STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

mercoledì 30 novembre 2016

Francia: Guarnieri, colpo sfiorato in Listed a Deauville con Endless Summer. Vince l'inglese Dawn Of Hope per Varian

Da un pò non scriviamo di italians all'estero, ma ce ne sono talmente tanti in giro che rischiamo di farci sfuggire qualcosa soprattutto in questa stagione. Va menzionato però un risultato importante sfuggito di poco a Maurizio Guarnieri nella giornata di martedì a Deauville dove è giunto secondo con la sua Endless Summer (Pounced) nel Prix Petite Etoile Lr sui 1900 metri, battuta solo dalla britannica Dawn of Hope (Mastercraftsman), allenata da Roger Varian, a proposito in procinto di spostarsi per la nuova stagione al Carlburg Stables, che lo scorso anno era ritenuta buonissima tanto da aver tentato il Fillies Mile G1 di Minding giungendo sesta. Dopo rientro stagionale ed opportuno rodaggio sempre in crescita, ecco la vittoria in Francia con Maxime Guyon in sella per i colori di Saleh Al Homaizi & Imad Al Sagar sul sintetico, convincente, contro la portacolori di Giulio Lachi. La femmina italiana dopo una buona prestazione nel Regina Elena G3 è andata a cercare fortune in Francia dove al momento ha ottenuto una vittoria in condizionata a Giugno, 2 piazzamenti tra Tolosa e Vichy in Listed ed ancora un secondo posto proprio martedì, acquisendo comunque un buonissimo "valeur" di 44,5. 

#Tattersalls December Mares Sale 2016: #Hazariya, la madre di #Harzand, acquistata per £2 milioni dal Coolmore..

Alla fine la star della sessione è stata proprio Hazariya (Xaar), madre del duplice Derby winner Harzand (Sea The Stars) che ha catturato l'essenza di un'asta pubblica ricevendo parecchie attenzioni come pezzo forte della giornata. Alla fine l'offerta giusta l'ha formulata MV Magnier per il Coolmore che ha staccato un assegno da £2,000,000 per assicurarsi la fattrice del momento per la quale, come è stato già annunciato, farà visita a Galileo nel prossimo 2017. 
La vendita è stato un successo per quelli del Newsells Park Stud, che comprarono la fattrice di 14 anni dall'Aga Khan per €480,000 alle Goffs November Sale di 2 anni fa quando il suo futuro vincitore Classico stava entrando in training da yearling presso Dermot Weld proprio per conto dell'Aga Khan. Da sottolineare che l'underbidder dall'asta è stato Sheikh Fahad della Qatar Bloodstock, all'opposto della sala. MV Magnier ha motivato l'acquisto non solo per infoltire ancora di pregio la broodmare band del Coomore, ma perchè Dermot Weld gli ha rivelato di essere innamorato pazzo del fratello di Harzand, che si chiama Haripour (Shamardal) ed ha debuttato con un secondo posto ma andrà visto in ottima Classica. L'acquisto è stato effettuato per conto di Michael Tabor, Derrick Smith ed i sudafricani della Mayfair Speculators (Markus Jooste e la moglie).
Hazariya è stata offerta ed acquistata gravida di Invincible Spirit, mentre il Newsells l'aveva fatto quando era piena di Fastnet Rock e successivamente è rimasta gravida di Dansili, prima della gravidanza con Invincible Spirit per il quale avrà il parto nel 2017, e la destinazione garantita con Galileo. Le Tattersalls December Mares intanto stanno procedendo e faremo solo alla fine la conta dei risultati. Nel momento in cui vi scriviamo c'è stato un movimento completo di £25,512,500 (-8%), ma come detto con risultati parziali.

Tassi monta in Giappone: Deep Impact capeggia la lista del roster della Shadai ad Hokkaido. Funzionerà per ¥30 milioni

Dal Giappone sono stati rilasciati i tassi di monta degli stalloni della Shadai Stallion Station per il 2017. Si tratta di un roster di 30 soggetti dal quale spicca il campione in corsa ed in razza Deep Impact (Sunday Silence), quest'anno padre dell'impressionante vincitore dell'Ispahan G1 A Shin Hikari, senza citare tutta la lista dei campioni prodotti in casa, che avrà un tasso di ¥30 milioni, equivalenti a £214,000 o €252,000. Praticamente confermato il tasso di monta già realizzato nel 2016, con un book di fattrici sempre pienissimo. Lo scorso anno ha coperto 230 fattrici, e non è un numero di poco conto. Clicca qui per vedere il tour virtuale alla Shadai per Deep Impact.
C'è da dire che l'influenza giapponese ha attratto sempre un bel pò di interesse, tanto che il primo vincitore di Stakes di "Impacto" si chiama Danon Ballade ed è stato importato in Italia dalla Turkish Bloodstock for Medya Sarl & la SiFra per il cui conto funzionerà in Umbria per il 2017. In corsa ha vinto a livello di G2, ma si è piazzato nel Satsuki Sho G1, le 2000 Ghinee giapponesi, e nel Takarazuka Kinen G1.
Comunque, tornando agli altri stalloni di casa Shadai. Il vincitore del Derby 2015 Duramente, tra l'altro con in sella Mirco Demuro, è stato ritirato in razza ed ha già anche lui un book prenotatissimo di fattrici disponibili a spendere ¥4m (£28,600/€33,500) per i suoi servizi.

lunedì 28 novembre 2016

Aste: Da lunedì 4 giorni di Tattersalls December Mare Sale, in vendita anche la Classica Conselice

La terza ed ultima fase delle aste Tattersalls December Sale del periodo, si terrà nella giornata di lunedì con la prima delle 4 sessioni dedicate alle fattrici. Molto atteso il passaggio di Hazariya (Xaar), la mamma del duplice derbywinner inglese ed irlandese Harzand (Sea The Stars) catalogata al numero di Lot 1826. La 14enne ha prodotto anche i vincitori di Stakes Harasiya (Pivotal) ed Hazarafa (Daylami) così come il piazzato di Listed Haziyna (Halling), e sarà offerta dal Newsells Park Stud gravida di Invincible Spirit (Green Desert). Altri highlights dell'asta saranno il passaggio delle vincitrici di G1 Euro Charline (Myboycharlie) e la cilena Furia Cruzada (Newfoundland), valorizzata anche in Europa. Di italiano avremo la vincitrice di Regina Elena G3 Conselice (Showcasing). In totale il catalogo include più di 120 vincitrici di Gruppo e Listed e produttrici di grandissimo livello, a loro volta gravide dei migliori 20 stalloni in Europa inclusi Dubawi e Frankel tanto per citarne due. Ci sono poi fattrici che vengono dai ricambi generazionali di Juddmonte Farms, Cheveley Park Stud, Gestut Fahrhof, Godolphin, Haras de Fresnay-le-Buffard, Hascombe and Valiant Stud, Lanwades Stud, Newsells Park Stud, The Royal Studs, Shadwell senza dimenticare la solita immensa proposta di Godolphin.

domenica 27 novembre 2016

Giappone: Kitasan Black una bestia nella Japan Cup! Battuto Sounds Of Heart, settimo Iquitos il migliore degli europei

Troppo più forte. Kitasan Black (Black Tide), il più in forma, il più carico, il più accreditato, il più vicino allo steccato, ha vinto da favorito a 14/5 la Japan Cup G1 di Tokyo risolvendo come i cavalli più forti sanno fare, andando in avanti e rendendosi intangibili in una vera e propria tattica wire to wire. Per realizzare questi capolavori in corse complicatissime però è sempre necessaria una mente superiore in regia, e a contribuire a fornire la buona dose di saggezza ci ha pensato la leggenda Yutaka Take (quarta vittoria nella Japan Cup) che dopo aver fatto partire bene il suo si è posizionato davanti con parziali regolari, con i primi 1000 metri passati in 1m 01,7s portando a spasso la compagnia fino in dirittura quando ha lasciato che gli altri ricucissero il gap proprio mentre Kitasan rifiatava, ma quando i primi avversari si sono cominciati ad avvicinare il 4 anni da Black Tide (Sunday Silence) è ripartito di slancio, in versione "beast mode", quasi impennandosi come un dragster per involarsi verso il palo.

sabato 26 novembre 2016

Giappone: #Erupt capeggia la task force europea per la Japan Cup. Favorito Kitasan Black, Demuro su Sounds Of Heart

E siamo a 36! Tutto pronto o quasi per la Japan Cup G1 edizione numero 36, che si terrà domenica mattina alle 7,40 ora italiana a Tokyo sui 2400 metri, con un montepremi record dell'ammontare di ¥575,340,000, equivalente a $5 milioni. Alla fine dei 21 rimasti hanno accettato l'ingresso 17 cavalli, con scarsa rappresentanza degli europei anche in considerazione del fatto che di appuntamenti in giro per il mondo ce ne sono davvero tantissimi e correre in Giappone in questa stagione significa tirare il collo per molti mesi prima di effettuare comunque una trasferta dura e dispendiosa di energie, se consideriamo anche la quarantena. Comunque, alla fine sono 3 gli europei annunciati con un terreno che si preannuncia pesante. Ieri nevicava addirittura e molti dei partecipanti hanno rifinito sotto dei candidi fiocchi ghiacciati. Ma ecco gli europei: Erupt (Dubawi) lo scorso anno arrivò sesto alle spalle di Shonan Pandora, (nella foto) poi ci sono i 2 tedeschi Nightflower (Dylan Thomas) ed Iquitos (Adlerflug). Il più accreditato del vecchio continente è proprio Erupt, portacolori Niarchos che Francis Henry Graffard annuncia ovviamente al top dopo la convincente vittoria nel Canadian International a Woodbine in Canada a metà Ottobre. Nightflower ha già provato senza esito, Iquitos p il tedesco più cresciuto nella stagione. Come anticipato, gli europei da queste parti non vincono dal 2005 e l'ultima volta fu con Alkaseed (Kingmambo) per Luca Cumani con Frankie Dettori in sella. Negli ultimi 10 anni a vincere sono stati solo i nipponici. Nelle precedenti 35 hanno vinto 21 cavalli giapponesi e 14 stranieri nel complesso.
Frankie vinse anche l'edizione del 2002 che si tenne straordinariamente a Nakayama, in sella a Falbrav (Fairy King) per il Diavolone D'Auria, in quello che rappresenta forse il momento più alto dell'allevamento italiano nel mondo, punto dal quale poi siamo solo inesorabilmente scesi sebbene qualche meteora di spessore ci sia stata come Ramonti, Rakti, Electrocutionist, Worthadd e sicuramente dimentichiamo qualcosa o qualcuno. Ma quella vittoria rappresenta l'apice vero e proprio di un movimento che da quel momento visse di inerzia, fino ai giorni nostri, dilapidato, dilaniato, sventrato da politiche scellerate.

venerdì 25 novembre 2016

Italia ippica: Torna lo spettro dell'esclusione dal Comitato Pattern. Minacce dalla Germania, urge un provvedimento immediato!

Allarme rosso, o quasi. La situazione è diventata critica dopo l'ulteriore conferma del fatto che i tedeschi vogliono chiedere al Comitato Pattern di escludere l'Italia dal cricuito in quanto non sono stati pagati i premi entro i 90 giorni previsti e garantiti dal Ministero. La bomba è esplosa qualche giorno fa in occasione della riunione della EFTBA di martedì scorso in Inghilterra, dove la Presidente Anac Isabella Bezzera è stata informata dal delegato tedesco Andreas Tiedtke di questa eventualità. Smarrimento, raggelamento e rabbia perchè a pagare di questa situazione sono soprattutto gli operatori, per colpe non proprie. Di seguito la lettera inviata dalla Presidente ANAC alla segreteria del Sottosegretario Castiglione il quale, in più occasioni pubbliche, ha ribadito la volontà di allinearsi con i pagamenti per renderli meno "statali". Cosa, al momento, non accaduta.. con rischi di azzeramento del patrimonio, già comunque disperso, che produrrebbe danni ancora più ingenti. Di seguito, ecco la lettera inviata ai vertici del Mipaaf.

Jim Crowley prima monta di Sheikh Hamdan Al Maktoum per il 2017. Il Champion jockey inglese sostituirà Hanagan

Step by step, day by day. L'ascesa di Jim Crowley non si è arrestata ancora, e dopo il progressivo credito accumulato in Inghilterra e dopo il titolo di Champion Jockey, è stato scelto ed eletto come prima monta di Sheikh Hamdan Al Maktoum, che aveva annunciato la conclusione del rapporto con Paul Hanagan a fine del mese scorso e per il 2017.
Jim Crowley, 38 anni e 3 figli, ha superato tantissime sabbie mobili del settore partendo da lontano e cominciando a montare in ostacoli, superando infortuni, scarso appeal, ed anche un paio di cadute bruttissime. Crowley comincerà ufficialmente per la casacca di Hamdan in occasione del Carnival di Meydan da Gennaio. Al momento è alle prese con la rottura del naso in cui è incappato nella disastrosa e terribile caduta di Kempton dove a farne le spese in maniera tragica è stato Freddy Tylicky, rimasto paralizzato. 

mercoledì 23 novembre 2016

Cavallo italiano: Importante comunicazione da parte dell'Anac in ottica Premio Aggiunto per il 2017 che sale al 60%

Un bel traguardo per l'ANAC che ha rilasciato il seguente documento sul sito ufficiale dell'Associazione Nazionale Allevatori Cavalli. Il riferimento è quello relativo al Premio Aggiunto per i cavalli di 2 anni e 3 anni in Italia nella prossima stagione. 
Facciamo seguito alla news del 16-11 in cui riportavamo integralmente la comunicazione inviata all'ANAC dalla Dott.ssa Mastromarino in merito alle decisioni annuali 2017 e al Premio Aggiunto.
Siamo felici di confermarvi che abbiamo ricevuto la bozza delle decisioni annuali 2017 nelle quali è stato confermato l'aumento del premio aggiunto dal 50% al 60% per i cavalli di 2 e 3 anni. 
Siamo orgogliosi che l'impegno costante dell'ANAC in campo di provvidenze, la valutazione del prodotto italiano e gli innumerevoli incontri con il Ministero da parte della Presidente e dei nostri Consiglieri siano stati finalmente premiati da parte del M.I.P.A.A.F.
Pubblicheremo le Decisioni Annuali e la circolare di Programmazione 2017 non appena saranno rese pubbliche e ufficiali.
Maggiori informazioni cliccando sul sito ufficiale QUI.

Giappone: Domenica 27 Novembre c'è la Japan Cup G1 a Tokyo. Ecco gli europei, i rimasti e le ultime news..

Dicevamo della Japan Cup G1 sul miglio e mezzo da 575.400.000 yen si correrà domenica 27 Novembre a Tokyo. Si tratterà della 36° edizione con tinte internazionali. Nelle precedenti 35 hanno vinto 21 cavalli giapponesi e 14 stranieri. L'ultimo è stato Alkaased (Kingmambo) nel 2005, nel 2002 a vincerla fu Falbrav nella edizione storica che si tenne a Nakayama con Frankie Dettori per Luciano D'Auria, mentre il Giappone è stato dominante negli ultimi 10 anni.. Dall'Europa comunque parteciperanno 3 cavalli e sono Erupt (Dubawi) dalla Francia, che ci riprova dopo il sesto dello scorso anno, poi Iquitos (Adlerflug) e Nightflower (Dylan Thomas) dalla Germania. CLICCANDO QUI I REPORT DEGLI ULTIMI GIORNI DI TRAINING DEGLI EUROPEI. In generale sono ancora iscritti in 21 i rimasti, ma posto nelle gabbie ce ne sarà solo per 18 cavalli. Il Giappone è favorito con Real Steel (Deep Impact), vincitore del Dubai Turf, con Ryan Moore in sella e Kitasan Black (Black Tyde) vincitore del Tenno Sho primaverile, ed al momento sono i favoriti dell'antepost. La generazione dei 5 anni sarà capeggiato da Gold Actor (Screen Hero), vincitore dell' Arima Kinen nel 2015. Tra i 3 anni spicca Dee Majesty (Deep Impact), vincitore del Satsuki Sho. Mirco Demuro avrà una chance a 17/1 con Sounds Of Heart (Neo Universe). 
Intanto possiamo prepararci al big event rileggendo le ultime prestazioni dei 21 cavalli ancora iscritti alla Japan Cup di domenica che, come ogni anno, si correrà alle 15,40 ora locale posta come 11° corsa del convegno. CLICCANDO QUI LE PAST PERFORMANCES DEGLI ISCRITTI.
Prima di domenica cercheremo di presentarvela al meglio.

Hong Kong: Highland Reel, Potemkin e tanta altra europa per le International Races dell'11 Dicembre a Sha Tin

Tanta Europa ad Hong Kong. Sono state rese note le nominations dei cavalli che parteciperanno alle Longines Hong Kong International Races, che loro spacciano come "turf world championships", in programma l'11 Dicembre a Sha Tin. Ci sarà Highland Reel (Galileo), vincitore delle King George G1, secondo dell'Arc e primo ancora nella BC Turf, che da vecchio giramondo tornerà da dove era iniziato tutto lo scorso anno cercando di difendere la corona del campione nel Vase G1 sul miglio e mezzo da HK$16.5 milioni. Il globetrotter di Aidan O'Brien sarà accompagnato dal compagno Cougar Mountain, programmato per l'Hong Kong Mile G1 da HK$23 milioni. Dall'Europa ci sarà anche Big Orange, dopo le esperienze australiane che lo hanno portato ad arrivare ad un decimo nella Melbourne Cup. Nello Sprint da HK$18.5 milioni ci sarà l'eroe delle King's Stand Stakes Profitable mentre quasi a sorpresa parteciperà anche Growl per Richard Fahey, vincitore delle Wentworth Stakes Lr a Doncaster recentemente. La Francia sarà rappresentata da Silverwave, Erupt, Garlingari e One Foot In Heaven in corsa per il Vase mentre Signs Of Blessing proverà lo Sprint. Elliptique, terzo nel Premio Roma G1, è inserito tra i partecipanti della Hong Kong Cup da HK$25 milioni, con Andre Fabre alla ricerca della terza vittoria nel meeting. Stessa cosa farà Potemkin, il vincitore del Premio Roma per Andreas Wohler che l'aveva già annunciato subito dopo l'affermazione a Capannelle. Dal Giappone ovviamente corposa partecipazione anche se domenica ci sarà la Japan Cup di cui parleremo fra poco. Comunque Maurice e A Shin Hikari saranno protagonisti nel Mile e nella Cup.
Maggiori informazioni sull'Hong Kong International Meeting cliccando su questo LINK.

Record: Pierre Charles Boudot nuovo primatista europeo per vittorie in una stagione! Raggiunta quota 275 e superato Schiergen

Un record è un record. Ma tutto sommato ce lo aspettavamo, visto il ritmo incessante con il quale aveva inanellato affermazione dopo affermazione. Il nuovo titolare del trono del record delle vittorie in un anno è Pierre Charles Boudot che, grazie al poker di martedì pomeriggio a Chantilly, ha raggiunto e superato di slancio il record di Peter Schiergen di 273 affermazioni che durava dal 1995. Boudot, 23 anni, attualmente ha vinto 276 corse, tra cui una in Italia in Listed sebbene a tavolino, e data lo slancio di cui si sta rendendo protagonista non è difficile pensare possa arrivare alla cifra incredibile di 300 affermazioni nell'anno. Boudot nel 2016 in Francia ha sinora montato 1391 corse, vincendo appunto 275 corse con 670 piazzamenti per somme vinte di €10.129.272. Al momento Maxime Guyon è secondo con 151 vittorie, Cristophe Soumillon è a quota 144. Ma tutto è aggiornato al 23 Novembre, e nel pomeriggio potrebbero già cambiare.
Gli altri record che vanno ricordati sono quelli di Cristian Demuro che vinse 264 corse nel 2012, oppure Halis Karatas che nel 2006 arrivò addirittura a quota 330, ma in un ippica poco sviluppata tecnicamente. Un pò come i coefficienti di difficoltà che vengono utilizzati per la Scarpa D'Oro nel calcio, il record di Boudot è da pallone d'oro perchè realizzato in Francia dove, tra l'altro, ha ottenuto 5 vittorie di Gruppo. Conosciuto come PC dai suoi amici, è figlio di Marc Boudot, allenatore ed allenatore di Paray le Monial, venuto a mancare nel 2008. La famiglia ha continuato l'operazione allevatoria ed è riconoscibile con il suffisso di “du Seuil” nel nome dei cavalli che vengono da li.

martedì 22 novembre 2016

#Amazon, -4 al Black Friday: migliori offerte e sconti di oggi 22 novembre tra film, smartphone, stampanti e PC

Oggi, 21 Novembre, parte la settimana delle offerte Black Friday! Un’iniziativa che culminerà con i due eventi del Black Friday (Venerdì 25 Novembre) e del Cyber Monday (Lunedì 28 Novembre). In questo periodo ci saranno migliaia di offerte ogni giorno, divise tra offerte del giorno (valide per 24 ore), offerte lampo (valide solo per poche ore) e offerte in vetrina (valide per più di un giorno).
La keyword “Black Friday” sarà un trending topic nel mondo di internet: non perdere l’occasione di fare affari CON MONDOTURF cercando tra le offerte incredibili eventualmente acquistando cliccando attraverso QUESTO LINK. Oppure cliccando su questo BREVE LINK.
Cos'è il Black Friday: La sveglia puntata alle prime luci dell'alba, negozi presi d'assalto, portali web in tilt per sovraccarico di utenti a caccia del miglior affare nel giorno dei prezzi più bassi dell'anno.
Dall'high-tech all'abbigliamento, passando per il gaming e gli elettrodomestici. Il «Black Friday» non è più solo un film americano: il 25 novembre, fatidico venerdì post ringraziamento negli Stati Uniti, è cerchiato in rosso anche sul calendario dei consumatori italiani in cerca di shopping natalizio. Insieme a lunedì 28, quando cadrà la più recente e meno nota ricorrenza del «Cyber Monday», il lunedì dedicato agli sconti nell'universo delle piattaforme online.

Aste: #Tattersalls December fanno +7%. Top price un Frankel, secondo prezzo per una sorellastra di campionesse italiane..

Le aste per gli yearlings di questa stagione in Europa, si sono ufficialmente concluse con l'ultimo atto a Park Paddocks per le Tattersalls December Yearling Sale. Le statistiche parlano di 200 cavalli in catalogo, 168 passati sotto il martello del banditore, 142 venduti (l'85%) per un movimento complessivo di £4,377,500 (+7%), una media di £30,827 (+7%) ed il mediano a £21,500 (+8%). Il top price lo ha realizzato un figlio di Frankel venduto per 250,000gns, offerto dall'Highclere Stud ed acquistato da Charlie Gordon-Watson per un cavallo nato presto, il 3 Febbraio. Si trattava del Lot 166, prodotto della fattrice Debonnaire (Anabaa), già madre di Hartnell (Authorized) vincitore di G3 in Europa ma poi diventato campione in Australia con le vittorie nelle Turnbull Stakes G1 e nelle BMW Stakes G1 e si è piazzato nel Cox Plate e nella Melbourne Cup. Sarà allenato da Ed Dunlop. Lady Carolyn Warren, per l'Highclere, ha spiegato che quando è andato in America per venderlo non ha raggiunto la riserva di $325,000 alle Keeneland September Yearling Sale. LA PAGINA DI CATALOGO CLICCANDO QUI.
Il secondo prezzo più alto della sessione è un qualcosa di italiano che se ne va altrove. Il Lot 181, presentato dall'Buckenham Stud per conto della Razza del Velino SRL, era una femmina da Sea The Stars e Holy Moon (Hernando), dunque il conto è presto fatto. Si tratta di una sorellastra di Cherry Collect (Oratorio), Charity Line (Manduro) e Final Score (Dylan Thomas), vincitrici nel 2012, 2013 e 2014 delle Oaks d’Italia G2 e le ultime due vincitrici di Lydia Tesio G1 mentre la prima vincitrice anche di Regina Elena G3.

Allevamento: Soldier Of Fortune è stato lo stallone più richiesto del 2016. Ben 304 le fattrici coperte in ottica National Hunt

Il Racing Post ha reso noto quelli che sono stati gli stalloni più attivi nel 2016 in Europa in termini di coperture effettuate. Il leader della particolare classifica è stato Soldier Of Fortune (Galileo) che, al ritorno in Irlanda dopo aver speso 6 anni in Francia, è tornato protagonista in Irlanda coprendo un numero di fattrici incredibili, sotto il banner del Coolmore National Hunt. Il vincitore dell'Irish Derby, secondo dati Weatherbys, ha coperto ben 304 fattrici. Hai voglia a zabaione.... Il migliore rappresentante in razza per ora è Fire Fighting che ha vinto 11 volte per Mark Johnston, ma la vera rivelazione è sugli ostacoli dove ha prodotto Slowmotion, giovane in ascesa e vincitore di G2 in ostacoli, ed i promettenti francesi Bleu Azur e Carlita Du Berlais
Dopo Soldier Of Fortune, altri 3 stalloni più attivi sono figli di Monsun e sono Getaway con 299 fattrici coperte e padre del promettente bumper Agamemmon, Ocovango i cui figli sono nati quest'anno con 274 e Shirocco, padre di Annie Power, con 248. 
Fame And Glory (Montjeu), la cui prima progenie ha due anni, è il quinto sire più prolifico con 243 fattrici coperte. 
Parlando di stalloni in piano, Kodiac (Danehill) è quello che ha coperto di più nel 2016. Il residente del Tally-Ho Stud ha coperto 232 mares. Poi con 208 c'è Zoffany (Dansili) per il Coolmore, mentre Camelot, i cui primi figli correranno nel 2017, ha coperto 207 fattrici. 
Di seguito la lista completa degli stalloni più attivi con almeno 130 coperture tra Irlanda ed Inghilterra tra piano ed ostacoli.

domenica 20 novembre 2016

Hong Kong Trials: Beauty Only, allevato dalla famiglia Parri, vince la preparazione del Mile G1 di Dicembre..

Domenica di corse belle in Oriente. A Sha Tin sono andati in scena i trials in vista delle International Races di Hong Kong a Dicembre. Partiamo con una bella soddisfazione italiana nel Bochk Wealth Management Jockey Club Mile G2 sul miglio vinto dall'italian bred Beauty Only (Holy Roman Emperor), ex Gentleman Only in Italia vincitore di Berardelli G3, allevato dalla famiglia Parri, che ha conquistato una bella affermazione in lotta candidandosi al meglio per l'Hong Kong Mile G1. Presentato da Tony Cruz con Zac Purton a bordo, aveva dato dei segnali incoraggianti all'ultima uscita quando era finito forte in una corsa molto tattica giungendo terzo. Beauty Only, già vincitore di G1 nel Gennaio 2015 nell'Hong Kong Classic Mile G1, si era ben disimpegnato anche nel 2016 senza vincere ancora al massimo livello. Nell'occasione ha battuto un altro cavallo di Tony Cruz quale Romantic Touch (Northern Meteor) che pagava 96/1, e Sun Jewellery (Snitzel), il favorito, con Joao Moreira. IL VIDEO QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI. Beauty Only è un prodotto della fattrice Goldendale (Ali-Royal), madre anche di Dee Dee D'Or (Zebedee), giunto secondo nel Derby Italiano G2 di Saent (Strategic Prince), entrambi venduti ad Hong Kong, ma per i quali non risultano ancora iscrizioni in corso nemmeno un censimento ufficiale. Vi terremo informati.

Giappone: Stewards protagonisti del Mile Championship. Vince Mikki Isle sopravvivendo ad inchiesta, battuto Isla Bonita

Anche in Giappone ogni tanto i commissari prendono decisioni non coerenti con il passato. A Kyoto si è corso il Mile Championship G1 sul miglio vinto da Mikki Isle (Deep Impact), un 5 anni di Hidetaka Otonashi montato da Suguru Hamanaka che è sopravvissuto all'intervento dei giudici nonostante una netta deviazione verso l'esterno che ha coinvolto altri concorrenti in lotta per la vittoria. Mikki Isle era infatti in lotta con Neorealism (Neo Universe) e Ryan Moore, quando improvvisamente ha "driftato" verso il dirimpettaio che suo malgrado è finito per invadere la linea di Danon Shark (Deep Impact), Satono Aladdin (Deep Impact), Fiero (Deep Impact) e Decipher (Deep Impact), con quest'ultimo a farne le spese più degli altri, mentre all'esterno senza troppi intralci stava prendendo l'azione Isla Bonita (Fuji Kiseki) finito poi a ridosso di Mikki fino ad insidiarne la vittoria, vanamente. I commissari alla fine hanno optato per lasciare tutto com'era, preservando il risultato sportivo in maniera abbastanza discutibile. Si trattava del primo G1 per Hamanaka nella stagione, il primo della stagione anche per Mikki Isle che il suo G1 lo aveva vinto nel 2014 con la Mile Cup G1 di Tokyo nel 2014, ma segnali li aveva dati l'ultima volta finendo forte a ridosso di Red Falx nelle Sprinters Stakes G2. Ultimo Mirco Demuro su Satono Lupin, mai della corsa. Tempo finale di 1m 33.10s, più alto di quello realizzato da Maurice lo scorso anno. Questa, senza il campione, è stata una edizione normalissima di un G1 giapponese. IL VIDEO COMPLETO ED INTEGRALE CON LA FRONTALE DEL MILE CHAMPIONSHIP QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

sabato 19 novembre 2016

Tassi di monta: Lo #Yeomanstown Stud proporrà Dark Angel a €65,000, in leggero incremento

Lo Yeomanstown Stud ha annunciato i nuovi tassi di monta della stagione 2017. Ci concentriamo soprattutto su Dark Angel (Acclamation) che ha vissuto una stagione straordinaria in termini di risultati in pista ed in razza. Il grigio, 11 anni, funzionerà il prossimo anno in Irlanda al tasso di €65,000, con un leggero incremento rispetto ai €60,000 ai quali ha funzionato nel 2016. Dark Angel, che aveva cominciato in razza a €10,000 per scendere fino a €7,000, è ripartito di slancio dal 2012 con il tasso di monta sempre in salita, ed i suoi figli alle aste sono molto ambiti. Quest'anno è stato rappresentato dalla eroina delle Nunthope Stakes G1 Mecca’s Angel, ed ha inoltre prodotto 40 vincitori di 2 anni in Europa. Mentre la media dei suoi figli venduti alle aste ha toccato gli 124,820gns. Camacho (Danehill), 14 anni, che avrà i primi figli prodotti del suo book di fattrici più vasto e qualitativo della carriera solo il prossimo anno, avrà un tasso invariato di €7,500 per il 4° anno consecutivo mentre l'altro rappresentante dello Yeomanstown Gutaifan (Dark Angel), vincitore delle Flying Childers Stakes G2 e del Prix Robert Papin G2, che nel 2016 ha coperto la bellezza di 203 fattrici alla prima stagione da stallone, ha visto il suo tasso ridursi da €12,500 a €10,000.

Domenica a Capannelle "La Scuola nella Riforma", presentazione dei nuovi corsi formativi.

Riceviamo e pubblichiamo dall'ufficio stampa della Scuola Ippica Italiana: Domenica 20 novembre alle ore 12.00 presso la Club House dell’Ippodromo Capannelle di Roma la Scuola Ippica Italiana organizzerà la conferenza "La Scuola nella Riforma" nell'occasione saranno presentati i prossimi progetti formativi.
Al termine della presentazione dei progetti si aprirà un confronto sui temi proposti.
I progetti riguarderanno e prevedono corsi teorico / pratico per aspiranti proprietari, corso teorico /pratico per veterinari, corso preparazione esame concessione della patente di cavaliere dilettante e presentazione della terza edizione dello stage riservato a patentati FISE di 1° e 2° grado e FITETREC ANTE A2 che si svolgerà presso l’ippodromo Capannelle. 
Relatori della giornata: Ing. Elio Pautasso, Dott. Enrico Tuci, Col. Giuseppe Satalia.
Per gli interessati la giornata continuerà in Terrazza Derby dove si potrà assistere alla riunione di corse in programma e partecipare al brunch domenicale.

Mondo del Turf. Weekend ricco tra America, Giappone ed Hong Kong. A Kyoto il Mile Championship!

Ferma l'Europa, dobbiamo guardarci a destra e sinistra dell'atlante per raccontare qualcosa di quello che accade in giro per il mondo. Diciamo subito, e lo facciamo sintetizzando all'estremo, che l'America manda in scena un weekend che ha il lontanissimo retrogusto Classico. Forse la corsa più importante del fine settimana a stelle e strisce è il Delta Downs Jackpot G3 da $1 milione per i 2 anni, una prova vinta lo scorso anno da Exaggerator. Quest'anno ci sono i migliori esponenti della California, Kentucky, Minnesota e New York. La lista include Line Judge (Spring At Last) per Joey Sharp, vincitore delle ultime 3 corse consecutivamente. Bob Baffert presenta Hot Sean (Flatter), ritenuto potenzialmente buono. Laurel Park spingerà sull'acceleratore con il Fall Festival of Racing di sabato mentre Fair Grounds accende i riflettori con il lungo percorso invernale verso il Big Easy, mentre Churchill Downs, Aqueduct e Del Mar "will roll on"! 
Sulla scena internazionale massima attenzione al Giappone! A Kyoto si corre il Mile Championship G1 che anticipa la settimana della Japan Cup di cui parleremo opportunamente più avanti. Nel Mile sul miglio in erba, campo completissimo con 18 partecipanti e solo un 3 anni al via, per il resto tutti anziani.

Allevamento: Goffs November Breeding Stock Sale, top price da €1,6 Milioni per Beauty Parlour

Perdonate il ritardo. Giorni nei quali non ci sono state molte notizie da approfondire, perchè la stagione europea si è conclusa mentre quella orientale è ancora in fase preparatoria. In questo interregno, però, non è successo niente. Le prime notizie sono cominciate ad arrivare proprio nelle ultime ore, ed in particolare riguardano il primo giorno delle Goffs November Breeding Stock Sale che propongono l'intero dispersal della famiglia Wildenstein presentato da Bill Dwan del Castlebridge Consignment. Numeri condizionati da questo aspetto, con in generale 272 cavalli in catalogo di cui 242 offerti, 216 venduti per un movimento di €18,619,000 (+115%) con la media a €86,199 (+98%) ed il mediano a €30,000 (+20%).

mercoledì 16 novembre 2016

Mercato: Ventura Storm venduto in Australia. Il vincitore del Premio del Jockey Club è stato acquistato dall'Astute Bloodstock

L'Europa è il terreno di caccia preferito dei grossi investitori australiani che inseguono la Melbourne Cup G1. L'ultimo acquisto nel vecchio continente riguarda Ventura Storm (Zoffany), vincitore del Premio Del Jockey Club G1 a Milano, acquistato dal'Astute Bloodstock che lo affiderà alle cure di David e Ben Hayes e Tom Dabernig. Soddisfatto Tim Palin, uno dei coproprietari del Middleham Racing che ne ha parlato di un cavallo che è convinto progredirà ulteriormente a 4 e 5 anni, e dunque con obiettivo la corsa più attesa dagli australiani.

lunedì 14 novembre 2016

Capannelle: #Duca Di Mantova bissa nel Roma Vecchia! Battuto il giovane Troublemaker. A Reset In Blue il Buontalenta

Ultimi fuochi a Roma, prima della sosta invernale dove si osserverà comunque il periodo di routine. Nel Roma Vecchia Lr sui 2800 metri abbiamo assistito al bis di Duca Di Mantova (Manduro) (foto credit Domenico Savi), un veterano, che da cavallo intelligente e scaltro, si era risparmiato a San Siro non completando il giro fermandosi al passaggio che conduce alle scuderie in 2 delle ultime 4 corse disputate, mentre a Roma, come da previsione, ha fatto tutto senza particolari problemi, passando quasi sulla curva finale e respingendo tutti gli assalti alla carovana che gli sono stati portati dagli avversari. Il 7 anni ha battuto il giovane Troublemaker (Vita Rosa) con al terzo Right Connection, mentre nulla da fare per lo straniero Hectomare non abituato ai 2800 con i ritmi comunque abbastanza serrati. Curiosamente Duca Di Mantova a Milano, dove ha corso molto più spesso che in altri luoghi, non ha mai vinto a livello di Stakes, cosa che invece ha fatto a Roma e Napoli, ottenendo comunque un secondo ed un terzo nel Gran Premio del Jockey Club G1 a San Siro.

domenica 13 novembre 2016

#Giappone: #Queens Ring e Mirco #Demuro conquistano la Queen #Elizabeth II Cup G1 di Kyoto! Battuto CP Lemaire..

Mirco non aveva mai vinto in G1 a Kyoto. E questo era già un mito da sfatare. Mettiamoci poi che l'aveva preparata da lontano Queens Ring (Manhattan Cafe), la quale non aveva mai vinto a livello di G1 ma era stata fino ad oggi una ottima performer. Keiji Yoshimura ne aveva parlato nella canonica conferenza stampa prima della corsa, magari fosse così pure da noi, e la femmina di 4 anni ha mantenuto le aspettative con un DemuroSan magistrale in sella nel riportare il suo 18° G1 nel circuito JRA in carriera. Nel tardo pomeriggio di domenica, ancora mattina in Italia, è andata in scena la Queen Elizabeth II Cup G1 di Kyoto sui 2200 metri per femmine di 3 anni ed oltre, in una stagione che promette scintille orientali da questa settimana fino a fine Dicembre. La favorita era la 5 anni Marialite (Deep Impact), una che inseguiva Snow Fairy nel doppio in questa corsa, ma non riuscita a dare seguito alla vittoria dello scorso anno che la lanciò poi nell'olimpo dei migliori cavalli giapponesi della stagione. Queen's Ring, una figlia di Manhattan Cafe (Sunday Silence) e Aqua Ring (Anabaa), dopo l'unica vittoria sostenuta a 2 anni, a 3 anni aveva cominciato bene vincendo la preparazione delle 1000 Ghinee ma fallendo poi l'appuntamento Classico e rimanendo a digiuno per tutto il 2015 a causa di fastidi mai risolti.

sabato 12 novembre 2016

Francia: Powder Snow, sesta di Lydia Tesio, vince il Fille de l'Air G3 a Tolosa. Sesta Persona Grata..

Una spinta interessante al Lydia Tesio G1 2016, l'ha data Powder Snow (Dubawi), finita sesta a Capannelle dopo percorso non proprio fortunato, che in Francia venerdì ha vinto comodamente con 3 lunghezze di margine il Prix Fille de l'Air G3 di Tolosa sui 2100 metri. Powder, che aveva vinto anche in Germania nel Kolner Stutenpreis Listed di Colonia, ha battuto una vincitrice di Listed come Restiana (Kendargent), anche np nel Saint Alary G1, e tra gli altri anche Persona Grata (Sir Percy), quinta a Capannelle e sesta in questa occasione. La figlia di Dubawi, allenata da Henry Alex Pantall, era montata da Aurelien Lemaitre. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. IL RISULTATO QUI.

Mercato: Paul Hanagan e Sheikh Hamdan Al Maktoum non rinnoveranno il rapporto nel 2017

Dopo 5 anni da prima monta per Sheikh Hamdan Al Maktoum, il jockey Paul Hanagan ha annunciato di non aver rinnovato il contratto per il 2017, per cui quelle di questi giorni di Wolverhampton saranno le ultime in giubba blu e bianca. Sostituto di Richard Hills nel Febbraio 2012, la connection ha avuto soddisfazione nelle vittorie di Taghrooda nelle Oaks e King George VI and Queen Elizabeth Stakes, con Mukhadram (Shamardal) nelle Coral-Eclipse di Sandown nel 2014. Hanagan ha anche montato Muhaarar (Oasis Dream) nei suoi 4 G1 vinti in carriera. 

Tassi di monta #Juddmonte: #Frankel tasso invariato a £125,000. Scendono Dansili e Oasis Dream

Frankel (Galileo), attualmente in testa alla classifica dei first crop sires, avrà un tasso di monta confermato a £125,000 presso il Banstead Manor Stud di Newmarket. Tutto ciò, nonostante l'impatto devastante del campionissimo che Sir Henry Cecil ha forgiato in corsa. Attualmente tra i suoi rappresentanti si possono commentare i 5 vincitori di Gruppo ed i 18 vincitori individuali che a breve diverranno anche di più, se prendiamo in considerazione il Giappone dove ci sono 2 esponenti anche di un certo livello che correranno la prova di G1 per femmine. 
Duplice campione mondiale e 10 volte vincitore di G1, il figlio di Galileo (Sadler's Wells), ha prodotto cavalli come Queen Kindly, Fair Eva e Toulifaut, quindi soprattutto femmine di spessore, senza dimenticare Cunco e Frankuus. Essendo stato ritirato in razza nel 2013, quella del 2017 sarà la quinta stagione di monta consecutiva. 
I figli di Frankel hanno avuto ottimo impatto anche in razza, dove hanno venduto per medie di £560,000. Tra gli altri di Juddmonte, immutato anche il tasso di Kingman (Invincible Spirit) a £55,000, i cui primi figli debutteranno nel 2018 ma entreranno nei vari ring nel 2017. Riduzioni per Dansili (Danehill), padre di The Fugue, Harbinger e Zoffany, e Oasis Dream (Green Desert), 16 anni, padre di Midday e Muhaarar, nel 2017 funzionanti rispettivamente per £65,000 (da £85,000) e £50,000 (da £75,000).
Sceso anche il tasso di Bated Breath, nonostante l'ottimo inizio con i primi 2 anni in pista e vincitori di Gruppo come Al Johrah, Take A Deep Breath ed Unabated, che avrà un tasso di £8,000 in discesa dai £10,000 dello scorso anno.
Chi lascia Juddmonte è invece Champs Elysees (Danehill) che è stato acquistato dal Coolmore National Hunt banner per funzionare presso il Castlehyde Stud come stallone da cavalli in ostacoli. Il cavallo di 13 anni, fratello di Dansili, ha prodotto 17 stakes performer.

giovedì 10 novembre 2016

Giappone: Ecco la licenza temporanea per Atzeni. Il record di Lemaire ed il programma invernale in nipponico. Storie d'oriente..

La Japan Racing Association (JRA) ha annunciato nelle scorse ore l'autorizzazione ed il rilascio della licenza temporanea per montare in Giappone per il jockey italiano Andrea Atzeni. La licenza sarà effettiva da sabato prossimo 12 Novembre, fino al 28 Dicembre 2016. Atzeni monterà primariamente per Katsumi Yoshizawa e per l'allenatore Mitsumasa Nakauchida, di base al JRA Ritto Training Center. La prima esperienza di Andrea Atzeni in Giappone non è stata positiva lo scorso anno, tanto che in 104 monte sostenute ha ottenuto solo 9 vittorie, con una media molto bassa rispetto a quella a cui ci ha abituato nella sua carriera inglese. Chiaro che il periodo di ambientamento in un altro luogo ippicamente lontano, è sempre necessario.
Intanto in Giappone da registrare il record di Cristophe Patrice Lemaire che la scorsa settimana ha eguagliato il record di Yutaka Take vincendo nella giornata di domenica a Tokyo 8 delle 12 corse in programma, più un secondo ed un quarto posto. Dopo il Magnificent Seven di Frankie un altro bel record per un fantino europeo. Lemaire, 37 anni, attualmente è secondo in classifica JRA con 156 vittorie. Il leader è Keita Tosaki con 157 affermazioni mentre Mirco Demuro è a quota 122, ben staccato dai primi due ma comunque molto competitivo. 
Intanto domenica a Kyoto si corre la The Queen Elizabeth II Cup sui 2200 metri in erba per cavalli di tre anni ed oltre. Mirco Demuro monterà la 4 anni Queen Ring (Manhattan Cafe) mentre CP Lemaire sarà a bordo di Sing With Joy (Manhattan Cafe). 
Da segnalare che è iniziato il grande mese giapponese: Domenica 20 Novembre è in programma il Japan Autumn International MILE CHAMPIONSHIP G1, il 27 Novembre da Tokyo c'è la Japan Cup G1, poi il 4 Dicembre la Champions Cup G1 da Chukyo mentre a mese inoltrato le prove per cavalli di 2 anni. L'11 Dicembre da Hanshin c'è il Juvenile Fillies G1 dove sarà al via Mi Suerte (Frankel), impressionante ed imbattuta in 2 uscite per Yasutoshi Ikee (guardala QUI nelle Kyoto Sho Fantasy Stakes G3), mentre il 18 Dicembre ci sono le Asahi Hai Futurity Stakes G1 ancora da Hanshin, praticamente il Gran Criterium locale. Il 25 Dicembre è in programma la corsa più attesa in Giappone: L'Arima Kinen G1 da Nakayama!

Saranno famosi: #Terrakova, primo prodotto in pista per #Goldikova, vince facilmente al debutto di Chantilly...

Sicuramente è una vittoria da annoverare alla voce Saranno Famosi, che da tanto tempo non veicoliamo ai nostri lettori. Ma giudicate voi se è solo suggestione, oppure no. Lei è Terrakova (Galileo), secondo prodotto ma primo a correre per la campionessa Goldikova (Anabaa), allenata da Freddy Head per i colori Wertheimer, che da favorita ha risolto il Prix de la Capitainerie - Condizionata per 2 anni sui 1800 metri del sintetico di Chantilly. Con Maxime Guyon in sella ha risolto per 3 lunghezze e mezza dopo aver seguito il gruppo in pancia e dopo aver preso l'azione solo a metà dirittura, ma confermando quanto fatto vedere in lavoro, cioè di essere un buonissimo prospetto per la quale l'inverno servirà a cullare sogni classici. Come detto si tratta del secondo prodotto della tre volte vincitrice della BC Mile Goldikova, campionessa indiscussa in Europa ed in America, vincitrice di 14 G1. Il primo prodotto nato si chiama Goldikovic (Galileo), è un tre anni e non ha mai corso. Quest'anno è nata una femmina da Intello (Galileo).

Informazione pubblicitaria: Un consiglio per gli operatori del settore spogliatoi sportivi. Spogliatoi sportivi a norma

Spogliatoi sportivi: come allestirli nel rispetto delle linee guida CONI.
All'interno di qualsiasi realtà sportiva lo spazio adibito a spogliatoio riveste un'importanza determinante ed è spesso uno dei primi elementi che gli utenti prendono in considerazione nella scelta della struttura sportiva alla quale iscriversi. 
Fondamentale sotto diversi punti di vista, ogni spogliatoio che si trovi all'interno di una palestra o centro sportivo deve presentare dei requisiti tecnici specifici che garantiscano il rispetto degli standard in materia di sicurezza, igiene e funzionalità. 
Curare la realizzazione degli spogliatoi nel dettaglio si traduce nel vantaggio di poter offrire agli ospiti un servizio valido e di qualità, un fattore molto importante ai fini della fidelizzazione della clientela e del conseguente successo della struttura. 
Va detto che le normative riguardanti l'allestimento degli ambienti adibiti a spogliatoi possono essere poco chiare da recepire poiché variano spesso a seconda del Comune di riferimento. Esistono però le linee guida fornite dal CONI circa l'impiantistica sportiva che andiamo di seguito a descrivere. Queste indicazioni si riferiscono nello specifico agli “impianti sportivi di esercizio”, ovvero alle strutture sportive nelle quali si svolgono attività di preparazione atletica.

Hong Kong: Caduta bruttissima per Umberto Rispoli ad Happy Valley. Ma solo tanto spavento! Ecco il video..

Attimi di spavento mercoledì pomeriggio ad Happy Valley ad Hong Kong. Umberto Rispoli infatti è stato protagonista suo malgrado di una spettacolare caduta che ha coinvolto un collega quale H. N. Wong in sella a Dashing King, caduto dopo aver galoppato nelle gambe di un avversario e facendo da ostacolo per Mr Pele con Umberto che di conseguenza è capitolato giù in una carambola davvero spaventosa. Subito trasportato in ospedale per accertamenti, nulla di grave è emerso dalle lastre. Per fortuna solo tanto spavento, dolore al ginocchio e la caviglia per i quali sono necessari approfondimenti considerato il dolore. Nulla di rotto, comunque, ma al nostro Umberto, come da lui stesso confessato, è andata di lusso viste le ultime recenti vicende riguardanti cadute bruttissime. Forza Umbertì! 

California Chrome: Tasso di monta fissato in $40,000 presso la Taylor Made Farm. Supporto da Keeneland per lui..

Dopo un paio di giorni di riflessione, è stato reso noto il tasso di monta di California Chrome (Lucky Pulpit), Horse of the Year del 2014 e cavallo più ricco del Nordamerica con $14,452,650 vinti, che funzionerà nel 2017 presso la Taylor Made Farm al tasso di $40,000. Un tasso definito "fair, maybe even a little lower than fair" ma che permetterà a California di avere un book di fattrici competitivo mentre agli allevatori di avere la possibilità di generare profitto. Intanto quelli della Taylor Made lo hanno cominciato a supportare con l'acquisto, nell'apertura di Keeneland, delle fattrici Right There (Eskendereya) per $325,000 ed Uchitel (Afleet Alex) per $420,000. Si cercheranno fattrici con Empire Maker, Scat Daddy, Arch, che hanno incroci favorevoli al suo sangue. 
Per California Chrome possibile ancora una corsa prima di entrare in razza, sarà la Pegasus World Cup G1 del 28 Gennaio a Gulfstream Park da $12 milioni, ma che per ora fatica a decollare in termini di adesioni. 

martedì 8 novembre 2016

Corse e Allevamento: Chi va in razza, chi rimane a correre anche nel 2017. Beholder, California, Arrogate, Found, Highland Reel etc.. Ecco la panoramica dei campioni che hanno illuminato la Breeders.

La Breeders' Cup per certi versi ha concluso un ciclo o comunque sia fatto da viatico per diverse strade che si sono aperte per i vari campioni che l'hanno frequentata. In questo post scriviamo quello che accadrà circa il loro futuro. Partiamo proprio dalla giornata di venerdì che ha laureato ancora una volta campionessa della BC Beholder (Henny Hughes) che ha vinto il Distaff dopo lotta serrata con Songbird. Ebbene, la la 6 anni della Spendthrift Farm allenata da Richard Mandella, titolare di 11 vittorie di G1, verrà ufficialmente ritirata in razza dopo che c'era stata per un pò la suggestione di vederla partecipare alla Pegasus World Cup G11 di Gulfstream Park del 28 Gennaio. Ma alla fine il buon senso ha avuto la meglio ed a Beholder è stato già annunciato il promesso sposo in Uncle Mo (Indian Charlie) per il quale, proprio per il 2017, è stato reso noto il tasso di monta di $150,000.
La Pegasus World Cup G1 dovrebbe essere invece l'ultima corsa in carriera di California Chrome (Lucky Pulpit), il cavallo più ricco del nord america, uscito sconfitto ma con onore dal Classic. California entrerà dritto nel roster del Taylor Made, che ha già preparato la pagina pubblicitaria cliccando QUI. Non ancora stabilito il tasso di monta, che verrà comunicato più avanti.

domenica 6 novembre 2016

Roma: #Potemkin sbanca Capannelle nel Premio Roma GBI Racing! Il cavallo di Wohler ha battuto Robin Of Navan ed Elliptique. Nell'Aloisi volo incredibile per Kathy Dream!

L'ha risolta di classe, non solo di forza. La corazzata Potemkin (New Approach) è sbarcata a Capannelle carica di aspettative, tutte completamente soddisfatte dalla prestazione del 5 anni di Andreas Wohler che ha dominato un Premio Roma GBI vinto con la forma che a volte fa anche difetto sull'attitudine al terreno. Il figlio di New Approach (Galileo) (nella foto Domenico Savi), un castrone, montato da Edu Pedroza, ha seguito nella pancia del gruppo ma all'ingresso in retta si è spostato verso l'interno ed ha accettato di ingaggiare il duello a palo lontano con Robin Of Navan (American Post) sul quale Cristian Demuro aveva deciso per la fuga anticipando il plotone. Questa è solo parzialmente riuscita perchè a 200 dal palo all'interno si è concretizzata la sagoma del baio oscuro che in pochi tempi di galoppo ed ampie folate ha preso campo e si è involato verso il traguardo prendendo un paio di lunghezze comode. Al terzo, all'epilogo, è giunto Elliptique (New Approach) (a proposito, Andre Fabre presente a Capannelle) che ha fulminato Wireless (Kentucky Dynamite) rimasto sul passo, mentre il migliore degli italiani è stato Circus Couture (Intikhab), giunto quinto. Il tempo finale è stato di 2m 6.80s su terreno davvero molto faticoso. Il vincitore, che era reduce da un Dollar G2 vinto con del buono in mano, non è uno specialista del terreno ma grazie ad una condizione superlativa ha saputo sopperire alla grande. Allevato dal Gestut Fahrhof, è un cavallo di proprietà del gruppo tedesco in partnership con Klaus Allofs, dirigente del Wolfsburg ed ex calciatore, per i cui colori ha corso.

Tanti auguri al Maestro! Il Sor Luigi Camici compie i suoi primi 90 anni, buon compleanno da parte di Mondoturf!!

Auguri, Maestro. Il 7 Novembre 1926 è una data leggendaria per gli amanti del turf. In questo giorno, infatti, nasceva Luigi Camici! L'unico ad aver visto dal vivo uno come Nearco, il Sor Luigi è attraversato tutti gli strati e le ere geologiche del nostro mondo, vivendo e scrivendo pagine memorabili di ippica. Nel suo palmares ci sono tutte le Classiche italiane vinte: Il Parioli con Crisos Il Monaco e Rattle And Hum, il Regina Elena con Beauty to Petriolo e una Sopran Londa con Mirco Demuro bambino, le Oaks con Germignaga, il Derby con Groom Tesse, senza dimenticare tutte le vittorie in "incognito", quando lavorava nell'ombra agli ordini della Mantova alla quale ha dato tanto anche in termini di devozione, tanto da riproporre quei colori leggendari (al contrario, giubba gialla e banda trasversale verde) dopo la liquidazione e la cessazione dell'attività della famiglia Mantovani. 
A proposito di Derby vinti o preparati, l'alloro Classico è arrivato 4 volte. Il primo nel 1948 con Leon de San Marco, sotto le insegne della Mantova, l'ultimo appunto con il grigio Groom Tesse con la collaborazione di Fabrizio ed in mezzo, tanti altri successi prestigiosi con il culmine nell'Arc de Triomphe datato 1998 con l'immenso Tony Bin.
Lo festeggeremo a Capannelle nella giornata del Premio Roma vinto, tanto per cambiare, con Fire Of Life e Big Tobin, senza dimenticare la sconfitta quasi casuale nell'87 con Tony Bin che perse da Orban. 
Tanti auguri Sor Luigi, è il tributo minimo che chiunque ami l'ippica le possa fare! Cliccando su questo LINK potete vedere il servizio di "Canter, storie di uomini e cavalli", incentrato sulla sua carriera realizzato dal vostro blogger nel Febbraio 2014, ma sempre pertinente in queste occasioni!
AUGURI, MAESTRO!

America, #BC2016: #Arrogate doma California Chrome nel Classic! Il giovane che batte il vecchio, duello epico a Santa Anita

Due minuti di esaltazione pura! All'epilogo il giovane ha battuto il vecchio, significa che Arrogate (Unbridled's Song), il 3 anni, ha battuto, giustiziato, il favorito e campione di 5 anni California Chrome (Lucky Pulpit) nella Breeders' Cup Classic G1 da $6 milioni che avrà il sapore epico anche in futuro. Il sauro, fabbrica dei sogni, favoritissimo ad 1/10, ha provato a gestire la corsa con i suoi soliti parziali, mentre Mike Smith è rimasto guardingo, calmo, ed atteso la curva finale. Davanti in quel momento c'era ancora California a gestire parziali in :23.28 e :47.15, Victor Espinoza che si guarda dietro ed attende l'attacco sapendo di avere sotto ancora qualcosa ma con la consapevolezza di non avere il serbatoio pieno, entra in dirittura, chiama il suo, vede la sagoma del grigio avvicinarsi minacciosamente, prova a ripartire ma nulla può contro lo strapotere e la giovane verve del Juddmonte. Un finale intenso, da leggenda. Alla fine la freschezza ha avuto la differenza, con un California che non aveva sbagliato nulla fino ad oggi ma è capitolato contro un cavallo fortissimo capace di dare un attacco severo ad un campione del mondo come California al quale è stata inflitta la prima sconfitta nel 2016 dopo 6 vittorie consecutive. Alla fine merita il più forte e più fresco (California è in giro da un bel pò), ed Arrogate lo è stato per davvero senza rubare nulla da tipico cavallo arrogante! Allenato da Bob Baffert (3° vittoria consecutiva nel Classic), veste la casacca Juddmonte del Principe Khalid Abudlla non proprio fortunata nel corso dell'anno. Ma con un "Baby Le Bron", come lo chiama Mike Smith (alla 25° vittoria in Breeders) che ne è stato, e ne sarà, il cavallo copertina per la stagione. Terzo, a raccogliere i resti degli altri, ma a 8 lunghezze, è stato Keen Ice (Curlin). Il tempo finale è stato di 2m 0,11s. IL RISULTATO COMPLETO QUI. IL VIDEO DELLA Breeders' Cup CLASSIC QUI. Arrogate è un figlio di Unbridled's Song (Unbridled) e Bubbler (Distorted Humor). Non è stato allevato da Juddmonte, ma fu pagato $560,000 con il Principe Khaled Abdulla che decise di darlo in training a Bob Baffert in California. Non ha corso a 2 anni ma ha debuttato sui 1200 metri di Los Alamitos arrivando terzo. Poi tre vittorie di seguito tra Giugno ed Agosto tra Saratoga e Del Mar prima del botto a Saratoga nelle Travers Stakes G1 dove si rivelò al mondo, ed ora tutta la copertina necessaria per la vittoria del Classic battendo un altro campione autentico. Chi lo sa, forse questi due si ritroveranno a fine Gennaio 2017 nella prima edizione della Pegasus World Cup G1 da $12 milioni a Gulfstream Park..

sabato 5 novembre 2016

America, Breeders' Cup day 1: Duello entusiasmante nel Distaff, risolve #Beholder di muso! Ecco i risultati della prima giornata in attesa delle 9 corse con gioco in Italia di sabato

Congedo più bello non poteva esserci. La campionessa Beholder (Henny Hughes) ha salutato il mondo delle corse battendo un'altra campionessa come Songbird (Medaglia D'Oro), fin qui imbattuta, in un ideale passaggio di consegne, al termine di una battaglia a dir poco epica con duello che si è protratto fin sul sul traguardo, con testa a testa incredibile nel Longines Breeders' Cup Distaff G1 sul dirt. Le 2 femmine si sono guardate negli occhi più volte, ma all'ultimo tuffo a vincere è stata la cavalla di Richard Mandella con Gary Stevens in sella, riuscita a coprire 39 "feet" in più della sua rivale secondo i rilevamenti Trakus, con la 3 anni di Jerry Hollendorfer con Mike Smith a bordo che aveva graduato in avanti con parziali di 23,62, mezzo miglio in 47,16s e i 1200 metri passati in 1m 11,14s. Sulla curva finale l'attacco di Beholder, il face-to-face e tuffo significativo della anziana sul palo, che ne ha certificato la vittoria. Per Beholder a 6 anni era l'11° vittoria di G1 in carriera, la terza nelle Breeders' dopo il Juvenile G1 nel 2012 ed il Distaff del 2013 ed un ruolino di marcia che parla di 26 corse disputate, 18 vittorie e 6 piazzamenti. Ora l'ingresso in razza mentre per Songbird la carriera continua in una sconfitta che, in questo ambito, conta relativamente e non toglie nulla ad una campionessa comunque autorevole. IL RISULTATO COMPLETO QUI. IL VIDEO DEL DISTAFF QUI.

Freddy Tylicki paralizzato. Drammatico esito della terribile caduta di Kempton. Un pensiero allo sfortunato jockey..

Le news in tempo reale le abbiamo già messe sulla pagina Facebook di Mondoturf, qui andiamo ad approfondire un pochino di più la questione Freddy Tylicki, completando il discorso di qualche giorno fa circa la rovinosa caduta di Kempton. Purtroppo non arrivano buone notizie dal St George's Hospital di Londra, dove è stato trasferito per un migliore trattamento della spina dorsale, perchè dopo qualche giorno di terapia intensiva, osservazione ed intervento chirurgico in seguito alla caduta non sono arrivate buone nuove. Secondo l'ultimo bollettino medico diffuso da Lisa Hancock, CEO del Injured Jockeys Fund, il 30enne jockey tedesco ma attivo in Inghilterra, ha visto confermare la diagnosi della frattura della vertebra T7, cioè significa una paralisi della parte inferiore del corpo. Non abbiamo altre parole per descrivere lo smarrimento. Molti colleghi, amici, appassionati hanno lasciato un messaggio di incoraggiamento. Lo facciamo anche noi, sperando accada qualcosa di positivo di qui in avanti. Forza Freddy!
Se volete supportare l'incidente e le cure di Tylicki, è attivo questo LINK per donazioni e condivisioni. 

mercoledì 2 novembre 2016

Germania: #Guignol e Miki Cadeddu colpo a 33/1 nel Grosser Preis von Bayern! Battuti i Godolphin

Ancora Miki Cadeddu! Stavolta in Germania però, dove nel festivo di ieri è andato in scena il Grosser Preis von Bayern G1 all'ippodromo di Monaco dove si è verificata un'altra sorpresa a grossa quota. Guignol (Cape Cross), allenato da Jean Pierre Carvalho per i colori del Barone von Ullmann, reduce da un ultimo posto nel Premio del Jockey Club G1 a San Siro, ha cambiato completamente volto in patria grazie ad una perfetta interpretazione d'avanguardia da parte del fantino italiano che ha preso il tempo a tutti ed ha mantenuto del margine nei confronti del duo Godolphin Racing History (Pivotal) ed Hawkbill (Kitten’s Joy), con Iquitos (Adlerflug) e Savoir Vivre (Adlerflug) a completare il marcatore. Guignol, erede della campionessa Guadalupe (Monsun), era cresciuto in stagione fino ad arrivare due volte terzo di Protectionist nel Grosser Hansa-Preis G2 e nel Grosser Preis von Berlin G1. A Chantilly, prima ancora, aveva corso benissimo il Grand Prix de Chantilly G2 arrivando quarto alle spalle di One Foot In Heaven, mentre era da dimenticare l'ultima prestazione di San Siro dove è giunto a 14 lunghezze e mezzo da Ventura Storm, una prestazione tutt'altro che reale.. Quanto a Miki Cadeddu, un'altra perla di una stagione indimenticabile, al terzo Gruppo vinto in questo 2016 da ricordare. IL VIDEO DEL GROSSER PREIS VON BAYERN QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

martedì 1 novembre 2016

America, #BC16: Gli schieramenti completi delle Breeders'. Found correrà il Turf, California Chrome vs Arrogate nel Classic

Intanto in America sono stati sorteggiati e definiti i campi dei partecipanti alla 2 giorni della Breeders' Cup che si terranno a Santa Anita tra venerdì e sabato notte. Confermata la copertura da parte del 220 di SKY, dunque le prove saranno visibili fino a tarda notte anche in Italia. Intanto godetevi il promo cliccando su questo LINK. La prima notizia rilevante riguarda la scelta del team di Found (Galileo) di bypassare lo scontro con California Chrome ed Arrogate nel Classic G1 per optare, più saggiamente, per la Breeders Cup Turf sui 2400 metri in erba con la vincitrice dell'Arc e seconda delle Champion Stakes che avrà in sella Ryan Moore ed affronterà ancora il compagno Highland Reel (Galileo) ed ormai gli ex Europei Ectot (Hurricane Run) e Flintshire (Dansili). Della partita anche Ulysses (Galileo) con in sella Dettori. Saranno comunque in 13 al via. 
Definiti dunque gli schieramenti del Classic G1 sui 2000 metri in dirt con sorteggio favorevole per California Chrome (Lucky Pulpit) che ha pescato il 4 mentre il rivale dichiarato Arrogate (Unbridled's Song) ha preso il fastidioso 10 dal quale dovrà inventare qualcosa. Frosted (Tapit) ha preso un buon 2. Aidan O'Brien sguinzaglierà anche Alice Spings (Galileo) nella BC Mile contro la terribile Tepin (Bernstein) vincitrice al Royal Ascot delle Queen Anne G1. Al via anche Limato (Tagula), con il 4 anni di Henry Candy annunciato al top.

Orribile caduta a Kempton: 4 cavalli e 4 fantini coinvolti. Crowley dimesso, Frederik Tylicki ancora in terapia intensiva

Ieri pomeriggio a Kempton c'è stata una brutta, bruttissima caduta che ha coinvolto 4 cavalli e 4 fantini. Una carambola davvero drammatica che ha spinto gli organizzatori e fantini a sospendere interamente il convegno. La notizia, da noi riportata quasi in diretta sulla pagina Facebook di Mondoturf con tanto di video (indirizzo della pagina QUI), ha fatto il giro del mondo. Ma ricostruendo i fatti in breve diamo questa notizia per aggiornarvi circa le condizioni dei fantini coinvolti nel tremendo capitombolo. Non ci sono state conseguenze ne per i 4 cavalli caduti, mentre tanto spavento per Steve Drowne e Ted Durcan (comunque rottura della caviglia per lui) che se la sono cavata con qualche botta. A farne le spese in maniera concreta sono stati il neo champion jockey Jim Crowley e soprattutto il 30enne Frederik Tylicki. I due sono stati immediatamente trasportati in ospedale con sospetta lesione alla colonna vertebrale, ma se per Crowley gli esami hanno escluso altre conseguenze ma solo la rottura del naso, tanto poi da essere dimesso nella serata di lunedì, c'è un pò più di preoccupazione per Freddy Tylicki ancora ricoverato in terapia intensiva al St George’s Hospital di Tooting. Cronache locali lo descrivono comunque sveglio, cosciente, ma molto dolorante.

Allevamento: #Darley, arrivano i tassi di monta 2017. L'eccezionale #Dubawi a £250,000, Golden Horn a £60,000..

Darley ha rilasciato una cartella stampa dove si documentano i nuovi tassi di monta per gli stalloni per la stagione 2017 in Europa. Volti nuovi e vecchi per il solito ringiovanimento del roster con implementazione di sangue nuovo ed Australiano. Di Bow Creek, Buratino e Toormore abbiamo già detto, come parteciperanno al CLUB di cui abbiamo parlato QUI, per il resto è da sottolineare che il cast stellare del Darley è capeggiato dal campionissimo Dubawi (Dubai Millennium), qui nella foto della campagna pubblicitaria sul sito ufficiale, che avrà un tasso ufficiale di monta di £250,000, un record per l'europa almeno nei dati esposti visto che Galileo fa pure di più ma in forma privata. Dubawi è ormai comunque diventato uno stallone fondamentale, ben supportato, ma i cui figli vincono le corse buone e sono tosti in corsa. Il 14enne figlio di Dubai Millennium lo scorso anno era disponibile a £225,000, ma complice la stagione di Postponed, Journey, Wuheida ed Erupt, ed i continui risultati di altri suoi figli, e della risposta alle aste (condizionate ovviamente dal supporto di John Ferguson per Godolphin), il risultato era una somma. Tra gli altri New Approach (Galileo) è stato dimezzato da £60,000 a £30,000, quando nel 2014 funzionava per £80,000. 
Tra le novità c'è il velocista australiano Exosphere (Lonhro) che sarà proposto a €6,000 in Francia all'Haras du Logis. Tra i prezzi importanti ci sono ancora Golden Horn (Cape Cross) a £60,000 presso il Dalham Hall Stud, Iffraaj (Zafonic) salito di £5,000 a £27,500. Al Kildangan in Irlanda c'è Shamardal (Giant's Causeway) proposto a trattativa privata, mentre in quota alta c'è Exceed And Excel (Danehill) con il suo bel cartellino da €50,000 in salita rispetto ai €40,000 dello scorso anno. Teofilo ha fatto il percorso inverso ed è disponibile a €40,000 rispetto ai €50,000 dello scorso anno.. Fast Company, sire della Classica Jet Setting alla sua seconda stagione in razza, funzionerà per €7,000. Gli shuttlers: Sepoy, che funzionerà per £15,000, ed Helmet a £10,000, hanno avuto quest'anno rappresentanti di G1 tra i 2 anni: Basti pensare all'impressionante Thunder Snow. Epaulette, tra l'altro parente di Helmet, ha avuto quest'anno una grande accoglienza alle aste con una media superiore di 6 volte al tasso di monta, verrà riproposto a €7,000. MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCANDO QUI SUL SITO DARLEY. Qui sotto l'elenco completo con i tassi di monta DARLEY per la stagione 2017:

Australia: #Almandin vince la Melbourne Cup, battuti Heartbreak City e Hartnell. Sangue tedesco al potere!

Quando si parla di stamina, viene in mente subito la Germania. Anche in un mondo lontano come l'Australia, terra più che altro di velocisti, questo è dogma fisso. Gli Aussie lo hanno capito da tempo che per vincere la Emirates Melbourne Cup sulle due miglia ci vuole sangue europeo ed un cavallo esperto e per questo motivo hanno cominciato ad importare sempre più spesso cavalli del genere per poter vincere una corsa dura, impegnativa e lunga come quella che è da tutti considerata "the race that stop a nation". Il risultato è stato chiaro e netto, per la prima volta sul podio sono arrivati due cavalli che provengono appunto da famiglie tedesche. Di fronte a più di 100,000 persone a vincere è stato Almandin (Monsun), un sette anni allenato da Robert Hickmott per Lloyd Williams (ma di un sindacato che include tutti questi proprietari: Mr N C Williams, Mr L J Williams, Mrs S J Williams, Mr B N Singer, Mr P Mehrten, Mr A L Green, Mrs B A Green, Mr J A Ingham, Mr V Sammartino, Mr M S Gudinski), che con in sella Kerrin McEvoy ha dato vita ad un vibrante duello contro Heartbreak City (Lando) con a bordo Joao Moreira per Tony Martin in quello che è stato quasi un capolavoro di training nella 156° edizione di una corsa a dir poco spettacolare, conclusasi con un tempo di 3m 20.58s, uno dei più bassi ma comunque non vicino al recente record di 3m 17,71s. Per Kerrin McEvoy, sposato con una sorella di Michelle Payne vincitrice storia della scorsa edizione della Melbourne Cup, è la seconda vittoria in questa corsa 16 anni dopo Brew nel 2000, per il proprietario Lloyd Williams era la quinta vittoria nelal corsa 35 anni dopo la prima, mentre per Robert Hickmott era la seconda in cinque anni dopo Green Moon nel 2012.