STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 30 novembre 2014

Hong Kong: Solo piazzamenti per i nostri alfieri Rispoli, Demuro ed Atzeni a Sha Tin, l'ex Arpinati ottiene un secondo posto.

Mentre a Tokyo si correva la Japan Cup, ad Hong Kong, ippodromo di Sha Tin i nostri jockey impegnati nelle 10 corse di giornata tra le 5,35 e le 10,35 ora italiana. A proposito di fantini, Cristian Demuro partirà a breve per la terra del Sol Levante, a Gennaio lo raggiungerà Dario Vargiu. Cristian in particolare ha già ricevuto conferma dell'ingaggio nell'Arima Kinen G1 di fine Dicembre, e probabilmente monterà la femmina di 3 anni Nuovo Record (Heart’s Cry) di proprietà di Reiko Hara, cavalla arrivata recentemente seconda nella The 39th Queen Elizabeth II Cup G1 alle spalle di Lachesis (Deep Impact). Dario invece si giocherà subito i 3 mesi, partendo da Gennaio fino a fine Marzo.
Comunque, torniamo ad HK dove i nostri portabandiera non sono riusciti a vincere ma solo ad ottenere piazzamenti interessanti, in una giornata dominata da Joao "meravigliao" Moreira, autore di una cinquina. Per Mirco (fermo a quota 6 vittorie nella stagione), un secondo ed un terzo posto, per Rispoli (a quota 2 nella stagione) un secondo ed un terzo posto, nulla di fatto per Atzeni (2 vittorie), autore di un piazzamento marginale. 
La corsa più importante del convegno è stata The Chevalier Cup per 4 anni ed oltre sul miglio da HK$2.200.000, dove la vittoria l'ha ottenuta All You Wish (Thorn Park), mentre per la serie "italians o ex tali" da menzionare un secondo posto ottenuto da Arpinati (Lucky Story), vincitore del Primi Passi G3 in Italia, nel Chevalier Property Development Handicap sui 1400 metri da HK$1.500.000, dove è arrivato ad un muso dalla vittoria ottenuta da Full Talent (Court Of Jewels), con Douglas Whyte in sella. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. Arpinati era il rientro dopo la campagna nella stagione 2013/2014 dove ha ottenuto un secondo ed un terzo posto. Buono il rientro, correrà in progresso. 

Giappone: #Epiphaneia e Soumillon stravincono la Japan Cup. Solo quarta Gentildonna, battuti Just a Way e Spielberg

Tutto molto semplice. La differenza l'ha fatta la freschezza, una carriera tutto sommato meno dispendiosa di alcuni rivali, ed aver puntato decisamente l'obiettivo da tempo. Epiphaneia (Symboli Kris S) ha dominato in lungo ed in largo la Japan Cup G1 sui 2400 metri di Tokyo (dotazione da ¥521,000,000, $4,439,603) risolvendo per 4 lunghezze di margine nei confronti di Just A Way (Heart's Cry) e Spielberg (Deep Impact), ma provvedendo a regalare alla cravache belga Cristophe Soumillon la prima vittoria in questa competizione dopo tanti tentativi. Gentildonna (Deep Impact) è finita quarta senza mai dare l'idea di essere completamente al top nella contesa, facendo sfumare di fatto il sogno della terza vittoria nella Japan Cup G1. Sesto l'europeo Ivanhowe, penultimo il canadese Up With The Birds, mentre si è infortunato gravemente l'altro ospite europeo Trading Leather (Teofilo). Tempo finale di 2m 23.10s. Per Soumillon in verità non si trattava della prima vittoria in assoluto nella Japan Cup: nel 2010 vinse a bordo di Buena Vista ma, in seguito ad un danneggiamento in corsa nelle fasi finali, fu squalificata a favore di Rose Kingdom che vinse a tavolino in una edizione molto discussa nei giorni successivi alla corsa stessa.

USA: California Chrome, superato l'esame erba a Del Mar. Trionfo nell'Hollywood Derby G1, obiettivo Royal Ascot?

Missione compiuta. Il campione americano California Chrome (Lucky Pulpit) ha superato brillantemente l'esame in erba dell'Hollywood Derby G1 a Del Mar, guadagnandosi una forte candidatura al titolo di Horse Of The Year in America. Il figlio di Lucky Pulpit ha completato i 1800 metri in 1m 47,88 correndo dietro ai primi e producendo una ficcante progressione in dirittura sotto la spinta di Victor Espinoza, cancellando in un colpo tutti i fantasmi della Breeders Cup Classic G1 (dove finì terzo) e prima ancora di quella, quando ha fallito incredibilmente l'ultima tappa della triplice corona, vittima di un profondo taglio e dei 2400 metri delle Belmont Stakes, quando si pensava potesse spezzare l'anatomia dopo Affirmed nel 1978. Ma il cavallo di Art Sherman, stavolta comunque senza rivali, ha battuto lo stesso un colpo importante nella sua carriera dopo il Kentucky Derby G1 e le Preakness Stakes G1, rendendo al massimo anche con il cambio di superficie mostrando un notevole cambio di marcia quando è stato chiamato a maggiore sforzo.

sabato 29 novembre 2014

Giappone: Gentildonna insegue uno storico tris nella Japan Cup, ancora con Ryan Moore. Harp Star e Just A Way in agguato

Per la storia. Gentildonna (Deep Impact) insegue la terza vittoria nella Japan Cup G1, in programma domenica mattina alle 7,55 ora italiana in diretta da Tokyo con dotazione di 250 milioni di Yen, circa 1,4 milioni di £. La femmina di 5 anni darebbe ancora una svolta alla sua carriera e troverà di nuovo in sella Ryan Moore che l'ha accompagnata per la seconda vittoria in questa corsa proprio lo scorso anno. Negli ultimi lavori il jockey britannico ha usato poche parole per dire che l'ha trovata in forma, ma sarà comunque una battaglia. Gentildonna ha saltato la campagna europea dell'Arc (in fondo ha vinto a Meydan lo Sheema Classic) e quest'anno ha steccato pesantemente nel Takarazuka Kinen di Hanshin, ma poi correndo bene il 2 Novembre scorso nel Tenno Sho G1 dove ha perso ma solo perchè sui 2000 metri. La cavalla allenata da Sei Ishizaka ha pescato il 3 di steccato, il numero che si rivelerebbe essere storico per lei. Dal vecchio continente ci provano in due. Il progressivo Ivanhowe (Soldier Hollow) che in casa fa il bullo, fuori no, mentre Trading Leather (Teofilo) è stato assente per un pò poi è rientrato a Leopardstown discretamente dietro a The Grey Gatsby nelle Irish Champion, ma non conosce vittoria da un anno e mezzo. Da quando cioè aveva 3 anni e vinse il Derby irlandese.

#Tattersalls December Foals & Yearlings Sale: Ecco i prezzi più alti e gli agganci italiani, risultati di prestigio per Vittadini, Bezzera e Luciani. Ma anche gli acquisti più interessanti ed i ritorni di fiamma..

E' stato un venerdì nero non solo nella High Street, ma anche per chi proponeva i primi foal di Frankel (Galileo) alle Tattersalls December Foals Sale 2014 che si svolgono dal 26 al 29 Novembre, e con dati parziali che aggiorneremo gradualmente con tutti gli italiani che hanno venduto (soprattutto) ed hanno comprato. Questi giorni Tattersalls la sta facendo da padrone tra yearlings, foals e fattrici di cui parleremo a parte, ma intanto commentiamo alcuni risultati in relazione anche agli italiani impegnati. 
Parlando di foal, nella prima giornata c'è stato un segno + generico ed il top price è stato un maschio da Bated Breath (Dansili), stallone con i primi foal rappresentati, che ha realizzato 65,000 guineas. Nella prima giornata venduti 204 cavalli per gns2,504,100 (+17%), con la media a 12,275gns (+11%) ed i mediani a 9,250gns (+32%). Come detto il figlio di Bated Breath era presentato dal Maywood Stud in Galles e Kelly Thomas, proprietario dello stud. 
Nella seconda giornata il top price è stato una femmina provieniente dalla prima annata di produzione in razza dello stallone Nathaniel (Galileo), venduta per gns300,000. Nella sessione 236 lots venduti per totali 8,226,200 guineas (+21%), con una media a 34,857 guineas (+3%) mentre i mediani in leggero calo a 26,000 guineas. L'attrazione della sessione è stata appunto la femmina dal giovane stallone residente al Newsells Park Stud, prodotto della fattrice Our Queen Of Kings (Arazi), venduta a Charlie Gordon-Watson che l'ha spuntata su tantissimi altri bidders. Nella tornata un bel colpo italiano a firma Federico Barberini che ha speso 150,000 guineas per una femmina da Cape Cross e Sherifa (Monsun), mezza sorella di Cherry Danon vincitrice di G3, presa per conto di Franco Barberi, alias Gibi Broggese, che terrà il foal a Dormelletto in Italia. Barberi è allevatore di due vincitori di Derby Italiano, e la sua passione non si è mai sopita.

Turf americano: A Del Mar California Chrome prova sull'erba dell'Hollywood Derby, obiettivo Horse Of The Year

Questa notte a Del Mar, alle 01.02 ora italiana, è in programma l'Hollywood Derby G1 da $300,000 sui 1800 metri in erba, che vedrà in pista quasi incredibilmente il campione California Chrome (Lucky Pulpit), laureato del Kentucky Derby G1 e piazzato della Breeders' Cup G1. Il cavallo allenato da Art Sherman e di proprietà di Steve Coburn e Martin Perry cerca con questa mossa a sorpresa di vincere ed ottenere una forte candidatura al titolo di cavallo dell'anno (Horse Of The Year). 
Attualmente California è favorito a 4/5, ma non sarà facile cambiare totalmente superficie alla prima volta in corsa. Contro avrà Lexie Lou (Sligo Bay), a 4/1, poi Sawyer's Hill (Spring At Last) mentre dalla Francia, anche se stabilmente in America da qualche mese, ci proverà Cabral (Henrythenavigator) per i colori della Meridian Racing, un sindacato di proprietari, che cerca la definitiva consacrazione a livello di G1 in America. Cabral aveva provato le Hill Prince Stakes G3 a Belmont, ma ha trovato un terreno pesante che non gradisce. IL CAMPO PARTENTI DELL'HOLLYWOOD DERBY CLICCANDO QUI.

giovedì 27 novembre 2014

Traguardi: La Chimax festeggia le 100 vittorie nel 2014. Vette sempre più alte per Massimo Torchia e Paola Maria Gaetano

99, 100 e 101. Poi, 102 e 103. Il contatore corre come una slot machines violata da un jackpot, approfittiamo di un giovedì senza impegni a San Rossore per celebrare un bel risultato. Grazie alla serie di vittorie maturata nei giorni scorsi la Scuderia Chimax ha realizzato la centuria nella stagione 2014 martedì scorso a Capannelle ed ha proseguito vincendo ancora anche nel mercoledì napoletano. Prima Fina Bellina (Footstepsinthesand) e Starry Flag (Elusive City) per raggiungere le 100 senza soffrire, tutto in apertura, e poi quota 101 raggiunta con Faquir (Captain Marvelous) mentre le due reti di ieri a Napoli (Madalina e Nik Sadow) sono servite per festeggiare nel migliori dei modi il traguardo raggiunto. Massimo Torchia può per la prima volta nella storia diventare con la sua formazione leading winner per quanto riguarda il numero di vittorie, più difficile quello dal punto di vista economico visto che al momento la Effevi è anni luce lontana dall'alto dei suoi €1,359,303 vinti in confronto agli €645,755 vinti sinora dallo squadrone partenopeo, che però ha una percentuale del 23% più alta dello scorso anno. La Chimax è attualmente terza nella classifica dei proprietari dal punto di vista monetario, solo dietro Effevi e Dioscuri, ma davanti a Incolinx, La Nuova Sbarra, La Razza dell'Olmo, Blueberry ed Intra, come da statistiche di lato. La prima in assoluto però per numero di vittorie che, come detto, continua a salire giornata dopo giornata. L'anno scorso la Chimax arrivò a quota 81 vittorie, quest'anno il continuo exploit anche grazie al numero degli effettivi in scuderia, un filo crescente.

mercoledì 26 novembre 2014

Hong Kong: Vittorie italiane ad Happy Valley per Demuro (6 in stagione), Rispoli (2) e Atzeni (2)

Una per uno, non fa male a nessuno. Nel mercoledì di Happy Valley una vittoria a testa per i nostri jockey impegnati ad Oriente. Ha aperto la suite di affermazioni Umberto Rispoli (nella foto) con una vittoria a 20/1 nella terza corsa su Great Run (Compton Place) per Tony Millard, il Forfar Handicap da 760.000 sui 1200 metri gestendo la questione dalla pancia del gruppo, e finendo per varchi forte in fondo. VIDEO CORSA QUI. Per Umberto è la seconda vittoria nella stagione, in giornata anche un terzo posto. 
Stesso record parziale ottenuto da Andrea Atzeni che ha siglato quella di chiusura convegno, lo Stirling Handicap sui 1.650 m da 1.060.000 HKD, in sella a Good Choice (Raven's Pass) per Sean Woods, correndo dall'ultima posizione per completare il miglio in piena spinta a 13/1. VIDEO CORSA QUI.
Il trittico di vittorie italiane, condita da Mirco Demuro che ha vinto la sesta della stagione cinese nel Inverness Handicap sui 1.800 m da 575.000 HKD in sella ad Enjoy The Game (Encosta De Lago), per P F Yiu ad una quota di 4/1, nella sua tattica preferita qui ad HK: Massimo risparmio lungo il percorso, e scatto fulmineo nel finale dall'esterno di tutti. Mirco sta montando come un califfo, che dio ce lo conservi sempre così tonico. Un masterpiece, mille modi di intenderlo e di volerlo! Ma solo un artista seriale può farlo così tante volte. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. Per Mirco Demuro anche un secondo posto in giornata. 

Hong Kong, verso le International Races del 14 Dicembre. Cirrus Des Aigles ci riprova dopo 4 tentativi a vuoto

Cirrus Des Aigles ci riprova. Il figlio di Even Top, sfortunato nelle 4 precedenti apparizioni stagionali a Sha Tin, tornerà nel luogo che gli ha dato meno soddisfazioni in carriera per provare a fare bene nella Hong Kong Cup G1 del 14 Dicembre prossimo, nella giornata riservata alle 4 international races sponsorizzate da Longines. Corine Barande-Barbe ha descritto l'8 anni in grandissimo ordine, ma è chiaro che per una corsa che arriva a fine anno dopo una stagione intensa devi dare il 110%. 
Non che Cirrus non lo abbia mai dato, ma il tempo passa per tutti e nonostante ciò il tipo "popolare" sarà tutto dalla sua parte. Quinto nel HK Vase del 2009, settimo nella Cup del 2010. Nel 2011 è stato quinto, mentre nel 2013 è arrivato terzo. Insomma, piano piano ci si avvicina al colpaccio. Quest'anno avrà contro il grigione California Memory (Highest Honor), due volte vincitore della HK Cup, poi i vincitori di G1 Designs On Rome (Holy Roman Emperor) e Military Attack (Oratorio) che, in Europa, non lo hanno mai valso.
Tra gli europei.......

martedì 25 novembre 2014

Stampa: Nuovo Riccardi, Quiza che sarà.. per concessione di Trotto & Turf di sabato 22 Novembre, riproponiamo l'articolo sulla nuova vita di Luigi Riccardi senza La Nuova Sbarra

Ogni soffitto è nuovo pavimento. Soprattutto nell’ippica dove i rapporti nascono, crescono e finiscono con una certa dinamicità quando arrivano ad un punto fermo. La vita di un allenatore è fatta così, un po’ come una corsa riuscita male tatticamente. C’è sempre la successiva, ed in qualche modo è consolatorio. Luigi Riccardi riparte da qui, dalla conclusione del rapporto con La Nuova Sbarra, neanche poi tanto tormentato e burrascoso come potrebbe sembrare, per tornare a fare quello che faceva prima dell’approdo con la famiglia Scarpellini. L’allenatore di cavalli, sempre quello. Ecco, la dinamicità, parola chiave nel vocabolario di Luigi Riccardi, ne parlerà più volte nel corso della telefonata. L’allenatore sardo parla della conclusione del rapporto con gli Scarpellini e della ripartenza, anzi ricomincia proprio da qui, da un nuovo inizio dato da ogni fine. Cosa inventerai? “Farò il disoccupato! No, a parte gli scherzi.. mi sto dando una “organizzata” generale, sto curando molti aspetti che prima non avevo il tempo e modo di curare e a breve avrò meglio chiaro le idee per ripartire”. Da dove partiamo per raccontare il “riccardipensiero” degli ultimi anni: “Direi dalla fine, cioè da oggi e dalla conclusione del rapporto con La Nuova Sbarra. Tengo a dire che sono stati anni bellissimi per me, importanti dal punto di vista umano e professionale e voglio ringraziare Andrea e Sergio Scarpellini per l’opportunità concessami. Sono ancora a disposizione, nel senso che mi sono lasciato bene con loro e sto dando anche una mano in scuderia per favorire l’ingresso di Bruno, con il quale c’è una forte amicizia che mi lega. Credo sia l’uomo giusto per ripartire e la scelta di affidare tutto il materiale ad un solo corpo di lavoro, penso sia la migliore opzione possibile. Bruno ha il carisma adatto a gestire la situazione romana e non solo, gli auguro tutti i migliori successi ed in più per la piazza è una intrigante novità. Deve solo trovare la password giusta, ed il resto arriverà. In fondo lui è un decisionista all’estremo, ed è forse quello che serve in questo momento di transizione. Ho visto anche i puledri, sono molto belli, e sono contento per lui ci sia materiale su cui lavorare”.

lunedì 24 novembre 2014

I motivi della domenica: Salford Secret redento vince la condizionata, appuntamento alla primavera dei 4 anni

Salford è tornato. Il vincitore del Premio Parioli G3 (2000 Ghinee italiane), sua ultima affermazione prima di quella di ieri, è finalmente tornato alla vittoria in maniera abbastanza convincente siglando il Premio Sirlad, condizionata sui 1500 metri, soffrendo ma dimostrando di essere ancora abbastanza in ordine nonostante la stagione intensa. Tutto questo in una domenica senza grossi spunti dal punto di vista tecnico in tutto lo stivale. Salford Secret (Sakhee's Secret) non ha mostrato lo spunto secco che lo ha reso celebre lo scorso anno, siamo comunque a fine stagione, ma ha dimostrato tenacia ed ostinazione nell'ottenere il miglior risultato possibile su un tracciato dove ha sempre fatto bene, una volta tornato in coppia con il fido Djordje Perovic. Il fantino serbo lo ha messo subito in corsa sfruttando il peso base rispetto agli avversari e lo stecco basso, in retta è andato in percussione sui primi, battagliando e battendo Existence (Refuse To Bend) in arrivo serrato, con i primi 6 in una lunghezza. 
Bisognava vincere e Salford lo ha fatto, cancellando in un attimo tutte le illazioni dopo le 3 deludenti apparizioni nella stagione, comunque con attenuanti. Nel Di Capua  G1 ha patito rientro, categoria, schema e terreno, stessa cosa nel Premio Piazzale G3 su terreno molto faticoso, mentre nel Ribot G2 per poco non rimette una gamba dopo aver provato ad infilarsi in un varco millimetrico. Bentornato dunque, con appuntamento alla prossima primavera. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
Questa notizia ci da lo spunto per parlare del padre di Salford, Sakhee's Secret appunto, per il quale abbiamo già comunicato l'ingresso nel parco stalloni italiano al Centro Equino Arcadia. La Dottoressa Giovanna Romano ha confermato il tasso di monta per la stagione 2015 di €5,000. Informazioni e contatti http://www.centroequinoarcadia.it/home/ Giovanna Romano +39 335 57.29.986; Francesco Loi +39 334 66.47.177; FAX +39 0110432873; Mail: info@centroequinoarcadia.it
In giornata, prima affermazione in maiden per For Lance (Shaweel) sui 1300 metri, la sorellina per 3/4 di Priore Philip (Dane Friendly). La figlia di Shaweel (Dansili), sesto esponente per lo stallone first crop sires, è emersa dopo un paio di piazzamenti sfortunati. La mamma è Lan Force (Blu Air Force), piazzata di Listed a 2 anni, madre anche del foal da Dark Angel venduto nei giorni scorsi per €87,000 dalla Abbey Farm alle Goffs November Sale. La fattrice, 8 anni, è gravida dello stallone Teofilo (Galileo).

domenica 23 novembre 2014

Galoppo ad oriente: A Kyoto Danon Shark record della corsa nel Mile Championship in 1m 31.50s, ad Hong Kong a bersaglio Demuro nella giornata dedicata ai trials in vista delle International Races del 14 Dicembre

Sveglia presto domenica mattina per coprire le dirette dal Giappone e da Hong Kong. Alle 7,40 a Kyoto abbiamo assistito ad una edizione superba del The Mile Championship G1 sul miglio per tre anni ed oltre da 195.460.000 di yen, dove Danon Shark (Deep Impact) per Ryuji Okubo, ha realizzato il record della corsa sul miglio in un incredibile 1m 31.50s grazie ad una monta ancora più superba (non l'avremmo mai detto) di Yasunari Iwata, che ha pescato un varco interno rifacendo tutto lo steccato e beffando sul palo Fiero (Deep Impact) che aveva a bordo uno scomposto Yuichi Fukunaga. Un muso di margine per una accoppiata non proprio attesa, con al terzo Grandezza (Agnes Tachyon e l'italiana Marbye). Tredicesimo il favorito Mikki Isle (Deep Impact), campione dei 3 anni, con Tosen Ra (Deep Impact) ancora quarto e World Ace (Deep Impact), detentore del record sul miglio, finito 8°. 
Per trovare qualcosa di europeggiante bisogna guardare a William Buick arrivato quinto, CP Lemaire settimo e Ryan Moore dodicesimo. 
Tornando al vincitore, si tratta della terza vittoria di Gruppo (lo scorso anno venne montato anche da Cristian Demuro), ma la prima al massimo livello. IL RISULTATO COMPLETO QUI. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. La settimana prossima ci sarà la Japan Cup G1 interessantissima e con 3 stranieri (di cui 2 europei) impegnati contro i fortissimi locali..
Virando un pò più di qua sulla cartina, da registrare una giornata abbastanza proficua, quella di Hong Kong per i fantini italiani impegnati. 10 corse a Sha Tin nelle quali Mirco Demuro ha ottenuto 1 vittoria e 2 secondi posti, mentre Umberto Rispoli 2 secondi posti ed un quarto vicino in una delle prove più importanti del pomeriggio. La vittoria di Mirco Demuro, la quinta dell'esperienza di HK quest'anno, è maturata nella quinta corsa in programma, il Sha Tin Heights Handicap sui 1400 metri dotato di $HK760.000 in sella a Contentment (Hussonet) per John Size, al debutto per i colori di Benson Lo Tak Wing e con un altro colpo in canna come minimo. Mirco ha sfregato la lampada e messo in pratica la tattica che più gli piace. Ultimo fino ai 400 e poi volo esterno con il contagiri. Primo! Ecco il VIDEO della corsa cliccando su questo LINK.

#Goffs November Breeding Stock Sale: Movimento di €7,7 milioni (-40%) ma tante fattrici italiane vendute. tra cui Ghedi, Rich Gift e tante altre, ma comprate altre 2 interessantissime da parte Luciani e Botti. Ecco il report

Ancora aste. Tra il 21 ed il 22 Novembre si sono tenute le Goffs November Breeding Stock Sale 2014 in conclusione con quelle per i foal dei giorni precedenti. Nella fattispecie offerte 375 fattrici, ne sono state vendute 297 con un movimento totale di €7,777,400 (-40%) con una media a €26,187 (-35%) ed i mediani a €13,500 (-7%). Nelle statistiche cumulative tra foal e materiale di bloodstock, 1,038 cavalli venduti con un movimento totale di €35,270,100 (+13%), la media a €33,979 (+11%) ed i mediani a €20,000 (+25%). 
Tra i compratori il leader è stato BBA Ireland con €661,000 spesi, mentre tra i venditori il leader è stato Aga Khan che con un dispersal di 18 cavalli ha incassato €995,000.
Il top price è proprio di marca Aga Khan che ha venduto a Oliver St Lawrence per €480,000 la 12enne Hazariya (Xaar), gravida di Fastnet Rock (Danehill). Hazariya ha prodotto già Harasiya (Pivotal) che ha vinto a livello di G3 a due anni and the stakes-winning Hazarafa (Daylami). Il prezzo alto è dato anche dalla completa assenza del sangue di Northern Dancer nel suo pedigree. 
Il secondo prezzo più alto è stato per Dalkova (Galileo), una 5 anni della famiglia di Darshaan (Shirley Heights). Altro prezzo importante è stato per Shalamantika (Nashwan), ancora proveniente dal draft dell'Aga Khan, venduta per €200,000 gravida di Redoute's Choice (Danehill).
I rappresentanti italiani c'erano, più o meno sotto mentite spoglie, ma quello che dobbiamo sottolineare riguarda ancora la smobilitazione delle fattrici italiane di concezione o proprietà, a conferma del continuo e progressivo smantellamento del nostro allevamento. Dopo i foal che neanche vedono l'Italia, ecco le fattrici. Praticamente l'Italia sta diventando una sorta di Hong Kong occidentale, cioè un posto dove si comprano yearlings (da valorizzare e vendere poi magari all'Hong Kong vero e proprio) ma senza allevamento, vista la continua smobilitiazione, per decenni fiore all'occhiello della nostra nazione sempre più in recessione. Alcune le abbiamo individuate, altre magari no.. ma sono tante quelle vendute, speriamo compensate con acquisti prossimamente. Vedremo come sarà il movimento tra le prossime Tattersalls December Yearling Sales del 24 Novembre, quelle dei foals (con tanti italiani alla voce venditori) tra il 26 ed il 29 Novembre, ed il mercato delle fattrici tra il 1° ed il 4 Dicembre prossimo. Ma parliamo di Goffs in Irlanda.

sabato 22 novembre 2014

Italians (e non solo) ad Oriente. Slew Of Fortune venduto ad Hong Kong, dove domenica Rispoli, Demuro e Atzeni sono impegnati nei trials in vista del meeting del 14 Dicembre. In Giappone, fermento per il Mile Championship e Japan Cup

Tutto ad oriente. In questa fase della stagione tutti con gli occhi puntati verso il far east, da dove arrivano gli spunti più interessanti della stagione. Partiamo con il parlare di Slew Of Fortune (Elusive City), il 2 anni imbattuto in 3 uscite che Gianluca Bietolini (fresco di patente francese presa nei giorni scorsi) ha plasmato per i colori della Scuderia Nuvolone, acquistato privatamente da un proprietario australiano con destinazione Hong Kong. Il puledro, che non aveva raggiunto la riserva alle Arqana di Saint Cloud nella giornata prima dell'Arc, ha ricevuto un offerta molto soddisfacente dopo la terza vittoria consecutiva. Attualmente il figlio di Elusive City (Elusive Quality) è in quarantena in Inghilterra, sarà castrato ed infine esportato. Quanto a Gianluca, decisamente meritoria l'ennesima valorizzazione dopo Steaming Kitten (già venduto), mentre per Jolly Good Kitten probabile vendita a breve. 
Rimaniamo ad Oriente, perchè nella giornata di sabato ad HK vanno in scena le prove preparatorie per le International Races del 14 Dicembre prossimo. Domani a Sha Tin 3 trial da HK$3,85 milioni (circa €400,000) con il primo, in ordine temporale, n Jockey Club Sprint sui 1200 dove Mirco Demuro avrà una bellissima chance su Amber Sky (Exceed And Excel), vincitore dell'Al Quoz Sprint G1 a Meydan, rientrato con un quartino rendendo chili mentre ora correrà a pari peso contro avversari alla portata. Atzeni (che ha vinto la sua prima corsa ad HK qualche giorno fa), sarà su Super Jockey mentre Umbertino Rispoli su Golden Harvest.

giovedì 20 novembre 2014

Goffs Foal Sales: Top Price una femmina dai campioni #Frankel eFinsceal Beo venduta per €1,8 milioni. Prezzo di €230,000 per una SeaThe Stars ed Aquila d'Oriente made in Luciani, ed €87,000 per il fratellino di Priore Philip da Dark Angel

Terza ed ultima giornata delle Goffs Foal Sale (in programma dal 17 al 20), ha svelato prezzi molto interessanti soprattutto per la presenza dei primi foal del campione Frankel (Galileo) proposti in asta pubblica in Irlanda. Quasi tutto l'ultimo giorno dei 3, che ha visto un prezzo alto per il Lot 897, prodotto appunto di Frankel (Galileo), imbattuto campione di Juddmonte, e della campionessa Finsceal Beo (Mr Greeley), vincitrice in corsa delle 1000 Ghinee inglesi ed irlandesi, quando in training da Jim Bolger.
Il dato definitivo è stato di 872 cavalli presentati, 742 venduti (85%) per un movimento complessivo di €27,504,700 (+52%) con la media a €37,068 (+41%) ed i mediani a €22,000 (+29%). 
Il foal, una femmina, è stato presentato da Al-Eile Stud in Kilgobnet, Dungarvan, ed acquistata dal Dermot Farrington Bloodstock di Naas, per conto di un cliente non specificato, che potrebbe essere l'australiano Rick Jamieson (Gilgai Farm), l'allevatore di Black Caviar.. ma non sono arrivate altre conferme in merito.

Premi: In arrivo Settembre 2014, ecco il comunicato ufficiale..

Il sito UNIRE ha diffuso il seguente comunicato ufficiale: "Si comunica agli operatori ippici che per i premi di settembre 2014 sono stati emessi mandati di pagamento alla BNL per circa 5.500.000,00 di Euro".

martedì 18 novembre 2014

Fuga di talenti. #Fontanelice venduta a Katsumi Yoshida! La miglior 2anni italiana è già a Chantilly

supermercato Italia, parte esima. L'ultima in ordine temporale ad aver lasciato la penisola è Fontanelice (Vale of York) la quale è stata acquistata da Katsumi Yoshida (dopo Final Score) in una trattativa mediata da Emmanuel de Seroux di Narvick International, in collaborazione con Paolo Romanelli dagli States. Fontanelice, vincitrice del Primi Passsi G3 in coabitazione con Ginwar e del Dormello G3 in grande stile alla prima esperienza sulla distanza, ha già lasciato le scuderie di Cenaia per approdare in quelle di Criquette Head a Chantilly. E la famiglia Head è nota nell'ambiente per preparare le femmine. 
A convincere Yoshida, oltre che alla qualità della cavalla, è stata forse anche la versatilità della famiglia femminile che rimanda a Deep Brillante (Deep Impact), vincitore del Derby nipponico G1 un paio di anni fa. Fontanelice si è rivelata un ottimo investimento a basso costo. Acquistata da Alduino per €9,000 a Fairyhouse come regalino a Stefanuccio, la cavalla ha vinto 5 corse su 5 realizzando un notevole profit.

lunedì 17 novembre 2014

Roma: #Lohit facile sul pesante del Capannelle, #Anchise a segno nel Sette Colli. Wordless, debutto ok per la sorellina di Final Score, Cherry Collect e Charity Line

All'improvviso uno sconosciuto. In lontananza è apparsa una macchietta saura sfrecciare sul traguardo ma solo ai 200 finali era chiaro chi fosse. Lohit (Dutch Art) ha raggruppato tutte le sue forze su un terreno ai limiti della praticabilità, ha indossato pinne e boccaglio ed è riuscito a finire indenne il percorso del Premio Capannelle HP in 1m 11,63, un tempo praticamente molto simile ad uno su terreno meno impossibile. La vittoria è stata di margine, nel senso che in una corsa che va valutata con le pinze proprio per le particolari condizioni che hanno sfalsato molte linee e la corsa stessa, ma senza nulla togliere al merito di Lohit, calibrato al punto giusto da Luigi Biagetti dopo 3 corse di rodaggio, concluse in crescita, e che ha tirato fuori comunque la prestazione. In sella un Francesco Dettori che ha badato soprattutto ad essere il più aerodinamico possibile per evitare la pioggia e si è nascosto dietro le orecchie ritte manco ci fosse il sole, del figlio di Dutch Art (Medicean). Alatan Blaze è quello che si è avvicinato di più, ma è stato rimbalzato ed è rimasto a 4 lunghezze di margine tra lo "sciaff sciaff" degli zoccoli sull'acqua. Potremmo stilare una lista di quelli che hanno corso con onore ma alla fine non sono riusciti a venire avanti dagli abissi, ma ci soffermiamo su Jyoti (Selkirk), ancora in quota nonostante il terreno non propriamente adatto alle sue caratteristiche. IL VIDEO DEL PREMIO CAPANNELLE QUI.

sabato 15 novembre 2014

Italians: A Sha Tin una vittoria a testa per DemurOne e Rispoli. Nulla per Atzeni, vince l'ex Pablosky

Italians ad Hong Kong. Il contigente dei nostri jockey si è infoltito ed arricchito anche di Umberto Rispoli e di Andrea Atzeni che hanno ottenuto la licenza trimestrale da parte dell'Hong Kong Jockey Club, dopo l'arrivo di Mirco Demuro 10 giorni fa almeno, e titolare anche di 3 vittorie nella domenica appena trascorsa. Nella giornata di sabato a Sha Tin ingaggi misti per tutti, 7 per Atzeni ed 8 sia per Mirco che per Umberto.
Parliamo di risultati: Umberto Rispoli ha messo subito in chiaro le cose vincendo la prima della stagione 2014-2015 cinese nella quarta corsa in programma, il Panasonic Viera iDTV Handicap di Classe 4 sui 1200 metri in erba dotato di HK$760,000 in sella a Thor The Greatest (Footstepsinthesand), andando in avanti e rimanendo in quota, su Ah Bo montato da Joao Moreira. VIDEO CORSA QUI.

Asta SGA a Milano, ecco i risultati asta mista Novembre. Movimento €90,000, top price Sciolina

Sotto il diluvio, si è tenuta l'asta mista dei cavalli in allenamento e non solo organizzata dalla SGA la mattina del 15 Novembre. Dei 34 iscritti tra fattrici, yearlings, cavalli in allenamento, foal, ne sono passati 29 con 20 di questi venduti per un fatturato di €90,000 complessivi, ed una media di €4,500. Dunque, un buon risultato. Il top price della sessione è stata Sciolina (Oratorio), vincitrice di Bessero Lr, la quale era in vendita come prospetto di fattrice, acquistata per €13,000 dal Poggio San Giorgio con prospettive in razza, venduta dalla Scuderia in Rosa che ha donato parte dei proventi vinti in corsa dalla cavalla, alla lotta per il cancro al seno. 
Altro prezzo interessante è stato Grand Link (Rail Link) venduto dalla Briantea alla Scuderia Milano per €11,500. La stessa scuderia acquistante ha anche comprato Sbarazzino (Red Rocks), proveniente dal dispersal Immobiliare Casa Paola, per €11,000. La Sant'Uberto ha comprato Autlure (Authorized) da Bruno Grizzetti, Laura Costa (team Tellini) ha comprato Zida (Orpen) per €9,000. Tra i ricomprati ci sono Alexanor (Pivotal) per €19,000, Russian Duke (Duke Of Marmalade) ricomprato per €24,000. Grazie ad Alessandro Santoni per i dati diffusi velocemente. I risultati completi dell'asta in formato excel, cliccando su questo LINK.

Rating IFHA, buone nuove: Priore Philip valutato 120! Come Worthadd e Falbrav, meglio di Jakkalberry. Ecco i dati della stagione, il top dell'anno è Just a Way con 130, i migliori 3 anni Australia e Kingman a 126

Una buona notizia arriva dalla IFHA (International Federation of Horseracing Authority) che ha stilato nei giorni scorsi la Classifica mondiale per i cavalli che hanno corso tra il 1° Gennaio ed il 9 Novembre scorso. La impressionante vittoria per 6 lunghezze ottenuta da Priore Philip (Dane Friendly) nel Premio Roma GBI Racing, è valso al cavallo italiano una valutazione di 120, un bel riconoscimento per la stagione eccezionale del portacolori della Ste.Ma. che ha impressionato gli handicapper proprio dopo l'ultima affermazione sui 2000 metri, alla prima partecipazione sulla distanza. Qui di lato trovate la classifica dei migliori 3 anni del mondo, la classifica completa la pubblicheremo dopo, ma sviscerando i dati emerge come il sauro allevato da Lollo e Stefano Luciani è terzo in Classifica per età, categoria intermediate (gli altri sono o Miler o Long Distance) e per superficie, quindi erba. Il suo 120 è al di sotto dei 126 di Kingman, Australia e The Grey Gatsby, ma con un valore uguale ed identico a Free Eagle, secondo delle Champion Stakes G1, e Tapestry G1, vincitrice delle Yorkshire Oaks. In assoluto i migliori purosangue del mondo sono, come si evice più sotto, Just A Way con il suo 130, poi Kingman, Australia e The Grey Gatsby con il loro 126 e a scendere gli altri anziani di valore come Variety Club a 126, Treve a 125, Flintshire a 124 come Gold Ship, The Fugue.. poi 123 per Cirrus Des Aigles, Designs Of Rome (HK), Lankan Rupee (Aus), Magician e Military Attack (HK). A 122 troviamo Mukhadram, Noble Mission, Olympic Glory, Telescope, Wise Dan (Usa), a 121 Al Kazeem, Kizuna e Toronado, a 120 quelli sopra elencati e, tra gli anziani, un valore uguale per Admire Ratki, Ivanhowe, Lucky Nine, Protectionist dopo la vittoria della Melbourne Cup. Tutti ovviamente vanno divisi per segmento, distanza, sesso, età etc

giovedì 13 novembre 2014

Allevamento, ecco i dati Weatherbys sugli stalloni più utilizzati nel 2014. Getaway (Monsun), 295 fattrici nel reame..

Il return of mares di Weatherbys è un preziosissimo strumento. Dall'ultima pubblicazione dello stesso documento emergono dei dati interessantissimi circa l'allevamento europeo e riguardante gli stalloni più operativi nel panorama con le varie coperture delle fattrici. Sono dati misti, resi noti dal Racing Post, che riguardano stalloni da National Hunt e quelli da piano. Emerge come l'influenza Monsun, dopo la Melbourne Cup G1 vinta da Protectionist, ma non solo, sia dilagante.
Lo stallone infatti che ha coperto di più nel corso del 2014 è Getaway (Monsun), nella foto, duplice vincitore di G1 in carriera per Andre Fabre ed i colori del Barone Georg Von Ullmann, residente presso il Grange Stud del Coolmore in Irlanda ad un tasso di €3,500, che ha coperto una cosa come 295 fattrici! Una enormità spaventosa per l'11 enne figlio di Monsun (Konigsstuhl) che in corsa ha riportato il Grosser Mercedes-Benz Preis Von Baden G1 e il Deutschland Preis chiudendo la carriera arrivando secondo nel GP di Milano alle spalle di Jakkalberry. Il boost è arrivato non solo per il discorso Melbourne Cup, ma per i recenti successi di Sprinter Sacre ed Annie Power sui salti, rispettivamente prodotti di Shirocco e Network, figli a loro volta dell'immenso Monsun....

Joann Al Thani spende e spande. Sponsor delle Lockinge Stakes 2015 e 10 puledri per John Gosden..il Qatar impera

Sheik Joaan Al Thani si espande. La Al Shaqab Racing ha annunciato di aver acquistato per John Gosden 10 nuovi puledri per la stagione 2015. Si tratta di un rapporto nuovo di zecca con l'allenatore di Clarehaven, vero mattatore nella stagione appena passata. La collaborazione con Gosden comincerà e si unirà a quelle con Richard Hannon, Sir Michael Stoute, Willy Haggas, Luca Cumani.
L'Al Shaqab, compresa la campionessa Treve che tenterà di vincere per la terza volta l'Arc nel 2015, i cavalli dello Sceicco Qatariota sono ora 170, rispetto ai 120 dello scorso anno in Europa. La news circa l'espansione è stata resa nota in occasione dell'annuncio della sponsorizzazione delle Lockinge Stakes G1 di Newbury del 16 Maggio prossimo che vedrà il primo premio salire del 64% a £350.000.
Ma non è tutto: Harry Herbert, advisor della scuderia, ha annunciato che lo Sceicco Joaann ha donato £500,000 all' Injured Jockeys' Fund per la riabilitazione dei fantini infortunati.
Il dominio della famiglia Al Thani è manifesto: Sheikh Joaan, insieme a suo cugino Sheikh Fahad della Qatar Racing, possiendono circa 600 cavalli in giro per l'Europa. Fa piacere che abbiano due fantini italiani come titolari di prima monta. Lanfranco Dettori è sotto contratto, appena rinnovato, con Joann mentre Andrea Atzeni ha sottoscritto un accordo da qualche mese con cugino Fahad, per il quale ha ottenuto prestigiosi successi già con Elm Park, speranza Classica, e Cappella Sansevero tra gli altri.

mercoledì 12 novembre 2014

Galoppo a Napoli, si ricomincia. Ecco le date di Novembre e quelle di Dicembre nell'impianto partenopeo di Agnano

E' una delle piste più selettive insieme a quelle di Capannelle e San Siro. Da quest'oggi, riparte anche galoppo a Napoli nello storico impianto di Agnano, con il primo convegno della riunione autunno-inverno. Subito una bella condizionata nella quale sarà impegnato Dokker che si prepara per una stagione di successo in loco. In più, rinnovato l'accordo della Chimax con Dario Vargiu, lanciatissimo verso il quarto scudetto tra i fantini dopo quelli ottenuti nel 2006, nel 2008 e nel 2013, attualmente leader con 155 vittorie, 15 in più sul secondo Germano Marcelli ma con dati ovviamente in continuo aggiornamento. Il campo partenti della giornata del 12 Novembre QUI.
A Novembre saranno tre le giornate in calendario (tutti i mercoledì, a partire da quello di oggi del 12 anche il 19 ed il 26 prossimi), sette invece le giornate di Dicembre con le seguenti date: venerdì 5, domenica 7, venerdì 12, mercoledì 17, domenica 21, mercoledì 24, mercoledì 31 Dicembre
Domenica 21 si disputerà il Memorial Corrado Garofalo, poi ci sarà una bella condizionata per i puledri: Per quanto riguarda la tecnica pura ci saranno i tradizionali Handicap Principali come il San Gennaro ed il Premio Agnano ma a Gennaio, e con date da definire. Da segnalare due convegni misti, con corse di galoppo e trotto, previsti il 7 e il 31 Dicembre: un esperimento già tentato ad Agnano una quarantina di anni fa. IL LIBRETTO/BOZZA DEL MESE DI NOVEMBRE QUI. IL LIBRETTO/BOZZA DEL MESE DI DICEMBRE CLICCANDO QUI.

Tassi di monta 2015. Ecco la guida a tutti gli allevamenti e gli stalloni, con il rispettivo costo di funzionamento

Riteniamo possa essere uno strumento utile per tutti gli allevatori, o semplicemente per gli appassionati, conoscere tutti I TASSI DI MONTA relativi alla stagione 2015 da parte di tutti i maggiori allevamenti europei. Ne abbiamo raccolti quasi tutti, ne mancano ancora pochi all'appello e per questo sarà una guida itinerante nel senso che appena saranno resi noti dai vari stud, li aggiorneremo di volta in volta. In ogni caso, per districarsi nella matassa degli stalloni, il seguente post può essere di aiuto per capire dove, come e per quanto funzioneranno tutti gli stalloni in Europa.
Se avete una fattrice, volete studiare un incrocio, o cercare il migliore compromesso qualità prezzo che sia in Italia, Irlanda, Inghilterra o Francia, basta chiedere nei commenti. Può essere argomento di discussione o semplicemente di chiarimento. Li abbiamo divisi per allevamento, tra parentesi trovate la paternità e a fianco il prezzo per il quale saranno disponibili (quasi tutti live foal) nel 2015. Di fianco, cliccando sul tastino in basso, potrete trovare la Classifica dei leading sires in Europa nel 2014, ordinari per somme vinte, poi quella dei padri di due anni aggiornati ad oggi e quella dei first crop sire, cioè alla prima annata di produzione in pista. Buona lettura!

martedì 11 novembre 2014

Clamoroso a Capannelle. Bruno Grizzetti sbarca nella capitale, gestirà tutti i cavalli de La Nuova Sbarra

La Nuova Sbarra rilancia. La notizia era nell'aria da qualche giorno, ma solo nelle ultime ore è arrivata l'ufficialità. In un regime di riorganizzazione della scuderia, gli effettivi della famiglia Scarpellini sono stati tutti affidati a Bruno Grizzetti (nella foto Daniela Carlotti), che si trasferirà a Roma per gestire la scuderia che è stata per anni tempio di Lorenzo Brogi, e poi di Sergio ed Andrea Scarpellini. La decisione è arrivata dal pater familias, sicuro che una decisione tanto improvvisa quanto repentina possa dare nuovo slancio e linfa vitale alla celebre scuderia romana, forse bisognosa di una scossa come bisognoso di un cambio di direzione era certamente Grizzetti stesso.
La decisione è maturata la scorsa settimana, in occasione della vittoria nel Chiusura G3 di Gothic Dance (Dalakhani) che ha pescato il neretto proprio all'ultimo tuffo prima dell'eventuale ingresso in razza. Tutto questo deve aver indotto Scarpellini ad accelerare quella che poteva sembrare solo una idea campata per aria, suggellata nel pranzo domenicale in occasione del Premio Roma G1 della settimana scorsa. E così il Griz sbarcherà nella capitale a breve aumentando in loco una concorrenza già di per se molto agguerrita.

lunedì 10 novembre 2014

Taghrooda e Kingman, promessi sposi. I due campioni allenati da John Gosden, marito e moglie per una notte..

Chissà cosa avranno pensato quando si sono più volte incontrati a Clarehaven. Taghrooda (Sea The Stars), vincitrice delle Oaks G1, King George Vi & Queen Elizabeth II Stakes e piazzata dell'Arc de Triomphe G1, è entrata in razza al termine della stagione e come primo principe azzurro avrà, curiosamente, un altro cavallo allenato da John Gosden per un altro forte complesso allevatorio come quello di Juddmonte. L'eletto come detto è Kingman (Invincible Spirit), vincitore di 4 G1 nella stagione, champion miler, ed entrato in razza qualche mese fa. Taghrooda è una homebred di Sheikh Hamdan della Shadwell Farms che, come tradizione, non tiene le femmine a 4 anni in corsa ancora. La decisione è maturata per dare il meglio con il meglio. Kingman funzionerà a Juddmonte, ma questo incrocio suona come una sorta di joint venture tra Khalid Abdulla e Sheikh Hamdan. Per la cronaca, Kingman funzionerà per la prima stagione a £50,000, ma siamo certi che uno sconticino verrà applicato sulla tariffa ad Hamdan. Tanti auguri e figli maschi!

Godolphin: William Buick e James Doyle messi sotto contratto per la nuova stagione. Ecco l'annuncio a sorpresa..

Non sappiamo cosa comporterà in realtà e nemmeno sappiamo se augurare (visti i recenti risultati) buona fortuna o fare in bocca al lupo per la carriera, ma il team Godolphin ha annunciato grosse novità a partire dalla fine della stagione 2014, ma soprattutto verso la stagione 2015. Lo sceiccone ha messo sotto contratto James Doyle e William Buick che lavoreranno a stretto contatto con i rispettivi team in Inghilterra. In particolare "strategos" Buick si trasferirà alla corte di Charlie Appleby come prima monta, mentre Doyle lo sarà per Saeed bin Suroor. Entrambe i jockey monteranno per i colori Godolphin anche in Irlanda, Francia, America, Australia e Giappone quando gli verrà richiesto, e tutto comincerà ad essere definitivo nel Dubai Carnival del 2015 a Meydan che inizierà l'8 Gennaio. Mickael Barzalona continuerà ad essere prima monta Godolphin in Francia, mentre a fare la figura del capro espiatorio è stato Silvestre De Sousa al quale non è stato rinnovato il contratto nella stagione. Buick e Doyle, che suona un pò come Bo e Luke, sono volati da Heathrow sabato scorso ed hanno incontrato Sheikh Mohammed in Dubai domenica. 

Italians ad Hong Kong: Tripletta da 105/1 per Mirco Demuro, che sigla anche il G3 di giornata a Sha Tin. Beauty Only, ex Gentleman Only, ancora una brillante e tenace affermazione, verso obiettivi prestigiosi

Serviva una scossa. Dopo la prima giornata di praticantato a secco, Mirco Demuro ha messo subito in chiaro alcune cosette alla seconda settimana ad Hong Kong. Domenica mattina a Sha Tin ha lanciato sul piatto una bella tripletta, con sigillo a livello di G3 in sella a Packing Llaregyb (Dylan Thomas), un 4 anni che ha cominciato la carriera in Irlanda agli ordini di Dane O'Neill, ha vinto 2 corse nel 2013 a livello di handicap ed è stato poi esportato ad Hong Kong, e che ha riportato il Sa Sa Ladies' Purse (Handicap) G3 sui 1800 del tracciato locale da HK$2,75 milioni, di fronte ad una folla di 74,000 persone. Packing, che prima si chiama solo Llaregyb, è allenato da Andreas Shultz, è alla quinta vittoria da quando è finito ad Hong Kong su 9 corse disputate. Nell'occasione ha tenuto in scacco Willie Cazals (Aussie Rules), altro ex italiano arrivato ad una incollatura dal vincitore, e al terzo è arrivato Kabayan (Haradasun), altro senza orpelli riproduttivi. Packing ha culminato così una ascesa continua dando ragione al suo allenatore che aveva ipotizzato la vittoria a livello di G3 per un cavallo migliorato tanto.
Shultz, già allenatore del campione locale Good Ba Ba, ha ipotizzato scenari interessanti per il 4 anni parlando di alternative varie nella prossima rassegna mondiale del Longines Hong Kong International Races. Molto probabilmente il Mile G1 è la decisione più ovvia, mentre Willie Cazals punterà al Vase sui 2400 metri. Quanto a Mirco Demuro, ha messo in pista una delle sue monte impacchettando Packing dietro ad un muro di cavalli, caricandolo e rilasciando la molla ai 350 dal palo disponendo del grigio. IL VIDEO DEL SA SA LADIES' PURSE QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

Capannelle: Sensazionale #Farmah, vince fermando il Premio Aloisi G3! Battuta Guinnevre, Rosendhal solo terzo.. Nel Buontalenta emerge la qualità superiore di So Many Shots, nel Roma Vecchia vince di muso Targaryen

Non sarà Overdose, ma questa è andata forte per davvero. Una cannonata! La tre anni Farmah (Speightstown) ha spezzato le reni agli italiani vincendo per dispersione l'ultima pattern della stagione italiana, il Carlo e Francesco Aloisi G3 sulla distanza dei 1200 in pista dritta, provvedendo a far tornare alla vittoria su un traguardo italiano i colori di Hamdan Al Maktoum 11 anni dopo che Ekraar (Red Ransom) conquistò il Gran Premio del Jockey Club a Milano nel 2003. La femmina, allenata in Francia da Francois Rohaut ha illuminato la platea dominando da cima a fondo nelle mani di Francois-Xavier Bertras, correndo di fatto solo per 200 metri (dai 400 ai 200 appunto), quelli che le sono serviti per accumulare 6 lunghezze di margine, dimostrando una velocità di base di gran lunga migliore dei nostri e inchiodando il cronometro in 1m 08,2s, una sorta di piccolo record sul pesante ed ottenuto fermando. Farmah (nella foto Domenico Savi www.stefanograsso.it) ha strabattuto la supplementata Guinnevre (Duke Of Marmalade) emersa per battere il nostro Rosendhal (Indian Ridge) con al quarto Harlem Shake (Moss Vale). Quest'ultimo, 61 chili, aveva una linea estiva con Farmah nel Prix Texanita Lr di Maisons Laffitte favorevole al nostro, ma ora di diversa dimensione grazie alla crescita logica della vincitrice, facendo emergere tutta la differenza che c'è tra i nostri ed un cavallo che ha fatto la storia dell'Aloisi si, ma che in Francia veleggia nelle buone reclamare e basta, mentre la homebred Shadwell è una cavalla progressiva e frequenta Listed "vere". Senza nulla togliere al sauro della Pian Di Neve, che è stato immenso nella sua carriera.

sabato 8 novembre 2014

Francia: #Epicuris prosegue da imbattuto, 3 su 3 nel Criterium de Saint-Cloud. Secondo Cristian Demuro su Palang

Tre su tre. Questo è lo score del promettente Epicuris (Rail Link) che nella giornata di sabato a Saint-Cloud ha ottenuto il sigillo a livello di G1 vincendo il Criterium de Saint-Cloud da €250,000 su una distanza molto particolare per i puledri in questa stagione, dei 2000 metri. Epicuris, allenato da Criquette Head per i colori di Khalid (e non Karim.....) Abdulla, è andato in avanti gestito da Thierry Thulliez e con il suo modo strambo di galoppare l'ha portata lo stesso a casa distruggendo quelli che hanno provato ad attaccarlo ed ha concluso senza mai farsi seriamente avvicinare giustificando il ruolo di hot favourite, finendo in 2m 17.41s (slow by 13.01s) su terreno molto lento. L'imponente baio ha lasciato a 2 lunghezze e mezzo di margine Palang (Hat Trick) sul quale Cristian Demuro ha montato in modo divino per ottenere il miglior risultato possibile attendendo in coda e sprintando all'esterno, con al terzo Big Blue (Galileo). Si tratta della quarta vittoria in questa corsa per Criquette Head-Maarek, ed ora il figlio di Rail Link (Dansili) allevato da Juddmonte è stato installato a 16/1 nell'antepost per il Derby di Epsom. Si tratta del primo esponente di G1 per lo stallone Rail Link, che in corsa vinse l'Arc de Triomphe prima di entrare in razza. Al debutto da stallone al Banstead Manor Stud per £12,500, il suo tasso è sceso gradualmente fino ai £5,000 del 2014. Non ancora annunciato quello del 2015...
Questa corsa non è proprio selettiva al massimo, proprio per la particolare collocazione che non garantisce selezione assoluta. IL VIDEO DEL CRITERIUM DE SAINT-CLOUD QUI.
Magari per il St Leger si, ma per le altre Classiche è un test molto meno indicativo. Negli ultimi 10 anni è stato vinto da meteore quali Paita, Linda's Lad, Passage Of Time, Full Of Gold, Fame And Glory, Passion For Gold, Recital, Mandaean, Morandi, Prince Of Gibraltar. L'albo d'oro è li, ma intanto questo Epicuris, che ha vinto anche il Prix de Conde G3, è imbattuto ma materialone e verdissimo e dunque potrebbe marcare un significativo miglioramento a 3 anni. 

Capannelle: #Rosendhal alla ricerca poker da leggenda nell'Aloisi. Contro avrà Farmah, Harlem Shake e non solo. Ecco il programma di Roma domenica con contorno di Buontalenta Lr e tradizionale Roma Vecchia Lr sui 2800

Verso la leggenda. Il veterano Rosendhal (Indian Ridge), nella foto in alto in occasione della vittoria al debutto nel Tolouse Lautrec nel 2009 (foto Stefano Grasso www.stefanograsso.it) cercherà domenica a Capannelle di divenire il primo cavallo a vincere per quattro volte la pattern di chiusura stagione in Italia, il Premio Carlo e Francesco Aloisi G1 (ex Umbria) nel ricordo di due personaggi memorabili dell'ippica italiana. Il 7 anni da Indian Ridge (Ahonoora) ha vinto la prima volta nel 2010 quando era allenato da Armando Renzoni, nella stagione successiva, dopo la scomparsa dell'Armando nazionale e il collocamento presso Massimiliano Narduzzi, è terminato al terzo posto alle spalle del dragster Overdose (Starborough) e Dagda Mor (Martino Alonso), allora il miglior velocista italiano. Nell'Aprile del 2012 il trasferimento del saurone in Francia alle cure di Alessandro e Giuseppe Botti con i quali Rosendhal ha raggiunto l'apice ottenendo brillanti risultati, piazzandosi in contesti da Listed e tornando di volta in volta a Capannelle per l'Aloisi autunnale o il Tudini primaverile. Nel 2012 il successo arrivato in parità sul pesante di Roma, terminando simultaneamente con Blu Constellation (Orpen) sul palo. Nella stagione successiva ha tentato anche la campagna dubaiana a Meydan correndo non male ma non riuscendo ad ottenere risultati importanti in 3 corse (suo fratello Genius Step, per esempio, giovedì pomeriggio ha vinto a Meydan un ricco handicap). Tornato in Francia in quella primavera, dopo un periodo di pausa è tornato a Roma piazzandosi secondo nel Tudini G3 e vincendo un paio di qualitative reclamare a Chantilly e Longchamp, tornando ancora a Roma e vincendo nettamente l'Aloisi G3 battendo Elettrotreno (Modigliani).

Comunicato UNIRE: In arrivo i premi di Agosto 2014, ecco la nota ufficiale

Di seguito pubblichiamo il comunicato ufficiale apparso sul sito Unire in riferimento al pagamento dei premi di Agosto che dovrebbero essere evasi totalmente entro il mese di Novembre 2014: "Si comunica agli operatori ippici che per i premi di agosto 2014 sono stati emessi mandati di pagamento alla BNL per circa 4.800.000,00 di Euro".

Un nuovo stallone in Italia: Sakhee's Secret (Sakhee), champion sprinter, funzionerà al Centro Equino Arcadia nel 2015

Il Centro Equino Arcadia è lieto di annunciare un nuovo arrivo pronto ad arricchire il parco stalloni italiano a partire dal 2015. L'eletto è SAKHEE'S SECRET (Sakhee). Fino a qualche mese fa residente al Whitsbury Manor Stud in Inghilterra, raggiungerà Torino nei giorni prossimi per essere a disposizione degli allevatori italiani ai quali viene fatta una proposta molto interessante, improntata sul tema della precocità, della velocità e della classe. Sakhee's Secret è stato un campione nel suo segmento, diventando nel 2007 Champion 3yo Sprinter in Europa con una valutazione da parte del Timeform di 128, un valore molto alto. E' stato anche campione tra gli stalloni alla prima annata di produzione nel 2012, ed ha capeggiato la classifica degli stalloni anche nella seconda annata per numero di vincitori e di vittorie in Inghilterra. Insomma, uno stallone molto prolifico soprattutto con i 2 anni: ben 36 suoi esponenti hanno vinto in una sola stagione. 
Il pedigree è molto ricco: Il padre è Sakhee (Bahri), vincitore di Arc e non solo ed una linea, quella di Riverman, molto eclettica che ha dato tanto in termini di vincitori sia su lunghe distanze che sul breve. E Sakhee's Secret è di gran lunga il prodotto migliore grazie alla affermazione nella July Cup G1 del 2007 (VIDEO CORSA QUI) battendo Dutch Art, uno degli stalloni più ricercati nel mondo, Red Clubs che prima della sua morte era stato ben accolto dagli allevatori, Marchand D'Or, Dandy Man, Borderlescott etc... insomma, fior fiori di velocisti in una corsa che fa selezione ed ha generato stalloni. Ma in generale Sakhee's Secret in carriera ha battuto sei successivi vincitori di G1...
Dal punto di vista morfologico è uno stallone senza pecche. Fisicamente raccolto, collo imponente, spalle e petto importanti e posteriore rotondissimo. Praticamente un proiettile! Perfetto dunque per il mercato italiano.. GUARDA IL VIDEO SULLA CONFORMAZIONE DIFFUSO DAL WHITSBURY MANOR STUD CLICCANDO QUI. CLICCA QUI PER VEDERE LA PRESENTAZIONE DELLO STALLONE SU YOUTUBE.
Sakhee's Secret infatti in razza è stato ottimo sin dall'inizio, cioè dal 2009, ha prodotto vincitori di 136 corse ed il picco è arrivato con Salford Secret, vincitore Classico del Premio Parioli G3 in Italia (Italian 2000 Guineas) ma in generale cavallo solidissimo capace di vincere a ripetizione ed a livello di Listed. Ecco, una caratteristica di questo stallone è che sebbene servito con fattrici ordinarie, ha prodotto tanti vincitori a livello numerico e tantissimi piazzati di Listed con una gran varietà di cavalli prodotti tra l'80 di rating ed il 105, una forbice ampia ma ricca di cavalli e dunque sintomatico di una verve realizzativa molto prolifica. Non ancora stabilito il tasso di monta che avverrà a breve, intanto abbiamo il piacere di annunciare che il mondo dell'allevamento italiano si arricchisce con uno stallone davvero interessante, utile dal punto di vista commerciale (per come ha venduto) e della prolificità (per come ha prodotto). A breve altri aggiornamenti in merito.
Cliccando su questo LINK avrete la possibilità di provare a fare il vostro incrocio personalizzato in un sistema ed algoritmo sviluppato da G1 Goldmine, software che incrocia dati e chiarisce meglio l'idea. Usarlo è semplice.. inserite il nome della vostra fattrice in basso e cliccare sul tastino a fianco, una volta selezionata cliccare sul tasto "search" per vedere che indici di realizzazione ci sono.
Per vedere la conformazione di alcuni puledri prodotti da Sakhee's Secret, cliccare su questo LINK.
SAKHEE'S SECRET funzionerà presso il Il Centro Equino Arcadia che offre servizi per l’allevamento equino, sito in Cascina Bruciacuore - Frazione Mottura, 106 – 10068 Villafranca Piemonte (TO). CONTATTI: Dott.ssa Giovanna Romano +39 335 57.29.986, Francesco Loi +39 334 66.47.177. FAX +39 0110432873 Mail: info@centroequinoarcadia.it

giovedì 6 novembre 2014

Tanti auguri al Maestro! Il Sor Luigi compie 88 anni, buon compleanno da parte di Mondoturf

Auguri, Maestro. Noi di Mondoturf vogliamo festeggiare in questa giornata i primi 88 anni del Sor Luigi Camici, nato proprio il 6 Novembre 1926. 
Decano del nostro galoppo, ha vinto tutto il vincibile ma soprattutto resta un personaggio irrinunciabile per la nostra ippica. Tutte le Classiche italiane nel suo palmares tra Parioli, Elena, Oaks e Derby. 
A proposito di Derby vinti o preparati, l'alloro Classico è arrivato 4 volte. Il primo nel 1948 con Leon de San Marco, sotto le insegne della Mantova, l'ultimo Groom Tesse nel 2004. In mezzo, tanti altri successi prestigiosi con il culmine nell'Arc de Triomphe datato 1998 con l'immenso Tony Bin
Tanti auguri Sor Luigi, è il tributo minimo che chiunque ami l'ippica le possa fare! Cliccando su questo LINK potete vedere un estratto del servizio Canter, incentrato sulla sua carriera realizzato dal vostro scriba nel Febbraio scorso. 

Meydan, un nuovo inizio. Giovedì in programma il primo convegno con la nuova pista in sabbia, al posto del Tapeta

A 4 anni dall'inaugurazione ufficiale, Meydan festeggia un'altra ricorrenza nella giornata di giovedì quando infatti ci sarà il debutto della nuova superficie che soppianterà quella artificiale del Tapeta, che negli ultimi ha destato non poche polemiche. Giovedì 6 infatti ci sarà la prima riunione sul dirt, il vecchio sabbione, quello che ha reso celebre l'impianto di Nad Al Sheba dalla prima edizione della Dubai World Cup vinta da Cigar, sostituito poi dal futuristico impianto di Meydan. Si tratta del tracciato dove alla fine di marzo 2015 si disputerà la ventesima edizione della Dubai World Cup, la corsa di galoppo più ricca del mondo che quest'anno è in programma il 28 Marzo. La pista, che ha uno sviluppo di 1.750 metri, è stata positivamente collaudata martedì sera con due prove sui 1400 e sui 1600 metri, vinte entrambe da cavalli allenati da Doug Watson, Faulkner e Dr Faustus. Realizzata da Joe King, è composta di sabbia (88%), silicio e terra rossa (12%): "I feedback di allenatori e fantini sono positivi, dunque non attendiamo altro l'inizio ufficiale della stagione", ha detto Frank Gabriel, executive director del Dubai Racing Club. Ne ha parlato bene anche Richard Mullen che ha montato i due trials, spiegando che è un pochino più lenta della consueta sabbia, ma che è normale essendo ancora vergine. Inoltre ha aggiunto di essersi posizionato ad una lunghezza e mezza da quello davanti e di non aver ricevuto il fastidioso kick-back, la sabbia in faccia, cosa che invece accadeva nel vecchio Nad Al Sheba. 
Giovedì in programma 6 corse per cavalli inclusi nella forbice di rating tra 90 e 100. Una curiosità di giornata: Nella quarta corsa, l'Emirates Skywards handicap sui 1200 metri alle 20,30 da $105,000, correrà Genius Step (Dubawi), il top price delle Selezionate SGA del 2010 con €190,000 pagate da Mick Buckley per Darley, prodotto della fattrice Kathy College (College Chapel), dunque fratellastro di Rosendhal (Indian Ridge), allevato dalla Pian di Neve. Ora ha 5 anni, ha vinto per Godolphin a due anni a Goodwood, e da un paio di stagioni corre a Dubai per i colori di Sheikh Juma bin Dalmook Al Maktoum e per il training di S Seemar. L'8 Gennaio 2015 comincerà ufficialmente il Carnival...

Aste: La SGA ha pubblicato il catalogo delle miste di Novembre. Il 15 Novembre ore 11,00 a San Siro..

La SGA ha annunciato le scorse ore di aver rilasciato il catalogo delle November Mixed Sales che avranno luogo il prossimo 15 Novembre all'ippodromo di San Siro, alle 11,00 di mattina e pubblicato sul sito www.sgasales.com. L'asta, frutto della situazione particolare in Italia, avrà iscritti 31 cavalli tra cui 2 fattrici, 2 foals, 10 yearlings e 17 cavalli in training. Per scaricare il PDF del catalogo cliccare sul seguente Link.

Stallion News: Peintre Celebre va in pensione a 20 anni. Il figlio di Nureyev ha vinto l'Arc de Triomphe G1 nel 1997

Peintre Celebre (Nureyev), brillante vincitore del Prix de l’Arc de Triomphe G1 nel 1997 ed in generale vincitore di 3 corse al massimo livello, è stato ritirato dalle attività riproduttive e verrà pensionato presso il Coolmore dove ha funzionato negli ultimi anni. Il 20 enne figlio di Nureyev (Northern Dancer) vestiva i colori del suo allevatore/proprietario Daniel Wildenstein, era allenato da Andre Fabre e proprio dopo l'Arc era stato ritirato in razza. Da stallone ha prodotto 12 vincitori di G1 su varie distanze, come Dai Jin vincitore di Derby tedesco e duplice vincitore di G1 nonchè a sua volta stallone, poi Byword vincitore delle Prince of Wales’s Stakes G1 e poi ora stallone in Sudafrica, mentre in Australia ha prodotto lo sprinter Bentley Biscuit, poi Collection che ha vinto due G1 ad Hong Kong mentre tra le femmine si ricordano Vallee Enchantee e Pride, quest'ultima seconda nel Prix de l’Arc de Triomphe vinto da Rail Link
I suoi successi sono maturati soprattutto come broodmare sire, cioè come padre di fattrici e dunque celebriamo, di recente, due successi da parte di prodotti derivanti da sue figlie. Protectionist e Red Cadeaux, primo e secondo nella Melbourne Cup G1 di martedì mattina, hanno Peintre Celebre nella sezione materna mentre in Italia funziona come stallone Shaweel (Dansili), campione in corsa, che ha come madre una Peintre Celebre appunto. 

mercoledì 5 novembre 2014

Capannelle: Verso il Premio Aloisi G3 sui 1200 del 9 Novembre, ecco i 31 rimasti tra cui Rosendhal che cercherà il poker

Ultima domenica di assoluto livello a Capannelle, dopo quelle del Lydia Tesio Longines e del Premio Roma GBI Racing è il turno dei velocisti che a Roma chiudono la stagione all'insegna del Premio Carlo e Francesco Aloisi ex Umbria G3, sui 1200 metri in pista dritta di Capannelle per cavalli di 2 anni ed oltre con €61,600 in palio. In programma anche il Premio Buontalenta memorial G. Valiani Lr da €41,800 per femmine di 3 anni ed oltre sui 2000 in pista grande che di fatto consola quelle che non hanno corso o non si sono piazzate nel Lydia Tesio. Sono ancora 41 iscritte, mentre nel Roma Vecchia Lr per 3 anni ed oltre sui 2800 metri in pista grande da €41,800 sono in 44 gli iscritti e molto probabilmente quest'anno verrà fuori una edizione incerta con qualche straniero iscritto... C'è anche una supplementazione (aggiornamento del 6 Novembre ndr) di Guinnevre (Duke Of Marmalade), già quinta nell'Omenoni G3 a San Siro della settimana scorsa
Parlando dell'Aloisi (ALBO D'ORO DELLA CORSA CLICCANDO QUI), all'ultimo forfait, prima di quello di giovedì qualora ci dovessero essere delle supplementazioni (una, raccontata il rigo sopra) o di venerdì direttamente all'atto della dichiarazione dei partenti, sono 31 i rimasti. Un numero sostanzioso ma in Italia sul tema della velocità siamo ben riforniti da nord, centro, sud e provincia.

Stallion News: Noble Mission in America a $25,000, Kingman disponibile a £55,000, Australia entrato in razza a €50,000..Ecco tutta la situazione sugli stalloni appena entrati razza e gli aumenti più interessanti

Ed ora qualche news sparsa sugli stalloni, sparata una dietro l'altra. Qualche giorno fa è stato annunciato a sorpresa il ritiro dalle competizioni di Noble Mission (Galileo), il fratellastro di Frankel riuscito a non farlo rimpiangere e vincendo le Champion Stakes G1 due anni dopo il suo celebre fratello. Ebbene il portacolori Juddmonte allenato da Lady Cecil, dal 2015 entrerà in razza ma non Europa bensì in America alla Lane's End Farm in Kentucky al tasso di $25,000 che ha agito in compartecipazione con il gruppo di Khalid Abdulla.
In tema di stalloni Juddmonte quest'anno è entrato in razza anche il fenomenale Kingman (Invincible Spirit) il quale, dal 2015, sarà disponnibile al Banstead Manor Stud in Inghilterra al tasso di £55,000. Kingman è stata la star del 2014 sul miglio ed ha completato la suite di 4 vittorie di G1 tra Inghilterra, Francia ed Irlanda. 
Kingman è un figlio di Invincible Spirit, prodotto di Green Desert (Danzig) che in realtà Juddmonte aveva nel suo roster in Oasis Dream (Green Desert) quella linea di velocità che cercava. Ma essendo Zenda, la mamma di Kingman, una sorellastra di Oasis, allora si è scelto di velocizzare con Invincible Spirit il quale, nel 2015, sarà disponibile ad un tasso di €100,000 all'Irish National Stud, aumentato dopo l'impatto nell'allevamento mondiale negli ultimi anni. 
In tema di tassi aumentati menzioniamo anche quello di Le Havre (Noverre), padre di Avenir Certain quest'anno ma in linea generale stallone le cui quotazioni sono in crescita esponenziale dopo la vittoria nella classifica lo scorso anno, con un non grandissimo parco fattrici a disposizione. Per ora.. dai €7,000 del 2014, funzionerà a €20,000 per il 2015 presso l'Haras de la Cauviniere. 
A proposito di Juddmonte torniamo sul discorso Frankel (Galileo), entrato in razza lo scorso anno a £125,000 e rimasto invariato nel 2015 in attesa dei primi yearlings che passeranno all'asta e dunque ancora non si sa bene quale sarà l'impatto per decidere di alzare o abbassare il tasso. Intanto Crystal Gaze gravida dello stallone aveva realizzato £1.15 milioni, mentre una femminuccia da Frankel passata in Giappone ha realizzato ¥96 milioni (£528,798/€676,070). 
Tra le new entry per il 2015 in Europa c'è Anodin (Anabaa), vicino ad emulare sua sorella illustre Goldikova con il secondo posto di sabato nella Breeders' Cup Mile G1, è stato ritirato in razza e funzionerà all'Haras du Quesnay per il 2015. Un buon colpo perchè il 4 anni è un figlio di Anabaa (Danzig), stallone troppo prematuramente scomparso un paio di stagioni fa, dotato di gran cambio di marcia. Anodin funzionerà accanto a Dunkerque, Fuisse, Kentucky Dynamite, Motivator e Youmzain, ma non è stato ancora stabilito il tasso di monta.

Francia: Mattmu, un inglese facile nel Critérium de Maisons-Laffitte G2, battuta Queen Bee. Pivotal Rio 4°, Avabin 6°..

Un quartino niente male per un nostro portacolori in Francia. Ieri a Maisons-Laffitte la corsa più importante era il Criterium appunto de Maisons-Laffitte G2 per i due anni sui 1200 metri sul pesante dove Pivotal Rio (Captain Rio), allenato da Manila Illuminati e Vincenzo Fazio (team Omaticaya, per intenderci) per i colori di Marco Caracciolo, ha ottenuto un quarto posto che sarebbe potuto essere qualcosina di più con una tattica di gara più fortunata. Comunque, sfiorare il podio è comunque importante per la valorizzazione di un cavallo e Fazio, che ci ha abituato a queste trasferte, sta onorando al massimo questo impegno. Alla fine la vittoria è andata ad un britannico, dello Yorkshire per esattezza, con Mattmu (Indesatchel) allenato da Tim Easterby che ha fatto un passettino in avanti rispetto all'ultima affermazione nelle Rockingham Stakes Lr di York, vincendo con del buono in mano comandando da cima a fondo e lasciando ad una lunghezza tonda tonda la femmina Queen Bee (Le Havre), con uno stanco ma ancora positivo Goken (Kendargent) ancora al terzo....

martedì 4 novembre 2014

Australia: Protectionist e Ryan Moore trionfano nella Melbourne Cup, ancora secondo (è la terza volta!) Red Cadeaux.

Ryan Moore, ancora lui. Dopo la interpretazione "clever" nel Cox Plate con Adelaide, è arrivata un'altra monta delle sue nella corsa che ferma una nazione e non solo. Questa mattina alle 5,00 ora italiana a Flemington si è corsa la Melbourne Cup G1 sui 3200 metri da A$6 milioni, vinta dal tedesco Protectionist (Monsun) di fronte a 100,000 assatanati punters australiani, eccitati dal finale intensissimo sostenuto dal figlio di Monsun venuto a fare l'arrivo da casa sua finendo a tempo di record in 3m 17.71s. Per Protectionist era la prima vittoria di Gruppo in carriera, arrivata alla decima uscita in carriera per il training di Andreas Wohler che ha dosato gli impegni del suo per farlo arrivare oggi al massimo della forma. All'inizio c'è stata una andatura sveltissima sostenuta da Ambivalent (Authorized) con Andrea Atzeni che ha potuto fare poco con una cavalla che tirava come un bufalo, tanto che sulla dirittura opposta aveva 5 lunghezze di margine e in quel modo o sei una Lamborghini Diablo, o non vieni a casa. Ryan Moore ha invece rimediato ad una partenza lenta, ma voluta, rimanendo lungo lo steccato senza spendere un centesimo fino all'ultima curva quando ha chiamato il suo ad un continuo e proficuo sforzo, Protectionist ha risposto dimostrandosi adatto alle curve australiane ma soprattutto adatto a slalomeggiare e prendere a spallate tutti e così, negli ultimi 300 metri, era l'unico con combustibile da spendere ed ha finito praticamente in mano, con 4 lunghezze di margine nei confronti di Red Cadeaux (Cadeaux Genereux), ancora secondo (!!!) per la terza volta in carriera su 4 Melbourne Cup disputate, con al terzo il Kiwi neozelandese Who Shot Thebarman (Yamanin Vital).

lunedì 3 novembre 2014

Francia: Pivotal Rio e Avabin, due italiani al via nel Critérium de Maisons-Laffitte G2, oggi alle 14,20

Italiani che si muovono, una piacevole sorpresa nel martedì che ci apprestiamo a vivere a livello internazionale. Martedì alle 14,20 è in programma il Critérium de Maisons-Laffitte G2 da €190,000 per cavalli di due anni sulla distanza dei 1200 metri in pista dritta, una corsa in passato vinta da Blu Constellation (Orpen) che nel 2010 con Mirco Demuro in sella per Vittorio Caruso ed i colori della Incolinx, strapazzò i rivali vincendo in canter con 6 lunghezze di margine nei confronti di Wizz Kid (Whipper).
Nel 2014 ci provano due italiani, quasi inattesi ma ai quali dobbiamo dire grazie, ma il nostro tifo sarà tutto per loro che provano ed osano. Uno è Pivotal Rio (Captain Rio), nella foto in occasione del test sui 1200 di Roma superato bene, allenato da Vincenzo Fazio che ci ha abituato a queste trasferte e, osando, ha piazzato al secondo posto Omaticaya nel Papin G2 di un paio di anni fa acquisendo linee internazionali. Ci riprova con un cavallo che sul tema della velocità in Italia ha sbagliato sinora poco. Ha steccato solo al debutto sui 1400 con curva poi, da cavallo veloce, ha vinto 3 volte e si è piazzato in 2 nelle 5 occasioni in cui è stato impiegato. All'attivo un secondo posto nel Divino Amore Lr ed un altro secondo posto nel Criterium Nazionale vinto a sorpresa da Avabin (Amadeus Wolf) che ritroverà in Francia domani. Ecco, il cavallo di Marco Gonnelli è partito dal basso ed è giunto alla vittoria di Stakes sorprendendo tutti a Milano sul pesante ma marcando un significativo miglioramento.

domenica 2 novembre 2014

Capannelle: Priore Philip devastante! Si prende il Premio Roma GBI Racing ed il record della corsa. Annientato Cleo Fan, terzo Dartagnan.. La giubba Ste.Ma. nel Roma 26 anni dopo Welsh Guide! Nel Criterium Femminile Kyllachy Queen, nel Ribot emerge Porsenna.. Per il gruppo di Cenaia e Dario Vargiu 5 vittorie su 5....

Era una vita che non vedevamo una prestazione del genere da parte di un cavallo su una pista italiana. Mostruoso. Devastante. Trovate voi l'aggettivo più idoneo a commentare la prestazione di Priore Philip (Dane Friendly) nel Premio Roma GBI Racing G1. Roba da stropicciarsi gli occhi e credere alle favole. Una forza della natura, un mostro a 3 teste che lanciato fiamme sul tappeto verde di Capannelle ed annichilito quello che rimaneva dei rivali. Bestiale, il figlio di Dane Friendly (Danehill) ha dimostrato la sua anima titanica forgiata in un vulcano, vincendo senza mai dare l'impressione di poter subire ogni qualsiasi tipo di attacco dominando la corsa da lontano e chiudendo il doppio chilometro in 1m 58,47 secondi che rappresentano il record della corsa. Già, un parziale dai 600 a venire a casa che ha ricordato i migliori cavalli italiani di sempre, gli ultimi 400 metri volati in 20.9s, degno di un velocista. Uno di questi è Falbrav, che detiene ancora il record dei 2000 metri, ma non quello del Roma. Oggi la copertina è tutta per il Priore che ha tritato, dilaniato, ricacciato indietro con il suo forcone il primo dei battuti a 6 lunghezze di margine. Quanto Dario Vargiu, beh il jockey sardo (5 vittorie nelle prime 5) ha dovuto gestire i comandi come in plancia di un aereoplano, e quando lo ha fatto rollare il sauro ha spiccato il volo presentandosi in mano alle spalle di Cleo Fan (Mujahid), spazzandolo via con un battito d'ala. Merito del secondo arrivato se il tempo è stato questo: Cleo sta diventando un forte cavallo, ma oggi è stato un gran gregario in una corsa davvero molto mossa. Con Umbertino che ha chiesto il massimo il suo ha mantenuto la posizione lasciando ad una lunghezza e 3/4 Dartagnan D'Azur (Slickly) sul quale, Barzalona, non abbiamo capito ancora cosa volesse fare. Altre storie, questa è invece meravigliosa. Dipinta nella foto raccontata da Stefano Grasso e Domenico Savi (www.stefanograsso.it). E' la storia di una passione che non ammette mercificazioni ma cresce e basta. IL VIDEO DEL PREMIO ROMA GBI RACING CLICCANDO QUI. IL RISULTATO COMPLETO CLICCANDO QUI.

Santa Anita, Breeders' Cup day 2: #Bayern sopravvive ad inchiesta e vince il Classic di muso su Toast Of New York e California Chrome. Main Sequence e Karakontie, gioie Niarchos nel Turf e nel Mile

Breeders' Cup Classic (Grade 1) (3yo+) (Dirt): Alla fine nella corsa da $5 milioni l'ha spuntata di un baffo Bayern (Offlee Wild) con Martin Garcia in sella che, andato in avanti, si è reso intangibile dall'europeo Toast Of New York (Thewayyouare) battuto di un muso con al terzo California Chrome (Lucky Pulpit), il vincitore del Kentucky Derby G1 rientrato così cosà ma che ha fornito una prestazione importante, finendo ad una testa dai primi due ma lottando come un leone. Solo quarto il favorito Shared Belief  (Candy Ride) che ha perso così l'imbattibilità alla ottava uscita dopo un percorso non degno di Mike Smith, il più titolato nelle Breeders, e finendo a oltre 3 lunghezze e mezzo dal terzo arrivato. Il tempo finale è stato di 1m 59.88s. 
Bayern a 3 anni ha vissuto una stagione intensa fatta di alti e bassi, correndo 10 volte e vincendo in 6 occasioni. Aveva perso di brutto da California nelle Preakness ma si era rifatto nelle Woody Stephens G2 di Belmont e nelle Haskell di Monmouth, perdendo ancora male a Saratoga, ma rifacendosi subito e vincendo ancora nel Pennsylvania Derby e, in ultimo, poi trionfando di giustezza qui a Santa Anita sopravvivendo anche ad una inchiesta dei giudici di arrivo dopo un finale convulso del match, ma soprattutto una partenza che ha messo fuori causa il favorito Shared.. in ogni caso si è optato per il risultato sportivo preservato. Finale al cardiopalma comunque ed il figlio di Offlee Wild (Wild Again) che l'ha spuntata di un muso per la gioia incontenibile di Bob Baffert (alla prima affermazione nel Classic) per i colori della Kaleem Shah Inc. IL VIDEO DELLA BREEDERS CUP CLASSIC QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

San Siro: Time Chant vola sul Campobello! Nel Falck ottima Vallecupa, Gothic Dance fiondata nel Chiusura

Milano ha preso il testimone di Capannelle per una giornata interessante come quella di sabato, dagli spunti mica male per quanto riguarda la tecnica. Su tutti il Campobello che ha laureato un interessantissimo Time Chant (War Chant) il quale ha disposto in netta superiorità di Halling Spectrum (Halling) risolvendo la corsa con semplicità, andando a riprendere il battistrada in poche battute e volarlo via da cavallo più forte sotto la spinta di Fabio Branca nonostante la resa di un chilo e mezzo. Per il figlio di War Chant (Danzig) si trattava della seconda vittoria a livello di Stakes dopo il Criterium Partenopeo. Si tratta ancora di un cavallo allevato dalla Le.Gi. (www.allevamentolegi.it) della famiglia Parri che, dopo Misterious Boy, ha un altro prospetto da Derby allevato in casa. Time Chant è di proprietà dell'appassionatissimo Cristiano Leonardi, felicissimo a San Siro, ed ora può puntare veramente in alto. Cavallo di fisico, ancora un filo acerbo ma sulla via della completa maturazione, ha dimostrato di saper galoppare veramente forte realizzando una retta in progressione notevole senza mai dare l'idea di perdere oltre a dare l'impressione di non subire mai il fisico degli avversari, dominando una compagnia niente male finendo in 1m 53.50s nei confronti dell'altro di Botti griffato Blueberry con al terzo e lontana ad oltre 4 lunghezze di margine, la talentuosa Drejo (Mastecraftsman).

Capannelle: Priore Philip tenta il salto in lungo per la Ste.Ma. dopo Welsh Guide. Ad attenderlo Dartagnan D'Azur..

E' tutto pronto per il Premio Roma GBI Racing dove i corsi ed i ricorsi storici si rincorrono uno dietro l'altro. Era il 1988 ed il Premio Roma era stato appena accorciato ai più fruibili e moderni 2000 rispetto ai 2800 di un tempo. Quel giorno di 26 anni fa la Ste.Ma e Luciano Monaldi sorrisero per la vittoria di Welsh Guide (Caerleon) che a 3 anni ottenne il migliore risultato per il noto proprietario che, a distanza di tanti anni, ha voluto svecchiare quei ricordi acquistando un cavallo, o per meglio dire una banca, chiamata Priore Philip che in pochi colpi ha vinto Gran Criterium, Vittadini G2 e Di Capua G1 diventando il suo portacolori di punta per questo tentativo che va fatto sui mai affrontati 2000 metri. Il sauro allevato da Loreto Luciani e da figlio Stefano, ha cominciato la carriera vincendo a reclamare in Giugno dei 2 anni e poi è cresciuto esponenzialmente. Oggi avrà contro il 5 anni progressivo Dartagnan D’Azur (Slickly), supplementanto per l'occasione, allenato in Germania da Werner Hefter, che recentemente ha vinto il Prix Andre Baboin G3. I tedeschi propongono anche Oil Of England (Lord Of England), terzo del Derby Italiano ma ancora maiden in 10 uscite. L'altro straniero è praticamente italiano. Awake My Soul (Teofilo), allenato da David O'Meara, è di proprietà della Zaro ed è allevato da Franca Vittadini. Risulta allenato da Gianluca Bietolini, ma solo per una pastoia burocratica in cui è incappato Aldo Feligioni in seguito ad un vecchio doping. Gli altri italiani sono Duca Di Mantova (Manduro) che, come il Priore, è allevato dai Luciani, ed è arrivato secondo di Dylan Mouth nel Jockey Club di San Siro. 
Di contorno c'è il Premio Ribot G2 e qui si che la Incolinx può ottenere un superbo risultato: Il favorito è Verdetto Finale (Nayef) che ha subito il Priore proprio nel Vittadini e nel Di Capua e merita la vittoria a livello di Pattern. Non ci sarà Mirco volato ad Hong Kong, toccherà a Bossa fare il DemurOne. Henri-Alex Pantall invia la 3 anni Dancing Sands (Dubawi), terza in Turchia nel Istanbul Trophy G3 a Veliefendi e poi vincitrice con stile a Colonia in Settembre. L'altra è tedesca e si chiama Love Happens, piazzata di Cumani G3 a San Siro. Degli altri italiani spicca la chance di Salford Secret (Sakhee Secret), vincitore del Parioli proprio davanti al Priore.