STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 29 febbraio 2016

Stalloni: First Season Sire 2016: Un bookmaker offre le quote in antepost, Frankel è il favorito della competizione

Siamo praticamente a Marzo, significa che il 2016 dei neo 2 anni è ufficialmente cominciato ed a breve vedremo i primi puledri debuttare. Come ogni ippico appassionato che si rispetti è interessante vedere i primi prodotti dei campioni che hanno terminato la carriera nel 2012, hanno coperto le loro fattrici nel 2013, hanno visto nascere i loro primi figli nel 2014 cosicchè possano vederli correre nel 2016. Joseph Burke di RaceBets (bookmaker di base a Malta) ha confessato di avere avuto tantissime richieste di quote per la competizione dei first season sire, e si è accesa la Frankel-mania, uno dei cavalli più forti di tutti i tempi che ha i primi figli in pista. Quelli che sono passati alle aste hanno fatto dei prezzi molto alti, ovviamente, anche se non ne sono passati tantissimi. Per lui, che funziona ad un tasso di monta di £125,000, ha all'attivo 98 figli nati dalla sua prima annata di produzione e 23 di questi ne sono stati venduti ad una media di £423,483. Nathaniel, con cui ha condiviso il debutto come da foto, 113 figli nati di cui 66 venuti ad una media di £98,000. E questa è solo una piccola perla che vi diamo. Ovviamente Frankel (Galileo) capeggia il betting ad una quota di 9/4 (circa 3,25).......

Pisa: City Of Stars e Conselice i nomi giusti per Rook ed Andreina verso il Pisa. Andrea Mezzatesta vince la Ribot Cup

Chissà che la giubba di Welnor non svetti ancora in corse importanti! Una responsabilità importante ce l'ha sicuramente City Of Stars (Lilbourne Lad) che nella domenica di Pisa ha vinto il Thomas Rook in preparazione al Premio Pisa del 20 Marzo prossimo. Il cavallo della Concarena, pagato £8,000 alle Tattersalls Horses in Training Sale da Francesca Turri, è un castrone che ha lasciato l'Inghilterra con un rating di 72 ed oggi è leggermente migliorato, guardando gli standard recenti. Dopo un paio di prove di assaggio, sono arrivate due affermazioni consecutive, complice anche il terreno morbido, ed ha tenuto in rispetto Perego (Mujahid), uno che trarrà giovamento dall'allungamento della distanza. Terzo l'altro di Gasparini Nice Name e quarto Pythius, che verrà avanti a breve. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
Si tratta di corse di Febbraio, è chiaro, ma City Of Stars ha dimostrato abilità utili ad accendere la fantasia di Roberto Bottanelli, felice come una Pasqua per questa vittoria. Ricordiamo che il signor Bottanelli è stato Campione tra i gentlemen negli anni 70, e la sua giubba gialla a palle nere è leggendaria per le vittorie di Welnor (Welsh Pageant) nel Derby Italiano G1 e Gran Premio d’Italia nel 1984. City Of Stars non potrà partecipare alle Classiche in quanto castrone, ma c'è un programma abbastanza aperto per uno come lui. Innanzitutto il Premio Pisa, poi Gardone a Milano, Daumier a Roma (anche se non è più Listed), e poi Mauro Sbarigia sempre a Capannelle, o Premio D'Estate a Milano sono obiettivi da perseguire.

domenica 28 febbraio 2016

Hong Kong: Beauty Only terzo nella Queen’s Silver Jubilee Cup vinta da Contentment. Designs Of Rome vince la Gold Cup

Non solo Giappone in Oriente, ma anche Hong Kong dove sono andate in scena un paio di corse interessanti. Nella Queen’s Silver Jubilee Cup G1 sui 1400 metri in erba, buona prestazione dell'ex italiano Gentlemen Only, ora Beauty Only (Holy Roman Emperor), allevato dalla famiglia Parri, in una corsa vinta da Contentment (Hussonet) per John Size. Beauty Only, che era su distanza molto corta, è partito male ma ben presto si è ricondotto ai primi, ed in retta pur andando per varchi è stato autore di gran finale. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
Nella Citi Hong Kong Gold Cup sui 2000 metri alla fine il giro della giostra è passato per Designs Of Rome (Holy Roman Emperor) tornato a vincere dopo tanto tempo, nei confronti di Helene Happy Star (Zamindar) e Military Attack (Oratorio). IL VIDEO DELLA CORSA QUI.

Giappone: #Duramente si salva di una testa nel Nakayama Kinen, prossima tappa Sheema Classic. Per Mirco Demuro 500 vittorie in JRA!

Come un cane che morde un uomo, le vittorie di Mirco Demuro in Giappone oramai non fanno più notizia. Tranne quando si tratta di pura tecnica! Nella giornata di domenica era impegnato nel girotondo di Nakayama nel Nakayama Kinen a bordo di un cavallo fortissimo che risponde al nome di Duramente (King Kamehameha) e che ha dato a Mirco le affermazioni nelle 2000 Ghinee JAP e nel Derby JAP la scorsa stagione il quale, dopo una sosta di 9 mesi causa rimozione di due chip al ginocchio, è tornato a vincere al rientro siglando su una distanza corta come quella dei 1800 metri, un ibrido che si presta a più "preparazioni". E cosa deve fare un fantino con un cavallo forte che può patire la distanza in una pista non ideale? Montare con saggezza! E difatti Mirco ha tenuto il suo sempre in mano ed ha aggredito il palo prima della curva, anticipando tutti e salvandosi dal finale di Ambitious e da quello di Real Steel. IL VIDEO DEL NAKAYAMA KINEN QUI. IL VIDEO COMPLETO CON POST CORSA QUI.
Per Mirco era la

America: #Mohaymen e Cathryn Sophia continuano da imbattuti verso Kentucky Derby e Oaks

In America è andato in scena un convegno che ci ha detto molto in prospettiva Classica. Nelle Fountain of Youth Stakes G2 di Gulfstream Park, l'imbattuto Mohaymen (Tapit), per Kiaran McLaughlin e Junior Alvarado a bordo, ha cementato il suo status di favorito del Kentucky Derby aggiungendo un'altra perla alla sua collana di vittorie giunte numericamente a 5, dopo le Holy Bull G3 di cui abbiamo parlato qualche settimana fa. Il grigio, da favorito, ha siglato il contesto da $400,000 dopo aver seguito il gruppo in terza posizione e producendo una buona progressione, utile per tenere a bada Zulu (Bernardini) a 2 lunghezze e mezzo, con al terzo Fellowship (Awesome Of Course). IL VIDEO DELLE FOUNTAIN OF YOUTH STAKES QUI. Il tempo finale è stato di 1m42.84s, prossima tappa il Florida Derby G1 prima del primo weekend di Maggio.

Inghilterra, 2: Dylan Mouth non andrà a Meydan, per Sound Of Freedom obiettivo Middleton Stakes G2.

Marco Botti lo aveva anticipato sul canale 220 di SKY proprio ieri mattina che Grendisar era in una forma bestiale, ed infatti lo riferiamo nel post più sotto. Ma con il trainer italiano di base a Newmarket c'è stato modo anche di parlare di programmi soprattutto per ciò che riguarda Dylan Mouth (Dylan Thomas) e Sound Of Freedom (Duke Of Marmale), i due Effevi che dopo la campagna italiana hanno allargato gli orizzonti all'estero. Per il neo 5 anni vincitore di Derby, di Milano e di Jockey Club ed infine di Premio Roma, si parlava di un eventuale tentativo a Meydan, ma Marco ha confessato che sebbene si sia ambientato benissimo a Newmarket, il figlio di Dylan Thomas è ancora in ritardo di preparazione e probabilmente non farà in tempo a correre a Dubai nella preparazione per lo Sheema Classic.....

Inghilterra: #Grendisar si riprende il Winter Derby G3! Grande interpretazione di Adam Kirby per Marco Botti

Marco Botti aveva ragione. Grendisar (invincible Spirit) è entrato in forma proprio questo periodo dell'anno, ed è un peccato che sia finita praticamente la stagione in all weather anche se manca tutto il periodo di Pasqua. Il 6 anni da Invincible Spirit ha vinto il Winter Derby G3 di Lingfield, dopo il secondo nello scorso anno, con un gran finale, ma soprattutto è stato montato da califfo da Adamo Kirby, che lo ha tenuto ben coperto in fondo al gruppo piuttosto rilassato, e quando gli altri si sono cominciati piano piano a spegnere lui era ancora carico come un bufalo e con uno scatto ha sconquassato i piani di Godolphin che cercava di metterla sul tattico. Il rivale diretto era Festive Fare ma dopo un attacco alla corsa si è piano piano spento. Non è andato bene nemmeno Tullius, che ha patito ovviamente la pista e la curva stretta. Grendisar ha tenuto in scatto Maverick Wave (Elusive Quality) e Furia Cruzada (Newfoundland), la Cilena campionessa in Argentina, alla prima uscita per John Gosden. IL VIDEO DEL WINTER DERBY QUI.

sabato 27 febbraio 2016

Weekend spettacolare in giro per il mondo. Inghilterra, America, Qatar e Giappone.. e non solo.

Cosa ci aspetta nel weekend? Un mucchio di cose. Innanzitutto oggi tutti gli occhi puntati su Lingfield dove va in scena il rematch tra Grendisar (Invincible Spirit), allenato da Marco Botti, e Festive Fare (Teofilo), montato da Andrea Atzeni, nel Winter Derby G3 che di fatto (anche se non in sostanza) chiude l'inverno delle corse inglesi in attesa dell'erba. La bomba di profondità è il John Gosden Furia Cruzada (Newfoundland), una cavalla cilena, campionessa in Argentina per aver vinto il Gran Premio Gilberto Lerena G1 e Gran Premio Criadores G1, ed ora in procinto di mettere la bandierina anche nell'emisfero nord. Ritirato Energia Davos (Torrential), che tentò in autunno il Premio Roma senza esito.

America: American Pharoah, gravida la prima fattrice coperta. Si tratta della pregiata Untouched Talent

Il Coolmore ha annunciato nelle ultime ore che il campione e Triple Crown winner American Pharoah (Pioneerof The Nile) ha ufficialmente la sua prima fattrice coperta diagnosticata gravida in Untouched Talent (Storm Cat), già madre dell'Arkansas Derby winner Bodemeister, che fu pagata ben $5 milioni da fattrice gravida di Unbridled's Song nel 2012. Insomma, nessun dubbio che gli funzioni il pistolino. 

venerdì 26 febbraio 2016

Pubblicato il calendario di Marzo 2016. Dotazioni invariate, fine Febbraio in fermento per convenzione e montepremi

Lunedì sarà un giorno cruciale per far si che a Marzo si inizi veramente a correre. Dall'ultima riunione infatti gli ippodromi non hanno accettato e firmato la convenzione proposta dal Ministero che di fatto scende nella distribuzione delle risorse da 57 milioni a 49,5 milioni. Scenderà anche il Montepremi del 15% circa, a quanto pare, ma per Marzo è rimasto tutto invariato nelle dotazione... Forse i tagli si faranno più avanti, come al solito a tra Novembre e Dicembre si scoprirà che la coperta è corta. Stavolta lo sappiamo prima, prepariamoci. Comunque Roberto Faticoni ha informato il popolo ippico tramite social comunicando che le associazioni del trotto hanno richiesto"accessi agli atti per il preu chiedendo la quantità dello stesso che deve andare al montepremi e per calcolare l'iva che viene defalcato alla fonte dai premi dei proprietari visto che tanti di loro si sono levati dal pagamento in fatturazione mettendo le proprie scuderie al 4%. La notizia più importante è che il montepremi passa da €89.500,00.00 a 94 milioni circa calcolando in anticipo il preu perciò il taglio per il 2016 sara solo di €3,500,00,00 e non più di €8,100,000,00, dunque il calendario verrà proposto senza tagli per far si che si trovino altre risorse per cercare di tagliare meno corse possibile. L'idea è di tagliare "solo" 3,400 euro per ippodromo, cioè una corsa sola". All'inizio si prospettava il taglio di qualche giornata, ma gli ippodromi hanno detto no. Ma la cosa buona è che per alcuni evoluzioni finanziarie si riuscirà a guardare avanti per il 2016.
Vediamo cosa accadrà. Intanto è stato reso noto il calendario delle corse di Marzo, anche questo mese (ed è il terzo) non si correrà il lunedì in Italia.
Al galoppo si correrà 42 volte tra Milano (San Siro aprirà i battenti domenica 13 Marzo) mentre Roma dovrebbe iniziare martedì 1° Marzo ed avrà 12 giornate con la solita cadenza martedì-venerdì-domenica tranne per Pasqua (il 27) perchè si correrà a Pasquetta, il 28. Utilizziamo il condizionale perchè se lunedì non verrà dato il via libera per la convenzione, c'è possibilità di stop. Per il resto al galoppo si correrà a Treviso, Pisa (il Premio Pisa il giorno 20 Marzo), poi Grosseto, Napoli e Siracusa.
Il calendario di Marzo cliccando QUI.
Corse importanti al galoppo MARZO Qui.

Meydan: California Chrome soft rifinisce alla perfezione, appuntamento al 26 Marzo con la Dubai World Cup. Marking e Safety Check, gli altri spunti

Non è successo nulla di strano, per questo California Chrome (Lucky Pulpit) ha assolto il suo compito alla perfezione, senza troppi pensieri. In fondo doveva succedere l'imponderabile affinché lui potesse perdere un handicap con cavalli inferiori al suo status, benché gli rendesse 7 chili, pertanto possiamo serenamente analizzare in questa sede quando un test del genere possa essere probante in chiave Dubai World Cup. IT's perfect! Così ha detto Art Sherman al termine di una corsa morbida, scelta appositamente per arrivare freschi all'appuntamento che conta. Una prova scivolata via tranquillamente per il sauro che ha seguito il gruppo in terza ruota a ridosso dei primi due, lavorando sui fianchi dei leader e poi salutando anzitempo la compagnia in una progressione che è servita più che altro a prendere contatto con la superficie e con il clima. Victor Espinoza si è limitato a gestire, dando indicazioni sommarie. Ora la strada è segnata, con il figlio di Lucky Pulpit che cercherà dj ripercorre le orme di Curlin, vincitore dello stesso handicap nel 2008, e dominatore poi di Nad al Sheeba. Le analogie sono tante, adesso vedremo il 5 Marzo chi risponderà al cavallo della Taylor Made dalla giubba color stagnola. Intanto la sua quota è scesa ancora fino al 3/1, o poco più. Noi di mondoturf speriamo di mettere a frutto il 9/1 preso due mesi fa prima del rientro di Santa Anita. Il secondo cavallo più giocato è Frosted, a 5/1. VIDEO CORSA QUI.
A proposito di Frosted, un altro Godolphin di Kiaran McLauglin è passato quasi in sordina ma ha le stigmate di quello buono. Si chiama Marking (Bernardini), è un cavallo birichino quando sta dietro e dentro le gabbie, ma quando decide di muover le gambe lo fa in maniera molto interessante. Non è un carneade, sia chiaro, ma questo è uno che se si mette in testa di fare il bravo e capisce il mestiere, si è ci toglierà parecchie soddisfazioni. Il figlio di Bernardini, prodotto della campionessa Seventh Street (Street Cry), mezza sorella del velocista Reynaldothewizard (Speightstown), ha 4 anni ma ne dimostra 1 di cervello. Ieri William Buick ha faticato per farlo seguire l'andatura rimanendo allo stecco e andando giù di gomito per tenerlo sveglio. Ai 400 però, quando ha visto la luce, non c'è n'è stato più per nessuno, rifacendosi della sfortuna dell'ultima esibizione di Meydan nella quale, da favorito supportato in maniera massiccia, ha pensato bene di inginocchiarsi all'apertura delle gabbie, facendo rotolare nella sabbia come una cotoletta il suo interprete. Il tempo finale dice 1m, 10,86s, buonissimo come riferimento. 
In carriera poteva già vincere il suo G1 in Dicembre, ma quel giorno nelle Malibu Stakes ha trovato uno più forte, in questo momento, quale Runhappy. Obiettivi: o il Golden Shaheen sui 1200, o il Godolphin Mile sul miglio. Sicuramente allungherà visto che parte ancora piano. Ieri sono circolate anche voci su una partecipazione alla DWC in appoggio a Frosted, ma sinceramente nutriamo parecchi dubbi. Per quel tipo di corse serve testa, magari il prossimo anno. E poi c'è un California rovente oggi. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
Risulta strano che stiamo quasi trascurando lo Zabeel Mile G2 ma non c'è molto da dire sulla vittoria  di Safety Check (Dubawi), un blues che quando ha preso l'azione ha regolato i rivali Ghaamer (Hard Spun) e Zahee, due sorprese, nelle battute finali. Il cavallo di Charlie Appleby ha replicato alla vittoria dello scorso anno ed ha dato seguito a quella dell'AL Fahidi Fort G2. Affronterà un periodo di riposo e poi andrà ad Hong Kong per correre il G1 sul miglio in Maggio. Quanto a Fanciful Angel, per la Blueberry, ha fallito il test categoria ma avrebbe forse potuto ottenere qualcosa di più stando più sotto o comunque rimanendo più coinvolto nell'andatura. Dane O'Neill ha girato largo e non ha trovato riferimenti al momento di partire per la tangente, rimanendo invischiato nella lotta solo per un settimo posto. Sarà per la prossima...IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
I RISULTATI COMPLETI DELLA GIORNATA CLICCANDO QUI.
Chiediamo scusa in anticipo per eventuali omissioni, sul treno la connessione viene e va.

mercoledì 24 febbraio 2016

Meydan, torna il Carnival: California Chrome test per la DWC. Il Blueberry Fanciful Angel nello Zabeel Mile G2

Giornata dopo giornata, così come il convegno di corse a MEYDAN, sale di tono a poco s poco. Nella giornata di giovedì almeno tre i motivi di interesse: il primo in assoluto riguarda la penultima corse di giornata, il Trans Gulf Electromechanical Trophy sui 2000 metri in sabbia, dove rivedremo all'opera il campione americano California Chrome (Lucky Pulpit) che effettuerà il rodaggio in vista della Dubai World Cup G1 da $10 milioni, sfuggita lo scorso anno per mano di Prince Bishop. Il sauro è a Dubai da fine Gennaio, dopo un rientro buonissimo e vittorioso a Santa Anita in G2. Art Sherman ha preferito questo test rispetto al terzo round del Maktoum Challenge, decisamente più tosto da affrontare fisicamente. Stavolta renderà sette chili agli avversari, un peso sopportabile rispetto a quelli che affronta.
L'altro motivo di interesse è il salto in alto che effettuerà l'italiano Fanciful Angel (Dark Angel). Il portacolori Blueberry correrà lo Zabeel Mile G2 sul miglio in erba da $250,000, la quarta del convegno, e cercherà di migliorar ancora di più il suo standard in termini di rating, già salito a 110 dopo l'handicap ricco stravinto qualche settimana fa proprio sull'erba di Meydan. Il cavallo allenato da Marco Botti avrà ancora in sella Dane O'Neill. Contro avrà gente come Zahee, Safety Check che vale un 116, poi Harry's Son, e Big Baz. 
Il terzo motivo di interesse riguarda la seconda partecipazione al Carnival per l'ex italiano Winklemann (Rip Van Winkle) il quale, dopo un approccio su distanza troppo corta, verrà ancora impiegato sui 1200 metri. Mick de Kock avrà i suoi buoni motivi......
I campi partenti cliccando QUI.

domenica 21 febbraio 2016

Giappone: Mirco Demuro colpisce ancora in G1! E sono 15 di G1. Stavolta in sella a #Moanin nelle February Stakes. Doppietta Dario Vargiu (5) a Kokura

Ancora Mirco! Due vittorie nel weekend giapponese, e tutte e due in contesto di Pattern. Stavolta però l'ha fatta grossa in sella all'americano di concezione Moanin (Henny Hughes) in sella al quale ha stravinto le February Stakes G1 da ¥ 209,920,000 (rica €1,5 milioni), una delle migliori corse sul dirt in Giappone, realizzando il record della pista. Per Moanin, pagato $335,000 alle OBS March negli States di Ocala in Florida da Emmanuel de Seroux e Dr. Riki Takahashi di Narvick International, gli stessi che in Italia hanno acquistato Cherry Collect, Final Score e Fontanelice, era la sesta vittoria in 7 uscite, e non è poco per un 4 anni progressivo che ora punterà deciso verso prestigiosi traguardi. Mirco lo ha posizionato vicino alla testa ma ben coperto, all'ingresso in retta ha fatto incrementare i giri del motore al suo che con un balzo ha spostato e lanciato l'assalto al traguardo anticipando tutto e tutti, finendo con del buono in mano nei confronti del favorito Nonkono Yume (Twining), che aveva in sella Christophe Lemaire, ed al terzo Asukano Roman (Agnes Digital). Tra l'altro, l'unica sconfitta patita in carriera da Moanin era stata proprio per mano di Nonkono Yume in un G3 del Novembre 2015. Ma Moanin si è preso ampiamente rivincita qui, ed altrove. Fino a che avrà uno come Mirco in sella. IL VIDEO DELLE FEBRUARY STAKES QUI. IL VIDEO COMPLETO DELLA CORSA CON RELATIVA INTERVISTA CLICCANDO QUI.

America: Buon debutto per #Ziconic, terzo finendo velocemente dalla coda del gruppo a Santa Anita. Ecco il video

Se vi siete persi il debutto di Ziconic (Tapit), il secondogenito della campionessa Zenyatta, ve lo mostriamo su questo post. Il sauro, che affrontava i 1400 metri di una maiden di Santa Anita sul dirt, come sua madre ha perso la partenza e seguito il gruppo abbastanza veloce da lontanissimo, ma prima della dirittura ha cominciato lentamente ad ingranare rifacendo tutto il gruppo arrivando alla fine al terzo posto finendo bene alle spalle di due cavalli che, con 100 metri in più, avrebbe potuto anche battere. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. Si, lo vedete da quel puntino che parte più lontano degli altri e prima della curva è circa a 20 lunghezze dal primo. Insomma, alla fine è stata una maiden normale vinta da un cavallo che nemmeno abbiamo ancora citato ed è Fast Munny (Munnings), ma ci perdonerete se tutti gli occhi erano per Ziconic che ha impressionato per come somiglia, per modo di correre, proprio a sua madre. Ora, non sarà come lei, ma sa comunque muovere le gambe ed i coniugi Moss sapevano che dopo dei lavori probanti avrebbe potuto fare bene. Simpatico anche Gary Stevens che ha dichiarato testuale: "Non avevo mai preso così tanti applausi per un terzo posto! A parte gli scherzi, sapevamo che era un pò lento a partire, l'ho lasciato fare senza pressione e poco prima della curva quando ho sentito che sotto era giusto, gli ho chiesto di andare e mi sono detto che se fosse stato un briciolo della mamma avrebbe recuperato il gap. Così è stato, ma non mettiamogli pressione. La prossima volta correrà certamente con due curve, così farà in tempo a mettersi bene sulle gambe".
Sempre in America, a Turfway Park, passeggiata di salute per Acapulco (Scat Daddy), allenata da Wesley Ward con Irad Ortiz in sella, con la vincitrice delle Queen Mary Stakes G2 al Royal Ascot,che ha effettuato un vero e proprio lavoro sottocategoria in una condizionata sui 1200 metri sul polytrack. Acapulco, che è anche arrivata seconda di Mecca's Angel nelle Nunthorpe Stakes e questo test non è stato altro che una sgambata per mantenere la condizione in vista di altri appuntamenti americani ed un eventuale, anzi molto probabile, ritorno in Europa per correre la Commonwealth Cup G1 al Royal Ascot. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.

sabato 20 febbraio 2016

Australia: #Chautauqua all'ultimo tuffo nelle Black Caviar Lightning Stakes. Lo sprinter australiano guarda al Royal Ascot

E' vero, abbiamo un debole per i grigi. Specialmente per quelli che hanno un cambio di marcia del genere. In Australia Chautauqua (Encosta De Lago) ha chiaramente fatto capire chi comanda al momento in fatto di velocità e lo ha dimostrato nelle Black Caviar Lightning Stakes G1 sui 1000 metri di Flemington concluso in 57.02s. Il cavallo della Hawkes Racing (cioè tutto in famiglia Michael, Wayne & John) e montato da Dwayne Dunn, da favorito, è uno che ama galoppare con la testa alta ed ha la capacità di entrare nell'ultimo furlong con ancora molto da spendere, e poi ti fulmina sul palo proveniente da lontano. Nell'occasione ha battuto Terravista (Captain Rio) e Japonisme (Choisir) quando sembrava non venire avanti. Eppure davanti andavano fortissimo, ma se ti coglie in crisi sono dolori. IL VIDEO DELLE BLACK CAVIAR LIGHTNING STAKES QUI.
Per il grigio si tratta della terza vittoria di G1 in carriera ed ora sta programmando un summit in Europa, al Royal Ascot in particolare, per seguire le orme di Black Caviar (Bel Espirit) nelle Diamond Jubilee Stakes. Okay, non ha la stessa stoffa della femmina che non usciva dal canter nemmeno a 1000 metri vincendo in mano, ma la velocità di base ce l'ha ed anche cambio di marcia che fa male. Lo seguiremo da lontano, anche perchè la stagione australiana è appena entrata nel vivo e al Royal Ascot manca ancora tanto e nel mezzo potrebbe esserci anche una trasferta ad Hong Kong nella Chairman's Sprint Prize G1 prima di Giugno. Intanto il prossimo mese il 5 anni correrà a Flemington ancora il Newmarket Handicap sfuggitogli lo scorso anno a favore di Brazen Beau, che abbiamo poi visto in Europa, e successivamente difenderà il titolo a Randwick nelle T J Smith Stakes G1. Chau, lo chiameremo così anche per comodità, era al rientro dalla vittoria nelle Manikato Stakes G1 di Moonee Valley (dove ci aveva impressionato, video QUI per capire che tipo di robe fa in corsa) in preparazione alla HK Sprint, saltato a causa di un infortunio. Oggi si è rifatto, lo aspettiamo in Europa.

San Rossore: Domenica 28 c'è la 9° edizione della Rbot Cup. Ecco i fantini invitati alla prestigiosa rassegna pisana

Il sito ufficiale dell'ippodromo di Pisa ha reso noto quali saranno i partecipanti della prossima Ribot Cup che si svolgerà a San Rossore il prossimo 28 Febbraio. La manifestazione, giunta alla nona edizione, vanta nomi prestigiosi e talenti in ascesa. Il torneo riservato ai giovani fantini under 25 vede al via quest'anno 7 ospiti provenienti da tutta Europa, tra cui 2 giovani e promettenti jockettes, mentre l'Italia sarà rappresentata da Andrea Mezzatesta, Andrea Fele ed Alessio Satta. Questi i fantini invitati alla 9^ edizione della RIBOT CUP: 
- CAMERON HARDIE: verso la fine del 2015 ha perso il suo discarico e ha dovuto rinunciare alla corsa al titolo di Champion Apprentice Jockey nel quale si è classificato 3° mentre l’anno precedente era stato 2°. In carriera vince 99 corse sulle 1124 disputate. Lavora nella scuderia di Richard Hannon. In sella a Tupi ha vinto le King Charles II St. (Listed) e con Safety Check di Godolphin ha vinto la Stewart Cup nel Champions Day di Ascot e un importante handicap a Meydan – Dubai. Ha 19 anni.
- EDWARD GREATREX: ha 17 anni, 36 vittorie su 247 corse disputate (strike rate del 14,6%), licenza di allievo fantino dal febbraio 2015. Lavora nella scuderia di Andrew Balding. Ha vinto un handicap di classe 2 con Elbereth a Epsom nel giorno delle Oaks per il suo boss e uno di classe 2 con Musaddas per Godolphin ad Ascot nel Champions Day
- HOLLIE DOYLE: promettente giovane ragazza, ha 19 anni, monta per Richard Hannon. Ha disputato 110 corse vincendone 8 ma lo stile è quello di un jockey che farà parlare di se!
- PAULINE DOMINOIS: campionessa delle fantine francesi nel 2014 e nel 2015. Ha 22 anni e 800 corse all’attivo con 70 vittorie in Francia e anche un successo a Gulfstream Park. (USA)
- VALENTIN SEGUY: giovane e promettente francese che ha all’attivo già 109 vittorie su 1142 corse disputate. È operativo nel sud della Francia ma farà parlare di se anche a Parigi.
- LUKAS DELOZIER: ha 19 anni e lavora per Hanry-Alex Pantall. In carriera vince 57 corse sulle 450 disputate con uno strike rate di quasi il 13%. Nel 2015 è stato il miglior giovane fantino di Francia “Entrier d’Or”
- PIERRE BAZIRE: in lui ripone molta fiducia Alessandro Botti che lo ha voluto sotto contratto come allievo fantino. Ha vinto fino a oggi 30 corse.
- ANDREA MEZZATESTA: 150 vittorie in 1278 corse, un 2015 con il 14% di corse vinte sulle disputate.
- ANDREA FELE: 2° nella Ribot Cup 2015 ha tenuto fede alle attese ed è arrivato a 68 successi su 426 corse con strike rate impressionante del 16%!
- ALESSIO SATTA: 0 – 2 – 30 … queste le vittorie negli ultimi 3 anni. In totale vince 34 corse sulle 395 disputate. Reduce da un infortunio, torna in pista proprio per la Ribot Cup

Giappone: Mirco Demuro ancora a segno in G3. Con Queens Ring sigla le Himba Stakes. Dario Vargiu sigillo a Kokura

Serviva uno come Mirco per farla tornare alla vittoria. Queens Ring (Manhattan Cafè), a digiuno da Marzo 2015 quando cioè era una delle candidate principali alle Classiche in rosa, è tornata a vincere dopo un periodo buio nelle 1000 Ghinee, Oaks ed in altri appuntamenti dove è rimasta al buio, dominando a Kyoto le Himba Stakes G3 sui 1400 metri in erba, ma sul pesante. La 4 anni, una figlia di Manhattan Cafè (Sunday Silence) allenata da Keiji Yoshimura e di proprietà di Chizu Yoshida, ha lasciato ad una lunghezza e mezza Magic Time (Heart's Cry) e Win Primera (Stay Gold). IL VIDEO DELLA CORSA QUI. Eppure non era iniziato bene il pomeriggio per DemurOne, che nel convegno è riuscito ad inanellare ben 4 secondi posti, sfiorando più volte la vittoria. Il suo bottino parla ora di 24 affermazioni stagionali, deve recuperare e colmare il gap con Lemaire che la scorsa settimana lo ha superato di slancio in Classifica. Domenica Mirco sarà a Tokyo e monterà le February Stakes G1 per anziani sul miglio in dirt, in sella al 4 anni Moanin (Henny Hughes). 
Da segnalare a Kokura la vittoria per Dario Vargiu in sella a Snowman (Suzuka Phoenix) per Yoshitada Takahashi ed Hideki Nagai ai colori. Il video della vittoria QUI. Per Dario è la terza affermazione stagionale.

venerdì 19 febbraio 2016

Anche Federico Bossa in Giappone, monterà nel circuito NAR fino al 19 Marzo

Anche Federico Bossa non ha resistito al fascino orientale! Il jockey milanese ha ricevuto la licenza ufficiale per montare nel circuito NAR in Giappone in questa fase della stagione. "Wiwo", classe 84, resterà in Giappone un mese, esattamente dal 17 Febbraio al 19 Marzo grazie all'Intermediazione della New Racing Factory di Gianluca Di Castelnuovo. In mattinata ha sostenuto un esame di fronte ad una severissima commissione ma ha passato il test e dunque ottenuto il via libera per salire in sella. Sulla pagina Facebook di Mondoturf la foto esclusiva della licenza. Comincerà a montare fra qualche giorno a Kawasaki e poi si sposterà per gli altri ippodromi del circuito tra cui Funabashi, Ohi etc, dove si corre in tutti i giorni della settimana. Tranne sabato e domenica dove si corre in quello JRA. Per lui a disposizione almeno 15 giornate di corse dove cercherà di ottenere il massimo prima di tornare in Italia. Intanto domenica sarà spettatore a Tokyo di Mirco Demuro che monterà le February Stakes G1.

Meydan: #Tryster redento in erba, domina le Dubai Millennium Stakes G3. Obiettivo Jebel Hatta e poi Dubai Turf

Tutti a dire che l'erba non era il suo pane. Ed invece nella notte di giovedì, il Godolphin Tryster (Shamardal) ha acceso la luce e zittito tutti nelle Dubai Millennium Stake G3 sui 2000 metri vincendo una edizione davvero spettacolare della corsa, con una rincorsa dal fondo del gruppo ed un cambio di marcia che ha fatto la differenza per venire a domare Haafaguinea (Haafhd) e Meadow Creek (Dansili). Posizionato nelle retrovie da William Buick, il figlio di Shamardal ha seguito le mosse degli avversari in una corsa molto tattica e lenta nella prima parte. All'ingresso in retta la lunga volata dove il blue ha fatto valere lo scatto decisivo. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Soddisfatto Charlie Appleby che dunque ha avuto ragione a riprovare il suo in erba dopo gli strabilianti successi dello scorso anno in all weather culminati con l'affermazione nel Winter Derby G3. Il primo approccio sull'erba non è stato grandioso in Maggio, ma dopo un lento recupero si è ripreso la copertina. D'altronde non era una novità assoluta quella dell'erba in quanto aveva vinto già la sua maiden a Brighton su questa superficie. Tryster correrà ancora nella notte della Dubai World Cup Night, ma prima tenterà nel Jebel Hatta G1 sui 1800 metri come preparazione al Dubai Turf G1 del 26 Marzo. 

L'ippodromo di Ascot non dimentica Pat Eddery. A lui è dedicata la Listed che apre il convegno delle King George il 23 Luglio

In onore della scomparsa dell'immenso Pat Eddery, l'ippodromo di Ascot ha pensato di dedicare una corsa ad un vero e proprio mito in sella. In particolare le Winkfield Stakes, la Listed che apriva la giornata delle King George VI and Queen Elizabeth Stakes Day di sabato 23 Luglio, è stata rinominata come le Pat Eddery Stakes. Eddery, proprio qui, ha vinto una delle più belle corse della storia con Grundy nel 1975 e con Dancing Brave nel 1986. Eddery ad Ascot è stato anche il leading jockey al Royal Meeting in 6 occasioni. Nel 1989 vinse con 8 cavalli incluso Two Timing nelle Prince Of Wales’s Stakes e Cacoethes nelle King Edward VII Stakes e Assatis nelle Hardwicke Stakes. Gli altri anni da top jockey sono stati il 1973, 1986, 1988, 1992 e 1993. 
Intitolargli un premio era il minimo sindacale. 

Il campione Argentino Hi Happy verso Meydan. Il Sudamerica si muove verso gli Emirati Arabi Uniti

Il campione Argentino Hi Happy (Pure Prize), imbattuto in patria, sta lavorando per affinare la condizione in vista del Dubai Sheema Classic G1 del 26 Marzo a Meydan. Già vincitore di Gran Premio Jockey Club G1, Gran Premio Nacional G1 e Gran Premio Carlos Pellegrini G1, l'Arc sudamericano praticamente, ed in più vincitore di Clásico Ensayo G2 ed in generale imbattuto in 6 uscite, ha lavorato in coppia con il fido work rider Altair Domingos, che lo monterà anche negli Emirati Arabi. Allenato da Pedro Nickel Filho, Hi Happy è un homebred dell'Haras La Providencia, solido candidato al titolo di Horse of the Year and Champion Three-Year Old Colt in Argentina. La connection si aspetta possa arrivare a Meydan due settimane prima dell'evento. 
L'Argentina sarà altresì rappresentata da Quechua (Pure Prize), che correrà lo Sheema Classic da detentore del titolo di Champion Stayer a Singapore. Non solo Argentina. Il Sudamerica potrebbe essere rappresentato dalla Cilena Furia Cruzada (Newfoundland), l'Uruguaiano Sir Fever (Texas Feve), ed i brasiliani Grand Salute (Salute The Sarge) e Energia Colonial (Giant Gentlemen). 

Aste: L'unico #Frankel disponibile in Breeze Up sarà presente a Newmarket in Aprile alle Tattersalls Craven Sales

La prima chance di vedere in anteprima un 2 anni da Frankel (Galileo), potrà farlo andando sul Rowley Mile di Newmarket dall'11 al 13 Aprile, in occasione delle Tattersalls Craven Breeze-Up Sale. Il cavallo in questione è nato in Marzo prodotto della fattrice Noah’s Ark (Charnwood Forest), vincitrice in Irlanda e piazzata di G1 in America, già madre di 4 vincitori tra cui Temps Au Temps (Invincible Spirit) ed il molteplice piazzato di G3 After (Danehill Dancer). Il maschio è uno dei 6 puledri che saranno presentati dal "consignor" Malcolm Bastard ed è l'unico 2 anni da Frankel inserito in un catalogo di aste breeze up in Inghilterra. Maggiori informazioni cliccando sul banner in alto, oppure QUI. Tuttavia, non è stato ancora pubblicato il catalogo intero. 

giovedì 18 febbraio 2016

Italians: A Cagnes sigillo per l'italiana Piz Bernina. In America colpo per l'italian bred Moonlight Drive (Red Rocks)

Italians all'estero, atto "esimo". Ieri a Cagnes-sur-Mer ennesimo successo per un invader italiano in Costa Azzurra. Si tratta di Piz Bernina (Amadeus Wolf), allenata dai Marcialis e montata da Pierre charles Boudot, che ha siglato il Prix des Colchiques, una reclamare sui 1300 in fibre. IL FOTOFILM DELLA CORSA QUI. In giornata in Francia altra vittoria anche per Umberto Rispoli che ha così raggiunto quota 5 nel 2016.
In America lunedì, l'italian bred del Centro Equino Arcadia Moonlight Drive (Red Rocks) ha bagnato il suo esordio a stelle e strisce con una vittoria in condizionata sul miglio per il training di Bob Baffert e la monta di Rafael Bejarano. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. Moonlight Drive era allenato in Francia da Simone Brogi per conto di Daniel-Yves Treves. In 5 corse disputate sono arrivate una vittoria e 3 piazzamenti, tra cui uno in Listed. Ricca offerta americana e ciao ciao. Ora è di proprietà di Bienstock, David, Winner, Charles N. and Williford, Roberta.

Aste: Goffs UK, pubblicato il catalogo delle Breeze Up di Doncaster il 19 ed il 20 Aprile. Ecco le anticipazioni

Come anticipato nei giorni scorsi, due case d'aste importanti quali Goffs e DBS si sono unificate sotto un unico nome quale GOFFS UK. Ed è notizia delle ultime ore che è stato pubblicato il catalogo delle Goffs UK Breeze-Up Sale di Doncaster in programma il 19 e 20 Aprile con 168 lotti disponibili per potenziali clienti. Il catalogo è come al solito un bel miscuglio di stalloni nuovi o vecchi, o che comunque si ben prestano ad una asta particolare da sempre gradita per gli italiani. L'anno scorso il movimento è stato di £5-con una media di £38,725. e tra i volti noti usciti c'è Quiet Reflection (Showcasing), vincitore di Cornwallis G3, che fu acquistato da Karl Burke per £44,000, senza dimenticare il campione italiano Hero Look (Lope De Vega), vincitore di Parioli G3 e venduto ad Hong Kong successivamente. 
Tra gli stalloni nuovi presenti in catalogo ecco Rio De La Plata (Rahy), Excelebration (Exceed And Excel), Bated Breath (Dansili), Power (Oasis Dream), Casamento (Shamardal), Requinto (Dansili), Lonhro (Octagonal), Born To Sea (Invincible Spirit), Mayson (Invincible Spirit), Bullet Train (Galileo), Helmet (Exceed And Excel) etc. Ma ne parleremo a tempo debito, intanto se volete organizzarvi potete visualizzare il catalogo dell'asta cliccando QUI. E potete prendere contatto con l'agente GOFFS UK per l'Italia quale Gianluca Di Castelnuovo della New Racing Factory. Cel +39 333 2927168; Mail: info@newracingfactory.com 

Inghilterra: #Emotionless è già al lavoro in vista delle Classiche. Ecco il calendario completo delle Pattern inglesi nel 2016

Siamo a poco più di metà Febbraio, l'Europa si sta piano piano mettendo in moto così come le sue grandi manovre. Tra questi, uno che si era presentato con le stimmate di quello buono buono è Emotionless (Shamardal), eccitante al debutto e nell'affermazione nelle Champagne Stakes G2, mentre male e malissimo nelle Dewhurst Stakes G1 dove è incappato in un infortunio abbastanza serio, che è tornato a lavorare dopo un piccolo intervento per rimuovere un chip osseo. Charlie Appleby ha dichiarato che il neo tre anni sta lavorando con costrutto e che dovrebbe venire pronto per le Craven Stakes G3 di Newmarket del 14 Aprile o le Greenham Stakes G3 di Newbury del 16 Aprile, tradizionali test in vista delle 2000 Ghinee di Newmarket che quest'anno si correranno il 30 Aprile prossimo venturo.
Tutto questo mentre la BHA ha rilasciato le date da non dimenticare per la stagione inglese nel 2016. Le nostre, per inciso, stanno arrivando. Noi di Mondoturf abbiamo in archivio tutte le date e le dotazioni ma attendiamo il placet del Ministero che sta attendendo di poter confermare le dotazioni, oppure no. 
Intanto, qui sotto, ecco le date della stagione inglese 2016 da non dimenticare a partire dal 18 Febbraio per le prove in piano in erba: 

mercoledì 17 febbraio 2016

America: #Ziconic è pronto al debutto. Il secondogenito di #Zenyatta debutterà il 20 Febbraio a Santa Anita

A giorni è atteso il debutto di uno dei prodotti della campionessa Zenyatta. Si tratta di Ziconic (Tapit), (nella foto Bloodhorse di Zoe Metz Photography), un sauro di 3 anni che dopo il classico lavoro di rifinitura con in sella Mike Smith è stato considerato abile ed arruolabile per debuttare. Dopo un breeze di 800 metri rifiniti in 00:49 e 3/5 a Santa Anita Park il 13 Febbraio scorso, il trainer John Shirreffs ha dato la luce verde all'homebred di Jerry ed Ann Moss il quale, adesso, è pronto per effettuare il debutto che avverrà il 20 Febbraio prossimo a Santa Anita in una maiden sui 1400 metri. Il figlio di Tapit (Pulpit) cercherà di fare meglio di suo fratello Cozmic One (Bernardini) che non è un fenomeno e lo ha dimostrato debuttando senza acuti lo scorso Aprile a Santa Anita, replicando il risultato qualche mese dopo in Luglio a Belmont Park. Ora ha 4 anni, e non si sa se lo rivedremo in pista. Shirrefs ha rassicurato dicendo che questo è più "centrato" e "differente" rispetto al fratello dal quale, inevitabilmente, ci si aspettava grandi cose, come è normale che sia quando nasci nella porpora. Ma il povero Cozmic troverà la sua strada. Ancora meno fortuna ha avuto il terzo figlio di Zenyatta, una femmina da War Front che morì in seguito ad un incidente nel paddock. Ad oggi Zenyatta è di nuovo gravida di War Front.
Ricordiamo che Zenyatta (Street Cry) ha corso per venti volte in carriera vincendo in 19 occasioni, vincendo 13 G1, e perdendo di una testa nell'ultima corsa disputata in carriera. Era il 6 Novembre 2010 ed il "maledetto" (sportivamente, sia chiaro) Blame non le permise di chiudere la carriera da imbattuta nella BC Classic di Churchill Downs. Resta una carriera incredibile per una cavalla eccezionale. Non ve la ricordate? Ecco una delle più belle perle della carriera. Magari non la più bella, ma sicuramente una cronaca emozionante. CLICCA QUI per vederla in azione con il suo tipico modo ciondolante di seguire dal fondo e piazzare la fiondata prima della dirittura. Memorabile!

America: Songbird non affronterà i maschi anzitempo. No al Kentucky Derby, si alle Kentucky Oaks del 6 Maggio

No significa no. Questa è stata la risposta di Rick Porter ad un insistente giornalista americano, reo di aver chiesto al proprietario della campionessa Songbird (Medaglia D'Oro) se intende correre il Kentucky Derby G1 contro i maschi, dopo le sfavillanti esibizioni di cui si è resa autrice la neo tre anni, la cui ultima corsa è stata le Las Virgenes G2 di Santa Anita 11 giorni fa. Porter ha dichiarato che non ha mai pensato di farla correre così presto contro i maschi, ed ha confessato di non aver versato i $600 dollari necessari per rendere eligible la cavalla alla triple crown, ne di avere l'intenzione di versare i $6,000 per supplementarla a Preakness e Belmont Stakes G1. Il motivo risiede nel fatto che solo il 30 Aprile compirà effettivamente 3 anni, e che non c'è motivo per farla correre così presto contro i maschi che avrà il piacere di affrontare solo a fine stagione o ancora meglio a 4 anni. Anche perchè si tratta sempre di cercare di preservare fragili equilibri, sia fisici che mentali, di cavalli che in pochi minuti danno tutto per tutto, facendo riferimento alla tragedia di Eight Belles (Unbridled's Song) che fu seconda di Big Brown nel Derby del 2008, ma si infortunò fatalmente subito dopo il palo. E quindi bisogna decidere per il meglio, ed il meglio è fare passo dopo passo senza forzare. Ergo, correrà le Oaks del Kentucky il 6 Maggio prossimo. Il Derby è in programma il 7 Maggio.

martedì 16 febbraio 2016

USA: #Nyquist, rientro con vittoria anche nelle San Vicente Stakes. Imbattuto in 6 uscite, insegue il Kentucky Derby

Altro giro, altro contender. Nella lunga strada verso il Kentucky Derby, uno dei migliori prospetti capace di inseguire il sogno è Nyquist (Uncle Mo) che lunedì a Santa Anita ha fornito il debutto stagionale allungando la striscia di vittorie a 6, da imbattuto. Il figlio di Uncle Mo (Indian Charlie) ha dominato la compagnia nelle San Vicente Stakes G2 sui 7 furlongs, battendo per una lunghezza e mezza Exaggerator (Curlin). Il cavallo di Doug O'Neill è partito forte dopo che Mario Gutierrez ha dovuto "pizzicarlo" un paio di volte con la frusta, ma nessun dubbio sullo spessore di un cavallo che ora affronterà test più severi in vista delle Classiche. IL VIDEO DELLE SAN VICENTE QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
La domanda è: Arriverà ai 2000 del Kentucky Derby G1. Oppure, è più o meno forte della femmina Songbird? Noi una idea ce la siamo fatta. Possibile arrivare a 2000 metri, non di più, mentre per il confronto con Songbird abbiamo bisogno di altre prove per essere convinti. Per ora diciamo che la femmina, in prospettiva e rispetto quanto visto, è di un'altra lega. 
Nyquist ha fermato il cronometro in 1 minuto 20.71 secondi, il terzo tempo più basso nella storia di questa corsa. La connection, capitanata da Paul Reddam, ha annunciato che il talentuoso 3 anni correrà il Florida Derby a Gulfstream Park in Aprile, prima di inseguire il sogno del Kentucky Derby. Nyquist a 2 anni ha vinto 5 corse tra cui le Best Pal G2, le Del Mar Futurity G1, le FrontRunner G1 e la Breeders' Cup Juvenile G1, ed in tutti i casi ha battuto Swipe. Stavolta ha beffato un altro avversario. Allevato in Kentucky dalla Summerhill Farm, è prodotto della fattrice Seeking Gabrielle (Forestry), ed è stato pagato $400,000 da puledro. Nyquist al momento vince più di $1.73 milioni.

Spazio Pubblicitario: Ecco i primi figli di SAKHEE'S SECRET! I risultati recenti, le fattrici coperte nel 2016 e le offerte agli allevatori interessati ad uno dei migliori razzatori in Europa! Disponibile in Italia nel 2016!

La stagione di monta è appena iniziata! Se sei ancora indeciso su quale stallone investire per la tua fattrice, ecco qualche numero di Sakhee's Secret (Sakhee), residente presso l'allevamento Si.Fra. Vale la pena dire che i primi foal della prima stagione in Italia del sauro sono cominciati a nascere, alcuni ve li proponiamo qui di fianco, per il resto e per altre news consigliamo di visitare la pagina Facebook dell'allevamento (QUI) oppure visitare il sito alla pagina http://www.allevamentosifra.com/ per prendere visioni delle novità. L'Allevamento Si.Fra. ha realizzato un video esplicativo della sua struttura e lo ha pubblicato su YouTube, puoi vederlo cliccando QUI.
Altre news ve le diciamo noi: Ecco alcuni recenti risultati dei figli di SAKHEE'S SECRET da inizio Febbraio: 
ZED CANDY GIRL seconda di una incollatura a Wolverhampton il 15 Febbraio, IT'S NO SECRET è arrivato 2° in una buona prova sul miglio in Nuova Zelanda, FRANCO'S SECRET è arrivato 2° di poco in una Class4 a Kempton l'11 Febbraio, WILLSY ha vinto a Kempton in una Classe 4 l'11 Febbraio, PRINCESS COOKIE ha vinto la sua seconda corsa consecutiva a Kempton il 10 Febbraio, SECRET SPICE ha risolto con uno scatto solo una prova Stakes a Singapore sul miglio, vincendo nettamente il 9 Febbraio, SAVAGE STORM ha vinto una ricca prova in velocità, sui 1200, ancora a Singapore, il 9 Febbraio, MYSTICAL SAPPHIRE terza in una Classe 4 a Kempton, finendo a bomba il 3 Febbraio.
Sakhee's Secret in razza è stato ottimo sin dall'inizio, cioè dal 2009, ha prodotto vincitori di 136 corse ed il picco è arrivato con Salford Secret, vincitore Classico del Premio Parioli G3 in Italia (Italian 2000 Guineas) ma in generale cavallo solidissimo capace di vincere a ripetizione ed a livello di Listed. Un altro suo esponente in Europa è stato THUNDER STRIKE, vincitore delle Woodcote Stakes, e SAKHEE'S SOLDIER che è forse il suo migliore esponente nell'emisfero sud del mondo dove ha vinto a livello di G1. In Francia invece non molto tempo fa FINE BLEND, femmina di 2 anni, ha vinto il Prix de Vitesse Lr sulla velocità. SECRET EXISTENCE è piazzata di Listed, nell'emisfero Sud altri nomi sono quelli di Cryptic, Secret Agent, Leka Secret. In Italia non solo Salford Secret ma anche RABIOSA FIORE un'altra femmina di due anni protagonista anche lei di due piazzamenti in Listed. Numerosi sono i vincitori nell'emisfero sud del mondo, anche recenti e consultabili sulla pagina ufficiale dello stallone (cliccando QUI), in un continente dove, ancor più che in Europa, si privilegia velocità e precocità. L'allevamento Si.Fra. ha tra le mani un piccolo gioiello. 
Ecco, una caratteristica di questo stallone è che sebbene servito con fattrici ordinarie, ha prodotto tanti vincitori a livello numerico e tantissimi piazzati di Listed con una gran varietà di cavalli prodotti tra l'80 di rating ed il 105, una forbice ampia ma ricca di cavalli e dunque sintomatico di una verve realizzativa molto prolifica.
NEL 2016 HA UN BOOK DI FATTRICI PRENOTATE QUANTIFICABILI PER UN NUMERO DI 80. Il più alto dato in Italia, destinato a salire! Nel 2015 ne ha coperte 90! Eccone alcune: 
Pack of Power (mezza sorella di Dematil, Charlemagne Wood, Romantic Wave, Reset in Blue); Trebisonda (mezza sorella di Turati); Occhi di Giada (Mamma di Sneak a Peek e Smoking Joe); Universo Star (Seconda nel Carlo chiesa Gr.3  e terza nel Premio Castelli L. e quarta nel Premio Omenoni Gr.3); Dark Dancer (Figlia di Danehill e mamma di Capire è un Lusso e Sesso forte); Salar Violet (mamma di Salar Art); Salar Micol (vincitrice del Certosa L.); Salar Desirable (vincitrice del Criterium Mediterraneo L); Marablu (Figlia di Invincible Spirit e sorella piena di Moonlife); Penfection (mamma di Baby Revolution e Belly to Belly); Cat Drago (terza nel Perrone L); Pesach (Mamma di Crissolo); Good Standing (mamma di Speed Gifted); Noble Indiana (mamma di Cloud); Saclastef (mezza sorella di Victis Hill e Ha Ma Yen); Resaca (sorella piena di Ravenel). 
Promozione per gli ALLEVATORI: Nonostante l'anno scorso Sakhee's Secret abbia coperto più di 90 fattrici tra le quali molte di proprietà dei migliori allevamenti Italiani l'allevamento Si.Fra. ha deciso quest'anno di applicare un bonus di: 
-10.000€ PER IL PRIMO VINCITORE DI LISTED DI QUESTA ANNATA 
-20.000€ PER IL PRIMO VINCITORE DI GRUPPO DI QUESTA ANNATA
- 5.000€ AL PRIMO VINCITORE DI UNA MAIDEN (solo per chi porta almeno tre fattrici allo stallone)
I FIGLI DI SAKHEE'S SECRET VINCONO IN TUTTO IL MONDO, SU TUTTE LE DISTANZE.
CONTATTI PER PRENDERE VISIONE DELLO STALLONE E DELLE OFFERTE DEDICATE AGLI ALLEVATORI.
L'allevamento Si.Fra. si trova a CASCINA RONDELLO; Via Cavour, 15 - 10067 Vigone (TO)
Per contatti: Francesco Loi: +39 334 664 7177 

lunedì 15 febbraio 2016

Francia: Colpo italiano a Cagnes sur Mer per #Norbanus, Cristian Demuro e Luigi Riccardi

La rubrica Les Italiens si arricchisce di un nuovo capitolo interessante. Nella giornata di domenica il "Riccardiano" Norbanus (Footstepsinthesand) non ha avuto difficoltà ad adattarsi alla sable fibre di Cagnes-sur-Mer vincendo una bella condizionata sui 1300 metri, il Prix Sky Lawyer da €28,000, con una monta vicino alla testa da parte di Cristian Demuro. Terza è arrivata l'ex italiana Bernina Range (Elusive City), ora in training da Jean-Michel Lefebre. Norbanus, reduce da una vittoria in un buon handicap ad Agnano, ha confermato la sua attitudine e la sua grande forma colpendo a 17/1. Per i più svelti, era a 26/1. Per Cristian era la 12° affermazione stagionale in Francia. I video e le foto della corsa sulla pagina Facebook di Mondoturf.
Ieri a Cagnes a fare da main program c'erano 2 Listed. Una, il Prix de la Californie sul miglio per 3 anni, è stata vinta da Hurricane (Hurricane Cat), che era imbattuto in 2 uscite prima di questa ed ha allungato la striscia a 3 vittorie consecutive sempre in all weather. Da hot favourite a 2/5, il cavallo di Daniel-Yves Treves e montato da Ioritz Mendizabal, ha battuto la femmina Magnanime (Elusive City). Con questa affermazione Hurricane ha guadagnato un pass “win and your in” per l'All-Weather Championships di Lingfield Park nel Good Friday, ma Jean-Claude Rouget ha già detto che non andrà in Inghilterra e continuerà in Francia ma testando l'erba. 
La seconda Listed di giornata era il Grand Prix de la Riviera Cote d’Azur sui 2000 metri per cavalli anziani andato a Jean-Pierre Gauvin con il suo Tempete Nocturne (Stormy River), a 9/1, e con buon finale ha battuto il Rouget Zafiro (Sageburg). 

domenica 14 febbraio 2016

Giappone: Mirco Demuro a segno nel Kyoto Kinen G2 in sella a Satono Crown. Vicino il rientro del campione Duramente

Sembrava dovesse scivolare via senza vittorie il weekend di Mirco Demuro in Giappone. Ed invece, alla fine o quasi del convegno di domenica, è arrivato il colpo di coda in G3. Il jockey italiano ha riportato la vittoria nel Kyoto Kinen G2 per i cavalli anziani sui 2200 metri in erba, e sul pesante, in sella a Satono Crown (Marju) per Noriyuki Hori ed i colori di Hajime Satomi, che hanno battuto Touching Speech (Deep Impact e Listen) su Admire Deus (Admire Don). IL VIDEO DELLA CORSA QUI. Satono Crown è un 4 anni completamente libero del sangue di Sunday Silence, il che è una particolarità e rarità in Giappone. A 3 anni è arrivato terzo nel Derby vinto da Duramente il quale, quest'ultimo, è allenato sempre da Noriyuki Hori e a breve lo rivedremo a Meydan per prendere parte al Carnival, nello Sheema Classic al quale è stato invitato ufficialmente. Non prima del rientro ufficiale alle competizioni dopo infortunio serio, che avverrà il 28 Febbraio prossimo nel Nakayama Kinen G2.
Una vittoria che fa salire il conto delle affermazioni a 23, un piccolo balzo in avanti anche se i passi più grandi nel weekend li ha fatti Cristophe Patrice Lemaire vincitore di 5 corse in due giorni che ha superato di slancio il nostro connazionale nella classifica JRA. Prima di sabato e domenica erano 22 pari, ora sono 27 a 23 a favore della cravache francese. Bocca asciutta per Dario Vargiu a Kokura che, dopo i piazzamenti del sabato, ha aggiunto altri 2 secondi posti anche nella giornata di domenica. 

sabato 13 febbraio 2016

Giappone: Major Emblem strapazza le coetanee nella Daily Hai Queen Cup G3, in preparazione all'Oka Sho

12.3-10.8-11.3-11.7-11.7-11.2-11.6-11.9. 1:32.5. Non stiamo dando i numeri ma solo gli impressionanti parziali di cui è stata autrice in Giappone Major Emblem (Daiwa Major) che ha cementato il suo status di campionessa e talento in completa ascesa, nel convegno di sabato a Tokyo dove ha vinto il The Daily Hai Queen Cup G3 come preparazione alle Classiche, dove ha risolto da un campo all'altro in 1:32.5 sul miglio! Si, avete capito bene: 1:32.5, con gli ultimi 600 in 34,7. che sul miglio è una misura da cavallo mica normale, a questi livelli. La figlia di Daiwa Major (Sunday Silence), con in sella CP Lemaire, ha fatto letteralmente un canter vincendo di 5 lunghezze nei confronti di Frontier Queen (Meisho Samson) e Rottenmeier (Kurofune). IL VIDEO DELLA CORSA QUI. Nulla da fare per Mirco Demuro che era a bordo di Supple Mind (Deep Impact). La femmina, allenata da Yasuhito Tamura e di proprietà della Sunday Racing Co. Ltd è sinora il miglior prodotto di sua madre che si chiama Catchy Title (Opera House) ed è rappresentante di un ramo Godolphin in Europa quale Titlet (Rainbow Quest), poi esportata in Giappone. 
Quanto a Major Emblem, ha vinto una preparazione dalla quale sono uscite le buonissime Verxina (Deep Impact) e Whale Capture (Kurofune) solo negli ultimi anni. Prossimo obiettivo l'Oka Sho, le 1000 Ghinee giapponesi. Che dico, le Oaks. Che dico, il Derby! Se va così forte pure a 2400.....
Major ha debuttato a Tokyo il q4 Giugno vincendo, replicando in Settembre a Nakayama, arrivando seconda nelle Artemis Stakes a fine Ottobre, si è confermata campionessa della categoria il 13 Dicembre ad Hanshin nel Juvenile Fillies G1 dove ha confermato di avere uno status superiore. Alla prima uscita del 2016, ecco il botto. 
Nulla da fare in giornata per i fantini italiani. Mirco Demuro è rimasto all'asciutto a Tokyo, Dario Vargiu ha ottenuto due secondi posti a Kokura. 
Domenica Mirco Demuro sarà attivo a Kyoto dove, tra gli altri ingaggi, monterà nel Kyoto Kinen G2 per cavalli anziani sui 2200 dove sarà in coppia con Satono Crown (Marju), un 4 anni di Noriyuki Hori. Dario Vargiu sarà ancora a Kokura.

Harry Bentley, accordo di prima monta con Sheikh Mohammed Bin Khalifa Al Thani e Roger Varian, al fianco di Atzeni

Il jockey Harry Bentley ha siglato qualche giorno fa un accordo di prima monta con Roger Varian, trainer di base a Newmarket, per la stagione britannica 2016. Il 23enne fantino inglese monterà soprattutto per Sheikh Mohammed Bin Khalifa Al Thani. Bentley è champion jockey in Qatar dove ha vinto il Derby locale con Dubday nel 2013, mentre in Europa è arrivato secondo nel 2014 nelle 1000 Ghinee inglesi ed irlandesi su Lightning Thunder (Dutch Art). Bentley monterà al fianco di Andrea Atzeni che, dopo l'esperienza con la Qatar Racing, è tornato all'ovile per i colori di Sheikh Mohammed Obaid, come prima monta.. Mentre Bentley sarà di fatto la seconda di Varian. A tal proposito vi segnaliamo che nella giornata di sabato, poco prima l'inizio delle corse, Postponed (Dubawi), vincitore delle King George G1 per il training di Luca Cumani e poi passato agli ordini di Roger Varian in prossimità dell'Arc, poi non disputato, ha sostenuto un canter a Lingfield in preparazione al rientro stagionale a Meydan, che avverrà nel Dubai City Of Gold G2 del 5 Marzo in preparazione allo Sheema Classic G1 del 26 Marzo.

SNAI ha un nuovo sito internet! E nuovi incredibili bonus sono disponibili, cosa aspetti ad iscriverti??

Uno dei più importanti bookmaker italiani, non solo in tema ippico, ha da poco inaugurato un nuovo sito internet molto più fluido, chiaro e veloce, pensato anche per i dispositivi mobili: spieghiamo perché questo bookmaker è tra i due o tre che più usiamo e apprezziamo qui con MONDOTURF in una serie di strumenti, idee di gioco, pronostici, che fra qualche tempo diventeranno sempre più aggiornati e a Vostra disposizione. CLICCA QUI PER REGISTRARTI A SNAI.
Con l’inaugurazione del nuovo sito internet mobile friendly, e il perfezionamento dell’applicazione per dispositivi mobili, i motivi per avere un conto con il bookmaker SNAI sono diventati molteplici, e vale la pena riportarli uno per uno (ne parliamo già da tempo, del perché ci troviamo così bene e ci fidiamo di questo operatore).
1. Il nuovo sito (e l’applicazione per smartphone e tablet)
Si tratta di un radicale rinnovamento della veste grafica (era uno dei pochi punti deboli) già da tempo programmato dall’azienda, e diventato necessario in seguito all’introduzione delle nuove linee guida fornite dal motore di ricerca Google ai gestori di siti e pagine web. In questo momento navigare sul nuovo sito di SNAI, sia da desktop che da mobile, è un’esperienza estremamente semplice e gratificante: nessun rallentamento, nessun riadattamento forzato delle pagine, ed estrema leggibilità in tutte le sezioni. L’impressione che ne abbiamo avuto è che, grazie a questa svolta grafica, SNAI sia diventato quanto di più simile a un sito o a un blog, chiaro e lineare, con un menu laterale e uno slider per le informazioni più recenti. Stop. Niente fronzoli e niente animazioni superflue. Noi abbiamo apprezzato moltissimo. Le applicazioni sviluppate da SNAI per smartphone e tablet sono altrettanto fluide e comode: noi abbiamo provato quella per iPad (si scarica direttamente dall’App store) e quella per smartphone Android (si scarica il file .apk direttamente dalla homepage del sito di SNAI e si installa dopo aver autorizzato nelle impostazioni l’installazione delle applicazioni provenienti da origini sconosciute). CLICCA QUI PER REGISTRARTI A SNAI.

Max Tellini lascia l'Italia. Da oggi comincia ufficialmente l'avventura dell'ex jockey italiano che diventerà allenatore spagnolo

Dovremo trovare un termine che indica gli italiani in Spagna. Google translate ci consiglia "los italianos" ed in effetti come definizione ci sta bene. Perchè diciamo così? Questa mattina Max Tellini comincerà ufficialmente la sua avventura in Spagna. Un'altra professionalità che se ne va dall'Italia scarico per la situazione che si è venuta a creare nel nostro paese, ma carico di aspettative per una avventura che può avere molti sbocchi. E qui troviamo le differenze con l'Italia. La Spagna, dopo un periodo di enorme difficoltà e lo stop delle corse durato quasi un anno, ha deciso di ripartire da zero e si è affidata al PMU per la gestione delle scommesse. Ne è nata una nuova realtà pronta e destinata a crescere. Max ha deciso di intraprendere questa nuova esperienza. Ma soprattutto, c'è un sistema che ha cominciato a girare velocemente, un montepremi che non è alto ma garantisce premi di almeno €5,000 a corsa e soprattutto un sistema di pagamenti semplice, facile, che ogni 15 del mese fa accreditare il bonifico su quanto vinto, senza aspettare tempi biblici ed un pubblico che partecipa, numericamente quantificabile in circa 35,000 spettatori nelle giornate più importanti. Al momento i cavalli di Max che partiranno alla volta de La Zarzuela saranno in dieci di vari proprietari italiani che hanno deciso di accompagnarlo in questa avventura; In particolare non vedranno più l'Italia, per ora, cavalli di Laura Costa e Paola Morelli, quindi facciamo riferimento a Zida, Seasalt, Winning Hunter etc ai quali potrebbe aggiungersi qualche effettivo del Dottor Giannotti. Il programma di corse è già disponibile nella sua interezza per l'anno 2016.
Il primo partente ufficiale ci sarà, probabilmente, il 6 Marzo.. Per ora la licenza è trimestrale, ma in caso di esito positivo Massimiliano chiederà la permanente. E addio Italia. Seguiremo anche le sue gesta, da qui. Da lontano. Da un paese ippicamente davvero lontano. Peccato. 
Max, fantino di livello nel nostro paese, ha conseguito la patente nel 2010. La sua migliore stagione è stato il 2015 con 12 vittorie in 97 corse disputate con 41 piazzamenti. Buona fortuna.

venerdì 12 febbraio 2016

Inghilterra: Appassionati elettrizzati da una figlia di Frankel di Ed Dunlop, e del primo figlio della "Regale" Estimate

Adesso un paio di news velocissime. In Inghilterra sono tutti molto elettrizzati per un bel canter sostenuto da una delle prime figlie di Frankel che, pensiamo, debutterà non troppo tardi. Si tratta di una cavallina che non ha ancora un nome, prodotto della fattrice Platonic, pagata €1,150,000 alle Arqana Sales dello scorso autunno e di proprietà di Abdullah Al Nabooda, uno che sta spendendo tanto per cercare di iniziare una operazione allevatoria di alto livello. La piccola Frankel ha galoppato alla grande a Warren Hill, sotto gli occhi di Ed Dunlop, il suo allenatore, che ne ha parlato bene. 
Anche la Regina è rimasta elettrizzata per l'avvento e la nascita del primo figlio della sua campionessa Estimate (Monsun), che ha dato alla luce un piccolo figlio di Dubawi. Estimate, 7 anni, ha regalato una immensa gioia a Sua Maestà con la memorabile vittoria nella Gold Cup G1 e non solo. Estimate tornerà ancora dal champion sire Dubawi, residente al Darley.

Aste: #Goffs February Mixed Sale in lieve calo con fatturato di €4,361,750 (-18%). Top price per #Umniyah, italiani attivi

In Irlanda si sono conclude le 2 sessioni delle Goffs February Mixed Sale riservate a materiale d'allevamento e non solo. La prima sessione ha visto ha visto un movimento fatto di 142 cavalli venduti sui 224 offerti (63%), con un movimento di €1,967,650 (-21%). Il Top price della prima giornata è stata un foal femmina dalla prima annata di produzione di Camelot (Montjeu), vincitore di 2000 Ghinee e duplice vincitore di Derby, acquistata da Hamish Alexander per €80,000, ci si aspetta possa ripassare alle Orby Sale di Settembre da yearling. La seconda giornata ha realizzato un movimento di 148 cavalli venduti per un "aggregate" di €2,384,600 (-18%). Il movimento globale della due giorni ha visto 440 cavalli offerti di cui venduti 291, il 66%, con un fatturato di €4,361,750 (-18%), la media a 14,989 (-8%), ed il mediano a €8,000 (-20%). Top price della sessione generale è stata la 4 anni Umniyah (Shamardal), proveniente dal dispersal Godolphin, acquistata per €165,000 dalla Sunderland Holding. Umniyah è sorella piena di Dubai Prince, vincitore di G3, e mezza sorella della ex italiana Tuttipaesi (Clodovil), piazzata di G1 in America. Per Umniyah previsto a breve un incontro con lo stallone Sea The Stars.
Anche gli italiani attivi, in particolare "Botti", così dice la dicitura, che ha comprato, nell'ordine di prezzo, per €17,000 una Dark Angel e per €10,000 una Rip Van Winkle, per €9,500 una Shamardal. Agostino Affè ha comprato un Haatef di 2 anni per €3,000 e per €1,200 un Art Connoisseur. Riccardo Menichetti ha speso 1000 euro per una tre anni che si chiama Beautiful Firth (Poet´s Voice) che in carriera ha corso 2 volte senza mai piazzarsi. 

Allevamento America: La pregiata Untouched Talent prima sposa promessa per il campione American Pharoah

In America è stato reso noto chi sarà la prima principessa a fare visita al campione American Pharoah (Pioneerof The Nile): Si tratta di Untouched Talent (Storm Cat), 12 anni, pagata ben $5 milioni nel 2012 alle Fasig-Tipton Kentucky November Sale dal Coolmore, proprio in corrispondenza dell'esplosione del campione Bodemeister (Empire Maker), poi secondo di Kentucky Derby e Preakness alle spalle di I'll Have Another
Obiettivo: Ripetere l'incrocio, visto che Pioneerof The Nile è un figlio di Empire Maker (Unbridled), campione in corsa per Bobby Frankel, sbolognato troppo prematuramente in razza in Giappone, e poi tornato di corsa in America per seguire dinamiche commerciali importanti.
Quanto ad American Pharoah ricordiamo come sia stato il primo triple crown winner 37 anni dopo Affirmed e di come funzioni all'Ashford Stud in Kentucky al tasso di $200,000.

Meydan: Polar River senza rivali nelle 1000 Ghinee. Market Rally a sorpresa nelle 2000. Nello Sprint, riecco Rich Tapestry

A Meydan è andato in scena un vero e proprio show! Attrice principale una femmina fortissima: Lei si chiama Polar River (Congrats), è una 3 anni di concezione americana, e ieri ha letteralmente spettinato l'anima degli appassionati con una prestazione sopra le righe nelle UAE 1000 Guineas Lr dove non solo ha confermato quanto di buono aveva già fatto in Dicembre, ma ha ampliato ancora di più il divario tra di lei e Promising Run (Hard Spun), vincitrice di Rockfel G2 in Europa, rispetto alla prima esibizione di Meydan dove le due erano a 4 lunghezze l'una dall'altra. Stavolta la "russa" di Valentin Bukhtoyarov & Evgeny Kappushev, allenata da Doug Watson, ha spazzato via la rivale dandole 13 lunghezze, che sarebbero potute essere ancora di più. Quando Pat Dobbs ha spinto il pulsante del "nos" questa è partita per la tangente con folate sovraequine in un tempo di 1m 37.09s (slow by 0.59s), più basso dei maschi. Reazione dei russi? Si sono detti "Daaaaah" guardandosi negli occhi. Giudicate voi. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI. Il dubbio è semmai come arriverà in primavera, dove proseguirà la sua carriera di corse anche se sembra ovviamente destinata all'America. E noi la seguiremo, visto che è fresca come una rosa, ha corso appena tre volte in carriera ed è imbattuta crescendo sempre di più.

Goffs e DBS diventano una cosa sola. Le due case d'asta si fonderanno nella nuova GOFFS UK

Due entità importanti si fondono in una unica. Da Aprile 2016 la DBS, ovvero Doncaster Bloodstock Sales Ltd, si chiamerà con il nuovo nome di Goffs UK Ltd. Il cambio avviene per riunire sotto un unico cappello le due case d'aste che da anni collaborano, quali Goffs e DBS appunto, che dal 2007 hanno voluto sviluppare sinergie in comune. Goffs dunque continuerà a portare lo stesso nome come accade da 150 anni, da quando Robert J Goff diventò il banditore ufficiale del Turf Club in Irlanda. Henry Beeby rimarrà Goffs Chief Executive proveniente dal ruolo di DBS Managing Director. Il rinnovamento avrà benefici per entrambe le case d'asta e la prima che vedremo sotto questo nuovo nome sarà in occasione di quella delle Aintree Sale del 7 Aprile, mentre il nuovo logo lo vedremo in occasione delle nuovissime Goffs UK Breeze-Up Sale che sarà stampato il 17 Febbraio. e noi ne parleremo.

giovedì 11 febbraio 2016

La pagina Facebook di Mondoturf ha raggiunto i 2000 like! Grazie ai nostri lettori e agli sponsor

Forse non è un caso. Oggi l'immenso Frankel compie 8 anni. L'ultima creazione di Sir Henry Cecil è infatti nato l'11 Febbraio del 2008. E proprio l'11 Febbraio dello stesso anno nacque il sito che, ad oggi, vanta oltre 2 milioni di utenti che hanno visitato il sito. Ma questa è un'altra storia: quello che vogliamo celebrare oggi riguarda la pagina Facebook di Mondoturf la quale, proprio oggi, ha raggiunto il prestigioso risultato dei 2000 like! Cioè 2000 "mi piace", a cui corrispondono almeno 2000 grazie. Almeno, perchè ne dovremmo fare ancora di più ai nostri impagabili lettori che fanno di questo spazio anche il loro spazio dove esprimere idee, condividerle, promuoverle ma anche contestarle, polemizzarle ed estremizzarle, sempre nel rispetto dell'educazione, ma con con l'obiettivo unico di crescere attraverso il confronto!
Un risultato incredibile, una conquista che riteniamo sia meritata per tutti gli sforzi con i quali stiamo cercando di rimanere uno spazio unico nel suo genere. Una conquista assolutamente disinteressata, e quindi realmente premiante per chi ha investito in un progetto coraggioso e che ha fatto proprio della spontaneità delle relazioni il suo credo e la sua mission. Senza dimenticare gli sponsor che ci hanno sempre supportato!
Per parte nostra, ci piace considerare questi numeri nulla di più di un’anteprima della rivoluzione che porteremo. Siate sintonizzati, più che affamati e folli. 
Intanto, però, grazie. Grazie. Grazie. Grazie. Grazie. Grazie. Grazie...Qui lo scrivo, mentre sulla pagina abbiamo realizzato un video di ringraziamenti! Non la conosci? Clicca QUI e metti il MI PIACE. Se ti piace... ;)

mercoledì 10 febbraio 2016

Meydan, riecco il Carnival. Giovedì 11 Febbraio le 2000 e le 1000 Ghinee locali, più l'Al Shindagha G3 per gli sprinter

Day by day, step by step, cresce il Carnival di Meydan. La prima giornata Classica la vedremo giovedì 11 Febbraio, in occasione di un convegno che prevede le 2000 Ghinee G3 locali, le 1000 Ghinee Listed per femmine, l'Al Shindagha Sprint G3 per velocisti in ottica di Golden Shaheen. Ma non solo; Anche un mega handicap sul miglio e mezzo in erba, in ottica Sheema Classic (per i migliori, chiaro), e poi le solite corse difficili da interpretare. Non ci sono cavalli italiani ma solo professionalità...

domenica 7 febbraio 2016

Giappone: Satono Diamond vince il The Kisaragi Sho a Kyoto, prospetto Classico. Sigillo per Dario Vargiu in giornata

Il giro del mondo non finisce qui. In Giappone, nella domenica di Kyoto, due o tre spunti rilevanti. Uno di questi riguarda il THE KISARAGI SHO (VIDEO CORSA QUI) G3 dove a vincere è stato il buonissimo Satono Diamond (Deep Impact) con in sella Cp Lemaire per Yasutoshi Ikee e Hajime Satomi, con al secondo ed al terzo altri due figli di Deep Impact quali Les Planches e Leukerbad, quest'ultimo figlio della campionessa Azeri (Jade Hunter). Satono ha completato i 1800 metri in un buon 1m 46,90s che è il record della corsa. Satono è imbattuto in 3 uscite e guarda alle Classiche con fiducia. Da segnalare che in corsa c'erano anche Dario Vargiu e Mirco Demuro che non si sono piazzati rispettivamente con Mo Katteru (Unrivaled) e Roi Absolu (Zenno Rob Roy).
Satono Diamond (Deep Impact), pagato ¥230m alle JRHA Select Foal Sale, ha battuto dunque un altro cavallo costoso come Leukerbad (Deep Impact) da ¥240m. CP Lemaire ha detto che si tratta di un cavallo che segue tutte le andature e sprinta quando glielo chiedi, e dunque può correre a 1600 come a 2400 metri. Satono Diamond andrà diretto al Satsuki Sho G1, passando per questo Kisaragi Sho, corsa dalla quale sono passati cavalli come Special Week, Neo Universe, e poi Orfevre e Meisho Samson, che furono addirittura battuti qui. La mamma di Satono è Malpensa (Orpen), campionessa argentina vincitrice di Copa de Plata G1, una sorta di Lydia Tesio locale. Malpensa è stata allevata da Sandro Miserocchi (italo argentino che ha allevato anche Invasor), ha ora una femmina da Stay Gold, uno yearling femmina da Orfevre e visiterà ancora Deep Impact nel 2015.
Per Mirco a Kyoto una giornata all'asciutto dopo la tripletta di sabato (al massimo ha ottenuto un secondo posto), mentre Dario Vargiu ha vinto la sua seconda corsa della esperienza temporanea grazie all'affermazione in sella a Mikino Harmonie (Time Paradox) per Yuki Ohashi ed Hisakazu Taniguchi, ed un altro secondo posto.

Inghilterra: A Lingfield un film già visto, Rivellino vince le Cleves Stakes, Grendisar colpisce nel trial per il Winter Derby

In Inghilterra c'è pausa, ma la all weather la fa da padrone. Ma quello che è successo ieri lo abbiamo già visto lo scorso anno: Due Listed in programma, le Cleves Stakes e le Winter Derby Trial Stakes, vinte come lo scorso anno da Rivellino e Grendisar. Entrambi 6 anni, entrambi figli di Invincible Spirit (Green Desert), entrambi venduti a Goffs prima e alle Tattersalls breeze up sales a 2 anni, dopo. Nelle Cleves (VIDEO QUI) sui 1200 Rivellino, cavallo di Karle Burke con Dougie Costello a bordo, ha risolto come un anno fa con un bel finale per piegare Gamgoom (Exceed And Excel), da noi vincitore del Cancelli e NP nell'Omenoni G3, e la favorita sudafricana Cold As Ice (Western Winter). Per il sei anni è la sesta vittoria in carriera. Nel Winter Derby Trial (VIDEO QUI) l'andatura imposta dall'outsider Mitre Peak (Shamardal), ha dato la possibilità a Grendisar di vincere un anno dopo, ancora per Marco Botti e con la monta di Adam Kirby. Battuto il fava Festive Fare (Teofilo) e Lamar (Cape Cross), con quest'ultima che ha terminato qui la carriera ed andrà in razza. Per lei già prenotato Frankel. Correrà ancora Grendisar, un un esperto del sintetico: Ha vinto 5 volte a Lingfield e 3 a Kempton, obiettivo è quello del Winter Derby, ancora una volta, con il cavallo di Mohamed Albousi Alghufli che tenterà di vincere non essendoci mai riuscito.

America, Santa Anita: #Songbird vola in canter sulle Las Virgenes G2, obiettivo Santa Anita Oaks.. e poi Kentucky Derby!

Il sabato americano ci ha regalato altri notevoli spunti di interesse. Si perchè le nostre corse preferite sono proprio quelle dei 3 anni, quando i valori dei 2 anni migliorano oppure peggiorano. Una che ha le stimmate della campionessa vera ha allungato la sua striscia di vittorie a 5 consecutive. Lei è Songbird (Medaglia D'Oro), altra figlia di uno stallone che da anni è sulla breccia, la quale ha concluso senza mai uscire dal canter le Las Virgenes Stakes G2 di Santa Anita sul miglio. Vincitrice di Breeders Cup del suo segmento, la cavalla di Jerry Hollendorfer che ha fatto innamorare Mike Smith, uno che montava Zenyatta, ha portato la sua sul traguardo con 6 lunghezze e mezzo sulla seconda arrivata cioè la povera Land Over Sea (Bellamy Road) che le prende ogni volta che la incontra, e She's A Warrior (Majestic Warrior). Troppo brutta per essere vera Street Fancy (Street Sense), ultima lontana. IL VIDEO DELLE LAS VIRGENES QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Come amano fare in America. Imbattuta con 28 lunghezze e mezzo complessive accumulate e rifilate agli avversari. Va bene, era ad 1/5 e non ci dobbiamo meravigliare, piuttosto pensiamo quello che possa fare questa femmina dal fisico mascolino. Altro che Kentucky Oaks, qui c'è materiale da Derby dove, al momento, è proposta a 15/1 dietro a Mohaymen del quale abbiamo parlato la scorsa settimana. Songbird ha vinto in 1m36.84, ed il prossimo obiettivo dichiarato sono le Santa Anita Oaks del 9 Aprile su stesso tracciato e distanza. 
Sempre a Santa Anita si sono disputate le Robert B. Lewis Stakes G3 dove Bob Baffert, allenatore di American Pharoah, ha mandato in scena Mor Spirit (Eskendereya), con Gary Stevens, capace di vincere alla grande un test che vale sempre come la miglior preparazione per il Santa Anita Derby, e poi il Kentucky Derby. Seguitelo questo, perchè è uno che va forte. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
Nelle San Antonio Stakes (Grade 2) (VIDEO CORSA QUI) abbiamo visto un potenziale candidato alla Dubai World Cup in Hoppertunity (Any Given Saturday) che, per Bob Baffert e la monta di Flavien Prat, ha vinto risolvendo di muso nei confronti di Imperative (Bernardini).

America: #Mshawish passa il test Donn Handicap, battuto #Valid. Meydan è nell'agenda, obiettivo World Cup possibile

Ed ora che si fa? L'enigma della Sfinge ha colpito anche la connection dell'Al Shaqab Racing ora di fronte ad un bivio. Cosa farne di un cavallo che, a 5 anni, ha dimostrato di saper galoppare forte anche sul dirt aggiungendo alla vittoria in erba anche una nel prestigioso Donn Handicap? Bei problemi. Intanto, Mshawish, con questa affermazione si è guadagnato una valorizzazione ulteriore in razza, per un figlio di Medaglia D'Oro (El Prado) che certamente andrà a fare lo stallone, quando verrà deciso, con prospettive più ampie. Invece, nell'immediato, c'è da scegliere quale può essere il futuro più opportuno. Il Donn infatti è un crocevia della stagione americana, da qualche anno a questa parte, che apre le porte di Meydan nella notte della Dubai World Cup G1. Il quesito è di facile lettura: Mshawish era in procinto di andare in Dubai per ripercorrere quanto di buono fatto lo scorso anno nel Dubai Turf quando arrivò terzo alle spalle di Solow. Quest'anno era iscritto nella stessa corsa e nel Godolphin Mile G2, ma questa vittoria nel Donn sembra aver complicato i piani. Certo che non era difficile pensare che un figlio di Medaglia D'Oro, nella foto, (stallone che funziona al Darley per $150,000 clicca QUI) facesse bene la sabbia, potevano immaginarlo prima di avere queste incertezze. 
Comunque, il suo passato dice che si tratta di un cavallo bellissimo, pagato €170,000 al Breeze Up di Arqana nel 2012 ed affidato a Delzangles. Il talento c'era, un pò meno la disponibilità, ma nonostante ciò si è costruito una onorata carriera in europa e a Dubai dove ha provato sempre in contesti altissimi come lo Zabeel Mile G2 vinto per poi tentare il Dubai Duty Free finendo quarto di Just A Way. Nella stagione successiva è passato agli ordini di Todd Pletcher per il quale ha vinto un G1 proprio a Gulfstream ma in erba, per poi provare nelle ultime 3 occasioni anche il dirt con risultati egregi. Con in sella John R Velazquez, che ha rimpiazzato Javier Castellano il quale era su Keen Ice (Curlin), ha battuto Valid (Medaglia d'Oro) e Mexikoma (Birdstone), con Keen Ice stesso nelle retrovie. Quest'ultimo è sembrato il lontano parente di quello ammirato a Saratoga, ma è pur vero che ha corso sottoritmo ed ha fornito discreto parziale finale. Va rivisto. Tornando a Mshawish, le modalità di vittoria sono state buonissime e se l'ultima volta Valid era ad una incollatura, ora con 4 libbre in più è stato lasciato ad un paio di lunghezze comode. Il suo allenatore è rimasto molto colpito dalla facilità d'azione del suo 6 anni, ed ha rimandato ogni discorso a Meydan quando deciderà quale obiettivo perseguire, anche per la prossima carriera da stallone. Anche perchè, alla fine, Mshawish in antepost è rimasto a 21/1. Meglio battere percorsi più semplici. IL VIDEO DEL DONN HANDICAP QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

sabato 6 febbraio 2016

Giappone: Altra tripletta per Mirco Demuro a Kyoto, sale a quota 22 affermazioni in classifica..

Nel sabato giapponese di Kyoto, altra tripletta per Mirco Demuro che mantiene così la leadership nella classifica fantini del circuito JRA a quota 22 affermazioni, dalle 19 della settimana scorsa, in attesa della domenica. Le vittorie sono maturate in sella a Red Versus (Swift Current) per Naosuke Sugai ed i colori della TokyoHorseRacingCo. Ltd. Poi ha vinto con Gorgo Barows (Scat Daddy) una prova in velocità per Tetsuya Kimura e Hirotsugu Inokuma, mentre l'hat trick è arrivato con il talentuoso 3 anni Chopin (King Kamehameha) per Katsuhiko Sumii e Yasushi Kubota. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. Quest'ultimo si è riabilitato dopo un debutto non bellissimo. Si tratta di un prodotto della fattrice Air Groove (Tony Bin), già madre dei campioni Rulership (King Kamehameha) e della campionessa Admire Groove (Sunday Silence), madre a sua volta di quel Duramente (King Kamehameha) che Mirco ha portato alla vittoria nel Derby e nelle 2000 Ghinee locali, e che vedremo a breve al rientro per un eventuale summit a Meydan.
Domenica mattina il nostro jockey monterà il The Kisaragi Sho G3 per 3 anni sui 1800 metri, e sarà a bordo di Roi Absolu (Zenno Rob Roy) in una corsa con 8 cavalli al via. 

Il nuovo Annuario del Purosangue per tutto ciò che è accaduto nel 2015, è stato pubblicato! Fanne richiesta

Tutto il 2015 del galoppo italiano e mondiale in 240 pagine! La quarta edizione dell'Annuario del Purosangue, realizzato a cura dell'Anac, ha visto luce. Il volume contiene tutti i risultati e i pedigree dei vincitori di Gruppi e Listed in Italia, quelli dei Gruppi 1 europei e delle più importanti corse mondiali oltre a statistiche ed articoli di commenti a corredo. L'Annuario del Purosangue, con una luminosa copertina gialla, è in distribuzione gratuita per i soci ANAC e può essere richiesta da quanti coloro ne facciano richiesta per sole €30 a info@anacpurosangue.com. Un documento imperdibile per tutti gli appassionati, che hanno la possibilità di conservare il meglio della stagione 2015.

America: A Gulfstream Park c'è in Donn Handicap con vista su Meydan. A Santa Anita rientra Songbird!

California Chrome e Frosted sono già a Meydan ed hanno impressionato rispettivamente in ognuna delle prove nelle quali sono stati impegnati. Ora sono in attesa di capire cosa accadrà da qui a fine Marzo. Dagli States, invece, altri preparano l'assalto alla notte più ricca al mondo. Stanotte, alle 23,53 ora italiana, a Gulfstream Park si corre il Donn Handicap G1 sui 1800 metri da $500,000 per capire a se qualcuno dei partecipanti può ambire ad un posto nelle gabbie di Meydan. Quattro cavalli in passato hanno usato il Donn Handicap G1 per vincere successivamente la Dubai World Cup G1. Il primo fu Cigar che vinse nel 1996, poi Captain Steve nel 2001, e per ultimo il campione Invasor che vinse di tantissimo nel 2007. Nel 2005 Roses In May fu secondo nel 2005 alle spalle di Liam, poi andò a Nad Al Sheba e tenne dietro di se Dynever. Quest'anno Dale Romans sguinzaglia Keen Ice, un figlio di quel Curlin che vinse la DWC nel 2008, l'unico capace nel 2015 di mettere il collare ad American Pharoah nelle Travers Stakes G1 di Saratoga prima di prendere una sonora batosta a Keeneland nel Classic. Quella sconfitta è andata di "travers" letteralmente all'eroe della Triple Crown, per colpa di Frosted, altro che cerca conferme a Dubai. Keen Ice, invece, dopo il quarto posto nel Classic, ha ottenuto un altro quarto posto nel Clark Handicap G1 di Churchill Downs del 27 Novembre, finendo forte ma in ritardo. Romans stavolta è fiducioso del fatto che il cavallo è in formissima, e nella stagione dei 4 anni può diventare ancora più forte di quello che ha battuto il Faraone. Avrà Javier Castellano in sella.
Todd Pletcher invece..