STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 31 ottobre 2016

America: Arriva la #Breeders' Cup! Venerdì e sabato da Santa Anita spettacolo, campioni e $28 milioni da distribuire.

Quella che attendiamo, però, non è solo la domenica del Premio Roma a Capannelle. Perchè nel weekend tutti gli occhi saranno puntati verso gli Stati Uniti d'America con la notte delle Breeders' che quest'anno proporranno un cast a dir poco stellare. Il cavallo più ricco del Nord America California Chrome, la 2 volte campionessa di Breeders' Cup Beholder, l'ultimo grido Arrogate dominatore delle Travers, poi ancora le campionesse dei 2 mondi Tepin e Found e la imbattuta Songbird, sono solo alcuni dei nomi internazionali di spicco quantificati in 185 iscritti, di cui 38 dall'estero, di questo Breeders' Cup World Championships. 
Da molti considerato il vero campionato del mondo del purosangue, giunto alla sua 33° edizione, si svilupperà come al solito in 2 giorni e quest'anno il teatro sarà di nuovo quello di Santa Anita, per la nona volta nella storia. Il "global event" consterà di 13 corse di G1 per un totale di $28 milioni che verranno distribuite tra venerdì 4 Novembre e sabato 5 Novembre. Anche in Italia, ma siamo in attesa di conferme, avremo copertura televisiva ad eccezione, per motivi di fuso orario, proprio della BC Classic, la più bella corsa della stagione, che però verrà mandata in onda nell'orario corrispondente in Europa, intorno all'1,30 di notte. Tutte le altre, però, dovremmo riuscire a mandarle in onda con accettazione di gioco regolare. Tra i nomi noti c'è Aidan O'Brien alla caccia di Bobby Frankel e dei suoi 25 G1 vinti in stagione. Il mago di Ballydoyle è fermo a quota 22 ed ha iscritti 13 cavalli. Il Classic è la corsa più ricca: $6 milioni di dotazione, aumentata di 1 Milione rispetto allo scorso anno, che si correrà sui 2000 metri in dirti. Poi c'è la Longines Breeders' Cup Turf G1 da $4 milioni, anche lei aumentata di 1 milione. 
Il programma prevede la disputa per la prima giornata del Dirt Mile, del Juvenile Turf, del Juvenile Fillies Turf e del Distaff. Poi sabato spettacolo allo stato puro con BC Mile, BC Classic, Bc Turf conditi con il Juvenile Fillies, il Filly & Mare Sprint, il Filly & Mare Turf, il Juvenile e lo sprint in dirt ed in erba. Ma quello che secondo noi è fondamentale sapere è che quest'anno il Classic, il main event del convegno, si preannuncia forse con il miglior campo della storia. 

Capannelle: Verso il Premio Roma GBI Racing, annunciato #Elliptique. Ecco i rimasti del Roma, Berardelli e Aloisi

Quella che presentiamo è la settimana del Premio Roma Gbi Racing G1 in programma domenica pomeriggio a Capannelle. Non sarà una domenica qualsiasi perchè oltre al Premio Roma si eleggono il miglior puledro sulla distanza nel Berardelli G3 sui 1800 metri, ed il miglior velocista della stagione nel Premio Aloisi ex Umbria. Il lunedì è stata una giornata intensa in chiave forfait che sono arrivati puntualmente alle 12,00 presso gli uffici di Capannelle, ma da una prima lettura filtra subito una notizia non proprio edificante. Infatti, il cavallo che avrebbe certamente nobilitato un G1 con questo status quale Fascinating Rock (Fastnet Rock), un 123 puro, non è stato confermato da Dermot Weld. Dunque, al momento, i rimasti sono in 13 in attesa di eventuali supplementazioni. 
Dall'estero comunque sono previste partecipazioni di spicco quali quelle di Elliptique (New Approach) per i colori della famiglia Rothschild ed il training di Andre Fabre. Il 5 anni a fine Luglio ha vinto il Grosser Dallmayr-Preis G1 sui 2000 metri di Monaco con in sella Frankie Dettori (che non sarà a Capannelle causa concomitanza con le Breeders) battendo buoni cavalli tedeschi, tra cui Potemkin (New Approach), altro 5 anni in procinto di venire a Capannelle, ed alcuni dei migliori calibri teutonici. Elliptique dopo quella vittoria ha corso il Prix Foy G2 in ottica Arc, ma non ha convinto i suoi con il terzo posto su 4. Comunque si tratta di un cavallo fresco, di spessore, che ha fatto spesso bene anche se non in maniera eccellente. E poi sarebbe bello vedere quella giubba e quel training a Capannelle in una giornata come quella di domenica..

Francia: Thunder Snow di forza nel Criterium International! #Waldgeist con classe risolve il Criterium de Saint Cloud

Fine settimana riservato ai giovanissimi in Francia a cui erano riservati i due "Criteria". A Saint Cloud erano in programma il Criterium de Saint Cloud G1 sulla distanza dei 2000 metri, ed il Criterium International G1 sui 1400 metri. Nella prova sui 1400 metri invece c'è stato un assolo di un cavallo che finalmente si è espresso secondo le aspettative: Thunder Snow (Helmet), finito secondo nelle Vintage G2 e poi nelle Champagne G2 alle spalle di Rivet questo in seguito vincitore di RPT, e successivamente quarto di Dewhurst, si è preso tutta la scena vincendo facilmente il Criterium International mettendo in campo grande cambio di marcia. Il sesto delle Dewhurst, cioè South Seas (Lope De Vega), è giusto secondo mentre la femmina di Aidan O'Brien Promise To Be True (Galileo) terza ad ampio distacco. La cosa interessante è che Thunder è il primo vincitore di G1 dell'esaltante sire Helmet (Exceed And Excel), stallone alla prima annata di produzione in pista presso il Darley, che ha già 16 vincitori nell'emisfero Nord ed il recente vincitore di Gruppo in Australia in Archives. Thunder Snow è il quarto figlio stakes winner per la fattrice Eastern Joy (Dubai Millennium) dopo il buon Ihtimal (Shamardal), Always Smile (Cape Cross) e First Victory (Teofilo). Eastern Joy è mezza sorella della vincitrice di Diane G1 West Wind (Machiavellian) della famiglia della tripla Classicissima Balanchine (Storm Bird). IL VIDEO DEL CRITERIUM INTERNATIONAL QUIIL RISULTATO COMPLETO QUI.

domenica 30 ottobre 2016

Giappone: #Maurice impressiona nel Tenno Sho di Tokyo con Ryan Moore. Battuto Real Steel con Mirco Demuro.

Comincia bene il lungo weekend di Ryan Moore. Domenica mattina a Tokyo il 33enne jockey inglese ha vinto il Tenno Sho (Autumn) G1 sui 2000 metri da ¥290,500,000 (£2,275,048) in sella al campione Maurice (Screen Hero), campione più che altro sul tema del miglio, che dopo un rodaggio da sconfitto nel Sapporo Kinen G2, ha vinto quella che doveva vincere in stile impressionante. Del resto, con il cavallo nipponico, c'era del feeling già espresso in 2 G1 vinti la scorsa stagione come il Kyoto Mile Championship e l'Hong Kong Mile in Dicembre, ma l'eccellenza del 5 anni si è manifestata una volta di più con l'extra furlong. Il figlio di Screen Hero (Grass Wonder) e Mejiro Frances (Carnegie), allenato da Noriyuki Hori per Katsumi Yoshida, ha seguito in gruppo il ritmo imbastito da A Shin Hikari (Deep Impact), ricordiamolo come vincitore impressionante dell'Ispahan G1, con il grigio che ha affievolito gradualmente il passo ed ha lasciato via libera a quelli che venivano da dietro, tra cui appunto Maurice. Dalle retrovie è spuntato anche Real Steel (Deep Impact) che con Mirco Demuro è stato autore di un finale, con una azione e progressione iniziata tardivamente. Terzo è arrivato il 5 anni Staphanos (Deep Impact). Per Ryan Moore la prossima destinazione è l'Australia dove martedì, all'alba ora italiana, correrà la Melbourne Cup G1 in sella a Bondi Beach (Galileo). IL RISULTATO COMPLETO QUI. IL VIDEO DEL TENNO SHO QUI.

sabato 29 ottobre 2016

Milano: #Chiusura con il botto! Vince Princess Asta a 31/1 con Fiocchi in sella, battuto Dream Mover!

Il Chiusura G3 parla tedesco, ma non nel dialetto che ti aspetti bensì in uno assolutamente diverso. A vincere, anzi a stravincere, è stata Princess Asta (Canford Cliffs), una 3 anni ruggente che nelle mani di Carlo Fiocchi è esplosa in uno scatto dirompente dopo che il suo rovente interprete l'ha tenuta coperta fin quanto ha potuto. La 3 anni, già vincitrice di Listed in casa, era fresca ma aveva deluso all'ultima, pur vincendo la sua Listed alla penultima, ma ha dimostrato comunque di saper galoppare e di trovarsi alla grande sui 1400 in pista dritta, un tracciato non usuale in Germania. La cavalla di Mario Hofer, paraocchiata, ha colpito a 31/1 e battuto con uno scatto fulminante dal centro della pista l'altro straniero Dream Mover (Dream Ahead), per i colori del Team Valor e Marco Botti al training reduce da un secondo in handicap, mentre al terzo è arrivata la buona Sadalmelik (Aussie Rules) per Raf Biondi. Deludente la prestazione degli attesi Schang (Contat), Shining Emerald (Clodovil) e soprattutto l'atteso italiano Zapel (Kyllachy), non riuscito ad emergere. IL VIDEO DEL CHIUSURA QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Il Giovanni Falck  Lr sui 2400 metri per femmine, si è confermato terreno di caccia degli stranieri: A vincere è stata la considerata Strawberry Martini (Mount Nelson) con Fabrice Veron in sella per Henry Alex Pantall ed i colori del Newsells, che ha battuto una centrata Touche Eclatante (Champs Elysees), la quale aveva mirato questo obiettivo da lontano. IL VIDEO DEL FALCK QUI.

Aste: Tattersalls Autumn Horses-in-Training Sale a +25%! Almeno 50 acquisti degli italiani, attivissimi a Newmarket

Concludiamo il giro delle aste in Inghilterra, con la quattro giorni delle Tattersalls Autumn Horses-in-Training Sale 2016 che è stata un successone per gli organizzatori con tutti gli indici in netto saldo positivo. Complessivamente in catalogo c'erano 1,516 cavalli, offerti alla fine 1,032 di cui 949 venduti (il 92 %) per un fatturato di £25,137,100 (+24%), con una media di £26,488 (+35%) ed il prezzo mediano a £13,500 (+35%).
Presenti tutti gli operatori mondiali, o quasi, almeno quelli più attivi in medio oriente, Francia, Inghilterra ed anche Italia con i nostri connazionali che hanno effettuato almeno una cinquantina di acquisti, ad occhio e croce, senza considerare gli amichevoli di cui non abbiamo avuto grossa percezione. Ma siamo certi che a breve molti di questi correranno. Ma ne parliamo dopo. Il top price lo ha realizzato l'agenzia Sackville Donald che ha comprato per £520,000 il 4 anni Harlem (Champs Elysees), uscito dal draft di Juddmonte, piazzato a livello di Gruppo in Francia, che probabilmente continuerà la carriera in Australia.

Australia: Definito il campo della Melbourne Cup G1! 24 cavalli al via martedì 1° Novembre, tanta Europa

Si tratta della corsa che ferma una nazione. Molti lo sanno, e difatti la chiamano semplicemente Melbourne Cup G1 in programma martedì mattina 1° Novembre, ora europea, alle 4,00. Definito il campo dei partecipanti che sarà di 24 unità sul tracciato di Flemington e sulla distanza dei 3200 metri. Il favorito è Hartnell (Authorized) che ha pescato lo steccato al centro dello schieramento, vale a dire il numero 12. Hartnell è un portacolori di Godolphin, come altri 4 partecipanti del tema dello Sceiccone, che avrà anche in Oceanographer (Sea The Stars) una buonissima chance partendo dall'11. Charlie Appleby poi presenta anche il vincitore della Geelong Cup G3 Quewy (Street Cry) in partenza dal 15. Big Orange (Duke Of Marmalade), quinto lo scorso anno, ha pescato il 7 strappando un sorriso a Michael Bell, ottimo per il 5 anni. La impressionante vincitrice della Caulfield Cup G1 Jameka (Myboycharlie) avrà una notevole chance dal 3, non troppo lontana dallo steccato, ed in formissima conoscendo anche la pista. Più difficile il ruolo del Tony Martin’s Heartbreak City (Lando) che ha pescato il 23. Ha vinto l'Ebor Handicap a York, cosa non facile ma in maniera agevole con 4 lunghezze di margine, ed avrà in sella Magic Joao Moreira a bordo, che dovrà dunque inventare qualcosa.

Giappone: Domenica mattina si corre il Tenno Sho! Favorito #Maurice con Ryan Moore, Demuro su Real Steel

Non solo Europa, ma anche tanto estero ad altre latitudini. Domenica mattina a Tokyo, ore 6,40, si corre il Tenno Sho autunnale sui 2000 metri che si preannuncia ricco di qualità tra alcuni dei migliori protagonisti del turf nipponico che hanno fatto bene anche all'estero. In pista c'è Maurice (Screen Hero), cavallo dell'anno in Giappone nel 2015, vincitore lo scorso Dicembre a Sha Tin del Longines Hong Kong Mile G1 (nella foto HKJC) e tornato in patria per diventare campione nel Champions Mile G1 del primo Maggio e poi arrivato secondo due volte nello Yasuda Kinen G1, dietro a Logotype (Lohengrin), e secondo nel Sapporo Kinen G2 di fine Agosto. La domanda principale circa la candidatura di Maurice riguarda la distanza dei 2000 metri, essendo lui principalmente un miler di spessore. Ma avrà in sella Ryan Moore, dunque tutti i discorsi vengono messi in discussione. Il controfavorito sarà forse A Shin Hikari (Deep Impact). diventato il cavallo più forte di una stagione quando fece un assolo nell'Ispahan G1 salvo poi disperdersi totalmente ad Ascot nelle Prince of Wales's da favoritissimo.

venerdì 28 ottobre 2016

Emirati: Antonio Fresu comincia con una vittoria a Jebel Ali a 17/1! Anticipo del Carnival, Dubai World Cup il 24 Marzo

Antonio Fresu sarà l'ambasciatore italiano negli Emirati Arabi Uniti per la stagione 2016/2017. Un ruolo che gli è stato attribuito direttamente da noi dopo la vittoria a grossa quota nell'apertura del festival emiratino che ci farà compagnia fino alla notte della Dubai World Cup. Antonio, quasi vincitore di una classifica fantini da noi qualche anno fa, ha preso armi e bagagli ed ha accettato una offerta da parte di Erwan Charpy che se lo terrà per tutta la stagione. Intanto nella prima corsa ufficiale della stagione a Jebel Ali ha colpito duro con un 17/1 in sella al vecchio Tadmir. Lo seguiremo con interesse. Questo ci da lo spunto per parlare della stagione che verrà, perchè la Emirates Racing Authority ha comunicato quello che c'è da sapere. L'inizio era fissato per venerdì al Jebel Ali Racecourse, con un totale di 62 convegni che attraverseranno gli Emirati Arabi Uniti. In programma ci sarà anche Sharjah Racecourse il sabato e poi Meydan Racecourse che andrà di scena il giovedì. Abu Dhabi Racecourse inizierà la stagione il 6 Novembre, mentre Al Ain Racecourse comincerà venerdì 18 Novembre. Il programma di Meydan si farà più interessante nel 2017 con il Dubai World Cup Carnival nella solita rotta giovedì-sabato ma con anticipo rispetto al fine Marzo di ogni anno. Quest'anno la Dubai World Cup G1 si correrà il 25 Marzo, dunque il Super Saturday è in programma il 4 Marzo. 
In generale 10 meeting ad Al Ain Racecourse, 15 ad Abu Dhabi Racecourse, 11 a Jebel Ali Racecourse, 6 allo Sharjah Racecourse e 20 a Meydan.

Germania e Francia: Domenica i Criterium a Saint Cloud, martedì l'ultimo G1 sui 2400 a Monaco con 4 supplementati

Siamo nella fase discendente della stagione almeno per quanto riguarda l'Europa. Tra fine Ottobre ed inizio Novembre tra Germania e Francia appuntamenti da non perdere. Martedì 1 Novembre per esempio a Monaco si corre il Grosser Preis von Bayern G1, l'ultimo appuntamento di spicco sul miglio e mezzo tanto da raccogliere 4 supplementazioni. Due da parte di Peter Schiergen e due, di maggiore calibro, da parte di Godolphin che getterà dentro Hawkbill (Kitten´s Joy), allenato da Charlie Appleby e vincitore delle Eclipse Stakes G1, e Racing History (Pivotal) allenato da da Saeed bin Suroor, sesto recente nelle Champion Stakes G1. Dall'Inghilterra scenderà anche il Kirsten Rausing’s homebred Algometer (Archipenko), ma quello che è interessante sapere è che sia Racing History che Algometer sono prodotti di fattrici vincitrici di G1 in Germania come Gonbarda (Lando) e Albanova (Alzao).

Allevamento: Annunciato il ritiro di #Vadamos. Correrà per l'ultima volta a Flemington, poi ingresso al Tally Ho per il 2017

Un Monsun sul miglio in razza come ce lo vedete? L'opportunità di vederlo ci sarà data da Vadamos (Monsun), recente vincitore del Prix de Moulin G1, per il quale è stato annunciato l'ingresso nel 2017 al Tally-Ho Stud in Irlanda, con lo stud che ne ha acquisito i diritti stallonieri per la stagione di monta nell'emisfero nord. Vadamos andrà in razza con un 126 di rating attribuitogli dal Timeform per la prestazione in Francia. Ma in generale è un cavallo che si è dimostrato molto regolare, finendo nel marcatore in 16 delle 18 corse disputate. Il migliore successo è stato appunto il Prix du Moulin a Chantilly battendo i vincitori di G1 Galileo Gold, Territories, Zelzal, Ervedya, Esoterique e Dariyan con l'ultimo furlong in 10,47s, un bel cambio di marcia. 
Vadamos è uno dei 20 vincitori di G1 del sire Monsun e proviene da una famiglia di eccellenti milers sviluppata da Jean Luc Lagardere. Dopo aver corso con onore il Cox Plate, correrà per l'ultima volta in carriera nelle Emirates Stakes G1 di Flemington nel Melbourne Cup carnival del 5 Novembre prossimo. Vadamos al Tally-Ho Stud darà compagnia a Mehmas (new for 2017), Kodiac, al leading first crop sire Sir Prancealot, Zebedee, Morpheus e Baltic King.

giovedì 27 ottobre 2016

Corse Tris! Arrivano le Classifiche in tempo reale per allenatori, proprietari e driver/fantini. Punti e soldi a chi vince!

Alzi la mano chi conosceva l'esistenza di una serie di Classifiche con montepremi finali per chi partecipa alle Tris. Noi, solo in parte. Di sicuro esistono almeno da inizio anno 2016 e sono in completa fase di svolgimento. Da qualche ora è pervenuto in redazione un documento che specifica nella sua interezza il regolamento, i premi e le specifiche necessarie. Le tris oggetto della questione sono quelle del venerdì, considerate le vere e proprie TQQ della settimana in ambito nazionale, e poi quelle degli altri giorni. Dunque, due classifiche distinte e separate che comunque distribuiscono punti e somme. Ricchi premi e cotillons, a chi vince.
Al termine dell'anno il proprietario, allenatore ed il fantino che avranno totalizzato più punti porteranno a casa dei premi altissimi come per esempio 33,000 euro, 27,000 euro e 22,000 euro a seconda della categoria. Ma sono previsti premi anche per i secondi, terzi e quarti arrivati. Non è chiaro da dove vengano prelevati questi soldi, ci è stato spiegato che verranno presi dai mancati gettoni dati dalle Tris che i lunedì, causa corse straniere, non sono state disputate, ma intanto è una novità che va approfondita. IL DETTAGLIO DELLE CLASSIFICHE CLICCANDO SU QUESTO LINK. Dando un primo sguardo alle classifiche emerge come ci sia un vero sbilanciamento al trotto, inevitabile anche per numero dei partenti. Se si clicca sul nome della persona interessata, emerge il dettaglio del punteggio acquisito per le corse tris disputate in tale giorno ed in tale ippodromo.

Aste: Pubblicato il catalogo delle #GoffsUk Doncaster Autumn Horses-in-Training and Yearling Sale del 31 Ottobre e 1° Novembre

Il catalogo delle Doncaster Autumn Horses-in-Training and Yearling Sale è online da qualche giorno per un'asta sempre molto consistente in termini di risultati. Ricordiamo ancora una volta come l'euro sia preponderante sulla sterlina in questo periodo, dunque si tratta di una buonissima occasione per fare affari tra le proposte dell'allevamento inglese, da sempre al top. L'asta si terrà tra il 31 Ottobre ed il 1° Novembre ed offrirà una vasta gamma di cavalli: 372 soggetti in catalogo di cui 140 sono yearlings che verranno offerti all'apertura delle contrattazioni lunedì 31 Ottobre con inizio fissato per le 12 ore locali. Non solo yearlings ma anche 232 horses in training programmati per martedì 1° Novembre, con inizio predisposto per le 10 di mattina. 
In loco sarà presente Gianluca Di Castelnuovo della New Racing Factory contattabile via mail al seguente indirizzo: newracingfactory@gmail.com. Oppure via cellulare al numero 3332927168.
IL CATALOGO DISPONIBILE CLICCANDO SU QUESTO LINK. Ovviamente cliccando sul numero del Lotto corrispondente si aprirà una pagina dove sarà possibile consultare il pedigree completo sottoforma di catalogo del cavallo oggetto della questione.
Ricordiamo che in questa asta sono stati pescati cavalli presi a pochi soldi, che si sono poi rivelati ottimi investimenti in corsa. Alcuni esempi ne sono Nice Sunday (Stimulation) pagata £1,500, attualmente ne guadagna €8,000 correndo regolarmente le condizionate. Poi Mister Anthony (Sakhee's Secret) pagato £2,500, ha debuttato ad inizio Settembre con un secondo posto ed ha vinto agevolmente la sua maiden alla successiva qualche giorno fa. Attualmente guadagna €6,000. Poi Bond Girl (Monsieur Bond), pagata £3,600, che ha solo debuttato con un quinto posto ma è accompagnata da ottime voci circa il suo spessore ed il valore che a breve dimostrerà. E questi sono gli unici acquisti effettuati da operatori italiani. Insomma, tutti cavalli utili a pochi soldi, complice anche la sovraproduzione nelle isole britanniche, che consentono un mercato più semplice ed agevolato per chi acquista.

mercoledì 26 ottobre 2016

Allevamento: Twilight Son e Isfahan ritirati in razza. L'inglese al Cheveley, il tedesco al Gestut Ohlerweiherhof

Il periodo tra fine Ottobre e Novembre, è tempo di annunci e ritiri in razza. A quelli anticipati nei giorni scorsi di Shalaa, Goken, The Last Lion, Speedy Boarding, Mizzou ed Harzand, si è aggiunto il nome di Twilight Son (Kyllachy) che entrerà in razza a partire dal 2017 al Cheveley Park Stud al fianco di suo padre Kyllachy, Dutch Art, Garswood, Lethal Force, Mayson, Medicean e Pivotal
Allenato da Henry Candy, Twilight Son era rimasto imbattuto nelle prime 5 uscite in carriera culminate dalla prima vittoria al massimo livello con una impressionante performance della Sprint Cup G1 di Haydock Park. Quest'anno ha vinto le Diamond Jubilee Stakes G1 al Royal Ascot. Non è stato ancora reso noto il tasso di monta, che verrà annunciato più avanti.
Insieme a Twilight Son, verrà ritirato in razza un 3 anni tedesco che conosciamo bene: Isfahan (Lord Of England), vincitore del Deutsches Derby G1 entrerà in razza al Gestut Ohlerweiherhof, ed il ritiro è dovuto a problemi noti ai piedi. Dotato di grande fisico, ha patito un pò di problemi ai piedi che ne hanno dunque condizionato la carriera. Allevato da Andreas Wohler e da una moglie Susi, ha vinto a 2 anni il Preis des Winterfavoriten G3 e poi a 3 il Bavarian Classic G3 ed il Derby tedesco, intervallando con una partecipazione nel Derby Italiano G2 dove non si è piazzato a causa di un terreno molto scorrevole ed una distanza un pò corta per le sue caratteristiche. Poi, la rivincita in patria con in sella Dario Vargiu. Tra l'altro, notizia passata in sordina, il risultato del Derby tedesco è rimasto in sospeso fino a qualche settimana fa a causa di una indagine su quante frustate avesse preso per vincere. Comunque, tutto risolto, indagine chiusa e risultato ufficializzato. 

Aste in Irlanda: Altri 32 iscritti supplementari alle prossime #Goffs Horses In Training & Open Yearling Sale del 2 e 3 Novembre.

Ci saranno 32 cavalli supplementari iscritti alle prossime Goffs Horses In Training & Open Yearling Sale di cui abbiamo parlato qualche giorno fa. Alla fine 177 cavalli in training, incluso un draft di 8 wild cards acquisite dal Moyglare Stud, verranno offerti dalle 14,30 ora locale di mercoledì 2 Novembre, seguito da un'altra giornata piena di yearlings dalle 10 di mattina di giovedì 3 Novembre. 
A seguire, l''articolo completo di presentazione: La sempre crescente domanda di posti alle Goffs Horses-In-Training & Open Yearling Sale ha avuto come conseguenza che si dovesse inserire un giorno in più, in modo tale da aver così la necessitò una 2 giorni suddivisa anche con la sessione di Horses In Training. Proprio questi apriranno le licitazioni mercoledì 2 Novembre, e saranno seguiti dagli yearlings di giovedì 3 Novembre. Tra quelli in allenamento, disponibili 150 cavalli in training inseriti nel catalogo tra cui un impressionante draft dell’Aga Khan che metterà in vendita ben 19 soggetti. Cavalli allenati sinora da gente come Jim Bolger, Dermot Weld, Joseph O’Brien, Jessica Harrington, Johnny Murtagh, Ger Lyons, John Oxx e tanti altri. In particolare sarà messo in vendita Loch Garman (Teofilo), vincitore di G1 a 2 anni in Francia, poi Flight Risk vincitore di Gladness Stakes G3 nel 2015 e piazzato di Gruppo quest’anno. Poi Grand Coalition (Kodiac), quarto di Phoenix Stakes G1 pochi mesi fa, ed ancora Embiran (Shamardal), un 3 anni piazzato in Listed e Radanpour (Sea The Stars) vincitore di Listed a 4 anni nel 2016. Chiaramente ci sono delle wild cald a disposizione di chi ha intenzione di inserire un cavallo all’ultimo momento, ma tutto sarà chiaro qualche giorno prima dell’asta. 
Tra gli yearlings, possibilità di fare grossi affari grazie ad una enorme produzione irlandese. Saranno 216 i puledri che passeranno nel ring, figli di stalloni quali Acclamation, Dandy Man, Fast Company, Fastnet Rock, Kodiac, Lawman, Lope De Vega, Ravens Pass, Sir Prancealot, Zoffany etc.
L’asta dei cavalli in training comincerà alle 14,30 del 2 Novembre, mentre gli yearlings passeranno dalle 10 di mattina del 3 Novembre. Il catalogo online cliccando su questo LINK

lunedì 24 ottobre 2016

Mondo del Turf. #Found correrà il Classic a Santa Anita contro California Chrome. I risultati di domenica tra Europa e Asia

Ed ora qualche notizia che arriva dall'estero: La prima riguarda la vincitrice dell'Arc Found (Galileo), seconda anche nelle Champion Stakes G1, che secondo alcune rivelazioni fornite da Aidan O'Brien nel weekend a Leopardstown correrà in America, a Santa Anita, nella due giorni della Breeders. L'obiettivo però probabilmente non sarà quello della BC Turf, già vinta lo scorso anno, ma quello della Breeders' Cup Classic G1 sui 2000 metri in sabbia. Si prevede dunque un "titanic clash" con California Chrome ed Arrogate, i favoriti americani. Found è stata installata nell'antepost a 12-1, mentre California Chrome è proposto "evens" con Arrogate a 5-2 e Frosted ad 8-1. Tra gli altri da Ballydoyle, Highland Reel, vincitore di Kint George VI And Queen Elizabeth Stakes e secondo di Arc, rappresenterà il trainer irlandese nella Breeders' Cup Turf.
Ieri in Francia la più bella corsa del pomeriggio a Saint Cloud è stata vinta da Vazirabad (Manduro), sicuramente miglior stayer di Francia, che ha vinto il Prix Royal-Oak G1 per il secondo anno consecutivo battendo il Godolphin Endless Time (Sea The Stars) e la femmina Siljan’s Saga (Sagamix), reduce dal piazzamento nell'Arco. Per Vazirabad era la settima vittoria in carriera in 13 uscite, mentre nell'ultima occasione nella quale era sceso in pista aveva perso il Prix du Cadran G1 a favore di Quest For More nel meeting dell'Arco. IL VIDEO QUI.
A Sha Tin convegno di preparazioni in vista del Dicembre di prestigio: Nello Sha Tin Trophy G2 a vincere è stato Designs On Rome (Holy Roman Emperor) sul miglio. Il 6 anni con in sella Karis Teetan, titolare di 4 vittorie di G1 a livello locale per John Moore, ha battuto Blazing Speed (Dylan Thomas) e l'ex italiano Beauty Only (Holy Roman Emperor), candidandosi ad un ruolo nella prossima Hong Kong Cup G1. IL VIDEO QUI. Nella quinta corsa del pomeriggio di Hong Kong, il H. Moser & Cie. Excellent Handicap sui 1200 metri da HK$ 1.750.000, è giunto secondo l'ex italiano Ginwar (Martino Alonso), che ora si chiama Wah May Friend, mentre terzo in parità è giunto Flying Moochi (Henrythenavigator), ex Hoovergetthekeys. Nella stessa prova non si sono piazzati Pablosky ed Hero Look, altri due ex italiani. IL VIDEO QUI.
In Giappone il campione Satono Diamond (Deep Impact) si è confermato tale vincendo il Kikuka Sho (Japanese St Leger) di Kyoto, in stile notevole. Reduce dal secondo posto nel Derby nipponico alle spalle di Makahiki, ha vinto con in sella Christophe Lemaire a quota di 13-10 battendo Rainbow Line (Stay Gold) e Air Spinel (King Kamehameha). IL VIDEO QUI.

Allevamento: #Harzand ritirato in razza. Il duplice vincitore di Derby inglese ed irlandese funzionerà in Irlanda.

Il duplice vincitore di Derby Harzand (Sea The Stars e Hazariya da Xaar), è stato ufficialmente ritirato dalle competizioni ed andrà a fare lo stallone presso gli allevamenti dell'Aga Khan del Gilltown Stud in Kildare, Irlanda. Allevato proprio dall'Aga Khan, Harzand ha corso solo una volta a 2 anni mostrando talento e premesse confermate poi nel Marzo dei 3 anni con una vittoria a Cork per 16 lunghezze. Gettato nella mischia da Dermot Weld in Pattern, Harzand ha battuto Idaho (Galileo) nelle Ballysax G3 a Leopardstown, nel trial per il Derby poi vinto in condizioni particolari. Sembrava non dovesse neanche partire per un problema manifestato nei giorni prima della corsa e dietro le gabbie di partenza, è invece partito ed ha affondato i rivali ad Epsom battendo US Army Ranger (Galileo) di una lunghezza e mezza con in sella Pat Smullen. Stessa classe mostrata dallo stesso Harzand poi nel Dubai Duty Free Irish Derby G1 al Curragh tre settimane dopo, senza poi ripetersi in condizioni particolari nelle Irish Champion e nell'Arco. Harzand andrà a fare compagnia a suo padre Sea The Stars (Cape Cross) al Gilltown, proveniendo da una delle famiglie dell'Aga Khan che fa capo alla vincitrice di G3 Hazariya, mezza sorella della Classica Hazarista (Barathea), piazzata di Oaks G1. Harzand si ritira con uno score di 7 corse e 4 vittorie per un bottino di €1,943,545. Disponibile per gli allevatori alle prossime Goffs Foal and Breeding Stock Sale dei primi di Novembre.

Roma: Sound Of Freedom si risveglia a Capannelle e vince il Lydia Tesio su Zghorta Dance e Laganore! Quarto Lydia per Fabio Branca. Nel Ribot Greg Pass redento, nello Scheibler il volo di Way To Paris

Prima i fatti, che in realtà già conoscono tutti, e poi le considerazioni da blogger. Sound Of Freedom (Duke Of Marmalade), che lo scorso anno era finita seconda nel Lydia Tesio G1 di Odeliz e nel corso del 2016 nella campagna primaverile inglese non aveva toccato palla tra Chelmsford, Nottingham, Newcastle e Newmarket tra ondulazioni, all weather e clima ostile, è dovuta tornare in Italia per ritrovare la forma, la condizione e la migliore prestazione in carriera per vincere il Lydia Tesio G1. La figlia di Duke Of Marmalade (Danehill) ha seguito le mosse della compagna Plein Air (Manduro), stavolta più da vicino rispetto all'Archidamia di cui vi avevamo parlato in quella occasione, e quelle di Sarandia (Dansili) che hanno messo giù un bel ritmo. A 600 dal palo la lunga progressione ha premiato la saura del Sciur Villa che ha scelto così di battere corsie interne mangiando qualcosa ai rivali, mentre al centro della pista si scatenava la bagarre con qualche colpo proibito complice la voglia di vincere di Cristian Demuro che ha provato a farsi giustizia da se (rimediando anche una bella multa), tutto questo quando all'esterno di tutti la francese Zghorta Dance (Le Havre) ha trovato azione fluida solo a 400 dal palo, quando "pintava" già dall'ingresso in retta, per finire a bomba, con un Mendizabal discutibile nella scelta, che non ha però fatto in tempo ed è arrivata sul palo quando il Deejay stava già mettendo l'ultimo disco. Fabio Branca, quando la francese si è materializzata, nel frattempo stava già facendo il 4 con la mano sinistra, per ricordare il suo poker personale in questa corsa. Terza, all'ultimo tuffo, è giunta Laganore (Fastnet Rock) sulla quale Jim Crowley non ha cercato un percorso facile, anzi, facendola emergere quasi di inerzia dopo i batti e ribatti con la francese Powder Snow, l'inglese Persona Grata, la stessa Plein Air.

domenica 23 ottobre 2016

Milano: Dschingis Secret vola sul St Leger Italiano G3! Nel Campobello prosegue da imbattuto il grigio Ground Rules

Il weekend italiano è stato inaugurato da San Siro che virtualmente ha passato il testimone a Capannelle per la seconda parte dell'autunno. Nella giornata di sabato si è corso il St Leger Italiano G3 sui 2800 metri vinto dal tedesco, tanto per cambiare, Dschingis Secret (Soldier Hollow) con Martin Seidl in sella per Markus Klug al training. Il 3 anni, terzo nel Derby tedesco di Amburgo alle spalle di Isfahan, ha vinto di 7 lunghezze sull'italian bred Troublemaker (Vita Rosa) ed il tedesco Berghain (Medicean), con il SAF Tellina (Silvano) finito sesto di 7, perchè Duca Di Mantova si è fermato come 2 volte fa. IL VIDEO QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Per i 2 anni c'era il Campobello Lr per puledri in odore di Berardelli G3 o lontanamente in odore di Derby. A vincere è stato uno dei tre di Stefano ed Alduino Botti quale Ground Rules (Aussie Rules), portacolori Effevi ora imbattuto in 2 uscite, che ha replicato il bell'assolo del debutto vincendo ancora ma sfruttato la vena realizzativa di Cristian Demuro che ha portato il suo al largo di tutti su una fascia meglio galoppabile, e farlo progredire in una azione presa solo a 200 dal palo. Battuto Dulciboy (Paco Boy), mentre nulla da fare per il "titolare" della cattedra Fabio Branca in sella a Trust In Me (Desert Prince), arrivato nelle retrovie dopo aver tentato un percorso interno poco produttivo. VIDEO QUI. Stesso identico risultato nel Castello Sforzesco HP per i cavalli di 2 anni con Cristian Demuro che ha montato quello in teoria considerato il secondo di scuderia Effevi. Fabio Branca, in sella ad Happy Dream, è arrivato ultimo (troppo male, comunque) mentre a vincere è stato ancora un grigio Effevi dal nome Opinion Maker (Zoffany) che a Roma aveva vinto in all weather.

sabato 22 ottobre 2016

Australia: Una stratosferica #Winx domina ancora il Cox Plate! 13° vittoria consecutiva, 8° a livello di G1. Obiettivo Ascot 2017

Non solo Europa. Con la fine delle corse importanti in Europa, di cui parliamo poco più sotto con il RPT, da vedere nel periodo c'è molta Australia, l'America con le 2 notti di Breeders da Santa Anita e poi il tradizionale Dicembre di Hong Kong. Ma in Australia c'è una campionessa già conclamata che ogni corsa di più sposta sempre maggiormente l'asticella delle proprie abilità illuminando il suo cammino. Lei si chiama Winx (Street Cry), ha 5 anni, è allenata da Chris Waller, di proprietà di una partnership che comprende il Magic Bloodstock Racing, R G Treweeke & Mrs D N Kepitis, e proprio nella mattinata di sabato ha vinto di ben 8 lunghezze con una prestazione fuori dalla norma, tanto da essere definita "unreal", il William Hill Cox Plate G1, dopo quella del 2015, sui 2040 metri in erba, estendendo il proprio record a 13 vittorie consecutive, vincendo una delle corse più attese in Australia dopo la Melbourne Cup! A fare da comparativo della vittoria, è un pò come aver vinto le Champion Stakes G1 sbaragliando la concorrenza e difatti il paragone non è così peregrino se consideriamo che la prestazione è stata valutata alla stregua di quella di Almanzor ad Ascot, quantificabile in un 127. Winx ha battuto da lontano Hartnell (Authorized) per Godolphin Australia, il quale a sua volta è un vincitore di G1 e l'ultima volta ha battuto tale Jameka, trionfatrice qualche giorno fa nella Caulfield Cup G1.

Doncaster: Andrea #Atzeni nella storia! Grazie a #Rivet, quarta vittoria consecutiva nel Racing Post Trophy! Battuto O'Brien

Nella storia delle corse, solo un fantino è riuscito a vincere quattro volte consecutivamente lo stesso G1. Il suo nome è Andrea Atzeni, capace di vincere ancora una volta il Racing Post Trophy G1. In generale, questo è un ippodromo che vuoi o non vuoi esalta i suoi successi fino a spingerli sempre un pò più su. Un pò come Frankie Dettori quando respira l'aria del Berkshire, quando Andrea entra al Town Moor è destinato ad uscire con un sorriso e qualche coppia. Stavolta, il nome che succede a quelli di Kingston Hill, Elm Park, Marcel, è quello di Rivet (Fastnet Rock) allenato da Willy Haggas e reduce da un quinto posto nelle Dewhurst Stakes G1. Battuto ancora una volta Aidan O'Brien che, in questa corsa, dopo l'edizione vinta con Kingsbarns, ha ottenuto 4 secondi posti consecutivi, tutti dietro ad Atzeni. Nell'occasione a seguire il jockey italiano è stato Ryan Moore in sella al "massive gamble" della vigilia Yucatan (Galileo) per i colori Niarchos che ha corso bene, si è dimostrato ancora acerbo e legnoso nel progredire (più da Derby, che da Ghinee), e si è inchinato allo strapotere di un cavallo rodato, prontissimo, e sicuramente capace di gradire l'extra furlong rispetto a Newmarket, senza dimenticare il fatto di essere più scafato in certi contesti tanto da gestire la corsa sui primi e rimanere in quota con una volata proficua e senza soluzione di continuità. Terzo è arrivato in lotta Salouen (Canford Cliffs) per un Sylvester Kirk sulla luna dopo il piazzamento ottenuto a Chantilly nel Lagardere G1. IL RISULTATO COMPLETO QUI. IL VIDEO DEL RACING POST TROPHY QUI.
Andrea Atzeni, come sempre molto umile, ha spiegato che le sue vittorie a Doncaster sono frutto di fortuna nel montare cavalli buoni allenati da trainer buoni. Non va sempre così, caro Andrea. La fortuna non si costruisce da sola ma va applicata al talento e all'opportunità. E, nonostante in questo periodo non sia stato impeccabile in alcune interpretazioni, eccolo tirare via le castagne dal fuoco di Willy Haggas. 
Quanto vale questo Racing Post Trophy G1 lo dirà solo il tempo, ma l'idea è quella di non essere di fronte ad un campione autentico alla Frankel, per intenderci. Tuttavia, chi vince il RPT va dritto alle Classiche di primavera. I Bookmakers hanno reagito in maniera tiepida tagliando la quota di Rivet da 20/1 a 16/1 nelle 2000 Ghinee di Newmarket. 
Per Aidan O'Brien fallito l'appuntamento di salire nella graduatoria dei G1 in stagione all'inseguimento del record di Bobby Frankel. Servirà ora una piccola magia tra Australia, America ed Hong Kong per avvicinare le 25 vittorie, quando attualmente è fermo a quota 21 (22 se ne contiamo una anche in ostacoli). 

venerdì 21 ottobre 2016

Doncaster: Provaci ancora Andrea! Atzeni in sella a #Rivet nel Racing Post Trophy vinto 3 volte. Favorito Yucatan, giocatissimo

Andrea Atzeni e Doncaster, una storia di feeling incredibile. Qui al Town Moor il jockey italiano ha vinto 3 edizioni consecutive del Racing Post Trophy, 2 del St Leger e nell'ultimo meeting Classico ha ottenuto 8 vittorie in pochi giorni. Stavolta non sarà semplice, ma quando il fantino di Nurri respira quest'aria tutto è più semplice. Sabato sarà ancora protagonista nel Racing Post Trophy G1 (ore 16,50 in Italia) in sella a Rivet (Fastnet Rock) per Willy Haggas, con cavallo cresciuto fino a vincere proprio a Donny le Champagne Stakes G2, salvo poi rimanere quinto nelle Dewhurst Stakes G1. Atzeni sarà comunque il controfavorito della corsa, alle spalle del talentuoso Yucatan (Galileo e Six Perfections) sul quale c'è stato un "massive gamble" negli ultimi giorni. Padre Aidan aveva lasciato iscritto fino all'ultimo anche Capri (Galileo), vincitore delle Beresford G2 al Curragh davanti a Yucatan, ma quando un ingente flusso di denaro ha coperto di aspettative il Niarchos, si era capito che Capri non sarebbe stato dichiarato partente. E così è stato con la quota di Yucatan in picchiata fino all'evens di quest'oggi. Tre corse in carriera, un debutto in sordina al Curragh, una vittoria in maiden e poi il secondo posto nelle Beresford: Tutte e tre le prestazioni con in sella i figli inesperti di Aidan: Ana e Donnacha. Stavolta avrà a bordo Ryan Moore.
Dei 2 al via abbiamo detto di 2 ma dal Lagardere G1 ci prova Salouen (Canford Cliffs), secondo a Chantilly, poi Sir Dancealot (Sir Prancealot) come ultimo grido di David Eslworth a 8/1. Padre Aidan ne getta nella mischia altri 2 oltre al talentuoso Yucatan: The Anvil (Galileo), ancora maiden ma cresciuto, e Finn McCool (Galileo), vincitore della sua maiden ma solo al quarto tentativo. A York è piaciuto molto Raheen House (Sea The Stars), Contrapposto (Cacique) sembra limitato, Brutal (Pivotal) per la Qatar Racing e Bay Of Poets (Lope De Vega) per Godolphin sono gli outsiders. IL CAMPO PARTENTI DEL RACING POST TROPHY CLICCANDO QUI.
Andrea Atzeni ci prova: Dice che questo è un tracciato che gli porta fortuna. Ma la fortuna non è nulla se non baciata dal talento e dalle opportunità sfruttate!

giovedì 20 ottobre 2016

Verso il Lydia Tesio di domenica 23: Sette straniere al via, ci sarà anche Jim Crowley! Il Champion jockey inglese sarà in sella a Laganore. Ecco gli abbinamenti con le monte della giornata nelle anticipazioni. Poi Ribot, Scheibler e Pandolfi!

Si vanno sempre più delineando i campi partenti della domenica di Capannelle che offrirà agli appassionati una bella giornata internazionale. In programma Lydia Tesio G1, poi Ribot G3 memorial Loreto Luciani, il Pandolfi Lr e lo Scheibler Lr.
Partiamo dal Lydia Tesio dove ormai sembra tutto fatto in termini di partecipazioni dall'estero. Come anticipato nei giorni scorsi ben 6 cavalle straniere hanno accettato l'ingaggio capitolino, con le monte in gran parte già decise. Ad inizio settimana si era ventilata l'ipotesi di avere a Roma gente come Frankie Dettori e Ryan Moore, ma man mano che passano le ore sembrano sempre meno delineate le loro forme sull'ippodromo romano, anche perchè dai vari team sono arrivate conferme circa i fantini impegnati come Cristian Demuro, Umberto Rispoli, Jimmy Fortune, il neo Champion Jockey Jim Crowley, Andrasch Starke, poi Aurelien Lemaitre e Gabriele Congiu di ritorno in Italia. Dunque, se per Ryan Moore praticamente non ci abbiamo mai sperato, per Frankie resta un lumicino di possibilità qualora cambi qualcosa nelle ore che ci divideranno al gong della dichiarazione dei partenti che avverrà entro venerdì mattina alle 9,30 presso gli uffici di Via Appia Nuova 1255.. ma ecco qualche anticipazione ed i video con riguardo alla giornata a cui assisteremo domenica, dove è previsto tempo bello e terreno buono.. 

martedì 18 ottobre 2016

Capannelle: Verso il Lydia Tesio, ecco le anticipazioni e le primeadesioni. Almeno 5 straniere al via contro le nostre..

Domenica a Capannelle va in scena il primo G1 della stagione capitolina, con il Premio Lydia Tesio G1 a reggere il cartello che comprende anche il Premio Ribot G3. Diamo una prima lettura dei rimasti al forfait di lunedì, annunciando già quelle che sono delle conferme dall'estero. Delle 15 rimaste ben 9 sono straniere, di cui 5 hanno già ufficializzato la propria presenza. Si tratta di Blond Me (Tamayuz) per Barbara Keller che ha vinto lo scorso anno con Odeliz e presenta una 107 reduce dalla campagna turca del Topkapi Trophy G2, poi Laganore (Fastnet Rock) per Tony Martin che vale un 109 per la recente e convincente affermazione in Listed, Zghorta Dance (Le Havre) per Jean Claude Rouget, prima di Vantaux G3, settima di Diane G1 e quarta di Psyche G3, Sarandia (Dansili), seconda di Oaks tedesche quinta di G2 e poi facile vincitrice di Listed per Peter Schiergen e Persona Grata (Sir Percy) per Ed Walker.

Inghilterra e Francia: Verso il Racing Post Trophy di sabato. Poi aste, allevamento.. campioni che vanno e che vengono

Ed ora un pò di notizie sparse qua e la. L'ultimo G1 della stagione britannica si correrà a Doncaster sabato pomeriggio con la disputa del Racing Post Trophy G1, tradizionalmente considerato un antipasto della stagione Classica in ottica Derby. Chi vince questa di solito va in cima all'antepost del Blue Ribbon. L'ultimo a realizzare il doppio è stato Camelot (Montjeu), vincitore anche delle 2000 Ghinee, manco a dirlo allenato da Aidan O'Brien il quale, alla ricerca ma non ossessiva del record di G1 vinti in stagione (25 di Bobby Frankel, lui è a quota 22 tra piano ed ostacoli), sguinzaglia un plotone di candidati numericamente quantificabili in 6. O'Brien, che ne ha vinti 7 di Racing Post Trophy, tra i 17 rimasti in generale ha ancora dentro Capri (Galileo) e Yucatan (Galileo), primo e secondo nelle Beresford G2 del Curragh, poi Finn McCool (Galileo), fratello di Kingfisher, Douglas Macarthur (Galileo), Sir John Lavery (Galileo) e The Anvil (Galileo). Vedremo alla fine con quanti correrà.
Tra gli altri ancora dentro Frankuus (Frankel), tipico "Johnston" corsaiolo vincitore del Prix de Conde G3 a Chantilly recentemente, poi il progressivo Sir Dancealot (Sir Preancelot) per David Elsworth, poi ancora Brutal (Pivotal), Salouen (Canford Cliffs), Rivet (Fastnet Rock), quinto delle Dewhurst G1, Century Dream (Cape Cross), Rodaini (Exchange Rate), Bay Of Poets (Lope De Vega), City Of Joy (Elusive City), Contrapposto (Cacique) e Raheen House (Sea The Stars). 
Altra notizia recente: L'Aga Khan ha annunciato di aver ritirato in razza Dariyan (Shamardal) per il 2017 all'Haras de Bonneval. Si tratta di un rappresentante di una delle famiglie più prolifiche di casa Aga Khan, di cui fa parte anche Almanzor, ed è prodotto della campionessa Daryakana (Selkirk), vincitrice di Vase G1. Dariyan in corsa ha vinto il Ganay G1 ed è piazzato nell'Ispahan G1.

lunedì 17 ottobre 2016

Estero: One Foot In Heaven vince il Conseil de Paris. America ed Australia, ecco i risultati più interessanti del weekend

Non c'è stata solo Italia ma un pò di internazionalità nella domenica appena vissuta. Ad una settimana dall'Arc de Triomphe G1, l'Alain du Royer Dupre One Foot In Heaven (Fastnet Rock) ha trovato la compagnia più agevole dopo il quinto a Chantilly, tornando a vincere il Conseil de Paris G2 dopo il Grand Prix de Chantilly G2, stavolta con Soumillon in sella battendo Tiberian (Tiberius Caesar), e Berkshire (Mount Nelson) che era iscritto nel Jockey Club ma ha preferito andare in Francia.
Sabato in America, a Keeneland l'europea, ma allevata dalla Tenuta Della Genzianella, Hawksmoor (Azamour) ha sfiorato la vittoria nelle Queen Elizabeth II Challenge Cup G1, battuta di un muso da Time And Motion (Tapit) ed Harmonize (Scat Daddy).
Nel Canadian International G1 di Woodbine in Canada, esplosivo cambio di marcia di Erupt (Dubawi) per Francis Harry Graffard con in sella Pasquier, ha battuto di 1 Dartmouth (Dubawi) e Wake Forest (Sir Percy). Idaho (Galileo) solo quinto, ultimo Protectionist (Monsun). IL VIDEO QUI
Sabato a Caulfield c'è stata la Caulfield Cup vinta dalla 4 anni Jameka (Myboycharlie) per Ciaron Maher con in sella Nicholas Hall, e si tratta di una campionessa a livello locale, ed ha battuto il castrone europeo Scottish (Teofilo) per Charlie Appleby. Solo settimo Sir Isaac Newton (Galileo). IL VIDEO QUI. Probabile ora la presenza nella Melbourne Cup G1.
Sabato ancora Australia con il Cox Plate dove al momento la favorita è la femmina di Chris Waller Winx (Street Cry), ma c'è attesa per il Fabre Vadamos (Monsun) che avrà in sella Joao Moreira.  In ordine temporale, poi c'è attesa per la Breeders Cup del 4 e 5 Novembre in America. 

Milano: Ventura Storm, un tornado sul Jockey Club! Battuto Full Drago, quarto G1 in stagione per Demurino! Nel Gran Criterium sorpresa Skarino Gold, Voice Of Love soddisfazione italiana nel Piazzale verso il Premio Roma.

PREMIO DEL JOCKEY CLUB: Ventura Storm (Zoffany) è un cavallo da G1 e lo ha dimostrato, catturandolo, a San Siro vincendo il Gran Premio del Jockey Club G1 dopo lo sfortunato piazzamento nel St Leger di Doncaster G1 dove aveva perso di pochissimo in una corsa strana condizionata dalla caduta di Idaho. Il cavallo di Richard Hannon di proprietà della Middleham Park Racing (primo G1 in stagione per loro, tutti presenti a San Siro), avevano puntato da lontano questo obiettivo non tanto per il montepremi (anzi, speriamo li diano presto ad Hannon e non come un paio di anni fa quando fece pubblico dileggio dell'ippica italiana tra i trainer in UK) ma quanto per il G1 in se e per se. Su un terreno definito “sticky" da Frankie Dettori, il figlio di Zoffany (Dansili) ha mostrato tutto il coraggio di questo mondo battendo in lotta il migliore degli italiani Full Drago (Pounced), com il quale si era staccato in dirittura in una lunga progressione senza esclusione di colpi. Tanto che i commissari hanno chiamato l'intervento, pur tuttavia lasciando tutto invariato. Cristian Demuro, al quarto G1 in stagione, ha parlato di una corsa sempre dominata, conoscendo anche direttamente il suo dirimpettaio, ed Umberto Rispoli ha confermato l'impressione dicendo che sono cose che in corsa capitano. Una spallata di qui, una di la. Ma il risultato comunque non sarebbe cambiato. Sta di fatto che è stata la dirittura più bell'anno, con Cristian versus Umberto protagonisti. Nella lotta per il terzo si è ritratto Arab Spring (Monsun), poi quarto, mentre è spuntata la femmina Elbereth (Mount Nelson). Male, molto male, Dylan Mouth (Dylan Thomas), ultimo rallentato e mai seriamente pericoloso tranne un timido approccio alla testa dei primi appena in retta. Bisognerà capire se il suo futuro è tornare a Cenaia anzichè restare in Inghilterra. Forse il terreno colloso gli ha messo i freni..attendiamo decisioni in merito. IL VIDEO DEL PREMIO DEL JOCKEY CLUB QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI. Ventura Storm, che quest'anno aveva vinto il Prix de Reux G3, potrebbe progredire ancora sul tema del miglio e mezzo e distanze superiori. Sicuramente è migliorato tanto.

sabato 15 ottobre 2016

Ascot, #ChampionsDay: #Almanzor si conferma campione nelle Champion Stakes, battuta ancora Found.

Adesso non ci sono più dubbi. Le Irish Champion Stakes G1 sono state la corsa più rappresentativa della forma in Europa. Quel giorno, il 10 Settembre, a Leopardstown Almanzor (Wootton Bassett) fece un sol boccone di Found (Galileo), poi vincitrice di Arco. Lo show dell'UFO è stato replicato ad Ascot (di fronte a 31,835 persone, +1000 rispetto allo scorso anno) dove il cavallo francese che, dopo andatura abbastanza lenta all'inizio, ha dovuto solo preoccuparsi di avere la sinistra libera con Cristophe Soumillon che ha tenuto il suo ben impacchettato allo steccato, numero favorevole il suo, e quando gli ha chiesto lo scatto questo ha risposto lasciando li sul posto la femmina Found che è tornata ad ottenere secondi posti su secondi posti. Ma cosa vuoi chiedere di più, ad una cavalla di acciaio che ha perso da uno più forte per ben due volte in questa stagione, e sempre in maniera netta. Found ha seguito da vicino Terzo è arrivato Jack Hobbs (Halling), rivisto bene dopo praticamente un anno di assenza dalle piste, così come finalmente abbiamo rivisto combattivo The Grey Gatsby (Mastecraftsman), troppo male a Chantilly, ed oggi quarto pagando solo alla fine. Almanzor non c'era a Chantilly, con Jean Claude Rouget riuscito a resistere alle sirene francesi per una eventuale presenza nell'Arco dopo l'infortunio de La Cressonniere. Niente da fare, il campione dei 3 anni ha atteso Ascot e si è preso tutto tutto il palcoscenico diventando probabilmente il cavallo più forte in circolazione. Tempo finale di 2m 5.94s (slow by 1.44s). Da sottolineare che ad un'ora dalla partenza dalla corsa Fascinating Rock (Fastnet Rock) è stato ritirato causa terreno, speriamo venga a Capannelle a nobilitare un Premio Roma G1 nel quale è stato iscritto da Dermot Weld. E ve lo diciamo in anteprima..IL VIDEO DELLE CHAMPION STAKES QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

giovedì 13 ottobre 2016

Aste: Concluso il Book 2 delle #Tattersalls October Sale. Movimento a £38,8 (-8,5%), agli italiani 13 cavalli per £466,000.

Si è concluso anche il terzo giorno del Book 2 di Tattersalls, al termine del quale facciamo un pò il punto della situazione tirando le somme e dando le note di italianità presenti alla colonna degli acquisti (corposi economicamente), per fortuna. In totale del Book 2 c'erano in catalogo 774 cavalli di cui 708 offerti, 594 venduti (l'anno scorso furono 681) che hanno realizzato un movimento di £38,823,500 (-8,5%) con la media a £65,359 (+5%) ed il mediano a £50,000 (+6,4%). 
Il top price è stato realizzato ancora da John Ferguson che ha acquistato per £380,000 il Lot 997, un maschio da Kodiac (Danehill) con mamma Red Vale (Halling), già madre di Vale Of York (Invincible Spirit), campione e stallone, della immediata famiglia di Responsibleforlove (Duke Of Marmalade) di proprietà a metà del Team Valor e Razza Latina. Tra i prezzi più alti vanno segnalati ancora un Dubawi da £300,000, 2 Kyllachy (Pivotal) rispettivamente da £270,000 e £260,000, un Sea The Stars (Cape Cross) da £260,000, uno Shamardal (Giant's Causeway) ed un  Holy Roman Emperor (Danehill) da £250,000. 
Alla fine John Ferguson ha comprato 16 lotti per conto Godolphin spendendo quasi £3 milioni. Molto di più ha fatto Angus Gold per Shadwell che ha comprato 42 cavalli per complessivi £5,157,000.
Gli italiani

#Ascot: Verso il #ChampionsDay di sabato 15 Ottobre! #Almanzor vs #Found nelle Champion, Minding nelle QE II Stakes

Ci avviciniamo sempre di più al Champions Day di sabato pomeriggio ad Ascot, cominciano ad arrivare succose conferme e novità. La prima riguarda la conclusione della trattativa per l'acquisto di metà Almanzor (Wootton Basset) in ottica stallone. Tranquilli, correrà anche a 4 anni e rimarrà in allenamento da Jean Claude Rouget, ma il suo "cartellino" è ora diviso in più parti. Gerard Augustin Normand ed Antonio Caro, i proprietari originari, hanno ceduto il 50% del loro alla S.F. Bloodstock, una partnership internazionale (australiana con base in America) che ha ulteriormente frazionato tra Haras d'Etreham, dove funziona il padre Wootton, poi la Riviera Equine, il Gestut Zur Kuste. Insomma, cartellino frazionato in più parti ma il 50% rimarrà ancora nelle mani dei proprietari di cui sopra. Probabilmente entrerà in razza nel 2018 proprio all'Etreham. Vabè, il 3 anni comunque è stato preparato proprio per questa dopo aver saltato l'Arco: Ha lavorato lunedì mattina con Soumillon a bordo ed è partito alla volta di Ascot giovedì mattina.
Nelle QIPCO Champion Stakes G1 sono comunque rimasti in 19 al momento ed il campo si presenta di spessore nonostante non saranno alla fine tantissimi. Almanzor roverà sulla sua strada Fascinating Rock (Fastnet Rock), vincitore dello scorso anno, il rientrante Jack Hobbs (Halling), Hawkbill (Kitten's Joy), My Dream Boat (Lord Shanakill), questi i confermati al momento. 
BALLYDOYLE RISPONDE:

martedì 11 ottobre 2016

Milano: Frankie Dettori presente a San Siro nella domenica del Jockey Club e Gran Criterium. Ecco le ultime..

Altra domenica di livello quella che ci aspetta a San Siro per il 16 Ottobre. Si tratta della giornata clou della stagione, in attesa che Milano passi il testimone a Capannelle per 3 settimane d'autore. Domenica si corre il Gran Criterium G2 per i 2 anni sui 1500 in pista media, il Premio del Jockey Club G1 sul miglio e mezzo ed il Premio del Piazzale G3 sui 1800 metri in pista grande.
La prima notizia è che come confermatoo dal suo agente per l'Italia Paolo Benedetti molto probabilmente ci sarà un personaggio di assoluto spessore: Frankie Dettori torna a San Siro per montare due delle prove più interessanti. Nel Gran Criterium è stato ingaggiato per montare Bahamas (Rip Van Winkle), di proprietà di C J Murfitt, allenato da Marco Botti che ha debuttato con una vittoria a Donny in Giugno, poi ha fatto quinto in Listed ad Ascot ad una lunghezza dal vincitore, ed è arrivato ancora quinto ad Haydock in un'altra Listed sul miglio a 5 lunghezze da Frankuus il quale domenica ha vinto il Prix de Conde G3 a Chantilly. Questa non è una linea male, anzi. 
Nel Premio del Jockey Club Frankie è stato invece ingaggiato, salvo ripensamenti dell'ultim'ora, da Sir Michael Stoute per montare Arab Spring (Monsun), un vecchione del Ballymacoll Stud quest'anno attestatosi a livello di G3 con un piazzamento nelle Cumberland Lodge Stakes G3 di Ascot ed un 113 di Official Rating acquisito dopo la vittoria delle September G3 sul sintetico di Kempton. In Agosto ha tentato anche le Juddmonte International G1, finendo a 28 lunghezze da Postponed.

domenica 9 ottobre 2016

Milano: #Wordless a sorpresa nel Verziere verso il Lydia Tesio. Rainbow Royal impone la sua legge nel Dormello

Senza parole. Letteralmente. Wordless (Rock Of Gibraltar), ha sbrigato la pratica Verziere G3 sui 2000 metri di San Siro, lasciando di stucco gli avventori proponendosi uno stato di grazia che le è servito per guadagnarsi il titolo anche in G3. Wordless, la sorellina meno talentuosa di Charity Line, Final Score, Cherry Collect, ha avuto bisogno di corse per esprimersi al massimo ma lo ha fatto nel giorno in cui serviva di più seguendo le orme di quelle davanti, in particolare Durlindana (Mastercraftsman) e Meliora (Starspangledbanner). Quest'ultima ha dovuto anticipare a palo lontano per aggredire il palo sul calo della Incolinx, è passata decisa ma quando mancava una eternità. Tanto che la alterna Wordless, con un Fabio Branca sopraffino, ha aggredito dall'interno la coetanea e l'ha surclassata nella fase finale. Appuntamento al Lydia Tesio G1 del 23 Ottobre prossimo a Capannelle, dove molte di queste sono iscritte. Male l'attesa Lopera, considerata favorita ma mai troppo pericolosa. IL RISULTATO COMPLETO QUI. IL VIDEO QUI. Foto De Nardin.
Il Lydia Tesio è la corsa tra l'altro che ha lanciato le 3 sorelle di cui sopra. Charity Line e Final Score vinsero, Cherry Collect ci finì seconda. Tutte e tre sono state acquistate dagli Yoshida, per questo la vittoria di Wordless rappresenta qualcosa di importante nel ricambio generazionale da dare a mamma Holy Moon (Hernando).
Curiosità Giappone:

sabato 8 ottobre 2016

Newmarket: Altro dominio O'Brien nel Fillies Mile con #Rhododendron e nelle Dewhurst con #Churchill. Con questi fanno 21 G1 in stagione..

La dura legge di Ballydoyle ha colpito ancora. A nemmeno una settimana dall'en plein pieno di elogi nell'Arc de Triomphe, Padre Aidan ha dominato in lungo ed in largo anche il Future Champions Festival di Newmarket dedicato ai 2 anni. En plein, scaccomatto, pigliatutto con doppi d'autore per l'allenatore irlandese, uno che ha un faccino quasi innocente e sorriso beffardo che nasconde un laboratorio di intuizioni e capacità tali da essere il miglior allenatore del mondo. Il primo successo è arrivato ieri nel Fillies Mile G1 dove O'Brien ha ottenuto la 20° vittoria a livello di G1 in stagione 2016, ad un passo dal record di Bobby Frankel in America di 25 G1 vinti in tutto il mondo nel 2003 ed ad un passo dal suo record personale di 24 G1 vinti nel 2001. Dicevamo nel Fillies Mile: A vincere è stata la fortissima Rhododendron (Galileo) che ha battuto la compagna Hydrangea (Galileo) correndo dal centro del gruppo sul Rowley Mile e sbocciando in una azione dirompente, ribaltando il riferimento delle Moyglare dove la compagna fu seconda battuta tra l'altro da figlio Joseph con Intricately, ricorderete. Ebbene Rhododendron è venuta ulteriormente avanti mentre la compagna allo steccato dava fondo alle energie, confermandosi un "cagnaccio" in quanto a tenacia. Terza è arrivata a sorpresa Urban Fox (Foxwedge) on the stands’ side rail, mentre nulla da fare per Sobetsu (Dubawi) la favorita di Charlie Appleby dopo una maiden vinta di 10 lunghezze. Non si è ripetuta la magia di Chantilly... Per la figlia di Galileo, ancora lui, della campionessa Halfway To Heaven (Pivotal) è possibile ma non sicuro un viaggio in America per la Breeders Cup G1. Rhododendron è stata abbassata nell'antepost delle 1000 Ghinee a 8/1 mentre a 10/1 per le Oaks. IL VIDEO DEL FILLIES MILE QUI....

Allevamento: #Darley Club lancia 3 nuovi stalloni per la stagione 2017: #Toormore, #Buratino e #Bow Creek!

Lo scorso o anno è stata lanciata una grossissima novità nel mondo dell'allevamento in relazione a nuovi sistemi per agevolare gli allevatori nel supporto di alcuni stalloni appena entrati in razza, o di fascia media, che altrimenti rischierebbero di cadere ben presto nel dimenticatoio. In America ha tenuto banco, in relazione ad un simposio tenutosi in Irlanda nel meeting dell'ITBF (International Thoroughbred Breeders' Federation), l'iniziativa della Spendthrift Farm e la Darby Dan Farm cui ha fatto seguito quella del Darley in Europa. 
I termini sono i seguenti: Quattro stalloni debuttanti verranno proposti ad una cifra prestabilita all'abituale condizione con pagamento al 1° Ottobre Special Live Foal. Chi accetterà questo tasso avrà diritto ad una monta gratuita anche nelle successive stagioni e se l'allevatore invierà la fattrice tutti e tre anni il diritto si estenderà in eterno. Lo scopo è quello di lanciare stalloni che altrimenti potrebbero avere problemi a resistere sulla scena internazionale, facendo decadere il valore acquisito alla prima annata. Insomma, chi crede in uno stallone potrà supportarlo meglio e così tutti gli altri che avranno preso questa decisione. Per questo si chiama POTERE AGLI ALLEVATORI!
Ai quattro dello scorso anno, cioè Outstrip, French Navy, Fulbright ed Hunter's Light, si sono aggiunti altri 3 disponibili dal 2017. E sono Buratino (Exceed And Excel), che ha battuto Air Force Blue nelle Coventry Stakes G2, piazzato anche nelle Middle Park G1 e nelle Phoenix Stakes G1, che funzionerà al Kildangan Stud in Irlanda ad un tasso di €5,000 (Club terms). Poi Toormore (Arakan), campione a 2 anni con la vittoria delle National Stakes winner, e dominatore delle Craven Stakes G3 dove ha battuto i successivi vincitori di G1 The Grey Gatsby e Postponed. Ha vinto poi le Lennox Stakes G2 ed il Sandown Mile G2 a 4 anni. Funzionerà al Dalham Hall Stud a Newmarket in Inghilterra al tasso di £5,000 (Club terms). Il terzo è Bow Creek (Shamardal), triplice vincitore di G2, che ha battuto in carriera 7 successivi vincitori di G1 quando ha corso in Australia in G2 nelle Peter Young Stakes a Febbraio. Funzionerà in Francia all'Haras du Logis per €4,000 (Club terms).
L'economicità della questione sta nel fatto che, in caso di boom sul mercato e di prezzo destinato a salire, il prezzo sarà sempre lo stesso. Ci sono tantissimi esempi di stalloni che, iniziando a poco, sono saliti vertiginosamente. Invincible Spirit era partito proprio a €10,000, ed il suo tasso attualmente è di €100,000. Dubawi era partito a £25,000, sceso a £15,000, ma poi risalito a £125,000 del 2015. Stessa cosa per Dark Angel, poi ancora Kodiac e tanti altri. Certo, può andare anche male, ma può essere una buona idea, un buon compromesso, destinato a far muovere anche gli altri grossi complessi.

Aste in Irlanda: Goffs Horses In Training & Open Yearling Sale estesa a 2 giorni tra il 2 ed il 3 Novembre 2016

La sempre crescente domanda di posti alle Goffs Horses-In-Training & Open Yearling Sale ha avuto come conseguenza che si dovesse inserire un giorno in più, in modo tale da aver così la necessitò una 2 giorni suddivisa anche con la sessione di Horses In Training. Proprio questi apriranno le licitazioni mercoledì 2 Novembre, e saranno seguiti dagli yearlings di giovedì 3 Novembre. Tra quelli in allenamento, disponibili 150 cavalli in training inseriti nel catalogo tra cui un impressionante draft dell’Aga Khan che metterà in vendita ben 19 soggetti. Cavalli allenati sinora da gente come Jim Bolger, Dermot Weld, Joseph O’Brien, Jessica Harrington, Johnny Murtagh, Ger Lyons, John Oxx e tanti altri. In particolare sarà messo in vendita Loch Garman (Teofilo), vincitore di G1 a 2 anni in Francia, poi Flight Risk vincitore di Gladness Stakes G3 nel 2015 e piazzato di Gruppo quest’anno. Poi Grand Coalition (Kodiac), quarto di Phoenix Stakes G1 pochi mesi fa, ed ancora Embiran (Shamardal), un 3 anni piazzato in Listed e Radanpour (Sea The Stars) vincitore di Listed a 4 anni nel 2016. Chiaramente ci sono delle wild cald a disposizione di chi ha intenzione di inserire un cavallo all’ultimo momento, ma tutto sarà chiaro qualche giorno prima dell’asta. 
Tra gli yearlings, possibilità di fare grossi affari grazie ad una enorme produzione irlandese. Saranno 216 i puledri che passeranno nel ring, figli di stalloni quali Acclamation, Dandy Man, Fast Company, Fastnet Rock, Kodiac, Lawman, Lope De Vega, Ravens Pass, Sir Prancealot, Zoffany etc.
L’asta dei cavalli in training comincerà alle 14,30 del 2 Novembre, mentre gli yearlings passeranno dalle 10 di mattina del 3 Novembre. Il catalogo online cliccando su questo LINK

venerdì 7 ottobre 2016

Aste: Tattersalls October Yearling, chiuso il Book 1 con movimento di £88,038,000 ed un +6%. Dubawi, Galileo e Frankel..

Indiscutibilmente la star del Book 1 di Tattersalls è stato Dubawi (Dubai Millennium) che ha cominciato e finito con 2 top price da £2,6 milioni, l'ultimo dei quali acquistato da Angus Gold per Sheikh Hamdan di Shadwell, il fratello di Sheikh Mohammed che invece aveva comprato il primo top price di cui abbiamo parlato qualche giorno fa. Per il sire Darley, i cui prezzi sono un pò inflazionati dai petroldollari, i numeri parlano di 15 prodotti venduti per complessivi £14,590,000, ogni suo figlio ad una media di £972,667, di cui 4 presenti nella tabella dei 10 prezzi più alti. Tirando le somme dei 3 giorni, sono stati offerti 493 cavalli del book 1, di cui 386 venduti, 14 in più del 2015, che hanno realizzato un fatturato di £88,038,000, un +6%, con una media di £228,078 (+3%) ed il mediano a £130,000 con un valore al ribasso del 13%.
A livello di Top price alla fine, come anticipato, i prezzi più alti sono stati 2 figli di Dubawi. Del prodotto di Fallen For You abbiamo detto (CLICCARE QUI PER LEGGERE IL POST IN CUI SI PARLA DEI PRIMI GIORNI), resta da dire del Lot 427 da Dubawi e Zee Zee Top (Zafonic), acquistato da Shadwell con Roger Varian underbidder. Si tratta di un rappresentante di una famiglia molto rovente nel periodo e di campioni. Mercoledì a Nottingham ha infatti debuttato tale Dreamfield (Oasis Dream e Izzi Top, figlia di Zee Zee Top), per Godolphin e John Gosden, che ha impressionato vincendo di 10 al debutto. IL VIDEO QUI. La famiglia è quella di Opera House e Kayf Tara, ma in generale sia Zee Zee che Izzy hanno vinto a livello di G1.

Capannelle: Verso il Lydia Tesio G1 ed il Premio Ribot G3 di domenica 23 Ottobre. Ecco tutti gli iscritti al primo giro..

Fervono i preparativi per una delle domeniche più attese in Italia, quella del 23 Ottobre quando si correranno il Lydia Tesio G1 ed il Premio Ribot G3 in memoria di Loreto Luciani. Nella giornata di giovedì si sono chiusi i giochi per quanto riguarda le iscrizioni al G1 sui 2000 metri, salvo eventuali supplementazioni che arriveranno più avanti. Ad una prima lettura figurano 22 iscritte di cui la metà sono straniere. Dall'Inghilterra ci sono Blond Me (Tamayuz), di proprietà di Barbara Keller vincitrice lo scorso anno con Odeliz (nella foto), poi Dawn Of Hope (Mastercraftsman) e Persona Grata (Sir Percy). Dall'Irlanda iscritte Laganore (Fastnet Rock) e Santa Monica (Mastecraftsman), mentre dalla Francia Powder Snow (Dubawi), Thank You Bye Bye (Zanzibari) e soprattutto Zghorta Dance (Le Havre) per Jean Claude Rouget, che ha fatto le Classiche francesi. Dalla Germania iscritte Meliora (Starspangledbanner), ed ha linea con Persona Grata, e correrà il Verziere G3 domenica a Milano per tastare il polso delle nostre. Poi la buona Parvaneh (Holy Roman Emperor) piazzata di G1 in Germania, e la piazzata Classica Sarandia (Dansili) per il Gestut Fahrhof. 
Le nostre le conosciamo bene: Durlindana, Endless Summer, La Trinacria, Miss Steff, Plain Air, Reset In Blue, Responsibleforlove, Sound Of Freedom, Valuta Pregiata, Victim Of Love e Wordless. Molte di queste correranno il Verziere di domenica a San Siro, campo partenti cliccando QUI.
Rilasciati anche gli iscritti del Premio Ribot G3 memorial Loreto Luciani. Sono in 27 e tra i vari italiani ci sono 9 stranieri quali Blossomtime, Diplomat, Nordico, Pabouche, Persona Grata, Powder Snow, Rogue Runner, Shamalgan e Show Day. I nostri sono Azzeccagarbugli, Basileus, Brex Drago, Circus Couture, Clockwinder, Greg Pass, Irishman Mark, Jalapeno, Kaspersky, Kyllachy Gala, Poeta Diletto, Porsenna, Porto Blanco, Priore Philip, Roman Spectrum, Saint Bernard, Tamil Nadu e Time To Choose.
Domani su Trotto & Turf il dettaglio delle iscritte.

giovedì 6 ottobre 2016

Weekend: A Newmarket comincia il Future Champions Festival con Fillies e Dewhurst. Domenica il Dormello a San Siro..

Sarà un weekend interamente dedicato ai puledri, quello che ci aspetta. Capannelle osserverà uno stop causa concomitanza con il Derby del trotto, ma tra Milano e Newmarket ne avremo di cose da vedere. Partiamo da Newmarket dove sono stati dichiarati i partenti del Fillies Mile G1 che suonano un pò come antipasto delle 1000 Ghinee. Si corre infatti sul miglio del Rowley Mile e le protagoniste sono le femmine di 2 anni.
La favorita, anche per quanto visto nel Boussac G1 di Chantilly, è una Godolphin che viene dalle maiden. Si chiama Sobetsu, è ancora una figlia di Dubawi (ma baia), è allenata da Charlie Appleby, ed ha vinto la sua maiden per 10 lunghezze da favorita dopo un debutto buono alle spalle di Spatial (New Approach) la quale al debutto a sua volta aveva battuto quella Wuheida (Dubawi) che poi ha vinto il G1 per femmine in Francia. Tutto torna, dunque. Attese anche le 2 di O'Brien quali Rhododendron (Galileo) e Hydrangea (Galileo), queste due molto vicine nei riferimenti e piazzate nelle Moyglare Stud Stakes G1 di inizio Settembre al Curragh. La seconda in particolare quando prende margine è dura da andare a riprendere. Ma è una corsa che può svelare sorprese. IL CAMPO UFFICIALE DEI PARTENTI QUI.
In apertura di pomeriggio del venerdì ci sono anche le Cornwallis G3 per i 2 anni sui 1000 metri, le Oh So Sharp G3 ancora per le 2 anni ma sui 7f, e poi le Challenge Stakes G2 dove si rivede in pista Jallota (Rock Of Gibraltar), piazzato del nostro Di Capua G1 per il quale chiediamo conferme. I CAMPI PARTENTI DI VENERDI QUI.

mercoledì 5 ottobre 2016

Aste: #Tattersalls October Yearling day 1: Sheikh Mohammed compra tutti i Dubawi! Ecco i primi botti

Primo giorno di Tattersalls October Yearling Sales e Godolphin subito molto attiva per cercare di acquistare il miglior puledro 2017. Prima un veloce resoconto. Dei 551 puledri che passeranno il primo giorno ne sono stati offerti 165, di cui venduti 136 per un movimento completo di £31,240,000 (+5.3%) con una media di £229,706 (-4.8%) ed il mediano a £145,000 (-9.4%).
Come detto Sheikh Mohammed ha dato precise indicazioni a John Ferguson che ha razziato tutti i Dubawi disponibili sul mercato. Alla fine del primo giorno ne ha comprati 8 spendendo complessivamente £6,825,000gns, di cui £2,6 milioni per uno, cioè il Lot 39, un figlio di Dubawi (Dubai Millennium) appunto ed erede della buonissima Fallen For You (Dansili), vincitrice di Coronation Stakes G1 che potete ammirare nella foto qui accanto. Per i risultati del primo giorno, in aggiornamento continuo anche con il day 2 ed il day 3 quando ci saranno, cliccare su questo LINK.
Proprio mentre scriviamo, nel day 2, partito ancora forte John Ferguson che ha speso altri £2,1 milioni per un altro figlio di Dubawi e Nature Spirits (Beat Hollow), mentre il Coolmore ha fatto sentire la presenza acquistando il Lot 244, un sauro da Frankel e Peeress (Pivotal) spendendo £1,3 milioni, presentato dal Cheveley Park Stud ed acquistato in partnership dal gruppo irlandese insieme con i sudafricani della Mayfair. 
Ricordiamo ancora il live dell'asta per seguirla in diretta cliccando QUI.

martedì 4 ottobre 2016

Aste: Tattersalls October Sale (Book 1) con 551 Yearlings. Ecco il day 1 con il live dell'asta per seguirla online

Si comincia! La prima giornata del catalogo delle Tattersalls’ Book 1 Yearling Sale è appena iniziata. Si tratta forse della migliore asta in assoluto in termini di qualità in Europa, dove cercare il proprio campione. Il Book 1 propone 551 lotti, tutti eligibili per il Bonus da £25,000. L'asta ha attratto una collezione di alta classe tra le famiglie degli yearlings, di cui 17 sono figli dell'esaltante Frankel (Galileo). Ma non è tutto: L'asta include almeno 50 lotti tra mezzi fratelli o fratelli pieni di vincitori di G1 o piazzati Classici, e ben 243 di Group/Listed winners. Diciannove dei primi 20 stalloni in classifica tra Inghilterra ed Irlanda sono ben rappresentati, inclusi 45 cavalli figli di Galileo e Sea The Stars. Numericamente ci sono 30 figli di Invincible Spirit, Sea The Stars e Dark Angel con 24 cavalli, Dubawi, Galileo e Shamardal ne hanno 21 cadauno, Kodiac 20, Dutch Art 19, Exceed And Excel 18.
Praticamente dei figli degli stalloni più importanti ce ne sono 278 di yearlings (50% del catalogo), mentre dei first-crop yearling sires ce ne sono 101 (il 18% del catalogo) capeggiati dai primi Camelot e Dawn Approach, con 25 yearlings ognuno. C'è attesIntello rappresentato con 15 puledri, ed il duplice vincitore di G1 Declaration Of War con 13, mentre il campione sfortunato ma mai domo Al Kazeem ne ha 6 in catalogo, della prima annata da stallone abbastanza fallimentare causa fertilità. L'Highclere Stud proporrà 29 yearlings, il Castlebridge Consignment 24, mentre il Newsells Park Stud ne proporrà 23.
a anche per gli
Basta numeri, torneremo sui dettagli e l'andamento dell'asta solo al termine. Intanto godetevi le licitazioni live cliccando su questo LINK. IL CATALOGO COMPLETO IN PDF CLICCANDO QUI. SE VOLETE SAPERE QUALI SONO I LOTTI PIU INTERESSANTI IN CATALOGO, CONTINUA A LEGGERE.

lunedì 3 ottobre 2016

Capannelle: Plein Air in volo sull'Archidamia su Sound Of Freedom, mentre nel Villa Borghese Cosmelli stupisce ancora!

A Roma sono andati in scena i trials verso il Lydia Tesio G1 e Premio Roma nell'Archidamia sui 2000 metri e nel Villa Borghese sui 2200 metri. Nella prova per le femmine alla fine la forma di Plein Air (Manduro) ha avuto la sua gratificazione per la prima volta a livello di Stakes. La 3 anni da Manduro della New Age agiva soprattutto in appoggio alla rientrante Sound Of Freedom (Duke Of Marmalade) ma questa è rimasta un pò troppo indietro a temporeggiare e non è riuscita nell'aggancio di una cavalla che sta andando fortissimo, comunque. Buono il rientro però di Sound, mentre meno buono sul pesaante quello di Responsibleforlove (Duke Of Marmalade) che non è riuscita a progredire su terreno poco amato con Dario Vargiu che comunque non le ha dato un rientro duro. Va rivista certamente, era anche molto sudata prima della corsa. Per Plein Air era la quarta vittoria consecutiva, sempre più in progresso corsa dopo corsa, da tipica Manduro con mamma da Galileo. Vincitrice al debutto, è finita terza in condizionata ma poi è sbocciata letteralmente prima dell'estate costruendosi una bella serie di successi. Prima in Hp, poi in condizionata, poi in Listed. Correrà il Lydia Tesio G1 con chance autonoma, crediamo. IL VIDEO DELL'ARCHIDAMIA CLICCANDO QUI.
I Botti hanno trionfato anche nella seconda Listed di giornata grazie all'altrettanto progressivo Cosmelli (Mr Vegas), capace di vincerne 5 consecutivamente, battendo Right Connection (Beat Hollow) e Quelindo. Si tratta di un homebred della Ste.Ma. che omaggia il noto allevatore Giulio Cosmelli, migliorato grazie al paraocchi. Si tratta di un fratellastro di Valvibrata (Mujahid), che vinse l'Archidamia qualche anno fa. La mamma è la inedita Victorian Girl (Lomitas) che ha dato solo vincitori. IL VIDEO DEL VILLA BORGHESE QUI.

Italians in giro per il mondo. Il resoconto della settimana tra Germania, Giappone, Francia, America, Corea e Nuova Zelanda

Un fine settimana interessante per gli italiani in giro per il mondo. Cominciamo con il dire che lunedì pomeriggio Dario Vargiu sarà a Berlino dove ha pescato 2 ingaggi, di cui uno in G3. Monterà l'8 anni Gereon in un handicap sui 1800 metri per Christian Zschache, poi è stato ingaggiato soprattutto nel Preis der Deutschen Einheit G3 sui 2000 metri per 3 anni ed oltre, e sarà in sella al 4 anni Palang (Hat Trick) per il training di Andreas Löwe ed i colori della Darius Racing, gli stessi del derbywinner Isfahan per intenderci. A Colonia invece c'è una Listed dove al via troviamo Daniele Porcu e Miki Cadeddu.
Domenica è stata una giornata di successo per Mirco Demuro in Giappone che a Nakayama ha ottenuto 3 vittorie che lo fanno salire a quota 110 affermazioni in stagione, a distanza comunque dai leader del torneo JRA cioè Keita Tosaki (142) e CP Lemaire (128). Mirco ha comunque vinto a livello di G1 le The Sprinters Stakes G1 sui 1200 metri in sella al grigio di 5 anni Red Falx (Swept Overboard) per Tomohito Ozeki ed i colori della TokyoHorseRacing Co. Ltd, in un arrivo intensissimo con 11 cavalli (si, 11) in fotografia con distacchi di testa, incollatura, incollatura, muso, testa, incollatura, muso, incollatura, incollatura, incollatura, mezza, testa, incollatura, testa. Incredibile. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.