit: Andrew Watkins / Dubai Racing Club
Altro giro, altro regalo. Il secondo giovedì del Carnival di Meydan ha regalato altri spunti di cui parlare in ottica World Cup. O meglio, abbiamo visto dei cavalli che rivedremo poi nel corso del meeting ed in prospettiva notte del 28 Marzo una corsa che può lanciare, lontanamente, verso il Golden Shaheen G1 sui 1200 metri in dirt. Nelle Dubawi Stakes Lr, su stesso tracciato e distanza, il vegliardo Reynaldothewizard (Speightstown), entrato da pochi giorni nei 9 anni, ha dimostrato tutta la sua Classe al rientro dal 4° nel Golden Shaheen del 2014 ed ha vinto subito alla prima stagionale nelle mani di Richard Mullen per Sath ish Seemar filtrando per varchi interni e lasciando a 3 lunghezze e mezzo Muarrab (Oasis Dream) ed al terzo United Color (Ghostzapper), ex Olmato vincitore del Tudini G3 prima della vendita all'estero e vincitore di questa corsa lo scorso anno. IL VIDEO DELLE DUBAWI STAKES QUI. Reynaldo il Maghetto, di proprietà della Zabeel Racing International Corporation, ha rifinito i 1200 metri in 1m 12.23s e potrebbe ricalcare il programma sostenuto lo scorso anno correndo nel Mahab Al Shimaal G3 nel Super Saturday prima del big event. Lo scorso anno fu secondo di Rich Tapestry (Holy Roman Emperor).

giovedì 15 gennaio 2015

Decreto "zozzeria" non valido, da riformulare! Buona notizia o solo una fervida illusione? Attendiamo....

Forse una buona notizia per l'ippica, o forse no! Abbiamo atteso qualche ora prima di trarre qualche conclusione più "reale" ed in linea con quello che accade nel nostro paese. Ieri è stato comunicato che il Tar del Lazio (Tribunale Amministrativo Regionale) ha accolto il ricorso delle Associazioni ippiche e di alcuni Ippodromi, contro la riduzione delle giornate di corse. Decisione adottata dal Ministero delle Finanze e dell’Agricoltura in seguito alla diffusione del decreto del 31 gennaio 2013, il cosiddetto "decreto zozzeria" che di fatto spalmava i crediti degli operatori ippici (quelli del 2012) in 3 anni e tendeva a ridurre drasticamente il numero delle corse per far fronte ad un debito mai sostenuto dall'ippica, ma frutto di un buco creato appositamente dall'allora Ministro Saverio Romano che ha...omesso circa 100 milioni destinandoli ad altri settori del Ministero. Cosa accadrà ora? Il Montepremi tornerà ad avere circa 35 milioni "cassati" dal Decreto? Può essere, ottimisticamente è così anche per un discorso di giustizia sostanziale, ma formalmente può accadere anche il contrario e cioè che venga ribaltato l'esito, essendo la sentenza appellabile al Consiglio di Stato e dunque..suscettibile di capovolgimento. Vedremo cosa accadrà, sinceramente non ci aspettiamo nulla dal punto di vista economico, ma comunque speriamo... intanto ecco il comunicato diffuso ieri da Agipronews e di cui vi diamo conto:

Hong Kong: Gerald Mossé squalificato 15 giornate per non aver montato a fondo, perderà grossi meeting. Trova le differenze..

Trova le differenze. Il 4 Gennaio appena trascorso Gerald Mossé viene messo sotto inchiesta ad Hong Kong per una sospetta monta in sella a Redkirk Warrior, a detta dei commissari non spinto adeguatamente per ottenere un migliore risultato rispetto al quinto posto. Dopo qualche giorno di udienze e riunioni, viene deciso che il jockey francese dovrà stare fermo per 15 giornate, più altre 3 che aveva accumulato nei giorni scorsi ed in più al trainer Chris So Wai-yin (nella foto insieme a Mossé) è stato chiesto espressamente di dare ordini più chiari e compatibili con il regolamento corse. Una decisione severissima, davvero eccessiva per certi versi, ma una cosa è certa: Lo scommettitore (e sono 2 questa mattina), indispensabile fattore in un sistema scommesse, in questi casi viene tutelato..e coccolato. Mossé ha ora 24 ore di tempo per presentare una memoria difensiva, ma ad una prima lettura starà fermo dal 5 Febbraio al 2 Aprile, periodo nel quale perderà la possibilità di correre il Dubai World Cup meeting, la Hong Kong Gold Cup ed il BMW Hong Kong Derby. Sta di fatto che al di la della squalifica, che anche da noi forse verrebbe data, c'è il discorso che la spiegazione è stata data in lungo ed in largo, con pagine e pagine di spiegazioni proprio per ridurre al minimo l'interpretazione e con soluzioni esemplari per evitare possano accadere certi episodi. Proprio come da noi, si. 

Foto del Carlo Porta 2011: Sentenza storica a favore dello scommettitore, condannata la Trenno (€510)..ma non è finita

Tempo fa ci ha scritto un lettore, Dino Santoni. L'oggetto della mail era un discusso fotofinish del Premio Carlo Porta del 2011 per il quale lo stesso Dino, appassionato di ippica ed assiduo frequentatore di Mondoturf, rivendica la vincita della trio legittimamente presa, ma non ratificata e dunque non pagata a causa di una cattiva interpretazione della fotografia da parte dei giudici di arrivo. Per un errore, evidenziato anche dalla foto diffusa sul maxischermo, in quell'arrivo viene sancita la vittoria di Silver Arrow su Occhio della Mente (e fin qui tutto bene) ma con Renaione e Fausto invertiti rispetto alla realtà, al terzo e quarto posto. Dino, che aveva Fausto nella Trio, come tanti altri si accorge dell'errore e manifesta l'evidenza con il ticket vincente, a ragione. Dopo tantissime discussioni su giornali ed internet senza esito, il signor Santoni decide di adire a vie legali per questioni soprattutto di principio, chiamando in causa la Trenno, i commissari impegnati quel giorno e tutti coloro i quali hanno avuto un ruolo della vicenda. La conclusione è arrivata 3 anni dopo, nel Novembre 2014, quando il Giudice Di Pace, dopo aver ricevuto tutti gli incartamenti necessari, sancisce la ragione al Santoni e condanna la Trenno a pagare i 510 euro previsti dal ticket vincente. Una sentenza storica, a favore dello scommettitore, che però sembra dovrà vivere di altri episodi. La società di corse ha già inoltrato richiesta di appello, dunque per veder scritta la parola fine bisognerà aspettare ancora altri mesi, forse un anno.

mercoledì 14 gennaio 2015

Les italiens a Cagnes: Martedì vittoria per Misty Love (Aleali) in condizionata, 2° per Occhio della Mente a reclamare

Italians in Francia. Ieri a Cagnes-sur-Mer è iniziato come da tradizione il meeting invernale del galoppo che, per un motivo o per un altro, ci riguarderà sempre più da vicino. Soprattutto perchè è una posizione strategica logisticamente per l'Italia, la Francia via Liguria è molto vicina, e con dotazioni decisamente golose con premi che sono evasi in pochi giorni. Quindi, se hai un cavallo abbastanza discreto, è normale tu vada a Cagnes. Ieri la prima giornata delle 19 previste per il meeting che si concluderà il 21 Febbraio ed offrirà 146 corse con a disposizione €3,509,000 (circa €24,000 di media) e sotto il profilo tecnico ben 5 Listed ed il picco nel Grand Prix du Conseil General des Alpes Maritimes. Stefano Botti ha già contribuito martedì mandando molti rappresentanti della sua scuderia, ma la vittoria è arrivata per un cavallo si italiano, ma allenato in Francia.

lunedì 12 gennaio 2015

Siracusa: #Ottawa da un capo all'altro nella Coppa d'Oro di Siracusa. L'ex Wildenstein ha surclassato Vado Di Siella

Si ricomincia da dove era finito il 2014. Da Siracusa, dalla sua stagione invernale sempre molto attesa a livello locale. Domenica si correva la Coppa D'Oro di Siracusa Lr sui 2300 metri andata un pochino a sorpresa al 5 anni Ottawa (Celtic Swing), diventato il primo vincitore di Stakes nella stagione in Italia nel 2015. Il figlio di Celtic Swing (Damister) ha dominato la compagnia mettendo a frutto per una volta tanto la sua solita dispendiosa tattica in avanti, finendo con 4 lunghezze di margine nei confronti di Vado Di Siella (Dane Friendly) che era al rientro dopo il break stagionale, ed al terzo Gasquet (Denon) finiti bene su Mr Gotham (Stormy River) calato dopo aver tentato l'affondo su Ottawa. Il 5 anni aveva in sella Antonio Cannella (poker in giornata a Siracusa), che ha graduato a piacimento senza eccedere nell'andatura e ripartendo in retta dove non ha praticamente dato modo a nessuno di avvicinarsi, tranne Vado Di Siella che ad onor del vero è un cavallo progressivo e potrà migliorare ancora dopo questo rientro. IL VIDEO DELLA COPPA D'ORO DI SIRACUSA CLICCANDO QUI.
Allevato in Francia dalla Dayton Investments, Ottawa ha corso due volte per i colori nobili della famiglia Wildenstein Stable ed il training di Dominique Sepulchre. Acquistato dalla Al.Ca. Torre di Canicarao nel Dicembre 2013 dopo aver corso a Deauville in una reclamare, ha debuttato in Italia correndo proprio la Coppa D'Oro arrivando ultimo. In Italia il suo score è comunque positivo con 4 vittorie ed oltre 22,000 euro nel conto. Ottawa è passato da poco agli ordini di Sebastiano Cannavò, da un paio di mesi, ed è migliorato corsa dopo corsa.

Torna il premio aggiunto! Dal 1° Gennaio 2015 il canonico 50% in più per i cavalli italiani, decisivo il parere del Mipaaf

La notizia non è più solo una indiscrezione ma divenuta realtà. A qualche mese dalla famosa promessa da parte del Ministero di riportare il premio aggiunto per i cavalli italiani al 50%, in prossimità proprio delle aste che sapeva tanto di iniziativa promozionale, questa mattina ai microfoni di Unire Tv sul 220 di Sky la Presidente Anac Isabella Bezzera ha confermato che il Mipaaf ha dato il via libera a quello che era un ritorno atteso per chi compra made in Italy. Dal 1° Gennaio infatti i cavalli italiani avranno diritto ad un sovrappremio pari al 50% in più del premio e così sarà soprattutto per i 2 anni che correranno tra Aprile e Dicembre, i veri "core business" del sistema purosangue e corse dei cavalli. Chiaramente il 50% sarà destinato a cavalli che vinceranno premi da almeno €8800 complessivi (da €3400 al primo), salvo le corse di minima quali vendere, reclamare e handicap di minima appunto. Tutto come prima... per fortuna!

domenica 11 gennaio 2015

Italians ad Oriente: Due vittorie per Cristian Demuro (6) a Kyoto, Umberto Rispoli solito sigillo (9) a Sha Tin

Italians ad est. La nostra rubrica quasi settimanale propone i risultati dei nostri fantini impegnati ad Oriente. Cristian Demuro ha ottenuto due vittorie tra sabato e domenica, vincendo a Kyoto e sfiorando anche una vittoria a livello di Pattern. Ha aperto il conto sabato nella quinta corsa dove ha siglato in sella a General Gozzip (Deep Impact) per Osamu Hirata ed i colori della Shadai Race Horse Co. Ltd. In giornata anche un secondo di muso su Stay Well (Swept Overboard) mentre nella mattinata di domenica ha ottenuto un altro sigillo che ha fatto così lievitare il conto delle affermazioni nella stagione a quota 6, vincendo su A Shin Carnival (South Vigorous) per Teiichi Konno ed i colori di Eishindo Co. Ltd.. Come detto sfiorato il colpaccio domenica mattina a Kyoto nel The Nikkan Sports Sho Shinzan Kinen G3 sul miglio in erba, arrivato quarto a mezza lunghezza dal primo che si chiama Guanciale (Screen Hero), mentre Cristian era in sella a Dashing Blaze (Kitten's Joy), un cavallo allevato dai Ramsey ma allenato da Keiji Yoshimura per i colori della Green Fields Co. Ltd, finito come un forsennato ad un palmo dal vincitore (nella foto, quello più all'esterno di tutti) con 4 cavalli in una incollatura!

venerdì 9 gennaio 2015

#Meydan, la prima notte: #Surfer vince il 1° round del Maktoum Challenge, True Story timbra il cartellino Godolphin

La prima giornata ha avuto inizio e qualche spunto è già arrivato. Nel 1° Round del Maktoum Challenge da $250,000 sul miglio in dirt è emerso il sauro Surfer (Distorted Humor) che ha vinto in ottimo stile dimostrando di essere già abbastanza avanti a livello di condizione, correndo in avanti nelle mani di Richard Mullen e sgusciando dagli attacchi di Frankyfourfingers (Sunday Break) che sembrava poterlo fulminare, con Haatheq (Seeking The Gold) al terzo, con un tempo finale di 1:38.218, nella foto credit di Andrew Watkins/Dubai Racing Club. La delusione della corsa è arrivata da Outstrip (Exceed And Excel), il Godolphin titolare dei migliori riferimenti in corsa, a disagio con il kick back della sabbia. Surfer è un sei anni americano da Distorted Humor (Forty Niner) allenato da Satish Seemar, al quarto inverno consecutivo a Dubai, con un cavallo che ha detto di preferire proprio la sabbia rispetto al tapeta. Surfer aveva chiuso la stagione scorsa piazzandosi nell'ultimo round del Maktoum Challenge G1 alle spalle di Prince Bishop, e poi si era inabissato nella Dubai World Cup. Quest'anno sul dirt ha già vinto due corse: Dopo il Dubai Creek Handicap di Dicembre, è arrivata proprio ieri la massima vittoria in carriera a 6 anni per i colori della Zabeel Racing International Corporation. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. Si parla anche di obiettivi, Surfer potrebbe ora correre il Burj Nahaar nel Super Saturday del 7 Marzo, oppure il Godolphin Mile prima di tentare di nuovo nella Dubai World Cup G1 del 28 Marzo sui 2000 metri in sabbia, superficie amata da buon americano. Curiosità: Surfer è allevato dal Darley in America.

Giappone: #Gentildonna incoronata Horse Of The Year 2014. King Kamehameha primo stallone a cui farà visita

Dal Giappone è arrivata una conferma attesa rispetto a quanto accaduto a fine Dicembre. Alla fine l'immensa Gentildonna (Deep Impact) ha ottenuto l'ambito riconoscimento del Cavallo dell'Anno in Giappone, maturato in modo determinante dalla recente vittoria nell'Arima Kinen G1, la corsa del popolo di fronte a 110,000 persone. Per Gentildonna non si trattava della prima volta come Horse Of The Year, il precedente è arrivato nel 2012, quando vinse tutte e tre le prove della triple crown al femminile in terra nipponica. Per Gentildonna era l'ultima in carriera prima dell'ingresso in razza, con la figli di Deep Impact (Sunday Silence) giù arrivata presso la Northern Farm in Abira-cho, sull'isola di Hokkaido dove sarà destinata, come da nostra previsione, allo stallone King Kamehameha (Kingmambo), secondo solo a Deep Impact nella classifica degli stalloni il quale, per ovvi motivi, non poteva essere preso in considerazione. Più in basso i titoli ottenuti per categoria: 

giovedì 8 gennaio 2015

Ecco #Meydan! Apre il Carnival verso la DWC del 28 Marzo. In totale 11 convegni e 7 G1, si distribuiranno $38 milioni

Comincia il Carnival! Oggi a Meydan va in scena il primo atto del lungo viaggio del Carnival che porterà alla notte più ricca al mondo, quella della Dubai World Cup in scena il 28 Marzo prossimo con $10 milioni di dotazione, giunta alla 20° edizione con poche novità rispetto agli anni precedenti ma con lo spettacolo delle corse a farla da padrone. Ma non solo, c'è la novità principale della superficie tornata ad essere quella in dirt dopo gli ultimi anni di Tapeta che ha sollevato non poche polemiche nel corso degli anni: Nell'immensa cattedrale nel deserto si svolgerà dunque la prima giornata di cui parleremo a breve, prima qualche numero. Da oggi fino a fine Marzo saranno distribuiti una cosa come $38 milioni, con il potere del dollaro diventato più alto rispetto agli anni precedenti e le dotazioni leggermente superiori alla media. Se prima le corse da $100,000 equivalevano a circa €73,000, ora sarà di €83,000 e questo piatto più appetitoso potrebbe convincere qualche altro straniero ad arrivare a Dubai prima che il duopolio Mick De Kock ed i blues di Sheikh Mohammed la facciano da padrone. Difficile, perchè Godolphin in casa fa sempre bene e quest'anno, avendo vinto poco in Europa, hanno in mano qualche libbra da spendere partendo dal basso negli handicap. I convegni in programma fino a quella data saranno comunque 11, 24 corse di cui sette a livello di G1. In Italia è stato messa in accettazione la prima riunione e subito sono disponibili sul nostro programma 6 delle 7 previste quest'oggi. Chiaramente per chi ama scommettere all'estero, disponibili tutte e 7 le corse in programma.

lunedì 5 gennaio 2015

Ones to watch! Quello che ci aspetta nel 2015 tra cavalli, fattrici e stalloni debuttanti. Per concessione del Racing Post

Apriamo un post traendo spunto dal blog del Racing Post a firma di Martin Stevens il quale ha focalizzato l'attenzione sui cavalli, stalloni e fattrici che dovranno essere tenuti d'occhio nella stagione. Sul sito della bibbia delle corse l'articolo è stato chiamato "Ones To Watch" e noi lo riproponiamo tradotto per concessione dello stesso raccontando quello che di interessante possiamo aspettarci per il 2015 aggiungendo le nostre impressioni a margine. 
Si parte dai prospetti Classici: Ecco allora che balza all'occhio il nome di Ol’ Man River (Montjeu), un due anni ora entrato nei tre, imbattuto in 2 uscite ed in cima a tutti gli antepost per le Classiche inglesi delle 2000 Ghinee e del Derby. Si tratta di un prodotto della fattrice Finsceal Beo (Mr Greeley), campionessa in corsa per aver vinto le 1000 Ghinee inglesi ed irlandesi, mattatrice anche in razza alle aste. Ol' Man River è il suo terzo prodotto ed è stato acquistato dal Coolmore per la cifra record di €2.85 milioni. In corsa Ol' Man ha fatto intravedere delle belle doti vincendone due, una di queste nelle Beresford Stakes G3, una corsa che ha tanta storia ed è stata vinta negli ultimi anni da cavalli come Sadler's Wells, El Prado, Alamshar, Azamour, Eagle Mountain, Sea The Stars, St Nicholas Abbey, Casamento ed appunto Ol' Man che si candida ad essere una delle punte dello schieramento di Aidan O'Brien il quale negli ultimi giorni è stato insignito di un importante riconoscimento per la vittoria consecutiva degli ultimi 3 Derby inglesi. Che Ol' Man sia il quarto? Lo scopriremo solo vivendo...

domenica 4 gennaio 2015

Italians ad Oriente: Doppietta per Cristian Demuro (3) a Nakayama, sfiorato un G3. A Kyoto sigillo di Dario Vargiu...

Soddisfazioni orientali per i nostri jockey impegnati in Giappone. Cristian Demuro era a Nakayama dove ha ottenuto una doppietta che fa così salire il conto delle affermazioni dell'esperienza nipponica a 3 complessive (ma con aggiornamento del 5 Gennaio più in basso, vittoria e dunque raggiunta quota 4 totale). La prima delle due era nella quarta in programma sui 1200 metri del dirt in sella a Kurino Daisixi (Sterling Rose) per Yoshitada Takahashi ed i colori di Hiroharu Kurimoto, mentre la seconda vittoria è maturata nell'ottava corsa, sempre sui 1200 in sabbia, in sella a La Vie en Claire (Manhattan Cafe) per Nobuhiro Suzuki ed i colori della Shadai Race Horse Co. Ltd. Per Demurino anche un secondo posto nella corsa più importante del giorno, il Nikkan Sports Sho Nakayama Kimpa G3 da 76,990,000 Yen sui 2000 metri (VIDEO CORSA QUI), in sella a Logotype (Lohengrin) dopo aver anticipato all'ingresso in retta, ha dovuto subire l'affondo di Lovely Day (King Kamehameha) che ha vinto di 1 ed 1/4 con Fran Berry in sella, realizzando tra l'altro il record della corsa in 1m 57,80s.

venerdì 2 gennaio 2015

Classifiche 2014 in Italia. Stefano Botti (260), Dario Vargiu (177) e Chimax (107), la Effevi, Priore Philip, la famiglia Luciani e Blu Air Force, i leader di una stagione vissuta intensamente. Ecco tutte le Classifiche ed i numeri da interpretare

Si tirano le somme. Un anno se n'è andato e sul comodino al posto dei libri ci sono le classifiche di fine stagione. Le classifiche sono fatte così, pieni di numerini che possono significare tutto o niente, a seconda di come si leggano. Dal punto di vista analitico, per percentuale, per somme vinte e tennuto conto del periodo. Da qualsiasi parte si prendano emerge comunque una verità. In Italia il dominio di Botti è sempre più evidente. Lo si intuisce subito, lo capirebbe anche un bambino, osservando anche distrattamente quella che riguarda la Classifica allenatori nel 2014. Al 31 Dicembre 2014, terminato un anno solare, risultano 260 vittorie per la band di Cenaia guidata dal Maestro Stefano Botti, con somme vinte per €4,087,696,45 al centesimo ed una media di una corsa su 3 vinte in assoluto (strike del 28,89%) su 900 corse disputate con 391 piazzamenti. 260+391 fa 651 volte che i cavalli allenati da Stefano sono terminati sul podio, quindi oltre il 72% di salire nei primi 3 posti. Un numero davvero mostruoso dato anche dal picco dei 2 anni vincitori sellati (111) che hanno superato il record con almeno 107 affermazioni e dato dalle 16 corse di Stakes vinte quest'anno in Italia. Bestiale. Il cavallo simbolo delle Classifiche 2014 è comunque Priore Philip che in un colpo solo raccontano la storia di Dario Vargiu (capolista dei fantini), Stefano Botti (capolista degli allenatori) e Stefano Luciani (capolista degli allevatori). Ma ci torniamo parlandone opportunamente dopo.

giovedì 1 gennaio 2015

Hong Kong: Poker per Umberto Rispoli a Sha Tin al sorgere del 2015! Chi ben comincia...

Il primo post dell'anno lo dedichiamo ad un fantino italiano che all'estero è partito subito forte dando una prima idea su quelli che sono già i propositi per il 2015. Umberto Rispoli ha ottenuto uno sfavillante poker di vittorie aprendo la stagione cinese con il botto a Sha Tin. Il jockey di San Severino Marche, ma cittadino del mondo, ha colpito duro nel Wong Leng Handicap (VIDEO QUI) sui 1400 metri da 575.000 HKD in sella ad Optimizazion Star (Noverre) da outsider a 12/1, ha subito replicato nella corsa successiva, il Mount Parker Handicap (VIDEO QUI) sui 1200 metri da 760.000 HKD di dotazione in sella a Why Why (Lonhro) da favorito a 1,90 ed ha completato l'hat trick nella decima corsa in programma, Kowloon Peak Handicap (VIDEO QUI) sui 1200 metri da 1.060.000 HKD a bordo di Ovett (Exceed And Excel) a 10/1 mentre in chiusura di convegno ha inanellato la quarta vittoria della giornata nel Lantau Peak Handicap (VIDEO QUI) per anziani sul miglio da 1.060.000 HKD in coppia con Celestial Smile (Castledale) a 4/1
Vai Umbertì, si nu mostr!

martedì 30 dicembre 2014

Shared Belief vince le Malibu Stakes! Prevista rivincita con Bayern e California Chrome nelle San Antonio il 7 Febbraio

Ora parliamo un pò di America. Qualche giorno fa a Santa Anita si sono corse le Malibu Stakes G1 sui 1400 metri sul dirt per cavalli di 3 anni e, di fronte ad una folla di 40,810 persone nell'opening day di Santa Anita, il campione Shared Belief (Candy Ride), allenato da Jerry Hollendorfer con in sella Mike Smith, ha concluso la sua stagione dei 3 anni vincendo la sua ottava corsa in carriera in 9 uscite installando ulteriori dubbi su chi dovrà decidere e scegliere il cavallo dell'anno alle Eclipse Awards del prossimo mese.
Shared Belief ha vinto di incollatura ma battagliando e rendendo 5 libbre, battendo Conquest Two Step (Two Step Salsa) in 1m20.69s. IL VIDEO DELLE MALIBU STAKES QUI. L'unica sconfitta in carriera Shared l'ha subita nella controversa edizione della Breeders' Cup Classic G1 del 2014 dove, da favorito, è stato messo in mezzo in senso metaforico e non solo da Bayern (Offlee Wild) che vinse ma sbandando in partenza facendo perdere molte chance proprio all'apertura delle gabbie, in una corsa dove poi al secondo fu Toast Of New York (Thewayyouare) e California Chrome (Lucky Pulpit) al terzo e Shared appunto quarto, perdendo secondo molti tutta la sua chance in quel momento.

Giappone: Hokko Tarumae re del dirt! Vince ancora il Tokyo Daishoten, caccia al record. Obiettivo Dubai World Cup

Passione Giappone. In questo periodo, ma in ottica futura, parliamo di tutto quello che avviene ad alti livelli in un altro continente, lontano anni luce dal nostro.. non solo geograficamente. Nella giornata di lunedì ad Ohi si è disputato il Tokyo Daishoten G1, una delle massime corse per specialisti del dirt nel circuito NRA, parallelo a quello in erba del JRA. Il top dirt horse al momento si chiama Hokko Tarumae (King Kamehameha), è allenato da Katsuichi Nishiura e quasi sempre montato da Hideaki Miyuki, che lo ha interpretato nel migliore dei modi anche ieri. Hokko, praticamente 6 anni, ha battuto Copano Rickey (Gold Allure) di 4 lunghezze e mezzo surclassando quello che il 3 Novembre a Morioka lo aveva battuto in uno dei tanti G1 in sabbia sui 2000 metri, ma quel giorno con attenuanti del terreno "muddy", praticamente fangoso. Tra gli altri c'era anche l'americano Soi Phet (Tizbud) con Kent Desormeaux, il primo americano in assoluto a partecipare a questa corsa molto "jappa", ma non è riuscito ad emergere ed i report indicano una emorragia fatta in corsa. IL VIDEO DEL TOKYO DAISHOTEN QUI.