STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 31 dicembre 2010

Nuovo record per Invincible Spirit: 42 vincitori di due anni nel 2010

Tutti i dati della produzione di Invincible Spirit
Ancora un record frantumato per lo stallone Invincible Spirit (Green Desert), come padre dei due anni in Europa nel 2010. Questa volta però, si tratta di un record mondiale distrutto, visto che nei giorni scorsi il figlio di Green Desert (Danzig), che funzionerà per unt asso di €60,000 nel 2011 all'rish National Stud, ha ottenuto il suo 42° vincitore di due anni in Europa, e nell'emisfero nord del mondo. Julie Lynch, Manager della Stallion Nominations, ha confermato che il record è stato superato. Il precedente era risalente al 2008, quando Chape Royal (Montbrook), residente in Kentucky, aveva ottenuto 39 vincitori di due anni, strappando la allora leadership di Danehill Dancer (Danehill), che ne deteneva il titolo con 38. Nel 2009 Wildcat Heir (Forest Wildcat), residente in Florida nella base americana, aveva raggiunto e pareggiato quella leadership grazie a Future Heiress che vinse la sua maiden a Calder, riuscendo ad essere la 39° vincitrice.
Invincible Spirit si conferma dunque uno stallone top in Europa, dopo aver iniziato la propria carriera in sordina, funzionando per un iniziale tasso di monta di €10,000 euro, salendo fino a €35,000 e stabilizzandosi quest'anno a €60,000. Meglio di lui ha fatto solo Oasis Dream (Green Desert), che fa parte sempre del ramo maschile di Green Desert (Danzig), un notevole padre di stalloni, com'è evidente.
In corsa, di proprietà del Principe Saudita A. A. Faisal ed allevato dal Nawara Stud Co. Ltd., in 17 corse disputate ha vinto sette volte e si è piazzato in due occasioni, per un bottino di £247,786. Ha vinto a livello di G1 l'Haydock Sprint G1 sui 1200 metri, battendo cinque successivi vincitori di G1. Ha vinto anche le Aon Macdonagh Boland Stakes al Curragh a tempo di record inchiodando il cronometro in 1:08.10, e successivamente ha trionfato anche nelle Duke Of York Stakes G3.
Di seguito la lista completa dei vincitori di due anni quest'anno per Invincible Spirit: 1. ADMIRABLE SPIRIT – GB, 2. AGLAIA – FR, 3. AL AASIFH – GB, 4. ANAM ALLTA – IRE, 5. ANEEDAH – GB, 6. ANNAMAY – IRE 25/10 (39), 7. Black Moth – GB, 8. BOUNDLESS SPIRIT – GB, 9. CHILD BRIDE – GB, 10. Fariman – FR, 11. FORTY PROOF – GB, 12. FURY – GB, 13. HALLO HEART – ITY, 14. HEAD SPACE – IRE, 15. HOORAY – GB, 16. HOOT – GB, 17. INSTANCE – GB, 18. INVINCIBLE RIDGE – GB, 19. ISHBELLE – GB, 20. LADY PARIS – GB, 21. LEXI'S HERO – GB, 22. MAUNDAYS BAY – IRE 4/12 (42), 23. Mayson – GB, 24. MISS BEHAVE – DEN, 25. MISS SINATRA – GB, 26. MOONLIGHT CLOUD – FR, 27. MUSIC IN THE RAIN – IRE, 28. MY FREEDOM – GB, 29. NONE SHALL SLEEP – GB, 30. Princess Gold – ITY, 31. QUBUH – IRE, 32. SALVATIONIST – GB, 33. Sgarzulina – ITY, 34. SHEER COURAGE – GB, 35. SOIR DE LUNE – ITY 5/11 (41), 36. SPIRIT HUNTER – ITY, 37. SPIRIT OF SAINTS – ITY, 38. SPIRIT RAPPER – ITY, 39. STYLISH ONE – IRE 25/10 (40), 40. Sweetie Time – GB, 41. TEMPS AU TEMPS – FR, 42. ZEBEDEE – GB.

Darley Japan abbassa i tassi di monta

Nella foto la pubblicità Darley su Commands
Il Darley Japan ha annunciato nelle scorse ore di aver abbassato i tassi di monta di molti degli stalloni che funzioneranno in Oriente nel 2011. Admire Moon (End Sweep), Deep Sky (Agnes Tachyon), Fantastic Light (Rahy) e Pyro (Pulpit) hanno subito dunque un taglio netto del 25 %, mentre Alkaased (Kingmambo), che vinse la Japan Cup G1 per  Luca Cumani, ha visto subire un drastico taglio del proprio tasso di monta del 68%, dai 2.5 milioni yen (circa £19,880, €23,157) ad 800,000 yen (circa £6,364, €7,410).
Il Leading sire Commands (Danehill), che tornerà in Giappone dopo l'ennesima campagna fruttuosa in Australia dove i suoi figli Erewhon e Skilled hanno realizzato sei vittorie di G1, avrà il tasso invariato rispetto allo scorso anno. Il figlio di Danehill (Danzig) continua a dimostrare la propria efficacia in razza, confermandosi come un "top class stallion" visto che è ancora leading sire in Australia per numero di Stakes winners. Anche Storming Home (Machiavellian), grazie anche a Jakkalberry e la vittoria nel Gran Premio di Milano G1, e a Lion Tamer vincitore del Victoria Derby G1 in Australia di sei lunghezze,e grazie anche al secondo posto nella classifica degli stalloni in Australia, non subirà variazioni all'ingiù, del tasso di monta.
Nessuna variazione nemmeno per Xaar (Zafonic), e Rule Of Law (Kingmambo), avranno i tassi invariati.
NB: Tutti gli stalloni citati, se cliccati, rimandano alla pagina Darley di riferimento in Giappone.

Hurricane Fly: campione sui salti

E' allevato da un italiano, non ha mai visto il suolo italiano ma è un campione. Si tratta di Hurricane Fly (Montjeu), sei anni, allevato dall'Agricola del Parco di Giovanni Caiani (lo stesso di Pressing (Soviet Star), per intenderci), ed ha vinto a Leopardstown il  Paddypower.com IPhone App Festival Hurdle G1, sui 3200 metri del tracciato, montato da P. Townend. Il cavallo italian-bred, allenato da W. Mullins, è di proprietà di George, che l'ha acquistato da yearling alle aste Goffs di Settembre per € 65.000. Hurricane Fly dunque, alla sesta vittoria al massimo livello, è sicuramente uno dei migliori siepisti d'Europa. L'ultima uscita del figlio di Montjeu (Sadler's Wells) è stata la vittoria nell'Hatton's Grace Hurdle G1 a Fairyhouse nel dicembre scorso, e la prossima uscita potrebbe portarlo verso il prestigioso tentativo nel Champion Hurdle G1 del marzo prossimo.
La mamma di Hurricane Fly è Scandisk (Kenmare), la quale ha prodotto già Diskussion (King's Best), rivelatosi in Italia un ottimo performer da Handicap Principale, agli ordini di Marco Gasparini.

mercoledì 29 dicembre 2010

Inaspettata morte per War Pass

Il campione americano War Pass (Cherokee Run) è deceduto improvvisamente il 24 dicembre scorso presso la Lane's End Farm in Kentucky. Il cinque anni da Cherokee Run (Runaway Groom) era appena tornato dallo shuttling effettuato in Australia, presso l'emisfero sud, dove ha funzionato nei sei mesi scorsi al Widden Stud. Il cavallo era in ottime condizioni, pronto a cominiare la stagione nell'emisfero nord come era stato previsto. Naturalmente sono previsti ora esami autoptici per verificare l'entita della causa che ha provocato la morte, piuttosto a sopresa visto che il cavallo poche ore prima era tranquillo nel proprio box. Tuttavia, sarà seppellito presso il cimitero della Lane's End come altri campioni.
War Pass è stato un brillantissimo puledro, tanto da catturare le vittorie nelle Champagne Stakes G1, e nelle Breeders' Cup Juvenile G1 nel 2007. Vittorie tali da essere considerato come il campione dei due anni nella stagione, e non solo, per i colori di Robert LaPenta ed il trainer Nick Zito. è stato secondo nelle Wood Memorial Stakes G1 a tre anni, ma ritirato alla fine proprio della stagione con un bottino di $1,583,400 in cinque corse vinte. War Pass ha registrati 63 foals derivanti dal primo anno di produzione dove funzionava per $30,000. Quest'anno, nel 2010, aveva coperto 83 fattrici ad un tasso di $20,000 mentre nel 2011 avrebbe prestato i propri servigi stallonieri ad un tasso di $15,000 in ribasso rispetto l'inizio, della metà.

domenica 26 dicembre 2010

Ancora Demurosan! Vince l'Arima Kinen in sella a Victoire Pisa

Sarà perchè il Mirco logora chi non ce l'ha, oppure perchè come Medusa ti ipnotizza o domina le menti, ma Mirco Demuro sta vivendo un 2010 che dire favoloso è poco. Domenica 26 dicembre, una festività da noi, ha vinto l'Arima Kinen G1 sui 2500 metri della pista "girotonda" di Nakayama. La corsa che più di tutte attrae il popolo Giapponese in quanto i partenti sono decisi proprio dal popolo votante, che stabilisce i prescelti, e li gioca. Una corsa nata nel 1956 sotto il nome di Nakayama Grand Prix, rinominata Arima Kinen (o Arima Memorial) un anno dopo la morte dell'inventore, il presidente dell'allora JRA, Yoriyasu Arima. Doveva essere nuova sfida tra Buena Vista (Special Week) e Rose Kingdom (King Kamehameha) dopo l'esito della Japan Cup tanto discussa, ma quest'ultimo è stato ritirato in seguito ad una colica. E così i riflettori sono tornati puntati su Victoire Pisa, un figlio di quel Neo Universe (Sunday Silence) con il quale Mirco vinse il Derby giapponese, che dopo una Japan Cup in sordina, e complice una monta sublime da parte di Mircosan, è tornato alla vittoria, mettendo un musino, quanto basta, tra lui e la femmina Buena Vista (Special Week). Su Victoire Pisa i "JAP" hanno scommesso 346.8 milioni di yen (£2.7milioni di sterline). Demuro ha posto il suo a ridosso dei primi allo steccato e lo ha fatto progredire ottimizzando come al solito scatto e distanza. Terzo è finito To The Glory (King Kamehameha) di un collo sui primi due, mentre Pelusa (Zenno Rob Roy), vero soprannome del primo Maradona, è finito quarto.
Victoire Pisa è un tre anni ed in carriera ha dimostrato spesso e volentieri la sua attitudine al circuito vincendo il Satsuki Sho (2,000 Guineas) in aprile, ed è poi finito terzo nel Tokyo Yushun (Japanese Derby). Ha corso in Europa finendo settimo di Workforce (King's Best) nell'Arc de Triomphe G1, e successivamente terzo di Japan Cup. Il tempo conclusivo è stato di 2m32.60s, ed il video della corsa lo trovi cliccando QUI!
Note di allevamento:
Victoire Pisa è prodotto della seconda annata in razza di Neo Universe, vincitore, in coppia con Demuro, delle 2,000 Ghinee Giapponesi e del Derby, un figlio di Sunday Silence (Halo), che di famiglia femminile discende da Boulevard (Pall Mall), ramificazione che tra l'altro ha dato i natali a due giovani stalloni come Shamardal (Giant's Causeway) e Street Cry (Machiavellian).
Neo Universe difende la tradizione Shadai Farm, della sua prima annata si ricordano Unrivaled e Logi Universe, vincitori doppi di Derby e 2000 Ghinee, mentre Victoire Pisa e Neo Vendome fanno parte della seconda annata. Victoire Pisa è il terzo stakes winner prodotto da Whitewater Affair (Machiavellian), una solida femmina che Sir Michael Stoute fece vincere nel 1997 il Prix de Pomone e le St Simon Stakes. La figlia di Machiavellian (Mr P), è stata altresì seconda di Yorkshire Oaks e terza nell'Irish St Leger.
Esportata in Giappone presso la Shadai Farm nel 1999, Whitewater Affair si è messa subito in luce producendo il "top-class Japanese miler" Asakusa Den'En (Singspiel), ora in razza, e Swift Current (Sunday Silence), vincitore di Listed.

giovedì 23 dicembre 2010

Obiettivo Dubai per Gitano Hernando...anche Lolamar al lavoro!

Anche quest'anno al carnival ci sarà un pò d'Italia presente, come accade da qualche anno a questa parte. Gitano Hernando (Hernando) prenderà parte alla stagione invernale in Dubai ma non solo, perchè anche la Siba Lolamar (Martino Alonso), la quale ha corso in Italia, è stata trasferita da Marco Botti per prendere parte al meeting più lucrativo del mondo. Lolamar (Martino Alonso), allevata in casa dall'Azienda Agricola Antezzate, è in preparazione per correre il Cape Verdi G2 in programma il 20 gennaio prossimo, una corsa che lo scorso anno ha laureato un'altra allieva di Marco Botti, ovvero quella Soneva (Cherokee Run), che gli ha dato questa bella soddisfazione in medio oriente. Per quanto riguarda invece Gitano Hernando, egli sarà presente in loco per cominciare a preparare il suo vero obiettivo, quello della Dubai World Cup G1 a fine marzo, e lo farà passando per i canonici trial come il Maktoum Challenge, nelle varie sessioni, e sarà montato da Weichong Marwing, in accordo con i proprietari Gary Barber e Barry Irwin, CEO del Team Valor.

Stallion News, in giro per l'Europa

Ed ora un pò di news di stalloni in giro per l'Europa. Il vincitore di G2 Centennial (Dalakhani) è stato ritirato in razza per cominciare la sua nuova carriera stalloniera in Francia il prossimo anno. Il figlio di Dalakhani (Darshaan), cinque anni, funzionerà presso l'Haras de la Hetraie al tasso di €1,500.
Originariamanete allenato da John Gosden, Centennial ha vinto le Haynes, Hanson & Clark Conditions Stakes e le Great Voltigeur Stakes a tre anni. Quest'anno è statao allenato da Jonjo O'Neill, ma Centennial non si è nuovamente manifestato nella sua forma giovanile.
Centennial è prodotto di Lurina (Lure), piazza di G2 e mezza sorella di Croco Rouge (Rainbow Quest), vincitore di Prix d’Ispahan G1 e di Alidiva (Chief Singer), madre di tre frecce, tre campioni come Ali-Royal (Royal Academy), Sleepytime (Royal Academy) e Taipan (Last Tycoon).

Nella foto, Evasive
Il Cheveley Evasive (Elusive Quality) anche prenderà posto in Francia presso l'Haras de Grandcamp, accanto al neo stallone Vision D’Etat (Chichicastenango), dove funzionerà per €3,000.
Evasive ha vinto per il Cheveley le Horris Hill Stakes G3 per i colori del team inglese, è altresì finito sesto di 2000 Ghinee vinte da Sea The Stars (Cape Cross) mentre è stato 4° di Mastercraftsman (Danehill Dancer) nelle St James’s Palace Stakes G1 ad Ascot e dopo questa corsa ha raggiunto Godolphin. Evasive è prodotto di Canda (Storm Cat), da una famiglia al top sviluppata dai Niarchos. Canda infatti è mezza sorella di Moon Driver (Moon Driver), ma soprattutto figlia di East Of The Moon (Private Account), campionessa a tre anni in Francia vincendo Poule e Diane, e quindi derivante dal ramo dell'incredibile Miesque (Nureyev) la quale ha prodotto Kingmambo (Mr Prospector) e Miesque’s Son (Mr Prospector).

Novità anche per Byron che cambia casa dopo 8 vincitori prodotti quest'anno al primo anno in razza. Nel 2011 funzionerà per Deirdre Lusbie and Kenneth Cullinane al Woodlands Stud in County Galway ad un tasso di €2,500. Lo scorso anno ha funzionato per il Darley in Inghilterra al Dalham Hall Stud a Newmarket per £4,000. Il nove anni figlio di Green Desert (Danzig) ha vinto in corsa le Mill Reef Stakes G2 a due anni e le Lennox Stakes G2 sui 1400 a tre anni. Terzo nelle Poules G1 in Francia, è stato ritirato a cinque anni come vincitore di 3 delle 12 corse disputate per £163,704- La madre, Gay Gallanta (Woodman), ha vinto le Cheveley Park Stakes da puledra. Il Woodlands Stud ha già collaborato spesso con stalloni usciti dal roster Darley.


Sariska prenotata per Galileo

La duplice vincitrice di Oaks Sariska (Pivotal), come sapete da tempo è stata ufficialmente ritirata in razza ed il prossimo anno andrà a fare visita ad un certo Galileo (Sadler's Wells), campione degli stalloni da qualche anno ormai. Per la figlia di Pivotal (Polar Falcon) dunque una partenza in razza con il botto, dopo che nelle partenze era diventata problematica, agonisticamente parlando. Il suo ritiro in allevamento coincide infatti con la falsa partenza nel Qatar Prix Vermeille G1 dove rimase nelle gabbie. Sariska è stata allevata da Lady Bamford ed è prodotto di Maycocks Bay (Muhtarram) la quale andrà nuovamente a Pivotal il prossimo anno per ripeterne l'incrocio. Maycocks Bay ha ora un prodotto da Dansili (Danehill), un due anni da Cape Cross (Green Desert) che si chiama Rishikesh in allenamento anche lui da Michael Bell come Sariska, e di bello c'è che è già iscritto al Derby di Epsom.

domenica 19 dicembre 2010

MircoSan colpisce ancora. Vince uin G1 in Giappone in sella a Grand Prix Boss

Grand Prix Boss sul traguardo (Photo JRA)
Mirco Demuro ha finalmente bagnato con una vittoria in G1 la già fruttuosa campagna Giapponese cominciata da oltre un mesetto. Ha vinto in sella al due anni Grand Prix Boss (Sakura Bakushin O) le Asahi Hai Futurity Stakes G1 a Nakayama, praticamente equiparabile come status al nostro Gran Criterium locale, il quale ha battuto un campo di 16 partecipanti. Secondi e terzi peraltro Real Impact e Libertas, entrambi figli del campione Deep Impact (Sunday Silence) sul miglio della pista Giapponese. Travolgente il finale di Demuro in sella al su campione, che era il quinto favorito del campo. L'Italia che brilla ancora con Mirco Demuro, come al solito con una delle sue monte magiche, che sul traguardo ha ringraziato il cielo con un segno della croce, ma a cose fatte vien da pensare non solo per la vittoria, ma per l'inchiesta che lo ha conivolto dopo il traguardo. Nelle immagini della corsa infatti, entrando nella curva conclusiva Demuro, che aveva tenuto il suo al centro del gruppo, è andato largo e nel percorso di Sadamu Patek (Fuji Kiseki), costringendo questo a "fermare" bruscamente. Considerando la severità dei giudici giappponesi, che il mese scorso hanno distanziato Buena Vista (Special Week) nella Japan Cup, la vittoria e la conferma da parte dei giudici, è una manna dal cielo. Così Mirco Demuro ha tirato un sospiro di sollievo:  "Sono stato molto felice di vincere finalmente un G1, ma allo stesso tempo ero preoccupato perché sono molto rigorosi qui. Effettivamente ho rischiato con quella mossa, perfortuna è andata tutto per il meglio almeno oggi. Spero che però non mi diano una squalifica". Purtroppo c'è la possibilità che il MircoSan salti l'Arima Kinen di domenica prossima in sella a Victoir Pisa, figlio di quel Neo Universe (Sunday Silence), con il quale Mirco vinse il Derby nipponico.
Grand Prix Boss ha concluso il miglio in 1 minuto e 33,9 secondi e regalato a Yoshito Yahagi la sua prima vittoria di G1 da quando ha preso la licenza di allenatore nel 2004. Nelle prime 5 posizioni sono arrivati fantini europei, e questa è la corsa che vinse Rose Kingdom (King Kamehameha), vincitore a tavolino della Japan Cup 2010.
Aggiornando lo score di Demuro nella sua stagione Giapponese, questo è a 19 vittorie su 90 ingaggi. Il video della corsa lo trovi cliccando QUI!

Già fissate le quote Classiche per il fratello di Sea The Stars e Galileo

Urban Sea all'Irish National Stud
Preparate i soldi. Ladbrokes ha già fissato le quote per il fratello di Sea The Stars (Cape Cross), nato nel 2009 e che ora ha un anno. Si chiama Born To Sea, è un figlio di Invincible Spirit (Green Desert) e pertanto è per 3/4 fratello di Sea The Stars, da Cape Cross (Green Desert). Senza naturalmente dimenticare che questi sono fratelli per metà di Galileo (Sadler's Wells). Ma dicevamo, Ladbrokes ha praticamente fatto le quote sulla vittoria di Born The Sea per quanto riguarda le Classiche inglesi. Quindi una quota di 66 contro 1 per le 2000 Ghinee del 2012, e la stessa quota per il Derby di Epsom edizione 2012. Per l'accoppiata Derby-Ghinee la quota è di 200 contro 1. Anche Born The Sea correrà per i colori Tsui e per il training di John Oxx, è l'ennesimo figlio della superba Urban Sea (Miswaki), la quale ha prodotto i vincitori di G1 Galileo e Black Sam Bellamy (Sadler's Wells), My Typhoon (Giant's Causeway) vincitrice di G1 in Usa, ed altri vincitori in G3 come Urban Ocean (Bering) e All Too Beutiful (Sadler's Wells), piazzata di Oaks inglesi ed, Melikah (Lammtarra), duplice piazzata di Oaks inglesi ed irlandesi. Born To Sea è il suo ultimo sforzo, visto che da questo parto Urban Sea è deceduta in seguito a complicazioni. Invincible Spirit, il padre, ha prodotto vincitori di G1 come Fleeting Spirit e Lawman, questo vincitore del Derby Francese e campione autentico.

sabato 18 dicembre 2010

Cima De Triomphe in razza

L'ufficio stampa di Bruno Grizzetti ha comunicato nelle scorse ore del ritiro in razza di Cima De Triomphe (Galileo), all'età di cinque anni, e funzionerà in Francia presso l’Haras du Thenney di St Pierre Azif, in Normandia, a pochi chilometri da Deauville. Cima de Triomphe, che rimane di proprietà del giapponese Teruya Yoshida, andrà ad affiancare uno stallone pregiato come Orpen (Lure). 
Da sempre molto talentuoso ma particolarmente caratteriale, ha mostrato le sue doti a sprazzi, ma quando in effetti contava, per esempio è riuscito a riportare il Filiberto Lr che è una prova propedeutica al Derby Italiano del 2008 che è riuscito a riportare in grande stile montato da Silvano Mulas. Da tipico Galileo, molto duro da lavorare per ottenere il massimo, ha poi avuto l'onore di essere venduto al magnate giapponese Teruya Yoschida, con i cui colori ha tentato la sortita nel Grand Prix de Paris G1 e nell'Arco, non piazzandosi ma correndo discretamente. Alla fine del 2008 per cercare una ulteriore valorizzazione Cima de Triomphe fu spostato a Newmarket agli ordini di Luca Cumani, insieme al quale Cima ha vinto le Brigadier Gerard Stakes G3 battendo di un musino il campione Conduit (Dalakhani). Quarto nelle Eclipse di Sandown G1 dove Conduit ribaltò la linea, è stato buon quarto nell’Arlington Milion G1, salvo poi falline il tentativo in Australia nella Melbourne Cup e tornare nel 2009 in Italia da Grizzetti dove ha vinto due Listed. In totale in carriera Cima de Triomphe ha corso 26 volte, vinto 10 e piazzato per 7 volte, con un bottino di € 628,057. Si tratta di un prospetto stalloniero interessante, poichè da figlio di Galileo (Sadler's Wells) ha lo stesso nick (incrocio), con madre da Danehill (Danzig) di Teofilo (Galileo), che è vincitore di G1, figlio di una vincitrice classica come Sopran Londa (Danehill) che vinse il Regina Elena, le 1000 Ghinee italiane.Cima funzionerà ad un tasso di €3,000.

Iffraaj, record frantumato: sono 38 ora

E' un record-horse, poco ma sicuro. Nella terza settimana di dicembre Iffraaj (Zafonic) ha ottenuto il suo 38esimo vincitore della carriera di stallone, alla prima annata e con una sola annata. Il cavallo che gli ha regalato l'ennesima perla è If You Whisper, e lui ha sussurrato 38 a Southwell. Iffraaj, stallone facente parte del gruppo Darley, ha sorpassato oltre un mese fa il record di tre anni fa di Invincible Spirit (Green Desert) che alla prima annata ottenne un record di 35 vincitori, rimanendo tra i più alti nel mondo. Annata boom dunque per lo stallone Iffraaj, padre tra l'altro dell'imbattuto, e vincitore di G1 in Francia Wootton Bassett che ha dominato e schiacciato gli avversari nel Lagardere a Longchamp. Di Iffraaj ricordiamo anche Espirita, vincitrice in G3 ed oltre cinque black-type performers. Funzionerà quest'anno presso il Kildangan Stud ad un tasso di €15,000 al primo di ottobre, in aumento rispetto ai €6,000 dello scorso anno quando era un perfetto semisconosciuto.

martedì 14 dicembre 2010

Ouija farà visita a Dubawi nel 2011

Tutti si chiedono: che fine ha fatto Ouija Board (Cape Cross)? La campionessa mondiale, duplice vincitrice di Oaks per il training di Ed Dunlop, sta benissimo e si coccola i suoi tre primi prodotti in pista. 
Perchè dopo Kingmambo (Mr Prospector), ed aver dato alla luce un maschio dal nome di Voodoo Prince in allenamento da Ed Dunlop, Monsun (Konigsstuhl) dal quale il figlio si chiama Aegaeus, e una foal femmina Galileo (Sadler's Wells), ed attualmente gravida ancora di Galileo (Sadler's Wells), è in procinto di visitare lo stallone del momento in Europa: ovvero il giovane e talentuoso Dubawi (Dubai Millennium), facente parte del gruppo Darley, che ha fatto faville quest'anno alla sua prima annata dei tre anni in pista che gli ha dato notevoli soddisfazioni. Dubawi titolare tra la sua progenie di 8 vincitori di G1, funzionerà per £55,000, in aumento dai £20,000 lo scorso anno, e non c'è miglior stallone che abbia cominciato in questo modo in razza da 1971
L'incrocio con Ouija, sarebbe quello tra Mr Prospector (Raise A Native) e Green Desert (Danzig), di notevole rilevanza ultimamente.

Ad Valorem rimane in Australia

Lo stallone Ad Valorem (Danzig), che ha funzionato per il Coolmore negli ultimi 4 anni e fatto lo shuttling per tutto questo tempo, nel 2011 non funzionerà nell'emisfero nord del mondo, ma piuttosto rimarrà in Australia per funzionare, udite udite, sotto la bandiera Darley Australia che l'ha comprato di recente. Il figlio di Danzig (Northern Dancer), era di proprietà Coolmore insieme con il Woodlands Stud prima di essere acquistato interamente da Sheikh Mohammed nel 2008. Lo scorso anno ha funzionato presso il Kelvinside Stud al tasso di Aus$11,000 (£6,863, €8,200). Vincitore delle Middle Park Stakes G1, e delle Queen Anne Stakes G1, ha i suoi primi prodotti in pista quest'anno, ed il maggiore esponente, in un numero non vastissimo di vincitori, è l'italiana Samaden, che per Marco Mercalli e la Alen ha vinto il Premio Alessandro Perrone, Listed per i cavalli di due anni sulla distanza dei 1100. In totale ha prodotto sette vincitori in Inghilterra ed Irlanda nella sua prima annata, quando funzionata ad un tasso di €15,000. Da quest'anno, sarà disponibile per €5,000.

Silver Frost ritirato in razza

Silver Frost (Verglas), vincitore delle 2000 Ghinee francesi (Poule d'Essai des Poulains) è stato ufficialmente ritirato in razza e nel prossimo anno comincerà nella sua nuova carriera di stallone in Francia presso l'Haras de la Hetraie, quadro nord-ovest transalpina, dove funzionerà ad un tasso di €6,000 live foal.
Il figlio di Verglas (Highest Honor), è stato acquistato da un sindacato di allevatori Francesi, Inglesi ed Irlandesi, e ben presto dovrà confermare le intuizioni dei suoi uomini. In corsa, è stato allenato da Yves de Nicolay per il proprietario John-Dawson Cotton, ha corso 16 volte, vincendo in sette occasioni e terminando secondo e terzo in totale in 4 occasioni, mettendo in banca la somma di £405,000 ed ottenendo un rating massimo dal Racing Post di 119. A tre anni, oltre ad aver vinto le Poules, ha tentato anche il Prix du Jockey Club G1, fallendo il tentativo sulla distanza. Ritirato inizialmente al termine dei tre anni, o meglio dopo il tentativo nel Prix Jacques Le Marois in Agosto, è stato rimesso in allenamento e rimesso in sesto, tanto da arrivare terzo nel Prix Messidor.

Stallion News...in est Europa


Blue Coral (Grand Lodge), Horse of The Year nel 2009 in Repubblica Ceca è stato ritirato in razza per funzionare nel 2011 presso il Napajedla Stud, naturalmente in Repubblica Ceca. Acquistato a due anni privatamente in Irlanda, dopo una vittoria, in Repubblica Ceca ha vinto 8 corse, tra cui le 2000 Ghinee Austriache G2 3 il Velka Cena Prahy G3, nonchè il Premio del Giubileo in Italia, una Listed, e successivamente è finito sesto nel Premio Vittorio di Capua G1. Il campione Ceco, è un figlio di Grand Lodge (Chief's Crown), quest'ultimo vincitore delle Dewhurst Stakes G1, delle St James’s Palace Stakes G1 e stallone "classico". La mamma è la vincitrice di Listed Pharmacist (Machiavellian), già madre di Red Rocks (Galileo), vincitore della Breeders’ Cup Turf G1 che funziona in Italia presso l'Allevamento Il Grifone, vicino Torino. Pharmacist è una figlia di Pharaoh’s Delight (Fairy King). Il tasso sarà annunciato a breve. 
Sempre in Repubblica Ceca, lo stallone Look Honey (Sadler's Wells), è diventato campione degli stalloni in loco, con la sua seconda annata di prodotti in pista, cioè quella dei tre anni atturali. Già vincitore del Prix Eugene
Adam, Look Honey è stato terzo nel Grand Prix de Paris, ha prodotto Vinnah, vincitrice delle 1000 Ghinee Ceche, e lo sprinter di successo Line Honey, tra i favoriti per essere insignito del titolo di Champion sprinter. Secondo stallone Rainbows For Life (Lyphard), mentre Lomitas (Niniski), è terzo.

lunedì 13 dicembre 2010

Silver Ocean vince il Criterium di Pisa, Wedding Fair domina l'Andred

Silver Ocean e Demurino sul traguardo del Criterium di Pisa
Una bella affluenza di pubblico ha fatto da cornice alla giornata più importante dell'autunno di Pisa. Bellissime emozioni da portarsi nel cassetto. Tra i puledri del Criterium di Pisa LR ha stravinto Silver Ocean, un figlio dell'americano Silver Train (Old Trieste), cavallo peraltro che ha vinto sulla sabbia americana e stallone Vinery i cui primi prodotti sono in pista quest'anno, il quale è un'acquisto da 23,000gns alle Tattersalls Autumn Horses In Training Sale, dopo che in origine era allenato da Ralph Beckett ed aveva vinto una maiden sulla all weather. Il cavallo ora è da Mick Quinlan, allenatore di base a Newmarket, ed è un castrone che ha trionfato per la Scuderia Maestro di Paolo Benedetti, agente per l'Italia di GBI e Frankie Dettori. Il baio, montato alla grande da Cristian Demuro (settima Listed nel 2010 per lui), ha battuto Master Fitz (Philomateia) e Red Roof (Statue Of Liberty). Il vincitore è stato allevato dalla Sun Valley Farm in Kentucky. E' prodotto della fattrice "unraced" Endless Sea (Mt Livermore), mezza sorella di Atlantic Fury (Wild Again), della famiglia di Desert Waves (Alysheba). Da foal era stato acquistato per $60,000 alle Keeneland November Breeding Stock Sale e poi riacquistato per £26,000 da BBA Ireland alle Goffs Kempton Breeze-Up Sale.
Nella giornata Endo Botti ha avuto ampiamente modo di rifarsi dopo la sfortuna in Oriente, siglando insieme a Cristiana Brivio Sforza per i colori della Razza Latina, l'Andred ed il Rosemberg. La Listed per le femmine ha salutato la strepitosa vittoria di Wedding Fair (Oratorio), che nelle mani del bravo Mikael Barzalona ha battuto Famusa (Medicean), allenata dal cugino di Endo, cioè Stefano Botti. Terza Quiza Quiza Quiza (Golden Snake). Allevata da Howard Spooner, la tre anni è stata pagata €30,000 alle Goffs November Foal Sale. La famiglia è quella di Alydariel (Alydar), la quale ha prodotto Jeune Homme (Nureyev), piazzato di G1 nell'Hollywood Derby G1.
Il Rosemberg, HP rompicapo riunisce il binomio Cristian Demuro (doppietta per lui in giornata e strepitosa interpretazione la sua) e Endo Botti, per i quali ha trionfato Senlis (High Chaparral), già vincitore di Parioli G3 ed Apertura HP, ritrovato per una stagione da protagonista. Ha battuto di un muso Jakid (Daro Sopran)

La HK Cup a Snow Fairy, incoronata Regina d'Oriente. Nel Mile sbaglia Paco, lo sprint a J J l'aereo

Snow Fairy ed Irian sul traguardo della Hong Kong Cup
Con un gioiello vero di Ryan Moore, la straordinaria Snow Fairy (Intikhab) riesce nella difficilissima impresa di diventare Regina d'Oriente. Battendo tutto e tutti, maschi e femmine, anziani e non, nella Hong Kong Cup G1 edizione 2010. Vale la pena ricordare come Snow Fairy sia una tre anni ed ha avuto una stagione impegnativa vincendo tutto quello che poteva vincere. Corsa anche questa caratterizzata dal ritmo lento, ma con gli ultimi 400 in 22.98 e Ryan Moore che di peso ha portato la sua sul traguardo.Dunque per lei non solo l'assegno da £900,000 ma tutti i £2 million per aver vinto anche le Queen Elizabeth II Commemorative Cup di Kyoto. Non male per una cavalla pagata €1,800 alle Tattersalls Ireland December Flat Sale. La femmina ha comunque faticato per essere davanti al tedesco Irian (Tertullian). Ed Dunlop così ha un'altra femmina superlativa fra le mani dopo Ouija Board (Cape Cross), che era una campionessa si ma Snow Fairy ha già battuto i suoi record a tre anni, e resterà in allenamento anche a 4. Snow Fairy è una delle migliori figlie di Intikhab (Red Ransom), che funziona al Derrinstown Stud ad un tasso rialzato di €5,500. Snow è il primo prodotto di Woodland Dream (Charnwood Forest), ritirata dal Book One delle Keeneland November Breeding Stock Sale gravida di Giant’s Causeway (Storm Cat) e fa parte di una famiglia femminile molto veloce come Big Bad Bob (Bob Back), il prossimo anno all'Irish National Stud. La famiglia è quella che fa capo alla terza mamma Fantasy Girl (Marju), mezza sorella di Persian Lightning (Sri Pekan), molto attuale grazie ad Elusive Pimpernel (Elusive Quality). IL VIDEO DELLA CORSA LO TROVI CLICCANDO QUI!

A secco gli altri europei nelle altre prove di spicco, in particolare il Hong Kong Mile G1 indigesto per Paco Boy (Desert Style), troppo goloso a fine stagione, che ha pagato tutto quello che poteva pagare, complice una stagione da giramondo, forse eccessiva. Ha vinto Beauty Flash (Golan), allevato in Nuova Zelanda e montata dal francese Gerald Mosse. Secondo Royal Bench (Whipper) e terza Sahpresa (Sahm). Il vincitore è un fratello pieno di Tartan Bearer di una famiglia molto buona del Ballymacoll Studche si è distinta alla grande anche sugli ostacoli. L'Hong Kong Sprint G1 è andato al ritrovato J J The Jet Plane (Jet Master) che dopo un volo conclusivo sul traguardo ha beffato gli altri attesissimi Sacred Kingdom (Encosta De Lago) e Rocket Man (Viscount), terminati terzo e secondo rispettivamente.

Vase al redivivo Mastery, Jakkalberry sfortunato è solo quinto ma li vicino

Mastery si stacca dal plotone degli inseguitori. NB il pubblico presente
Peccato, l'occasione era ghiotta. Poteva andare certamente meglio a Jakkalberry (Storming Home) nel HK Vase sui 2400 metri di Sha Tin, ma il nostro italiano è arrivato quinto si, ma sciorinando una retta d'arrivo senza precedenti dopo aver viaggiato tutto il tempo in coda. Ma come, Endo era andato apposta ad Hong Kong perchè sapeva che trovi sempre andatura, e trova la corsa dove vanno piano? Pessima anche la scelta da parte di Lemaire, rimasto ultimo in una corsa che ha invece ha regalato parziali lentissimi nella prima parte e volatona alla francese. Bene lo stesso, dal punto di vista della soddisfazione formale. e dell'esperienza fatta, gratificante per un proprietario. Vince il redivivo Mastery (Sulamani), che ha vinto il nostro Derby proprio ai danni di Jakka e comunque un pò d'Italia con Lanfranco in sella, il quale ben assestato dietro al battistrada ha sprarato un parziale agli ultimi 400 in 22.87, velocissimo per disporre con superiorità. Dopo due corse di preparazione nelle Darley Stakes a Newmarket e nella parità in Listed nelle Floodlit Stakes a Kempton finendo in parità, ha respinto il Juddmonte Redwood (High Chaparral), allenato da Barry Hills e montato dal figlio Michael, secondo di un paio di lunghezze comode. Terzo Americain (Dynaformer) e quarto Jaguar Mail (Jungle Pocket) ancora in palla dopo il quarto nella Japan Cup, e quinto il nostro italiano. Per Godolphin è la 200 vittoria in tutto il mondo in questo 2010. Mastery, che resterà in allenamento anche nel 2011, è allevato in casa ed è mezzo fratello del vincitore del Gran Criterium Kirklees (Jade Robbery), e di Auden (Librettist), puledro dalle buone aspettative vincente alla terza uscita in una maiden a Newmarket in settembre. La mamma è Moyesii (Timber Country), mezza sorella di Bowman (Irish River), terza nelle Poule d’Essai des Poulains, della famiglia del champion sprinter Cherokee Rose (Dancing Brave), e del campione in Australia e Nuova Zelanda, e neo stallone Volksraad (Green Desert). Mastery, vincitore del St Leger lo scorso anno, è il miglior figlio di suo padre Sulamani (Hernando) che ora funziona presso il Yorton Hall Stud in Shropshire ad un tasso di £2,500.
IL VIDEO DELL'HONG KONG VASE LO TROVI CLICCANDO QUI!

sabato 11 dicembre 2010

E' l'alba di Jakka, facci sognare! Domattina Hong Kong Cup, Vase, Sprint e Mile

Che il meeting di Hong Kong abbia inizio. L'importante è esserci, provare a giocare in sistemi più grandi del nostro, serenamente e soprattutto senza sentirsi snobbati. Jakkalberry (Storming Home) se la gioca, attirando su di se gran parte del tifo appassionato degli italiani, partendo da outsider a 30 (gran bel giocare) del Vase nel grande meeting di Sha Tin, che comunque ha regalato già soddisfazioni ai colori e all'allevamento italiano con Falbrav (Fairy King) e Rakti (Polish Precedent), primo e secondo nella Cup 2003, Ramonti (Martino Alonso), Cup 2007 e terzo nel 2006 e Field of Hope (Selkirk), seconda nel Mile 1999. Al seguito Felice Villa e figlia che..felice vorrà essere. Jakka parte con un 4 di steccato, ma i suoi avversari sono tenaci, e sono capitanati da Americain (Dynaformer), vincitore di Melbourne Cup G1, il locale e agguerrito Viva Pataca (Marju) che tutti i fan conoscono, il redivivo Mastery (Sulamani), Jaguar Mail (Jungle Pocket), depositario di forme più che consistenti, e Crystal Capella (Cape Cross), tra i favoriti. Noi ci siamo, attendiamo trepidanti!
Il meeting però verterà sul fulcro della competizione che è la Hong Kong Cup, che vede 13 cavalli al via, c'è Vision D'Etat (Chichicastenango) che vuole replicare un anno dopo, c'è Planteur (Danehill Dancer), Stacelita (Monsun), Snow Fairy (Intikhab) che a tre anni vuole prendersi la corona di Regina d'Oriente. In più l'HK Mile, con l'ultima fatica di Paco Boy (Desert Style), contrapposto a..se stesso; perchè se uno fa testa a testa con Goldikova (Anabaa), con Sahpresa (Sahm) non può correrci, seppure a fine stagione. Chiude lo HK Sprint, bei calibri e cerchio giallo su Sacred Kingdom (Encosta De Lago), J J The Jet Plane (Jet Master) e Rocket Man (Viscount).
Puoi ancora scommettere in antepost andando sul sito WWW.RACEBETS.COM , le migliori quote in assoluto. Se non sei registrato, fallo subito inserendo nell'apposito spazio il codice bonus "mondoturf", che ti da diritto al 50% sul primo versamento, 5 euro in regalo, e tantissime altre agevolazioni. Puoi giocare da un minimo di 0,50 centesimi di euro; non male no??

giovedì 9 dicembre 2010

Cast Away domina il Criterium, Cape Martin è il Re del Mediterraneo

Cape Martin respinge Permesso, dal tipico paraombre "blu"
Bosco, un anno dopo. Il meeting dell'immacolata è proprio un evento sentitissimo a livello locale, e ancora una volta i siciliani respingono i "forestieri". Tra i puledri del Criterium del Mediterraneo, ha vinto Cast Away un figlio di Refuse To Bend (Sadler's Wells) che ha disposto con superiorità degli avversari grazie ad uno scatto imparabile, sotto la guida di Gabriele Bietolini in formissima. Il cavallo è di proprietà di Antonino Bosco, come Collesano (Pearl Of Love) lo scorso anno, allenato da Sebastiano Cannavo ed ha battuto il compagno di scuderia Super Swellegant (Dubai Destination) per 3 lunghezze e 3/4, mentre terzo è finito Mr Lavallette (Verglas). Allevato dalla Razza Montalbano, Cast Away è un mezzo fratello di Combat Dance (Alzao), piazzato di Listed, entrambi prodotti dalla fattrice Corgetta (Hernando), che proviene da una famiglia piuttosto discreta, come quella di Ski Paradise (Lyphard), vincitore del Moulin G1. Cast Away è stato acquistato per €31,000 alle aste SGA selezionate per Yearling dalla Scuderia Fuoco dell’Etna.
Nella giornata ricca, un'altra Listed (Memorial Faraci) che ha laureato un Re della Sicilia come Cape Martin (Polish Precedent), otto anni e non sentirli, che ha corso da gran protagonista e regalando la seconda Listed dell'anno al giovane e bravo Vincenzo Caruso, dopo Kurt (Intikhab) nel Nastro D'Oro di Siracusa LR nel gennaio dello scorso anno. Cape Martin, montato all'attacco da Sal Basile, ha respinto i serrate veementi di un ritrovato Permesso (Sakhee) e Elleno (Celtic Swing). La mamma di Combat Place è Clara House (Shirley Heights), la quale ha prodotto anche Cockayne (Barathea), vincitrice di Listed, della famiglia di Compton Ace (Pharly), vincitore delle Gordon Stakes G3, e terzo della Ascot Gold Cup G1. Un'altra costola di questa famiglia riporta a Beacon (High Top), seconda madre della campionessa Sariska (Pivotal).

mercoledì 8 dicembre 2010

Rakti rimane in Australia..almeno per adesso

Lo stallone Rakti (Polish Precedent), sei volte vincitore in G1, prenderà una pausa dallo shuttling esasperato finora compiuto. Sembra infatti che il figlio di Polish Precedent (Danzig) nel prossimo 2011 rimarrà presso il Chatswood Stud in Australia invece di fare un altro dispendioso viaggio tornando all'emisfero nord del mondo, quindi in Europa, alla sua casa base dell'Irish National Stud in County Kildare in Irlanda. Rimarrà praticamente in pausa sei mesi prima di riprendere le proprie attivititàà riproduttive. Rakti, campione allevato in Italia dall'Azienda Agricola Rosati Colarieti, ha avuto una prolifica stagione agonistica agli ordini di Bruno Grizzetti, prima di spiccare definitivamente il volo nella sua carriera agli ordini di Michael Jarvis a Newmarket per i colori di Gary Tanaka, gli stessi di Pressing (Soviet Star), altro cavallo allevato in Italia. In Italia ha vinto il Derby, con in sella Mirco Demuro, ma ha dato il meglio di se in Europa vincendo sul miglio e sui 2000 metri con prestazioni fuori dall'ordinario, tali da farlo considerare come uno dei migliori performer dell'ultima decade. Le vittorie "top-class" sono giunte nell Champion Stakes G1, nelle Prince of Wales’s Stakes G1, mentre sul miglio ha conosciuto le migliori esibizioni nelle Queen Elizabeth II Stakes G1 e nelle Lockinge Stakes G1 sul miglio in pista dritta di Newbury.
Originariamente ritirato in razza presso l'Huma Park Stud in County Kildare in Irlanda, Rakti ha raggiunto "quelli" dell'Irish National Stud nel 2007, facendo lo shuttling proprio presso il Chatswood insieme ad Amadeus Wolf (Mozart), altro cavallo allevato in Italia, fino ad oggi dove rimarrà nell'emisfero sud, e dove funzionerà al tasso di A$11,000 (£6,900, €8,200). La migliore progenie di Rakti, viene ricordata da Carioca, vincitrice di Listed in Italia, e poi i molteplici vincitori come Drumpellier e White Dart. Dati Weatherbys indicano come il Rakti abbia coperto solo 18 fattrici quest'anno presso l'Irish National Stud, e da qui dunque la scelta di lasciarlo dove può essere maggiormente valorizzato ed apprezzato.

Konigstiger cambia casa

Lo stallone Konigstiger (Tiger Hill), vincitore del Gran Criterium G1 a Milano, subirà una variazione di luogo nel 2011. Sembra infatti che il figlio di Tiger Hill (Danehill) nel 2011 debba lasciare il Gestüt Fährhof per andare a funzionare presso il Gestüt Zoppenbroich, dove è stato già stabilito il suo tasso di monta in €2,500 nel prossimo anno. Allevato dal Gestüt Schlenderhan, Konigstiger, otto anni, ha vinto in corsa nelle sue prime 4 uscite, incluso l' Oppenheim-Union-Rennen G2 sui 1m4f (2400) a tre anni, arrivando addirittura terzo nel Derby Tedesco ad Amburgo. Successivamente è stato acquistato dal Gestüt Fährhof dopo la stagione agonistica dei tre anni, saltando adesso sul carro del Gestüt Zoppenbroich come pocanzi detto.
Konigstiger, figlio di Kittiwake (Barathea), lei stessa mezza sorella di Pentire (Be My Guest) vincitore di King George G1, è un mezzo fratello dei vincitori di G3 Kalla (Monsun) e Karavel (Monsun), oltre ai Listed winner Kitcat (Monsun).

lunedì 6 dicembre 2010

Non perdete TUTTO GALOPPO!!

Anche questa settimana, è tornato l'appuntamento con TUTTO GALOPPO, l'unica trasmissione che parla al 100% del grande, grandissimo galoppo. Nella puntata, che andrà in onda alle 20,30 sul canale 220 di Sky (Snai Sat), parleremo del meeting di Hong Kong che ci vede partecipare con Jakkalberry ed analizzeremo le migliori pedine internazionali. In più, la prima giornata del meeting dell'Immacolata che ha avuto luogo a Siracusa, con le vittorie di Movi Alonso e Coco Demure nelle rispettive prove. Tutto questo in collegamento con Franco Raimondi. In più, analizzeremo i migliori tre anni della generazione europea, dunque rivisiteremo con strepitose immagini le migliori prove di selezione della leva 2007. In più, breve cenno sugli ostacoli ed una novità rispetto alle altre puntate: apriremo una finestra sul passato con immagini in bianco e nero dell'ippica italiana degli anni '30, con i cavalli di Tesio e Luchino Visconti, quando il galoppo era allo stesso tempo un fenomeno sociale e di cultura, attraverso le parole di Mario Berardelli. Imperdibile! 
Seguici questa sera alle 20,30 sul canale 220 di Sky (Snai Sat) e nelle repliche di martedì mattina alle 10,00 e giovedì sera alle 20,30, sempre sul canale 220 di Sky.
Puoi interagire con noi attraverso l'indirizzo email: tuttogaloppo@libero.it

domenica 5 dicembre 2010

Meeting di Siracusa atto I: Coco Demure vince il Criterium

Coco Demure respinge dall'esterno Fedemartina
Siracusa ha aperto i battenti da qualche settimana ma a tenere banco in questa domenica è stata l'apertura del meeting dell'Immacolata, che culminerà con due Listed mercoledì 8 dicembre.
Nella domenica, già buoni motivi con il Criterium Aretuseo Lr tecnicamente di livello e vittoria ottenuta dalla romana Coco Demure (Titus Livius), una baia della signora Anna Romanello allenata dai Camici's in formissima nel periodo che finora non ha sbagliato nulla in carriera, ottenendo sempre il podio in 5 uscite. Coco Demure ha corso all'attesa per poi piazzare un finale imparabile, ben interpretata da Cristian Demuro, respingendo una positiva Fedemartina (Martino Alonso) e Tequila Frod (Dr Devious). Coco Demure, allevata dalla Razza della Sila, è una sorellastra del valido 3 anni Paladino di Sabbia (King Charlemagne), che conta quattro vittorie ed è stato secondo nel Premio Daumier LR. La madre Alma Thomas (Orpen) ha vinto due corse ed è sorellastra di Dripping (Efisio), plurivincitrice e seconda nel Seregno (Lr). La seconda madre Double Time (Nashwan) è sorellastra di Starlet (Teenoso), vincitrice di Gr2 in Germania e seconda nelle Nassau e nelle Sun Chariot quando ancora erano di G2. La terza madre Pas de Deux (Nijinsky) ha dato altri 8 vincitori, compreso Unknown Quantity (Young Generation), a segno nell’Arlington Handicap G1. Alma Thomas ha uno yearling da Catcher in The Rye (Danehill), che sta dimostrandosi stallone di livello superiore in Argentina dove ha prodotto anche Catch The Mad, vincitrice delle Oaks locali.
Di contorno il Città di Siracusa HP che ha visto la vittoria di Movi Alonso (Martino Alonso), cavallo che è anche passato dalle vendere fino a riuscire a vincere in Handicap Principale, e ben montato all'attacco da Giuseppe Bologna, senza mai calare da un capo all'altro battendo Ragtimeband (Danetime), ospite romano di Angelo Candi, che lo ha sempre seguito da vicino.

Japan Cup dirt: è roba di Trascend


Transcend vince la Japan Cup Dirt
Tony Bin
Diametralmente analoga alla Japan Cup sull'erba, si è disputata nella notte tra sabato e domenica la Japan Cup Dirt G1 sui 1800 metri di Hanshin. Ha vinto Transcend, un figlio di Wild Rush (Wild Again) allenato da Takayuki Yasuda e con in sella Shinji Fujita a conclusione di un finale intenso ma vincendo da un capo all'altro, completando uno dei meeting più difficili del galoppo, dell'autunno giapponese. Non c'erano europei in corsa, confermando ostilità alla superficie in sabbia, ma per la cronaca secondo è finito Glorious Noah (Precise End) davanti a Admire Subaru (Admire Boss).Un pò d'Italia è stata comunque garantita dalla mamma di Transcend, quella Cinema Scope figlia di Tony Bin (Kampala), campione italiano che arrivò a vincere l'Arc de Triomphe G1 nel 1988 per Luigi Camici e la White Star ai colori e che si è confermato campione anche tra gli stalloni in terra d'oriente dove ha vissuto una seconda giovinezza in razza, morendo però prematuramente a causa di un incidente nel 1990. L'altra parte d'Italia era Mirco Demuro sempre molto attivo in Giappone. Era in sella all’outsider Makani Bisty (Zenno Rob Roy), finito nelle retrovie. Mirco ha avuto modo di farsi notare comunque vincendo altre due corse con Idea (Jungle Pocket) e Nouvelle Vague, una figlia di Deep Impact (Sunday Silence) stallone che sta facendo sfraceli in Giappone e di cui inseriremo a breve un report a firma di Franco Raimondi. Sempre per Demuro altri due secondi posti, mentre nel meeting riportiamo anche la vittoria di Jo Mordu (Kurofune), la cui mamma è ancora figlia di Tony Bin.