STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

martedì 30 aprile 2013

Il bello del weekend mondiale tra Longchamp con Ganay a Pastorius. Hong Kong, il dominatore è Military Attack, terzo Mirco Demuro su Eishin Flash. In Giappone Fenomeno vince il Tenno Sho primaverile, in Australia All Too Hard nelle All Aged Stakes e Reliable Man nelle Queen Elizabeth Stakes

Il bello del weekend, con un pò di ritardo..e ce ne scusiamo. Cosa c'è da sapere di quello che è successo in giro per il mondo. In Francia, a Longchamp, il primo G1 della stagione e a sventolare sono state le bandiere di una Germania sempre più esempio per l'ippica europea. Con pochi soldi, ma tanti principi ed idee, è nato Pastorius (Soldier Hollow), allenato da Mario Hofer, che ha vinto il Ganay G1 guadagnandosi i galloni da buon prospetto europeo per i grossi meeting. Vincitore lo scorso anno del Deutshces Derby G1, ha già asfaltato gli anziani nel Grosser Dallmayr-Preis G1 lo scorso anno. La prova del 9 la avremo più avanti (non ha battuto granchè, in fondo ma l'obiettivo sono le King George VI & Queen Elizabeth II Stakes G1) ma ben montato da Olivier Peslier (era stato ingagiato Rispoli per lui) ha battuto Maxios (Monsun) e Dunaden (Nicobar), ancora una volta un modello di consistenza. Quarta Giofra (Dansili), priva di cambio di marcia. Il papà di Pastorius è Soldier Hollow (In The Wings), che funziona al Gestut Auenquelle per €10,000. Il video del Ganay cliccando QUI. Nella giornata, svelati anche nomi in prospettiva Classica, come quello di Esoterique (Danehill Dancer), allenata da Andre Fabre, che ha vinto il  Prix Vanteaux G3 guadagnandosi una chance nelle Poule d’Essai Pouliches and/or nel Prix de Diane G1 visto che sembra faccia anche distanza. Nel Vanteaux ha battuto Silasol (Monsun), vincitrice del Boussac G1 lo scorso anno. Il video del Vanteaux QUI. A proposito di cavalli tedeschi, sembra che la promessa Chopin (Santiago, ex delle nostre piste perraltro, che fa la monta per 800 euro), tre anni che ha vinto di 8 un trial per il Derby Tedesco, sia stato acquistato da Sheikh Al Thani. 
Military Attack, meglio conosciuto come Rave quando correva in Inghilterra per John Hills, ha vinto ad Hong Kong il suo secondo G1 dell'anno grazie all'affermazione nella Audemars Piguet QE II Cup G1 di Sha Tin, domenica mattina. Sotto la spinta dell'australiano Tommy Berry, il figlio di Oratorio (Danehill) ha battuto California Memory (Highest Honor), mentre terzo è finito Mirco Demuro in sella ad Eishin Flash (King’s Best), sfortunato visto che galoppava solo lui nel finale. Per l'effetto "ooooh" vi rimandiamo alla visione della corsa, per Mirco non era facile partire da una gabbia larga, è dovuto rimanere ultimo e cercare di trovare spazio il prima possibile, non c'è riuscito se non a 300 metri dal palo con un muro davanti. Quando c'è riuscito, i giochi erano fatti. Mirco dovrebbe tornare in Europa il 5 Maggio prossimo, destinazione Francia ovviamente. Quarta è finita Sajjhaa (King’s Best), la prima Godolphin a correre dopo lo scandalo che ha coinvolto l'altro allenatore Al Zarooni. La famiglia femminile Military Attack la conosciamo bene. E' quella di Al Bahathri (Blushing Groom), quindi quella di Gladiatorus. Il video della AUDEMARS PIGUET QEII Cup cliccando QUI. Sempre a Sha Tin correvano anche Bubble Chic e Albiceleste (ex Silent Killer) ma i due non si sono piazzati.
Non si è piazzato nemmeno Cristian Demuro, ma in Giappone, nel Tenno Sho G1 primaverile. Era in sella al vegliardo Meiner Kitz (Chief Bearhart), dieci anni, ed è riuscito soltanto ad ottenere un settimo posto. A vincere è stato Fenomeno (Stay Gold) su Tosen Ra (Deep Impact). Solo quinto l'attesissimo Gold Ship (Stay Gold), ma lo scorso anno qui deluse anche Orfevre (Stay Gold). In Giappone ora l'attesa è tutto per il Takarazuka Kinen G1 di Hanshin a Giugno dove potremo assistere ad uno scontro tra titani, con Gentildonna, Orfevre etc.. Tornando a Cristian, non è stato a bocca asciutta nel weekend, perchè ha vinto una corsa a Kyoto portando il suo bottino stagionale a 22 vittorie, assestandosi in 15° posizione della classifica fantini giapponesi. Il primo è Yasunari Iwata con 49 affermazioni. Il video del Tenno Sho primaverile, QUI
In America, sabato, a Belmont Park si sono corse le Tweedside Stakes - Listed Race sui 1600 metri dove c'era l'ex italiana Girl Of The Rain (Refuse To Bend) la quale non si è piazzata, arrivando 5° su 5. A vincere è stata Bella Castani (Big Brown). 
Sabato in Australia, a Randwick, abbiamo rivisto all'opera All Too Hard (Casino Prince) dopo 63 giorni di stop (inusuale per un cavallo australiano) che ha vinto le Yarraman Park All Aged Stakes G1 (VIDEO QUI) da A$400,000, battendo Rain Affair (Commands) e l'ex europeo Fiorente (Monsun). Per il mezzo fratello di Black Caviar ora in programma c'è l'Inghilterra ed il Royal Meeting con le Queen Anne Stakes G1 del 18 Giugno. A proposito di Queen Anne, confermata la presenza di Animal Kingdom all'ultima della carriera in Inghilterra, ed avrà in sella John Velazquez fantino americano che ha già montato in Inghilterra, nel Royal Meeting.
Poco prima, sempre a Randwick, le Santos Coffee Queen Elizabeth Stakes G1 dove sono state ridimensionate le aspettative del campione It's a Dundeel (High Chaparral) solo secondo nella prova da A$500,000, vinte dall'ex europeo Reliable Man (Dalakhani) ora allenato da Chris Waller. Il video delle QE QUI. A propo

lunedì 29 aprile 2013

Capannelle, prime Classiche: Best Tango vince il Parioli, Dancer Destination domina il Regina Elena.

A Roma le prime Classiche. Nel Premio Parioli G3 (le 2000 Ghinee italiane) a vincere è stato Best Tango (Mujahid) che ha dato i suoi proprietari la prima vittoria a livello di Pattern, e stessa cosa per il trainer Gianluca Bietolini alla prima vittoria Classica. Il figlio di Mujahid (Danzig), stallone funzionante alla SAB di Paolo Crespi, ha battuto il Grizzetti Fairy Nayef (Nayef) negli ultimi 100 metri. In sella al cavallo di Elia Tanghetti, fatto tutto in casa, c'era Umberto Rispoli (che sarebbe potuto essere a Longchamp, era stato ingaggiato per Pastorius nel Ganay G1) ha montato con grande acume tattico. Terzo è finito Lodovico Il Moro (Shamardal), con Porsenna (Dylan Thomas) al quarto insieme al quale hanno chiuso uno spettacolare Bastiani (Shamardal). Quinto Nabucco (Areion). IL VIDEO DEL PARIOLI QUI.
Best tango ha cominciato la carriera agli ordini di Stefano Botti, dopo il 4° nel Berardelli G3 è stato portato a Roma in Ottobre. Per Bietolini ha vinto l'Arconte ed è stato presentato fresco alle Classica. Il Racing Post Rating ha attribuito al vincitore un 103. Il proprietario come detto è Elia Tanghetti, che ha un piccolo centro di allenamento ad Ospitaletto, ad 80 km da Milano, e possiede cavalli da 20 anni, ha cominciato con i purosangue arabi ed ha qualche cavallo in ostacoli. Best Tango è il secondo cavallo, dopo trenta anni, ad essere nato e cresciuto in Italia dopo Ramonti (Martino Alonso) a vincere il Parioli. 
Nel Regina Elena, la Blueberry e Bruno Grizzetti sugli scudi. Al trainer di Viggiù continua a sfuggire il Parioli, ma di Regina Elena ne ha vinte in abbondanza. Ben 7 le edizioni, l'ultima a firma di Dancer Destination (Dubai Destination), che aveva debuttato lo scorso 20 Marzo alla riapertura di San Siro e poco dopo un mese ha conosciuto l'alloro Classico. Nel caos di una corsa con 20 cavalle al via (e steccato non azzerato) le ha giocato l'anticipo giocato da Clorofilla (Refuse To Bend), sul calo di questa è passata ed ha mantenuto vantaggio sul traguardo mostrando doti che vanno aldilà del solo miglio. Prospettiva Oaks per lei. Seconda, dopo parecchio "zigzagare" è arrivata Grand Treasure (Aussie Rules). In sella alla vincitrice Dario Vargiu, alla quinta affermazione nel Regina Elena dopo Lokaloka, Golden Nepi, Stay Alive, Rumba Loca)
Parecchio traffico l'ha trovato anche Collusiva (Shamardal), quarta, mentre quinta l'agguerrita siciliana Lear Oile Oile (Bachelor Duke). Settima Punta Stella (Elusive City) impegnata lungo il percorso a liberarsi di cavalle, ferme a metà retta. Peccato, ma è finita in recupero notevole. Il Racing Post Rating ha attribuito alla vincitrice un 100 di rating, molto basso. IL VIDEO DEL REGINA ELENA QUI.
Nel Botticelli, spazio a Biz The Nurse (Oratorio) che ha prodotto un passo in avanti in vista del 130^ Derby Italiano del 19 Maggio prossimo. Il figlio di oratorio della Aleali, con Fabio Branca in sella, ha battuto Ancient King (Ramonti) mentre Peng (Docksider) è finito terzo. Dunque, tripletta sul podio per Stefano Botti. Biz The Nurse, è stato pagato €40,000 alle ITS, è primo prodotto della campionessa giovanile Biz Bar (Tobougg), dunque ottime premesse in razza. Ha un due anni da Ivan Denisovich (Danehill), uno yearling da Arcano (Oasis Dream) ed un foal nato da poco da Roderic O'Connor (Galileo). Sono tutte linee, in linee maschili, da Danzig. Roderic è un Galileo, ma con mamma da Danehill (Danzig). IL VIDEO DEL BOTTICELLI QUI.  Il duo Botti-Branca hanno vinto anche il Signorino verso il Repubblica con Romantic Wave (Rock Of Gibraltar), che ha battuto Fancy Beat (Beat Hollow) e Principe Adepto (Dubawi). IL VIDEO DEL SIGNORINO QUI.

sabato 27 aprile 2013

Addio a Storm Cat: Il campione in corsa ed in razza, aveva 30 anni. Tanti eredi, capostipite molto influente nel mondo.

Storm Cat (Storm Bird), uno degli stalloni più influenti della sua era, è stato sottoposto ad eutanasia nei giorni scorsi, a causa dei danni derivanti dall'età molto avanzata. Il figlio di Storm Bird aveva 30 anni, e nel 2008 era stato pensionato dall'attività riproduttiva, in seguito all'ovvio calo della fertilità. Storm Cat era prodotto della fattrice Terlingua (Secretariat) ed allevato da William T. Young per i cui colori corse. La carriera agonistica lo ha visto emergere nelle Young America Stakes (gr. I) e secondo nel Breeders' Cup Juvenile G1 con un bottino di $570,610. Storm Cat è stato ritirato nel 1987 ed ha funzionato all'Overbrook Farm. Il suo tasso di monta è passato dai $30,000 del 1988 ai $500,000 di qualche anno prima del ritiro in razza. Il tasso ufficiale più alto mai registrato in America. E' stato Perennial leading sire in N. America, inclusi gli anni 2000 e 2001. I suoi figli hanno guadagnato circa $127 milioni, 8 sono stati campioni, un suo erede tra tanti è Giant's Causeway, e 108 sono stati graded winners. Dei suoi 462 yearlings venduti, hanno realizzato $319 milioni, 91 di questi per oltre $1 Milione cadauno. Sarà seppellito all'Overbrook Farm in Kentucky.

Scandalo Godolphin: 8 anni di squalifica a Mahmood Al Zarooni e sei mesi ai cavalli trovati positivi. Ecco la conferenza..

Primi provvedimenti per lo scandalo doping che ha coinvolto la scuderia Godolphin e che ha sconvolto il mondo delle corse britanniche: otto anni di squalifica per Mahmood Al Zarooni, questa la prima sentenza letta da Paul Bittar Chief Executive della British Horseracing Authority, di fronte alle telecamere di tantissimi media. L'allenatore che ha ammesso di aver somministrato steroidi anabolizzanti a ben quindici cavalli (autodenunciandosi per altri 4 cavalli, oltre agli 11 trovati) della scuderia di proprietà dello sceicco Mohammed bin Rashid al-Maktoum. Ha parlato Simon Crisford, manager della Scuderia presente all’udienza, il quale rischia comunque il suo posto per responsabilità oggettiva, ha affermato con poche parole, semplici ed efficaci che “ci vorrà molto tempo per riconquistare la fiducia del pubblico britannico. Siamo scioccati ed indignati .” Qualche giorno fa, attraverso un comunicato ufficiale, Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum ha confermato la “piena disponibilità a collaborare con la British Horseracing Authority per andare a fondo alla questione”, comunicando inoltre che verranno fatti ulteriori accertamenti su ogni singolo cavallo della Scuderia (circa 500 a Newmarket) per verificare e denunciare la presenza di casi analoghi. In pratica dall'udienza di ieri è emersa la squalifica di 8 anni per l'allenatore e 6 mesi di squalifica per i cavalli trovati positivi. Il video della conferenza stampa cliccando QUI.

mercoledì 24 aprile 2013

Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum ha diffuso un comunicato ufficiale: "Sono irritato ed allibito, che si fermi tutta la scuderia. Controlli a tappeto fino a che non sarò sicuro che sia tutto trasparente"

Sua Altezza Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum ha parlato. Nelle scorse ore ha rilasciato dichiarazioni importanti in un comunicato stampa diffuso attraverso il sito Godolphin, nel quale tiene a prendere le distanze da un comportamento lontano dalla sua sportività, in seguito allo scandalo che ha coinvolto una delle sue scuderie a Newmarket, quella guidata da Mahmood Al Zarooni: "Sono rimasto allibito e irritato di apprendere che una delle nostre scuderie di Newmarket ha violato gli standard etici di Godolphin e le regole della corse inglesi. Sono nel mondo dell'ippica da 30 anni e hanno un profondo rispetto per le sue tradizioni e le regole. Ho costruito il mio paese sulla base degli stessi principi solidi. Non ci può essere alcuna scusa per qualsiasi violazione intenzionale. Godolphin sta cooperando pienamente con la British Horseracing Authority per andare a fondo della questione e prendere eventuali provvedimenti disciplinari del caso. Ho ordinato di procedere immediatamente alla revisione delle nostre procedure interne in tutta la Godolphin e fare dei controlli ulteriori al fine di garantire per evitare il ripetersi di questo tipo di attività in tutte la struttura. Bloccheremo le scuderie di Moulton Paddocks con effetto immediato, e ho dato istruzione di raccogliere campioni completi di sangue e drug test su ogni singolo cavallo di quella scuderia. Posso assicurare al pubblico delle corse che nessun cavallo si muoverà da li o correrà fino a che non mi sarà stato assolutamente assicurato dalla mia squadra che l'intera scuderia è completamente pulita. Lavorerò duramente per assicurare che Godolphin meriti la sua reputazione di integrità e sportività, e ho ribadito a tutti i dipendenti Godolphin che non tollererò questo tipo di comportamento ".

martedì 23 aprile 2013

Domenica 28 Aprile a Capannelle il Premio Parioli G3 e Regina Elena G3. Ecco i rimasti iscritti alle Classiche, 4 stranieri probabili.

Nuvole che si addensano
sulla dirittura di Capannelle
Domenica si correranno le prime Classiche della stagione 2013. Il Regina Elena ed il Premio Parioli saranno verosimilmente molto autarchici, vista la brutta figura con gli stranieri. Diamo conto dei rimasti in questo post, sottolineando in neretto i probabili considerando che molti lo tenteranno, in virtù della questione stranieri. La dichiarazione dei partenti avverrà venerdì 26 Aprile con chiusura alle 9,30
Premio REGINA ELENA 132.000 GRUPPO III femmine 3 m.1600 (P.Grande): AL JAR(), AVOMCIC(), BLULADY(), BRIGANT ALLEAFFAR(), CHOISIR ROSES(), CLOROFILLA(), COLLUSIVA (Botti France), DANCER DESTINATION(), DARK WOMAN(), DEFLECTION(), DREAM CAN TRUE(), FILOMARINA(), FULGETTA(), GALILIVIA(), GRAND TREASURE(), GREEN NASHWAN(), KEY BOARD(), L'ARTE ECCELLENTE(), LADY SILVY(), LEAR OILE OILE(), LUCKY SERENA(), MANGIAPREGAAMA(), MATRIOSKA(), MUST BE ME(), MY SWEET MUSIC(), NIGHT OF LIGHT(), NINA NOSEI(), PONEIFATTU(), PUNTA STELLA (Shoshichi Kobayashi per Katsumi Yoshida), REINA CROSS(), ROAD TOSKY(), ROMAN DREAM(), SHIRLEY'S KITTEN(), SOPRAN ENERY(), THE ARTISTE(), VAN QUESTAR(), ZARAJEWA(), (37)
Premio PARIOLI SISAL MATCHPOINT 132.000 GRUPPO III interi 3 m.1600 (P.Grande)BASTIANI(), BATTIER(), BEST TANGO(), BRIGANT SURGERY(), CALA PORTESE(), CAPITAN JACK(), CITY HUNTER(), CIUMBALICCA(), CLOUD(), DARK DREAM(), DEMETEOR(), DISKJOKER(), FAIRY NAYEF(), FREETOWN(), GOLDRAKE(), GORDOL DU MES(), HIGH OCTANE (John Joseph Murphy), LINUS PAULING(), LODOVICO IL MORO(), LORD UNFUWAIN(), MASSAR(), NABUCCO -GER-(Ralf Rohne), NEVER SAY NEVER(), PEPPARONE(), PONTE BIMBO(), PORSENNA(), ROTTMAYER (Botti France), SINCOTTI(), ZAMIRO(), ( 29 ). 
Quelli che abbiamo sottolineato, molto probabilmente correranno nella domenica che proporrà anche Signorino sulla strada per il Repubblica GBI e Botticelli come prova preparatoria per il 130° Derby Italiano G2; Ecco gli iscritti, con dichiarazione sempre venerdì mattina:
Premio BOTTICELLI 41.800 LISTED RACE 3 m.2100 (P.Grande): A PERFECT GETAWAY, ANCIENT KING, ANTIDOTO, ATTACCARFIRIO, BADUAISER, BIZ THE NURSE, CALA PORTESE, CAPITAN JACK, CAPOCACCIA, CELTICUS, DEMETEOR, FAIRY NAYEF, FANGIR, GURI MAXIMUS, KASTILLO, KESHIRO, KITANO, LAKUTIN, LAST DANCE, LINUS PAULING, LODOVICO IL MORO, LOGICAL MIND, NEVER SAY NEVER, NOTTI MAGICHE, PALMIERI, PART OF ME, PENG, PERFORMANCE, PIERINO DANGER, PIETRO IL GRANDE, PORSENNA, REFUSE TO BOBBIN, ROTTMAYER, RUSSIANDUKE, SINCOTTI, SLOW CAVERN, STAM, VIRTUAL GAME, WISH COME TRUE, ZAMIRO, ( 40 )
Premio SIGNORINO 41.800 LISTED RACE 4 e oltre m.1800 (P.Grande): BARATELLA, BEDETTI, BENVENUE, BLU PETRAEUS, BRANDERBURGO, DARK RAY, DOUCE VIE, DUBAI DESERT, DUCA DI MANTOVA, FANCY BEAT, FLORAL ART, FRANKENSTEIN, HOLY BALLET, ICEBREAKING, LIBANO, LORD CHAPARRAL, MALOSSOL, MAZZORE, OCEAN PARK, ORPELLO, PASSAGGIO, PATTAYA, PRINCIPE ADEPTO, REGARDE MOI, REGINA MUNDI, ROMANTIC WAVE, RONCALLI, SARATOGA BLACK, SEUL BLUE, STORMING LOOSE, TEIXIDOR, VALVIBRATA, VOLA E VA, WEB CAM, ( 34 )

Galoppo francese: Tableaux vince il Noailles, per Andre Fabre altro 3 anni di belle speranze; Siyenica ed Anodin, fratelli famosi..

Le premesse della stagione del muto di Chantilly (ma solo per i giornalisti francesi), sono di tutto rispetto. Andre Fabre sta man mano mostrando la potenza di fuoco nel proprio arsenale in vista della stagione Classica, e nella giornata di lunedì in Francia ne ha dato ulteriore dimostrazione con un altro tre anni di prospettiva. A Longchamp ha colpito nel Prix Noailles G2 (2100 metri) grazie a Tableaux (Giant's Causeway), un portacolori del Coolmore, il quale era alla ricomparsa stagionale dopo aver concluso la carriera dei due anni da cavallo ancora maiden. Tableaux, sauro sfacciato come l'iron horse Giant's Causeway (Storm Cat), aveva in sella Maxime Guyon ed ha risolto mostrando un buon cambio di marcia battendo Kapour (Toylsome), fino a quel momento imbattuto in tre uscite, con al terzo l'interessante Art Contemporain (Smart Strike). Il video del Noailles cliccando QUI. Andre Fabre ora dovrà scegliere il candidato per il Prix du Jockey Club G1 tra Intello (Galileo), Ocovango (Monsun) e lo stesso Tableaux. 
Questo è un cavallo, oltre ad aver regalato ad Andre Fabre il decimo Noailles in carriera, è prodotto dello stallone americano Giant's Causeway al primo stakes winner in Europa. Tableaux è stato allevato dalla Galleria Bloodstock, acquistato da Demi O’Byrne per $330,000 alle Keeneland September Yearling Sale. E' fratello pieno del vincitore di G3 Giant Gizmo, ma soprattutto prodotto di quella Golden Antigua (Hansel) che ha cominciato la carriera in Italia agli ordini di Giuliano Fratini (Golden Horse), con il quale vinse 3 corse, si è piazzata nel Torricola e non si piazzò nell'Elena di Xua (Fairy King). Successivamente fu acquistata in America, e dopo una carriera altalenante fu messa in razza. Tornando al Noailles, come trial Classico ha prodotto il vincitore dell'Irish Derby G1 Soldier Of Fortune nel 2007, mentre altri vincitori della prova sono stati 2006 Gentlewave, 2008 Full of Gold, 2009 Grandcamp, 2010 Planteur, 2011 Grand Vent, 2012 Hard Dream.
Ma ieri a Longchamp qualcosa di degno di essere menzionato c'è stato oltre al Noailles, per la serie "fratelli famosi". In una condizionata d'apertura Siyenica (Azamour) ha prodotto un cambio di marcia notevole mostrando già discreta esperienza al debutto contro cavalli scafati. E' una mezza sorella di Siyouni (Pivotal), vincitore di Lagardere G1 e ora stallone, e della campionessa Siyouma (Medicean). La mamma Sichilla (Danehill), sorella del campione e stallone Slickly (Linamix) etc etc. 
In un'altra condizionata, per maschi, Anodin (Anabaa) non era al debutto dopo un paio di piazzamenti nella scorsa stagione, ma con l'aiuto del paraocchi si è concentrato ed ha fatto valere la sua classe vincendo. Si tratta di un fratello pieno della sensazionale Goldikova (Anabaa), mezzo fratello di Galikova (Galileo) ed in generale il 12° prodotto vincitore (su 13) della fattrice Born Gold (Blushing Groom), che ora ha anche un due anni da Galileo, che si chiama Goldeo.

lunedì 22 aprile 2013

Ultim'ora: Mahmood Al Zarooni preso doping! Bufera in casa Godolphin

Non c'è pace per il team in blue. Il trainer Mahmood Al Zarooni è stato chiamato a riferire davanti alla commissione della British Horseracing Authority in Inghilterra dopo essere stato preso doping per aver utilizzato steroidi anabolizzanti su parecchi dei suoi cavalli, si dice 11 in tutto, inclusa l'imbattuta Certify (Elusive Quality) in seguito ad un controllo a sorpresa fatto dall'autorità inglese in una comune mattina di lavori a Newmarket il 9 Aprile scorso, su un campione di circa 45 cavalli. Di conseguenza la femmina, positiva all'etilestrenolo, non potrà correre le 1000 Ghinee di Newmarket il prossimo 5 Maggio dove era favorita a 7/1. Il Racing Manager Simon Crisford ha parlato di "giorno nero per Godolphin". Sheikh Mohammed è rimasto totalmente sorpreso dalla notizia e sconfortato per quello che è successo, ritenendo la questione inaccettabile ed ha detto che farà di tutto per aiutare l'autorità a svolgere tutti i controlli del caso. Al Zarooni ha ammesso le responsabilità e dichiarato che si è trattato di un errore catastrofico, rammaricandosi del danno causato al boss che gli ha dato sempre fiducia e provando a giustificarsi dicendo che non pensava di infrangere le regole poichè i cavalli in questione non erano in procinto di correre.. Rischia la radiazione e la revoca della patente da allenatore. Una brutta tegola per lo "Sceiccone"..
Gli altri cavalli trovati positivi sono: Desert Blossom, Fair Hill, Ghostflower, Orkney Island, Sweet Rose e Valley Of Queens nei quali è stato riscontrata positività all'etilestrenolo, mentre Artigiano, Bathrat Amal, Opinion Poll e Restraint Of Trade sono stati trovati positivi allo stanozolo. 
In passato, il trainer Howard Johnson ha ricevuto un anno di squalifica per una situazione simile, scontata quella formale è rimasta la squalifica "sostanziale" e popolare, pregiudicando la sua immagine da allenatore in Inghilterra. L'ascesa di Al Zarooni è stata favorita dalla simpatia di Sheikh Mohammed nei suoi confronti, lo aveva impressionato quando era assistente di Ali Rashid Al Raihe prima e di Mubarak bin Shafya dopo. I maggiori successi dell'allenatore UAE sono le 1000 Ghinee, le Irish Oaks, il St Leger e al Royal Ascot, senza dimenticare la Dubai World Cup di Monterosso. Seguiranno aggiornamenti..

Weekend di galoppo. A Milano Orpello nell'Ambrosiano, Celticus nel Filiberto ed Air Mail nello Zanoletti. Roma con Regarde Moi, ma intanto si paventa uno scipero. In Germania, Chopin le suona a tutti in un trial...

Tralasciando l'aspetto politico dell'ippica italiana, (a proposito, si paventa uno stato d'agitazione a partire dal 30 Aprile prossimo, che si tramuterà in sciopero qualora le istituzioni non ascoltassero i problemi dell'ippica), cosa è successo in Italia nel weekend tecnicamente parlando? Quasi tutto a Milano, con i tre anni del Filiberto Lr verso il discorso Derby apertissimo a più soluzioni. Il trial milanese è andato a Celticus (Stroll) con Fabio Branca in sella che ha sfruttato un percorso ed una scia di terreno migliori rispetto agli avversari. Secondo è finito Demeteor (Mujahid) che fa sempre linea e un progressivo Notti Magiche (Montjeu), con Wish Come True (Aussie Rules) quarto che ha fallito l'appuntamento, ma con attenuanti. Per Celticus si parla di Derby (che sarà quasi sicuramente autarchico) e la cosa interessante viene dal pedigree. La mamma è Bois Joli (Orpen), una sorellastra dei vari Awelmarduk e Crackerjack King, vincitori di Derby, e di Jakkalberry, terzo di Derby e plurivincitore di G1. Celticus è allevato dall'Azienda Agricola Mariano, dove lo stallone Stroll (Pulpit) è tornato a fare la monta.
Nell'Ambrosiano G3 a vincere è stato quello che fino a qualche tempo fa era considerato il valletto di Wild Wolf, secondo a Roma in condizionata e sotto il suo umile "servo" in questo momento. Stufo di spingere dall'inizio senza ottenere risultati, Orpello (Orpen) ha mostrato coraggio da vendere nel proprio giorno di gloria. Da un capo all'altro in avanti, battuto Vola E Va (Oratorio) con Delicatezza (Danehill Dancer) terza ben battuta. Nello Zanoletti di Rozzano a vincere è stata, in pochi tempi di galoppo, la stimata Air Mail (Choisir). La figlia di Choisir della Chimax è stata la prima a correre e vincere nelle debuttanti reclamare dello scorso anno, ma si è dimostrata abile sulla distanza sebbene ci sia stata una andatura lentissima nell'occasione milanese, si è dimostrata coraggiosissima. Per poco non la porta a casa Montevideo (Desert Prince), calata negli ultimi metri. Per Air Mail, pagata €5,500 alle Tattersalls Ireland September Sale, aspettative da Oaks. 
A Roma Regarde Moi (King’s Best) ha bissato nel Natale di Roma (la città eterna ha compiuto 2766 anni) vincendo anche quest'anno battendo Ransom Hope (Red Ransom) e Passaggio (Exceed And Excel). Secondo era arrivato Super Test (Altieri), ma questo è stato retrocesso dal secondo al quarto per un danneggiamento (discutibile, non scandaloso, ma molto rigido) nei confronti di Passaggio ai 400 dal palo. Il video del Natale di Roma QUI.
In ottica Derby, italiano, c'è da dire che uno dei candidati a venire dall'estero è Boite (Authorized) per la Eledy e Peter Chapple-Hyam, ancora maiden, che qualche giorno fa a Newbury è arrivato secondo in una maiden, dando l'impressione di poter crescere. Boite è un mezzo fratello di Ansiei, finito secondo qualche anno fa nella Classica romana. Il video della Maiden QUI.
In prospettiva ancora Derby, ma quello tedesco, da segnalare un interessante prospetto che a Krefeld ha vinto di 8 lunghezze il Dr Busch Memorial G3 sui 1700 metri. Il vincitore si chiama Chopin (Santiago, un grigione figlio di Highest Honor, lo ricorderete vincitore del Ribot qualche anno fa), è di proprietà del Gestut Graditz ed è allenato da Andreas Wohler. Questo trial gli anni scorsi ha laureato cavalli come Lomitas (1991), Samum (2000), Next Desert (2002), e Soldier Hollow (2003), e anche lui sembra possa avere tanta qualità. Lo scopriremo a breve, ecco il video della corsa cliccando QUI.

sabato 20 aprile 2013

Newbury verso le Classiche: Dominio Hannon-Hughes; Olympic Glory vince le Greenham Stakes, Maureen è la "Darling" delle 1000 Ghinee. Doppietta Andrea Atzeni in giornata..

Richard Hannon e Richard Hughes hanno dominato in lungo ed in largo il giro dei trials inglesi in vista delle Classiche. Nelle Greenham Stakes G3 sui 1400 metri di Newbury a vincere è stato Olympic Glory (Choisir) che aveva chiuso la stagione vincendo il Lagardere G1 a Longchamp sul pesante, e alla ricomparsa si è presentato nel migliori dei modi. Sotto la spinta di "Hughesie", da favorito, ha faticato a trovare azione proficua ma quando si è messo bene sulle gambe ha disposto senza troppi patemi di Sir Patrick Moore (Astronomer Royal). Terzo è finito un deludente Moohaajim (Cape Cross), il quale si è presentato a ridosso di Olympic Glory con azione pulita ma al momento del cambio di marcia ha ricevuto solo gas di scarico da parte del vincitore. Da rivedere sicuramente. Il video delle GREENHAM STAKES QUI.
Ma oltre al decano degli allenatori inglesi, chi ride sotto i baffi è Sheikh Joaan Bin Hamad Al Thani che ha in casa anche l'altro, Toronado con linee interne davvero buone, considerato che Olympic Glory, sebbene a due anni, è l'unico ad aver intimorito il rivale di Toronado stesso, vale a dire Dawn Approach per Jim Bolger, in occasione delle Coventry G2 al Royal Ascot quando quest'ultimo però non era ancora il puledro che ha poi strabiliato in Europa. Insomma, il duello o meglio, la sfida, si infiamma in vista della Classicissima inglese. Olympic Glory è stato posto a 20/1 dell'antepost, dove resta favorito Dawn Approach a 6/4 con Toronado in discesa a 3/1. C'è da dire che Richard Hannon deve solo decidere se mandare Toronado nelle 2000 Ghinee o dirottarlo direttamente verso il Derby di Epsom G1, peraltro mai vinto dall'allenatore inglese. Olympic Glory ha più porte aperte, tra Francia ed Inghilterra. 
Hannon ha risposto a Cecil (vincitore delle Nell Gwyn G3 qualche giorno fa con Hot Snap a Newmarket) per quanto riguarda anche le Fred Darling Stakes G3 sempre sui 1400 metri di Newbury. Nella prova per femmine a vincere è stata Maureen (Holy Roman Emperor) ripresentata in maniera spettacolare dallo stesso team di cui sopra. Con monta saggia, fredda ed efficace di "Riccardino", la figlia di Holy Roman Emperor (Danehill) ha prodotto notevole cambio di marcia su avversarie che sono sembrate ferme e così, dopo una stagione dei due anni altalenante conclusa con il sigillo nelle Princess Magaret S. G3 di Ascot, ma soprattutto con la brutta prestazione di Settembre a Newmarket nelle Cheveley Park S. G1, stavolta si è rifatta cominciando la stagione bene e dimostrando di essere una temibile in prospettiva classica. Battuta una buonissima Agent Allison (Dutch Art) per 3/4 di lunghezza, considerato che veniva da lontanissimo, e Melbourne Memories (Sleeping Indian). Delude fortemente, e perde l'imbattibilità, Rosdhu Queen (Invincible Spirit) che aveva animato la contesa ma al momento di tirare fuori lo spunto si è ritratta e lasciato il palcoscenico a una Maureen che ha sfruttato al massimo il suo speed. Maureen ha visto la sua quota nell'antepost delle 1000 Ghinee dimezzata a 14/1 rispetto ai 30/1 di questa mattina. Il video delle FRED DARLING STAKES QUI
Nel resto della giornata, da registrare un pò di italianità nella Berry Bros & Rudd Magnum Spring Cup (Handicap) vinta da Haaf A Sixpence (Haafhd) con in sella Andrea Atzeni (doppietta in giornata, vittorie nel 2013 a quota 29 con uno stake plus notevole di oltre 30) che ha battuto Guest Of Honour (Cape Cross), quest'ultimo è stato allevato da Gennaro Stimola e fa parte della immediata famiglia del campione Rakti (Polish Precedent), è allenato da Marco Botti per il signor Giuliano Manfredini. Il video della SPRING CUP QUI. Nelle John Porter Stakes G3 sul miglio e mezzo, passo falso per Noble Mission (Galileo), iscritto alla Coronation Cup G1 del 1 Giugno, che ha perso soprattutto di carattere a favore di Universal (Dubawi). Il video delle JOHN PORTER STAKES QUI.

venerdì 19 aprile 2013

Tattersalls Craven Breeze Up Sale: Un figlio di Elusive Quality venduto per gns760,000, realizza il record europeo..

Il Lot 148, il top price delle
Tattersalls Craven Breeze Up Sale
Record alle Tattersalls! Nella due giorni del Craven Meeting, abbinato alla prestigiosa asta Tattersalls Craven Breeze Up Sale per i puledri, a fare il presso più alto dell'asta, ma in assoluto il prezzo più alto mai registrato in Europa per un breeze, è stato un figlio di Elusive Quality (Gone West) inserito nel secondo giorno dell'asta, come Lot numero 148 del catalogo, che ha realizzato l'esorbitante cifra di gns760,000 sborsati da Jamie McCalmont. Il precedente record era di gns625,000per un figlio di Green Desert (Danzig) venduto qui nel 2006. Il cavallo che ha realizzato il top price era presentato da Eddie O’Leary del Lynn Lodge Stud, che l'aveva acquistato per $120,000 alle Keeneland September yearling sale. Dunque un ottimo profit per il venditore. L'imponente figlio di Elusive Quality, è prodotto della fattrice Gender Dance (Miesque's Son), ed è stato aggiudicato come detto all'intermediario di cui sopra che ha duellato, in piedi di fianco a Paul Shanahan e Michael Tabor, contro Ross Doyle che agiva per conto di Richard Hannon Jnr com'è ormai tradizione da anni. Soddisfazione generale per l'acquisto. In generale, nella due giorni, offerti 155 puledri, venduti ne sono stati 103 per un fatturato complessivo di gns9,235,000 (+8%) con la media a gns89,660 (+22%) ed i mediani a 55,000 (-4). Per vedere tutti i VIDEO dei BREEZE sostenuti, cliccate su questo LINK e aprite l'icona del video di lato ad ogni prodotto di interesse
Il secondo prezzo più alto dell'asta è stato realizzato dal Lot 129, un maschio da Dutch Art (Medicean) battuto per gns320,000 ad Angus Gold che agiva per conto di Shadwell Estates. Presentato da Willie Browne del Mocklershill, è prodotto della fattrice Develyn (Pivotal) ed è stato oggetto di duello ancora con Jamie McCalmont dalla spalla caldissima. Ross Doyle si è rifatto firmando un assegno per il terzo prezzo dell'asta, il Lot 112, un maschio da Invincible Spirit (Green Desert) e Carrig Girl (Nayef) che approderà alla corte di Richard Hannon, non presente di persona, ma c'erano a rappresentarlo suo figlio Richard Hannon Jnr ed il genero Richard Hughes.
C'erano molti pinhooker ed i "profit" più alti lo hanno fatto registrare il Lot 99Invincible Spirit venduta a David Redvers per gns230,000, ma da yearling era passata alle October Yearling Sale per sole gns10,000. L'altro, come detto, era il lot 171, una femmina da Footstepsinthesand (Giant's Causeway) venduta per gns190,000 al bid della Blandford Bloodstock di Richard Brown, ma questa cavalla, da puledra, era stata acquistata per sole €17,000 alle Tattersalls Ireland September Yearling Sale. LA LISTA COMPLETA DEGLI ACQUISTI CON I PREZZI REALIZZATI, LI POTETE TROVARE CLICCANDO SU QUESTO LINK E AUTORIZZANDO LO SCARICAMENTO DEL FILE EXCEL CON TUTTI I DATI NECESSARI.
, una femmina presentata da Willie Browne, ed il Lot 171 presentato da Emma O’Gorman del Seven Springs Stables. La prima è una figlia di
In riferimento agli italiani, nessun compratore attivissimo dallo stivale, ma da menzionare il Lot 143, la figlia di Red Rocks (Galileo) che si chiama Folegandros Island, che era stata acquistata alle SGA selezionate in Italia, presentata dal Bansha House, non venduta per gns35,000 e tornata al venditore. 
Altre aderenze con l'Italia, in ordine di vendita, il Lot 30, un maschio da Exceed And Excel (Danehill), è stato acquistato da Marco Botti per gns100,000, poi il Lot 57 una femmina da Lawman (Invincible Spirit) aggiudicata sempre a Marco Botti per gns 78,000. Attivo anche Alberto Panetta che ha speso gns40,000 per il Lot 165, un maschio da Royal Applause (Waajib).
L'appuntamento con Tattersalls, nostro main sponsor, è con le Guineas Breeze Up & Horses in Training Sale del 2 e 3 Maggio di cui parleremo fra qualche giorno.

giovedì 18 aprile 2013

Newmaket, Craven Meeting parte seconda: Toronado impressionante nelle Craven Stakes. Appuntamento alle 2000 Ghinee, sfida a Dawn Approach.. E sabato a Newbury le Greenham con Moohaajim, speranza Classica per Marco Botti

Il nuovo acquisto di Sheikh Joaan bin Hamad Al Thani non ha deluso, anzi, Toronado (High Chaparral) ha dato l'idea che qualsiasi cifra sia stata investita su di lui, è stata ben riposta. Il figlio di High Chaparral (Sadler's Wells) ha incrementato il suo score da imbattuto in quattro uscite con una prestazione sopra le righe al rientro nelle Novae Bloodstock Insurance Craven Stakes G3 dove in poche battute ha spazzato via la concorrenza vincendo di 4 lunghezze senza mai esser sollecitato troppo, dopo aver gestito la situazione in avanti. Il primo a corrergli dietro è stato Dundonnell (First Defence), cavallo con cui Toronado aveva chiuso un match la scorsa stagione finendogli mezza lunghezza avanti nelle Champagne Stakes G2 di Doncaster di Settembre. Stavolta Toronado ha messo le cose ancora più in chiaro a tre anni, quando Dundonnell ha perso anche il secondo, facendosi rimontare anche da Havana Gold (Teofilo). Richard Hughes ha lanciato parole di fuoco a favore del suo, senza mezzi termini: "He's a machine. He quickened, and he quickened again. He's a very good horse. He'll come back here for the Guineas and whatever beats him will win". E quel qualcuno potrebbe essere l'altro imbattuto, di casa Bolger, che si chiama Dawn Approach (New Approach) e che dovrebbe incontrare nelle 2000 Ghinee qui sul Rowley Mile il 4 Maggio prossimo, ma Toronado sembra essere fatto apposta per il Derby di Epsom come ha confessato il suo trainer Richard Hannon, e da come sembrava potesse propendere il team prima del rientro. Comunque, Richard Hannon è Richard Hannon, nessuno lo discute, e vedremo cosa avrà opposto nelle 2000 Ghinee. Toronado ha modo di galoppare tipico del cavallo che fa distanza, ma nulla toglie che possa aumentare le frequenze per il miglio. Si prospetta una bella edizione della Classica, almeno nel "teaser".. Il video delle Craven Stakes QUI.
Bon, poco da dire nel resto della giornata: Nelle Earl of Sefton Stakes G3 attendevamo ad un riscatto Bonfire (Manduro), vincitore delle Dante G2 lo scorso anno e avversario presunto per Camelot (Montjeu) nel Derby, anche stavolta non è emerso finendo terzo di Mull Of Killough (Mull Of Kintyre) e Stipulate (Dansili). Il video delle Earl of Sefton Stakes QUI
Nelle Wood Ditton Stakes, una debuttanti sul miglio che può lanciare cavalli discreti, a vincere è stato un "normodotato" Ajraam (Daaher) per Shadwell sul Godolphin Bustopher (Elusive Quality) e String Theory (Medicean) di Marco Botti. Video Wood Ditton Stakes QUI. Nelle Abernant G3 sui 1200 metri, a vincere è stata Tickled Pink (Invincible Spirit), un colpo ancora per Sir Henry Cecil. La mamma di questa cavalla ha una storia particolare: Si tratta di Cassandra Go (Indian Ridge), già madre della campionessa Halfway To Heaven (Pivotal), che finì la sua carriera agonistica correndo gravida. Nelle Abernant era atteso l'ex italian "racer" Pandar (Zamindar) il quale è finito 5° a grossa quota, è suscettibile di miglioramento. Il video delle Abernant Stakes QUI.
Sabato ci trasferiremo a Newbury, dove in programma ci sono le Greenham Stakes G3 e le Fred Darling Stakes G3 paritetica per femmine, sui 1400 metri. Nella prova per i maschi, rivedremo in pista Moohaajim (Cape Cross), speranza Classica per Marco Botti. 

DBS Breeze-Up Sales: Ecco il catalogo, tutti i contatti ed i riferimenti per un breeze up da premier league, il 22-23 Aprile 2013

Non c'è miglior pubblicità per ogni asta, che raccontarla attraverso i successi dei precedenti cavalli passati alle DBS Breeze Up Sales del 22 e 23 Aprile 2012, con riferimento a quelli che passeranno quest'anno, il 22 ed il 23 Aprile ma del 2013. Dallo scorso anno, il folto numero dei vincitori, è capeggiato da uno come Blaine (Avonbridge), pescato per £100,000 e vincitore delle Gimcrack Stakes G2 di York solo 4 mesi dopo il suo acquisto. Oppure Winning Express (Camacho), pescata per sole £16,000, vincitrice a due anni delle Dick Poole Fillies Stakes Listed a Salisbury e finita seconda lo scorso anno nelle Cheveley Park Stakes G1, sempre a pochi mesi dal suo acquisto. E non è tutto: La stessa, ieri è arrivata terza nelle Nell Gwyn Stakes G3 a Newmarket, alle spalle di Hot Snap che sarà una favorita Classica e Sky Lantern, vincitrice di G1 a due anni. Questi sono solo due nomi usciti dal cilindro delle DBS lo scorso anno, ma negli anni addietro vanta vendite di campioni quali Dream Ahead, Kinnaird, Paco Boy, Red Duke, South Central, Speciosa, Prolific, Total Gallery etc. Insomma, si spende il giusto e si vince in proporzione molto di più:
Il catalogo 2013 offre ed include stalloni di primo rango, come Shamardal, Invincible Spirit, Acclamation, Exceed And Excel, Oratorio, Danehill Dancer, insieme ad altri stalloni che stanno spopolando tra gli allevatori e gli acquirenti all'asta: In ordine, sono Bahamian Bounty, Compton Place, Dark Angel, Dutch Art, Hard Spun, Henrythenavigator, Holy Roman Emperor, Iffraaj, Kheleyf, Kodiac, Kyllachy, Lawman, Royal Applause, Speightstown, Tamayuz, Teofilo etc. mentre tra i first crop sires ci sono Aqlaam, Art Connoisseur, Bushranger, Captain Gerrard, Champs Elysees, Dandy Man, Intense Focus, Myboycharlie. Insomma, la premier league dei Breeze Up!
Qualora foste interessati preghiamo di contattare Gianluca Di Castelnuovo che vi aiuterà con la logistica e quanto altro vi servirà di supporto per l'asta, considerando anche il grande nome che rappresenta in Inghilterra. Ecco tutti i riferimenti: New Racing Factory di Gianluca Di Castelnuovo, Tel/Fax 0039 02 466706; Cellulare 0039 333 2927168; Sito internet di riferimento: http://www.newracingfactory.com/ mentre l'indirizzo email per contattare Gianluca è il seguente: newracingfactory@gmail.com
Per il catalogo completo delle DBS Breeze-Up Sales cliccate QUI per il catalogo in formato digitale, mentre per il PDF scaricabile e stampabile con tutti i pedigrees cliccate QUI.

Allarme rosso: A parte i Godolphin, nessun tedesco di spessore nel Presidente della Repubblica GBI. Cronaca di un dramma (sportivo) annunciato..Ne parla Mario Berardelli, per concessione di Trotto&Turf

Si avvicinano le Classiche ma non solo. Il 12 Maggio, proprio in mezzo al Parioli e Regina Elena del 28 Aprile ed il Derby del 19 Maggio, c'è il Presidente della Repubblica GBI: Ad oggi, risultano iscritti i seguenti cavalli: BEDETTI, BENVENUE, BRANDERBURGO, CITY STYLE, ENERGIZER, FARRAAJ, FRANKENSTEIN, FRENCH NAVY, HUNTER'S LIGHT, LORD CHAPARRAL, MISTER SANDRO, OCCHIO DELLA MENTE, ORPELLO, PATTAYA, PRINCIPE ADEPTO, REGARDE MOI, ROMANTIC WAVE, SAJJHAA, SARATOGA BLACK, STORMING LOOSE, TEIXIDOR, VEDELAGO, VOLA E VA, WEDDING FAIR, WILD WOLF, sono solo 25 e la cosa preoccupante è che ci sono quasi esclusivamente Godolphin, tranne il Farraaj che conosce già la strada delle Capannelle e che vale relativamente poco, ma soprattutto nessun tedesco che fa status. Cosa sta succedendo? Embargo?? Mario Berardelli ne ha parlato nei giorni scorsi e noi riportiamo la sua analisi pubblicata sul Trotto&Turf martedì scorso su quelli che sembrano essere segnali di un disastro, sportivamente parlando, annunciato.
Allarme rosso, anzi rossissimo. Mentre a Roma si discute (eufemismo), Sagunto viene espugnata. Traduzione: quel che resta dell’ippica (quasi nulla) è nel pantano e sta sprofondando sempre di più impegnata in discussioni, canonicati da esigere, elenchi di assurde priorità, riunioni e quanto altro mentre quanto più di deteriore ci può essere ovvero partitocrazia e burocrazia ci stanno per dare il colpo di grazia, nella realtà avvertiamo chiarissimi segnali, indizi che sono prove drammatiche di una situazione che forse ha imboccato la sua corsa verso il baratro senza alcun paracadute. Perché invece di fare quadrato intorno alla unica possibile proposta per dare agli stessi ippici (come nel 1970) la chance di essere artefici del proprio destino (proposta per carità migliorabile, emendabile, tutto quello che volete ma sempre l’unica vera per chi è ippico e non altro) ci si perde in incredibili diatribe, lotte, gelosie e magari anche tentativi di riposizionamento personale. Risultato: la vicenda incredibile, kafkiana, relativa alle corse estere, risolta male perché come diceva Nereo Rocco … “peggio el tacon del buso”. Lasciamo stare le corse estere in palinsesto e TV. C’è un altro drammatico segnale. Dopo la vergogna di essere stati chiamati in causa dai Tedeschi come insolventi (pensare che negli anni 70 e 80 Piero Golisano aveva portato il format ippica italiana ad essere oggetto di studio da parte di innumerevoli paesi esteri), al di là delle giustificazioni che verranno date ecco che arriva il segnale di allarme rossissimo. Avete già visto le iscrizioni delle classiche e vi siete fatti una idea, pochi esteri che diventano uno solo in pratica per il Repubblica (salvo supplementazioni). Questo è ciò che ci deve preoccupare: stiamo uscendo (eufemismo: ci stanno cacciando a calci nel sedere anche perché non esistiamo come persone fisiche rappresentative) dal contesto internazionale indispensabile per esistere nel turf del terzo millennio (a livello di presenze straniere nelle nostre corse ma attenti che si sta azzerando anche la nostra presenza allevatoria nel mondo). Ecco il dato:....

mercoledì 17 aprile 2013

Newmarket: Hot Snap straripante nelle Nell Gwyn Stakes, altro prospetto Classico per Sir Henry Cecil. Nelle Feilden spunta Intello, ma domani i maschi delle Craven Stakes..

Il Maestro è partito forte. Parliamo di Sir Henry Cecil e le speranze Classiche per il 2013. Si è aperto il Craven meeting con il giovedì di Newmarket con in pista le femmine in odore Classico nelle Nell Gwyn Stakes G3. A vincere la prova sui 1400 metri è stata una devastante Hot Snap (Pivotal), autrice di un poderoso allungo dallo steccato, dal quale ha tenuto a bada Sky Lantern (Red Clubs), vincitrice in Settembre delle Moyglare Stud Stakes G1 al Curragh. La vincitrice, montata con fiducia da Tom Queally, ha mostrato notevole cambio di marcia nonostante fisicamente non sia sembrata ancora completata. Tutto questo fa ben sperare l'entourage di Khaled Abdullah, che ne detiene la proprietà. Sir Henry Cecil ha ovviamente parlato di 1000 Ghinee e non solo, anche di Oaks (ha l'iscrizione Classica) e anche di Coronation Stakes G1 ad Ascot. La vincitrice è una figlia di Pivotal (Polar Falcon) ma soprattutto di Midsummer (Kingmambo) e dunque si tratta di una mezza sorella di Midday (Oasis Dream) la quale peraltro, è stata appena diagnosticata gravida ufficialmente di Frankel (Galileo). Hot Snap aveva debuttato vincendo a Kempton in Settembre, quando aveva due anni, e nonostante ci fosse fiducia in lei, non è stata molto considerata dalla punta nel pregara al rientro. Per la cronaca, terza è finita Winning Express (Camacho) mentre Sorella Bella (Clodovil), seconda nel Gran Criterium G1 italiano e seconda nel Dormello G3, solo un nono posto. Il video delle Nell Gwyn Stakes QUI
Nel resto del convegno, da segnalare anche la vittoria di Intello (Galileo) nelle Feilden Stakes, tradizionale Listed sui 1800 metri. Il cavallo allenato da Andre Fabre in Francia, era in Inghilterra forse per misurare le ambizioni degli altri potenziali campioni del "muto" di Chantilly, ma sta di fatto che ha vinto con del buonissimo in mano, senza mai assaggiare la frusta, con in sella Olivier Peslier. Intello è un figlio di Galileo di proprietà dei Wertheimer. Il video delle Feilden Stakes QUI.
Nel Free Handicap (equivalente del nostro Optional HP) a vincere è stato Garswood (Dutch Art) per Richard Fahey (video QUI), mentre in una maiden di chiusura interessante la vittoria in mano per Improvisation (Teofilo) per Mahmood Al Zarooni e Mikael Barzalona. Il Godolphin ha l'iscrizione al Derby. Nella stessa maiden correva anche Morpheus (Oasis Dream), un fratello di Frankel che per adesso non lo ricorda neanche lontanamente...è finito sesto, mentre terzo l'altro di Abdullah Demonic (Dansili). Il video della maiden, QUI.
Domani giornata interessantissima con le Craven Stakes, in pista Toronado (High Chaparral), Dundonnel (First Defence) ed Havana Gold (Teofilo).

L'imbattuta ed imbattibile superstar Black Caviar, smette con le corse. Annunciato il ritiro dalle scene della campionessa.

Stavolta sembra davvero una decisione definitiva. L'entourage della campionessa mondiale Black Caviar (Bel Espirit) ha deciso di dire basta con le corse, in seguito alla 25° affermazione consecutiva in carriera, ottenuta a Randwick (Sydney) nelle T. J. Smith Stakes G1. Per la sei anni è giunta l'ora del pensionamento come ha dichiarato il suo allenatore Peter Moody, sottolineando come la decisione sia stata presa nei due giorni successivi alla sua ultima affermazione, in virtù del fatto che secondo i suoi proprietari, "Nelly" non ha più nulla da dimostrare dopo aver vinto quasi $8 Milioni australiani, 15 Gruppi 1, di cui uno anche in terra inglese, rivali di sempre, nel Royal Ascot dello scorso anno. Neil Werrett, co-proprietario, che ha convocato i giornalisti per una conferenza stampa mercoledì mattina, ha detto che era stato deciso per il ritiro proprio dopo la vittoria nelle Diamond Jubilee Stakes G1, ma poi ha corso ancora tre volte perché era in una condizione smagliante, "She brought interest to our sport that hasn't been there for decades. Black Caviars don't come along every day.'' Non sono stati ancora stabiliti programmi futuri in razza, c'è l'ipotesi Frankel ma sembra più che altro una suggestione.

lunedì 15 aprile 2013

TATTERSALLS CRAVEN BREEZE UP SALE, domani 16 Aprile al via fino al 18 Aprile 2013 a Newmarket. Tanta qualità in 182 puledri di classe, per la migliore asta per i due anni in Europa. Ecco tutti i riferimenti, link e numeri di telefono!!

La vittoria di OVERANALYZE (Dixie Union) nell'Arkansas Derby G1 dei giorni scorsi, ha dato un ulteriore spinta in avanti al catalogo Tattersalls Craven Breeze Up Sale che si terrà dal 16 al 18 Aprile. Catalogato al Lot 83, c'è infatti una sorella del neo vincitore di G1 sulla strada per il Kentucky Derby. Si tratta di una figlia di Elusive Quality (Gone West) prodotto della fattrice Unacloud (Unaccounted For), madre appunto di Overanalyze. La femmina sarà presentata da Roger O’Callaghan del Tally Ho Stud. Sarà possibile vedere il breeze su Racing UK oppure seguendo lo streaming del sito di Tattersalls. L'appuntamento è per Terrace House, Newmarket, Suffolk. Dal 16 al 18 Aprile una delle più riuscite aste degli ultimi anni: Tattersalls organizza infatti le Craven Breeze Up Sale, una delle più attese da operatori ed appassionati. La novità è che la casa d'aste fondata nel 1766 da Richard Tattersall, Tattersalls appunto, la più antica nel mondo ed in Europa nonché la più prestigiosa, è il nuovo sponsor di MONDOTURF per questo inizio 2013 come da banner laterale (http://www.tattersalls.com/breezeup-sale-overview.php), e noi ringraziando per la fiducia concessa, siamo onorati di presentare il catalogo uscito anche online nelle scorse ore. Ben 182 "high class juveniles" breezeranno sul Rowley Mile di Newmarket il 16 Aprile prossimo, mentre le due sessioni d'asta avranno luogo dopo la giornata di corse del Craven Meeting a Newmarket il 17 e 18 Aprile prossimi. Da qui, lo scorso anno, sono usciti cavalli del calibro di Rosdhu Queen (Invincible Spirit), imbattuta in 4 uscite, di proprietà della Clipper Logistics di Steve Parkin, acquistata da David Redvers per sole gns65,000 dal "draft" del Grove Stud di Brendan Holland.
La cavalla allenata da William Haggas ha concluso la suite di 4 vittorie consecutive nel 2012 ottenendo l'ambito traguardo delle Cheveley Park Stakes G1 e prima ancora ha vinto le Lowther Stakes G2, ed è una candidata alle 1000 Ghinee dove l'antepost l'ha posizionata a 14/1. Quest'anno Invincible Spirit (Green Desert) ha 12 lotti in catalogo, mentre il Grove Stud ne presenta ben 9 di due anni alle Craven Breeze Up Sale. Ma non solo: Lo scorso anno uscì anche Moohaajim (Cape Cross), pescato per gns200,000 dall'Hillwood Stud. Il figlio di Cape Cross (Green Desert) per il training di Marco Botti ha vinto le Mill Reef Stakes G2 a Newbury prima di perdere "narrowly" da Reckless Abandon (Exchange Rate) nelle Middle Park Stakes G1. Attualmente Moohaajim, su cui Marco Botti punta pesantemente, è a 16/1 dell'antepost delle 2,000 Ghinee di Newmarket G1 e correrà in settimana. L'Hillwood Stud presenta quest'anno 7 due anni, di cui due da Cape Cross! Ci saranno fratelli pieni o per metà di 56 vincitori di Gruppo e Listed nel corso del 2012, figli di 20 top stalloni attivi in Inghilterra ed Irlanda. I top 20 stalloni rappresentanti e responsabili di 81 "two year olds" inseriti nel catalogo includono ACCLAMATION (3), CAPE CROSS (2), DANEHILL DANCER (3), DARK ANGEL (3), DUBAWI (7), ELUSIVE QUALITY (6), EXCEED AND EXCEL (10), GALILEO, INVINCIBLE SPIRIT (12), OASIS DREAM (3), PIVOTAL (3), SHAMARDAL (5) e TEOFILO (4). L'anno scorso gli attesi first crop sires erano rappresentati da HENRYTHENAVIGATOR, NEW APPROACH, RAVEN'S PASS e TAMAYUZ e quest'anno ce ne sono ben 16 di loro figli, in più tra gli stalloni made in USA rappresentati ricordiamo i "proven" Group/Grade 1 ARCH, BERNARDINI, CANDY RIDE, DYNAFORMER, EXCHANGE RATE, GIANT'S CAUSEWAY, HARD SPUN, KITTEN'S JOY, MALIBU MOON, MORE THAN READY, SPEIGHTSTOWN, STREET CRY, TAPIT e WAR FRONT, tutti ben rappresentati. Tra i gruppi principali, e responsabili dei prezzi più alti realizzati lo scorso anno, c'è il Tally Ho Stud che ha assemblato un plotone di 8 puledri (cinque maschi e tre femmine) capitanati da una ELUSIVE QUALITY mezza sorella di MEADOW BREEZE vincitrice di Matron G1 e sorella di Overanalyze, mentre il Mocklershill presenta famiglie prestigiose. Il Bansha House Stables con 13 rappresentanti nel catalogo, presenta 3 dei suoi 13 puledri, figli del champion first crop sire NEW APPROACH, mentre tra gli altri lotti presentati dallo stesso gruppo c'è il Lot 143, la figlia di RED ROCKS (Galileo), altro stallone da quest'anno sponsor di Mondoturf con scheda cliccabile QUI, che si chiama Folegandros Island ed è una mezza sorella del campion Dandy Boy (Danetime), la quale era stata acquistata alle selezionate italiane 2012 per €25,000 da Con Marnane, uno dei migliori pinhooker europei e mondiali. Il catalogo è visionabile e scaricabile cliccando su questo LINK scegliendo se scaricarlo in PDF o Excel e per scaricare il "buyer form" da firmare qualora interessati a comprare. Se volete invece vedere la lista completa dei vincitori di Gruppo e Listed presentati dalle Tattersalls Craven Breeze Up Sale negli ultimi dieci anni, cliccate qui: www.tattersalls.com/breezeup-winners.php
Per informazioni sull'asta, il referente di riferimento è ROLLINE KAVANAGH, International Marketing Executive di Tattersalls Ltd a Terrace House (Newmarket, Suffolk, CB8 9BT, England). Ecco la sua mail per tutte le comunicazioni - rolline.kavanagh@tattersalls.com e questi sono i numeri di telefono: Mobile - 0044 (0)78 2730 2982; Phone - 0044 (0)1638 665931; Fax - 0044 (0)1638 660850

Irlanda e Francia nella domenica appena trascorsa. Focus On Venice nome buono tra i puledri, Ballysax a Battle Of Marengo. In Francia, male Punta Stella e Morandi nei trials classici lentissimi...

In Irlanda, prima domenica di un certo livello. A Leopardstown il convegno è stato bagnato da una maiden interessantissima che ha visto la vittoria di Jim Bolger con uno dei suoi, personali, figli di Intense Focus (Giant's Causeway). Lo stallone first crop sire ha visto il suo secondo rappresentante vincitore in Focus On Venice che sotto la spinta di Kevin Manning, e di un refolo di vento, ha battuto in una maiden sui 1200 metri il favorito del Coolmore Michaelmas (Elusive Quality) di una testa. Questa corsa negli anni scorsi ha lanciato Paris Hall e Finsceal Beo per il trainer irlandese, ed ha parlato benissimo di Focus On Venice dicendo che si aspetta molto e che punterà a qualche importante summit di livello. Il video della maiden cliccando QUI.
Aidan O'Brien si è rifatto nelle altre prove, con Battle Of Marengo (Galileo) ha vinto le Ballysax Stakes G3 facendo si che la quota nell'antepost per il Derby del figlio di Galileo, venisse tagliata al ribasso. (Video Ballysax quI) Farà un altro trial e poi punterà deciso su Epsom. Nei trials per le 2000 Ghinee e le 1000 Ghinee svelati i nomi di Fort Knox (Dubawi) tra i maschi, per Tommy Carmody e Johnny Murtagh. Tra le femmine la Dermot Weld's Rawaaq (Invincible Spirit). Il report completo della giornata in questo video del RACING POST.
In Francia, trials classici nel Prix de la Grotte G3 e nel Prix de Fontainebleau G3. Nella prova per femmine, deludentissima Punta Stella (Elusive City) dopo corsa ridotta ad una volatona in dirittura con la vincitrice del Dormello mai incisiva. A vincere è stata la Henri-Alex Pantall Kenhope (Kendargent) che si è guadagnata il pass per la Classica. E' iscritta anche alle 1000 Ghinee inglesi. Ha battuto la Godolphin Tasaday (Nayef). Il video del Prix de la Grotte G3 QUI.Tra i maschi del Prix de Fontainebleau G3 ancora una sorpresa con la vittoria di Gengis (King's Best) che ha mostrato un ottimo cambio di marcia ai danni di Morandi (Holy Roman Emperor) e Us Law (Lawman). Il video del Prix Fontainebleau QUI. Tempi sul miglio molto indicativi: Su terreno comunque pesante, le femmine hanno fatto 1m 50.73s esagerando ad andare veramente piano nella prima parte di gara, mentre i maschi sono andati al passo di 1m 44.08s. Veramente poco probanti queste corse....

Bettolle stravince il Carlo Chiesa! La 4 anni della Topeeka batte la tre anni Clorofilla e Onlyyouknowme in uno sprint tutto in rosa. A Milano lo sprint è celeste e non Blu. Vincono Elettrotreno e Impendor verso il Tudini del 19 Maggio..

Il bello della domenica italiana parla pisano, perchè la 4 anni Bettolle (Blu Air Force) ha ottenuto un giusto premio alla costanza del proprio team dopo aver ottenuto innumerevoli piazzamenti in carriera. La figlia di Blu Air Force (Sri Pekan), che era stata acquistata per poche lire all'amichevole dopo una vittoria in reclamare (era dei Botti) ha raggiunto l'obiettivo da tempo piantato in testa dei suoi uomini: Ottenere un black type in prospettiva fattrice e quale migliore occasione per una femmina se non il Carlo Chiesa? Scelta felicissima, perchè questa è una corsa che fa status (prima era sul miglio ed era una Listed) e sui 1200 in pista dritta non c'è una corsa così nel programma italiano. E proprio nella prima domenica romana di Pattern, baciata da un sole caldissimo, la 4 anni ce l'ha fatta dopo aver tentato già lo scorso anno ma finendo ad un palmo dal podio sempre del Carlo Chiesa G3 quando finì quarta di Noble Hachy (Kyllachy). Quest'anno però la campionessa di Luigi Riccardi non è andata forte come lo scorso anno ed è finita quinta, (4° la siciliana Alta Quota) complice anche un terreno molto scorrevole che invece ha fatto gioco alla cavalla della Topeeka che non aspettava altro. In sella Michele Colombi, alla prima Pattern in oltre 20 anni di carriera, che l'ha montata con freddezza ed acume tattico, vincendo nei confronti della tre anni Clorofilla (Refuse To Bend) e Onlyyouknowme (Martino Alonso) bene in quota dopo esser partita da uno stecco largo. Tempo finale molto buono di 1m 8.24s sul traguardo delle Capannelle davanti ad un pubblico folto che finalmente ha assiepato le tribune vicino al traguardo come nelle migliori giornate. 
Ma nulla da fare per battere speedy Bettolle, pluripiazzata in questi contesti, finalmente a dama..allenata da Jessica Lari e Silvia Casati, per i colori del signor Tabone, 30 anni da proprietario da festeggiare quest'anno. Prossimo obiettivo? Tudini il 19 Maggio, nel giorno del Derby dove troverebbe all'opposizione i maschi che ha sempre incontrato. A Milano i nomi svelati dalle prove sui 1000 per 3 anni ed anziani (Sambruna ed Oleggio) hanno detto Elettrotreno (Modigliani) per i Giorgi boys e Impendor (Holy Roman Emperor) per Diego Dettori. Deludente, tra gli anziani, ancora una volta, Blu Constellation (Orpen) finito ultimo lontano. Il video del CARLO CHIESA 2013 QUI, per le corse di Milano rimandiamo a San Siro Replay cliccando QUI.
Allevata dai Dioscuri, Bettolle è figlia del Champion Sire in Italia Blu Air Force e prodotto della fattrice Happy Sue (City On A Hill), maiden in carriera in corsa. In apertura di convegno nel Lorenzo Camuffo in odore di Oaks G2, a vincere è stata Lucky Serena (Bertolini) che ha gestito la contesa all'attesa, ed alla fine ha regolato Licia (Singspiel). La corsa non è stata molto selettiva, tempo di 2m 12,88s sui 2100, e per Agostino Affè ancora dubbi da sciogliere sui prossimi obiettivi di una cavalla freddissima in corsa. Cercare gloria nel Regina Elena G3 sul miglio con corsa tirata o puntare al Baggio per provare la pista di San Siro e poi andare alle Oaks G2? Bei problemi. Lucky Serena è stata pagata €4,500 ad un Breeze Up di Goresbridge, è il primo prodotto di Singora Lady (Intikhab), che ha un due anni da Jeremy (Danehill Dancer), acquistato per gns1,500 dalla Scuderia Golden Horse alle Tattersalls December Yearling Sale. Il video del Lorenzo Camuffo cliccando QUI.

domenica 14 aprile 2013

Giappone: Mirco Demuro vince il Satsuki Sho in sella a Logotype. Per lui è la terza in questa corsa dopo Neo Universe (2003) e Daiwa Major (2004). Record della corsa, battuti Epiphaneia e Codino, decimo Cristian

Rivincita Mirco Demuro in Giappone! Questa mattina a Nakayama il jockey italiano si è ampiamente rifatto della sconfitta patita la scorsa settimana nelle Oka Sho, portando a casa il Satsuki Sho (le 2000 Ghinee giapponesi) (dotazione di ¥184 Milioni, pari a €1,4 Milioni di cui €746,000 al vincitore) in sella a Logotype (Lohengrin), con il quale aveva già vinto le Asahi Hai Futurity Stakes G1 lo scorso autunno e sul quale Cristian Demuro aveva preparato la Classica prima che arrivasse Mirco.
Sui 2000 metri del tracciato "girotondo" di Nakayama, il cavallo allenato da Tsuyoshi Tanaka e di proprietà di Teruya Yoshida, con una monta brillante da parte di Mirco, ha sfruttato il miglior percorso possibile per un cavallo buono come lui rimanendo inchiodato allo steccato fino all'ingresso in dirittura dove è stato spostato verso l'esterno ed ha prodotto una buonissima progressione per finire in spinta, senza mai essere seriamente impensierito. Logotype ha così battuto il favorito Epiphaneia (Symboli Kris S) per mezza lunghezza, terzo è arrivato Codino (King Kamehameha) ad 1 e 3/4 dal secondo arrivato, mentre l'altro atteso Camino Tassajara (Deep Impact), che partiva da una gabbia molto larga, non ideale in un percorso come quello di Nakayama, è finito 4°. Logotype ha realizzato il record della corsa con 1m 58,00s sui 2000 metri e i primi 1000 passati in 58 secondi. Per Mirco è la terza vittoria nella Classica, dopo Neo Universe nel 2003 e Daiwa Major nel 2004. Decimo fratello Cristian in sella ad Imparator (Deep Impact), non uno dei più attesi. Ma al più giovane dei Demuro's stavolta non è riuscito il colpo di genio.
Il video del Satsuka Sho cliccando QUI. Il risultato completo cliccando QUI.
Cristian comunque aveva colpito ad inizio convegno, dopo la doppietta realizzata ieri ad Hanshin, in una maiden vincendo in sella a Superior (Symboli Kris S) e nella stessa corsa Mirco è giunto terzo su Brightia Mill (Fuji Kiseki), per Cristian un altro piazzamento su Tamano Perseus (Wild Rush) in giornata.
Seguiranno approfondimenti...

sabato 13 aprile 2013

Il weekend di galoppo. A Nakayama il Satsuki Sho con i Demuro's ancora sfidanti, a Longchamp si rivede in pista Punta Stella. In Italia domenica in velocità con Carlo Chiesa G3 e Noble Hachy, a Milano si rivede Blu Constellation nel Premio Oleggio

Punta Stella sul traguardo del Dormello G3
tornerà in azione domenica a Longchamp
Fine settimana di appuntamenti importanti e preparazioni, di tutto un pò. A Nakayama si corrono le 2000 Ghinee giapponesi (Satsuki Sho) con di nuovo i Demuro's che si sfideranno, dopo il vibrante 1-2 della settimana scorsa ad Hanshin. I fratelli saranno in una situazione similare, nel senso che MIrco monterà il favorito Logotype (Lohengrin) con il quale ha vinto il Gran Criterium G1 locale nel 2012, e con il quale il giovane Cristian ha rifinito nella preparazione. Il "piccoletto" invece sarà su Imparator (Deep Impact) a 25/1. Riuscirà la sorpresa anche stavolta? Lo sapremo a breve. Intanto nella mattinata di sabato Cristian, dalla mano caldissima, ad Hanshin ha ottenuto una doppietta con Red Successor (Symboli Kris S) e Kamui Mintara (Manhattan Cafe) ed un terzo con Meiner Adamas (Admire Max) mentre per fratello Mirco una vittoria con Satono Kingly (Daiwa Major). 
L'italianità nel weekend sarà di scena anche a Longchamp dove domenica si correranno trials in vista delle classiche. Nel Prix de la Grotte G3 sui 1600 metri si rivede in pista Punta Stella (Elusive City), allevata dalla Morosina, allenata in Italia da Daniele Zarroli per il quale vinse il Dormello. Torna all'opera per i colori di Katsumi Yoshida ed il training di Shinichiro Kobayashi ed avrà in sella Umberto Rispoli. Dovrà affrontare 4 rivali, tra cui la Godolphin Tasaday (Nayef), imbattuta in tre uscite, e la Laffon-Parias Topaze Blanche (Zamindar). Nella prova per i maschi, il Prix De Fontainebleau G3, si rivede in pista Morandi (Holy Roman Emperor), una delle più interessanti speranze del galoppo francese, vincitore di G1 a due anni, che dovrà dimostrare di gradire qualche metro in meno e di essere non solo un cavallo da terreni pesanti. All'opposizione non ci sarà Pearl Flute (Piccolo), piazzato del nostro Gran Criterium che è stato ritirato, ma ci saranno Us Law (Lawman) e Courcy (Mizzen Mast).
In Italia va in scena la prima pattern dell'anno, il Premio Carlo Chiesa G3 per femmine di 3 anni ed oltre sui 1200 metri. Si rivede all'opera la nostra Black Caviar italiana, Noble Hachy (Kyllachy), la quale cercherà di difendere il titolo con in sella Andrea Mezzatesta. Renderà chili alle avversarie, ma può farcela contro Onlyouknowme con in sella Mikael Barzalona, Chiara Wells, Bettolle, Belly To Belly tra le altre, la tre anni Clorofilla, e soprattutto Killachy Loose. A Milano domenica ci saranno il Premio Sambruna ed Oleggio, due prove sui 1000 metri la prima riservata ai 3 anni con in pista Elettrotreno (Modigliani) mentre nella prova per anziani rivedremo all'opera Blu Constellation (Orpen) dopo il brutto rientro romano. 
nno, il Carlo Chiesa G3 dove si rivede in pista la Black Caviar italiana, vale a dire

Prime prove per i 2 anni in Italia. A Capannelle vincono Omaticaya in 57.95s e Weisses Rossl in 57.87s. Terreno velocissimo..

E' passato un altro anno, ieri si sono visti i primi due anni all'opera a Capannelle nelle tradizionali prove a vendere di metà Aprile sui 1000 metri in dirittura. La prova per femmine è andata ad una interessantissima Omaticaya (Bernstein) la quale in poche folate ha disposto nettamente di Canarina (Amadeus Wolf) che non è riuscita nell'aggancio. La vincitrice ha stampato un 57.95s ma questo non è bastato ad attrarre interesse su di se per €20,000, somma per cui era stata dichiarata a vendere. La cavalla allenata da Vincenzo Fazio e Manila Illuminati, che risulta acquistata per €20,000 alle Tattersalls Ireland September Yearling Sale da Mark Johnston, ma evidentemente è stata poi rimessa in vendita ed acquistata all'amichevole dal suo allenatore. E' il terzo prodotto della fattrice Pronghorn (Gulch), la quale era stata pagata $290,000 ed è una mezza sorella del campione Muhtarram (Alleged). Il video della vittoria cliccando QUI
I maschi, tempo alla mano, hanno realizzato un tempo più basso anche se l'impressione visiva è stata meno appagante. La prova gemella a quella delle femmine ha visto la vittoria di Weisses Rossl (Pastoral Pursuits) che è partito un filo lento ma ha recuperato metri per battere Capitan Corallo (Captain Gerrard) negli ultimi 200 metri. Il tempo come è detto è stato più veloce (57.87s) in una giornata dove il terreno scorrevolissimo ha fatto registrare tempi bassissimi (forse troppo?). Il cavallo allenato da Mario Massimi è stato acquistato per 7,500gns alle Tattersalls October Yearling Sale Book 3, la mamma è Kool Acclaim (Royal Applause), vincitrice sul breve. Il video della vittoria lo trovi QUI.
In attesa dei tradizionali Marguerite Vernaut e Tolouse Lautrec del 1 Maggio a Roma per i puledri (e di Poncia e Lampugnano a Milano) il 22 Aprile è fissato un appuntamento a Capannelle con lavori pubblici in pista da corsa per testare la condizione in vista dei debutti, dalle 7 alle 8 di mattina. 

Black Caviar, il record continua: Vince le T.J. Smith Stakes, il 15° G1, l'8° consecutivo e così sono 25 da imbattuta. It's A Dundeel vince Derby e Triple Crown, Guelph stoppa Overreach nelle Sires Produce Stakes

Lei venne, vide e vinse. Di nuovo. E' accaduto questa mattina a Radwick (Sydney) dove Black Caviar (Bel Espirit), correndo a mano destra contro avversari che hanno provato a metterla in difficoltà, ha vinto le T.J. Smith Stakes G1 sui 1200 metri in erba con AUS$1 Milione al traguardo, battendo il tre anni Epaulette (Commands) di proprietà di Sheikh Mohammed e Bel Sprinter (Bel Espirit), per 3 lunghezze di margine sul secondo con tempo finale, come dice anche la foto, di 1m 9,65s. Black Caviar, partendo dall'1 di steccato, stavolta ha avuto vita meno facile delle prove precedenti. Ma Luke Nolen, rimasto freddo, in dirittura ha spostato la sua verso l'esterno, spinto start e la figlia del vento è partita come sa. In poche folate si è liberata dell'abbraccio affettuoso dei rivali che hanno provato a cingerla ed ha proseguito la sua corsa verso il traguardo, anzi verso la sua 25° corsa consecutiva, la 15° a livello di G1 superando il precedente record di Kingston Town fermo a quota 14, l'8 consecutiva vittoria a livello di G1, altro record, e quello del velocista più ricco, raggiungendo la quota di $8 milioni di dollari australiani vinti. Il video delle T. J. Smith Stakes QUI.
Sui 2400 metri dell'Australian Derby G1, It's A Dundeel (High Chaparral) è diventato il campione che tutti si aspettavano, vincendo la Triple Crown locale. Il figlio di High Chaparral (Sadler's Wells), montato da James Mcdonald ed allenato da Murray Bakerin, era favoritissimo ed ha dominato in lungo ed in largo la contesa sbattendo in faccia al secondo arrivato Philippi  (Host), con Luke Nolen in sella, ben sei lunghezze di margine. Terzo è arrivato Kingdoms (High Chaparral). Ma la vittoria era già scritta in settimana, dopo il ritiro dell'altro atteso Fiveandahalfstar (Hotel Grand) con il quale si sarebbe prefigurato quantomeno un match, ma quest'ultimo, che aveva battuto It's A Dundeel nel Victoria Derby G1 lo scorso anno ed aveva appena vinto le BMW Stakes G1 in una "weight-for-age", si è infortunato ed ha dunque lasciato via libera al "kiwi". Comunque, It's A Dundeel arrivava a Sydney forte delle vittorie nelle Royal Randwick Guineas G1 sui 1600 metri del 16 Marzo e dalla affermazione nelle Rosehill Guineas G1 sui 2000 metri del 30 Marzo scorso, si tratta del 5° vincitore della Triple Crown autunnale di Sydney e lo ha fatto in maniera davvero devastante, restando coperto e poi finendo con ampie folate. Ottima impressione, che sia il nuovo So You Think? Il video dell'Australian Derby cliccando QUI.
La triple crown per i puledri invece non è sarà celebrata, perchè Overreach (Exceed And Excel) ha rimesso in palio il titolo, e fallito l'appuntamento con le Sires Produce Stakes G1 sui 1400 metri per puledri, dopo che la scorsa settimana aveva vinto le Golden Slipper Stakes G1, prima tappa per la triple crown dei puledri. La cavalla di Gai Waterhouse per George Altomonte è stata battuta da Guelph (Exceed And Excel), cavalla di Sheikh Mohammed allevata in casa, montata da Kerrin McEvoy ed allenata da Peter Snowden, e preceduta anche da Scandiva (Fastnet Rock) anche se tutti sono finiti molto vicine (3/4 e 1/2 i distacchi). Per Overreach molto probabilmente non ci sarà rivincita nelle Champagne Stakes G1 del 27 Aprile, ma forse invece si. Curiosità per quest'ultima, Scandiva: Si tratta di una mezza sorella di Helsinge (Desert Sun), la mamma di Black Caviar.
Seguiranno video delle imprese di Black Caviar, It's A Dundeel e Guelph, intanto cliccando QUI trovate il servizio realizzato dal TG Australiano sulla giornata di Randwick che si è appena disputata.

Scommesse ippiche: In Marzo raccolti 81 Milioni di euro, flessione del 16% rispetto al 2012. Ma i corner guadagnano il 7%..

Periodicamente facciamo il punto della situazione dei movimenti fatti registrare delle scommesse ippiche in Italia. Nel mese di marzo 2013, comunica Gioconews, le scommesse ippiche offerte dal palinsesto italiano hanno movimentato oltre 81 milioni di euro: 54 milioni sono stati raccolti dal Totalizzatore Ippico (il tradizionale gioco d’agenzia); i restanti 27 sono stati accettati dai Corner di Ippica Nazionale. L’analisi dell’andamento del gioco nel mese di marzo mostra, nel confronto con il corrispondente mese dello scorso anno, una flessione pari al 16% circa. Si confermano anche questo mese le diverse dinamiche dei due Totalizzatori: rimane buona, infatti, la tenuta del gioco nei Corner che riescono a guadagnare il 7,74% rispetto allo stesso periodo del 2012 (quasi due milioni di euro in più); allo stesso tempo si conferma il periodo di forte criticità del Totalizzatore Ippico che invece segnala una perdita del 24,56% (oltre diciassette milioni di euro in meno, nel confronto con lo scorso anno). Tenendo conto della riduzione delle giornate di corse, il risultato può essere visto con un minimo di fiducia in più. Tra l'altro, bisogna sottolineare che questi sono freddi numeri che andrebbero sviscerati. C'è molta differenza infatti tra ippodromi e campi che registrano solo lievi cali rispetto allo scorso anno (per esempio -2% o 3%) e campi che invece sono in caduta libera a -30%.. e la media, infatti, fa -15%. 

venerdì 12 aprile 2013

L'Italia non paga i premi 2012 alla Germania ed i tedeschi siinfuriano!! Chiusi i rapporti con le nostre corse e minacce allo statusdelle nostre Pattern

Prima o poi sarebbe successo, ed alla fine è arrivata la conferma. L'ippica tedesca si indigna per il mancato pagamento dei premi 2012 e lo fa tramite questo comunicato diffuso dal sito del Direktorium (il Jockey Club tedesco) con il seguente testo: "Abrechnung Rennpreise Italien Die Hippogroup Roma Campanelle SPA und die Societa Trenno SrL teilen uns mit, dass die U.N.I.R.E die Rennpreise aus dem Zeitraum Juli 2012 bis Dezember 2012 noch nicht überwiesen hat." Di fatto, hanno ufficialmente comunicato di aver interrotto ogni rapporto con l'Italia lamentando il fatto (logico) il mancato pagamento dei premi che sarebbero dovuti arrivare dall'Italia, in merito alle corse vinte dai tedeschi nel corso del 2012. Si tratta di 4 corse di G1, quindi il Jockey Club con Novellist, il Milano con Earl Of Tinsdal (ma questo è strano, visto che gli italiani hanno preso i premi fino ad Agosto) il Lydia Tesio con Sortilege ed il Di Capua con Amaron. Ma non solo tedeschi, neanche Hannon per la vittoria del Gran Criterium ha ancora preso gli euro del premio. Praticamente sembra che (non ci sono ancora documenti ufficiali in merito) dopo le rassicurazioni, disattese, sul pagamento entro marzo il Direktorium ha minacciato di denunciare la questione al comitato pattern suggerendo inoltre di ritirare la definizione "pattern" alle corse italiane e di farlo anche per altri paesi che non rispettano gli impegni in tal senso.. C'è da dire che i dubbi riguardano giugno, visto che per quel periodo sono stati erogati..mentre per i mesi da settembre a novembre, si entra nella "normalità" quindi la stessa situazione tocca anche gli italiani. indipendentemente da tutto, è l'ennesima figuraccia dell'Ippica italiana che è, infine, amaramente arrivata. Restiamo in attesa delle reazioni degli organi istituzionali italiani su questa vicenda. 

giovedì 11 aprile 2013

Cristian, scherzetto giapponese a Mirco. Per concessione di Trotto&Turf, l'articolo uscito martedì mattina.

E adesso, chi è il vero demone? Sarebbe lecito pensarlo, a questo punto. Cristian ha battuto Mirco, fratelli coltelli nella trasposizione sportiva di un evento che mai si era verificato in Giappone: due fratelli, primo e secondo in una corsa di Gruppo 1, la prima in carriera per Cristian, peraltro una Classica. Cristian e Mirco, lontani anni luce da una realtà italiana ed oggi sulle copertine di tutti i quotidiani sportivi in Giappone, a firmare autografi in città. È arrivato mio fratello, la pellicola con Renato Pozzetto, ora lo conoscono anche in Giappone: La figura di quello sveglio, Raf Benson, l’ha fatta il più giovane, Cristian che non avrebbe neanche dovuto montare ma anzi si stava apprestando a vivere da tifoso le gesta di fratello Mirco “Ovidio Ceciotti” su quella Red Oval che Cristian conosceva bene per averla montata in un trial, un pò così a dirla tutta. Ed invece, Cristian, è riuscito a saltare sull’ultimo treno possibile per la Classica grazie a un colpo di fortuna per lui, ed uno di sfortuna a Genki Maruyama, fantino designato della vincitrice, caduto rovinosamente il sabato a Fukushima. Ecco le due facce della stessa medaglia, in un confine sottilissimo. Cristian, con le sue 14 vittorie stagionali nel periodo giapponese, ha convinto Takahisa Tezuka a dargli una chance, ha ricevuto poche indicazioni e se l’è ritrovato abbracciato alla cavalla dopo la corsa. La femmina Ayusan, nemmeno la favorita, anzi la settima del campo a 17/1, ha vinto le Oka Sho ad Hanshin (le 1000 Ghinee Giapponesi, la prima classica della stagione) grazie ad una monta come al solito quadrata, efficace, energica trasmessa alla sua tramite la galvanizzazione dei muscoli di Demurino. Cristian si è trovato a lottare con Mirco, lo ha pietrificato tipo Medusa e gli ha rubato il forcone con il quale lo ha ricacciato indietro. Lo stesso forcone che di solito usa lui contro gli avversari. Mirco ha perso nello stesso identico momento in cui era convinto di vincere, questione di attimi; con Red Oval negli ultimi 100 metri ha passato Ayusan di mezza lunghezza, ma quest’ultima nell’ultimo slancio è ripartita: “L’ho riconosciuto sentendolo arrivare, Mirco ha emesso i suoi soliti versi quando è convinto di vincere, mi ha passato ma la mia è ripartita alla grande, allora ho gridato io!! Se l’è presa li per li, neanche mi ha dato la mano dopo la corsa, non perché non fosse contento per me, era semplicemente basito! Ma sono felice, era un occasione inaspettata e trovo sempre grande soddisfazione a battere quello che considero il mio primo maestro. Ma dopo, con calma anche lui mi ha fatto i complimenti, anche se stentava a crederci. Ci vogliamo bene, ma conta solo la vittoria!” Ecco le due facce della stessa medaglia, il brivido della vittoria, l’agonia della sconfitta. Cristian che dal mazzo delle probabilità ha pescato la carta “esci gratis di prigione, passare per il via, vinci un G1”. Mirco ha pescato nel mazzo della sorte la carta degli imprevisti e ci ha trovato su scritto: “tuo fratello” Ma il bello è anche questo, vincere o perdere alla fine accade di fronte a 100,000 spettatori felici di esultare, nella stagione della Sakura, il simbolo del Giappone, quando il ciliegio in fiore esprime tutta la sua fragilità e caducità ma anche la rinascita, la bellezza dell'esistenza. “Sono felice, era anche il mio primo G1. Me la sto godendo, lunedì mattina sono andato a farmi in giro ad Osaka, mi ha fermato tantissima gente: Autografi, fotografie, tanti complimenti. Mirco invece è rimasto a dormire, lui dorme sempre. Ma vorrei tanto che gli italiani vedessero e capissero com’è l’ippica vissuta da questa parte del mondo…”. E domenica prossima già si pregusta la rivincita o meglio un’altra sfida in famiglia. A Nakayama c’è il Satsuki Sho, le 2000 Ghinee maschili, Cristian è stato ingaggiato per Imparator, un Deep Impact di Masazo Ryoke, mentre Mirco ancora una volta sarà sul più considerato Logotype in coppia al quale ha ottenuto la vittoria nel Gran Criterium giapponese. Da lontano, vi guarderemo. Dateci dentro.
Gabriele Candi