STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 30 settembre 2017

#QPAT: #Enable verso la storia! Ecco chi sono i 17 contro la campionessa, pronta a sfatare vari miti. La giornata dell'Arc

Pour l'histoire. Di fatto, Enable, insegue la storia. Mai nessuna femmina di 3 anni, proveniente dall'Inghilterra, ha vinto l'Arc de Triomphe. La figlia di Nathaniel del Principe è ovviamente la favorita di una corsa che conserva qualcosa di magico, sempre, anche se l'edizione 2017 si disputerà ancora a Chantilly e finalmente, dal 2018, si terrà di nuovo in un Longchamp che si è rifatto il trucco, con la speranza che poi da quel luogo l'Arc non se ne vada più. Senza nulla togliere a Chantilly, ma Longchamp odora di leggenda, in ogni caso. Pertanto le imprese dei campioni sono più belle se raccontate con la stessa cornice e con il tempo che passa, proprio da li. 
Enable potrebbe essere la prima del suo genere a vincere l'Arco mentre per Lanfranco potrebbe essere il quinto dopo Lammtarra, Marienbard, Sakhee, Golden Horn. Cinque, quel numero che gli permetterebbe di staccarsi definitivamente come leader in questa corsa e lasciare dietro gente come Jacques Doyasbère, Freddy Head, Yves Saint-Martin, Pat Eddery, Olivier Peslier e Thierry Jarnet, tutti vincitori di 4 Arc. 
Ma entriamo nel dettaglio di una edizione che ha chiamato a raccolta 18 partecipanti, con favorita appunto Enable che è titolare in questa stagione di 4 affermazioni a livello di G1 per cumulative 20 lunghezze imbastite agli avversari. Ha battuto tutti: Maschi, femmine, anziani. Ha pescato steccato favorevole. Le femmine hanno score positivo negli ultimi 10 anni anche per questioni di peso troppo vantaggioso. Negli ultimi 10 anni le femmine hanno trionfato 6 volte con Zarkava, Danedream, Solemia, Treve 2 volte e Found.

venerdì 29 settembre 2017

Aste: #Goffs Sportsman’s Sale, top price per un Lope De Vega da €130,000. Italiani attivi con quasi 20 acquisti

Tempo di aste, se ne susseguono una dietro l'altra. Dopo la 2 giorni di Orby, è stato il turno delle Goffs Sportsman’s Sale con risultati interessanti anche in chiave italiana perchè in questo ambito tornano a comprare i nostri operatori, impossibilitati oggettivamente dalla precedente irlandese. Parliamo di numeri in generale, con indici in salita: Nell'asta sono stati offerti 274 cavalli, di cui venduti 232 (l'85%) con un movimento aggregato di €4,834,500 (+5%), la media a 20,838 (+7%), 16,000 (+7%). 
Il top price è stato realizzato dalla Church Farm che ha speso €130,000 per un figlio di Lope De Vega (Shamardal) e della piazzata di Stakes Pussycat Lips (Holy Roman Emperor), di una famiglia attivissima nel periodo. La BBA ha fatto incetta di acquisti con 21 lotti accaparrati per 620.500 euro spesi. 
Italiani come detto molto attivi, tra cui

#QPAT, Arc de Triomphe: Ecco il sorteggio degli steccati! Ad Enable il 2, Ulysses ha preso l'1. Brametot con il 4..

Ci siamo! Anche il sorteggio degli steccati è avvenuto e lady luck ha baciato la favorita Enable (Nathaniel) che partirà con il numero 2 di steccato, proprio vicino al principale rivale Ulysses (Galileo) che ha pescato il numero 1. I 2 si sono già affrontati ad Ascot in occasione delle King George e la femmina ha già strapazzato il rivale, comunque cresciuto ancora. 
Insomma, la fortuna non ha fatto favori ad uno rispetto ad un altro ma li ha messi vicini per capire chi meglio, nelle uguali condizioni, può dimostrare di essere forte. 
Aidan O'Brien, che ne sellerà cinque, ha avuto alterna fortuna con Idaho, Winter ed Order Of St George rispettivamente e consecutivamente negli stalloni 7, 8 e 9. Meno fortuna per Capri con il 15 e Seventh Heaven con il 17. Uè, è normale. 
Zarak, figlio di quella Zarkava che vinse l'Arco nel 2008, partirà da un difficile 18. La speranza giapponese Satono Diamond partirà dal 13. Il sorteggio completo continuando a leggere:

Allevamento: #Almanzor disponibile per il 2018 a €35,000 presso l'Haras d'Etreham. Book limitato a 140 fattrici..

In Francia è arrivata l'ufficialità dell'ingresso in razza, presso le proprie fila, del campione Almanzor (Wootton Bassett e Darkova, da Maria’s Mon), all'Haras d’Etreham per il 2018, un ritorno alla farm di Nicolas de Chambure, ad un tasso di monta fissato in €35,000, con condizione live foal. 
Almanzor in carriera ha realizzato un treble senza precedenti vincendo il French Derby, le Irish Champion Stakes e le Champion Stakes battendo molti campioni che complessivamente hanno accumulato in carriera una cosa come 16 G1. 
La particolarità di Almanzor risiede nel fatto che è considerato un outcross rispetto alle comuni linee di Northern Dancer. Gli altri tassi dell'Etreham sono i €60,000 per Le Havre ed i €45,000 per Siyouni
Almanzor è un cinque volte vincitore di Gruppo, che ha chiuso la carriera con 8 vittorie in 11 uscite ed un bottino di $3,045,085. Definito anche un tetto alle coperture, il suo book sarà al massimo di 140 fattrici per i primi 4 anni.

giovedì 28 settembre 2017

+++ Breaking News: Verso l''#Arc, #QPAT: Aidan O'Brien da forfait con Highland Reel e Cliffs Of Moher. Ecco i 18!

Colpo di scena! Alla dichiarazione ufficiale dei partenti di giovedì mattina per il Qatar Prix de l'Arc de Triomphe G1 (€5 milioni in palio, sarà la quarta corsa del pomeriggio, orario 16,05), Aidan O'Brien ha lasciato tutti sorpresi con la decisione di non dichiarare due come Highland Reel (Galileo), secondo lo scorso anno, e Cliffs Of Moher (Galileo), tenendo dentro 5 dei propri alfieri tra cui Idaho (Galileo), Order Of St George (Galileo), Capri (Galileo) ma soprattutto le 2 femmine Winter (Galileo) e Seventh Heaven (Galileo) che sembravano destinate al Prix de l'Opera.
Il mago di Ballydoyle ha anche attribuito le monte, con Ryan Moore che ha scelto di montare proprio la grigia Winter che affronta per la prima volta l'esame distanza ma è una mina vagante perchè ha classe da vendere, ed è una che tenta il colpo per fare lo sgambetto ad Enable con la quale divide la palma di migliore femmina della stagione.
Rimangono dunque in 18 i cavalli al via dopo l'ultimo forfait, non sono previste altre supplementazioni dopo quella di Enable al costo di €120,000 di mercoledì pomeriggio.
Definito anche lo schieramento corredato di monte senza particolari sorprese. Anzi, una si.

Aste: #Goffs #Orby Sale, ancora un record. Ahmed #Zayat spende €1,6 milioni per un #Frankel destinato ad O'Brien

Per la seconda volta in 2 giorni, il milestone e la barriera delle 7 cifre è stata disintegrata alle Goffs Orby Sale grazie all'acquisto da parte di Justin Casse di un figlio di Frankel per il quale sono stati sborsati €1.6m. 
In generale, presso i Kildare Paddocks, è stato realizzato un movimento di poco superiore a quello dello scorso anno. Il secondo giorno ha infatti vissuto dei seguenti numeri. Sono stati 205 i cavalli presentati, di cui 178 venduti (l'86%) per un movimento di €19,557,500 (+2%). Nella due giorni in generale sono stati offerti 433 cavalli, venduti 373 (l'86% contro l'84% del 2016) per un fatturato globale di €40,702,500 (+1%) con la media a €109,122 (-0,8%) ed il mediano a €65,000 (-3%). 
A livello di acquisti il leader è stato BBA Ireland con 41 acquisti per €4,373,0000, poi SackvilleDonald con 21 da totali €3,277,000, poi Godolphin con 5 acquisti da €2,465,000 totali e Magnier/Mayfair/Doyle con 3 acquisti da €1,305,000. Justin Casse, appunto, ne ha preso uno ma bello grosso da €1,600,000 ed è stato un acquisto che apre nuove frontiere. 
Si tratta del Lot 330, un figlio di Frankel (Galileo) e Belesta (Xaar) presentato dal Marlhill House Stud, che ha realizzato quel prezzo per conto di Ahmed Zayat, il proprietario di American Pharoah per citarne uno, che lo affiderà alle cure di Aidan O'Brien secondo uno schema prestabilito per cercare di farne uno stallone potenzialmente importante per gli Stati Uniti. Il puledro, nato a Marzo, è per 3/4 fratello di Giuseppe Piazzi (Galileo) che ha vinto in G3 in Norvegia, e di Adjusted (Montjeu), vincitore di G2 in Australia. La famiglia è quella della vincitrice de l'Opera G1 We Are, e di In Clover (Inchinor). PAGINA CATALOGO, FOTO E WALKING CLICCANDO QUI.

mercoledì 27 settembre 2017

Verso l'Arc de Triomphe: Supplementata #Enable, ora è ufficiale. Ecco le ultime news per il weekend francese

I pianeti cominciano ad allinearsi per arrivare al 1° Ottobre carichi di positività. La notizia di questo mercoledì è che Enable (Nathaniel), la grande favorita per l'Arc è stata ufficialmente supplementata al costo di 120,000 euro da parte di Juddmonte, in attesa della dichiarazione ufficiale dei partenti che avverrà domani, con sorteggio degli steccati ed attribuzione delle monte che avverrà il giorno successivo ancora. 
Dunque all'ultimo forfait, tolta Left Hand che non sarà della partita, saranno quasi in 20 a giocarsi la prova più ricca in Europa con la dotazione di 5 milioni di euro....Ma non è tutto. Torneremo sul discorso Arc de Triomphe quando verranno sciolti altri dubbi e per svelare anche gli altri campi partenti di una giornata che si preannuncia davvero spettacolare. 

#Capannelle, domenica 3 Listed tra cui Pandolfi, Villa Borghese ed Archidamia. C'è Charline Royale..

Siamo quasi a metà settimana, è il momento di fare il punto della situazione sulle corse che ci apprestiamo a vivere domenica 1 Ottobre a Capannelle, in una giornata che di fatto apre l'autunno romano delle corse buone dopo la disputa del Rumon Lr della settimana scorsa. In programma tre Listed, in particolare il Pandolfi sui 1200 metri per femmine di 2 anni con buone individualità preannunciate, poi Archidamia e Villa Borghese. 
In giornata ci sarà Charline Royale (Zebedee), la cavalla della Colle Papa, imbattuta in 2 uscite per complessive 22 lunghezze date agli avversari. Chiaramente la sua presenza è attrazione principale della corsa. Il campo partenti definitivo verrà reso noto nella giornata di venerdì entro le 9,30 con la dichiarazione ufficiale dei partenti, ma intanto queste sono le prime indicazioni.
In programma ci sono poi anche il Premio Archidamia Lr per femmine di 3 anni ed oltre che vale come preparazione in vista del Lydia Tesio G1 del 29 Ottobre, unico G1 della stagione italiana di corse al galoppo, e poi anche il Premio Villa Borghese, per 3 anni ed oltre, che servirà per capire chi potrà strappare definitivamente il pass in vista del Premio ROMA GBI Racing diventato di G2. 
Di seguito la lista completa degli iscritti alle corse della giornata di domenica 1 Ottobre. 

Sangue americano in Italia, sempre ottimi risultati! Ad Ottobre le #OBS October Yearling Sale

Martedì pomeriggio a Capannelle è arrivato uno spunto decisamente interessante in chiave allevamento americano, che ha avuto la sua soddisfazione con la vittoria di Black Horus (Shanghai Bobby) nella debuttanti sui 1200 metri per Gabriele Bietolini al training. Il morello, bellissimo e statuario, è stato acquistato per £32,000 in Inghilterra ed è figlio di Shanghai Bobby (Harlan's Holiday) e Julia's Star (El Prado). Al secondo è arrivato Duarte (Hold Me Back) per i colori della scuderia dell'Avvocato, acquistato per soli $3.000 ad Ocala alle OBS. Nella stessa giornata ancora una vittoria per Stone Skipping (Bustin Stones) ed Ebenezer Scrooge (Here Comes Ben), terzo in condizionata, acquistato dalla OBS Ital-Cal per $ 5.000.
Ricordiamo così che queste genealogie è possibile trovarle in America, con una mediazione italiana. Infatti è disponibile il  catalogo delle Ocala Breeders’ Sales Company’s 2017 October Yearling Sale disponibile cliccando sul sito www.obssales.com. Il sito offre la possibilità di scaricare anche il catalogo via applicazione, che permetterà di segnare appunto note, vedere pedigree, ratings e tante altre curiosità utili. Il sito di riferimento è questo: http://www.equineline.com/SalesCatalogApp/
L'asta si terrà il 10 Ottobre per la Selected, mentre l'11 offrirà la Open. Quanto ai cavalli, nella Selected ci sono 188 yearlings programmati di passare nel ring il 10 Ottobre con licitazione che comincerà a 12,00. La conformazione dei cavalli e le foto saranno disponibili dal 15 di Settembre. Mentre la selezione delle Open Yearling Sales saranno 429 cavalli in catalogo con inizio fissato per le 9,00 di mercoledì 11 Ottobre. 
L'asta proporrà figli di Awesome Again, Candy Ride (ARG), Distorted Humor, Elusive Quality, Giant’s Causeway, Kantharos, Kitten’s Joy, Macleans Music, Malibu Moon, More Than Ready, Quality Road, Speightstown, Tiznow ed Union Rags tra gli stalloni più titolati, mentre tra quelli nuovi ci saranno figli di Fed Biz, Goldencents, He’s Had Enough, Mucho Macho Man, Uncaptured, Verrazano e Will Take Charge senza dimenticare i figli degli interessanti Jimmy Creed, Overanalyze, Shanghai Bobby, Treasure Beach (GB), Violence e Winslow Homer.
Maggiori informazioni PER PRENDERE CONTATTI ED INFORMAZIONI CON L'AMERICA PER L'ASTA DESCRITTA, POTETE CONTATTARE PAOLO ROMANELLI DELLA Ital-Cal Horse Management raggiungibile all'indirizzo internet http://www.italcalhorse.com o via mail romanelli135@aol.com o via telefono allo (001) 954-249-6964

Aste: #Goffs #Orby Sale, inizio di una nuova era? #Godolphin acquista una figlia di #Galileo per €1.2M!

Molti hanno parlato di inizio di una nuova era. Molto probabile sia così, perchè dalla apertura delle Goffs Orby Sale di martedì pomeriggio è uscito un risultato per certi versi sorprendente. Di un riavvicinamento tra due mondi paralleli come Coolmore e Darley abbiamo già parlato tempo fa, ma quello che è successo da ulteriore spinta ad un rapporto orientato a rafforzarsi. Di fatto si parla di vicende relative al 2005 e mai rese pubbliche, quando cioè Sheikh Mohammed e Magnier hanno cominciato a farsi la guerra sul campo dell'allevamento. A cominciare fu Coolmore che non comprava da Darley e di conseguenza lo Sceicco cominciò a boicottare. L'embargo è finito da un pò ed una prima dimostrazione l'abbiamo avuta in America a Keeneland, dove Godolphin (con Gosden presente) ha comprato figli di Scat Daddy e non solo. Insomma, è forse iniziata una nuova era e se da una parte ci rende felici, perchè significa incrocio di sangue tra i più buoni del mondo, dall'altra spiace non cercare più dualismi tra colossi. Comunque, parliamo di attualità.
Ieri infatti il top price della sessione è stato per una femmina figlia di Galileo, stallone concorrente storico per il team dello Sceiccone, e L'Amour de Ma Vie (Dansili), acquistata appunto da Godolphin per €1.2m tramite la mediazione di David Loder ed Anthony Stroud, con la supervisione di John Gosden sempre più attivo in questo senso, che hanno superato la concorrenza di Coolmore che agiva M V Magnier. In generale nella sessione sono stati offerti 228 cavalli di cui 195 venduti (l’85%) con un fatturato complessivo di 21,140,000 euro (+2%) con la media a 108,410 (-1.3%) ed il mediano a 67,000 euro (-4%).

lunedì 25 settembre 2017

Verso il Qatar Prix de l'Arc de Triomphe del 1° Ottobre. Manca #Enable all'ultimo forfait, ma...

Siamo a lunedì, ufficialmente siamo entrati nella settimana del Qatar Prix de l'Arc de Triomphe G1 di domenica pomeriggio a Chantilly, il 1 Ottobre, con in palio 5 milioni di euro e la gloria eterna, di gran lunga più preziosa dell'oro nero che brilla al sole parigino. 
Alla fine sono in 20 i rimasti e non ci sono assenze significative tra i rimasti, tranne 2. Una, Cracksman, era già stata annunciata da Anthony Oppenheimer nella tarda mattinata di domenica. L'altra riguarda Enable (Nathaniel) che non figura nei 20 rimasti ma solo perchè non era iscritta e verrà supplementata entro mercoledì al costo di €120,000. Dunque, niente paura, la campionessa ci sarà ed il suo ruolo è quello di protagonista. Al momento il market la vede favorita a 4/5, un quotone se pensiamo che direttamente ed indirettamente ha già battuto tutti. Il dubbio è legato al tracciato ed al tipo di corsa, sarà fondamentale capire quale steccato avrà per venire a capo di una corsa che per una come lei è assolutamente alla portata. 

Weekend italiano. Team Botti 6 Stakes su 7. Amore Hass piega Greg Pass. Fa Ul Sciur verso il Gran Criterium

Prima di scrivere diciamo subito la giornata è stata interamente dominata dallo squadrone Botti, tra Milano e Roma. Un fine settimana del resto senza stranieri, è normale che abbia avuto un risultato del genere con cavalli buoni che arrivano soprattutto da una yard in Italia. Cenaia, Pisa. Amore Hass (Azamour), l'unico tre anni di uno scarno campo, ha risolto il Di Capua G2 con un bell'affondo utile per andare a riprendere il veterano Greg Pass (Raven’s Pass) che aveva provato a metterla sul tattico, cioè il campo che lui preferisce, con falsa andatura e ripartenza. Ed invece, nelle battute finali e con Cristian Demuro, Amore Hass ha piegato di giustezza il rivale della Incolinx. Terzo per la cronaca Time To Choose (Manduro). Al di la di tutti i discorsi e le critiche che sono piovute sull'edizione autarchica, da registrare la bella stagione per Luciano Salice che si è regalato una bella affermazione con un cavallo molto buono che ha vinto il Pisa in Marzo, ha tentato il Parioli con poca fortuna e stessa cosa nel Derby. Cristian Demuro ha parlato di un cavallo genuino, con un bel cambio di marcia, in grado anche di fare più metri. Amore Hass, pagato 40,000gns alle Tattersalls October Yearling Book 2 Sale, è primo prodotto della fattrice Hassaya (King’s Best). IL RISULTATO QUI. Il suo obiettivo è il Premio Roma GBI RACING G2.

domenica 24 settembre 2017

Ultime: #Cracksman salterà l'Arc de Triomphe! Possibile partecipazione alle Champion Stakes di Ascot il 21 Ottobre

Il dado è tratto. Nelle ultime ore John Gosden ha ufficializzato la decisione di non correre con Cracksman (Frankel) l'Arc de Triomphe G1 di domenica prossima, annunciando come prossimo ed eventuale obiettivo quello delle Champion Stakes G1 ad Ascot nelle settimane successive, esattamente il 21 Ottobre. 
Dopo dialoghi fitti con Mr Oppenheimer, è emerso che questa è la decisione migliore in quanto l'allenatore di Clarehaven ha ancora a disposizione la prima favorita Enable (Nathaniel), la scelta di Frankie Dettori, mentre Cracksman potrebbe puntare al summit parigino con più intensità l'anno prossimo quando la femmina di Juddmonte sarà già in dolce attesa e lui avrà completato il percorso di crescita che tutti si aspettano. Tra l'altro, qualche settimana fa, Gosden stesso aveva già anticipato che lo vede già come un cavallo proiettato verso le King George G1 dell'anno prossimo. 
Cracksman, in seguito a questa notizia, è stato tagliato nell'antepost delle Champion Stakes a 7/2 da 6/1. L'unico dubbio riguarda la distanza dei 2000 metri, per un cavallo che si è piazzato nei Derby Inglese ed Irlandese, ed ha vinto le Great Voltigeur ed il Prix Niel, ma per Gosden questo non è un problema rilevante perchè in grado di fare bene anche il doppio chilometro e non solo il miglio e mezzo.
Dunque, senza Cracksman, l'Arc perde un potenziale protagonista ma si rafforza ancora di più la candidatura di Enable. Lunedì ci sarà un altro forfait, e da qui capiremo meglio quale sarà lo schieramento dell'Arco del 1° ottobre a Chantilly e noi ve lo renderemo noto vedendo come è variato il market di una corsa che sta prendendo via via forma. 

Newbury: A James Garfield e Frankie Dettori le Mill Reef! Dylan Mouth penultimo, Take Cover infinito, Emaraaty al top

Ieri dalle Isole Britanniche sono arrivate tante news, in particolare dall'Inghilterra. Le citeremo velocemente, per capire quali siano veramente imperdibili. A Newbury per esempio si sono corse 3 prove Pattern, la principale nelle Mill Reef Stakes G2, una corsa vinta negli ultimi anni da cavalli buoni come Ribchester ed Harry Angel, ai quali succede testamentariamente James Garfield (Exceed And Excel) il quale ha realizzato 2 record in una vittoria sola. Il tempo record per un 2 anni a Newbury di 1m 10.64s (slow by 0.34s), e la prima vittoria di un certo livello per George Scott, trainer di stanza a Newmarket, che fa questo mestiere da 3 anni. James ha vinto, contemporaneamente, grazie ad una monta impeccabile da parte di Frankie Dettori, ed una una pessima di Martino Harley in sella ad Invincible Army (Invincible Spirit) che ha tamponato tutto e tutti. Mentre Frankie, con James Garfield, ha fatto tutto in maniera lineare emergendo netto e facendo pensare di lui come un cavallo veramente interessante, non uno qualsiasi. L'ultima volta era arrivato secondo di muso nelle Acomb Stakes G3, ma si sta dimostrando progressivo ed ha un pedigree da stallone. Figlio di Exceed And Excel (Danehill), è prodotto della fattrice Whazzat (Daylami). Fu acquistato all'amichevole dopo che a Goffs passò per invenduto a £60,000. Di proprietà di W J and T C O Gredley, cioè suocero di George Scott, ora punterà alla Breeders' Cup Juvenile G1 come suggerito dallo stesso Frankie. Per concludere questa parentesi, James Garfield prende il nome dal 20° Presidente degli Stati Uniti che però fu assassinato durante il primo anno di mandato. IL VIDEO DELLE MILL REEF QUI.

sabato 23 settembre 2017

San Siro: Met Spectrum si salva nel Riva, Anda Muchacho bel rientro nel Fassati. Doppietta #Helmet..

Tre su tre. Ma quanta fatica! Met Spectrum (Helmet) continua la sua marcia da imbattuto in vista del Gran Criterium G2, e lo fa in maniera sofferta perchè se da una parte è stata convincente l'affermazione nel Vittorio Riva Lr, il Blueberry sia riuscito a sfuggire solo all'ultimo dal pericoloso tuffo dell'ospite Ballymount (Cityscape), che è stato autore di un clamoroso recupero dalle retrovie dopo aver atteso troppo e da troppo lontano, con una corsa dal ritmo impostato in avanti da Way Back (Motivator), con Fabrice Veron che è arrivato in pista con un cuscino in mano. Comunque, nulla da togliere a Met che mantiene dunque l'imbattibilità soprattutto grazie ad uno sveglio come Carlo Fiocchi, che non ha perso contatto dai primi ed ha spinto come un ossesso difendendo tantissimo la chance, confermandosi come uno dei jockey più efficaci in Italia. Domenica capiremo qualcosa di più anche dal Rumon di Capannelle, sullo stato di salute dei nostri 2 anni. Ballymount, che vale un 96 di RPR, nella sua ultima prestazione era arrivato quarto nel Criterium di Craon Lr.

Les Italiens: Poker di vittorie in 3 giorni per gli italiani di Francia con Marcialis, Alessandro Botti ed Attilio Giorgi..

Attenzione: News sponsorizzata dallo stallone Style Vendome (Anabaa), funzionante presso l'Haras de Bouquetot al tasso di €5,000 per conto dell'Al Shaqab. Maggiori informazioni sul sito http://www.alshaqabracing.com/en/thoroughbreds/style-vendome#2
Il fine settimana degli italiani di Francia è cominciato molto bene, diamo conto dei risultati principali. Tutto è cominciato giovedì con la vittoria di Malaspina (Pounced) che per i colori della Fert ed il training di Andrea Marcialis, ha vinto il Prix de Houdan, una reclamare a Saint Cloud sul miglio con Cristophe Soumillon in sella. Per Malaspina era la 10° vittoria in carriera.
Venerdì Attilio Giorgi è tornato alla vittoria a Fontainebleau grazie ad Ardeatina (Harbour Watch) che ha ottenuto la terza affermazione della carriera in una reclamare sulla distanza dei 1800 metri ed in sella Clément Lecoeuvre. Sempre in Francia doppietta di Alessandro e Giuseppe Botti:

Sabato a Newbury: #Dylan Mouth cerca il pass per la Melbourne Cup nelle Legacy Stakes G3. Oggi anche le Mill Reef G2

Oggi in Inghilterra un sabato interessante da vivere a Newbury con 3 corse di Gruppo in programma. Si parte con le Dubai Duty Free Legacy Stakes G3 delle 15,15 (visibile anche in Italia) sul miglio e 3 furlongs dove scende in pista Dylan Mouth (Dylan Thomas) per i nuovi colori di Earle Mack, che cerca il pass definitivo in vista di un raid australiano per la Melbourne Cup di Flemington. 
Considerato da sempre un Arc Trial, le Legacy Stakes di Newbury hanno assunto progressivamente un ruolo invece di preparazione per corse a lunga gittata, ed in particolare a chi ambisce a correre nell'altro emisfero dove ci sono corse ricchissime e poco sangue da distanza.
Dylan Mouth resta su una impressionante vittoria in Classe 2 ad Haydock nella Old Newton Cup dopo una seconda parte di carriera inglese praticamente nulla, ma il 6 anni di Marco Botti dovrà guadagnare e meritarsi un posto sull'aeroplano con destinazione altri mondi. 
Dylan Mouth è a 9/1 ed avrà in sella Harry Bentley, affronterà 10 rivali tra cui Desert Encounter (Halling) per David Simcock, Second Step (Dalakhani), Scarlet Dragon (Sir Percy), poi ancora il Regale Fabricate (Makfi), dal quale Dylan ha già perso, poi Across The Stars (Sea The Stars) e non solo tra i cavalli più attesi. Si rivede dopo una lunghissima sosta la femmina italian bred di Massimo Passamonti Architecture (Zoffany), seconda di Oaks inglesi G1 lo scorso anno e promettentissima 3 anni, che pensavamo fosse in razza dopo il tentativo di Ascot ed invece rientra proprio da Ottobre 2016, ed infine My Dream Boat (Lord Shanakill) a 10/1, quotone, ma che affronta la distanza pur abbassando di molto la categoria. Ma non è tutto. IL CAMPO PARTENTI CLICCANDO QUI.

Australia: Fiocco rosa per Black Caviar! Nato il quarto prodotto della campionessa, una femmina da More Than Ready

Dall'Australia ci giunge una nuova nota lieta. Nelle ultime ore è venuto al mondo il quarto prodotto della campionessa mondiale Black Caviar (Bel Espirit), imbattuta vincitrice di 25 corse tra cui anche le Diamond Jubilee Stakes G1 del 2012 al Royal Ascot, che ha dato alla luce una femminuccia prodotto dello stallone More Than Ready (Southern Halo), funzionante al Vinery Stud in Kentucky ma stallone molto apprezzato in entrambe gli emisferi per i quali ha fatto per anni shuttling.
La femmina è nata ieri nella Hunter Valley. More Than Ready, classe 1997, funziona attualmente al tasso di $66,000.
Il primo foal di Black Caviar è Oscietra (Exceed And Excel) che ha 3 anni ed ha vinto alla seconda uscita in carriera e dovrebbe correre a Flemington mercoledì prossimo. Il secondo foal si chiama Prince Of Caviar (Sebring) ed è in training presso il Team Hawkes, e poi una figlia di yearling da Snitzel (Redoute's Choice). 
Black Caviar, 11 anni, è figlia di Bel Espirit (Royal Academy) e prodotto della sensazionale Helsinge (Desert Sun) che ha dato i natali anche al campione All Too Hard (Casino Prince), funzionante insieme a More Than Ready al Vinery Stud, ed è stato secondo nella classifica dei first-season sires in Australia lo scorso anno

Mercato: #Godolphin acquista il talento #Wootton! Il 2 anni rimarrà in training da Pantall e punterà al Lagardere G1

A proposito di campagna acquisti, Godolphin ha annunciato di aver acquistato Wootton (Wootton Basset), impressionante al debutto qualche settimana fa a Deauville, che dunque vestirà i colori Godolphin da qui in avanti.
Sheikh Mohammed ha definito l'accordo su una base economica non resa nota, ma si tratta di una cifra comunque rilevante per uno dei prospetti più eccitanti della stagione del quale abbiamo parlato in occasione del debutto (VIDEO VITTORIA QUI) quando sul miglio di Deauville è partito subito forte è rimasto sempre in testa alla corsa allungando progressivamente e staccando nettamente i rivali per vincere di 6 lunghezze sul primo dei battuti, nonostante una retta fatta tutta in diagonale, mostrando molta acerbità ma anche potenzialità molto interessanti battendo Act of God (Camelot), di Andre Fabre.
In Francia chi ha visto quella prestazione e subito dopo la corsa ha fatto già dei paragoni, assimilando la prestazione e le potenzialità di Wootton come del nuovo erede di Almanzor, e non solo per la paternità di Wootton Bassett (Iffraaj), tanta è stata bella la performance nel debutto. Si tratta del primo vincitore su 3 prodotti per la fattrice American Nizzy (American Post), che vinse a sua volta al debutto.
Wootton rimarrà in training presso Henry Alex Pantall, il suo primario obiettivo sarà la partecipazione nel Prix Jean Luc-Lagardere G1 nel giorno dell'Arc de Triomphe G1.

Allevamento: Il #Cheveley Park Stud acquista #Ulysses per il 2018. Il sauro è figlio dei campioni Galileo e Light Shift

Il Cheveley Park Stud ha annunciato ieri l'acquisto di un nuovo stallone di una categoria particolare, continuando nelle sue mire espansionistiche con la precisa intenzione di iniettare Classe nel roster degli stalloni a disposizione. 
A qualche giorno dall'annuncio dell'acquisto da parte del gruppo guidato da David e Patricia Thompson di Unfortunately (Society Rock), ma sul tema della velocità, è notizia di ieri è infatti l'acquisizione dei diritti allevatori del campione Ulysses (Galileo) quando terminerà la carriera agonistica, a fine 2017 per la stagione 2018. Ulysses ha un pedigree con tanta qualità: Figlio di Galileo, vincitore di Derby e Champion Sire perenne, e di Light Shift (Kingmambo), vincitrice di Oaks per Sir Henry Cecil, vanta 2 vittorie a livello di G1 nelle Eclipse Stakes G1 e nelle Juddmonte International Stakes G1 ed è in corsa per l'Arc de Triomphe fra poco più di una settimana sempre per il training di Sir Michael Stoute ed i colori della famiglia Niarchos, o meglio operazione Flaxman Stables. Tra l'altro Ulisse è l'ultimo figlio vivente della campionessa scomparsa nel 2014.
Lo scorso anno Ulysses era considerato prospetto da Derby, ma avendo debuttato tardi non era arrivato con abbastanza esperienza nelle gambe per correre il Derby. Quest'anno è sbocciato progressivamente fino ad arrivare terzo nelle Prince Of Wales's Stakes, primo a Sandown, poi secondo di Enable nelle King George e poi ancora vincitore a York. 
Non ancora definito il tasso di monta, ma sicuramente entrerà in razza con i galloni di uno dei più interessanti prospetti allevatori in Europa. Funzionerà in Inghilterra.

venerdì 22 settembre 2017

Weekend italiano: Di Capua povero, anzi poverissimo. Ma un fine settimana tra Roma e Milano comunque interessante!

Notizia sponsorizzata dalla NBF LANES Linea Horse, azienda che opera da oltre 25 anni nel settore degli integratori veterinari,  con un forte orientamento alla ricerca che ha permesso la realizzazione  di prodotti  innovativi, commercializzati dopo approfonditi ed estesi lavori clinici, in Italia, Inghilterra, Francia e Stati Uniti, offrono un’efficace risposta curativa  e migliorano la prestazione sportiva del cavallo atleta. Maggiori informazioni cliccando su http://www.nbflaneshorse.com/.
Un Di Capua molto casalingo quello che offrirà la domenica di corse a San Siro, con il clou nel Di Capua G2, in quello che una volta era un G1 ben frequentato da tanti cavalli stranieri. Da qui sono passati Sikeston, Alhijaz (entrambi per 2 volte), poi Nicolotte di Geoff Wragg recentemente scomparso, poi Waky Nao, Muhtathir, Slickly due volte ancora e dopo anni ed anni di dominio straniero ecco Le Vie Dei Colori nel 2003 a spezzare l'egemonia che durava dal 1988, edizione di Jurado. Negli ultimi anni Ramonti, Linngari, poi l'edizione 2008 non corsa per il famoso sciopero, poi Gladiatorus, Rio De La Plata, Dick Turpin fino alle edizioni meno spettacolari degli ultimi anni. 
Oggi, nel 2017, sono in 5 e tutti italiani, con cavalli che all'estero neanche provano ad andarci. Uno ci ha provato quest'estate ed è Amore Hass (Azamour), sesto nel Prix Eugene Adam G2. Pazienza, lo stato di salute del galoppo in Italia è questo, senza nessun straniero in vista.

Australia: Possibile campagna europea per #Winx nel 2018, ecco i potenziali obiettivi. Sponsored by Dimensione Clima

Notizia sponsorizzata dalla DIMENSIONE CLIMA (Contractor, Impianti Tecnologici, Costruzioni). Visita il sito http://www.dimensione-clima.com/ per avere preventivi ed informazioni.
Dall'Australia rimbalza una voce molto forte, che se fosse vera farebbe crescere l'interesse sulla stagione 2018 di corse. La campionessa australiana Winx (Street Cry), attualmente titolare di 20 vittorie consecutive ed impegnata a rincorrere Black Caviar con le sue 25 vittorie senza sconfitta ed il terzo Cox Plate nella primavera australiana fino a fine Ottobre, indipendentemente da come andrà a finire ha in agenda un summit europeo con 3 corse nel mirino. 
A parlarne è stato Chris Waller che si è detto pronto a parlarne con il team, anche se vanno valutati tutti i rischi di una cavalla comunque molto impegnata come impongono i ritmi australiani.
L'ultima a riuscirci è stata proprio la campionessa Black Caviar che nelle Diamond Jubilee Stakes G1 del 2012 ottenne si la vittoria ma faticando molto a causa di un contrattempo fisico che ne fermò lo strapotere, e le scorie di un viaggio complicato, con annessa quarantena, dal quale è difficile uscirne indenne per qualsiasi cavallo venga da un altro mondo. Insomma, avrebbe tutto da perdere ma è più che altro una sfida per cercare di emulare una cavalla fortissima come Black e per dire al mondo di essere veramente la più forte.

#Aste: #Tattersalls September Part II: Ancora italiani protagonisti con altri 41 acquisti ed altri €300,000 spese!!!

Come già anticipato, la scorpacciata di acquisti non era terminata con le 2 sessioni principali di Fairyhouse. A parte c'era anche la Part II del catalogo delle September Yearling Sale e anche qui i nostri connazionali hanno acquistato tantissimo. Ai 41 dei primi 2 giorni, vanno aggiunti anche altri 41 cavalli che verranno in Italia, senza considerare quelli all'amichevole per spese complessive superiori a €300,000 che, se consideriamo quelli dei giorni precedenti, fanno oltre €900,000 spesi da italiani in 3 giorni, praticamente come il movimento della Asta Selezionata SGA. 
Ma facciamo il punto: Erano presenti 242 cavalli, 207 di questi venduti (l'86%), con un movimento complessivo di €2,093,800 (+12%), con la media a €10,115 (+45%) ed il mediano a €8,000 (+60%). Insomma, quando gli irlandesi ci vedono si fregano le mani perchè riusciamo ad accogliere gran parte della loro produzione, a volta qualitativa, molto spesso scarsa. Ma da questi nomi uscirà sicuramente la pepita d'oro. Il top price lo ha realizzato il Lot 630, un maschio da Rock Of Gibraltar acquistato per €60,000 da E P Horse. Se vuoi leggere degli italiani, clicca più sotto.

giovedì 21 settembre 2017

Allevamento: #Kodiac altro record! 44esimo vincitore individuale nell'anno, insegue Sunday Silence con 51..

Un altro record è stato superato. Parliamo di Kodiac (Danehill), uno degli stalloni più prolifici dell'epoca moderna, che grazie a Seen the Lyte a Beverley ha ottenuto il suo 44° rappresentante vincitore individuale in un anno, un nuovo record nelle Isole Britanniche superando se stesso quando nel 2014 il dato era di 43 vincitori individuali. 
I figli di Kodiac sono belli, veloci, precoci. Nessuno di loro ha mai vinto una Classica ma i suoi eredi rispondono esattamente a quello che chiedono gli acquirenti quando partecipano ad una asta. Tanto che i suoi figli oramai sono diventati irraggiungibili agli umani, con cifre normali. Basti pensare che nelle ultime 2 aste pubbliche hanno realizzato 2 prezzi altissimi, uno top e uno quasi, ad opera di Godolphin che sta cercando di iniettare il suo sangue nel roster già prezioso di Darley. In effetti, quel tipo di soggetti, non ne ha ancora. E allora ha speso €200,000 a Fairyhouse recentemente, e poi altri £360,000 a Doncaster alle Goffs Uk...

Aste: #Tattersalls September Yearling Sale, fatturato a €11,4 M (+12%). Italiani con 41 acquisti per circa €600,000!!!

Si tirano le somme alla fine delle Tattersalls Ireland Yearling Sales da Fairyhouse, con un incremento su tutti gli indici ed un movimento in perenne crescita come del resto un'asta diventata un punto di riferimento per tantissimi operatori. 
La seconda giornata ha visto un movimento di 206 cavalli venduti che hanno generato €5,826,500 (+24%), mentre in generale parliamo di dati cumulativi in questo senso. In catalogo erano presenti 487 cavalli, di cui 448 effettivamente passati nel ring e 401 di questi che hanno trovato acquirente, il 90% rispetto all'82% dello scorso anno. Il fatturato complessivo è stato di €11,451,000 (+12%), con la media a €28,556 (+14%) ed il mediano a €23,000 (+21%). 
Come già anticipato gli italiani hanno fatto man bassa e cercheremo di raccogliere tutti i dati a nostra disposizione per dare una idea numerica quanto più possibile veritiera. Intanto diciamo che il top price della prima giornata è rimasto intatto, anche nel computo generale, mentre il top price della seconda sessione è stato per il Lot 385, una femmina da Society Rock (Rock Of Gibraltar), mattatore da first crop sire e prematuramente scomparso, prodotto della fattrice Coolminx (One Cool Cat) acquistata per €160,000 da Joe Foley. Ancora una volta, complessivamente, diciamo pure che i leader tra gli acquirenti ci sono stati Peter & Ross Doyle Bloodstock con 10 cavalli e 440,000 spesi, poi SackvilleDonald con 11 acquisti per 439,000, Joe Foley con 5 da 397,000, la Blandford Bloodstock con 11 per 382,000, la Gaelic Bloodstock con 8 per 348,000.
ITALIANI: Come detto, molto attivi. Abbiamo contato, senza quelli all'amichevole, almeno 41 acquisti per spese complessive di €595,500, se non abbiamo contato male, praticamente metà del fatturato di Settimo Milanese. Ma entriamo nel dettaglio sperando di non aver dimenticato nessuno..

mercoledì 20 settembre 2017

Verso il #Qatar Prix de l'Arc de Triomphe del 1° Ottobre. Ecco le conferme e le news per la corsa faro in Europa.

Fra 11 giorni sarà il momento clou della stagione ippica mondiale: Si corre il Qatar Prix de l'Arc de Triomphe sul miglio e mezzo di Chantilly con €5 milioni in palio. Non sono ancora stati fatti i forfait, per cui nella lista sono presenti tutti i potenziali candidati alla prova Regina, esattamente 119 in attesa che venga sfrondata dal primo forfait del 25 Settembre e poi quello semi-definitivo del 27 Settembre, in attesa dei partenti probabili e le eventuali supplementazioni del giorno successivo con la distribuzione delle monte giovedì 28 Settembre. 
Intanto diciamo che ci manca tanto Longchamp. La situazione al Bois de Bolougne è fluida e la riapertura è prevista per l'8 Aprile del 2018, dopo i lavori di completamento ed assestamento ed alcune corse di prova nel Marzo del 2018. Se tutto andrà bene, questo è l'ultimo anno che l'Arc si correrà fuori da un luogo magico e storico. Si chiamerà ParisLongchamp, sarà molto più moderno, attraente e in linea con i parametri di spettacolo e di agonismo. Insomma, il vetusto ma affascinante Longchamp che tanto ci piaceva, è diventato ancora più bello e non vediamo l'ora di visitarlo. Ah, altra news riguarda la possibilità dell'apertura anche di un tracciato in all weather, ma solo nel 2019. Alcune immagini del nuovo Longchamp sono disponibili cliccando QUI.
Ma ora parliamo di corse e facciamo dunque il punto della situazione di quello che potrebbe essere al momento il probabile campo partenti.

Aste, #Tattersalls Ireland: Primo giorno con movimento a €5,6M (+2%). Italiani attivi con 17 acquisti solo nel 1° giorno..

Nella giornata di martedì sono ufficialmente cominciate a Fairyhouse le Tattersalls Ireland Yearling Sales, con folta rappresentanza di italiani presenti. In questo post, e prima di fare una analisi completa solo a bocce ferme, diciamo che dei 244 cavalli in catalogo ne sono stati offerti 216 ed acquistati 195 con un movimento complessivo di €5,624,500 (+2%) con una media di €28,844 (11%) ed un mediano a €24,000 (+20%). 
Alla fine del primo giorno il top price è stato il Lot 219, un maschio da Showcasing (Oasis Dream), stallone che funziona per £35,000, acquistato dalla Grovendale Advisory Services di Michael O'Hagan per €235,000, che ha avuto l'ultima parola dopo battaglia vibrante. La mamma è Starfly (Invincible Spirit), ed il prodotto in questione è il terzo dopo i primi 2 che hanno combinato poco o nulla. Il cavallo andrà in training da Clive Cox. 
Fino a quel momento, e per larghi tratti dell'asta, il top price è stato il Lot 152, un bellissimo figlio di Kodiac (Danehill) con mamma da Shamardal acquistato da Godolphin per €200,000...

Mercato: Il Cheveley Park Stud acquista #Unfortunately, vincitore del Papin e del Morny G1. Futuro in razza in Inghilterra

Il Cheveley Park Stud ha annunciato nelle scorse ore l'acquisto di Unfortunately in seguito alla sua vittoria impressionante nel Prix Morny G1 di Deauville. Precedentemente di proprietà di Jeff Laughton e della moglie di Karl Burke Elaine, il 2 anni è già vincitore di 3 corse incluso il Prix Robert Papin G2 con un tempo più veloce della stagione. 
Il figlio di Society Rock (Rock Of Gibraltar), sprinter prematuramente scomparso nel 2015, cercherà una ulteriore conferma nelle Middle Park Stakes G1 di Newmarket questo mese ma per lui è già delineato un futuro in razza in Inghilterra quando finirà la sua carriera di corse, che si preannuncia ancora intensa almeno sfruttando il potenziale per questa seconda parte della stagione, poi si penserà a quella dei 3 anni in chiave Classica oppure sempre sul tema della velocità, come piace a quelli del Cheveley. 
Eppure era cominciato tutto in Irlanda, quando fu acquistato dal Tally-Ho Stud per sole €24,000 alle Tattersalls Ireland September Yearling Sale dello scorso anno. Che colpo!

martedì 19 settembre 2017

Giappone: Tanino Frankel potenziale cavallo da Derby: Figlio di Frankel e della campionessa mondiale Vodka

Una news ci arriva dal Giappone, dove Tanino Frankel ha vinto in stile impressionante la sua maiden sui 2000 metri di Hanshin nella giornata di lunedì dopo qualche settimana dall'esordio che lo ha visto giungere al secondo posto. Tanino Frankel è un cavallo speciale perchè figlio di 2 cavalli che a livello combinato vincono una cosa come 17 G1 e sono Frankel e la campionessa Vodka (Tanino Gimlet), ma lui stesso è un cavallo di 526kg, come riporta Franco Raimondi su EBN, ed ha vinto mostrando doti fuori dal comune nelle mani di Yuichi Fukunaga che praticamente non ha mosso una mano con gli ultimi 400m percorsi in 22.8s. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
Tanino Frankel è un potenziale crack da Derby, e finora ha fatto meglio della sorella Tanino Urban Sea (Sea The Stars), che ha necessitato di 6 corse per vincere la sua maiden nel Maggio dei 3 anni, ma è sicuramente una cavalla che sta venendo avanti benissimo con margini di miglioramento. I primi due figli di Vodka sono stati prodotti dall'incrocio con Sea The Stars, ancora, ma non hanno vinto e sono stati ritirati in razza. Vodka ha ora uno yearling filly da Invincible Spirit ed il 22 Maggio è nato un fratello pieno di Tanino Frankel.

lunedì 18 settembre 2017

Aste: In Irlanda partono le #Tattersalls Ireland September Yearlings 2017. Molti italiani, ecco il catalogo ed il live!

A partire da oggi, lunedì 19 Settembre, e per 2 giorni in Irlanda si terranno le Tattersalls Ireland September Yearlings 2017 in programma a Fairyhouse. Una fucina di talenti dal quale molti italiani hanno sempre acquistato bene, sebbene negli ultimi 3 o 4 anni l'asta sia diventata un pò "drogata" economicamente dall'avvento del Qatar nel mondo delle corse. Sta di fatto che da queste parti sono passati negli ultimi anni campioni quali Galileo Gold, Hawksmoor, Wicklow Brave e Conselice, solo parlando di risultati del 2016, e per questo è terreno di caccia di molti compratori, tra cui tantissimi italiani partiti nelle ultime ore per fare acquisti. L'ultimo spot lo ha regalato proprio Isole Canarie (Rip Van Winkle), vincitrice di Repubbliche Marinare, acquistata qui per €11,000.

Addio a Penny Chenery, mitica proprietaria del campione #Secretariat, il cavallo più forte al mondo. Aveva 95 anni

Nel mondo, ma soprattutto in America, ha fatto molto sensazione la notizia della scomparsa all'età di 95 anni di Helen Bates "Penny" Chenery, divenuta nota alle cronache come simbolo e prominente figura del galoppo americano in seguito all'esplosione di Secretariat, probabilmente il miglior cavallo della storia delle corse. Penny si è spenta serenamente circondata dall'affetto della famiglia, sebbene sia stato un ictus la causa della sua dipartita.
Sta di fatto, che divenne una vera e propria celebrità nel 1973 quando "Big Red", montato da Ron Turcotte ed allenato da Lucien Laurin, vinse una storia Triple Crown inanellando il Kentucky Derby a tempo di record, le Preakness e soprattutto una indimenticabile edizione delle Belmont Stakes, queste ultime risolte con il distacco record di 31 lunghezze, che le fecero guadagnare la prima pagina di quotidiani come Time, Newsweek e Sports Illustrated.
Insomma, è stata una vera e propria first lady dell'ippica ed insignita di vari titoli, dai più alti ai più popolari, tanto da ispirare anche un film prodotto dalla Walt Disney, bellissimo, che si chiama appunto Secretariat ed è ad oggi il film che meglio ha trasposto una storia ippica al cinema, ed è uscito nel 2010. Gli altri sono stati tutte brutte caricature, o quasi. Lo consigliamo vivamente, qualora non lo abbiate ancora visto. Addio first lady!

Ritirata in razza Kathy Dream! La campionessa di Maicol Petretti è stata Champion Sprinter in Italia nel 2016..

Alla fine è arrivata l'ufficialità. La campionessa Kathy Dream (Arcano), Champion Sprinter in Italia, è stata ufficialmente ritirata dalle competizioni in seguito ad un problema occorso in estate nel Premio Città di Napoli Lr dove era favorita ma nel quale ha dovuto fermare dopo poche centinaia di metri. Nelle ultime settimane si è provato a recuperarla, ma alla fine la salute della cavalla ha avuto il sopravvento ed è tornata, come da contratto, nelle mani del suo allevatore (Pian di Neve) che ne aveva ceduto in affitto le attività agonistiche, e che ora ne dovrà gestire le sorti in razza. Nei prossimi giorni partirà in Irlanda dove verrà promessa sposa ad uno stallone ancora non definito.
La storia di Kathy Dream è di quelle belle. Per togliersi la qualifica di maiden ci sono volute 10 corse, è passata anche dai bassifondi delle corse a reclamare e vendere, ma grazie alle cure di Luigi Biagetti e della famiglia Petretti, nella calma dell'Umbria, è riuscita a costruirsi una carriera di tutto rispetto. Alla fine del 2015 si era intuito che poteva sbocciare e di fatto così è stato, inanellando nel complesso 12 vittorie e 16 piazzamenti in 36 corse disputate, con punte nel Città di Napoli Lr, poi il Carlo e Francesco Aloisi G3, senza dimenticare le vittorie in HP, molteplici. 

domenica 17 settembre 2017

Domenica Italia: Full Drago indomabile nel Federico Tesio! A Roma Isole Canarie da maiden nel Repubbliche Marinare

Come lo scorso anno, più dello scorso anno. Ma il motivo è sempre lo stesso: Full Drago (Pounced) non finisce mai! Il 4 anni dei Dioscuri ha completato il doppio nel Premio Federico Tesio G2 mettendo ancora in campo tutte le capacità che gli sono state sempre riconosciute, e cioè una grande resilienza ed una continua capacità di ripartire sempre a qualsiasi attacco che gli viene portato in corsa. Un coraggio leonino,cuore d'acciaio e corazza solidissima, il figlio di Pounced (Rahy) è andato davanti sotto la gestione del comandante in capo Dario Vargiu, si è fatto avvicinare da Mac Mahon (Ramonti) il quale ha tentato un timido attacco ma è stato subito rimbalzato dalla giostra e ricacciato indietro, stessa sorte a quel punto toccata anche al grigio Way To Paris (Champs Elysees) convinto che gli attacchi di Mac Mahon potessero scalfirne le velleità, ed invece Full Drago è sempre ripartito con grande sostanza. 

Domenica italiana: A San Siro Mac Mahon contro Full Drago nel Tesio G2. A Capannelle femmine di 2 anni in Listed

La domenica che stiamo per vivere è tutt'altro che noiosa, a parte i campi scarni. Ma si comincia ad intravedere qualità, a partire da Milano dove oggi è in programma il Premio Federico Tesio G2 in programma poco più di 2 mesi dopo la disfatta italiana a Parigi, nel giorno della Presa della Bastiglia con Mac Mahon (Ramonti) a picco nel Grand Prix de Paris G1 e Full Drago (Pounced) quinto nel Prix Maurice de Nieuil G2. 
I 2 ripartono oggi uno contro l'altro,

Doncaster: #Capri vince il St Leger, l'ultima Classica inglese. La prima per Ryan Moore. Colpo Seahenge tra i 2 anni

A Doncaster è andato in scena il St Leger, vinto da Capri (Galileo), preservato fresco ed assente proprio dalla vittoria nell'Irish Derby, che ha collezionato dunque un'altra vittoria Classica. Il figlio di Galileo è diventato il primo cavallo dopo Nijinsky (nel 1970!) a collezionare queste 2 Classiche che non sono state mai troppo facili da vincere assieme. Capri ha risolto una corsa di forza, mostrando delle vere doti di cavallo progressivo battendo in lotta furibonda, ma senza mai dare l'idea di cedere, con Crystal Ocean e Stradivarius che lo avevano in qualche modo accerchiato. Nulla da fare, perchè Capri si è dimostrato molto competitivo e potrebbe puntare deciso verso l'Arc de Triomphe G1 fra due settimane. Forse per vincere l'Arc non ha ancora espresso quella Classe necessaria per un tipo di corsa del genere ed ha più bisogno di diritture lunghe che di strappi veri e propri, ma come detto il tessuto è buono e sta emergendo in tutto il suo spessore. Poi la freschezza, per aver saltato anche le Great Voltigeur Stakes, può essere determinante. Allevato dalla Lynch Bages & Camas Park Stud, è prodotto della fattrice Dialafara (Anabaa) dunque una chiara griffe Aga Khan che vendette la mamma nel 2010. Ah, ultima cosa: Capri ha provveduto a regalare ad Aidan O'Brien il quinto St Leger e a Ryan Moore la prima vittoria in questa corsa. IL RISULTATO QUI. IL VIDEO QUI.

sabato 16 settembre 2017

Asta Selezionata SGA, ecco i numeri definitivi e gli acquisti dei top team. Movimento superiore al 2016!

Il trend è stato molto positivo e risultati alla mano emerge come rispetto agli scorsi anni ci sia stato un gran bel incremento. In catalogo c'erano 98 cavalli di cui effettivamente offerti 85, con i venduti a quota 64, cioè il 75% rispetto al 50% dello scorso anno nel 2016. 
Il fatturato completo, sempre secondo i dati diffusi ufficialmente, è stato di €1,259,500 che rappresenta un +43% rispetto ai €881,500 dello scorso anno, anche se a noi risultano dati più alti nel numero di oltre €900,000 ma comunque mai sopra una certa soglia, e questo certifica la riuscita di questa asta in una nuova location per la quale ci si è dovuti inizialmente abituare. Il prezzo medio è stato di €19,992 (+4%), mentre il mediano è stato di €12,000, dato uguale a quello dello scorso anno.
Ora parliamo di altre cifre: La Nuova Sbarra ha chiuso come leading vendors e €331,000 incamerati per le vendite dei suoi cavalli, poi la Le.Gi. con €233,000, la Razza del Sole con €209,500, la Ticino con €111,500 e la Arcadia con €106,000. I leader tra gli acquirenti sono stati la Incolinx con €221,000 spesi per 4 cavalli, poi Alduino Botti che ha speso €156,000, la EffeVi che ha speso €80,000, ma ha comunque annunciato spese all'estero, poi Simone Crecco ed Endo Botti che hanno sborsato ciascuno €80,000.

Australia: #Winx fa 20 consecutive a Randwick, annichiliti i rivali. Sempre più vicina Black Caviar..

In Australia si è tenuto un altro show della campionessa Winx (Street Cry) che ha aggiunto un'altra perla alla sua collana di vittorie arrivando a quota 20 affermazioni consecutive dopo aver siglato anche le Colgate Optic White Stakes G1 sul miglio di Randwick. 
Che Winx vinca oramai non fa più notizia, perchè in fondo affronta cavalli decisamente e indiscutibilmente inferiori al suo spessore. Li annichilisce senza nemmeno troppo sforzarsi, un pò come l'umano che gioca a bruciare la formica con la lente di ingrandimento. 
La differenza sta nel fatto che rispetto alla corsa di rientro ha fatto sempre meglio dando ragione al suo allenatore Chris Waller quando dice che deve correre per arrivare al top negli appuntamenti clou. E difatti, dopo un paio di vittorie arrivate alla fine ma solo perchè è partita male o perchè il motore è partito al terzo giro di manovella, oggi ha fatto tutto in maniera molto sciolta, seguendo il gruppo e poi sciorinando una retta tutta qualità lasciando ad una e mezza Happy Clapper (Teofilo) e l'altra femmina di Waller Foxplay (Foxwedge), due cavalli che valgono circa 15 libbre peggio della femmina.
Ora ci sono altri 2 obiettivi da raggiungere. La quota 25 affermazioni consecutive per raggiungere la campionessa Black Caviar, e poi vincere il terzo Cox Plate a Moonee Valley il 28 Ottobre.

venerdì 15 settembre 2017

Asta Selezionata SGA: Movimento a €1,255,500, top price per la Incolinx ed una figlia di Zoffany da €85,000!

Diamo conto parzialmente del risultato dell'Asta Selezionata yearlings organizzata dalla SGA all'ippodromo de La Maura, in attesa di avere dati definitivi ed un approfondimento più dettagliato dei vari lotti e degli acquisti definitivi. 
Diciamo solo che alla fine della fiera c'è stato un pò di smarrimento iniziale dovuto alla nuova location, ma poi gli acquirenti hanno preso confidenza con il nuovo posto e gli avventori hanno realizzato un bel movimento, c'è stato discreto interesse per molti dei cavalli presentati ed un fatturato complessivo che ha superato la soglia dello scorso anno dando ampio respiro alla situazione italiana. Non che sia salvifica, ovvio, ma è chiaro che la passione resta intatta e gli acquisti ne hanno certificato il momento. Se sei interessato, continua a leggere..

giovedì 14 settembre 2017

Aste: Venerdì 15 l'Asta Selezionata SGA a La Maura per gli yearlings nati nel 2016. Non mancare!

Domani, venerdì 15 Settembre, è giorno dell'Asta Selezionata SGA degli yearlings all'ippodromo de La Maura. Dei 97 iscritti ne sono stati ritirati 7, con in più una wild card, dunque saranno 91 i cavalli che passeranno sotto il martello del banditore. Rappresentati tutti i migliori stalloni italiani con in più buonissimi inserimenti di stalloni stranieri come  Sea the Stars, New Approach, Rock of Gibraltar, No Nay Never, Anodin, Excelebration, Epaulette, Henrythenavigator, Holy Roman Emperor, Mastercraftsman, Poet's Voice, Pour Moi, Raven's Pass, Rip Van Winkle, Ruler Of The World, War Command, Zebedee, Zoffany poi gli italiani Kingsfort, Mujahid, Sakhee's Secret, Frozen Power, Desert Prince, Blu Constellation e Pounced tra gli altri.
Una delle novità è la corsa nel 2018 chiamata Il Premio Delle Aste che avrà un montepremi tra i 70,000 euro ed i 100,000 euro per i cavalli comprati a queste aste, e poi una commissione fissa del 2% riconosciuta a qualsiasi agente porterà clientela dall'estero. Il catalogo dell'asta disponibile cliccando QUI.

Verso il St Leger. Tredici al via prima della dichiarazione partenti ufficiali, ecco le monte.

Mancano solo alcune pedine al loro posto, ma è praticamente tutto pronto per il William Hill St Leger Stakes G1 di sabato a Doncaster, l'ultima Classica in Inghilterra. Al via saranno in 13 e conferme sono arivate per i Coolmoriani che saranno in 6 almeno se non ci saranno cambiamenti dell'ultima ora. Il favorito è Capri (Galileo), vincitore dell'Irish Derby, sul quale non è stata ancora sciolta l'ultima riserva sulla monta. Jim Crowley salirà invece su Crystal Ocean (Sea The Stars) per Sir Michael Stoute, mentre Andrea Atzeni sarà l'interprete del progressivo Defoe (Dalakhani) per Roger Varian. Altra monta stabilità è quella di Oisin Murphy su Count Octave (Frankel), gli altri ancora senza fantino ma con belle chances sono il Gosden Stradivarius (Sea The Stars), poi Rekindling, COronet, Raheen House. I RIMASTI DEL ST LEGER CLICCANDO QUI.

mercoledì 13 settembre 2017

Verso l'Asta Selezionata SGA del 15 Settembre: La Nuova Sbarra, da leader negli acquisti a leader tra le proposte

La Nuova Sbarra, come organizzazione, per almeno 10 anni è stata al vertice alla casella leader tra gli acquirenti delle Selezionate Italiane. Basti pensare che 15 anni fa Sergio ed Andrea Scarpellini hanno comprato i primi 5 prezzi dell'asta, e tra questi è spiccato il nome di Distant Way (Distant View), il quale passò nel ring presentato dalla Azienda Agricola Oriano di Franca Vittadini e spuntò un prezzo di €100,000, cifra poi decuplicata quasi nei guadagni di un 2 volte vincitore di Premio Presidente della Repubblica che nel complesso ha incamerato più di €900,000. Un altro intelligente acquisto della Nuova Sbarra fu Vol De Nuit (Linamix), molteplice piazzato di G1. Negli ultimi anni invece la formazione romana ha cambiato profilo sviluppando una vera e propria operazione allevatoria partendo proprio da alcune femmine acquistate all'asta e poi mantenute in razza e affidate a stalloni interessanti sul mercato, che hanno dunque prodotto significativi profit in corsa. Quest'anno, in un regime di cambiamento, La Nuova Sbarra è al di qua della barricata con 17 puledri che verranno presentati alla SGA Selected Sale, l'intera produzione. Ne ha parlato Andrea Scarpellini: "Per anni abbiamo investito in cavalli e non solo. Ma il risultato della crisi italiana ha fatto si che dovessimo limitare tutto ed ora abbiamo 50 box completamente vuoti a Capannelle, mentre i nostri pensionari sono in training a Pisa da Endo Botti e Cristiana Brivio Sforza che hanno fatto un ottimo lavoro.

martedì 12 settembre 2017

Weekend mondiale: Sabato il St Leger da Doncaster, domenica il Federico Tesio a Milano. Poi Francia e Australia..

News sponsorizzata dalla Dimensione Clima (http://www.dimensione-clima.com/). CONTRACTOR, IMPIANTI TECNOLOGICI, COSTRUZIONI, visita il sito e trova l'offerta che fa per te.
Il weekend che ci apprestiamo a vivere offrirà qualche spunto interessante in giro per il mondo. Per esempio a Doncaster inizia il Festival del St Leger, l'ultima Classica della stagione britannica che si disputerà sabato 16 Settembre. 
  • INGHILTERRA: Al momento in cui ve ne parliamo sono in 13 i cavalli rimasti all'ultimo forfait delle William Hill St Leger Stakes G1, sei di questi vengono dalle scuderie di Aidan O’ Brien capeggiati da Capri (Galileo), mai più rivisto all'opera dopo la vittoria nell'Irish Derby.

Verso l'Asta Selezionata SGA del 15 Settembre a La Maura. Presentiamo il Centro Equino Arcadia, ecco le proposte..

La Dottoressa Giovanna Romano è una delle donne più determinate nel mondo dell'allevamento italiano. Oltre ad avere una reputazione importante in tema di veterinaria, da qualche anno ha intrapreso un viaggio non semplice ma che gli ha dato parecchie soddisfazioni in termini di risultati. E' diventata infatti il comandante in capo del Centro Equino Arcadia e da poco siede anche in una delle poltrone del board della nuova ANAC ed in quello della SGA per l'organizzazione delle aste. Siede, però, non è forse il termine giusto per descrivere con quale e quanta dinamicità la Dottoressa considera questo tipo di ruolo. 
Ma entrando nel vivo della prossima asta selezionata del 15 Settembre prossimo, la DOC fa il punto della situazione: "La nostra missione principale è quella di cominciare a cambiare mentalità ed innestare un pò di ottimismo in tutti gli operatori del sistema corse, parlando sia di allevatori che di proprietari. Dobbiamo assolutamente abbandonare quel mood e cominciare a pensare positivamente, ma non in senso illogico. Anzi. Ma so perfettamente che non è facile, così come non lo è cercare di trovare una soluzione immediata all'incremento delle nascite e dei prodotti da proporre sul mercato. Una delle chiavi e delle missioni dell'ANAC è completare lo sfondo ideale di un sistema, ancora frastagliato, ripartendo dal basso, dai piccoli allevatori che possono costituire veramente uno schema fondamentale del nostro mondo, la colonna portante di una piramide inversa. Quindi dare fiducia e rassicurazione anche ai più piccoli potrebbe essere importante perchè se ognuno di quelli con una fattrice si sentisse protetto, ne comprerebbe un'altra ed avrebbe già raddoppiato il suo supporto al sistema, e così via. L'ottimismo è importante".

Allevamento: #Kyllachy ritirato dalle attività riproduttive a 19 anni. Primo Stakes Winner per Intello al Cheveley Park Stud

Una notizia riguarda l'allevamento, perchè uno dei stalloni più influenti degli ultimi anni soprattutto sul tema della velocità, è stato pensionato. Si tratta di Kyllachy (Pivotal e Pretty Poppy da Song) ritirato dalle attività riproduttive a 19 anni a causa di scarsa fertilità.In corsa, allenato da Henry Candy, ha vinto al massimo livello le Nunthorpe Stakes G1 ed ha prodotto un trio di vincitori di G1 sullo sprint come Sole Power, vincitore di Nunthorpe e King's Stand, poi Krypton Factor e Twilight Son, quest'ultimo funzionante presso il Cheveley Park per cercarne di ripetere le orme. Kyllachy è stato leading British-based first-season sire nel 2005. Oltre ai rappresentanti di G1 sopra citati, vanno annoverati sotto il suo nome anche 7 vincitori di G2, l'ultima Heartache che ha vinto le Queen Mary. 
A proposito di stalloni residenti al Cheveley da segnalare la prima vittoria a livello di Stakes per uno stallone attesissimo quale Intello (Galileo) rappresentato da Sonjeu una femmina di 2 anni che ha vinto a Maisons-Laffitte il Prix Saraca Lr sui 1300 metri. Intello, vincitore di Prix du Jockey Club, funziona al tasso di €25,000 e vanta il cross Galileo su Danehill tanto di moda in questi ultimi anni.

domenica 10 settembre 2017

Milano: #Fundeghe di un'altra dimensione nell'Eupili! Sopran Verne a sorpresa nel Cancelli. A Roma non si è corso

A Roma come detto non si è corso e la giornata di domenica si recupererà in Novembre, peccato per alcuni trials interessanti. Sta di fatto che a Milano si è corso con una certa tecnica in vista di appuntamenti più importanti. 
Nel Premio Eupili, Listed per femmine di 2 anni sui 1200 metri, a vincere è stata la Rencati Fundeghe (Raven's Pass), rimasta imbattuta in 2 uscite dopo l'affermazione in maiden, che ha lasciato a notevole distanza la Marcialis You Get Me Crazy (Orpen) e Yakima (Dutch Art) con un tempo finale di 1m 13,5s ma dopo aver perso la partenza ed aver recuperato nel gruppo arroccandosi allo steccato. Fundeghe è prodotto della fattrice My Euridice (Exceed And Excel), acquistata per €28,000 alle Tattersalls irlandesi di Fairyhouse il 20 Settembre dell'anno scorso da Alduino Botti.
Nel Cancelli come HL vittoria a sorpresa per la tre anni Sopran Verne (Approve), che mancava alla vittoria dal 24 Marzo in condizionata a Roma, che ha messo nel sacco i più esperti a 20/1. La giovane della Il Cavallo In Testa Srl Soc. Di All.To e di proprietà di Leonardo Ciampoli, con Ivan Rossi in sella ha mantenuto vantaggio coraggiosamente nei confronti di Harlem Shake (Moss Vale) e Pensierieparole (Exceed And Excel), un sei anni ed un cinque anni.

Irlanda: #OrderOfStGeorge vince di 9 l'Irish St Leger verso l'Arc o Flemington. Al Curragh Caravaggio e Verbal Dexterity..

Al Curragh la risposta irlandese ai trial francesi l'abbiamo vista nel Comer Group International Irish St. Leger G1 sul miglio e 6 furlongs con l'atteso Order Of St George (Galileo) che ha lasciato a "n" lunghezze, esattamente 9, il primo dei rivali che comunque non erano entusiasmanti. Secondo Torcedor (Fastnet Rock) e Moun Moriah (Mount Nelson) terzo, mentre quarto Wicklow Brave (Beat Hollow). Insomma, che potesse vincere non c'erano dubbi ma ora c'è da capire quale sia il suo prossimo passo. Order lo scorso anno fece un figurone nell'Arc de Triomphe ed è probabile che sia ancora lui una delle punte di Ballydoyle, insieme a Highland Reel (Galileo), fra 3 settimane a Chantilly. Insomma, Order insieme a Dschingis Secret è un pesante candidato all'Arc de Triomphe tra gli anziani pronti ad insidiare Enable, rimasta nel box a guardare. Per Order, che ha perso tragicamente la Gold Cup, si parla anche di una possibile trasferta australiana per correre la Melbourne Cup. IL VIDEO QUI. Betfair ha tagliato Order da 20/1 a 12/1 per l'Arc.
Sempre in Irlanda da segnalare il ritorno alla vittoria, appena ha abbassato il tiro, di Caravaggio (Scat Daddy) nelle Derrinstown Stud Flying Five Stakes G2 sui 1000 metri con in sella Ryan Moore ancora una volta. Coolmore ha fatto tre su tre anche nelle Moyglare Stud Stakes G1 per femmine di 2 anni sui 1400 metri con la vittoria di Happily (Galileo) che ha ribaltato l'ultimo riferimento con Magical (Galileo) e September (Deep Impact). Il dominio di O'Brien si è esaurito nelle Goffs Vincent O'Brien National Stakes G1 dove a vincere è stato il Bolger Verbal Dexterity (Vocalised) che ha battuto nettamente Beckford (Bated Breath) e poi Rostropovich (Frankel) come primo di O'Brien. Il grande assente, sul soft, è stato Gustav Klimt (Galileo) ritirato a causa di terreno.

Chantilly, parte 3: Il #Foy parla tedesco, con il progressivo Dschingis Secret alla terza vittoria consecutiva. Arc anche per lui

Il tedesco volante Dschingis Secret (Soldier Hollow) ha completato quel percorso di crescita che si aspettava Markus Klug dalle ultime 2 uscite e dopo il Grosser Hansa-Preis G2 di Amburgo e dopo il Longines Grosser Preis von Berlin G1 di Hoppergarten di metà Agosto, ha ottenuto il suo hat trick di vittorie riportando anche il Qatar Prix Foy G2 in attesa di capirne le potenzialità in vista dell'Arc. Guardate che quando un cavallo è così in ascesa può arrivare ovunque. 
Dschingis (che si pronuncia "gingis" ha seguito Satono Noblesse (Deep Impact) quale valletto di Satono Diamond (Deep Impact) ed in dirittura, sul calo del giapponese più atteso, è progredito nelle mani di Adrie De Vries trascinandosi Cloth Of Stars (Sea The Stars) senza spazio nelle fasi finali, con Talismanic (Medaglia D'Oro) al largo e Satono Diamond risucchiato dal gruppo. IL VIDEO DEL PRIX FOY QUI. IL RISULTATO QUI.
Il vincitore è un portacolori di Horst Pudwill, il quale recentemente ha acquistato anche suo fratello pieno alle selezionate tedesche, che ha cominciato la sua ascesa da tipico tedesco doc con la vittoria a 3 anni del St Leger Italiano G3 a Milano dopo essere arrivato terzo nel Derby tedesco G1. Quest'anno ha coronato la sua crescita con vittorie di prestigio.

Chantilly, i G1. #Bateel domina il Vermeille, #Ribchester controlla Taareef nel Prix du Moulin de Longchamp..

PRIX VERMEILLE: Due erano i G1 nella domenica di Chantilly che oltre a fungere da preparazioni, in qualche modo erano dei punti di arrivo. In particolare il Vermeille G1 che si di solito serve alle femmine per rifinire la condizione per l'Arc, ma non avendo troppa qualità nel campo partenti era come detto un traguardo prestigioso da ottenere. Missione compiuta per la 5 anni Bateel (Dubawi), di proprietà di Al Asayl Bloodstock Ltd ed allenata da Francis-Henri Graffard, che ha fatto suo il G1 culminando la sua stagione con una crescita esponenziale. Fino allo scorso anno era in training in Inghilterra da David Simcock, mentre quest'anno ha cominciato subito forte piazzandosi contro i maschi a 3000 metri nel Prix de Barbeville G3 e poi vincendo in serie le Pinnacle Stakes G3 di Haydock, il Pomone G2 di Deauville e grazie ad una monta severa di Pierre Charles Boudot, anche il Vermeille. Per il jockey francese, curiosamente, era il primo G1 di questo 2017. 
Bateel ha battuto di 2 e mezzo Journey (Dubawi) e poi al terzo Left Hand (Dubawi) per una tripletta per il sire Darley Dubawi (Dubai Millennium). Alle spalle di queste c'è stata una lotta furibonda che ha coinvolto Blond Me (Tamayuz), poi ultima, che ha incocciato contro Endless Time e Baiyouna sull'ultima curva, tanto che poi è stato chiamato intervento per capire bene cosa fosse successo. Nulla di che, ma ne sono uscite malconce l'Aga Khan e la cavalla di Andrew Balding recente piazzata nelle Nassau. IL VIDEO DEL VERMEILLE QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

Chantilly: #Cracksman largheggia nel Prix Niel G2 con Frankie Dettori in sella. Obiettivo Arc, e Gosden gongola..

Ed ora Johnny "G" che farà? Cracksman (Frankel) ha guadagnato con stile il pass verso l'Arc de Triomphe vincendo con grande sicurezza il Qatar Prix Niel G2 su stesso tracciato e distanza che fra 3 settimane vedrà la corsa più attesa della stagione. I dubbi sono leciti se si pensa che Gosden in scuderia ha anche una come Enable (Nathaniel), al momento favorita ed in linea teorica senza rivali guardando linee dirette o indirette, e la domanda è quella: Correrà l'Arc de Triomphe o virerà verso obiettivi americani? Sta di fatto che Cracksman, dopo il Derby inglese ed irlandese, gli è esploso fra le mani e dopo l'affermazione incredibile e notevole nelle Great Voltigeur Stakes G2 di York è arrivata quella a Chantilly senza nemmeno forzare la mano, accompagnato a braccia da Frankie che si è detto soddisfatto della prestazione del 3 anni, battendo di 3 e mezzo Avilius (Pivotal) e Finche (Frankel). Ed ancora, in ottica Arc, chi lo monterà se Frankie come sembra sceglierà la femmina? Ad avercene di questi problemi...
Cracksman, come sembra, sicuramente correrà ancora a 4 anni e l'obiettivo a lungo termine sono le King George G1, ma intanto con questa forma acquisita a ridosso dell'Arc sarebbe delittuoso non partecipare. Lo farà, chiaro. Allevato dal Hascombe And Valiant Studs, Cracksman è di proprietà di Anthony Oppenheimer ed è prodotto della fattrice Rhadegunda (Pivotal).

Italians: Mirco Demuro sigillo in G2 con Fine Needle per Sheikh Mohammed. Cristian vince un G1 per PSA in Francia

Nella mattinata di domenica altra affermazione in Pattern per Mirco Demuro che ha portato alla vittoria il 4 anni Fine Needle (Admire Moon) nelle THE SANKEI SHO CENTAUR STAKES G2 sui 1200 metri in erba di Hanshin da favorito a 3/1, per il training di Yoshitada Takahashi ed i colori di HH Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, che praticamente è la succursale Godolphin in Giappone. 
Per Mirco anche altre 2 vittorie nel weekend che fanno salire così il conto delle sue affermazioni in questo 2017 a quota 117 con classifica in continuo aggiornamento ma in lotta perenne per il vertice con il collega europeo Cristophe Patrice Lemaire e con Keita Tosaki, il più occidentale dei fantini nipponici.. 
In tema di "Demuri" da segnalare in apertura a Chantilly anche la vittoria per Cristian Demuro nella QATAR CUP Dragon G1 per PSA in sella ad Ebraz (Amer), un 4 anni di Cheik Mohammed Bin Khalifa Al Thani ed allenato da Julian Smart, che ha risolto da lontano candidandosi al prestigioso G1 per Purosangue Arabi nel giorno dell'Arc de Triomphe. In tema di italiani in Francia diciamo pure che Maurizio Guarnieri ha vinto una condizionata a Mont-de-marsan con Assenzio (Mr Sidney), un 2 anni montato da Anthony Crastus. Venerdì tentativo andato a vuoto per Per Un Dixir (Holy Roman Emperor) in una Listed a Saint Cloud, nel Prix du Boulogne sui 2000 metri con Cristian stesso in sella.
A proposito di fantini italiani di stanza all'estero da segnalare che a Seoul in Corea del Sud si è corso il Korea Sprint, un G1 lovale, con vittoria andata a Graceful Leap (Gold Allure) con Yutaka Take in sella in una corsa dove ha partecipato anche il nostro Sebastiano Guerrieri, giunto nono in sella a Zentenary (First Defence) per Seo In Seok.