STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 30 aprile 2017

Hong Kong: #Neorealism ed un pazzesco Joao Moreira vincono la Audemars Piguet QE II Cup, solo 7° Dicton

L'ha vinta Joao Moreira. Attualmente, senza aver timore di errare, è il fantino più forte in circolazione, nel mondo. Il jockey brasiliano ha preso il pennello e dipinto una tattica perfetta per vincere in sella al giapponese Neorealism (Neo Universe) la Audemars Piguet QE II G1 sui 2000 metri di Sha Tin, grazie ad una manovra che ricorda molto quella di Mirco Demuro nella famosa Dubai World Cup G1 di Victoire Pisa. Si, perchè The United States (Galileo) dopo aver preso iniziativa, ha cercato di addormentare il ritmo nella dirittura opposta percorrendo i primi 1000 metri in oltre 1m 6s. Ma qui Joao non si è fatto pregare ed ha dato uno strappo, proprio come fece il nostro di The Magic, che si è poi rivelato decisivo ai fini della corsa. Con uno scatto si è portato in testa, ha rifiatato in curva, ed in dirittura è ripartito sottraendosi dal finale di Pakistan Star (Shamardal) e Werther (Tavistock). Una magia vera e propria per un fantino eccezionale, pazzesco, di un'altra dimensione attualmente.

Giappone: Kitasan Black spaziale nel Tenno Sho. Vittoria e record della corsa! Ossessione Arc de Triomphe

Come Deep Impact, più di Deep Impact. Kitasan Black (Black Tide), si è prodotto in una scintillante performance nel Tenno Sho G1 di primavera da Kyoto, sui 3200 metri, davanti ad una folla adorante di circa 78,000 persone che hanno scommesso ¥ 30,717,501,500 ($275mil) sulle 12 corse in programma.
Il figlio di Black Tide (Sunday Silence) ha seguito il gruppo senza mai perdere di vista il leader, e poi ha messo in scena una lunga, lunghissima progressione anticipando tutti e lasciando a debito distacco Cheval Grand (Heart's Cry) e Satono Diamond (Deep Impact), arrivati fortissimo ma non in tempo perchè il treno Kitasan intanto aveva scavato tra se e gli avversari un fossato incolmabile. Per Kitasan era la 10° vittoria su 18 corse disputate.
Il tempo finale dice 3m 12,5s, tradotto record della corsa e cioè Kitasan Black ha fatto le buche per terra e spazzato via una leggenda come Deep Impact, l'ultimo a detenere questo record peraltro con Yutaka Take in sella. Folla eccitatissima e Kitasan Black eroe designato dal popolo nipponico per cercare di sfatare un altro mito: L'Arc de Triomphe. Ora spetterà a Hisashi Shimizu sciogliere tutte le riserve in merito, ma con una spinta così.. sarà dura preferire l'Australia all'Arc. IL VIDEO DEL TENNO SHO QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

sabato 29 aprile 2017

Francia: Domani Kloud Gate a Chantilly. Lunedì c'è il Ganay con grossi calibri ed il Prix du Muguet con Jimmy Two Times

Un fine settimana intenso anche sul fronte francese. Del tentativo di Dicton (Lawman) ad Hong Kong abbiamo già riferito, possiamo aggiungere che la corsa si terrà alle 10,35 ora italiana e la mostreremo in leggera differita sul canale 220 a partire dalle 10,45. C'è una grande fiducia da parte di Olivier Peslier, che ha definito il cavallo allenato da Gianluca Bietolini un cavallo da G1 vero, e dunque forza con il tifo nei confronti del nostro "Gianluuk". Campo partenti QUI.
Domenica a Chantilly vanno in scena il Prix Allez France G3 sui 2000 metri per femmine di 4 anni ed oltre con favorita The Black Princess (Iffraaj) per John Gosden e con in sella Frankie Dettori, ed il Prix de Barberville G3 per anziani sulla lunga distanza dei 3000 metri, con in pista Kloud Gate (Astronomer Royal), affidato a Cristian Demuro, sempre per il training di Gianluca Bietolini ed i colori della Razza della Sila, proposto a 9/1 in antepost. Da battere, vista la vena realizzativa in questa primavera, Armande (Sea The Stars) con il "Maitre" francese che ha già vinto 7 corse di Gruppo in questa primavera che per lui si preannuncia scintillante. I CAMPI PARTENTI QUI.
Lunedì 1° Maggio a Saint Cloud

Giappone: Altra perla di Mirco Demuro in G2 in sella ad #Admirable. Domenica il Tenno Sho, sfida stellare sui 3200 metri

Ancora un fine settimana da incorniciare per MIRCO DEMURO che sabato mattina ha vinto il THE TV TOKYO HAI AOBA SHO G2 (VIDEO DELLA CORSA QUI), la prova principale della giornata di Tokyo per i cavalli di tre anni sul miglio e mezzo, in sella ad Admirable (Deep Impact), con una monta al solito di classe. Questa sarà forse la sua pedina per il Derby giapponese.
Le vittorie salgono così a 60 in stagione, il miglior modo per prepararsi al Tenno Sho di domenica a Kyoto dove dovrà inventare qualcosa a bordo di Rainbow Line (Stay Gold), attualmente a 22/1 e titolare di un secondo posto nel St Leger giapponese, per il training di Hidekazu Asami ed i colori di Masahiro Mita, in una corsa nella quale si preannuncia un duello all'arma bianca tra i campioni Satono Diamond (Deep Impact) e Kitasan Black (Black Tide), i primi 2 dell'Arima Kinen, che cercheranno di spartirsi il bottino di 150,000,000 yen al primo. Alla fine al via saranno in 17 e tra i più attesi, oltre ai citati, ci sono Dee Majesty (Deep Impact), altro vincitore Classico ma 13° nella Japan Cup ma in generale dovrà migliorare il suo standard di Marzo dietro Sciacchetra (Manhattan Cafe), altro candidato. C'è un cavallo miglioratissimo come Cheval Grand (Heart’s Cry), in tema di stayes, e poi gli anziani Gold Actor (Screen Hero), vincitore di Arima Kinen nel 2015, e One And Only (Heart’s Cry) vincitore di Derby 2014. 

Sandown: #Cunco vince il trial per il Derby, #Ulysses ed Andrea Atzeni vincono le Gordon Richards. Il report completo..

A Sandown, nella giornata di venerdì, sono andati in scena alcuni trials interessanti. Uno in particolare riguardava i 3 anni del Classic Trial G3 con solo 5 cavalli al via ma una sorta di sfida tra figli di Frankel, numericamente rappresentato da tre unità. Uno di questi ha vinto, si tratta di Cunco il quale tra l'altro è stato anche il primo a debuttare per il sire di Juddmonte ed il primo a vincere all'esordio di Maggio a Newbury per John Gosden. Il baio, raccolto e corto fisicamente, ha ottenuto la prima vittoria a livello di Gruppo risolvendo la partita dopo corsa molto tattica (finita con 9 secondi peggio rispetto al normale standard) in lotta negli ultimi 200 metri contro Intern (Rip Van Winkle) e Frankuus (Frankel), il leader della contesa fino a quel punto, giunto terzo. Cunco, montato da Robert Tart alla prima affermazione di gruppo in carriera, a 2 anni si era piazzato nelle Chesham Stakes, nelle Ascendant Stakes (vinte da Frankuus) e nelle Zetland Stakes. 
John Gosden ha parlato di lui come un cavallo dal grande cuore a dispetto del fisico, in grado di reggere il miglio e mezzo e dunque con un retropensiero al Derby di Epsom G1 nel quale è proposto a 33/1 nell'antepost. Cunco è iscritto anche al Derby Italiano G2 ma Gosden ha rimandato ogni discorso con l'Italia annunciando che il cavallo della Don Alberto Corporation rifinirà la condizione nel Chester Vase G3 nelle prossime settimane. IL VIDEO DEL CLASSIC TRIAL QUI.

venerdì 28 aprile 2017

#Capannelle: Lunedì 1° Maggio festa Classica! Sono 9 nel Parioli, 15 nell'Elena. Ecco chi sono, gli steccati, i fantini impegnati e tutte le iniziative dell'ippodromo

Sono stati appena ufficializzati i campi partenti di lunedì 1° Maggio alle Capannelle, con in programma Parioli Sisal Matchpoint G3 alle 17,50, Regina Elena Radio Dimensione Suono2 G3 alle 16,30, le Classiche italiane equivalenti alle 2000 e le 1000 Ghinee di britannica concezione. Ma non solo, lunedì in programma anche il Premio Botticelli come trial per il Derby, il Premio Signorino come trial per il Repubblica G2 ed il Mario Coccia come trial per le Oaks, senza dimenticare che si corrono anche i tradizionali Tolouse Lautrec e Marguerite Vernaut, per i debuttanti di 2 anni di un certo fascino. L'inizio delle corse è fissato per le 14,40.
Ma la prima cosa che vi possiamo anticipare, in attesa della comunicazione dell'ufficio stampa di Capannelle, è quella che riguarda il ritorno in Italia Lanfranco Dettori, Cristian Demuro ed Andrea Atzeni dai rispettivi luoghi di lavoro in Inghilterra ed in Francia, e la conferma della presenza dei migliori jockey italiani e non solo pronti a nobilitare il festivo romano. 
A tal proposito l'Ufficio Stampa di Capannelle ha pensato per gli appassionati interessati di organizzare un Meet&Greet con i fantini stessi impegnati nella giornata. Avrete così l'occasione, prima della disputa del convegno, di fare 2 chiacchiere e magari un selfie con i vostri beniamini. Presentatevi tra le 13 e le 14 nella zona pesage dell'ippodromo, in prossimità della tribuna principale, per partecipare a questo piacevole incontro. Per l'occasione il programmino delle corse sarà presentato in una veste grafica apposita per la giornata, tutto da conservare e magari da far autografare. In particolare dopo la disputa del Regina Elena Frankie Dettori avrà modo di salutare i suoi fans. Partecipate numerosi!
Intanto è venerdì e a Roma piove copiosamente con 12 gradi di temperatura alla mattina, addolciti fino ai 19 del primo pomeriggio. Ma per lunedì giove pluvio si terrà impegnato altrove e lascerà spazio ad un bel sole per celebrare la bella giornata delle Classiche.

giovedì 27 aprile 2017

Giappone: Domenica c'è il Tenno Sho Spring. Previsto ancora un duello tra Kitasan Black e Satono Diamond.

Intanto fervono i preparativi per la domenica di Kyoto dove in programma c'è la più famosa ed attesa corsa sulla lunga distanza: Il Tenno Sho (Spring), o coppa dell'imperatore per chi ha una visione occidentale della questione. Il Tenno Sho di primavera si corre sulla severa distanza dei 3200 metri e richiama al confronto i migliori cavalli giapponesi, e questa è la 78° edizione in ossequio a quella autunnale giunta alla 155°. Si tratta di una corsa per cavalli anziani e quest'anno ci sono 19 cavalli ancora in corsa per un massimo consentito di 18 e si corre per 325 milioni di yen, con 150 di questi solo per il vincitore. Il record della corsa appartiene all'immenso Deep Impact, l'ultimo primo favorito della corsa a vincere nel 2006 con un tempo di 3m e 13.4 secondi.

#Epsom: #Cracksman vince il trial e rimane imbattuto, 2 su 2 per lui. Ora conferme a York nelle Dante o Chester

Abbiamo praticamente visto tutti i trials utili per le 2000 Ghinee, ma in questo periodo stanno uscendo tutti i cavalli potenzialmente da Derby. Mercoledì ad Epsom per esempio abbiamo rivisto all'opera l'interessante Cracksman (Frankel) per per i colori di Anthony Oppenheimer e la regia di Frankie Dettori e John Gosden, ha fatto rivivere il revival di Golden Horn del Derby 2015 con il figlio di Frankel (Galileo) che ha vinto il Derby Trial sui 2000 metri da £50,000 andando a pizzicare sul palo Permian (Teofilo), per una corta testa. 
Cracksman, prodotto della fattrice Rhadegunda (Pivotal), è imbattuto in 2 uscite dopo l'affermazione di Ottobre a Newmarket.

Aste: Benissimo le #OBS in America con movimento a +34%. Flop in Francia le Osarus con calo del 44%.

In questa sede parliamo di aste. Partiamo dall'America dove si è tenuta la prima sessione di 2 giorni delle OBS Spring Sale of Two-Year-Olds. Il catalogo offriva 222 cavalli di cui 174 venduti (il 78%) per un movimento completo di $15,603,200 (+34%) con la media a $89,674 ed il mediano a $50,000, con indici in crescita rispettivamente del 27% e del 6%. Il top price è stato un massiccio profit per il venditore: Si tratta di un figlio del campione Orb (Malibu Moon) che solo 7 mesi fa era stato acquistato a Keeneland per $30,000, ed è stato rivenduto alla Three Chimneys Farm per ben $685,000. Al termine delle aste parleremo più nel dettaglio anche di eventuali acquisti italiani. 
In Francia invece si è tenuto il primo breeze up organizzato da Osarus

Firs Crop Sires: Primi vincitori per #Epaulette e Style Vendome. La scorsa settimana Red Jazz e gli altri..

A proposito di first crop sires, facciamo un pò il punto della situazione. Allora, qualche giorno fa abbiamo annunciato i primi vincitori per Society Rock (Rock Of Gibraltar), e tra questi Corinthia Night che dopo la vittoria del debutto ha replicato con notevole stile lunedì pomeriggio a Kempton, mostrando belle doti e soprattutto ottenendo un valore molto buono in termini di rating. Lo vedremo a livello di Listed o anche di più a breve, sempre che non sia solo un precoce. 
In Francia nella giornata di martedì abbiamo visto i primi rappresentanti vincitori per 2 nuovi stalloni che sono residenti presso stud sponsor di Mondoturf: Uno è il Darley Epaulette (Command). Il figlio di Commands (Danehill) è stato rappresentato da Fas Le Fios che ha vinto una reclamare a Maisons-Laffitte. L'altro è invece il Classico Style Vendome (Anabaa), residente presso l'Haras de Bouquetot per conto dell'Al Shaqab, che ha avuto il suo primo rappresentante vincitore in Sedary, una femmina che ha vinto una maiden per i colori dell'Al Shaqab sempre a Maisons. 

#Dicton e Gianluca Bietolini domenica ad Hong Kong per la THE AUDEMARS PIGUET QEII CUP G1 sui 2000 metri

Qualche riga fa abbiamo parlato del rientro di Dicton (Lawman) qualche settimana fa a Saint Cloud, la notizia che riguarda la stretta attualità invece è quella che lo vedrà protagonista nel fine settimana di Hong Kong. Il cavallo allenato da Gianluca Bietolini per i colori di Robert NG, è volato dall'altra parte del mondo per prendere parte alla The Audemars Piguet QE II Cup G1 sulla distanza dei 2000 metri con in palio $20 milioni locali. Dicton rappresenterà l'intera Francia che galoppa in giornata, ma anche un pò d'Italia ovviamente. Qualche giorno fa è sceso in pista per fare un pò di stretching, moto ed esercizio dopo il lungo viaggio e la quarantena, che sappiamo incide sempre molto, ed ha lasciato molti degli avventori a bocca aperta per la condizione che ha mostrato saggiando il tracciato. Il 4 anni non ha fatto lavori troppo duri, ma semplice routine agli ordini di Aude Duporte e Laura Dell'Elce, assistente di Gianluca che arriverà in loco nella giornata di giovedì mentre Olivier Peslier è un habitue del posto. La stessa Laura ha dichiarato come Dicton abbia perso 18 chili circa del viaggio, ma di come si tratti anche di un valore normale. Il cavallo sta bene ed è pronto. Ricordiamo che il proprietario è il cinese Robert NG, chairman del gruppo Sino in Cina, che ha fatto un affare con Dicton che Gianluca acquistò a reclamare per proprietari italiani e poi valorizzato fino al culmine della sua carriera a tre anni arrivando terzo dietro ad Almanzor nel Derby francese.

Mercato: Jimmy Two Times acquistato da Godolphin, rimarrà in training da Andre Fabre. Obiettivo Queen Anne!

Dopo le voci dei giorni scorsi, Godolphin ha annunciato di aver messo in sesto un colpo di mercato acquistando privatamente il talentuoso Jimmy Two Times (Kendargent), recente vincitore dell'Edmond Blanc (VIDEO QUI) con stile impressionante, rilevando la proprietà dall'Haras de Saint Pair dai quali aveva già fatto spesa ad inizio mese acquistando anche Soleil Marin vincitore del Noailles G3, altro figlio di Kendargent (Kendor) quale stallone in continua rampa di lancio in Francia. Tornando a Jimmy, fu pagato €85,000 da yearling alle Arqana October Yearling Sales 2014, in carriera ha fatto tutta la trafila delle categorie fino a piazzarsi terzo nel Prix Maurice de Gheest G1 a Deauville, prima di giungere quarto nel Prix de la Foret G1. 
Ha dimostrato di tenere il miglio ed anche bene impressionando nell'Edmond Blanc appunto, nella corsa dove si è reso protagonista del rientro anche Dicton domenica impegnato ad Hong Kong. Jimmy Two Times sul miglio e con il passaggio d'età è sembrato un animale ancora più cattivo e maturato, ha iscrizioni nelle Queen Anne Stakes G1 al Royal Ascot, ma potrebbe correre prima per rifinire la condizione nel Prix du Muguet G2 a Saint-Cloud lunedì primo maggio e bagnare così il suo esordio in casacca blue. In generale se tutto procederà come deve Jimmy lo vedremo nelle corse più importanti della stagione sul miglio. 

martedì 25 aprile 2017

Firenze: #Multicolours sigla la 190^ corsa dell'Arno! Mai così forte il cavallo di Bindi, battuti Shocking Blue e Appunto

A Firenze è andata ancora una volta in scena la corsa più antica d'Italia. La corsa dell'Arno, giunta alla sua 190^ edizione, conserva sempre il suo fascino e mai nulla è scontato. Anche quest'anno ci ha rivelato una sorpresa, bellissima peraltro, con la vittoria a 11/1 del cresciutissimo Multicolours (Multiplex) (foto d'archivio) che ha coronato la sua ascesa a 6 anni vincendo un handicap principale partendo dal basso. Il figlio di Multiplex (Danehill) di Iacopo Bindi ha approfittato di una bella andatura imbastita da quelli davanti, ed in dirittura ha cominciato una lunga progressione dal centro della pista sospinto da Pierantonio Convertino, che gli ha consentito di non essere mai avvicinato da Shocking Blu con Silvano Mulas in sella, arroccato allo steccato, ed un onorevolissimo Appunto che è tornato quello di un tempo, ed è questa un'altra magnifica notizia. IL VIDEO DELLA 190^ CORSA DELL'ARNO QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Ma qui la copertina è tutta per Iacopo Bindi ed il suo eroe: Multicolours così forte in carriera non era mai andato! Anche se in Gennaio era già terzo nell'Agnano come Handicap Listed.

#Capannelle: Verso #Parioli e Regina #Elena, ecco la lista dei probabili partecipanti alla festa. Frankie Dettori confermato

Mancano oramai pochi giorni alla disputa delle prime classiche italiane 2017. Lunedì 1 Maggio a capannelle si corrono Parioli Sisal Matchpoint G3 sui 1600 metri e Regina Elena RDS G3 sempre sui 1600 metri ma per femmine di 3 anni, le equivalenti delle 2000 Ghinee e le 1000 Ghinee di inglese concezione. Al momento manca ancora qualche ora affinchè i vari team sciolgano ogni dubbio ma la cosa certa è che si arriva ad un Parioli quest'anno molto bello con le più importante giubbe italiane rappresentate. Venerdì mattina 28 Aprile la dichiarazione ufficiale dei partenti. 
La Rencati ha dentro Amore Hass (Azamour), vincitore del Premio Pisa, la Incolinx sellerà il quotato e bellissimo Anda Muchacho (Helmet), vincitore del Gardone, la Effevi avrà 2 rappresentanti, almeno, in Together Again (Pivotal) e forse anche Breathing (Bated Breath). La We Bloodstock ha dentro Biz Power (Power), la Blueberry Dulciboy (Paco Boy) mentre Endo Botti sellerà il favorito Patriot Hero (Pivotal), vincitore dell'Arconte, e con in sella Frankie Dettori. Questi sono praticamente certi, poi a margine potranno entrare altri rappresentanti di altre linee che vanno comunque annoverati nella colonna sorprese. Come potrete vedere più sotto i rimasti sono ancora 63, questo perchè il meccanismo delle iscrizioni al momento è che non si paga nulla fino a quando non si corre. Per questo motivo ci sono dentro ancora gli irlandesi di Dermot Weld, il quale però ancora non ha dato conferme in tal senso e probabilmente non correranno. 

lunedì 24 aprile 2017

Italians: Tripletta di Demuro a Kyoto, Umberto sigla ad Hong Kong. Ecco les italiens in Francia..

La rubrica italians si arricchisce una volta di più, tra Oriente ed Occidente. Cominciamo con il dire che ad Hong Kong Umbertino Rispoli ha conseguito la sua seconda affermazione stagionale vincendo a Sha Tin sui 1000 metri in erba l'Empowering Youth Handicap (Class 4) in sella a Keep Mooving (Darci Brahma) per i colori di Andrew Fan Chun Wah, Adam Lee Yat Keung & Gary Mui Ho Cheung e per il training di PF Yiu con un tempo incredibile di 56,88s. IL VIDEO QUI.
Nella corsa successiva secondo posto per Top Ace (Kitten's Joy), ex Steaming Kitten in Italia, nell'Age-Friendly City Handicap sul dirt.
Rimanendo in Oriente, ma trasferendoci in Giappone, diamo conto dell'ennesima tripletta di Mirco Demuro a Kyoto. Non ha vinto la corsa principale del pomeriggio, ma ha comunque appuntato la bandierina in tre occasioni giusto per far capire chi comanda in questo momento da quelle parti. Mirco è ora a quota 59 affermazioni in stagione, a 13 lunghezze di distacco da Cristophe Patrice Lemaire, vero mattatore del fine settimana con tante vittorie che lo hanno fatto salire in cima, in quota a 46 vittorie in coppia con Hironobu Tanabe. 
Domenica a Lione, nel Prix Cyril Cottin, un handicap per 3 anni sul miglio, ha vinto Mybee Davis (Myboycharlie), un 3 anni alla prima affermazione per Ferdinando Fratini ed il training di Alessandro e Giuseppe Botti, con Pierre Bazire in sella. Ferdinando Fratini ci ha confermato che lunedì correrà il Regina Elena G3 con Mon Tresor (Kendargent), interessantissima vincitrice in Francia qualche settimana fa di un handicap tostissimo. Simone Brogi ha dato conferma della presenza di Fongani (Siyouni), vincitrice di 2 corse in carriera ma con un valeur apparentemente in linea con altre che non sono delle prime lame in Italia. 
Sempre a Lione, 18° vittoria in stagione per Gabriele Congiu.
In tema di italiani in Francia, confermata la presenza della "Giorgi" The Pantry (Zebedee) il 1° Maggio a Chantilly in una classe 2, dopo essere stata oggetto di attenzioni di parte di acquirenti stranieri.
Per ora è tutto, se ci siamo dimenticati qualcosa informateci. 

domenica 23 aprile 2017

San Siro: #Plusquemavie un proiettile sul Certosa! Mac Mahon procede da imbattuto nel Filiberto, a Voice l'Ambrosiano

Per questo weekend il testimone ideale della tecnica è passato a Milano, che ha ospitato la prima Pattern della stagione nell'Ambrosiano G3. Oddio, non è che sia stata spettacolare con 5 cavalli di cui 4 provenienti da Cenaia ed 1 solo di un'altra scuderia, peraltro fuori categoria. Non è colpa dei diretti interessati, ovvio, ma è lo specchio limpido dello stato di salute del nostro paese ippicamente parlando. Una sola superpotenza, e gli altri senza abbastanza munizioni per difendersi.
Infatti, parliamo di altro prima dell'Ambrosiano stesso. Si, perchè nel Certosa Lr sui 1000 metri, abbiamo assistito all'ennesimo sparo prodotto da un incredibile Plusquemavie (Kheleyf), attualmente lo sprinter più forte in circolazione in Italia. La sua storia è simile a quella di Sole Power in Inghilterra, con i dovuti distinguo. Il suo primo sigillo ad alto livello è arrivato a 100/1 nell'Aloisi del 2015, e poi nel 2016 ha vinto l'altra prova massima per gli sprinter in Italia, cioè il Tudini di Maggio 2016, ma in generale non si è mai fermato partendo da categorie di minima. Nel 2017, a 6 anni, dopo un rientro con il botto a Roma infilzando Lohit, a Milano ha siglato il Certosa in modalità ancora più prepotenti del solito con in sella un GP Fois accademico nell'attendere il momento giusto per piazzare la stoccata al largo di tutti e battere Trust You (Kheleyf) e Val Nanda (Fast Company), la quale inspiegabilmente ha preferito correre sui 1000 di Milano contro i maschi anzichè correre da protagonista il Carlo Chiesa della settimana scorsa a Roma. Comunque la cosa impressionante è come Plusquemavie tenga benissimo parziali infuocati, e quando viene chiamato esplode letteralmente con una azione dirompente. Basta guardare il video per capire di che parliamo. Il tempo finale è stato di 0.59.1. Plusquemavie tenterà ancora una volta il Tudini G3 del 21 Maggio, già vinto lo scorso anno. IL VIDEO DEL PREMIO CERTOSA QUI.

La campionessa La Cressonniere ritirata ufficialmente dalle competizioni. La figlia di Le Havre fattrice per La Cauviniere

Sabato sera si sono cominciati a diffondere dei rumours confermati poi nelle ore successive. La campionessa La Cressonniere (Le Havre e Absolute Lady da Galileo), imbattuta vincitrice del Prix de Diane G1 e delle Poule d'Essai des Pouliches G1, è stata ufficialmente ritirata dalle competizioni in seguito ad una ricaduta che lo scorso anno le impedì di partecipare all'Arc de Triomphe G1, con dei postumi della frattura al bacino che si sono ripresentati mentre era in preparazione verso il rientro. La campionessa, 4 anni, farà ritorno dunque al luogo di nascita presso la La Cauviniere, dove si comincerà a studiare un incrocio fatto apposta per lei. 
La figlia di Le Havre (Noverre), acquistata per €12,000 da Rouget stesso alle aste, chiude la sua carriera per l'Ecurie Antonio Caro & Gerard Augustin-Normand con 8 vittorie in 8 uscite e l'equivalente di £746,000 in somme vinte. Dopo aver vinto le prime 3 tra Clairefontaine, Craon e Deauville, ha cominciato a salire di tono nella Listed di Novembre 2015 montata da Cristian Demuro che l'ha poi interpretata nelle 5 successive uscite, tutte vincenti, tra cui tutte le Classiche al femminile, prima dell'ultima uscita in carriera a fine Agosto a Deauville dove fece una passeggiata nel Prix de la Nonette G2 in preparazione all'Arc de Triomphe G1, saltato appunto per un infortunio serio. Jean Claude Rouget ne ha tentato il recupero, ma a questo punto vano. Ci spiace anche per Cristian. Buona carriera da mamma, campionessa!

Newbury: Barney Roy spazia nelle Greenham Stakes! 2000 Ghinee più intriganti che mai.. #Dabyah tra le femmine

Quest'anno le 2000 Ghinee rischiano davvero di essere ancora più belle, entusiasmanti, incerte. Ad entrare nel quadro Classico di Newmarket del 6 Maggio è anche il recente acquisto di Goldophin Barney Roy (Excelebration), che ha vinto con uno stile impeccabile le JLT Greenham Stakes G3 di Newbury al rientro da una entusiasmante affermazione ad Haydock in Settembre, in seguito al quale era stato acquistato da Sheikh Mohammed. Rimasto in training da Richard Hannon, ha prodotto una brusca accelerazione sotto la spinta di James Doyle per andare a riprendere il favorito Dream Castle (Frankel), che aveva debuttato poche settimane fa e si è fermato con il suo speed a 1200 metri prendendo forse dalla mamma Sand Vixen quelle caratteristiche, lasciando il via libera al compagno di colori. Terzo, ma a distanza, Zainhom (Street Cry), in una corsa che avuto tempo finale di 1m 23.08s (slow by 0.58s), il terzo tempo più veloce in 30 anni dopo solo Dick Turpin (Arakan) nel 2010 e lo sprinter Muhaarar (Oasis Dream) 2 anni. Per Richard Hannon Junior è la prima vittoria nelle Greenham, dietro suo padre che le vinse in 6 occasioni come l'immenso Sir Henry Cecil. IL VIDEO DELLE GREENHAM STAKES QUI.

sabato 22 aprile 2017

Calendario: Il #Mipaaf pubblica il calendario del 2017, fino a fine Dicembre. Ecco il decreto e le date da segnare

Quasi come il freddo improvviso arrivato in Italia nelle scorse ore, è spuntato dai meandri del sito del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, il calendario delle corse... fin qui quasi tutto normale, se pensiamo che siamo a fine Aprile e molti di voi pensano che si tratti delle corse di Maggio. No, la sorpresa riguarda proprio il fatto che all'alba del 21 Aprile si è materializzato il calendario delle corse in Italia per tutto il 2017, quindi da Maggio fino a Dicembre. Quindi, con una certa sorpresa ma una certa soddisfazione pubblichiamo il calendario per intero. 
Come si evince dalle liste non è presente Palermo, al centro di un polverone, mentre l'altra notizia è quella che riguarda le notturne. Inizieranno il 24 Giugno e finiranno il 2 Settembre. Leggendo di seguito avrete tutti i documenti scaricabili in PDF sulle giornate di interesse, sugli stanziamenti e sulle date dei Gran Premi. 

Les italiens: Prima vittoria in Francia per Paolo Aragoni, grazie a #Bharuch con affermazione a Châteaubriant

Il nuovo nome dell'ippica francese, che oramai ha lasciato i confini nazionali tentando una nuova avventura rispetto a quella italiana, è Paolo Aragoni che nella giornata di sabato ha ottenuto la sua prima vittoria dell'esperienza francese dopo parecchi piazzamenti. Il tutto è accaduto a Châteaubriant nel Prix Claude Rouget, una condizionata da 24 000€ sui 1950 metri in erba, con corda a destra, grazie al grigio Bharuch (Aussie Rules), portacolori di Luigi Riccardi, che aveva in sella Cristian Demuro. Bharuch, Listed winner in Italia, ha battuto Chika Dream e Victory Song, con al quarto Kahouanne (Cockney Rebel) allenato da Alessandro Botti. 
Per Bharuch era la terza prestazione in Francia dopo un quarto a Vichy in Agosto in condizionata. Era tornato in Italia e dopo la vittoria di Febbraio a San Rossore è tornato in Francia agli ordini del bravo Paolino che lo ha fatto esordire a La Teste De Buch con un settimo, e poi ecco la vittoria. Da parte di Mondoturf i più sinceri complimenti. 

venerdì 21 aprile 2017

Allevamento: Se n'è andato il grande Cape Cross, il sire of sires! Il figlio di Green Desert del Darley ci ha lasciato a 23 anni

Il Darley ha annunciato nella giornata di venerdì la scomparsa di uno degli stalloni più influenti in Europa e nel mondo. Cape Cross (Green Desert), a 23 anni, si è spento a causa di problematiche derivanti dall'età, ad un anno quasi dal ritiro dalle attività riproduttive a causa dell'ovvio calo della fertilità che nel 2016 lo aveva visto senza nessuna fattrice diagnosticata gravida. A circa un anno da quel ritiro, Cape Cross, definito il sire of sires dopo 16 stagioni di monta, ci ha lasciato. Ma lascia sulla terra una continua eredità fatta di sangue buono prestata al mondo delle corse. Basti pensare a Golden Horn, Sea The Stars, Ouija Board solo per citarne tre. 
Inizialmente allenato da John Gosden, ha vinto la sua maiden e successivamente la condizionata, prima di passare l'inverno a riposo e ripresentarsi con un piazzamento nelle Craven Stakes nell'Aprile 1997, ed arrivando ottavo di 16 nelle 2000 Ghinee vinte quell'anno da Entrepeneur con Olivier Peslier in sella. Successivamente con Frankie Dettori a bordo è ripartito dal basso e nell'inverno successivo è stato portato a Dubai dove come risultato interessante si è piazzato nel secondo Round del Maktoum Challenge Lr di Nad Al Sheba. Nel Maggio 1998, agli ordini di Saed Bin Suroor, sorprese tutti con una tattica da front runner nelle Lockinge Stakes G1 di Newbury, prima di arrivare terzo nel Prix Jacques Le Marois G1 nel corso della stagione. A 5 anni ha vinto nelle Queen Anne Stakes (allora di G2), poi nel Celebration Mile G2 di Goodwood.

Newmarket: #Eminent entra nel quadro Classico, sue le Craven con stile. #Brando emerge tra i velocisti, in crescita

A Newmarket è andato in scena il day 3 del Craven Meeting, prima di passare il testimone com'è da tradizione al meeting delle Greenham di Newbury nel fine settimana. Ma parliamo delle Craven Stakes G3 nelle quali va celebrata la vittoria a tempo di record per Eminent (Frankel), imbattuto in 2 uscite, che ha tenuto testa a Rivet (Fastnet Rock) e Benbatl (Dubawi), senza che War Decree (War Front) fosse mai seriamente pericoloso. Il tempo finale è stato di 1m 35.15s (slow by 0.15s), meglio di quanto fece Toronado nel 2013 su tracciato comunque veloce. 
Eminent è allenato da Martyn Meade, aveva già vinto al debutto in Ottobre ben impressionando e si è dunque confermato sul Rowley Mile con in sella Jim Crowley. IL VIDEO DELLE CRAVEN QUI. L'obiettivo, ovvio, è quello delle 2,000 Guineas. Eminent fu acquistato per 150,000gns alle Tattersalls October Yearling Sale Book 1. Prodotto della piazzata di G1 You’ll Be Mine (Kingmambo), è mezza sorella della discreta Diamondsandrubies (Fastnet Rock), della famiglia Classica nella quale sono incluse Quarter Moon (Sadler’s Wells), e dunque i Classici Yesterday e Aussie Rules
Nelle Abernant Stakes per velocisti Brando (Pivotal) ha mantenuto fede al pronostico di cavallo progressivo in una corsa dove rientravano tutti. Appoggiato fino sotto alla pari è andato a riprendere Ornate (Bahamian Bounty) dopo bella andatura. Brando, che a 4 anni aveva fatto un salto di qualità, può migliorare ancora per diventare un campione a 5 anni. IL VIDEO QUI
Da oggi tutti gli occhi saranno puntati su Newbury. Oggi alle 16,40, in una maiden per femmine debutta Mori, una homebred Juddmonte prodotto dei campioni Frankel e Midday (Oasis Dream) per Sir Michael Stoute e Ryan Moore a bordo. Sabato in programma le Greenham Stakes sui 7furlongs, dove si presenta da favorito Dream Castle (Frankel), vittorioso ad inizio Aprile a Doncaster impressionando. 

Weekend italiano. Domenica a San Siro il #Filiberto per il Derby, l'#Ambrosiano ed il #Certosa. Anche Roma con handicap

Le domeniche si fanno sempre più interessanti, tra Roma e Milano. Questa settimana Capannelle passa il testimone per una giornata a San Siro, in attesa del weekend lungo del Primo Maggio con le prime Classiche italiane. A San Siro, sempre con il rischio di scioperi, si corrono l'Emanuele Filiberto Lr in ottica Derby, il Certosa Lr in preparazione al Tudini G3 ma in generale a tutte le prove in velocità da qui in avanti, e poi c'è l'Ambrosiano G3 in vista del Repubblica G2 sui 1800 metri ma in generale è una via di mezzo nella stagione. 
Nel Filiberto vedremo bene quali saranno le gerarchie del Derby con Holy Water (Falco) che prova ad allungare per capire se la distanza è nelle sue corde, e contro di lui ci sono l'imbattuto Mac Mahon (Ramonti) e Chasedown (Nathanile), senza dimenticare Dirk (Mujahid), Flight To Dubai (Dubai Destination) e Cima Da Conegliano (Cima De Triomphe). 
Nel Certosa si ritrovano Zapel (Kyllachy), Val Nanda (Fast Company), Plusquemavie (Kheleyf) contro Lohit (Dutch Art), Intense Life (Intense Focus), Trust You (Kheleyf) e Pensierieparole (Exceed And Excel). L'Ambrosiano vede ancora all'opera Basileus (Dream Ahead), contro la coppia Effevi Circus Couture/Voice Of Love, e poi Freedom Beel ed uno sfortunato all'ultima Fico Senza Spine.
IL CAMPO PARTENTI DI MILANO QUI.
IL CAMPO PARTENTI DI ROMA QUI.

giovedì 20 aprile 2017

Aste, Craven Breeze Up con numeri entusiasmanti: £14,120,000 (+63%) e top price per uno Scat Daddy

Diamo conto di una prima lettura dei risultati delle Craven Breeze Up Sales che in 2 giorni hanno fatto crescere tantissimo i numeri. Complessivamente 98 cavalli venduti (il 79%), per un movimento di £14,120,000 (+63%), con una media a £144,082 (+30%), con il mediano £110,000 (+42%). Il top price alla fine della fiera è stato per un figlio di Scat Daddy (Johannesburg) fatto tutto in America che non aveva raggiunto la cifra di $65,000 da yearling degli USA, ed è stato acquistato da David Redvers per £657,000, dunque un profit altissimo.
Il secondo prezzo più alto è stato per un maschio da Intello (Galileo) acquistato da John Ferguson per £575,000. Anche questo era andato invenduto alle Tattersalls di Ottobre per £100,000. Interessantissimo un figlio di Point Of Entry (Giant's Causeway), campione in erba in USA, acquistato da Shadwell. Nessun acquisto italiano, se si esclude Federico Barberini. 

Newmarket, Craven Meeting day 2: #Daban ancora per Dettori e Gosden, nelle Nell Gwynn

Ancora una giornata, quella di mercoledì, con Frankie Dettori sugli scudi a Newmarket. La prova più imteressante del pomeriggio sono state le Nell Gwynn Stakes G3 per femmine in ottica 1000 Ghinee, vinta da Daban (Acclamation) per John Gosden ed il jockey italiano in sella. La baia, imbattuta in 2 uscite dopo un debutto vittorioso a Kempton, ha risolto una corsa a strappi vincendo nei confronti di Unforgetable Filly (Sepoy) mentre Pamplemousse (Siyouni), molto attesa per Andre Fabre, non è riuscita ad andare oltre ad un quarto posto correndo comunque bene ma non trovandosi nelle condizioni tattiche ideali, mostrando acerbità forse alla seconda uscita a Newmarket dopo il debutto troppo soft in termini di agonismo. 
Quanto alla vincitrice John Gosden ha rivelato tutta la sua fiducia per Daban, confessando anche che Abdullah Saeed Al Naboodah, il proprietario, ha un'altra cavalla iscritta in Dabyah nelle Fred Darling G3. Daban è stata acquistata da puledra alle Breeze Up di Tattersalls per £260,000, ed è una mezza sorella di Thikriyaat (Azamour), G3 winner. IL VIDEO DELLE NELL GWYNN QUI.

mercoledì 19 aprile 2017

Jockey news: Gabriele Cannarella ingaggiato da Alduino Botti. L'Agente sarà Andrea Arbau

Il mercato dei fantini è sempre in continuo fermento. Mercato interno, si intende, con giovani e grandi che si avvicendano spesso con vari agenti sulla piazza a seconda della soddisfazione. L'ultima novità di cui diamo conto riguarda il promettente talentino siciliano Gabriele Cannarella, il quale sarà gestito da Andrea Arbau ed è approdato proprio negli ultimi giorni alla corte dei Botti a Milano, per quello che potrebbe essere un vero e proprio corso di laurea per la vita da professionista. Il giovane jockey di Siracusa, 18 anni e la patente da pro presa a Malta e fratello minore dell'altrettanto bravo Giuseppe Cannarella, complice un peso basso ed una scaltrezza che altri alla sua età non hanno, comincerà dunque ad alzare l'asticella delle aspettative lavorando con il miglior team italiano, che ne ha rilevato la scritta e per i quali monterà con 2 chili di discarico. Già mercoledì a Milano osserveremo con curiosità le sue gesta. 
Il suo miglior risultato in termini di Palmares è stata la vittoria nel Premio Capannelle in sella a Sole Di Pio, ma in generale vanta circa 60 vittorie in carriera e molte condizionate.  Non male per uno che ha solo 18 anni...
Gabriele Cannarella è disponibile per gli allenatori interessati contattando Andrea Arbau al seguente numero: +39 3920051437.

martedì 18 aprile 2017

Newmarket: #Khalidi vince le Feilden come Golden Horn, per John Gosden e Frankie Dettori. Cavallo da Derby?

Il day 1 del Craven Meeting si è risolto con una vittoria ancora una volta nelle Feilden Stakes per John Gosden e Frankie Dettori. Stavolta, a far posto a Golden Horn, c'è stato Khalidi (High Chaparral) che hanno concluso all'esterno del favorito Salouen (Canford Cliffs), che ha iscrizioni nel Derby, mentre terzo è giunto Law And Order (Lawman). 
Khalidi, che non ha iscrizioni Classiche, probabilmente correrà il Derby ma non prima di aver maturato altra esperienza a Chester nel Chester Vase G3, altro trial interessante, come confessato dal suo allenatore. Si tratta di un cavallo che ha un pizzico di italianità in quanto allevato dall'Aston House Stud e prodotto della fattrice Bezique (Cape Cross) che in Italia vinse Seregno (con sfortunata prestazione per Danedream) per Marco Gasparini e prima ancora Repubbliche Marinare a 2 anni. 
Khalidi è di proprietà di Nizar Anwar, ed è stato pagato £170,000 alle aste da yearling. Attualmente vanta 3 vittorie in 6 uscite, ed era rientrato in questo 2017 con un terzo in handicap a Doncaster.

#Newmarket: Si apre il #Craven Meeting. Tre giorni di corse con Feilden, Craven e Nell Gwynn in ottica Classica. Oggi le aste

Il Craven Meeting avrà pure perso un pò della sua funzione, visto che molti rientreranno direttamente nelle Ghinee, ma ha comunque il suo fascino con una serie di corse che vanno viste e fanno status. Da martedì a giovedì un pieno di turf e tradizione a Newmarket. Intanto ci sono anche le aste organizzate da Tattersalls e da oggi fino a giovedì al termine delle corse si terranno le licitazioni dei Breeze Up. Per vedere il live dell'asta, che inizierà alle 18, clicca su questo LINK.
Parlando di corse. Oggi si apre con le Wood Ditton, facendo un parallelo è come se si corresse il Donatello o il Gardenghi, una debuttanti cioè ma con cavalli buoni dentro. Il favorito in antepost è Elyaasaat (Frankel), con maternità di prestigio in Lahudood (Singspiel), per Hamdan Al Maktoum, iscritto al Derby. Vedremo cosa accadrà ma il martedì è anche il giorno delle Feilden Stakes Lr, tradizionale test sui 1800 metri che lancia verso il Derby. Negli ultimi anni sono passati da qui gente come Intello e Golden Horn, solo per citarne 2, ma quest'anno apparentemente non ci sono campioni. Il favorito è Salouen (Canford Cliffs) per Sylvester Kirk che a 2 anni si è piazzato secondo nel Lagardere G1 di National Defense, che abbiamo visto la settimana scorsa rientrare discretamente in Francia ma senza esaltare. John Gosden presenta Khalidi (High Chaparral e l'italiana Bezique), con in sella Frankie Dettori. Viene dagli handicap. In giornata correrà anche Brex Drago (Mujahid) in cima ad un handicap non semplice, con l'allievo in sella per il discarico. IL CAMPO PARTENTI DI martedì cliccando QUI.

lunedì 17 aprile 2017

Roma: Last Gift vola sul Carlo Chiesa! Nel Natale di Roma ancora Greg Pass, Menuhin si conferma potenziale da Derby

Nel Carlo Chiesa Lr, aperto a possibili sorprese, c'è scappata Last Gift (Starspangledbanner), cavalla presentata in condizioni eccezionali da Massimiliano Narduzzi, la quale si è fatta andare bene anche tutti i 1200 metri di Roma Capannelle su un terreno graditissimo. Last Gift, che prende il nome in italiano dall'ultimo regalo sulla terra di Super Bobbina, capostipite della scuderia Chimax, prima della sua scomparsa, ha guadagnato così l'ambito neretto e non solo il ruolo di sorellastra di Refuse To Bobbin, vincitore di Presidente della Repubblica G1. Last Gift, ben montata da Sal Basile, ha preso lo steccato e non lo ha mai mollato finendo in 1m 08,53s (a 8/1) con 2 lunghezze e mezzo nei confronti di Aravian Poison (Until Sundown), al primo tentativo in pista dritta, e My Lea (Dandy Man), la quale quest'ultima non ha avuto fortuna con uno steccato così largo e forse con uno più basso avrebbe potuto ottenere maggiore fortuna. (Foto credit domenicosavi@gmail.com)
Last Gift quando è in forma è in grado di fare cose grandiose, pur salendo dagli handicap. Ma come spesso avviene anche in Inghilterra, sul tema della velocità sono possibilissimi questi exploit. Obiettivo è il Tudini del 21 Maggio ancora sui 1200 metri di Capannelle. Male, anzi malissimo, Aquila Solitaria (Raven's Pass) giunta nelle retrovie senza mai essere un fattore della corsa. Prestazione parzialmente, o forse sarebbe meglio dire totalmente, giustificabile da un infortunio patito in fase di insellaggio che sembrava assorbito, altrimenti sarebbe stata ritirata prima se fosse stato qualcosa di evidente, ma che è emerso solo in corsa e poco dopo la partenza con una difesa tipica di chi va in dolore, senza che la Incolinx desse un minimo di prestazione. IL VIDEO DEL CARLO CHIESA QUI.

San Siro: Anda Muchacho lancia la sfida al Parioli! Convincente affermazione nel Gardone, battuti Dulciboy e Amyntas

A Milano la domenica di Pasqua è stato il giorno del Premio Gardone Lr, prova preparatoria del Parioli G3 in quel di San Siro, vinto in maniera cattiva da Anda Muchacho (Helmet) che dopo il debutto vittorioso in maiden 5 settimane fa, ha bissato rimanendo imbattuto prendendo la meglio degli altri 3 Botti impegnati nella contesa. A sostenere una buona andatura è stato Dulciboy (Paco Boy) che ha imbastito ottimo ritmo, sempre pressato però ad un paio di lunghezze dal portacolori Incolinx che con Dario Vargiu in sella in 200 metri lo ha sfidato, agganciato e poi infine superato con stile per 4 lunghezze, mentre Amyntas (Desert Prince) e Dream Up (Dream Ahead), i favoriti, non sono riusciti mai ad entrare nella contesa. In particolare Amyntas, anche se siamo ad inizio stagione per lui, è parso il lontano parente visto in autunno con il terzo nel Gran Criterium G2. Forse ha fallito il passaggio d'età, forse aveva bisogno di una corsa. Ma l'impressione non è stata eccezionale. Il tempo finale è stato di 1m 36,00s.
Tornando al vincitore, si tratta di un bellissimo figlio di Helmet (Exceed And Excel) pescato per €26,000 alle Goresbridge Sale dello scorso anno da Marco Bozzi, come "graduato" di Tattersalls October Sale quando fu pagato £18,000. Si tratta di un prodotto della fattrice Montefino (Shamardal), mezzo fratello di Parsley (Zebedee), un velocissimo puledro piazzato di G3 a 2 anni.

Francia: Trials per le Classiche a Chantilly. Cristian Demuro e #Brametot, poi #Senga e #Soleil Marine. Oggi a Colonia..

In Francia si è corso nella domenica di Pasqua, con una serie di prove preparatorie in vista delle Poule d'Essai des Poulains e des Pouliches di metà maggio a Deauville, senza dimenticare il Noailles G3 che preparava verso il Derby francese, il Prix du Jockey Club. Partiamo dal Prix de Fontainebleau G3, il trial per le 2000 Ghinee francesi dove c'era un favorito netto in Markazi (Dark Angel), allenato da Jean Claude Rouget, che proprio ieri ha annunciato di avere la scuderia di Pau ko o quasi a causa di un herpes virus che ha messo in serio pericolo i 57 effettivi di quella dislocazione. Un paio di soggetti sono addirittura morti, è un fatto preoccupante ed ora tutta la scuderia è in quarantena. In sostanza, i cavalli non possono essere al 100%. E così, non avendo "performato" Markazi, via libera agli altri della scuderia Rouget, apparentemente non coinvolti. A vincere il trial è stato Cristian Demuro in sella ad un portacolori di Gerard Augustin Normand che risponde al nome di Brametot (Rajsaman), partito qualche lunghezza dietro e capace di un grande recupero con volo conclusivo per emergere nei confronti di Stunning Spirit (Invincible Spirit) e Spotify (Redoute’s Choice). Brametot aveva debuttato in Giugno sui 1200 metri, è stato secondo nel Criterium du Fonds Europeen de l’Elevage Lr prima di vincere la sua Listed nel Grand Criterium de Bordeaux prima del black type maiuscolo ottenuto domenica scorsa. Si tratta del primo stakes winner per Rajsaman (Linamix), vincitore di questa corsa a 3 anni, mentre Cristian succede nell'albo d'oro degli italiani dopo Dicton, vincitore di questa corsa nel 2016. IL VIDEO DEL FONTAINLEBLEAU QUI.

domenica 16 aprile 2017

America: Lady Aurelia rientra con uno sparo a Keeneland! Obiettivo Royal Ascot per la femmina volante

Gli sprinters europei sono avvisati. Lady Aurelia (Scat Daddy) è tornata ed ha già bullizzato i suoi rivali in patria. La esaltante vincitrice delle Queen Mary G2 al Royal Ascot della scorsa stagione, chiusa di passo nelle Cheveley Park Stakes G1 con un terzo posto, ha fornito un rientro incoraggiantissimo sull'erba di Keeneland nelle Giant's Causeway Stakes Lr da $100,000, vincendo in canter con in sella John Velazquez per Wesley Ward.
Nonostante la perdita di un ferro ha chiuso i 1100 metri in 1m02.40s, poco più del record della pista di 1m02.23s realizzato nel 2010. La figlia di Scat Daddy (Johannesburg), vincitrice di 4 delle 5 corse disputate tra cui il Morny G1 a Deauville, tornerà al Royal Ascot per correre, secondo quanto riferito da Wesley Ward, le King's Stand Stakes G1 con obiettivo finale della stagione 2017 nella Breeders' Cup a Del Mar. IL VIDEO DELLE GIANT'S CAUSEWAY STAKES QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

Inghilterra: Marco Botti vince ancora le Snowdrop Stakes, la terza consecutiva in 3 anni. Stavolta Aljazzi..

Kempton Park ha ospitato il solito Easter Saturday meeting, con la miglior corsa della giornata nelle Listed Snowdrop Stakes per femmine di 4 anni ed oltre, diventata un pò la corsa di Marco Botti. E così, dopo le affermazioni con Lady Dutch (Dutch Art) nel 2015 e Kyllachy Queen (Kyllachy) nel 2016, ecco che nel 2017 ha sfoderato Aljazzi (Shamardal) che dopo aver gravitato a metà gruppo, ha proposto una gran bella progressione con in sella Ryan Moore per battere Materialistic (Oasis Dream) per Luca Cumani, e Zest (Duke Of Marmalade), mentre nulla da fare per la favorita di Godolphin Laugh Aloud (Dubawi), giunta quinta. Per Aljazzi, portacolori di aleh Al Homaizi and Imad Al Sagar, era la seconda vittoria in Listed dopo le Dick Hern Fillies’ Stakes ad Haydock Park la scorsa stagione, per lei è la terza vittoria in 7 corse disputate. IL VIDEO QUI.
Nel pomeriggio ci sono state anche due condizionate per i 3 anni che potevano avere un valore in ottica Classiche inglesi. Nella prova per femmine Ralph Beckett ha replicato con Sibilance (Bated Breath), ora imbattuta in 2 uscite, che ha fatto bene sul miglio dopo aver vinto al debutto a 1200. La seconda condizionata, per maschi, è invece stata vinta da Khafoo Shememi (Dark Angel) che ha fatto tutto lui con Ryan Moore a bordo per Richard Hannon al training. Per lui è la seconda vittoria in 4 uscite ma ha impressionato gli osservatori tanto che la sua vittoria fa pensare a qualcosa di più importante in futuro. Magari non è un cavallo da Ghinee, ma sicuramente potrà fare meglio in compagnie più impegnative di una condizionata inglese, comunque buona. 
In Irlanda, a Cork, c'erano le EBF Noblesse Stakes Lr vinte al rientro dalla rientrante Zhukova (Fastnet Rock) per Dermot Weld. Cavalla in grado di vincere un paio di G3 la scorsa annata, ci si aspetta da lei moltissimo in questo 2017. 

Giappone: Al Ain vince il Satsuki Sho a Nakayama. Mirco Demuro secondo su Persian Knight

In Giappone si sono disputate le 2000 Ghinee locali, il Satsuki Sho G1, sui 2000 metri del catino di Nakayama pieno zeppo di persone (nella foto il tondino di Nakayama). A vincere è stato un cavallo non atteso dal betting, vale a dire Al Ain (Deep Impact) montato da Kohei Matsuyama per il training di Yasutoshi Ikee, portacolori della Shadai Farm, che ha battuto Mirco Demuro il quale era in sella a Persian Knight (Harbinger). Mirco stava per compiere il solito piccolo capolavoro, tenendo il suo vicino alla corda, guadagnando senza spendere nella dirittura opposta ed entrando in retta cercando varchi per guadagnare ancora metri. Al Ain, però, nonostante un piccolo intralcio, è riuscito ad agganciarlo e beffarlo nelle fasi finali.
Il vincitore era a 23/1 nell'antepost betting, mentre la delusione è donna: Fan Dii Na (Deep Impact) non è riuscita a sfatare il tabu femmine nella prova contro i maschi, ottenendo al massimo un settimo posto. Ultimo gradino del podio, ancora a sorpresa, per Danburite (Rulership) giunto terzo a 60/1. Il vincitore aveva debuttato a fine Ottobre a Kyoto con in sella Ryan Moore, poi aveva replicato in bello stile mentre nella prima prova a livello di G3 aveva steccato pesantemente giungendo nelle retrovie. Al rientro di Marzo ad Hanshin ha vinto il Mainichi Hai G3 sui 1800 metri dando l'idea di gradire maggiore distanza. Missione compiuta. IL VIDEO DEL SATSUKI SHO QUI.

sabato 15 aprile 2017

Anticipazioni: Frankie #Dettori ingaggiato per Patriot Hero nel Parioli G3, le 2000 Ghinee italiane. Corsa tabù per lui..

Il Premio Parioli G3 è l'unica corsa che manca al suo incredibile Palmares di vittorie. Lo scorso anno lo ha sfiorato in sella a Qatar Dream, battuto di poco da Poeta Diletto, quest'anno Frankie ci riproverà.
Infatti nelle scorse ore è stato ufficializzato il suo ingaggio per le Ghinee italiane da parte di Endo Botti che lo ha prenotato per montare Patriot Hero (Pivotal), al momento il caldo favorito delle Ghinee nostrane, vincitore del Premio Arconte e preservato fresco per il big event del 1° Maggio, al quale mancano oramai un paio di settimane: "Una corsa che vorrei proprio vincere e che manca per completare la serie delle classiche romane per i tre anni" ha dichiarato Frankie.
Speriamo che la sua presenza serva per portare un pò di gente all'ippodromo creando una gran cassa mediatica.
Dettori non monterà solo Patriot Hero ma nel Regina Elena sarà ancora atteso per salire in sella ad una cavalla allenata da Endo Botti, sembra sia Fataliste (Siyouni), seconda di Candy Store nel Saccaroa, ma non è esclusa una candidatura di Song For My Heart (Canford Cliffs), sempre una homebred della Nuova Sbarra, seconda al debutto di Capannelle alle spalle di Pamparana.
L'arrivo di Dettori completa il già interessante campo degli iscritti alle Ghinee italiane. Dettori ha già vinto il Regina Elena nel 1997 con Nicole Pharly e il Derby nel 1999 (Mukhalif) e nel 2009 con Mastery.
Possibili iniziative per i fan di Frankie organizzate da Capannelle, nei prossimi giorni vi diremo di più. Intanto, mano al pulsante...

Giappone: Domenica il Satsuki Sho; Riuscirà la femmina Fan Dii Na a battere i maschi? Tripletta per Demuro ad Hanshin

In Giappone la domenica che ci apprestiamo a vivere è la seconda in ambito Classico, dopo le Oka Sho della settimana scorsa è il turno dei maschi del Satsuki Sho G1. O meglio, dei maschi e delle femmine, come ogni prova delle 2000 Ghinee di ogni paese debba ammettere mentre da noi il Parioli G3 è riservato solo ai maschi. Si corre a Nakayama ed i metri non sono 1600 ma 2000, sono le 2000 Ghinee locali e la favorita è proprio una femmina che si chiama Fan Dii Na (Deep Impact), che ha deciso di non affrontare le pari sesso per puntare deciso alla corsa con i maschi. Una femmina non vince questa corsa dal 1948. Figlia di Deep Impact e prodotto di una fattrice da Pivotal, non ha corso a 2 anni ma a 3 anni ha cominciato a rullare a Kyoto in Gennaio e Febbraio prima di vincere impressionando la Flower Cup G3 con 5 lunghezze di margine senza mai essere avvicinata. La favorita sarà lei, montata da Yasunari Iwata per Tomokazu Takano. Tra gli altri ci sono Cadenas (Deep Impact) che ha vinto il Yayoi Sho lo scorso mese su tracciato e distanza, battendo rivali diretti come My Style (Heart’s Cry) e Danburite (Rulership), mentre Suave Richard (Heart’s Cry) ha rifinito vincendo in G3 a Tokyo in Febbraio nell'unica corsa disputata quest'anno. Win Bright (Stay Gold) ha vinto le ultime 3 corse delle ultime 4 uscite, battendo Outliers (Victoire Pisa) e Platina Voice (Empire Maker) nelle Spring Stakes G2. Win Bright ha battuto anche Satono Ares (Deep Impact), incoronato Champion Two-Year-Old lo scorso anno dopo la vittoria nelle Asahi Hai Futurity Stakes G1, giunto quarto alla ricomparsa quando era atteso ed in procinto di marcare un passo in avanti. Rey Del Oro (King Kamehameha) è imbattuto in 3 uscite ma non corre da Dicembre, quando vinse le Hopeful Stakes G2, mentre Al Ain (Deep Impact) e Persian Knight (Harbinger), quest'ultimo montato da Mirco Demuro ed una quota in antepost a 10/1, hanno vinto i loro G3 di preparazione.

Inghilterra: #Convey domina l'Easter Classic di Lingfield con Ryan Moore! Obiettivo Champions Mile di Hong Kong.

Lingfield Park ha lanciato nel venerdì santo la All-Weather Championships Finals Day, già celebrato lo scorso anno, con un 2017 che ha visto il record di presenze nel Surrey per la quarta edizione di un festival nel quale sono stati messi in palio premi per £1 milione in generale nella giornata. Molti allenatori nei giorni scorsi hanno contestato una sorta di "sperpero" di risorse, ma di fatto la giornata è riuscitissima sotto i punti di vista con almeno 5 delle 7 corse in programma con £93,375 al vincitore, mentre la Easter Classic ha avuto un montepremi per il vincitore di £124,500. A vincerla è stato Convey (Dansili), che aveva toccato il picco con la vittoria del Winter Derby G3, e ora confermatosi leader del sintetico con un'altra vittoria di spicco. 
Da quando è stato castrato il portacolori di Robert Ng, allenato da Sir Michael Stoute, ha cambiato volto vincendone 2 su 2. Ieri aveva in sella Ryan Moore e da favorito ha battuto Absolute Blast (Kodiac) ed Allez Henri (Footstepsinthesand). A parlare del suo futuro è stato Rupert Pritchard-Gordon, racing manager del proprietario che ha commentato il prossimo obiettivo. Il figlio di Dansili (Danehill) è stato invitato al Champions Mile G1 di Hong Kong in erba il 7 Maggio, dove potrebbe correre anche Dicton (Lawman) per Gianluca Bietolini ed i stessi colori. Convey è un ex di Juddmonte ed è stato pagato 130.000gns lo scorso Ottobre alle Tattersalls Autumn Horses in Training Sale. Tutti i risultati della giornata di Lingfield cliccando QUI. IL VIDEO DELL'EASTER CLASSIC CLICCANDO QUI.

Allevamento: Se n'è andata Elle Danzig, vincitrice di 2 Premio Roma e seconda nel Presidente della Repubblica.

Quando l'ippica italiana rappresentava qualcosa di altissimo. Ecco cosa abbiamo percepito quando è stata comunicata dal Gestut Wittekindshof la scomparsa della campionessa Elle Danzig (Roi Danzig), venuuta meno giovedì in seguito a complicazioni derivanti dal parto di una femminuccia da Maxios (Monsun), all'età di 22 anni. Come fattrice si è dimostrata molto buona, ma è in corsa che di lei ricordiamo le migliori gesta perchè è stata una delle migliori femmine tedesche del dopoguerra, resasi grande anche in Italia. Allenata da Andreas Schutz ha vinto 12 corse, di cui 11 a livello di Gruppo incluse le German fillies’ Classics e 3 G1, tra cui il Bayerisches-Zuchtrennen e per ben due volte i Premio Roma G1, quando aveva uno status netto al massimo, senza dimenticare il secondo posto nel Premio Presidente della Repubblica G1, a cavallo degli anni 1999 e 2000. Che tempi, ragazzi. Comunque, come fattrice è stata ugualmente una buona rappresentante dell'allevamento, senza aver mai prodotto cavalli alla sua altezza, tuttavia. Innanzitutto proviene da una famiglia che può includere Eirehill (Danehill), madre di Empoli (Halling) e della famiglia di Saent (Strategic Prince), vincitore del Derby Italiano. Elle Danzig ha prodotto 12 cavalli, 11 dei quali hanno vinto. Otto sono femmine, e dunque la sua inflienza continuerà a sentirsi, e degli 11 vincitori 8 hanno superato un rating di 95. La migliore è forse Elle Shadow (Shamardal), nata nel 2007, vincitrice di 3 corse di G1. 
Se avete ricordi in proposito di quegli anni, pubblicateli nei commenti. Saranno graditissimi..

Capannelle: Rock Of Sprint vince la prima corsa per i 2 anni in Italia. Team Cascione / Guerrieri per la nata 2015.

E così, è passato un altro anno. Lo so, lo diciamo ogni volta e sarebbe il caso di smettere per non pensare che il tempo passa per davvero. La prima corsa dei 2 anni in Italia ci lascia sempre quel pizzico di riflessione da fare. E, come accadde lo scorso anno, ma in generale come accade da qualche anno a questa parte, è il team "Sicilia" che prepara i puledri per vincere la prima corsa riservata ai nati 2015 in Italia. A vincere venerdì a Capannelle è stata Rock Of Sprint (Rock Of Gibraltar), team Sebastiano Guerrieri / Melania Cascione, che dopo un paio di contrattempi dati dalla partenza ritardata prima da un uomo dentro, poi dalla fuga in libertà di uno dei partecipanti, è partita come una scheggia ed ha completato i 1000 metri in 58,85, misura anche troppo abbondante rispetto alle rilevazioni manuali che fanno segnare un tempo un filino più basso. Comunque, Samuele Diana in sella ha pigiato il bottone e la femmina saura ha completato la missione dimostrandosi subito ben arruolata. Pur scartando nella fase finale, è riuscita a battere la piccola ma tenace Phryne (Black Mambazo), 2 lunghezze dietro, e Pacecca (Black Mambazo) altra che ha debuttato molto bene. A proposito di Black Mambazo (Statue Of Liberty) ricordiamo come sia uno stallone sponsor di Mondoturf, per la scheda cliccare su questo LINK.
La vincitrice è stata pagata €7,000 alle Tattersalls Ireland September Yearling Sale, come prodotto della fattrice Black Mascara (Authorized), piazzata a 3 anni. Ogni settimana scopriremo il vincitore delle maiden per i 2 anni.IL VIDEO DELLA PRIMA CORSA PER I 2 ANNI IN ITALIA QUI.

venerdì 14 aprile 2017

Weekend italiano. Sabato lo Zanoletti e domenica il Gardone a San Siro, se si correrà. Lunedì di livello a Capannelle

Fine settimana di gran pregio in Italia, con un weekend lungo di Pasquetta nel quale sarà utile stare incollato alla tv o in ippodromo per godersi una serie di corse di tutto rispetto. Sempre che a Milano si corra, perchè ci sono venti di guerra e di sciopero per gli impianti in orbita Snai per una protesta contro l'esubero di 55 persone. Staremo a vedere cosa succede. Sabato a Milano, inserito in un convegno con gli ostacoli, c'è da vedere lo Zanoletti di Rozzano condizionata in orbita Oaks per femmine di 3 anni. Sarà interessante rivedere all'opera Ra Valles (High Chaparral) che ha fatto vedere grandi cose a Roma. IL CAMPO PARTENTI COMPLETO DEL 15 APRILE QUI.
Domenica invece,

Pasquetta a San Vincenzo con lo spettacolare Palio della Costa Etrusca, ecco il programma del 17 Aprile. Partito l'allestimento..

Conto alla rovescia iniziato per il Palio della Cosa Etrusca. Iniziato, sulla dorata sabbia della spiaggia di San Vincenzo (Li), l’allestimento del circuito (820 metri) su cui si sfideranno in sella ai loro purosangue i migliori fantini del Palio di Siena ed alcuni tra i più giovani e promettenti jockey del panorama delle competizioni.
Attesi migliaia di appassionati e turisti da tutta Italia per un evento che torna dopo tredici anni di stop nell’Olimpo delle competizioni equestri. Tutto pronto anche sul fronte dell’ospitalità con l’attivazione di un servizio bus navetta gratuito da e per i cinque parcheggi. L’evento sarà trasmesso in diretta streaming su Canale 3 Toscana.
L'organizzazione che si occupa dell'evento è il sito http://www.tuscany4me.net/palio-costa-degli-etruschi/ raggiungibile su internet. Per informazioni e acquisto biglietti e pacchetti contattare l'Agenzia Tuscany4me. P.zza Umberto I - San Vincenzo (Li). Telefono: +39 0565-705205. Contattateli per avere informazioni su come pernottare e prenotarsi per il pranzo
Tra i protagonisti della mitica corsa in programma il giorno di Pasquetta, lunedì 17 aprile (inizio ore 14.30. Per info biglietti e programma vai su www.paliodellacostaetrusca.it), il grande Luigi Bruschelli, alias “Trecciolino”, 32 vittorie a Piazza del Campo, che gareggerà nella quarta batteria insieme a Jonatan Bartoletti (Scompiglio) trionfatore dell’ultima edizione con lo storico “cappotto”, Andrea Mari (Brio) che vedremo invece nella terza batteria, Giovanni Atzeni (Tittia), il primo a scendere in pista.
Ed ancora il giovane Giuseppe Zedde (Gingillo), due successi al Palio con il Bruco e la Tartuca pronto al debutto sulla costa etrusca nella seconda batteria insieme ad Antonio Villella (Sgaibarre). Ufficializzate le quattro batterie.

giovedì 13 aprile 2017

Aste: #GoffsUK #BreezeUp Sale: Record frantumato nel movimento £5,403,000 (+53%) e nel top price da £360,000

La gran cassa mediatica ed il gran successo ottenuto lo scorso anno in termini di risultati per le Goffs UK BreezeUp Sale, inclusa la grande qualità presente nel catalogo, hanno fatto schizzare alle stelle movimento e prezzi del Breeze di Doncaster. Basti pensare che da qui sono usciti vincitori del Royal Ascot Quiet Reflection, My Dream Boat, Prince Of Lir e Ardad, con gli ultimi due venduti lo scorso anno come top prices da £170,000 e vincitori di 2 corse al Royal nelle corse per i 2 anni. C'erano anche molti italiani e di loro abbiamo contato almeno 10 acquisti, ma potrebbero essere anche di più all'amichevole. Ne riferiamo in fondo all'articolo.
L'asta ha mantenuto le aspettative. Il movimento ha visto un record di fatturato molto alto con un fatturato complessivo di £5,403,000 (+53%), con la media a £45,025 (+37%) ed il mediano a £30,000 (+36%) mentre il numero dei venduti ha subito un incremento al 90% rispetto al 72% dello scorso anno. Il top price ha spazzato via ogni record, rispetto a quello realizzato nel 2014 con un lotto da £340,000 pagati da David Redvers per Likely (Exceed And Excel). 
Quest'anno a realizzare il top price è stato un cavallo presentato dal Tally-Ho Stud figlio di Kodiac (Danehill) che ha realizzato un prezzo di £360,000. Si trattava del Lot 89, nella foto una istantanea del Breeze, prodotto della fattrice Sodashy (Noverre) acquistato da Richard O’Gorman in compagnia di Mark McStay, per un acquisto che andrà ad infoltire la batteria di Godolphin. Il soggetto in questione era stato acquistato da foal a Goffs dal Jockey Hall Stud per €68,000 e da yearling non era stato venduto per €58,000 alle Orby Sale dello scorso anno, rimandando i discorsi al successo nel Breeze Up.

mercoledì 12 aprile 2017

Aste: Sono cominciate le #GoffsUk Breeze-Up Sale, ecco il live delle licitazioni ed i video dei breeze

Il breeze up di Doncaster organizzato da Goffs Uk è ufficialmente iniziato! Nella mattinata di mercoledì 152 puledri passeranno sotto il martello del banditore. L'asta è già iniziata, basta ricordare che lo scorso anno a realizzare il top price sono stati Prince Of Lir, vincitore delle Norfolk Stakes, e Ardad, vincitore delle Windsor Castle, venduti per £170,000. Quest'anno ci sono tanti esaltanti figli di Kodiac offerti dal Tally-Ho Stud e saranno in 9. C'è attesa per una figlia di Society Rock (per ora 2 vincitori su 4 che hanno corso per lui) mezza sorella di Ardad, offerta ancora dal Tally-Ho. Per guardare il live dell'asta cliccare su questo LINK. I ritirati sono i seguenti numeri: Lots: 2, 7, 10, 16, 19, 49, 67, 83, 86, 103, 131, 142, 146, 148, 149.
Per prendere contatti con qualcuno in loco, potete contattare l'agente Goffs Uk per l'Italia in Gianluca Di Castelnuovo, mail newracingfactory@gmail.com, cellulare +39 3332927168.

Weekend italiano. Lunedì il Carlo Chiesa ed il Natale di Roma a Capannelle. A Milano ecco Gardone e Zanoletti..

Domenica non si corre a Capannelle, ma ci sarà un weekend lungo fino alla Pasquetta o lunedì dell'angelo dove si correrà a Roma. In programma 7 corse tra cui Carlo Chiesa Lr per femmine di 3 anni ed oltre sui 1200 metri in pista dritta, ed il Natale di Roma Lr per cavalli anziani sul miglio in pista grande. Le anticipazioni a Roma non sono tante, ma certamente c'è attesa per il ritorno alla migliore condizione fisica per Kathy Dream (Arcano), la esaltante vincitrice dell'Aloisi che dopo un rientro molto soft cercherà la sua migliore forma. Contro probabilmente ci saranno My Lea, Elusive Queen, Last Gift, Val Nanda, Musa D'Oriente, Freccia di Fuoco che cercheranno di ambire ad un posto nel marcatore.
Tra gli anziani del Natale Di Roma dovrebbe correre la solita flotta dei Botti capitanati da Azzeccagarbugli e Basileus. PER GLI ISCRITTI DI ROMA CLICCARE QUI.
A Milano domenica si anticipa un match da Parioli, eventualmente, con il rientro ufficiale di Amyntas che molti aveva esaltato nell'autunno romano. Contro dovrebbe esserci anche Anda Muchacho, l'Incolinx dalle buone linee che vanno ancora verificate. Della partita forse anche Sun Devil e poi sarà interessante vedere all'opera, qualora corra, Patriot Hero. Sabato a Milano c'è da vedere lo Zanoletti di Rozzano per femmine di 3 anni in ottica Oaks. Dovrebbe correre Sunchisetagioo, tra le altre. PER GLI ISCRITTI DI MILANO CLICCARE QUI.

martedì 11 aprile 2017

First Crop Sires: Rock Of Estonia è il primo vincitore per Society Rock, stallone ex Tally Ho scomparso nel 2016

In tema stalloni alla prima annata di produzione in pista, dopo il colpo di Swiss Spirit è arrivato il primo figlio a segno per il vincitore di G1 Society Rock (Rock Of Gibraltar), residente al Tally-Ho Stud prima della sua prematura dipartita lo scorso anno. A rappresentarlo in vita e sul palo è stato nella giornata di lunedì Rock Of Estonia, allenato da Charlie Hills, che ha vinto la sua maiden a Windsor. Allevato da Colin Kennedy è un graduato di Tattersalls, essendo passato per la prestigiosa casa d'aste da foal per £68,000 e poi acquistato da puledro per £90,000 da Sackville Donald. 
Rock Of Estonia è di proprietà del cinese Kangyu Int Racing (HK) Ltd & F Ma. Per la cronaca nel debutto di Windsor ha battuto la femmina Angel Of The South (Dark Angel), prodotto della italiana Oeuvre D'Art (Marju), ex Nuova Sbarra per Bruno Grizzetti, venduta all'estero dopo la carriera di corse che l'ha vista emergere terza nelle Oaks G2 vinte da Danedream. Così, per dire. 
Quanto a Society Rock, è stato uno sprinter con i fiocchi migliorato nel corso degli anni, come il buon vino. Partendo dal principio si può dire che la mamma High Society (Key Of Luck) fu acquistata a metà con Antonio Balzarini da Emmanuel de Seroux e Paolo Romanelli della Ital-Cal, poi messa in razza e coperta da Rock of Gibraltar. Nacque appunto Society Rock che allenato da James Fanshawe ha vinto sei corse incluse le Golden Jubilee Stakes G1 a 4 anni e l'Haydock Sprint Cup G1 la stagione successiva. Ha vinto anche le Duke Of York Stakes G2, ma si è piazzato in G1 in altre 5 occasioni incluse altre 2 edizioni delle Golden Jubilee Stakes. Ha cominciato in razza ad un tasso di €8,000, ha una prima annata con 120 puledri che hanno realizzato prezzi anche alti tra alcuni dei suoi esponenti, fino a £200,000.

Francia: Al Wukair stravince il Prix Djebel, obiettivo 2000 Ghinee di Newmarket. Dominio Fabre su Maisons-Laffitte..

In Francia lunedì era un giorno festivo, in quanto a programma di corse. A Maisons-Laffitte sono andati in scena i trials per le Classiche inglesi, dai quali abbiamo tratto indicazioni interessanti. Nel Prix Djebel G3, test per i maschi, a vincere è stato un impressionante Al Wukair (Dream Ahead) che è stato autore di un mega recupero dopo partenza lenta e cambio di marcia impressionante per andare a prendere National Defense (Invincible Spirit), vincitore di Lagardere G1 a due anni, e contribuire così a rimanere imbattuto in 3 uscite con Gregory Benoist in sella per i colori della Al Shaqab ed il training di Andre Fabre il quale, da quando è iniziata la stagione, ha sfoderato una percentuale di vincitori su sellati prossima al 40%. Il figlio di Dream Ahead (Diktat), pagato £200,000 in Inghilterra, era stato autore di discreto debutto e poi una conferma nel Prix Isonomy Lr a Deaville prima della sosta invernale. Ha mostrato grandi doti anche se ancora in maniera acerba, vedremo se basterà a "svegliare" dal torpore Churchill che è il favorito dell'antepost delle 2000 Ghinee e non è ancora rientrato perchè secondo le indicazioni del suo trainer lo farà direttamente sul Rowley Mile. Abbiamo parlato di Ghinee inglesi perchè quella è la destinazione del morello di Al Thani, secondo quanto riferito ai media inglesi proprio da Fabre. Saggiamente, Criquette Head ha detto che National Defense rimarrà in francia a correre le Poule. IL VIDEO DEL DJEBEL QUI.
Monsieur Fabre,

lunedì 10 aprile 2017

Francia ed Irlanda: Cloth Of Stars si conferma nell'Harcourt. Fas verso Ascot, Gold Luck sulle orme di Goldikova..

In Francia si è corso di domenica ma gli appuntamenti interessanti in chiave Classica ci saranno nella giornata di lunedì con Imprucence e Djebel in programma per maschi e femmine. Ma tra gli anziani sicuramente nella stagione chiederemo sempre di più a uno come Cloth Of Stars (Sea The Stars) che dopo l'impressionante performance nell'Exbury G3 ha vinto con del buono in mano anche il Prix d’Harcourt G2 (VIDEO) andando a prendere Robin Of Navan, con Cristian Demuro a bordo, e tutti quelli che lo avevano agganciato prima. Delle sue gesta abbiamo raccontato qualche post fa: Cavallo sempre molto stimato, ha di fatto fallito lo step da campione a 3 anni piazzandosi "solo" nel Grand Prix de Paris G1, ma vincendo a livello di G3 nelle varie preparazioni. Cloth Of Stars, allenato da Andre Fabre, è parso un altro animale in questa stagione ed il prossimo obiettivo potrebbe essere quello del Prix Ganay G1 Saint-Cloud, su un tracciato che Cloth ama abbastanza. Contro avrà ancora Mekhtaal (Sea The Stars).
Nel Vanteaux G3 (VIDEO) per femmine di 3 anni sui 2000 metri, seconda vittoria in carriera in 3 uscite per Gold Luck (Redoute's Choice), la sorellastra della campionessa Goldikova, che ha avuto la meglio di Monroe Bay (Makfi) ed Hebah (Sea The Stars). Ci sono aspettative Classiche, ovvio, per una cavalla che ha un pedigree davvero notevole. 

domenica 9 aprile 2017

Test classici: A Capannelle impressiona Together Again in ottica Parioli, Folega senza rivali nel Torricola. Stamp Collecting domina il Seregno. Tra gli anziani Time To Choose nel Circo Massimo, Way To Paris a San Siro..

Mastro Stefano qualcosa doveva pure inventare in ottica Parioli. E così, per contrastare Patriot Hero sempre più solido nell'antepost delle 2000 Ghinee italiane, si è inventato di accorciare Together Again (Pivotal) il quale, a differenza di quanto avvenuto nel San Giuseppe, ha mostrato una versione tutta diversa da miler vincendo di 5 lunghezze in 1m 37,58s il Daumier Memorial Marco Rinaldi sui 1600 metri in pista grande. Un riferimento davvero buono per un cavallo che ne ha sbagliata solo una in carriera, quando ancora non era uscito dall'inverno.
Ben montato da Fabio Branca, ha lasciato a distanza un interessantissimo Triticum Vulgare (Frozen Power) con al terzo Aspettatemi. Gli altri, non pervenuti. Dicevamo di Mastro Stefano, tornato in ippodromo già a Firenze sabato per aver ottenuto la sospensiva, è apparso comunque fiducioso sul futuro di Together, un sauro essenziale, ma con molto motore. Nella foto credito a Domenico Savi.
Diverso dall'altro Pivotal (Polar Falcon), dal fisico invece più imponente ma con la stessa azione potente. Tanto per fare un riscontro, nell'Arconte Patriot Hero fece un tempo sul miglio di 1m 36,09, molto più basso di Together che però correva su una pista con uno steccato allargato. Quindi, in fondo, i riferimenti non sono lontani. Certo è che la compagnia di Together Again, non era la stessa di Patriot Hero. Insomma, ad oggi, la sensazione è che il Parioli lo vincerà un Pivotal..vedremo quale. IL VIDEO DEL DAUMIER QUI. I RISULTATI COMPLETI QUI.
Meno fortuna ha avuto

Hong Kong: Rapper Dragon vince ancora! Dopo il Derby anche il Chairman's Trophy con 2° un ottimo Beauty Only

Di sicuro è il cavallo più in ascesa ad Hong Kong. Rapper Dragon (Street Boss), dopo la vittoria nel Derby locale a 4 anni, ha spaziato anche contro gli anziani in una edizione del Chairman’s Trophy G2 che poteva essere tranquillamente di G1, per la categoria che lo ha nobilitato. Il cavallo di John Moore, montato da Joao Moreira, era il favorito ed ha seguito i primi rimanendo sempre in quota e sfoderando la sua azione poderosa, servita a mantenere a mezza lunghezza il finish ficcante dell'italian bred Beauty Only (Holy Roman Emperor), venduto oramai qualche anno fa tramite la mediazione di Paolo Benedetti, e diventato un campionissimo sul tema del miglio. Il tempo finale parla da se: 1m 33.74s. Impressionante. IL VIDEO QUI. IL RISULTATO QUI.
Insomma, Rapper Dragon ha battuto il vincitore del Mile, che gli rendeva 5 libbre, ma i primi 2 hanno dato l'idea in questo momento di essere superiori in tutto e per tutto. Beauty Only, allevato dalla famiglia Parri, potrebbe correre ora il Champions Mile sempre ad HK, oppure lo Yasuda Kinen G1 di inizio Giugno a Tokyo, in Giappone, sul tema del miglio. Sicuramente Zac Purton ha parlato di un cavallo stimatissimo, dicendo che il meglio deve ancora venire. Quanto a Rapper Dragon al momento non sono previste trasferte ma ancora una cementazione del suo status a livello locale. 
Nel resto del pomeriggio, diamo conto solo della brutta performance di Dee Dee D'Or (Zebedee), secondo nel nostro Derby G2, giunto nelle retrovie in un handicap per cavalli anziani. Insomma, il grigio è ancora alla ricerca di se stesso. IL VIDEO QUI.

America: Irish War Cry, #Gormley e #Irap altri nomi buoni per il Kentucky Derby. Favorito è Always Dreaming..

La strada per il Kentucky Derby prosegue imperterrita, in ottica 2 minuti più eccitanti dello sport americano che andranno in scena il 6 Maggio a Churchill Downs. Nel fine settimana si sono disputati 3 test interessantissimi. Ad Aqueduct Irish War Cry (Curlin), allevato da Isabelle De Tomaso (Locsot) e proveniente da una famiglia femminile italiana, ha ripristinato il suo ruolo vincendo le Wood Memorial Stakes Presented by NYRA Bets G2 (VIDEO QUI), riprendendosi dalla brutta prestazione nelle Fountain Of Youth Stakes G2 dove giunse settimo. Graham Motion ha tirato un sospiro di sollievo, ma ora il puzzle ha tutti i pezzi collocati nel modo giusto. In sella al sauro c'era Rajiv Maragh. 
A Santa Anita sono tornati a brillare i colori di Zenyatta, per i coniugi Jerry and Ann Moss ed il loro Gormley (Malibu Moon) capace di vincere alla grande il Santa Anita Derby G1 (VIDEO QUI) mostrando una bella dimensione di se, per John Shirrefs e la monta di Victor Espinoza. Gormley aveva deluso nelle San Felipe Stakes G2 quando giunse quarto di Mastery (Candy Ride), ma stavolta ha cementato ancora più il suo status. 
A Keeneland ha vinto a sorpresa invece Irap (Tiznow) che ha colpito a 30/1 nelle Toyota Blue Grass Stakes G2 (VIDEO QUI), da cavallo maiden. Tra i battuti anche McCraken (Ghostzapper), che ha perso l'imbattibilità. A 2 anni Irap era stato secondo di Mastery nelle Los Alamitos Futurity Stakes G1, ma il cavallo della Reddam Racing allenato da Doug O'Neill ha guadagnato 100 punti necessari sulla strada per il Derby. Di fatto, la qualità non gli manca. Si tratta di un fratellastro del campione e stallone Speightstown (Gone West).