SPAZIO PUBBLICITARIO

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com

venerdì 29 agosto 2014

#Capannelle, si riparte. Il via della stagione il 2 Settembre, 12 giornate nel mese. Il 12 Repubbliche Marinare, Divino Amore. Il 21 c'è il Rumon, il 28 Archidamia e Villa Borghese. Ecco le date da non perdere..

In carrozza! La locomotiva Roma Capannelle è pronta a partire di nuovo dopo la sosta estiva, verso un autunno da scoprire. Si riparte, di fatto, dopo una estate nella quale non sono mancate polemiche su campi scarni, conditi da corse poco appetibili, a cui hanno fatto da contraltare alcune espressioni validissime del senso vero dell'ippica con l'ippodromo di Livorno pieno zeppo di gente, in un colpo d'occhio che fornisce una valvola di sfogo per gli ippici depressi dai recenti accadimenti dell'ippica italiana e straniera. Insomma Roma, insieme con Milano, sono gli assi portanti della selezione e della tradizione, l'auspicio è che tutto torni piano piano come qualche anno fa quando i campi partenti erano degni di essere considerati tali, i proprietari erano appagati dalla situazione montepremi e gli scommettitori ancor più presi dalla incertezza delle corse. 
Torniamo a noi: A Roma si comincia il 2 Settembre prossimo, un martedì, e si andrà avanti per 12 giornate (così come per Ottobre e Novembre) fino alle 9 giornate (martedì-sabato) del mese di Dicembre......

Galoppo sardo: Domenica di grande ippica a Chilivani! Tutti i migliori fantini sardi (meno DemurOne ed Atzeni) presenti

Ajò! Domenica 31 Agosto è vicina e si preannuncia un pubblico da record, previste 4.000 presenze, per la Prima Giornata della Riunione Estiva-Autunnale di galoppo che si disputa all'ippodromo di Chilivani. Tra le sette corse (inizio alle ore 16) sono le due internazionali a catalizzare l'attenzione degli appassionati italiani e stranieri, anche per la presenza di quasi tutti i migliori fantini sardi o di origine sarda. Mancheranno all'appello solo Mirco Demuro ed Andrea Atzeni i quali, con vivo rammarico, hanno dovuto rinunciare per improrogabili impegni di lavoro. The Magic domenica infatti sarà a Baden-Baden con un ruolo da protagonista nel 144. Goldene Peitsche G3, mentre per Atzeni è stato anticipato l'accordo che prevede la prima monta per la Qatar Bloodstock di Fahad Al Thani e sarà al timone di Cappella Sansevero (Showcasing) in una semplice edizione delle Round Tower Stakes G3 al Curragh, con la possibilità di vincere subito una Pattern per i nuovi colori. Tolte le loro defezioni, ci saranno tutti gli invitati a nobilitare una giornata molto attesa a livello locale con le presenze confermate di Fabio Branca, Cristian Demuro, Samuele Diana, Antonio Fresu, Nicola Pinna, Gavino Sanna, Sergio Urru, Dario Vargiu che, forse per la prima volta, si ritroveranno insieme per un evento di portata storica per l'ippica isolana. L'evento, grazie anche all'intenso lavoro di Tore Budroni vero e proprio padrone di casa, è stato organizzato dal Dipartimento di ricerca per l'incremento ippico con l'ippodromo di Chilivani, dietro richiesta dell'Unione Ippica del Mediterraneo che ha inaugurato un circuito degli ippodromi che si affacciano nel Mare Nostrum, scegliendo il tempio dell'ippica sarda per le corse più importanti della sezione.Le corse verranno trasmesse in diretta sul canale UnireSat e in diretta streaming su www.sassarinotizie.com e www.sardegnalive.net Inoltre la giornata sarà l'argomento di uno speciale che andrà in onda in settembre su Videolina.
I CAMPI PARTENTI DELLA GIORNATA DI CHILIVANI DI DOMENICA 31 AGOSTO, CLICCANDO SU QUESTO LINK.

giovedì 28 agosto 2014

Focus aste verso la Selezionata SGA del 19 Settembre 2014. Altre 3 interessanti proposte dell'Allevamento Le.Gi., sugli 11 complessivi. Ecco due figli di Zebedee (uno è fratellastro di Gentleman Only) ed una femmina da Redback

Ecco la seconda puntata per la presentazione dei puledri dell'allevamento Le.Gi (http://www.allevamentolegi.it/home.html) che verranno proposti agli acquirenti italiani in occasione delle Aste Selezionate SGA in programma a Settimo Milanese venerdì 19 Settembre 2014. La scorsa settimana abbiamo parlato del momento in generale dell'ippica italiana in compagnia di Massimo Parri, l'articolo lo trovi cliccando su questo LINK, e non solo. In quella occasione abbiamo visto 4 puledri molto interessanti, degli 11 globali che verranno presentati da Parri sui 104 complessivi dell'asta, come il fratellastro di Biz The Nurse (Oratorio) e Misterious Boy (Arcano) da Roderic O'Connor (Galileo), abbinati nelle schede ad un Naaqoos (Oasis Dream) ed un Arcano (Oasis Dream) che hanno già suscitato parecchio interesse tra i lettori del post precedente. 
In questa sessione invece parliamo di altri 3 puledri molto belli di marca Le.Gi., in particolare un maschio grigio da Zebedee su cui la Le.Gi. ha investito parecchio, mezzo fratello del campione dei due anni Gentleman Only (Holy Roman Emperor), vincitore del Guido Berardelli (nella foto accanto, guardate che modello...) che ha già fatto parlare di se, poi parleremo di un altro Zebedee (Invincible Spirit), stallone in rampa di lancio in Europa grazie alla sua prolifica produzione e ai suoi figli oggetto di interesse nelle varie aste internazionali. Il terzo cavallo che proponiamo è una femmina da Redback e Sogna, prodotto di una ramificazione sviluppata dalla famiglia Parri. NB: Sul finire della settimana noi di Mondoturf saremo presenti nell'allevamento della famiglia Parri con alcuni clienti per visionare ulteriormente i puledri che verranno proposti, pronti a soddisfare anche le vostre eventuali richieste o intenzioni di interessamento. Basta chiacchierare, facciamo parlare i cavalli di cui sopra, eccoveli presentati qui sotto con relativa pagina di catalogo scaricabile sul proprio pc o tablet. Per andare avanti basta cliccare sul tastino in basso, mostrando intenzione di voler procedere nella lettura...

DBS Premier Yearlings Sale: Top Price un figlio di #Starspangledbanner per £230,000. Indicatori tutti positivi, fatturato a £15,512,500 (+17%). Ecco anche gli italiani che hanno fatto compere..

Si sono concluse ieri le due sessioni delle Doncaster Premier Yearlings Sale con una situazione di miglioramento generico, con tutti gli indicatori positivi, rispetto alla stessa asta dello scorso anno. Le aste hanno visto un 88% di cavalli venduti su quelli presentati, rispetto all'80% di un anno fa. Il fatturato totale ha toccato £15,512,500 (+17%) rispetto ai £13,300,700 dello scorso anno, dato dunque passato ben prima che finisse l'asta. In su anche l'indicatore del prezzo medio a £37,111 (+14%) e dei mediani a £27,000 (+8%). In totale 21 yearlings hanno realizzato almeno £100,000, il dato maggiore negli ultimi 16 anni di un'asta dalla quale ultimamente sono usciti buonissimi cavalli da corsa. Il 2014 ha celebrato l'ingresso di nuovi acquirenti di un certo livello, incluso Mark Richards presente dall'Hong Kong Jockey Club, che ha comprato 2 cavalli per circa £200,000 complessivamente. Altro dato da non sottovalutare: Onnipresenti Peter & Ross Doyle che hanno concluso l'asta con 28 yearlings acquistati per un totale di £1,472,000. Pensare che i due, qui, hanno comprato in passato cavalli del calibro di Tiggy Wiggy, Kool Kompany, Olympic Glory etc.. Presente anche Shadwell che complessivamente ha acquistato 17 puledri per £1,420,000. Altri acquirenti noti in David Redvers, SackvilleDonald, BBA Ireland, Tony Nerses, Amanada Skiffington, Richard Knight con John & Sean Quinn, John & Jake Warren e la Highfield Farm solo per citarne alcuni, senza menzionare gli italiani di cui diremo fra poco. Il top price...

Ritorno delle corse estere in palinsesto? Macchè, è tutto fermo, bloccato dal sistema informatico. Se ne riparla (forse) a Settembre

Niente straniere, ancora una volta. Nulla muta e nulla sembra muoversi all'orizzonte, dietro una nebbia fitta chiamata burocrazia; Questo significa che gli appassionati del galoppo e non solo, già privati di poter scommettere sulle straniere sparse oltre che ai meeting di Deauville e York, si sono visti dare anche la falsa illusione di poterlo fare da giovedì 28 e venerdì 29 giorni per i quali, però, non è previsto l'ingresso nel palinsesto delle corse straniere. E si andrà avanti così fino alla fine di Agosto, sperando che ai primi di Settembre tutto si sia sistemato. Si ma, cosa è successo esattamente? In rete si va dalle ipotesi più fantasiose a quelle più probabili, la verità però è soltanto una. Non c'entra niente il famoso budget dedicato, quello è ancora intatto. Al contrario, ci sono stati dei nodi organizzativi che hanno impedito la trasmissione delle estere e questo lo sappiamo più o meno tutti. Tutto è cominciato ad inizio Agosto quando c'è stato un black out nel sistema informatico che ha bloccato l'accettazione delle corse. Da quel giorno, dato che siamo in Italia ed in Agosto si ferma tutto, nessuno ha messo mano a quel sistema per poter risolvere il problema. Al questo si è aggiunta il discorso ferie degli addetti alla stesura dei partenti nella settimana di Ferragosto: in quei giorni, logicamente, nessuno era presente e tutti erano disinteressati. Basti pensare ad uno come Roberto Faticoni, 363 giorni all'anno presenza fissa in Ministero, sia andato in vacanza proprio in quel periodo capire il momento di solitudine delle stanze polverose in via XX Settembre. A nulla sono servite le proteste e gli strali lanciati dagli scommettitori "italiani" (non quelli che giocano regolarmente su conti stranieri e dunque sono abituati, ma quelli "italiani" e basta) che si sono praticamente disaffezionati ad un prodotto già di per se scadente delle corse italiane in questo periodo. Nessuno ha mosso un dito però per chiedere conto di una assenza che porta e porterà un danno economico (forse anche erariale) non di poco conto, se consideriamo i prelievi, ma inevitabilmente al settore corse. Forse l'ippica non interessa, altrimenti qualcuno avrebbe fatto pressione o spinto affinchè questo "problemino" fosse risolto. Invece nulla, invece niente. Come paragone si potrebbe usare quello dell'automobile ferma per la rottura del radiatore. Se io so che la devo usare, devo sostituire il pezzo rotto. Se non mi interessa usarla, e posso andare a piedi, la macchina rimane ferma. Ecco, forse quell'analogia di andare a piedi consiste nell'utilizzo di palinsesti alternativi, tutt'ora esistenti. Mentre l'ippica è fastidiosa e pesante. Fino a che non tornerà ad interessare qualcuno. 

Futuro #Kingman: Per Gosden possibile un futuro sulle orme di Frankel. Se rimarrà in training anche a 4 anni, nel 2015

John Gosden apre ad una interessante opzione. Nelle scorse ore, in occasione di una premiazione, ha parlato ai microfoni di At The Races di una eventualità che potrebbe aprire degli scenari poco considerati prima d'ora, riguardanti il campionissimo Kingman (Invincible Spirit). L'allenatore di Clarehaven ha infatti ammesso che potrebbe pensare di allungare la distanza al figlio di Invincible Spirit (Green Desert) in futuro, qualora la proprietà di Khalid Abdulla decidesse di lasciarlo ancora in allenamento per i 4 anni. Ripercorrendo un pò i passi che fece Frankel (Galileo), che nelle mani del Master trainer Sir Henry Cecil distribuì gran parte della sua carriera del miglio, da imbattuto, per poi alzare il tiro nelle Juddmonte International G1 a 4 anni sui 2100 metri concludendo la stagione nelle Champion Stakes G1 di Ascot, battendo Cirrus des Aigles prima di entrare in razza. Ecco, Kingman potrebbe utilizzare lo stesso percorso, ma nulla si saprà fino a fine Ottobre quando cioè chiuderà la stagione dei 3 anni tentando le Queen Elizabeth II Stakes saltando il Moulin di Longchamp dove era in procinto di andare. Al termine delle quali, a seconda del risultato e del disegno della proprietà, si deciderà cosa fare. Gosden ha dichiarato che Kingman è cresciuto di testa, sta maturando, anche come condotta di gara, e dunque se continuerà su questa strada potrà essere possibile allungare la distanza, correre più rilassato in gruppo prima di proporre il suo incredibile cambio di marcia, oramai un marchio di fabbrica. Kingman sulle orme di Frankel, dunque. Anche se i due hanno analogie, sono cavalli potenti ma diversi. Frankel non ha mai conosciuto sconfitta in carriera e non è mai uscito dai confini inglesi. Kingman ha perso solo per caso le 2000 Ghinee di Night Of Thunder, galoppando sulla fascia sbagliata di terreno, ma poi ha inanellato 4 G1 consecutivamente tra cui Irish 2000 Guineas, St James Palace's Stakes, Sussex Stakes al primo impatto contro gli anziani, e Jacques Le Marois, sempre contro gli anziani, più che altro bolliti, in una edizione sottostandard. Ma pur sempre un G1. Al momento, sul segmento, non avrebbe rivali. 

martedì 26 agosto 2014

Giappone: Harp Star e Gold Ship, segnale verso Parigi e l'Arc de Triomphe. Prima e secondo nel Sapporo Kinen G2

Intanto in Giappone continuano le manovre di avvicinamento alla più esaltante domenica francese di inizio Ottobre, quella dell'Arc de Triomphe G1, il prossimo 5 Ottobre 2014. Nei giorni scorsi la campionessa delle 3 anni Harp Star (Deep Impact) ha vinto una bella edizione del Sapporo Kinen G2 (VIDEO CORSA QUI) sull'erba di Sapporo, sui 2000 metri, battendo tra gli altri il campione bisbetico Gold Ship (Stay Gold) con una corsa decisamente più accorta delle precedenti, quando correva a perdere e finiva forte. Stavolta la cavalla di Hiroyoshi Matsuda, montata da Yuga Kawada, è stata più sotto al gruppo ed in dirittura ha anticipato il forte grigio per tenerlo a bada di 3/4 di lunghezza, ma con dei chili di sovraccarico per il sesso e l'età. Al terzo posto, lontano dai primi, il vecchio Whale Capture (Kurofune). La quota della 3 anni è scesa dal 12/1 al 10/1, non era al cento per cento e dunque possiamo aspettarci qualcosa di buono nel prossimo mese e mezzo, in termini di forma da acquisire, per cercare di vincere una corsa diventata tabu per i giapponesi dopo i piazzamenti di El Condor Pasa, Nakayama Festa e quello semitragico e sciagurato  di Orfevre un paio di anni fa. Non sarà l'unico giapponese con la testa a Parigi: Lo stesso Gold Ship, cavallo dalle potenzialità enormi ma non sempre disponibile, è salito dal 14/1 al 20/1, mentre l'impressionante vincitore di Meydan, Just A Way (Heart's Cry), dominatore del Dubai Duty Free, è proposto ad un generale 8/1 e partirà alla volta di Parigi più in la nelle settimane. Just a Way, 5 anni, resta su una vittoria di inizio Giugno nello Yasuda Kinen G1 di Tokyo, al rientro proprio da Meydan. Al momento il favorito è il 3 anni tedesco Sea The Moon (Sea The Stars) a 4/1, poi c'è Treve (Motivator), vincitrice lo scorso anno, ad un generico 5/1, poi Taghrooda (Sea The Stars) che invece dovrebbe puntare alle Breeders in America. Tra gli altri, Just a Way appunto, poi Australia (Galileo) a 5, la star francese Avenir Certain (Le Havre) a 6/1, Tapestry (Galileo), quella che ha fatto lo scalpo a Taghrooda a York, a 12/1, mentre Kingston Hill (Mastercraftsman) è a 20/1. Ma di lui si saprà di più dopo il St Leger di Doncaster a metà Settembre, dove al momento è il favorito abbastanza netto.

Campagna acquisti Hamdan. Acquistato il promettente Richard Pankhurst, in corsa sabato nelle Solario a Sandown

Uno dei più promettenti puledri della stagione 2014, nonchè speranza Classica per le 2000 Ghinee del 2015 Richard Pankhurst (Raven's Pass), è stato acquistato nelle scorse ore da Sheikh Hamdan bin Mohammed Al Maktoum nella Classica campagna acquisti a cerca di talenti. Il figlio di Raven's Pass (Elusive Quality), iscritto alle European Wealth Solario Stakes G3 di sabato a Sandown, era di proprietà di Rachel Hood, moglie di John Gosden, ed ha vinto in grande stile le Chesham Stakes Lr nel meeting di Royal Ascot dopo un debutto dove era riuscito ad ottenere un terzo posto. Ad Ascot invece si era messo alle spalle, tra gli altri, anche Dick Whittington (Rip Van Winkle) che in seguito ha vinto una edizione non proprio probante delle Phoenix Stakes G1 al Curragh. Richard Pankhurst potrebbe dunque emulare suo padre Raven's Pass che vinse le Solario nel 2007 ed anche Kingman, che vinse la corsa a due anni prima del devastante impatto a 3 anni dove ha vinto 4 G1 consecutivamente. Richard resterà in allenamento da John Gosden.

domenica 24 agosto 2014

Deauville: Frankie Dettori doppietta di G1, e sono 202 in carriera. The Wow Signal nel Morny, colpo nel Romanet con Ribbons!

Doppietta Dettori! Nell'ultima settimana clou dell'estate in Normandia, il jockey italiano ha piazzato una doppietta terrificante a Deauville tra Prix Morny e Prix Jean Romanet. Nella prova per i puledri sui 1200 metri ha portato al traguardo da favorito (in Inghilterra) l'imbattuto ora in 3 corse The Wow Signal (Starspangledbanner) per i colori della Al Shaqab Racing ed il training di J J Quinn, che ha risolto la contesa con un paio di strappi importanti suggellati poi con l'affondo decisivo ed un tempo finale di 1m 11.93s. Il figlio di Starspangledbanner (Choisir), primo esponente di G1 per lo stallone semisterile ora tornato in Australia con dei numeri interessanti, ha battuto l'americano di Wesley Ward Hootenanny (Quality Road) con al terzo la favorita in Francia Ervedya (Siyouni). Dunque è emerso tutto il valore di Ascot. The Wow aveva vinto le Coventry Stakes G2 e rientrava da quel riferimento mentre l'americano ha cercato di ripetere l'impresa dello scorso anno con No Nay Never, dopo le prime due in casa, e l'affermazione contro 23 avversari nelle Windsor Castle Stakes sempre al Royal Meeting. Lanfranco ha celebrato la vittoria rimandando l'appuntamento ad Ottobre quando The Wow allungherà il metraggio e tenterà nel Lagardere G1, il Gran Criterium francese. IL VIDEO DELLA CORSA QUI
Poco dopo, a sorpresa, è arrivata la vittoria nel Prix Jean Romanet G1 facendo lievitare il conto delle sue affermazioni a livello di G1 in carriera a 202 sigilli. Come detto vittoria a sorpresa in sella alla britannica Ribbons (Manduro) per il training di James Fanshawe ed i colori della Elite Racing Club, già noti alle cronache per la forte Soviet Song. Ribbons, che veniva dai grossi handicap, ha vinto un G1 "farlocco", battendo Princess Loulou (Pivotal), altra sorpresa a 40/1, con al terzo Secret Gesture (Galileo) ed al quarto la favorita Narniyn (Dubawi). IL VIDEO DELLA CORSA QUI.

sabato 23 agosto 2014

York, Ebor day 3: Sole Power devastante nelle Nunthorpe Stakes, 4 anni dopo la vittoria a 100/1 è molto più forte

Te lo ricordi Sole Power!? Quattro anni fa, muoveva i primi passi da velocista di rango e fece lo scalpo proprio sul palo ad un affermatissimo Starspangledbanner (Choisir) in una edizione shock delle Nunthorpe Stakes, vinta a sorpresa alla straripante quota di 100/1 contro il cavallo di Aidan O'Brien che arrivava dall'Australia forte delle vittorie nelle Golden Jubilee Stakes e nella July Cup, e trovò un treno sulla sua strada a York. Era il 20 Agosto del 2010, il cavallo di Eddie Lynam aveva 3 anni e fino a quel momento aveva raccolto meno di quanto il futuro gli avrebbe riservato. 
Starspangled, che era reduce da due vittorie consecutive, non vinse più e a Settembre ne fu annunciato il ritiro in razza. Dopo un pò di colpi a vuoto tornò anche in corsa, ma senza esiti. Ora, a 4 anni di distanza, i primi e pochi figli di Starspangledbanner incantano l'europa e forse l'Australia mentre Sole è diventato nel frattempo castrone e di gran lunga il più forte velocista europeo moderno: Il cavallo che tutti sognano, a 7 anni, ha una integrità incredibile ed è migliorato con il passare del tempo. Venerdì pomeriggio ha vinto per la seconda volta le Nunthorpe, stavolta da favorito, mettendo in mostra un micidiale cambio di marcia da zero a cento come fosse un videogioco. Richard Hughes lo ha tenuto in fondo al gruppo e lo ha manovrato come se avesse un joystick prima all'interno, poi all'esterno e poi in mezzo ad un piccolo varco che nel frattempo si è creato. Una prestazione sopra la media considerato che, di fatto, ha corso solo 100 metri. Quelli che gli sono serviti per svettare dall'allegra compagnia che, nel frattempo, avevano frazioni di gambe al massimo, quando Sole ancora non aveva chiesto niente a se stesso. Ecco, proprio questa è la dote maggiore di questo cavallo: Una gran velocità di base che gli permette di seguire qualsiasi andatura e da quel punto ne riesce a cacciare fuori un'altra ancora più forte. Richard Hughes al rientro lo ha definito il cavallo più eccitante che abbia mai montato, quello che tutti i fantini desiderano montare quando hanno 14 o 15 anni. Il figlio di Kyllachy (Pivotal), purtroppo castrone, ha vinto in 57.92s (slow by 0.42s) maramaldeggiando, con un devastante scatto, facendo fare la figura dei lenti a Stepper Point (Kyllachy) e Extortionist (Dandy Man). Sole Power si è reso autore di una "tremendous performance" alla 42° uscita in carriera condita con la 35° vittoria. Per lui il programma è chiaro: Una corsetta di rifinitura nelle Flying Five Stakes G3 nel Champions’ Day del Curragh il prossimo mese, per preparare anche il Prix de l’Abbaye G1 a Longhcamp e dell'Hong Kong Sprint G1 alla fine dell'anno. Sole, macchina da guerra e da soldi, è costato £32,000 da yearling alle DBS. IL VIDEO DELLE NUNTHORPE STAKES QUI.
Nel resto del convegno vale menzionare l'affermazione nella Lonsdale Cup G2 di Pale Mimosa (Singspiel), una 5 anni che ha fatto leva sulla forma, che ha battuto Estimate (Monsun) e Times Up (Olden Times) con al quarto Cavalryman (Halling).

venerdì 22 agosto 2014

Breaking News: Andrea Atzeni alla corte della Qatar Racing di Fahad Al Thani, sostituirà Jamie Spencer dal 2015

La notizia era nell'aria da qualche tempo e subito dopo la vittoria di giovedì pomeriggio in Listed a York è cominciata a filtrare molto più insistentemente, come anticipato dalle colonne di Mondoturf. Ora è ufficiale: Andrea Atzeni sarà prima monta della Qatar Racing a partire dal prossimo anno, secondo un contratto che avrà tutti gli effetti a partire dal 1° Gennaio 2015, quando terminerà quello con i colori di Obaid Al Maktoum, giubba gialla e palle nere.
Non sono state svelate le cifre dell'accordo ma la notizia in Inghilterra è di dominio pubblico, un bel colpo per il fantino sardo di Nurri, ogni giorno sempre più convincente e deciso a ripercorrere i passi di uno come Lanfranco Dettori, che gli ha dato in pratica la sua investitura qualche mese fa. E così, Andrea, a 22 anni ottiene il primo contratto di un certo livello di una carriera inglese iniziata nel 2008 e condita, numericamente, di 30, 47, 41, 55, 54, 120 ed attualmente 92 affermazioni, anno dopo anno. Il fantino di Nurri ha vinto anche 12 corse di Gruppo in Inghilterra ed altre 8, almeno, in giro per il mondo ma soprattutto in Italia e Germania. Dicevamo, solo nelle scorse ore è arrivata l'ufficialità, dopo l'ennesima affermazione di livello, con una monta sopraffina a livello di Listed, ed è stato incalzato da quelli di Channel 4 sull'eventualità di sostituire dal prossimo anno Jamie Spencer, ed il jockey italiano prima ha glissato ma poi ha potuto solo ammettere questa eventualità fino all'ufficializzazione giunta repentinamente. Jamie Spencer infatti, 34 anni, si ritirerà ed avrà un ruolo nell'organigramma della scuderia di Fahad Al Thani, mentre il contratto di Harry Bentley durerà ancora fino a fine 2014. A quel punto inzierà la parte 2 dell'operazione ringiovanimento del gruppo Qatariora: Insieme ad Atzeni infatti è stato ingaggiato, e monterà anche per i colori della Pearl Bloodstock, il giovane e promettentissimo Oisin Murphy. Good luck Andrea!

Focus aste verso la Selezionata SGA del 19 Settembre. L'Allevamento Le.Gi. della famiglia Parri presenterà 11 puledri di qualità, ve li raccontiamo in 4 puntate. Ecco il fratello di Biz The Nurse e Misterious Boy, poi un Arcano ed un Naaqoos

L’Allevamento Le.Gi. (http://www.allevamentolegi.it/home.html) investe nella passione. O almeno, in una passione che nel corso degli anni è diventata attività imprenditoriale seria, ben sostenuta, divenuta man mano una solida certezza. A volte, quello della passione che diventa un lavoro vero è proprio, è un passaggio naturale dopo un primo approccio dettato appunto dal sentimento per uno sport affascinante e piacevole, a volte rimane solo un sogno. Ma quando i risultati arrivano dalla base e sono frutto di idee portate a compimento, tanto lavoro, investimenti mirati, scelta della qualità come obiettivo primario della propria ragione d’essere, è normale procedere in una direzione ben precisa. 
Massimo Parri si sta godendo alcuni giorni di relax prima dell’arrivo di Settembre (anche se con il telefono sempre vicino per rispondere a chi desidera vedere i puledri in allevamento). Il 19 Settembre c’è la Selezionata SGA per gli yearlings a Settimo Milanese, composta di “soli” 104 cavalli complessivamente ma la famiglia Parri ha deciso di proporre tutte le frecce nel proprio arco: “è un momento molto delicato per l’ippica italiana ma noi abbiamo continuato ad investire lo stesso. Purtroppo il catalogo, a livello generale, è numericamente inferiore rispetto a quelli di qualche anno fa ma credo ci sia uno zoccolo duro di una trentina di cavalli che sono ben al di sopra della media e di grande appeal europeo, dunque sono convinto possa esserci il giusto interesse da parte di acquirenti stranieri. Noi abbiamo deciso che sia il mercato a fare il prezzo dunque passeranno tutti i nostri 11 prodotti che abbiamo in allevamento, sperando in buoni risultati”. La famiglia Parri, sfogliando il catalogo che fra poco vi presenteremo, ha fatto scelte ben precise sul mercato. “Abbiamo cominciato con poche fattrici, poi abbiamo aumentato man mano investendo non solo sulle stesse ma anche nella scelta degli stalloni e nella struttura che ospita i puledri qui vicino Siena. Siamo orgogliosi di quello che abbiamo costruito ed i risultati sono arrivati. Noi siamo per una politica abbastanza giovane di tutto, quindi la scelta delle fattrici va vista in questo senso. Le abbiamo acquistate, quelle che non ci convincevano dopo i primi prodotti le abbiamo sostituite, e di quelle che sono rimaste le loro famiglie sono divenute solide man mano, con spunti importanti ma con radici giovani e vivaci. Anche la scelta degli stalloni è stata in questo senso. Tutti molto freschi, con scelte commerciali al passo con i tempi ma senza mai dimenticare l’incrocio e la qualità che ci viene dettata dalla fattrice stessa"
"Penso che i perni della nostra produzione siano sotto gli occhi di tutti. C’è il Lot 5, fratello di Biz The Nurse e Misterious Boy da Roderic O’Connor, si tratta forse del più bel cavallo che abbia mai allevato. È forte, di fisico, ha classe ed una famiglia che ha già detto tanto in pochi anni ai primi colpi da sparare. Ci speriamo tanto, come del resto nel Lot 38, figlio di Zebedee e Goldendale. Crediamo molto negli stalloni giovani che hanno fatto poche corse e poi sono entrati in razza, infatti di questo stallone abbiamo una caratura ed il prossimo anno gli abbiamo destinato qualche fattrice in più. La mamma è la stessa di Gentleman Only, il fratello 2 anni che si chiama Roccia D’Oro deve debuttare ma ne parlano bene in scuderia, e dunque può essere un bel prospetto anche questo. L’altro cavallo è il Lot 92 da Poet’s Voice e Snowfield, è un fratello di Time Chant ed è bellissimo fisicamente, sta sbocciando ed esprime qualità. Così come è bellissima la figlia di Cape Cross e Lone Spirit (Lot 56), ha una classe insita in ogni passo che muove. Non lo dico perché è mia ma perché ha un fisico sopra la media. Gli altri hanno tutti fisici ordinari ma abbiamo fatto comunque scelte di qualità. Due anni fa avevo mandato 3 fattrici in Francia scegliendo tra gli stalloni Naaqoos, Redback, che a me piace tanto, e Siyouni in cui avevo intravisto delle prospettive. Ecco, da loro mi aspetto qualcosa di importante. Dei figli di Arcano si è già detto molto e posso ribadire che è uno stallone emergente che trasmette forza e velocità. Insomma, ce l’abbiamo messa tutta. Proponiamo cavalli sani, belli, forti, puliti ai quali non è mancato nulla sotto tutti i punti di vista. E speriamo che anche alle aste il nostro impegno ed i nostri sforzi vengano ripagati”. 
E allora, in 4 puntate, vi presenteremo tutti gli 11 puledri proposti dall'allevamento Le.Gi. Ecco i primi 3..

giovedì 21 agosto 2014

York, Ebor Festival day 2: #Taghrooda, sconfitta shock nelle Darley Yorkshire Oaks. Vince Tapestry con Ryan Moore!! Nelle Lowter Stakes ancora Tiggy Wyggy, in Listed capolavoro di Andrea Atzeni!

Incredibile a York! Nelle Darley Yorkshire Oaks G1 (VIDEO CORSA QUI) la campionessa Taghrooda (Sea The Stars) ha conosciuto per la prima volta, inaspettatamente, una sconfitta ad opera della Coolmore Tapestry (Galileo). Pezzo di bravura e freddezza di Ryan Moore sulla portacolori del Coolmore che ha seguito lungo tutto l'arco della dirittura la favoritissima a 2 decimi, già vincitrice di Oaks inglesi e di King George contro gli anziani, facendole lo scalpo nelle battute finali! Tapestry, che non vinceva dall'Agosto del 2013 e quest'anno si era solo piazzata al Curragh nelle Irish Oaks, saltando molti degli impegni più intensi, ha fatto valere il fattore freschezza contro una cavalla che sulla carta era imbattibile. Ai 200 Taghrooda era ancora avanti, aveva sbrigato la pratica Tasaday all'interno ma quando all'esterno si è profilata la minaccia della cavalla di Aidan O'Brien, il miglior jockey sulla terra ce l'ha messa tutta per portare a casa non solo una fetta ma tutta la torta. Come detto terza a sette lunghezze dalle prime due è arrivata l'onesta, ma non eccezionale, Tasaday (Nayef), una anziana di Godolphin che nell'arco della carriera si è assestata ai livelli di G2. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Forse la classica corsa di troppo per Taghrooda, ed in questo caso molte delle responsabilità le ha Gosden. Le Yorkshire Oaks, in fondo, cosa avrebbero aggiunto al palmares impeccabile di una cavalla del genere? Comunque una battuta d'arresto per la Hamdan Al Maktoum e John Gosden che, al momento, non conosce particolari spiegazioni se non quello della stanchezza visti gli impegni intensi nella stagione (andava alla ricerca della quinta vittoria consecutiva da imbattuta), o un ritmo decisamente troppo basso per una cavalla che ha bisogno di andatura, o una monta eccessivamente confidente di Hanagan su un tracciato molto veloce in questi giorni. Insomma, una grossa sorpresa a York che ha infiammato l'estate e propone delle interessanti tematiche in vista dell'autunno ed un capovolgimento, forse, delle gerarchie in prospettiva Arc de Triomphe... Il tempo finale della corsa è stato di 2m 28.59s (slow by 0.49s). Seguiranno approfondimenti..

mercoledì 20 agosto 2014

York, Ebor day 1: #Australia di classe nelle Juddmonte International Stakes, battuto The Grey Gatsby con Telescope terzo. Andea Atzeni vittoria di Gruppo nelle Great Voltigeur Stakes su Postponed

I tre anni sono buoni. O meglio, rigirando la questione, gli anziani non sembrano all'altezza dei tre anni, anzi. I cavalli possono dirsi buoni se vincono il Derby e poi vincono a York affrontando gli anziani, ed Australia (Galileo) ha portato a compimento la missione anche nel Knavesmire vincendo le Juddmonte International G1 sui 2092 metri del tracciato inglese, trascinandosi dietro anche l'altro tre anni The Grey Gatsby (Mastecraftsman) il quale si era proprio manifestato al mondo vincendo le Dante a York. Australia ha fatto il compitino vincendo in scioltezza ma non impressionando, del resto era reduce da uno stop di due mesi circa dopo la farsa dell'Irish Derby, ma ha sorvolato il gruppo dall'esterno parandosi un pò nel finale ma resistendo chiaramente agli affondi di cavalli inesistenti all'atto pratico. Terzo è arrivato Telescope (Galileo), che aveva perso le King George G1 da Taghrooda che correrà domani, e poi un nervoso Mukhadram che da la misura di tutti. Arod è terminato quinto ribadendo la linea del Derby con Australia. Il tempo finale non è stato un granchè: 2m 7.35s (slow by 0.35s) su terreno duro, niente a che vedere con il 2m 05,29s di Sea The Stars, il 2m 06,59s di Frankel o i 2m 05,74s di Declaration Of War lo scorso anno. IL VIDEO DELLE JUDDMONTE INTERNATIONAL STAKES QUI.

#Deauville: Arqana August Yearling Sale con un "+" generico per i primi due giorni. Top Price una figlia da Monsun

Alla fine tutti gli indicatori sono stati positivi, come ci si aspettava del resto, ma la cosa bella è che c'è stato un ulteriore balzo verso l'alto. Parliamo delle Arqana August Yearling Sale nei primi due giorni, quelle che una volta erano considerate le migliori aste per chi volesse fare pubbliche relazioni e rendersi noto attraverso spese pazze. Parlando di cifre, il fatturato completo è stato di €29,161,500 con un incremento di quasi il 12% rispetto ai 25,9 milioni di euro del 2013, con un prezzo medio di €228,870 (+7.5%) con il mediano a €170,000 (+28,3%). Tre sono i puledri che hanno fatto registrare il livello sopra al milione di euro, ben 16 hanno superato la soglia dei €400,000 e 52 di questi sono stati venduti per oltre €200,000, comparato ques'ultimo dato con i 44 dello scorso anno. Il Top price è stato realizzato dal Lot 11, una figlia di Monsun (Konigsstuhl) e Sasuela (Dashing Blade), mezza sorella di quel Seismos che poche ore prime aveva vinto le Geoffrey Freer Stakes G3 a Newbury, di Samba Brazil, performer da Pattern in Germania, e sorella piena di Soberania che si è piazzata a livello di G1, tra cui anche il Lydia Tesio G1. La famiglia è importantissima, perchè Sasuela è figlia di quella Sacarina (Dashing Blade) che ha prodotto i campioni Schiaparelli, Samum, Salve Regina, Sea The Moon, Sortilege etc... insomma, un pezzo grosso venduto per €1,2 milioni a Tony Nerses che ha agito per conto di Saleh al Homaizi e Imad al Sagar, cioè i proprietari a giubba verde e stelle gialle di Authorized (Montjeu), per intenderci. 
Il secondo prezzo più alto

martedì 19 agosto 2014

Deauville: Avenir Certain vince anche il Prix de la Nonette, ora sono 6 da imbattuta. Destinazione Longchamp ed Arco..

La lunga strada verso l'Arc de Triomphe G1 passa anche da Deauville. Ai volti noti se n'è aggiunto un altro già conosciuto, a dir la verità, che ha messo un altro mattoncino circa la sua reputazione europea. Avenir Certain (Le Havre) ha timbrato il biglietto nel Shadwell Prix de la Nonette G2 (VIDEO DELLA CORSA QUI) sui 2000 metri continuando a mantenere illibato il suo score fatto di 6 vittorie consecutive, da imbattuta. Avenir, allenata da Jean Claude Rouget, ha un profilo molto basso rispetto alle coetanee europee ma intanto si è messa in tasca le Poule d'essai des Pouliches ed il Prix de Diane G1, in entrambe le occasioni vincendo con del buono in mano, senza strafare, ma mettendo in campo una progressione proficua coprendo tanto terreno a testa bassa. Insomma, non sarà Zarkava ma intanto il suo allenatore ha usato proprio la campionessa dell'Aga Khan come pietra di paragone, dunque non resta far altro che attendere l'autunno per capire quanto sia buona veramente in confronto a Taghrooda (Sea The Stars) e Treve (Motivator), che dovrebbe trovare a Longchamp. Per la cronaca, la forza del campo l'ha dato la seconda arrivata Crisolles (Le Havre), compagna di scuderia di Avenir che le ha tirato il ritmo da gregaria. Avenir, come dichiarato da Rouget (che oggi compiva 61 anni), non rientrerà nel Vermeille ma andrà direttamente fresca fresca all'Arc de Triomphe dove la sua quota è leggermente scesa dai 16/1 di qualche settimana fa ai 12/1 generale di oggi.

York: Dal 20 al 23 l'Ebor Festival con Australia nelle Juddmonte International e Taghrooda nelle Yorkshire Oaks..

Luce verde. Quella data da Aidan O'Brien sulla presenza di Australia (Galileo) alle Juddmonte International Stakes G1 di mercoledì pomeriggio a York, dove avrà inizio ufficialmente l'Ebor Meeting edizione 2014 oscurato dall'Italia ministeriale che non conosce vergogna. A questo punto una cosa è chiara: Le corse straniere non costituiscono un guadagno, altrimenti sarebbe danno erariale, ma sono solo un contorno alle corse italiane da mettere quando gli impiegati che si occupano di stilare i partenti sono in ufficio. Ma siccome l'Italia nel mese di Agosto si ferma, si ferma anche la diffusione e l'accettazione delle corse straniere perchè non c'è nessun addetto disponibile, ma sono tutti sotto l'ombrellone. Qualche giorno fa Equidia ha diffidato dalla diffusione anche in differita delle immagini, per quanto riguarda i canali inglesi ancora è possibile far vedere le differite.. ma per quanto? Di fatto l'Ebor Festival, a meno di clamorosi colpi di scena, non verrà mostrato. Ecco cosa ci perderemo o almeno si perderanno coloro i quali non hanno padronanza del mezzo internet: Ieri c'è stata la dichiarazione partenti ufficiale: Il campione da Galileo ed Ouija Board tornerà in pista ad 8 settimane rispetto il suo ultimo impegno in pista ed affronterà 5 avversari temibilissimi. C'era anche un dubbio riguardante la condizione di Australia reduce dall'affermazione semplice nel Derbu irlandese ma Padre Aidan ha rassicurato dicendo che c'è la possibilità non sia al massimo, come è normale per uno che punta ad obiettivi autunnali, ma ha rifinito bene ed avrà in sella Josh O'Brien che sembrava non dovesse rientrare nel peso ed invece ce la farà. Gli altri sono il vecchio Mukhadram (Shamardal), il secondo delle King George Telescope (Galileo) sul quale salirà Ryan Moore, per cui su The Grey Gatsby (Mastercraftsman) è stato ingaggiato Richard Hughes. Gli altri sono Arod (Teofilo), quarto nel Derby di Australia e poi convincente sottocategoria a Leicester dove ha vinto di 9, e Kingfisher (Galileo) che non sarà solo il gregario di Australia ma secondo O'Brien correrà con chance indipendente. 
Nella giornata inaugurale dell'Ebor Festival ci sono anche le Great Voltigeur Stakes G2 dove da registrare c'è la rinuncia di Eagle Top (Pivotal), quarto nelle King George, che osserverà un periodo di break prima di essere riproposto in autunno per gli appuntamenti importanti come St Leger, Champion Stakes ed eventualmente Arc de Triomphe. Senza il cavallo di Lady Bamford ecco al via Kingston Hill (Mastercraftsman), con Ryan Moore anzichè Atzeni che sarà su Postponed (Dubawi), contro Snow Sky (Nayef). 
Giovedì è il Ladies' Day e soprattutto Lowther Stakes G2 con Anthem Alexander al via tra i nomi caldi, e poi le Yorkshire Oaks con la presenza prevista della incredibile Taghrooda (Sea The Stars), vincitrice delle King George. 
Venerdì è il giorno delle Nunthorpe Stakes G1 sui 1000 secchi ed ecco di nuovo al via Sole Power (Kyllachy) carichissimo nel periodo. La Lonsdale Cup G2 per gli stayer vede al via, tra gli altri, ancora l'eroico Cavalryman (Halling). E poi c'è l'Ebor Handicap: L'heritage più antico, più bello e più incerto di tutta l'Inghilterra.

domenica 17 agosto 2014

Et voilà! Kingman non ha rivali neanche in Francia e domina il Le Marois, battuto Anodin e nulla da fare per Olimpic Glory

Kingman Kingman Kingman quattro volte Kingman!!!! Quattro come i Gruppi 1 sul miglio portati a casa dal pupillo di John Gosden e del Principe Khalid Abdulla. Con il Jaques Le Marois il figlio di Invincible Spirit (Green Desert) cala il poker che tutti aspettavano. Miglio in pista dritta che James Doyle affronta mettendo Kingman in ultima posizione aspettando gli eventi, visto anche il terreno pesante quasi colloso, che si sono svolti con Red Dubawi che ha preso la testa e ha fatto la sua andatura tirandosi dietro Olympic Glory e Rizeena nell'ordine. Quando Doyle ha deciso di mettere sotto il suo...c'è stata poca storia. Solito scatto bruciante al largo di tutti senza neanche troppa spesa che non lascia scampo ad un comunque ottimo Anodin (Anabaa), fratellino pieno di una certa Goldikova che questa corsa la conosce molto bene, e al vecchio Olympic Glory (Choisir) con Lanfranco Dettori in sella che rientrava dal quarto dell'Ispahan di maggio a Longchamp. Tempo lentissimo, su terreno comunque pesante, di 1m 41,90s (slow by 6,40s), il meno veloce di tutti i tempi. Non cambiano gli obiettivi per il campione dei miler, next stop le Queen Elizabeth II Stakes G1 nel Champions Day di Ascot, alla ricerca di qualcosa mai riuscita a nessuno. Vincere la triple crown per i miler, finora una iperbole creata solo ipoteticamente. Ma intanto, vincere prima le Sussex e poi il Le Marois era una impresa mai riuscita a nessuno e solo Warning ci era andato vicino. Kingman ci è riuscito, ed ora insegue una corona nuova di zecca. IL VIDEO DEL JACQUES LE MAROIS CLICCANDO QUI.

Arlington: Marco Botti ed Euro Charline, trionfo nelle Beverly DStakes. Adelaide vince le Secretariat Stakes!

Booom! Colpo grosso a Chicago per Marco Botti che grazie ad Euro Charline (Myboycharlie) nella notte americana ha trionfato nelle Beverly D Stakes G1 contro le anziane, con in sella Ryan Moore. La cavalla, ex Blueberry, si è rivelata un affare per quelli del Team Valor che hanno in casa una cavalla dalle buonissime prospettive. Euro era arrivata terza nelle Coronation Stakes ad Ascot e poi aveva rifinito la condizione vincendo agevolmente in Listed qualche settimana fa. Poi il viaggio in America, i lavori mattutini di mantenimento con Lucie Botti in sella, ed il colpo a Chicago a 10/1 battendo Stephanie's Kitten con Lanfranco Dettori in sella. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
Il team Europa è emerso anche nelle Secretariat Stakes G1 dove a vincere è stato Adelaide (Galileo) per il Coolmore e la monta ancora di Ryan Moore. Adelaide, secondo nelle King Edward VII di Ascot alle spalle di Eagle Top, era arrivato secondo anche al debutto americano nel Derby di Belmont. Quarto in quella occasione fu Gailo Chop, vincitore a Deauville dell'Ornano G2. 
Altro da menzionare: nell'American St. Leger solo secondo Dandino (Dansili) per Marco Botti con Lanfranco Dettori, in una corsa vinta da The Pizza Man (English Channel).
Nell'Arlington Million a sorpresa ha vinto Hardest Core (Hard Spun) con Vaz in sella, che ha battuto Magician (Galileo) mentre Real Solution, vincitore lo scorso anno, solo ultimo. 

sabato 16 agosto 2014

Italians: Umberto Rispoli vince il Prix de Pomone a quota shock in sella a Star Lahib, è la sesta Pattern in Francia. Atzeni colpisce in Listed, ecco gli altri "italiani"..

Italians in giro per il mondo. Oggi giornata prolifica per i nostri, in attesa della notte di Chicago con Arlington Million, Beverly D Stakes etc al di la dell'atlantico di cui vi daremo conto in separata sede. A condire con una bella vittoria in Pattern nella giornata ci ha pensato Umbertino Rispoli che ha ottenuto una bella affermazione in sella a Star Lahib (Cape Cross) nel Prix de Pomone G2 per Andreas Wohler con la sua inviata tedesca. Cavalla totalmente trascurata al betting, ha colpito duro a 30/1. Per il jockey italiano è la vittoria numero 26 nella stagione, la sesta a livello di Pattern in Francia dopo Calvados, Chenes, Cadran, Prix de Malleret e Prix du Palais-Royal. IL VIDEO DEL PRIX DE POMONE QUI. L'INTERVISTA A RISPOLI QUI
Vittoria a livello di Stakes anche per Andrea Atzeni che ha portato al palo Belardo (Lope De Vega) per Roger Varian nelle Denford Stud Stakes Lr di Newbury e per il fantino sardo è la vittoria numero 90 della stagione inglese (con un +99£ di Stake). Qualche giorno fa doppietta a Salisbury, nella giornata di Ferragosto vittoria altra vittoria a Newbury. 
Sempre in tema di italiani Marco Botti ha messo il sigillo con Seismos (Dalakhani) nelle Geoffrey Freer Stakes G3 di Newbury, mentre a Newmarket per il trainer italiano ha vinto Astrelle (Makfi), cavalla allevata da Gennaro Stimola, in una nursery sui 7 furlongs. Nello stesso convegno di Newmarket un altro handicap buono è stato vinto da Fattsota (Oasis Dream), fratello di Falbrav non più di proprietà italiana, allenato da David O'Meara. L'allenatore inglese qualche giorno fa ha guidato alla vittoria, per i colori della Zaro, Awake My Soul (Teofilo), quinto nel Milano G1 ed allevato dalla Vittadini, che è emerso in un handicap ad Ayr sui 2000 metri e potrebbe puntare in autunno al Premio Roma G1, come del resto Steaming Kitten (Kitten's Joy) quinto venerdì a Deauville nel Guillaume d'Ornano G2 dietro Gailo Chop.

venerdì 15 agosto 2014

Deauville: Gailo Chop domina il Guillame D'Ornano G2, battuto Free Port Lux. Quinto onorevole Steaming Kitten

Dal Ministero non hanno dato l'ok alla diffusione delle immagini dalla Francia, neanche in differita, ma su internet è stato possibile vedere tutto. Parliamo di Francia ed in particolare del Prix Guillaume d’Ornano - Haras du Logis Saint-Germain (Group 2) nel quale tutti gli italiani osservavano con curiosità il tentativo di Steaming Kitten (Kitten's Joy), quarto nel Derby e nel Milano, poi vincitore del Giubileo, arrivato quinto ma non lontano dai primi in una edizione soprastandard della corsa di Deauville. A vincere è stato Gailo Chop (Deportivo) il quale, dopo una campagna americana che lo aveva visto arrivare quarto nel Belmont Derby di qualche settimana fa, è andato in avanti e si è reso intangibile dal resto della compagnia. Gailo Chop, di proprietà di un gruppo australiano, aveva vinto a livello di Gruppo in Francia (il Noailles G3 ad Aprile) ma aveva saltato impegni importanti in Europa per cercare facili soldi in America. Cosa riuscita in parte, con quel quarto posto, ed una linea consistente data dal secondo di Adelaide, che aveva seguito Eagle Top (poi 4° nelle King George), nelle King Edward VII del Royal Ascot. Al secondo è finito Free Port Lux (Oasis Dream), con al terzo il favoritissimo Prince Gibraltar, ancora eterno incompiuto dopo i piazzamenti nel Prix du Jockey Club e nel Grand Prix de Paris, che non si è steso sul più bello. Steaming Kitten ha seguito da vicino Gailo Chop lungo la marcia di trasferimento fino in dirittura, ha perso terreno nella volata immediata dall'ingresso in retta, ma è tornato a prendersi con le unghie e con i denti un quinto posto tutto sommato per nulla malvagio. Era un tentativo che andava fatto, partiva come outsider e come ultimo del campo dei 7 al via e dunque un quinto a ridosso di Western Hymn (High Chaparral) vale abbastanza nella considerazione generale. Il tempo finale è stato di 2m 11.64s (slow by 7.14s). Il video della corsa cliccando QUI.

giovedì 14 agosto 2014

Ippica intorno al mondo, ecco le news dei prossimi giorni: A Deauville il Guillame d'Ornano con Steaming Kitten contro i Prince Gibraltar e Western Hymn, domenica c'è Kingman nel Jacques Le Marois. Sabato ad Arlington Euro Charline per Marco Botti nelle Beverly D Stakes. Da mercoledì 20 a sabato 23 l'Ebor Meeting a York. Australia vs Telescope

Come avrete notato in questi giorni andiamo a scartamento ridotto, una sorta di pausa fisiologica. Non mancheranno comunque gli approfondimenti fondamentali del periodo. Oggi vi diamo alcune notizie, pillole più che altro, sparse qua e la per il globo. La prima notizia riguarda l'attualità ed inevitabilmente il meeting di Deauville che procede con grande successo in Normandia. Questa domenica 17 Agosto i francesi avranno l'opportunità di vedere all'opera il campione Kingman (Invincible Spirit), reduce dall'assunto nelle Sussex Stakes e prima ancora nelle St James, che si cimenterà sul miglio in pista dritta del tracciato francese. Il cavallo di Juddmonte, allenato da John Gosden, avrà contro pochi cavalli e nemmeno tanti buoni: Tolto Toronado, suo rivale a Goodwood, ecco un altro di Hannon quale Olympic Glory (Choisir) proposto a 4/1. Gli altri sono Anodin, Esoterique, Rizeena e Red Dubawi. Insomma, una sorta di passerella (a meno di clamorosi scivoloni) per Kingman. I rimasti cliccando su questo LINK.
Il venerdì di Ferragosto vedrà italiani impegnati a Deauville. Come promesso su queste colonne le settimane scorse, da registrare il tentativo di Steaming Kitten (Kitten's Joy) nel Prix Guillame D'Ornano G2 (€400,000 di dotazione, campo partenti cliccando QUI) sui 2000 metri per cavalli di 3 anni. Il saurone di Gianluca Bietolini avrà in sella Cristian Demuro ed è reduce da una franca vittoria nel Premio del Giubileo G3 contro gli anziani, battendo tra gli altri Pattaya (Philomateia), quest'ultimo peraltro al centro di un caso controverso come la sua positività registrata alla Benzoilecgnonina (un metabolita della cocaina) per il secondo posto ottenuto a Napoli nel Gran Premio UNIRE alle spalle di Keshiro. Tornando al Guillame d'Ornano, Steaming non è il favorito, anzi è l'underdog della corsa. Ma vale la pena provarci per prendere riferimenti ed essere sempre presenti nel mondo, con un gruppo internazionale come quello di Mr Ramsey ed il tentativo va letto in questa ottica. 
L'ovvio favorito è l'eterno incompiuto Prince Of Gibraltar (Rock Of Gibraltar), piazzato nel Prix du Jockey Club G1 e nel Gran Prix de Paris, in entrambe le occasioni con molto da recriminare. Contro avrà Western Hymn (High Chaparral), altra freccia nell'immensa faretra di Gosden nell'anno, che ha stravinto l'Eugene Adam G2 a Maisons-Laffitte dopo il sesto nel Derby di Australia. Altro cavallo interessante è Gailo Chop (Deportivo) che dopo aver preso belle linee europee ha scansato Derby francese e Paris per andare in America e cogliere un quarto posto a Belmont Park in G1, alle spalle del Coolmoriano Adelaide., che aveva linee di Ascot con Eagle Top poi quarto nelle King George. Insomma, linea consistente. Cercava soldi facili e prestigio, essendo di proprietà di un gruppo australiano, e non ci è andato nemmeno lontanissimo, e a livello di G2 europeo è in corsa. Ah per inciso dall'Italia non sarà possibile vedere niente, neanche in differita, causa non accettazione del gioco in Italia. Noi di Mondoturf metteremo online tutto subito dopo la corsa. 
Altri italiani impegnati nella due giorni ci sono certamente: domani nel Prix de Coudray si rivede all'opera Dark Sea (Sea The  Stars) per La Nuova Sbarra ed Alessandro Botti, per il resto le vittorie dei nostri Cristian Demuro ed Umberto Rispoli fioccano copiosamente giornata dopo giornata, ed ormai non fanno più notizia. Rispoli ha attualmente 26 vittorie, Demurino è a quota 32. 
Altre notizie da sapere: Sabato 16 in America da tenere sotto controllo il tentativo di Marco Botti a Chicago con Euro Charline (Myboycharlie) nelle Beverly D Stakes G1. La terza delle Coronation G1 ha rifinito in lavoro con Lucie Botti ed è pronta ad una nuova carriera americana per il Team Valor. Nella giornata anche l'Arlington Million G1 con al via, tra gli altri, Magician e Real Solution ex italiano e vincitore lo scorso anno.
In Italia domenica 17 Agosto c'è il Criterium Labronico che rispecchia la tendenza della stagione, con solo 5 cavalli al via e favoriti il duo della Effevi Cassiano Fan-Clockwinder, contro Avisamos Grua, Happyan Kind e Summer Colours. Praticamente 3/5 dei cavalli che correranno sono di proprietà dei gestori del Caprilli..Il campo partenti cliccando QUI.
In Europa da mercoledì 20 a sabato 23 ci terrà compagnia uno dei più bei meeting estivi. York ospita l'Ebor meeting con vertice nelle Juddmonte International G1 dove dovrebbe correre Australia (Galileo). La notizia che lo riguarda da vicino è che Josh non ce la fa con il peso (è un 3 anni contro gli anziani e dunque ne riceverà) e dunque qualora dovesse correre (non è ancora deciso) in sella ci sarà o Ryan Moore (che ha anche e soprattutto l'opzione Telescope) oppure l'altro di casa O'Brien, cioè Colm O'Donoghue. Tra i grossi calibri c'è anche l'italian bred Arod (Teofilo) ma vi diremo più in prossimità della corsa. IL campo dei rimasti cliccando QUI.
Per il resto York ospiterà corse come le Great Voltigeur Stakes G2, le Lowther Stakes G2, le Darley Yorkshire Oaks, le Coolmore Nunthorpe Stakes e le Gimcrack Stakes G2 per i puledri. Senza dimenticare l'Ebor Handicap, che da il nome al meeting. 
Ultima, ma non per importanza, riguarda la creazione di una nuova corsa di G1 ad Ascot a partire dal prossimo anno nel Royal Meeting. Causa mancanza di una prova pura per sprinter di 3 anni, eccone una che rimpiazzerà le Buckingham Palace Stakes sulla distanza dei 1200 metri con una dotazione di £375,000 nella giornata del venerdì... in questo modo si diraderanno un pò di più King's Stand e Diamond Jubilee (chiuse a questo punto ai 3 anni), ma potrebbe dare vita ad un vero e proprio campione degli sprinter dei 3 anni tra gli europei e magari gli australiani ed americani che verrebbero con maggiore prestigio per il meeting stesso, non essendo specialisti nel vecchio continente nella creazione di velocisti di rango mondiale. 
A presto per le prossime news!

domenica 10 agosto 2014

Deauville: #Garswood emerge nel Maurice De Gheest, battuta Thawaany. In Irlanda Dick Whittington nelle Phoenix Stakes su Kool Kompany. A Berlino vittoria del 3 anni Sirius nel GP

Dopo qualche giorno di sosta riprendiamo con le notizie più importnati di cui tenere conto nel periodo. In Francia si è disputata una edizione sottotono del Prix Maurice De Gheest G1 sui 1300 metri in pista dritta che ha visto la vittoria di Garswood (Dutch Art) completamente redento rispetto al pessimo quarto posto ottenuto a Goodwood nelle Lennox Stakes sul duro. A Deauville, complice un terreno soft, una monta delicata da parte di Gerald Mosse e soprattutto una gabbia larga che ha permesso uno svolgimento a lui favorevole, ha disposto agevolmente della femmina Thawaany (Tamayuz), migliorata ancora con la mano di Freddy Head evidente, ed al terzo un'altra femmina ottima come Fiesolana (Aussie Rules) che partita forte per poco non riesce nel colpaccio. Il vincitore è un 4 anni da Dutch Art (Medicean), che in corsa finì secondo nel De Gheest di qualche anno fa, allenato da Richard Fahey. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.

domenica 3 agosto 2014

Germania: Mirco Demuro trionfa nelle Oaks tedesche su Feodora, per Andreas Wohler..Solo quinta la favorita Wunder

Dopo il poker di Andrea Atzeni a Doncaster, ancora fantini italiani protagonisti all'estero. Nella giornata di domenica a Dusseldorf Mirco Demuro ha tenuto alta la bandiera tricolore aggiungendo un altro prestigioso successo nel suo ricco palmares vincendo anche le 156th Henkel-Preis Der Diana, cioè le Oaks tedesche, ad una quota shock di 26/1 in sella a Feodora (Lord Of England) per il training di Andreas Wohler, con una cavalla ancora maiden prima di questa. Mirco ha approfittato di un paio di colpi proibiti subiti dalla favorita Wunder (Adlerflug), per lo stesso team del campione Sea The Moon, arrivata quinta, ed è filtrato per vie interne con una solita sagacia tattica, tipica di un fantino esperto che aveva tutta la fiducia su di se. Seconda è arrivata Diamond Dove con Frederik Tylicki in sella, che ha prima contribuito a danneggiare (in modo ritenuto non pregiudizievole) la favorita, ed è stato poi multato dagli stewards tedeschi che hanno lasciato il risultato immutato. IL VIDEO DELLE HENKEL-PREIS DER DIANA QUI.
Seguiranno aggiornamenti e video.

sabato 2 agosto 2014

#Goodwood, day 5: Hat trick per John #Gosden nelle Nassau Stakes, vince #Sultanina battuta #Narniyn

Se insellasse una balla di paglia, vincerebbe. Nel periodo riesce tutto all'allenatore inglese, ed oggi come non mai si può dire: Ancora Gosden a forza 3, il numero perfetto. Tre come i G1 vinti nella settimana dopo le affermazioni di Taghrooda (Sea The Stars) e Kingman (Invincible Spirit), e tre sono le affermazioni consecutive nelle Nassau Stakes dopo The Fugue e Winsili gli ultimi 2 anni, a cui si deve aggiungere anche quella di Sultanina (New Approach) nell'edizione 2014, su un terreno, come desiderava Gosden, un filo soffice. La figlia di New Approach (Galileo) ha ripreso dove aveva terminato, cioè dal secondo nelle Lancashire Oaks G2 dietro a Pomology, ed ha continuato a progredire vincendo ancora nell'occasione piegando una cavalla interessante come Narniyn (Dubawi) che con Soumillon era riuscita a filtrare all'interno di Venus de Milo (Duke of Marmalade), rimasta poi in terza posizione, ma non è riuscita a dare seguito all'affondo. Dal centro della pista invece William Buick ha centellinato la sua, per farla emergere negli ultimi 100 metri. Insomma, è la stagione di Gosden. IL VIDEO DELLE NASSAU QUI. Per la cavalla di Philippa Cooper del Normandie Stud, un obiettivo è il Champions Day ad Ascot con il Fillies & Mare in agenda. 

Italians a Doncaster: Gli italian bred Astrelle e Crack Choice con Paolo Sirigu ed Andrea Atzeni, poi Marco Botti e Luca Cumani

Italians, a due e 4 zampe. Oggi pomeriggio a Doncaster due maiden in apertura di convegno con cavalli e fantini che ci riguardano da vicino. In apertura nella prima divisione delle Unison Fighting For Better Pay Maiden Auction Stakes (Bobis Race) sui 1400 metri, affermazione per Paolo Sirigu che era in sella ad Astrelle (Makfi) per Marco Botti ed i colori di Sheikh Mohammed Bin Khalifa Al Maktoum. Astrelle è una due anni promettente allevata da Gennaro Stimola (l'allevatore italiano del momento) passata lo scorso anno alle Selezionate Sga e pagata €30,000 da McKeever. Si tratta di una mezza sorella del buonissimo Porsenna (Dylan Thomas). Alle prossime Selezionate del 19 Settembre passerà un suo mezzo fratello (LOT 66) da Dream Ahead (Diktat). In sella come detto c'era Paolo Sirigu, da qualche anno ormai fisso nelle scuderie di Marco Botti che non disdegna un suo ingaggio di tanto in tanto. Per Paolo sono 6 le vittorie totali in Inghilterra dal 2013, divise a 3 per stagione. 
Nella seconda corsa di Doncaster, altra divisione, secondo posto invece per Crack Shot (Lope De Vega), con in sella Andrea Atzeni, prodotto della fattrice italiana Slap Shot (Lycius) scomparsa proprio nei giorni scorsi a causa di complicanze dovute ad un incidente in paddock. Crack Shot era stato pagato gns 35,000 alle Tattersalls October, acquistato dal Rabbah Bloodstock che poi lo ha girato a Saeed Manana ed è allenato da Clive Brittain. Aveva debuttato con un 7° posto, ora è arrivato un secondo ed è prossimo alla vittoria. Slap Shot è una creatura targata Valle Falcone, dunque famiglia Riccardi, che fece vibrare tutti gli italiani con un secondo posto di un filo nell'Abbaye di Longchamp di qualche anno fa con Mirco Demuro in sella. Messa in razza ha prodotto, tra gli altri, la buonissima Sandslash (Holy Roman Emperor) che da imbattuta ha siglato il Carlo Chiesa G3 e poi è stata venduta come fattrice in Giappone per 160,000gns. Oltre a Crack Shot, c'è uno yearling da Acclamation (Royal Applause).
Nella terza corsa di Doncaster affermazione invece per Andrea Atzeni (e siamo a quota 79 in stagione) sulla tre anni Pleasant Valley (Shamardal) per i colori della famiglia Wildenstein ed il training di Luca Cumani..
Neanche il tempo di dirlo che è arrivata anche la seconda affermazione in giornata per Atzeni (score aggiornato a 80 nel 2014) che ha vinto sempre per Luca Cumani una prova sul miglio e mezzo in sella a Mizzou (Galileo).
Altro aggiornamento: Quinta corsa, e tripletta di Andrea Atzeni (ora a quota 81 nella stagione) quando ne mancano ancora 3 a Doncaster. La terza di giornata è arrivata su Whispering Warrior (Oasis Dream) per David Simcock...

Goodwood day 4: Take Cover con Andrea Atzeni di forza nelle King George, Pether's Moon ottimo nelle Glorious G3

Penultimo giorno di Glorious Goowdood, altri spunti interessantissimi. Nelle King George Stakes G2 affermazione per Take Cover (Singspiel) che ha provveduto a regalare un enorme soddisfazione a David Griffiths, 60 vittorie quando era fantino, che ha iniziato ad allenare nel 2010 ed attualmente gestisce 22 cavalli. Soddisfazione anche e soprattutto per Andrea Atzeni che era in sella ed ha portato al palo un cavallo non facilissimo da montare. Per il fantino italiano ennesima conferma di poter essere considerato uno dei migliori fantini in attività in Inghilterra. Per lui sono 78 le vittorie ad oggi (lo scorso anno chiuse con 120 vittorie), la percentuale di vittoria del 18% (altissimo se si pensa l'alta competitività e la concorrenza) ed uno stake enormemente positivo di +£117.27. 
Tornando al vincitore, si tratta di un 7 anni che ha tenuto a bada Caspian Prince (Dylan Thomas), ed ora punta deciso alle Nunthorpe Stakes G1 di York, in casa, dove troverà molto probabilmente quelli che ha affrontato oggi. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
Altra corsa interessante sono le Glorious Stakes G3 in apertura di pomeriggio e conferma arrivata puntuale da Pether’s Moon (Dylan Thomas) dopo le belle prestazioni ad Ascot e Newmarket a livello di Gruppo contro alcuni dei migliori anziani della generazioni. Senza Telescope o Cavalryman tra i piedi, si è guadagnato una bella nomination su distanze lunghe e difatti dopo la corsa si è parlato di Caulfield Cup in Australia il prossimo autunno. Il 4 anni da Dylan Thomas (Danehill), cavallo progressivo, allenato da Richard Hannon con Richard Hughes in sella, ha tenuto a bada Encke (Kingmambo) per una lunghezza ed un quarto. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
Nelle Bonhams Thoroughbred Stakes G3 delusione piuttosto notevole per Shifting Power (Compton Place) forse un pò stanco dopo le fatiche della stagione, che non si è piazzato in una corsa tutto sommato fattibile a favore di Wannabe Yours (Dubawi), ancora per John Gosden mattatore di questo 2014. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.

venerdì 1 agosto 2014

Francia: Vince al debutto il primo prodotto di Joanna, si chiama Rafaadah. L'ippodromo di Deauville inaugura il meeting estivo con una doppietta di Frankie Dettori, ecco la guida per seguire l'estate in Normandia fino a fine Agosto con 5 G1

La stagione incredibile di Hamdan Al Maktoum non conosce sosta, in seguito ai tanti investimenti. Questa mattina è uscito un bellissimo approfondimento a cura di Franco Raimondi su quelli che sono stati tutti gli investimenti di questi ultimi 10 anni, per arrivare a Taghrooda. Ieri pomeriggio a Deauville nel Prix de Lisieux sui 1200 metri ha debuttato vincendo Rafaadah, ancora colori di Hamdan, per il training di Jean-Claude Rouget e la monta di Cristophe Soumillon. La vincitrice è una due anni figlia dello stallone Oasis Dream (Green Desert) e primo prodotto della fattrice Joanna (High Chaparral), cavalla buonissima dai trascorsi italiani. Joanna in Italia, per il training di Bruno Grizzetti, ha vinto il Perrone e poi da corsara il Calvados G3 a Deauville nel 2009. Acquistata da Hamdan, con i suoi colori si è piazzata prima terza nel Boussac G1 a due anni, poi a 3 anni è stata terza nelle Poule d'Essai des Pouliches G1 a Longchamp ancora e verso la fine della carriera, eroica seconda nel Maurice De Gheest G1 sui 1300 metri. Tra le altre corse ha vinto anche il Prix de la Porte Maillot G3 ed il Prix Imprudence G3. Joanna è prodotto della fattrice Secrete Marina (Mujadil), di Giovanni Falduto, che ha già prodotto anche il buonissimo Cazals (Aussie Rules), secondo di Derby Italiano G2 alle spalle di Crackerjack King. Secrete Marina. Joanna ha uno yearling femmina da Dansili (Danehill). IL VIDEO RACCONTO DELLA CORSA QUI.
Ma non è tutto perchè nella giornata di ieri, proprio in prossimità della conclusione del Glorious Goodwood, basta attraversare la manica per andare in Normandia: è cominciato ufficialmente il meeting di Deauville, in un ippodromo che festeggia il suo 150° anno di età, che durerà tutta l'estate. 18 giornate, 148 per €7,5 milioni, fino al 31 Agosto. I momenti alti saranno i 5 G1 della stagione con vertice nel Prix de Rothschild G1 di domenica 3 Agosto, il Maurice De Gheest G1 del 10 Agosto, il Jacques Le Marois G1 sul miglio il 17 Agosto, il Prix Morny il 24 Agosto con contorno di Jean Romanet G1, unico con la curva dei presentati in precedenza. Nella giornata di giovedì apertura con il botto e Lanfranco Dettori che ha realizzato una doppietta nelle due corse più importanti della giornata: Nel Prix de Psyche G3 sui 2000 metri ha portato al palo l'inglese Be My Gal (Galileo), mentre poco più tardi il jockey italiano ha vinto anche il Prix du Cercle Lr con Mirza (Oasis Dream) sui 1000 metri con una solita monta tattica, perfetta. 

giovedì 31 luglio 2014

Goodwood day 3: #Cavalryman eroe anche nella Coppa! #Ivawood prospetto di campione nelle Richmond Stakes

Il cuore, prima di tutto. L'incredibile Cavalryman attualmente è il ritratto della salute: Forte, tenace, combattivo a tal punto da far pensare che così forte, considerati tutti i presupposti, pare non ci sia mai andato. Che sia a Newmarket sotto il diluvio o a Goodwood sullo scorrevole, ha messo fuori la lingua e tirato fuori dal cilindro un'altra prestazione superba nella Goodwood Cup G2 risolta da lontano con Kieren che al dissellaggio ha regalato più che un sorriso di compiacimento, quasi di sorpresa, all'eroe di Saeed Bin Suroor. L'eroe un pò di tutti, a questo punto.. Il linguacciuto 8 anni da Halling, che adesso concorre per la campagna primaverile in Australia per la Melbourne Cup G1 di Flemington ad inizio Novembre, ha tenuto in scacco Ahzeemah (Dubawi) per una accoppiata del trainer saudita ma soprattutto per una giubba della quale a memoria, veloce e volatile, non ricordiamo recentemente altre accoppiate del genere (escludiamo Meydan). IL VIDEO DELLA GOODWOOD CUP QUI
Terzo il solito coriaceo Brown Panther (Shirocco) mentre non si è capito cosa voleva fare Richard Hughes su Forgotten Voice (Danehill Dancer) quando gli ha dato il via 6 ore prima. Vabè, evidentemente era ancora eccitato dalla monta di Ivawood (Zebedee) che poco prima gli aveva regalato la sesta vittoria nelle Richmond Stakes G2, in coppia con Riccardone Hannon che questa corsa (il padre) l'aveva vinta già 5 volte ed ha così staccato Mathew Dawson..che aveva questa leadership dal 1884. Ivawood è un buonissimo cavallo, ora imbattuto in 3 uscite, che ha risolto con pochi tempi di galoppo una corsa sui 1200 metri.
Chi ha provato ad andargli contro all'inizio, vedi Moonraker (Starspangledbanner), si è poi cappottato all'indietro ricacciato dal gran passo del figlio di Zebedee (Invincible Spirit) che non ha fatto prigionieri. Si tratta forse del miglior 2 anni per Richard Hannon che ha disegnato per lui un percorso Classico. Il fatto è che fisicamente sembra già un tre anni ed infatti le 3 libbre di sovraccarico dovuti alla vittoria nelle July Stakes, gli hanno fatto un baffo.... Secondo alla fine è arrivato Louie De Palma (Pastoral Pursuits) con Jungle Cat (Iffraaj) che ha avuto la pazienza di attendere il finale. Comunque, il vincitore ha messo tra se ed il secondo 4 lunghezze e mezzo ma potevano essere anche molte di più. Tempo finale di 1m 10.09s (slow by 0.39s). IL VIDEO DELLE RICHMOND STAKES QUI. Per Zebedee è una stagione notevole, ha coperto tantissimo certo, ma sono oltre 20 i rappresentanti vincitori alla prima annata di produzione. 
Tra le femmine delle Lillie Langtry G3 alla fine ce l'ha fatta Missunited (Golan), a 4 anni, per Jim Crowley e Michael Winters. Infortunata dopo la corsa, ha finito la stagione e la carriera, ben presto verrà messa in razza. Arabian Comet (Dubawi), una 3 anni, è arrivata seconda in coppia con Waila (Notnowcato) con Richard Hughes che ha pensato bene di arrivare 4° con Talent (New Approach). IL VIDEO QUI.

mercoledì 30 luglio 2014

Goodwood: #Kingman è il Re! Con uno scatto ha risolto le Sussex Stakes, volato via Toronado di slancio!

Eccolo il Kingman (Invincible Spirit) che aspettavamo, che ha vinto nell'unico modo possibile queste Sussex. Il figlio di Invincible Spirit (Green Desert) ha messo in pratica il vecchio metodo dell'attesa e dello spunto, da portatore sano di scatto che spacca ed ha stravinto il Duel on the Downs, parte III, in modalità simili a quelle che utilizzò Frankel per spazzare via Canford Cliffs. Stavolta a fare la parte dell'agnello sacrificale è stato un altro cavallo allenato da Richard Hannon con il baio di Gosden che dopo una andatura da velodromo ha messo nel suo mirino Toronado (High Chaparral) e lo ha sbattuto fuori dalla giostra. Toronado, bellissimo a livello di condizione, sapeva di essere un facile obiettivo ma ha provato a metterla nell'unico modo possibile per tentare di battere un cavallo più forte: Buttandola sulla progressione dai 400, cercando di prendere il tempo soprattutto a Doyle, non eccezionale questi giorni ma evidentemente con la testa a questa corsa da tempo. Sebbene il cavallo del Principe Abdulla abbia perso per un attimo la battuta sull'ondulato di Goodwood ai 300, quando si è riorganizzato nell'azione ha letteralmente cappottato il rivale mettendo tra se e lui una lunghezza e mezza comoda. Whoosh! Ha vinto da campione, ha vinto da cavallo che ha un cambio di marcia da fuoriclasse, di quelli che si trasmettono in razza e questo sarà uno stallone con i fiocchi, pronto in casa Juddmonte insieme a Frankel. Ed ora c'è anche la consacrazione contro gli anziani. Dal 6° al 7° furlong ha realizzato una frazione di 10,22 secondi e ancora meno nell'ultimo furlong, sotto i 10 secondi se solo avesse voluto. In realtà il furlong finale Toronado lo ha fatto più veloce (10,26 contro i 10,53) ma oramai Kingman gli era volato via!! Roba da velocisti e quando uno è più forte è più forte e basta! Tempo finale è stato di 1m 41.75s (slow by 5.05s). Il risultato completo QUI. IL VIDEO DELLE SUSSEX STAKES QUI... Ecco le frazioni di Kingman furlongs dopo furlongs: 16.57s; 14.53s; 13.92s; 13.01s; 11.85s; 11.12s; 10.22s; and 10.53s. Per Toronado ha parlato il manager Harry Herbert il quale ha confermato l'ingresso in razza a partire dal 2015 del cavallo di Joann Al Thani. Per Kingman, forse, una decisione simile verrà presa nelle prossime ore, ma in realtà si è parlato di Queen Elizabeth II Stakes G1 come prossimo target ufficiale... aspettiamo solo l'annuncio.