STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

martedì 30 giugno 2009

Acquisti Godolphin

Simon Crisford, racing manager di Godolphin, ha annunciato l'acquisto da parte di Sheik Mohammed di Evasive dal Cheveley Park. Evasion è un figlio di Elusive Quality allenato da Sir Michael Stoute. Il sauro ha vinto sinora le Horris Hill Stakes G3 prima di terminare sesto nelle 2000 Ghinee G1 e quarto nelle St. James Palace S. G1. Attualmente è iscritto alla prossima July Cup G1 e alle Sussex Stakes G1.

Non prima del Classic

Sembra destinato a svanire il sogni di tutti gli Americani e di tutto il mondo ippico, di vedere all'opera, face to face, l'incredibile Zenyatta (Street Cry) e la sensazionale Rachel Alexandra (Medaglia D'Oro). Jerry Moss ha dichiarato che la sua imbattuta Zen, difficilmente affronterà l'altra americana. Almeno non prima delle Breeder's Cup Classic, corsa che potrebbe essere l'ultimo assaggio sulle piste prima dell'ingresso in razza nel 2010.

domenica 28 giugno 2009

Irish Derby e Saint Cloud


Con il ritiro di Sea The Stars (Cape Cross), che ha tolto un pò di fascino alla contesa, l'Irish Derby si è presentato come un match in famiglia tra irlandesi appunto e nel microcosmo di Aidan O'Brien che ne ha presentati sette al via. Ha vinto, come da pronostico, un validissimo Fame And Glory (Montjeu) che ha così riscattato la non felicissima sortita nel Derby ad Epsom. Secondo, a cinque lunghezze, il valoroso Golden Sword (High Chaparral) rivelatosi un pò più di una sorpresa nel corso della stagione. Per Padre Aidan (Rai docet), è la 7° vittoria nella classica come il mago Vincent O'Brien. Fame And Glory, che ora è sceso a 6/1 nell'antepost Arc, ha altresì regalato a Montjeu (Sadler's Wells) un altro vincitore di Derby come è avvenuto per Frozen Fire, Authorized, Hurricane Run e Motivator.
Nel Grand Prix de Saint-Cloud tutti si aspettavano la vittoria di Youmzain (Sinndar) ed invece a sorpresa è arrivato il successo per lo Stoute Spanish Moon (El Prado), che nei mesi precedenti, dopo il Carnival, aveva creato qualche ansia al trainer per via dei suoi reiterati riotti in partenza. Seconda è arrivata la Juddmonte Alpine Rose (Linamix) mentre terzo è appunto arrivato Youmzain al quale non è servita la confidenza di Soumillon con il tracciato.

Ora un pò di risultati


Sensazionale ancora una volta la vittoria di Rachel Alexandra (Medaglia D'Oro) nelle Mother Goose S. G1 a New York, prova di rientro dopo l'assunto nelle Preakness. La Stonestreet, ancora una volta interpretata da Calvin Borel, ha vinto di 20 lunghezze disperdendo i suoi otto avversari che nulla hanno potuto nel suo strapotere. Per lei è la settima vittoria consecutiva, ed i guadagni salgono fino a $1,798,354.
Dalla parte opposta dell'America, un altro fenomeno ha fatto scrivere di se. Si tratta dell'irresistibile Zenyatta che ha portato il suo ruolino di vittorie ad 11, da imbattuta. La figlia di Street Cry allenata da John Shirreffs per Jerry and Ann Moss, nell' occasione ha vinto, per la seconda volta, il Vanity Handicap G1 ad Hollywood Park. Vittoria impreziosita dal fatto che portava 129 pounds, circa nove chili in più dei "poveri" avversari,. L'ultima a vincerlo con quel peso fu Cascapedia nel 1977. Con il "doppio" Zenyatta raggiunge così Azeri in 2002-03, Annie-Lu-San (1957-58), Convenience (1972-73), e It’s In The Air (1979-80).
In Europa la femmina Dar Re Mi ha vinto in modo convincente le Pretty Polly G1 al Curragh nella giornata inaugurale del meeting del Derby. La figlia di Singspiel ha battuto Beach Bunny (High Chaparral) e la Oaks Winner Look Here (Hernando)

Deceduto Highest Honor

Il Champion Sire Highest Honor è deceduto qualche giorno fa all'età di 26 anni, in seguito ad un attacco di cuore che lo ha colpito mentre era pensionato presso l'Haras du Quesnay in Francia. Il grigio figlio di Kenmare (Kalamoun) si è guadagnato in corsa il titolo di French Champion Older Male nel1987 frutto delle vittorie nel Prix d’Ispahan G1, e dei secondi posti ottenuti nelle Poule d’Essai des Poulains G1 e nel Prix Jean Prat G1 nella precedente stagione. Ritirato come stallone nel 1988, è stato campione francese tra i First Season Sire nel 1991 e Champion Sire nel 1995 e 2000. Ha prodotto 25 Group winners tra cui il vincitore del Prix de la Foret G1 Dedication, le eroine Marotta e Reve d’Oscar nel Prix Saint-Alary G1, la vincitrice delle Oak Tree Stakes Admise, lo scorer Medaaly e il vincitore del Criterium de Saint-Cloud G1 Sagacity. Nel 2009 è stato rappresentato dal vincitore del Prix du Palais-Royal Dunkerque (fratello pieno di Dedication).Come broodmare sire Highest Honor ha prodotto Vahorimix vincitore delle Poule d’Essai des Poulains G1 e del nostro Groom Tesse vincitore del Derby Italiano 2004, il campione francese Hightori ed il molteplice vincitore in G2 Geordieland. Tra i suoi celebri prodotti non ci dimentichiamo del celebre Verglas che ora funziona presso il Irish National Stud.

Worldwide Siba

Come già ampiamente disquisito sul T&T, il Siba Lui Rei sta per essere dirottato nel sud della California presso le scuderie di Neil Drysdale con cui la scuderia ha collaborato al tempo di Becrux. Il figlio di Reinaldo cercherà così altri lidi felici dopo le sfortunate performances nel Parioli e nel Tudini dove ha trovato terreni non proprio congeniali alle sue caratteristiche per stessa ammissione anche di Dettori che lo ha montato. In America troverà terreni sicuramente veloci e superfici sintetiche su cui si sono adattati molti cavalli europei. Ma la Siba del sciur Emilio Balzarini non si ferma. Infatti Basaltico (Shantou) è rimasto nelle scuderie di Luca Cumani a Newmarket dopo le belle prestazioni nel Carnival, avrà così modo di prepararsi per tentare il salto in Melbourne Cup G1 del prossimo autunno in Australia, mentre le femmine Red Parisi (Red Ransom), sorellastra di Becrux, e Altarma (Rock Of Gibraltar) raggiungeranno ben presto le scuderie di Pascal Bary a Chantilly in Francia, per tentare una valorizzazione europea.

Primo vincitore per Azamour

Dopo tanti piazzamenti, è arrivato finalmente anche il primo vincitore per il freshmen sire Azamour in Carazam vittorioso in maiden a Tipperary sui 1500 metri. Azamour è un figlio di Night Shift allevato dall'Aga Khan. Lui stesso da puledro non si era dimosytrato precocissimo debuttando in settembre salvo poi vincere un mese dopo le Beresford Stakes G2. Successivamente una escalation di risultati con le vittorie nelle St James’s Palace Stakes G1 e nelle Irish Champion Stakes. A 4 ha vinto le Prince of Wales’s Stakes G1, le King George VI e le Queen Elizabeth Stakes, che quell'anno si sono corse a Newbury.
Azamour funziona al Gilltown Stud al tasso di €15,000, nella sua prima annata ha prodotto 98 foals.

Mount Nelson farà lo shuttle

Il neo-stallone del Newsells Park Stud Mount Nelson (Rock Of Gibraltar) farà lo shuttle per questa seconda parte della stagione 2009, presso il Baerami Thoroughbreds in Australia. Il figlio di Rock Of Gibraltar è frutto dello stesso incrocio di Danehill Dancer che vede Danehill su Sharpen-Up

Piccolo cambia casa

L'affermato stallone Piccolo cambia casa. Dal prossimo anno funzionerà presso il Throckmorton Court Stud, a Pershore, nel Worcestershire. Nelle ultime due stagioni il figlio di Warning è stato ospite del Lanwades Stud di Newmarket, dove ha coperto 86 fattrici nel 2008 e 55 nel 2009.
Piccolo ha dimostrato di produrre cavalli veloci e consistennti in tutto il mondo, esempi tangibili ne sono i dati che parlano di 900 vittorie per la sua progenie tra cui La Cucaracha (vincitore come il padre delle Nunthorpe Stakes G1) e Picaday in Australia. Ha prodotto inoltre 108 individual two yearold winners come il duplice vincitore di Gr.2 Winker Watson, Gr.3 winner Pan Jammer e Group-placed Hunting Lion. Ancora non è stato deciso il tasso di monta per uno stallone che ha la peculiarità di essere totalmente privo del sangue di Northern Dancer nel suo pedigree

Vince anche la sorellastra di Remarque

Con la vittoria giovedì scorso sui 1200 metri della pista di Kempton, Raddy 'Ell Pauline è diventata la sesta vincitrice per il freshmen Sire Dubawi (Dubai Destination). La puledra, acquistata dapprima per €40,000 alle Its a Rieti da Con Marnane è poi passata sotto il martello delle Tattersalls Craven Breeze Up Sales per gns140,000, ricomprata. Raddy 'Ell Pauline, tramite Run For Me (Danehill), è sorellastra del più celebre Remarque (Marju) appartenente alla Nuova Sbarra e a quella Ravanello (Spectrum) che ha vinto il Torricola. Run For Me ha uno yearling femmina da Shamardal (Giant's Causeway).

Deceduto Agnes Tachyon

Il Champion-Sire giapponese del 2008 Agnes Tachyon, è stato trovato morto lunedì scorso presso la Shadai Farm di Yoshida a causa di un’apparente attacco di cuore. L’undicenne figlio di Sunday Silence. Già responsabile di campioni quali Deep Sky, Daiwa Scarlet nonché dei recenti Little Amapola e Captain Thule, ha realizzato il record più alto di media alle JRHA per yearling giapponesi. Lo scorso hanno ha coperto 230 fattrici.

First Crop Sires

Toga Tiger è il nono prodotto vincitore per il FCS Antonius Pius (Danzig). Il puledro allenato da Mick Channon, pagato da foal €40,000 e da puledro gns13,000 da Gill Richardson, ha vinto una maiden sui 1400 della pista all weather di Lingfield.
Altro vincitore per Arakan (Fasliyev) in Craicattack in una maiden-reclamare a Brighton sui 1200 metri. Il puledro è stato pagato €4,000 da puledro da Stanley Moore.
Quinto vincitore per Oratorio (Danehill) in Miracle Match, vittorioso in maiden sui 1200 metri della pista di Bath. Il puledro è stato pagato €36,000 da John Hennessy alle Goffs Millions Sale per gli yearlings

domenica 21 giugno 2009

VACANZA

Scrivo questo post per comunicare che per qualche giorno, fino a domenica prossima, il blog sarà aggiornato con meno frequenza perchè sarò fuori per una piccola vacanza. Non dimenticate di seguirci quando torneremo. Riprendemo più tonici che mai!!! A presto GC

In Italia

In Italia il sabato è stata una magnifica giornata di galoppo a San Siro. Orpen Shadow (Orpen) e Marshade (Martino Alonso) hanno dato vita ad uno spettacolare duello nel tradizionale Primi Passi G3, prima pattern per i puledri 2007, con il grizzettiano che è emerso di una sola incollatura nei confronti del bottiamo della Intra. I due, come detto, sono stati i maggiori protagonisti della giornata che aveva come contorno l'Incisa dominato dalla tedesca Lady Alida (Tobougg) la quale ha letteralmente surclassato le nostre. Il premio d'Estate, Listed sul miglio per tre anni, ha visto emergere uno straordinario Tuliangreen (Tertullian) nei confronti dell'altro fuggitivo Leuci Lamps (Hawk Wing) mentre terzo è finito il solido Adragon (Denon)

Royal Ascot parte 5

Ultima giornata di Ascot e sorprese di rilievo. Come con Art Connoisseur (Lucky Story) che ha vinto il Golden Jubilee contro calibri di primo piano. Secondo è arrivato l'americano Cannonball (Catenius) e terzo Lesson in Humility (Mujadil). Nelle Hardwicke S. il Gosden Bronze Cannon (Lemon Drop Kid) ha avuto ragione di Campanologist (Kingmambo) e Dansant (Dansili). Le Chesam Stakes Listed hanno regalato ad Oratorio il primo Stakes Winner in Big Audio sui sette furlongs.

venerdì 19 giugno 2009

Takeover passa la mano

Il campione Australiano Takeover Target (Celtic Swing) salterà la partecipazione quest'anno al Royal Ascot nelle Golden Jubilee Stakes G1 a causa di febbre. Per il castrone di Joe Janiak dunque riposo tuttavia mancherà il tentativo numero quattro nella corsa che nei scorsi anni lo ha visto arrivare secondo, terzo e quarto.

Royal Ascot parte 4

Quarta e penultima giornata del prestigioso meeting sicuramente da ricordare. Soprattutto per una impressionante Ghanaati la quale ha bissato in modo perentorio la recente vittoria a grossa quota ottenuta a Newmarket nelle 1000 Ghinee. La figlia di Giant's Causeway della Shadwell allenata da Barry Hills ha corso sui primi a ridosso del bilancino del Coolmore Chintz e poi in retta ha prodotto un cambio marcia devastante. In sella per lei c'era Richard Hills. Naturalmente l'esito di queste Coronation G1 è importantissimo poichè in pista c'erano altre vincitrici di 1000 Ghinee francesi ed irlandesi come Elusive Wave (Elusive City), arrivata terza, ed Again (Danehill Dancer) ottava, la quale non ha gradito il treno di corsa troppo veloce per le sue caratteristiche. Seconda è arrivata Reggane (Red Ransom). Quarta in ripresa quella Rainbow View (Dynaformer) che ad inizio anno avrebbe dovuto vincere tutto. Curioso vedere come Ghanaaati sia una figlia di Sarayir, sempre di proprietà Hamdan Al Maktoum la quale è una mezza sorella di Nayef (Gulch), Nashwan (Blushing Groom) e Unfuwain (Northern Dancer). Ghanaati è il prodotto di un tipico incrocio di Storm Cat su Mr. Prospector. Hamdan al Maktoum ha colpito duro anche nelle Albany G2 con Habaayib (Royal Applause), il nostro Derbywinner Mastery (Sulamani) è arrivato terzo nel Queen's Vase sui 4000 metri, mentre Father Time (Dansili) un homebred della Juddmonte, con la vittoria nelle King Edward VII Stakes G2 ha regalato ad Henry Cecil il suo 71 vincitore a Royal Ascot.

Abbattuto Veracity

Nelle grandi occasioni, si sa, è difficile ottenere il 100% o quantomeno sperare che tutto fili liscio ad ogni livello della competizione. E così, in un evento storico come quello di Ascot, proprio mentre il gruppo Coolmore festeggia ancora il poker di Yeats nella Gold Cup, il cavallo di proprietà del gruppo rivale "sportivo" Godolphin, il sauro Veracity (Lomitas), ha riportato un infortunio tale da dover essere abbattuto quest'oggi. Il sauro autoprodotto Darley ha vinto 5 delle 15 corse disputate in carriera, con picco nella Jockey Club Cup G1 di Newmarket.

giovedì 18 giugno 2009

Royal Ascot parte 3

Quest'oggi Ascot è stato testimone di un grandioso evento nella storia dell'ippica moderna. Yeats ha messo per la quarta volta consecutiva il suo nome nell'albo d'oro della Gold Cup G1, dimostrando di possedere una classe immensa, al cospetto dei rivali i quali nulla hanno potuto contro di lui. Il figlio di Sadler's Wells, che non smette mai di stupire, è stato sempre bene in corsa sotto le audaci mani di Johnny Murtagh, che in questo meeting ha sbagliato poco o niente, riuscendo ad anticipare tutti prima dell'ultima piegata (mentre tutto l'ippodromo di Ascot sembrava estasiato davanti a tanto vigore) e respingendo sempre gli attacchi piuttosto sterili di Patkai (Indian Ridge) prima e di Geordieland (Johann Quatz) poi, il quale ha forse atteso un pò troppo per muovere alle spalle del campione ed è tuttavia rimasto lontano a 15 lunghezze circa. Una distanza siderale ma Yeats, il campione che sembra aver fermato il tempo, lascia a tre Gold Cup un mito come Sagaro. Tuttavia non c'è pace per Godolphin dopo l'infortunio di Veracity (Lomitas), del quale non è ancora chiara la gravità. Unica nota lieta per il team in Blue la vittoria di Flying Cloud (Storming Home) nelle Ribblesdale G2.

Provaci ancora Rachel

Dopo aver bypassato il tentativo nelle Belmont Stakes G1, la campionessa americana Rachel Alexandra, che ha già battuto i maschi a Pimlico nelle Preakness S. G1, proverà ad incrementare il suo palmares di prestigiose vittorie il 27 giugno prossimo nelle Mother Goose S. G1 proprio a Belmont. La figlia di Medaglia d'Oro (El Prado), di proprietà della Stonestreet Stables, ha effettuato ieri mattina un buon lavoro concludendo i 1200 metri di Churchill Downs in 1.12,00.

Ci riprova

Dopo il rientro incolore nel Prix d'Ispahan G1 a Longchamp dello scorso 17 maggio, la Wertheimers Goldikova (Anabaa) fornirà un nuovo rientro nelle Famouth S. G1 a Newmarket, lo ha annunciato oggi freddy Head aggiungendo inoltre che l'eroina lo scorso anno del Prix Rothschild G1, del Prix du Moulin G1 e del Breeders' Cup Mile G1, è assolutamente in forma per poter tornare ai livelli che le competono.

mercoledì 17 giugno 2009

Royal Ascot parte 2

Come ampiamente prevedibile, la sfida Francia Inghilterra, almeno per quest'anno, ha visto prevalere nettamente i transalpini nelle Prince of Wales's Stakes G1, prova di spicco nella seconda giornata ad Ascot. Formalmente il campo non era trascendentale, ma sostanzialmente e meritatamente ha vinto il migliore: Vision D'Etat. Allenato dal taciturno Eric Libaud, montato alla perfezione da "Olive" Peslier, è stato lesto a sfruttare i varchi che via via il gruppo gli ha lasciato disponibili. Il figlio di Chichicastenango si è lasciato a 1/2 lunghezza l'eterno secondo Tartan Bearer (Spectrum) e il grigio Never On Sunday (Sunday Break), cui una frustata a destra ha prodotto uno scarto, fatale per il secondo posto almeno. Per Vision D'Etat è l'ennesima dimostrazione della caratura da campione, che gli vale una quota intorno al 10 nell'antepost dell'Arc. Purtroppo per gli italiani, Estejo (Johan Cruyff) è arrivato ultimo ma consapevole della difficoltà della prova, Trincot (Peintre Celebre) penultimo ben battuto, è alla seconda delusione nell'avventura ni Blu, dopo il secondo nel Repubblica di Selmis. Nelle Windsor Forest G2 netto assunto di Spacious (Nayef) nei confronti della compagna di scuderia Heaven Sent (Pivotal), dopo tenace lotta durata 200 metri.

First Crop Sires

Ancora un vincitore per Pastoral Pursuits, e sono sei, con Saxby un maschio di Mick Channon pagato £15,000 alle Doncaster Bloodstock Breeze Up Sale da Gill Richardson, e vittorioso di quattro lunghezze sui sei furlong di Thirsk.
Sei sono i vincitori anche per Antonius Pius (Danzig), l'ultimo in ordine di tempo è Jehu, sempre per Mick Channon, ancora a Thirsk.
Intanto ieri in Francia Prince Kirk (Selkirk) ha registrato il suo primo prodotto vincitore in Solarea. La femmina aveva già debuttato bene un mese fa circa arrivando seconda, la vittoria è appunto arrivata sui 1400 metri di Compiegne. Prince Kirk, per i colori della Pieffegi, ha vinto il Prix d'Ispahan G1 nel 2004 ed è stato secondo nel Jean Prat G1 e nel Parioli G2. Fa parte di una buona famiglia di cui fa parte il Derby winner Hailsham (Riverman). Prince Kirk ha nove anni e funziona in Francia presso l'Haras de Mirande.

Royal Ascot parte 1

Il buon Paco Boy ha aperto il prestigioso meeting di Royal Ascot edizione 2009, vincendo in modo a dir poco netto sul miglio in pista dritta delle Queen Anne S. G1. Posto a ridosso di un Gladiatorus pressochè irriconoscibile, il figlio di Desert Style ha sopravanzato quest'ultimo in modo piuttosto evidente e andando a respingere il serrate dell'eterno Cesare (Machiavellian) e di un positivo Aqlaam (Oasis Dream). Come detto, Gladiatorus ha forse spinto un pò troppo l'accelleratore sul saliscendi inglese, gettando di fatto alle ortiche la buona reputazione costruita in Dubai. Nelle St. James Palace G1 spettacolare il finale tra Delegator (Dansili) e Mastercraftsman (Danehill Dancer). I due hanno dato vita ad un duello epico durato tutta la dirittura di Ascot, con il Coolmore che è riuscito a sopravanzare solo nelle battute finali al suo avversario. Le King's Stand G1 parlano ancora una volta lingua Oceanica. Superba la vittoria di Scenic Blast (Scenic), un razzo, nei confronti degli europei Fleeting Spirit (Invincible Spirit) e Anglezarke (Acclamation). Le Coventry per i puledri hanno visto la nettissima vittoria di Canford Cliffs, un figlio di Tagula che ha disperso di sei lunghezze Xtension (Xaar)

martedì 16 giugno 2009

10,000 VISITATORI!!!

Colgo l'occasione per celebrare un piccolo traguardo. Quest'oggi il blog ha varcato la soglia delle 10,000 visite da quando è stato aperto. E' molto importante per me constatare di quanto il blog sia apprezzato, grazie anche alle Vostre referenze sempre positive, per un piccolo lavoro semplice che faccio ogni giorno con passione ed in modo totalmente gratuito. Grazie a tutti i sostenitori e a coloro i quali mi hanno dato fiducia nella ricerca del miglior stallone per la propria fattrice. Continuate a seguirci!! Diecimila volte grazie.
GC

First Crop Sires

Nel giro di 24 ore il Coolmore Sire Antonius Pius (Danzig) aggiunge altri due vincitori al suo score. Jeeves è stato il primo in Francia domenica scorsa, mentre ieri Ailsa Carmel ha vinto per Mick Channon sui 1200 metri di una maiden a Carlisle.
Il cile-bred sire British Open (Barkerville), che staziona al Yeguada Cortinal in Spagna, ha il suo primo vincitore in Ottawa vincitore in maiden a La Zarzuela

domenica 14 giugno 2009

Domenica italiana

Quijano doveva essere e Quijano è stato. Nulla da fare per Voila Ici che sperava di ribaltare il risultato dello scorso anno quando il grigio figlio di Daylami finì terzo. Ed invece no, la fotocopia dell'anno passato. Quijano (Acatenango) non ha battuto ciglio e seppure fosse reduce da un inverno non propriamente brillante, ha fatto valere la qualità al cospetto del campo, per nulla intimorito delle primavere che intanto scorrono sulla sua schiena. Secondo è arrivato Age Of Reason (Halling) e terzo, come detto, Voila Ici. Quarto un coraggiosissimo, ancora una volta, Vol De Nuit (Linamix).
Nel Crespi è emersa una battagliera Joanna (High Chaparral) per Grizzetti che ha avuto comunque una parziale delusione per la nuova connection con la Nuova Sbarra per Golden Ramon (Captain Rio) la quale ha accorciato l'azione negli ultimi metri arrivando nelle retrovie. Nell'Italia Apprimus (Trans Island) ha dimostrato di aver smaltito alla grande le fatiche del Derby davanti a Magic Laudanum (Dr Devious) con il quale ha invertito la linea del Trivulzio. Tra i velocisti ancora una volta lotta serratissima tra Titus Shadow (Titus Livius) e Gesture (Bahri), eterni rivali, finiti nell'ordine separati di un muso.

Femmina terribile

Non è ancora Zarkava, ma rischia seriamente di diventare la star del 2009. Parliamo naturalmente della sensazionale Stacelita. La figlia di Monsun allevata da Alec Head, di proprietà del signor Swartz che ha acquistato lo scorso anno anche Elusive Wave, ed in training presso l'uomo francese dell'anno Jean Claude Rouget, la quale ha fatto un sol boccone delle rivali nel Diane G1 nelle mani di Patrice Lemaire, proprio come Zarkava lo scorso anno, della quale ricalcherà le orme anche nell'Arc. Per lei parla il tabellino cinque vittorie in cinque uscite, mai con uno scarto minore di tre lunghezze. A breve l'appuntamento con la storia. Inavvicinabile ha reso sei lunghezze a Tamazirte (Danehill Dancer) e Plumania (Anabaa).

sabato 13 giugno 2009

First Crop Sires

Le Vie Dei Colori (Efisio) ha avuto il quarto vincitore in pista in Perfect Simmetry in maiden a Leopardstown.
Governor Brown (Kingmambo), pagato $310,000 da yearling alle Keeneland, ha vuto il suo primo in Spagna a La Zarzuela in Samsam. Allevato dal Hyde Park Stud, casa di Governor, è nato dalla diciassettenne fattrice Billie Grey, sorellastra di Tumbleweed Ridge.
Mary Helen è stata la prima a scendere in pista, in una vendere a Yarmouth, e a vincere per il sire Dandoun (Halling). La puledra è stata allevata dal World Racing Network. Dandoun, inizialmente stallone presso il Raven's Barn vicino Newmarket, è stato spostato dal 2007 presso l'Agro Byskovice Stud in Repubblica Ceca.

Martedì Ascot

Martedì prossimo, prima delle cinque giornate del tanto atteso meeting di Royal Ascot. Si parte il 16 giugno subito con Queen Anne S. G1, St. James Palace S. G1, King's Stand S. G1 e con le Coventry G2 per i puledri. Mercoledì 17 con le Prince of Wales G1, le Windsor Forest S. G2 e le Jersey S. G3. Giovedì 18 andrà in scena la Gold Cup G1 con il rientro del leggendario Yeats, di contorno le Norfolk G2 per i due anni e le Ribblesdale G2 per le femmine come sfollamento Oaks. Il giorno successivo, venerdì 19, ci saranno le Coronation Stakes G1 come centrale del convegno e poi le King Edward VII S. G2 per coloro che non hanno corso il Derby o vogliono riscattarlo. L'ultima giornata invece vedrà i velocisti a far da padrone nelle Golden Jubilee S. G1 e con cornice delle Hardwicke S. G2 per anziani.

Cima alle Eclipse

Alla fine Cima de Triomphe non parteciperà al Royal Ascot per puntare deciso verso le Eclipse Stakes G1 a Sandown, dove peraltro potrebbe correre anche il nostro Selmis (Selkirk). Al secondo impegno da quando è in allenamento da Luca Cumani, ha vinto le Brigadier Gerard S. G3, battendo Conduit (Dalakhani), vincitore della Breeders' Cup Turf G1 e del St Leger G1. Cumani ha dichiarato che il figlio di Galileo è in ottima condizione e ritiene che la distanza dei 2000 metri sia al momento la migliore su cui impegnarlo. Anche se a Sandown dovesse trovarsi di fronte a Sea The Stars, il vincitore del Derby.

Meydan finalmente operativo

Il maestoso ippodromo di Meydan, che solleverà dall'incarico l'impianto di Nad Al Sheba, è finalmente pronto ad ospitare il meeting della Dubai World Cup. Il nuovo impianto sarà in funzione dal 31 ottobre per dar modo agli operatori ed ai visitatori di familiarizzare con la struttura. L'ippodromo dispone di due piste, una esterna in erba di 2400 metri e all'interno un anello “all-weather” di 1750 metri. La tribuna potrà ospitare 60 mila persone.

venerdì 12 giugno 2009

Prima inglese per Gladiatorus

Il vincitore dell'ultimo Dubai Duty Free G1 disputato a Nad Al Sheba Gladiatorus, fornirà il suo debutto sulle piste inglesi nelle Queen Anne Stakes G1, nella giornata di martedì del meeting di Royal Ascot. Il figlio di Silic allevato dall'azienda agricola Le Ferriere, sarà ancora una volta interpretato da Ahmed Ajtebi e dovrà vedersela contro avversari tosti quali Paco Boy (Desert Style), Cesare (Machiavellian) e Virtual (Pivotal).

E sono tre

Terzo vincitore sceso in pista per Oratorio (Danehill) in Aerodynamic in maiden a Nottingham sui 1200 metri. Il puledro è stato pagato da foal 95,000gns e 200,000 gns da yearling.

giovedì 11 giugno 2009

Doppio per Dubawi e non solo

Doppio per il sire Dubawi (Dubai Destination) tra gli stalloni emergenti. In Italia, a Milano, ha vinto Frankenstein in maiden sui 1500 metri per Bruno Grizzetti allenatore e Rosati Colarieti allevatore. Mentre ad Hamilton Leviathan ha vinto una maiden sui 1200 metri per la Laundry Cottage Stud Farm e Tom Tate al training. Il puledro è stato pagato £22,000 alle Doncaster St Leger Yearling Sale dallo stesso Tom Tate. Avonbridge intanto continua a mietere vincitori. L'ultimo è Iver Bridge Lad, sui 1200 metri in all weather di una maiden a Kempton.
Altri doppi nella giornata di ieri sono stati realizzati da Dalakhani (Darshaan) con Shiyrman per l'Aga Khan in maiden a Fairyhouse e in Italia con Biancarosa, una sorellastra di Rosa Del Dubai (Dubai Destination) tra i puledri, e per Dansili (Danehill) con Espiritu a Beverley e con Sleepy Blu Ocean ad Haydock.

mercoledì 10 giugno 2009

Dunkirk infortunato

Al secondo arrivato delle Belmont Stakes G1 di sabato scorso Dunkirk, è stata riscontrata una frattura al sesamoide ed è stato ricoverato in clinica per l'intervento chirurgico. Il figlio di Unbridled's Song, pagato dal Coolmore €3,7 milioni da puledro, si aspetta possa tornare abile ed arruolato per il prossimo autunno.

Dispersal Overbrook

La Overbrook Farm in Kentucky, fondada e sviluppata dall'ultimo dei William T. Young, effettuerà prossimamemente un dispersal di propri prodotti stock allevatori, e sarà ospitato attraverso le prossime aste Keeneland di settembre, ottobre e novembre. In totale saranno circa 200 capi, tra cui 75 fattrici, 50 foals, 50 yearlings e circa 30 cavalli in allenamento. La Overbrook Farm è rimasta in prima linea per anni nel settore allevatorio del Kentucky, questo sopratutto grazie al know how di Storm Cat, che è stato ritirato dalle sue funzioni lo scorso anno. L'allevamento è attualmente casa di Cape Town (Seeking The Gold), Grindstone (Unbridled), Jump Start (A.P. Indy) e Pioneering (Mr. Prospector).

domenica 7 giugno 2009

First Crop Sires

I primi due prodotti scesi in pista per il first crop sire Cape Town (Desert Style) sono entrambi vincitori. Si tratta di Ykikamoocow, vincitore sui 7 furlong, e di Cape Colony sui 2400 metri di Doncaster. Cape Town, piazzato per sette volte in corse di Gruppo e terzo nelle 2000 Ghinee irlandesi, è per 3/4 fratello del vincitore di G1 Paco Boy (Desert Style) e funziona presso il Far Westfields Stud al tasso di £1,500.
Intanto Footstepsinthesand (Giant's Causeway) ha il suo sesto vincitore in Chachamaidee in maiden a Lingfield Park sui 1200 metri.

Oggi alle corse

La domenica si è aperta con il risultato delle Belmont Stakes G1 in America, ultima prova valida per la triple crown. Ha vinto Summer Bird, erede di Birdstone, così come il favorito della vigilia Mine That Bird terminato solo terzo a tre lunghezze dal vincitore. Secondo è arrivato Dunkirk (Unbridled's Song) per il Coolmore.
Dopo il Derby inglese di ieri, quest'oggi è andato in scena quello francese sui 2100 metri di Chantilly. il Prix du Jockey Club ha visto quasi a sorpresa la vittoria di Le Havre (Noverre), con in sella Lemaire, per il training di Jean-Claude Rouget alla quarta vittoria nella classica francese.
Solo quarto Behestam (Peintre Celebre) per l'Aga Khan mentre il favorito Silver Frost (Verglas) è sesto.
In Italia Alta Fedeltà (Oasis Dream) ha vinto in modo perentorio il Nogara listed sui 1400 metri della pista dritta di Milano.

sabato 6 giugno 2009

La stella è Sea

Finalmente è arrivata la risposta al quesito tanto atteso nei giorni scorsi. Sea The Stars fa la distanza, eccome. Traghettato alla perfezione, con saggezza tattica e classe dal sempreverde Mick Kinane, ha preso subito la scia dei battistrada di O'Brien Golden Sword e Age of Acquarius e nonappena passato il Tatthenham Corner il figlio di Cape Cross e Urban Sea allenato da John Oxx ha cominciato a dare sfogo alla sua violenta progressione che ha difeso poi di un paio di lunghezze abbondanti. Secondo alla fine è arrivato il controfavorito Fame And Glory (Montjeu) e terzo Masterofthehorse. L'italian-bred Rip Van Winkle è quinto onorevole, complice una tattica forse troppo attendista. Sea The Stars è diventato così il primo cavallo, dopo Nashwan nel 1989, a completare il doppio 2000 Ghinee-Derby.

Secondo per Shamardal

Shamardal (Giant's Causeway) ha il suo secondo vincitore in Below Zero, brillante vincitore di nove lunghezze sui 1100 metri di una maiden a Bath.

Spesa Darley

Il Darley americano ha annunciato di aver acquistato, con una brillante operazione di marketing, il sire Medaglia D'Oro, sinora residente presso il Jonabell Farm vicino Lexington in Kentucky. Il figlio di El Prado è di recente salito alla ribalta per la paternità di 7 stakes winner, tra cui la sensazionale Rachel Alexandra, vincitrice delle Kentucky Oaks (G1) e delle Preakness Stakes (G1). Richard and Audrey Haisfield comprarono Medaglia d'Oro alla fine della carriera agonistica e lo dirottarono presso la Hill ‘n' Dale Farm in Lexington. Dal 2006 ha funzionato presso la Stonewall Farm nel 2009 ha visto il proprio tasso incrementare fino a $60,000. Medaglia d'Oro, che dovrà coprire 150 mares quest'anno, ha vinto 8 delle 17 corse disputate per $5,754,720. Ha vinto sette Graded tra cui Travers Stakes, Whitney Handicap, e Donn Handicap. Ed è altrsì finito secondo per sette volte nelle Belmont Stakes, due volte nella Breeders' Cup Classic, e nella Dubai World Cup.

Magic Millions per le fattrici

Primo giorno MM hanno aperto con il botto per la vendita di Princess Coup (Aus) (Encosta de Lago {Aus}--Stoney Fell Road, by Sovereign Red {NZ}), campionessa neozelandese, alla cifra record di A$3 milioni alle National Broodmare Sale sulla Gold Coast australiana. Presentato dal Willow Park Stud, è stata acquistata dalla E Thoroughbred Pty Ltd. Secondo prezzo più alto per Hips Don't Lie (NZ) (Stravinsky--Procure {NZ}, by Centaine {Aus}), femmina di tre anni presente nel book di Henrythenavigator (Kingmambo), venduta dal Coolmore ed acquistata dall'agente Colm Santry per A$770,000.
Ieri secondo giorno con Darley protagonista del top price con Belcentra (Aus) (Bel Esprit {Aus}), gravida di Exceed and Excel (Aus), pagata A$500,000. Il Darley ha acquistato anche Only She Can (Aus) (Marju {Ire}), sempre gravida di Exceed And Excel per A$390,000.

Primo per un fratello pieno di King Charlemagne

Il first Crop Sire Meshaheer (Nureyev), fratello pieno di King Charlemagne stallone ora in Italia, ha avuto il suo primo prodotto vincitore in Paschmina, una femmina arrivata al traguardo in una reclamare a Maisons-Laffitte. Meshaheer è residente presso l'Haras du Petit Tellier al tasso di €4,000. In corsa ha vinto le July Stakes ed è stato terzo nel Prix Morny.

Gallina dalle uova d'oro

Buon sangue non mente. Nuova conferma di quanto la qualità sia una dote necessaria, è arrivata ieri in America. Better Tha Honour (Deputy Minister), già madre di vincitori di Belmont G1 Jazil (Seeking The Gold) e Rags To Riches (A.P. Indy) nonchè di Casino Drive (Mineshaft), vincitore di Graded, ha un nuovo campioncino in erba in Man Of Iron (Giant's Causeway) trionfante di cinque lunghezze qualche giorno fa a Navan.

venerdì 5 giugno 2009

Resoconto giornata inaugurale meeting di Epsom

La Coronation Cup G1 ci ha regalato anche quest'anno un finale a sensazione. La forma di Ask, (Sadler's Wells) la consistenza di Youmzain (Sinndar) e la qualità di Look Here (Hernando) hanno garantito il giusto spettacolo in un arrivo strettissimo, che alla fine ha premiato il muso di Ask nei confronti dell'eterno secondo Youmzain. La terribile Look Here per poco non ha reso amara la giornata di Sir Michael Stoute, arrivando anch'essa ad un muso dai due.
Rimanendo in tema di femmine, Sariska (Pivotal) ha fatto valere la propria forma al cospetto della quale si è dovuta inchinare di un muso, anche qui, la Juddmonte Midday (Oasis Dream). Solo quarta, e ancora deludente, Rainbow View (Dynaformer).
Quest'oggi va in scena "il Derby" per eccellenza la classica che tutti sognano di vincere. Favorito d'obbligo lo squadrone di O'Brien che ne presenta sei tra cui Black Bear Island (Sadler's Wells), Rip Van Winkle (Galileo), Age Of Aquarius (Galileo), Fame And Glory (Montjeu), Golden Sword (High Chaparral) e Masterofthehorse (Sadler's Wells). Ma favori del pronostico per Sea The Stars (Cape Cross), con riserva per Crowded House (Rainbow Quest). Personalmente opto per Black Bear e Crowded a grossa quota.

mercoledì 3 giugno 2009

Ecco gli accoppiamenti del Derby

Ballydoyle ha annunciato quest'oggi gli accoppiamenti per il Blue-Ribbon in scena il prossimo sei giugno. Alla fine Johnny Murthagh ha optato per Rip Van Winkle (Galileo), allevato da Roberto Brogi. Di seguito gli altri accoppiamenti: Fame And Glory – Seamus Heffernan; Black Bear Island – Ryan Moore; Masterofthehorse – Richard Hughes; Age of Aquarius – Pat Smullen; Golden Sword – Colm O’Donoghue; Rip Van Winkle – Johnny Murtagh.
Intanto Fame And Glory si è attestato in cima alle preferenze dell'antepost, giocabile tra i 3 e i 3,5. Rip si può avere tra i 4 di Ladbrokes e i 5 di Bet365

Magic Millions

Un maschio da More Than Ready (Southern Halo) ha capeggiato la seconda giornata delle Magic Millions National Weanling Sale on Australia's Gold Coast, realizzando A$240,000 (£118,685/€136,763) sborsati da Ong Tiong Seng, un proprietario di Singapore. Nella prima giornata una femmina da Stravinsky ed Irongail, presentato dal Coolmore Stud (As Agent) è stata acquistata per $200,000 dal Fig Tree Thoroughbreds (Qld). Ieri, nella terza giornata, un maschio da Markane (Red Ransom), presentato da Egmont Park Stud ed acquistato da Poplar Lodge ha realizzato A$17,000.

martedì 2 giugno 2009

Nessuno come lui

Vincent O'Brien, meglio conosciuto come il migliore allenatore europeo di tutti i tempi, si è spento ieri all'età di 92 anni, presso la sua abitazione a Straffan, contea Kildare in Irlanda. La sua carriera è iniziata nel 1943 con gli ostacoli, vincendo la Cheltenham Gold Cup per 4 volte e accumulando prestigiosi trofei nel corso di tale periodo, prima di cominciare con il piano, dov'è si è eretto ad un emblema del galoppo europeo. Insieme a Sangster, diede vita a quello che si può definire un simbolo nell'impronta fondalmentale lasciata nell'allevamento mondiale. Il Coolmore Stud. L'eredità lasciata per 35 anni da Northern Dancer è un unicum con il suo iter da allenatore. Il primo dei suoi sei Derby di Epsom è arrivato nel 1962 con Larkspur, un cavallo dell'ambasciatore americano in Irlanda Raymond Guest. Il secondo Derby lo vinse con Sir Ivor nel 1968, una edizione che riempe di orgoglio noi italiani per il fatto che il mago scelse Pisa per svernare con il figlio di Sir Gaylord. O'Brien ha sellato anche Nijinsky, con il quale vinse la classica inglese due anni prima di far diventare il figlio di Northern Dancer il primo cavallo a vincere la Triple Crown britannica, dopo Bahram nel 1935, e fargli vincere per la prima volta nella storia il Derby Inglese ed Americano nella stessa stagione. Incomparabile come preparatore, si avvaleva della collaborazione di Lester Piggot con il quale vinse anche il quarto Derby con l'immenso Roberto, il quale respinse in un vibrante testa-testa Rheinglod nel 1972. Ma proprio negli anni 70 cementò la sua fama, grazie alla partnership con il proprietario Robert Sangster ed il figliastro John Magnier. Attraverso le loro idee, lavorarono sodo per trovare un cavallo top in corsa che poi diventasse leader degli stalloni europei. Nacque il Coolmore. I suoi ultimi vincitori di Derby corsero proprio con i colori di Robert Sangster. The Minstrel prevalse nel 1977, ancora con Piggot in sella, mentre nel 1982 il fragile ma eccezionale Golden Fleece non poteva non avere vita facile con Pat Eddery al timone. La connections con Eddery continuò anche nei due anni successivi quando con El Gran Senor, dovette soccombere a Secreto nel Derby edizione 84. Ma per Vincent questo fu comunque motivo di orgoglio perchè a sellare il vincitore fu proprio suo figlio David. Ebbe anche il tempo di sellare Royal Academy, nella Breeder's Cup Mile nel 1990 a Belmont Park. L'ultimo cavallo a correre il Derby per O'Brien fu Fatherland nel 1993. Montato da Lester Piggot, finì soltanto nono. L'anno successivo il maestro si ritirò, con un fenomenale record di 16 vittorie classiche inglesi, 27 irlandesi, 3 Arc (due con Alleged ed uno con Ballymoss) e 25 trionfi nel meeting di Royal Ascot. Invitato lo scorso anno al meeting di Epsom Downs, ha affermato che "la classica inglese è senza dubbio la corsa che mi ha dato l'emozione pià grande della mia vita. I tre anni hanno un unica chance per correrlo, un giorno in una vita che vale più di ogni altra cosa" e poi aggiunse: "Da oltre 65 anni, da quando ho preso la licenza di allenatore, molto è cambiato a Epsom; gabbie di partenza, supplementazioni, ancora più premi in denaro, telecamere ognidove, le tribune, il miglioramento costante della pista e anche il Derby di Sabato. Ma alcune cose non sono mai cambiate, come il battito del cuore che si avverte da quando i cavalli passano per il Tattenham Corner, ed il brivido della salita finale, sia se la vittoria è facile come con Nijinsky o di un pollice, come con Robert". Un pioniere per il suo modo di vedere il turf mondiale, non c'è mai stato nessunocomparabile alla sua maestria. Il Coolmore Stud e Ballydoyle sono appunto i risultati della sua visione ed il testamento al suo successo.
Che la terra gli sia lieve, poichè lui alla terra non fu di peso…

lunedì 1 giugno 2009

Italiani all'estero e stranieri in Italia

Ieri in Francia ottimi risultati per gli italiani impegnati. Nel Pris de Gros-Chene, sui 1000 metri di Chantilly, Black Mambazo (Statue Of Liberty), montato da Soumillon con un pò troppa sufficienza, ha sfiorato il colpaccio arrivando secondo ad una incollatura da Tax Free (Tagula), in precedenza terzo nelle Duke Of York (G2). L'allievo di Riccardi si è messo dietro campioni quali Benbaun, Marchand D'Or e Equiano.Nel Prix de Sandringham G2, sfollamento delle 1000 Ghinee francesi, buono il terzo posto ottenuto dalla grizzettiana Aria Di Festa (Orpen) la quale è arrivata terza dietro a Homebound (Dixie Union) e Reggane (Red Ransom), cavalle stimate.
A Milano Pressing (Soviet Star) ha risentito aria di casa ed ha fornito una delle sue prestazioni migliori della carriera. Ha infatti stravinto a suon di cronometro (1.36.60) il Turati, pardon Vittadini G2. Secondo è arrivato il sempreverde Miles Gloriuosus (Repriced) capace di ottima prestazione, terzo il mastodontico Farrel (Fruits Of Love).

E sono cinque..

Con la vittoria ottenuta in maiden ad Haydock Park (5 furlong), Strike Shot è diventato il quinto prodotto vincitore del first crop sire Avonbridge (Averti). Allevato dal Whitsbury Manor Stud, è stato pagato da yearling £30,000 a Doncaster alle Bloodstock St Leger Yearling Sale da W Muir.