STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 21 ottobre 2017

Ascot,: #Hydrangea vince le Fillies & Mares e regala ad Aidan O'Brien la vittoria 25 in G1! Eguagliato Bobby Frankel

Bobby Frankel è raggiunto! Hydrangea (Galileo) ha vinto le Qipco British Champions Fillies & Mares Stakes G1 regalando ad Aidan O'Brien il G1 numero 25 in questo 2017, ed ora si fa solo il conto alla rovescia per il superamento dello stesso che il leggendario trainer americano ottenne nel 2002 ma rimanendo solo in America. 
Si tratta di una affermazione per certi versi storica. Hydrangea è stata sempre una cavalla spettacolare, fisicamente, che non molla mai un metro, ed anche se in stagione ha perso spesso da alcune dirette compagne in casa Coolmore, stavolta ha tenuto botta dopo percorso dispendioso in quarta ruota (difficilissimo vincere in quel modo ad Ascot) respingendo la favorita Bateel (Dubawi) con al terzo Coronet (Dubawi), mentre deludente Journey (Dubawi) che è calata molto nella fase finale. 
Per Hydrangea era alla seconda vittoria a livello di G1 dopo l'affermazione nelle Matron Stakes G1, battendo proprio Winter. L'ultima volta, a Chantilly, era giunta seconda di Rhododendron (Galileo) nel Prix de l'Opera.

Ascot: Order Of St George all'ultimo tuffo della Long Distance Cup, Librisa Breeze a sorpresa nel Champion Sprint

Il Champions Day si è aperto con la Qipco British Champions Long Distance Cup G2 sul doppio miglio, risolto all'ultimo tuffo da Order Of St George (Galileo), favorito e recente quarto nell'Arc de Triomphe G1, che ha avuto necessità di tutta la dirittura di Ascot per affermarsi ed andare a riprendere Torcedor (Fastnet Rock) che ad un certo punto sembrava essere sfuggito! Terzo è giunto Stradivarius (Sea the Stars). Male Big Orange (Duke Of Marmalade), battuto a palo lontano. Si tratta di un'altra perla da parte di Ryan Moore con un cavallo particolare, e la settima vittoria in questa corsa per Aidan O'Brien.
Il suo palmares parla ora di un 2 Irish St Leger vinti a 3 e 5 anni, 1 Gold Cup G1 e 2 piazzamenti nell'Arc de Triomphe G1. IL VIDEO QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Nella prova per i velocisti, le Qipco British Champions Sprint Stakes, ennesimo colpo tra i velocisti per il grigio Librisa Breeze (Mount Nelson) che alla fine ha avuto la meglio, in un finale vibrante, di Tasleet (Showcasing) e Caravaggio (Scat Daddy), mentre non è riuscito a vincere ancora ad Ascot il favorito Harry Angel (Dark Angel), partito anche impennandosi. 
Librisa Breeze è un cavallo di proprietà del pokerista Tony Bloom, allenato da Dean Ivory e montato da Robert Winston, che finora non aveva mai trovato fortuna nelle prove di Gruppo ma era giunto al massimo secondo nelle Hungerford Stakes G2. Come i migliori velocisti è migliorato con il tempo ma forse non ha detto ancora tutto di se. Sta di fatto che a 5 anni è arrivata la vittoria in G1. 

venerdì 20 ottobre 2017

Milano: Solo in 4 nel Jockey Club. Savoir Vivre contro Full Drago, Way To Paris e Aethos. In 8 nel Gran Criterium

Sono stati appena definiti i campi partenti della giornata del Gran Criterium, Jockey Club e Campobello. Se da una parte la prova per i puledri ha fatto registrare una buona partecipazione che garantirà il giusto spettacolo con 8 cavalli al via di cui metà provenienti dall'estero, l'edizione 2017 del Gran Premio del Jockey Club è invece abbastanza deludente e si è già prestata a diverse critiche, giustamente. L'epoca che l'Italia sta vivendo ippicamente, del resto, è questa e non ci sono particolari sbocchi se non episodici. Senza una programmazione ragionata, ponderata e lungimirante, capita eccome di ritrovarci corse del genere. La cosa buffa è che il montepremi, nella fattispecie di €257,400, è garantito dallo stesso ente che dovrebbe garantire, ma per suo stesso interesse, un volano in grado di girare agevolmente. Speriamo ci sia redenzione, prima o poi, perchè questo è uno sport al quale basta veramente poco per girare in maniera fruttuosa ed indipendente. Una leva, ecco. E non è casuale che in qualsiasi paese del mondo l'ippica è fiorente ed in continuo progresso.
Sta di fatto che alle numerose iscrizioni non hanno fatto seguito le intenzioni, e dunque ci ritroviamo 4 cavalli al via tra cui un favorito netto come Savoir Vivre (Adlerflug), contro 3 italiani. Il tedesco, allenato da Jean Pierre Carvalho con Edu Pedroza in sella, ha frequentato ottime categorie in patria. Reduce da un quarto a Colonia nel Grosser Preis von Europa G1, in carriera ha vinto il Grand Prix de Deauville G2, è stato secondo nel Derby tedesco G1, e poi ha ottenuto un ottavo posto nell'Arc de Triomphe G1 2016 a 8 lunghezze da Found. Dunque, uno che vale ed ha un 116 di OR. Praticamente è un favorito scritto contro 2 che, invece, si scontrano sempre uno contro l'altro.

#Ascot, #Championsday: Il meteo dice acqua! Cambiato il going da buono a good to soft. Ecco la situazione..

Facciamo un piccolo punto della situazione per ciò che concerne il grande giorno di Ascot di sabato, nel Champions Day 2017 nel quale si preannunciano davvero tante belle corse come documentato ieri. La novità, per scansare ogni dubbio, riguarda il meteo che è cambiato nelle ultime ore. Venerdì mattina sono scesi 6mm d'acqua, ma ne sono previsti altri e dunque si va verso una giornata nella quale il terreno pesante la farà da padrone. Il clerk of the course Chris Stickels ha cambiato ufficialmente la gradazione da good a good to soft in places nella sezione di pista dritta e good to soft, good in places nella parte con la curva. 
Il meteo è conseguenza dell'arrivo dell'uragano Ophelia che nei giorni scorsi si è abbattuto sull'Irlanda, facendo 3 vittime. A Londra qualche giorno fa il cielo era arancione causa le nuvole cariche di sabbia del Sahara arrivate fin lassù. Ophelia si sta spostando verso le coste di Galles e Scozia, arriverà nella parte sud dell'Inghilterra in maniera più lieve ma comunque trasportando acqua. Per completare il servizio di Meteo Mondoturf 24, diciamo pure che domenica la perturbazione arriverà in Italia con il cosiddetto "figlio" di Ophelia, che creerà maltempo ma non disastri come in Irlanda. Per ora è tutto, al prossimo bollettino meteo.

giovedì 19 ottobre 2017

#Ascot, ecco il #ChampionsDay: #Cracksman e Frankie Dettori contro 9 nelle Champion, out #Ulysses. C'è Demurino con Brametot. Aidan O'Brien a caccia della vittoria 25 in G1!

Colpo di scena ad Ascot! In vista del Champions Day di sabato (inizio programma alle 14,25 ora italiana), sono stati diramati i partenti ufficiali nella giornata di giovedì con distribuzione delle monte e sorteggi degli steccati annessi, con l'assenza (più o meno prevista) del campione Ulysses (Galileo) che bypasserà l'evento in vista della Breeders' Cup Turf a Del Mar in California il 4 Novembre prossimo su distanza di 2400 metri ma con un meteo che regala più certezze al cavallo di Sir Michael Stoute, rispetto al dubbio pesante di sabato ad Ascot. 
Le QIPCO Champion Stakes G1 sui 2000 metri da £737,230 al primo, saranno bellissime! Sono 10 i dichiarati al via con Cracksman (Frankel) favoritissimo al momento con Frankie Dettori in sella che potrebbe vivere un'altra giornata di altissimo livello ed un motivo in più per esultare dopo la vittoria nell'Arc de Triomphe con Enable, mentre Barney Roy (Excelebration) capeggia quelli che dovranno inseguire il cavallo montato dal jockey italiano ad Ascot, in quello che più di tutti ha rappresentato un luogo magico dove ripetere le sue gesta. Terzo del campo Brametot (Rajsaman) con Cristian Demuro in sella per Jean Claude Rouget.

Milano, Gran Criterium e Jockey Club. De Bruyne Horse per Richard Hannon con Luca Maniezzi! Convertino su Move Over

Dopo un primo giro di pareri e considerazioni fatte nella giornata di mercoledì, siamo a giovedì e manca un giorno alla dichiarazione dei partenti in programma venerdì per le corse di Milano nella giornata di domenica allo Snai San Siro per Gran Criterium G2 per giovanissimi sui 1500 metri in pista media, e il Gran Premio del Jockey Club G2 per anziani sul miglio e mezzo.
Togli di qua, depura di la. Tra rinunce e mancato interesse, di preannuncia un Gran Premio del Jockey Club molto scarno con 5 cavalli al via. Secondo le ultime indicazioni gli stranieri veri e propri saranno 2 ed uno è Savoir Vivre (Adlerflug), presentato da Jean Pierre Carvalho per i colori del Barone Von Ullman che resta sul quarto nel 55th Preis von Europa G1 di fine Settembre a Colonia. Dovrebbe avere in sella Edu Pedroza. Dall'estero anche il grigio Quelindo che a Roma ha deluso anche per via del terreno soffice, mentre dalla Francia ci riprova Way To Paris (Champs Elysees) che ha un conto aperto con la punta italiana Full Drago (Pounced), capace di precederlo in 3 occasioni su 3. Medita vendetta il grigio di Marcialis, vediamo cosa inventerà. L'altro previsto è Aethos (Dragon Pulse), che forse potrebbe scompaginare i piani da front runner di Full Drago. Il tema della gara è proprio quello.

mercoledì 18 ottobre 2017

Milano: Domenica ci sono Jockey Club G2 e Gran Criterium G2 allo #Snai San Siro. Ecco i rimasti e gli stranieri..

I prossimi 2 fine settimana saranno importanti per l'ippica italiana. Domenica 29 ottobre a Capannelle ci sarà il Lydia Tesio G1 day, l'ultimo G1 rimasto in Italia dopo la scure del Comitato Pattern che ha mietuto vittime illustri tra i nostri gran premi, ma è un argomento che tratteremo nei prossimi giorni, mentre il 22 Ottobre si corre a San Siro ed in programma ci sono Gran Premio del Jockey Club G2 con €257,400 di dotazione sul miglio e mezzo in pista grande, che per ora ha chiamato a raccolta 23 iscritti di cui 11 appartenenti al team Botti di Cenaia.
All'orizzonte sono previsti ingressi degli stranieri, ed anche di un livello interessante qualora ovviamente decidessero di partecipare. Attendiamo novità circa le eventuali supplementazioni che potranno arrivare nella giornata di giovedì al costo di oltre €21,000, mentre la dichiarazione ufficiale dei partenti ci sarà nella giornata di venerdì. Gli stranieri iscritti sono 8 e li trovate nella lista degli iscritti. 
In particolare ci sono 2 inglesi in Elbereth e Red Verdon, un irlandese in Harbour a Secret (di Paolo Zambelli, ma con carta di poco rilievo) e poi i tedeschi interessanti Parviz e Savoir Vivre, reduci da un quinto ed un quarto in G1 a Colonia, poi Khan terzo di St Leger tedesco. Dalla Francia è iscritto Traffic Jam, vincitore la settimana scorsa del Conseil de Paris G2 e difficilmente in pista anche a Milano. Basta cliccare sul nome per conoscerne la carriera recente. Ecco i rimasti all'ultimo forfait:

martedì 17 ottobre 2017

Inghilterra: Sabato c'è il #QIPCO #Champions Day da #Ascot. Sfida tra #Cracksman, #Ulysses e Barney Roy..

L'Europa manda in scena il suo weekend clou dopo quello del 1° Ottobre in Francia, con la giornata del QIPCO Champions Day di Ascot sabato 21 Ottobre. In programma ci sono 6 corse di 5 al massimo livello e, nell'ordine, sono programmate così: Alle 14:25 la Qipco British Champions Long Distance Cup G2, alle 15,00 la Qipco British Champions Sprint Stakes G1, alle 15,40 le Qipco British Champions Fillies & Mares Stakes, alle 16,15 le Queen Elizabeth II Stakes G1 (Sponsored By Qipco) e alle 16:50 le Qipco Champion Stakes G1. 
Notate la delicatezza: Le Queen Elizabeth, essendo intitolate a Sua Maestà, non possono essere "sporcate" dallo sponsor QIPCO, che figura solo dopo l'enunciazione del nome e non prima come nelle altre corse.
Nella prova regina del pomeriggio è previsto il classico scontro tra campioni della generazione, ed in particolare tre cavalli che vengono da segmenti diversi e si confronteranno per capire chi sia veramente il più forte. Ulysses (Galileo), l'anziano che ha guardato negli occhi la campionessa Enable ed è rimasto pietrificato, poi Cracksman (Frankel) che per non rimanere come una medusa ha preferito bypassare ma arriva perfetto all'appuntamento ed è figlio di quel Frankel che qui chiuse la carriera vincendo, in un giorno particolarmente emozionante per l'ippica mondiale, e poi Barney Roy (Excelebration) che ha calcato altri palcoscenici ma ha già incrociato le armi con Ulysses a York, praticamente stendendogli un tappeto rosso verso la vittoria nelle Juddmonte ed è ansioso di rifarsi.

lunedì 16 ottobre 2017

Canada: Blond Me vince le E P Taylor Stakes per Barbara Keller. Bullards Alley sorprende nel Canadian International

In America, anzi in particolare in Canada, si sono tenute quattro Pattern nella notte tra domenica e lunedì. Quelle di maggiori interesse, anche per questioni europacentriche, riguardano i risultati delle E. P. Taylor Stakes G1 per femmine, sul soft, vinte dalla 5 anni Blond Me (Tamayuz), vecchia conoscenza del galoppo italiano in quanto favorita ma non piazzata nel Lydia Tesio G1 di Capannelle dello scorso anno che finalmente ha guadagnato la sua vittoria di G1 in carriera dopo il piazzamento estivo nelle Nassau Stakes. La cavalla di Barbara Keller, allenata da Andrew Balding e ben montata da Oisin Murphy, ha capitalizzato un percorso d'attesa vincendo nei confronti di Kitten's Roar (Kitten's Joy), una 5 anni di Michael Maker, e l'altra americana Fourstar Crook (Freud). Solo quinta la favorita Nezwaah (Dubawi) con Andrea Atzeni in sella, ed ultima Rain Goddess (Galileo) che poteva essere la vittoria numero 25 a livello globale per Aidan O'Brien in G1. VIDEO QUI. RISULTATO QUI.

Francia, 2: Il Derbywinner Wings Of Eagles in razza presso l'Haras de Montaigu, Stabilito il tasso di monta..

Sempre in tema di allevamento, in Francia è stato reso noto che il vincitore del Derby 2017 Wings Of Eagles (Pour Moi) farà lo stallone nel 2018 nel luogo dove è nato dunque presso l'Haras de Montaigu e per lui si tratta di una sorta di piccola leggenda, perchè di fatto è il primo vincitore di Derby inglese a fare lo stallone in Francia dopo 60 anni. 
Acquistato alle Arqana August Yearling Sale per €220,000 dal Coolmore, ha vinto il Derby inglese e si è piazzato nell'Irish Derby G1 alle spalle di Capri,  patendo però un infortunio grave nell'immediato dopo corsa che gli ha compromesso la carriera, ma non la possibilità di produrre eredi. Stabilito anche il tasso di monta in €12,000. Maggiori informazioni su questo LINK.

Francia: Al Wukair e Zelzal dal 2018 all'Haras du Bouquetot. Ora obiettivi ad Ascot e in America

Al Shaqab Racing ha reso noto che i campioni, vincitori di G1, Al Wukair e Zelzal entreranno ufficialmente in razza presso l'Haras de Bouquetot per il 2018 e sarà possibile prenderne delle quote come sindacati. Zelzal (Sea The Stars), ha vinto 4 corse incluse le prime 2 per complessive 10 lunghezze imbastite agli avversari, e poi il Jean Prat G1 a tempo di record, prima di tornare poi a vincere nel Prix Paul de Moussac G3 a 3 anni. 
Al Wukair (Dream Ahead) è l'altra interessante new entry nel parco stalloni internazionale e francese. Ha vinto il Prix Djebel G3 in Aprile prima di ottenere un terzo posto nelle 2000 Ghinee G1 e dopo qualche settimana di sosta, è tornato ad offrire rendimento altissimo nel Prix Jacques Le Marois G1. Al Wukair correrà sabato le Queen Elizabeth II Stakes G1 nel Champions Day di Ascot mentre Zelzal chiuderà la carriera in America correndo la Breeders’ Cup Mile. Dopodichè per i 2 si aprirà la seconda carriera, quella di stalloni, presso il Bouquetot dove funzionano già i promettenti Style Vendome e Planteur, senza dimenticare il campione e vincitore di G1 Shalaa insieme al quattro volte vincitore di G1 Olympic Glory e Toronado, con i primi figli ad entrare in pista nel 2018. Tassi di monta verranno comunicati più avanti.

domenica 15 ottobre 2017

Milano: Sweet Gentle Kiss vola sul Dormello. Anda Muchacho conferma nel Piazzale, Distain aggancia Alambra

Sweet Gentle Kiss (Henrythenavigator) è una cavalla forte. Su queste colonne ci siamo molto spesso spesi nei suoi confronti ed il doppio Coolmore-Dormello sta a li a certificare che la cavalla della New Age è qualcosa più che una normale performer, e la dimensione l'ha dato il secondo posto della favorita e molto attesa (Con linee internazionali) che risponde al nome di Binti Al Nar (Areion) che ha provato a più riprese a produrre attacchi nei confronti della rivale, sempre rimandati al mittente con una progressiva accelerazione della pensionaria del team Botti, sempre efficace. 
Anche dal punto di vista tattica ha avuto i suoi vantaggi, certo, perchè quando le lasci fare in qualche modo i comodi in avanti poi diventa difficile fare tutta la retta con il tamburo a palla. Sweet Gentle è una di quelle che lo fa, ed ha risolto con Dario Vargiu in testa che ha battuto Fabio Branca, cioè uno che fino a qualche mese fa bramava la sella di Sweet Gentle Kiss. Terza è finita bene Dancer Cross (Cape Cross) mentre quarta ha fatto la sua figurra Isole Canarie (Rip Van Winkle). La vincitrice è una figlia di Henrythenavigator (Kingmambo) e quella Cronsa (Martino Alonso), piazzata Classica e depositaria di una linea di sangue molto forte in Italia. 
Insomma, non ci sorprenderemmo (come abbiamo detto più volte) che Sweet Gentle possa vincere l'Elena G3 e prima poi andare all'estero, acquistata da qualche giapponese proprio per una questione di genealogia. Un paese evoluto farebbe di tutto per tenerla nella sua disponibilità. Ma in un paese evoluto... vediamo che succede.  IL VIDEO DEL DORMELLO QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI. Per sapere il commento, il video ed il risultato completo delle altre corse di San Siro clicca più sotto.

Flop a Newmarket: Expert Eye delude, ma si escludono problemi di respirazione. Forse un problema al posteriore, o no..

Siamo in attesa ancora di capire cosa sia successo veramente, per cercare di spiegare il flop clamoroso di Expert Eye (Acclamation) nelle Dewhurst Stakes G1, favorito a 3/10, giunto ultimo in una corsa nella quale a dominare è stato Aidan O'Brien che ha piazzato tutte le sue 4 pedine nei primi 4 posti.
Sulle prime ci ha pensato Sir Michael Stoute, che non ha trovato giustificazioni apparente dicendo che il problema respiratorio di cui era rimasto vittima dopo la vittoria a Goodwood, e per il quale era stato ritirato in vista delle National Stakes, era completamente superato dopo esami accurati e quindi tende ad escludere totalmente questa eventualità confermata anche dagli esami post gara. A quanto pare, però, qualcuno ha notato una zoppia al posteriore destro che sarà dunque oggetto di esami ancora più accurati. Altri, invece, hanno chiamato in causa la teoria del gatto di Schrödinger, cioè un paradosso della relatività prodotto nel 1935 secondo "con lo scopo di illustrare come l'interpretazione "ortodossa" della meccanica quantistica (interpretazione di Copenaghen) fornisca risultati paradossali se applicata ad un sistema fisico macroscopico". Cioè, se Expert Eye ha deluso ci sono sicuramente delle motivazioni fisiche da dover giustificare. Oppure no. Tutto molto relativo. Ne sapremo di più a breve. 

Mistero in Inghilterra. Morte sospetta Kempton, sospese le corse del convegno di sabato sera. Senza vita un 50enne

Mistero a Kempton. Sabato sera in programma il solito convegno, quando ad un certo punto del programma, prima della settima, il Clerk of the Course ha comunicato di un serio incidente e di conseguenza sono state sospese le corse perchè sono stati chiamati i poliziotti del Surray e tutti gli investigatori chiamati a fare chiarezza sul caso.. 
La causa parla di una morte sospetta nelle scuderie e di cui non si sa molto, ancora.
A quanto pare un uomo sui 50 anni, è venuto meno in seguito ad un incidente ma per chiarire le dinamiche e l'evoluzione della tragedia gli investigatori locali stanno facendo i rilevamenti del caso, ed ancora non sono filtrati dettagli dalla scena incriminata. Di lato il tweet con il quale ieri sera l'ippodromo di Kempton ha comunicato l'annullamento del resto del convegno.
Aggiornamento: Alla fine è stato reso noto il de cuius in Ken Dooley, un groom rimasto vittima di un calcio in faccia da parte di uno dei cavalli che correvano nella serata di Kempton.

sabato 14 ottobre 2017

Newmarket: Dominazione O'Brien nelle #Dewhurst! Primi 4 al palo, vince Us Navy Flag. Ultimo Expert Eye

1-2-3-4. Invece 24 sono i G1 vinti in stagione. Tempo di 1m 22.37s (fast by 0.13s) e record della corsa. A parole abbiamo terminato gli aggettivi per descrivere le potenzialità di Aidan O'Brien che, al netto di tutto, continua ad esprimersi in numeri. 
Anche nelle Dewhurst Stakes G1 ha mostrato di che potenzialità dispone il suo arsenale qualitativamente e quantitativamente parlando, una vera e propria industria di campioni acquistati o allevati. Di 300 che doma, 200 passano i primi test, 100 sono in grado di correre e 5 sono fortissimi. E quando ci sono edizioni come queste delle Dewhurst capita pure di occupare tutti e tre i gradini del podio, anche con una riserva. 
A vincere è stato Us Navy Flag (War Front), fratello pieno di Roly Poly, che ha battuto Mendelssohn (Scat Daddy) per il secondo con al terzo Seahenge (Scat Daddy) e quarto Threeandfourpence (War Front). Ed Expert Eye (Acclamation), favorito a 3/10? Ultimo. Dopo aver provato a seguire la scia di Us Navy Flag, concentratissimo con il suo paraocchi e Ryan Moore didasca, filato via verso la meta a tempo di record e dopo aver rispolverato il doppio Middle Park-Dewhurst che non riusciva dal 1982 con Diesis.

Milano: La tedesca Binti Al Nar contro Sweet Gentle Kiss nel Dormello G3. Anche Piazzale, Verziere ed Omenoni...

Milano manda in scena la domenica con un trittico di G3 ed una Listed, interessantissimi. Il clou della giornata è indiscutibilmente il Premio Dormello G3 da €151,000 per femmine di 2 anni che si affrontano sul miglio, in una sorta di antipasto per le Classiche 2018. In questa corsa una bella tradizione ce l'hanno le tedesche, una di queste fu Kazzia (Zinaad) che poi realizzò il doppio 1000 Ghinee-Oaks per Godolphin. 
Sono in 7 e Peter Schiergen presenta Binti Al Nar (Areion), sarà montata da Fabio Branca, che ha una figura da tenere in considerazione in quanto è sempre migliorata corsa dopo corsa nelle 3 prove sin qui disputate, aprendo il conto un mesetto fa nel the WILO Pokal di Dortmund. Attualmente vanta un GAG rating, il rating tedesco, di 81.5 che corrisponde circa all'81 dell'OR Rating. Ma sappiamo come le tedesche siano sempre pericolosissime ed il valore va sempre associato ad un + accanto al numerino. Binti è una cavalla saura essenziale nel fisico ma dotata. Si tratta di una cavalla di proprietà del Syndikat Rapido (giubba gialla e maniche a strisce nere) e nella foto è quella allo steccato, quando arriva seconda di Cabarita, poi seconda in Listed a Colonia.
Alduino e Stefano Botti presentano 3 delle 7 partecipanti, con la punta certa in Sweet Gentle Kiss (Henrythenavigator) che ha vinto 4 delle 6 corse disputate, steccando solo il Mantovani in condizioni particolari. Sweet è la nostra favorita del Regina Elena in attesa escano altre cavalle buone. Della partita sono anche Dancer Cross (Cape Cross), che ha seguito Sweet Gentle Kiss, ed avrà in sella Carlo Fiocchi ma nel Mantovani fu davanti a Sweet Gentle, subendola poi un paio di settimane fa nel Premio Coolmore.

Australia: #Redzel vince l'edizione inaugurale della The Everest da $10 milioni di fronte a 33,000 persone! Eccolo..

In Australia c'è il clou della loro primavera. Abbiamo abbondantemente presentato nei giorni scorsi la prima edizione in assoluto della The Everest che, con i suoi $10 milioni di dotazione, è la più ricca corsa in erba del globo. Sui 1200 metri del Royal Randwick a vincere il primo premio da Aus$5.8 milioni ($4,6, £3,6M) sui 1200 metri, di fronte ad una folla estasiata quantificabile in 33,000 unità, è stato un cavallo in formissima come Redzel (Snitzel), un 5 anni di Peter & Paul Snowden di proprietà del Triple Crown Syndicate che ha completato un quadro di 5 vittorie consecutive dimostrando di avere gli occhi fuori dalle orbite, tanta è la sua forma e del resto era reduce da una vittoria a tempo di record proprio a Randwick. 
Basta riguardare la corsa per capirlo, con il figlio di Snitzel (Redoute's Choice) che una volta partito forte è rimasto vicino alla testa tutto il tempo ed invece di calare, come hanno fatto quelli che erano in gruppo con lui, ha cambiato ancora marcia ai 200 finali finendo in spinta in un tempo di 1m 8.36s e battendo Vega Magic (Lope De Vega) per il Team Hayes, Brave Smash (Tosen Phantom) per Darren Weir, ed il favorito Chautauqua (Encosta De Lago) che voleva fare il numero cercando corsie interne, ma non aveva fatto i conti con quelli davanti che invece di venirgli incontro totalmente, lo hanno fatto solo parzialmente. Per il grigione un quarto posto, da top weight, comunque di spessore.
Da segnalare che il vincitore è di proprietà di un sindacato di 17 persone tra cui un poliziotto, un insegnante, un dottore, un costruttore, un tassista, un elettricista, un allenatore di cricket, una guardia del corpo, un farmacista. Redzel ha vinto 10 delle 20 corse disputate, per un bottino parziale di $7,195,250.

Inghilterra: #Laurens beffa #September nel Fillies Mile. Andrea Atzeni colpisce a 25/1 in G3. Limato torna a vincere..

In Inghilterra è andato in scena il primo giorno dei 2 previsti a Newmarket interamente dedicato ai puledri, soprattutto nelle accezioni dei G1 in programma tra sabato e domenica. Risultati un pò a sorpresa nel venerdì con l'edizione 2017 del Fillies Mile G1 andato a Laurens (Siyouni) che ha risolto una fotografia strettissima con la piccola ma combattiva September (Deep Impact), negando la vittoria numero 24 a livello di G1 per Aidan O'Brien, in una corsa priva di Happily ritirata. Laurens, a 10/1, ha regalato la prima vittoria a livello di G1 per P J McDonald e per Daniel Creighton e Josh Schwartz del Salcey Forest Stud, che l'hanno acquistata per £220,000 alle Goffs Uk Premier Sales dello scorso anno. Terza nella lotta serrata è giunta Magic Lily (New Approach e Dancing Rain).
Per Laurens è la terza vittoria in 4 uscite dopo la vittoria al debutto in maiden a Doncaster, il secondo nel Prix du Calvados e dopo aver vinto le May Hill G2 al primo tentativo sul miglio.

Francia, allevamento: De Treville in razza al Thenney. Cima de Triomphe ricollocato, Sinndar in pensione

Notizia sponsorizzata dalla NBF LANES Linea Horse. Per maggiori informazioni visitare il sito http://www.nbflaneshorse.com/.
Altre notizie che arrivano dalla Francia riguardano la parte allevamento. In particolare l'Haras du Thenney ha annunciato l'ingresso in razza di De Treville (Oasis Dream), primo prodotto e primo vincitore della campionessa Dar Re Mi (Singspiel) che però si è dimostrato un buon cavallo solo in parte. 
Fu acquistato per la cifra di £850,000 da puledro, ma ha vinto un paio di corse e poi si è piazzato in qualche G3. Comunque, con cotanta genealogia, un posticino in razza glielo hanno trovato.
A fargli posto sono stati Mawatheeq (Danzig) e la nostra vecchia conoscenza Cima de Triomphe (Galileo), vincitore del Derby Italiano, l'ultimo di G1 prima del declassamento, che faranno la rotta dall'Haras du Thenney presso l'Haras du Bois Emery. 
L'Aga Khan ha annunciato invece il ritiro dalle attività riproduttive per Sinndar (Grand Lodge) che a 20 anni smetterà di razzare all'età di 20. Andrà in pensione insieme a Dalakhani (Darshaan) con il quale giocherà a briscola e tresette presso l'Haras d'Ouilly.

Francia: Fighting Irish e Cristian Demuro vincono il Criterium de Maisons-Laffitte stringatissimo. Gli altri italiens..

In Francia ieri un venerdì di spessore a Maisons-Laffitte con in programma su tutto il Criterium de Maisons-Laffitte G2 sui 1200 metri, vinto da Cristian Demuro in sella all'inglese Fighting Irish (Camelot) per Harry Dunlop sul favorito Nebo (Kodiac), altro inglese, e French Pegasus (French Fifteen). IL VIDEO DELLA CORSA CLICCANDO SU QUESTO LINK.
Erano solo in 3 dopo i 2 ritiri rispetto ai 5 previsti. E poi dicono delle nostre corse. Possibile che i francesi non avessero altri cavalli da mettere dentro? 
Sta di fatto che ha vinto un figlio dell'attesissimo Camelot (Montjeu), primo rappresentante di Gruppo, alla terza vittoria in carriera dopo un inizio scintillante in Inghilterra a Yarmouth che si conferma essere un ippodromo che lancia spesso cavalli buoni.

giovedì 12 ottobre 2017

Aste #Tattersalls: Il day after del record a Newmarket. Parri: "Torneremo nel 2018 con la sorella da Golden Horn"

Come già abbondantemente anticipato, la giornata di mercoledì 11 Ottobre ha avuto un qualcosa di storico per l'allevamento italiano in quanto mai prima d'ora un cavallo allevato da italiani aveva fatto registrare simili numeri a Tattersalls ed in particolare nel Book 2 dei record. 
Mai nemmeno un prezzo così alto infatti era stato spuntato da un cavallo nella seconda sessione di aste delle Tattersalls October Yearling Sales, le più importanti in Europa. Il figlio di Sea The Stars (Cape Cross) e Biz Bar (Tobougg) ha realizzato infatti £850,000, quasi il movimento di tutta l'asta italiana SGA di metà Settembre, aggiudicato a Shadwell con presenti sul luogo Sheikh Hamdan Al Maktoum insieme ad Angus Gold che ha atteso il momento migliore per battere i concorrenti nel ring, in particolare Alistair Donald e Charlie Gordon-Watson con Bruce Raymond che si sono rivelati underbidder di spessore che agivano per conto di allenatori del calibro di John Gosden, Sir Michael Stoute ed altri. 
Ne abbiamo parlato abbondantemente in un altro post, disponibile cliccando QUI
Soddisfatto, ovviamente, Massimo Parri dell'Allevamento Le.Gi. vicino Siena, che possiede al massimo 15 fattrici, intervistato dai canali ufficiali della prestigiosa casa d'aste inglese insieme a Marco Niccolucci, che ha accompagnato il bellissimo ed attraente puledro nel ring:

DIVENTA PARTNER COMMERCIALE DI #MONDOTURF. Ecco le offerte della stagione, chiedici un preventivo..

PARTNERS COMMERCIALI – E’ iniziata una nuova stagione per l'ippica italiana, in fondo Settembre è un pò un piccolo capodanno ippico, ed anche Mondoturf.net è ripartita per affrontare al meglio tutti gli impegni. 
Il sito, infatti, giorno per giorno, minuto per minuto, segue ogni vicenda dell'ippica a livello mondiale e non solo a livello nazionale con foto, video, notizie e curiosità, tutto rigorosamente in ottica culturale e tecnica, ed anche i numeri ci riconoscono un posto di rilievo nel panorama dell’informazione con valori sempre crescenti di pubblico. Mondoturf vanta almeno 2000 visitatori unici al giorno da tutto il mondo (con prevalenza in Italia, ovviamente) con dati perennemente in crescita, e quasi 4000 visualizzazioni di pagina al giornoDati certificati Google Analytics, non sono chiacchiere. Ora potrai essere protagonista anche TU e la TUA ATTIVITA’ COMMERCIALE. Basta continuare a leggere per prendere contatti....
Stiamo allestendo infatti spazi pubblicitari sia per il 2018 sia per il finale di questa stagione 2017, con accordi che possono anche protrarsi a cavallo dell'anno. Non abbiamo limiti o schemi..

Newmarket: Aidan O'Brien con 3 pedine nel Fillies Mile G1! Alla caccia del record di 25 G1 in stagione di Bobby Frankel

No, non ci siamo dimenticati ma abbiamo voluto lanciare più che altro il big event di sabato a Newmarket, le Dewhurst Stakes G1 dove il favorito è Expert Eye (Acclamation) per i colori di Juddmonte ed il training di Sir Michael Stoute e che avrà in sella Andrea Atzeni come anticipato già nella giornata di ieri. Una edizione delle Dewhurst che potrebbe avere dei cambiamenti al momento della dichiarazione ufficiale dei partenti. 
Ma prima, il venerdì, Newmarket manderà in scena l'anticipo del Future Champions Day con le femmine del Fillies Mile dove Aidan O'Brien, a quota 23 vittorie in G1 in stagione, potrebbe avvicinare ancora di più il record delle 25 vittorie in G1 della stagione, alla caccia del record di Bobby Frankel in America che dura dal 2012. Insomma, ne mancano 2 e questi appuntamenti tra venerdì e sabato potrebbero permettergli già di eguagliarlo. Staremo a vedere. 
In generale la giornata proporrà le Newmarket Academy Godolphin Beacon Project Cornwallis Stakes G3 per 2 anni sui 1000 metri, le Godolphin Lifetime Care Oh So Sharp Stakes G3 per femmine di 2 anni sui 7 furlongs e poi ancora le Godolphin Stud And Stable Staff Awards Challenge Stakes G2 per 3 ed oltre sui 7 furlongs e poi appunto il bet365 Fillies' Mile G1 per femmine di 2 anni sui 1600 metri del Rowley Mile come clou della giornata.

#Australia, seconda parte: Sabato l'italian bred #Kaspersky debutto oceaniano nel Toorak Handicap G1 di Caulfield

A proposito di Australia, diciamo pure che sabato a Caulfield l'italian bred Kaspersky (Footstepsinthesand), ex Nuova Sbarra presso Endo Botti e Cristiana Brivio, diventato champion miler in Italia acquistato da Ernest Clarke & Mrs Ronda Clarke all'inizio della stagione primaverile europea ed affidato alle cure di Jane Chapple Hyam, fornirà il suo debutto australiano a 7 anni nelle United Petroleum Toorak Handicap G1 sulla distanza del miglio con $500,000 di dotazione. 
Kaspersky, che in Europa ha ottenuto un quinto nelle Queen Anne G1 e poi due piazzamenti nel Summer Mile G2 e poi ancora nelle Superior G3 di Haydock, affronterà 18 avversari ed al momento è proposto a 26/1 nell'antepost betting. Avrà in sella Luke Nolen, il jockey di Black Caviar, in sostituzione di Michelle Payne che non ha recuperato da un piccolo infortunio. IL CAMPO PARTENTI UFFICIALI CLICCANDO QUI.
Kaspersky

Australia: Sabato si corre la The Everest Sprint G1 da $10 Milioni! La corsa più ricca del mondo in erba. Ecco i 12..

In Australia sono assatanati per la velocità. I migliori rappresentanti della specialità in tutto il globo arrivano tutti da quelle parti mentre, al contrario, c'è carenza di cavalli con stamina tanto che nella Melbourne Cup G1 negli ultimi anni è prevalente il sangue europeo, ricercatissimo per quella che rappresenta la corsa che ferma una nazione. 
Ma il vero amore per gli aussie è la velocità, e non per caso negli ultimi anni è stato sviluppato in maniera quasi perversa il tema dello sprint ed è nata appositamente la The Everest, la corsa più ricca d'Australia ed in generale la corsa più ricca del mondo in erba con i suoi $10 milioni di dotazione. 
Sabato 14 Ottobre, alle 12,00 ora italiana, infatti si disputerà al Royal Randwick, a Sydney, la Everest Sprint Cup da A$10 sui 1200 metri, cioè circa £6 milioni/€7 milioni, che farà parte del Spring Racing Carnival. Il funzionamento è simile a quello della Pegasus World Cup G1 di cui abbiamo parlato abbondantemente la scorsa stagione, solo che i proprietari che vorranno comprare uno dei 12 slot in vendita, dovranno garantire un investimento da A$600,000 per anno, per tre anni. Al momento la corsa più ricca del mondo è appunto la Pegasus, seguita dalla Dubai World Cup con $10 milioni, ma in sabbia, poi la nuova Everest che diventa dunque la corsa in erba più ricca al mondo. La Melbourne Cup ha una dotazione di $A6.2 milioni, mentre la corsa europea più ricca è il Prix de l'Arc de Triomphe, che si corre per un montepremi di €5 milioni (£4.3m).
Chiaramente ogni slot può essere "tradato" nel modo consueto. Esempio pratico: Mr Gabriel Candy acquista uno slot ad inizio anno per $600,000. Poi non ha un cavallo, allora lo rivende a Mr Alex Il Tellinaro di Capocotta per una cifra di $1 milione, perchè nel frattempo Alex ha comprato un cavallo da Everest o una compartecipazione. E così via, stile mercante in fiera.
Per la "The Everest" la distribuzione dei premi sarà così ripartita: Al primo $5.8 milioni, al secondo $1.425 milioni, al terzo $800,000, al quarto $400,000, al quinto $250,000 e dal sesto al dodicesimo la somma di $175,000 con in più $100,000 che andranno ad un fondo per la salute dei cavalli. 
Dopo questo panegirico diciamo pure che è stato definito il campo dei partecipanti che sono 12, con tipologia ad handicap, con 4 riserve, e qui vi spieghiamo chi sono con di fianco il proprietario dello Slot da $600,000:

Tragedia in Belgio! Il jockey Anthony Deau cade a Mons e muore 2 giorni dopo per una emorragia cerebrale.

Una brutta notizia arriva dall'estero, datata qualche giorno fa. Domenica pomeriggio infatti il fantino Anthony Deau è stato vittima di un tragico incidente a Mons, in Belgio, dove ha perso la vita a causa delle conseguenze di una caduta bruttissima in sella a Tocantins, che si è fratturato sull'ultima curva di una corsa in sabbia andando giù di schianto e coinvolgendo gli altri 2 cavalli con i rispettivi fantini che fortunatamente non hanno riportato seri danni. 
Deau è apparso subito in gravi condizioni, è stato portato immediatamente in ospedale dove è stata tentata una rianimazione, vana con il decesso avvenuto lunedì a causa in particolare di una emorragia cerebrale. Il jockey, 47 anni, era noto soprattutto come impegno nel circuito dei purosangue arabi, ma aveva montato spesso nel triangolo Francia-Belgio-Olanda. Davvero una pessima notizia. IL VIDEO DELLA CADUTA (minuto 5,31 circa) SU QUESTO LINK.

mercoledì 11 ottobre 2017

#Tattersalls: Figlio di Sea The Stars e Biz Bar acquistato per £850,000 da Hamdan Al Maktoum in persona!

Siamo all'11 Ottobre ed è esattamente il terzo giorno del Book 2 di Tattersalls del quale parleremo dettagliatamente nelle prossime ore. La notizia però di rilevante interesse per noi italiani e che ci riempie di orgoglio riguarda il top price del Book 2 realizzato dal Lot 1063 figlio di Sea The Stars (Cape Cross) e Biz Bar (Tobougg), presentato dall'Allevamento Le.Gi. di Massimo Parri ed acquistato da Shadwell per la cifra autorevole di £850,000! Sebbene in altre occasioni ci sono stati top price italiani a Tattersalls, questo è un vero e proprio record per un cavallo venduto ed ad una cifra così alta per la seconda sessione delle Tattersalls October Yearling Sales, da sempre rinomata come nonplusultra della qualità per un puledro da acquistare.
A produrre l'offerta è stato Sheikh Hamdan Al Maktoum in persona, di concerto con Angus Gold quale braccio destro alle aste, che ha risolto la lotta a colpi di bid, dopo averlo visionato molto negli ultimi giorni prima dell'asta come da foto diffusa dalla pagina ufficiale dell'Allevamento Le.Gi..

Milano: Grave infortunio per Val Nanda, una delle migliori velociste italiane. Si prega per la sopravvivenza

L'Italia soffre paurosamente per mancanza di attori protagonisti, se poi ci si mette anche la sfiga vuol dire proprio che abbiamo fatto qualcosa di male al dio dell'ippica.
La notizia che serpeggia nelle ultime ore e di cui abbiamo avuto riscontro è stato l'infortunio molto grave occorso martedì mattina a Val Nanda (Fast Company), una delle migliori velociste italiane in circolazione, che stava preparando la sua stagione della consacrazione a certi livelli. 
La 3 anni di Daniele Leoni ha infatti patito una grave frattura dopo un lavoro mattutino, mentre stava rifinendo la condizione in vista di obiettivi italiani e stranieri. L'infortunio, per quanto siamo riusciti a carpire anche per una questione di delicatezza e sensibilità nei confronti di chi la cura ogni giorno, è grave e riguarda il sesamoide ma siamo ancora in attesa di capire la diagnosi completa. Per ora non ancora da ritenere fatale, nel senso che si sta facendo di tutto per salvarle la vita dopo pronta ingessatura e cure del caso post trauma.

America: #Arrogate in razza dal 2018. In pista l'ultima volta nella Breeders' Cup Classic di Del Mar il 4 Novembre

Come ampiamente preannunciato nei mesi scorsi, il campione Arrogate (Unbridled's Song) difenderà la corona nella Breeders' Cup Classic G1 di Del Mar il 4 Novembre e quella sarà l'ultima volta che lo vedremo in pista perchè il campione di Juddmonte entrerà direttamente in razza presso la succursale americana di Juddmonte a Lexington, in Kentucky ad un tasso di monta non ancora reso noto ma che sarà di sicuro a 6 cifre. 
Il 4 anni figlio di Unbridled's Song (Unbridled) sta lavorando nella calma di Santa Anita Park per prepararsi al meglio al suo ultimo show, e nell'ultimo lavoro sostenuto in ordine temporale ha prodotto un bel canterone finendo in 1:00 1/5 martedì mattina, in preparazione al Classic appunto soddisfacendo in pieno Bob Baffert. Per lui ora solo mantenimento e qualche breeze prima di presentarsi a Del Mar sotto le luci della ribalta. 
Cominciamo con il tirare le somme della sua carriera, ed in particolare con il 2016 scintillante. In generale ha vinto 4 corse a livello di G1 tra cui le Travers Stakes G1 per 13 lunghezze e mezzo a tempo di record, poi la Breeders' Cup Classic G1 battendo California Chrome e portandosi a casa anche l'edizione inaugurale della Pegasus World Cup Invitational Stakes G1 per 4 lunghezze e 3/4 a Gulfstream a fine Gennaio, senza dimenticare l'esibizione monstre nella Dubai World Cup Sponsored by Emirates Airline G1.