STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 30 marzo 2012

Racing News: Cecil su Frankel, Prescott su Worthadd. Sta meglio Bob Baffert. Altre news su Spirit Quartz, Cazals e Fiesolana

Raffica di news! Nei giorni scorsi ha parlato Henry Cecil approposito di Frankel (Galileo), annunciando il suo in grandissimo ordine per ripartire nel migliore dei modi quest'anno. Ai microfoni di At The Races ha spiegato che rispetto all'anno scorso è cresciuto, maturato e rinforzato fisicamente, e che dunque ci sono presupposti per fare meglio rispetto allo scorso anno. Comincerà la stagione sul miglio (Lockinge Stakes G1 a Newbury ndr) e poi aumenterà il metraggio, probabilmente puntando alle Prince Of Wales's Stakes G1 di Ascot. 
Proprio le Lockinge G1 sono state lo scorso anno il trampolino ideale per Worthadd (Dubawi) che arrivò vicino a Canford Cliffs (Tagula), ora in razza. Sempre ai microfoni di At The Races ha parlato il suo attuale allenatore in Inghilterra, vale a dire Sir Mark Prescott di stanza a Newmarket. Ha spiegato di fatto di piccoli problemi per Worthadd al suo arrivo in Inghilterra, ma che ora sembrano del tutto risolti e che la sua preparazione procede spedita. Ha parlato in toni favorevoli dell'Italian Derbywinner, spiegando che quest'anno potrebbe fare grandi cose. Intanto, si sa che Worthadd lavora da dieci giorni, verosimilmente sarà pronto a correre di nuovo a Maggio, magari proprio nelle Lockinge Stakes. Worthadd è ancora di proprietà della Incolinx, almeno per la metà, visto che da qualche mese si vocifera di un suo acquisto da parte di Kirsten Rausing del Lanwades Stud che ne avrebbe già opzionato i diritti stallonieri in Inghilterra, a Newmarket. 
Cambiando discorso, oggi dovrebbe uscire dall'ospedale l'allenatore americano Bob Baffert, vittima di un attacco cardiaco qualche giorno fa a Dubai. Nei giorni scorsi ha ricevuto la visita anche di Sheikh Mohammed, ma sembra che l'allenatore americano, 59 anni e presente nella Hall Of Fame degli allenatori, stia meglio e sia pronto a riprendere la vita normale a fianco dei suoi cavalli. Lo ha comunicato Bernie Schiappa al Daily Racing Form, co-proprietario di Game On Dude la speranza americana nella Dubai World Cup G1.
Altre due news riguardano cavalli ex italiani, ora impegnati all'estero. Uno di questi è Spirit Quartz (Invincible Spirit) che per il training di Robert Cowell e la monta di Jamie Spencer, al debutto sul suolo inglese è arrivato secondo in Listed a Lingfield nelle Hever Spring Stakes sui 1000 metri in AW, finendo a bomba tardivamente, perdendo da Fratellino (Auction House).
Da Hong Kong è arrivata la notizia tanto sospirata. Finalmente Cazals (Aussie Rules), ora Willie Cazals, ha superato la qualificazione al barrer trial partendo e non fermandosi, con un tempo di 58,9s sui 1000 metri. Insomma, l'ex Grizzetti ha finalmente deciso di dimostrare le proprie capacità, lo vedremo a breve in qualche summit interessante.
Intanto Fiesolana (Aussie Rules), ex allieva di Armando Renzoni e della Millennium, ha vinto al debutto in Francia a Bordeaux in condizionata sui 1600 metri, per il training di Jean Claude Rouget ed i colori di Simone Brogi.

Breeding News. Vince al debutto in India un fratello di Excelebration

Ascot Magic (Strategic Prince), un mezzo fratello di Excelebration (Exceed And Excel) vincitore del Prix du Moulin de Longchamp G1 e di 2000 Ghinee tedesche, ha debuttato vincendo a tre anni qualche giorno fa a Mumbai in India sui 1400 metri di una condizionata (Notizia qui: http://www.thehindu.com/todays-paper/tp-sports/article3259995.ece). 
La mamma come abbiamo detto tempo fa (trovi la storia qui: http://www.mondoturf.net/2011/10/il-coolmore-compra-la-mamma-di.html) è Sun Shower (Indian Ridge), acquistata dall'Hazara Stud Farm nel 2008 alle Goff’s November Breeding Stock Sale per €10,000 e ripescata dal Coolmore successivamente dopo l'exploit proprio di Excelebration quando era in training da Marco Botti. Attualmente ha un foal da Rebuttal (Mr Greeley), uno stallone emergente di base all'Hazara Stud Farm, e leading first season sire in India grazie anche ad un certo Toroloco, vincitore di G1. 

Addio a Montjeu

Il mondo dell'allevamento ha sofferto una grave perdita ieri mattina, quando Montjeu (Sadler's Wells) è abbandonato il mondo dei vivi a causa di "una breve malattia e complicazioni derivanti da una forte setticemia". Con questo scarno comunicato lo ha annunciato il Coolmore che ha perso uno dei suoi stalloni di punta, sicuramente uno dei migliori in Europa, alla giovane età di 16 anni. E' rimasto il solo Galileo a tenere alta la bandiera Sadler's Wells dopo la morte di quest'ultimo qualche mese fa, ma che sicuramente farà sentire il suo eco ulteriormente in razza, con i suoi eredi. Nel 2011 Montjeu ha prodotto 15 vincitori di Gruppo individuali nell'emisfero nord, proprio come Galileo. Montjeu ha cominciato a "razzare" nel 2001, da quando ha cominciato a produrre vincitori dotati di una certa classe che hanno fatto lievitare il conto dei vincitori di G1 a ben 25, con 9 vincitori Classici. Tra questi ricordiamo tre vincitori di Derby come Motivator, Authorized e Pour Moi lo scorso anno, senza contare i tre vincitori di Irish Derby quali Fame And Glory, Frozen Fire ed Hurricane Run, che è attualmente il suo miglior continuatore in razza, pur senza squilli significativi. Ha prodotto inoltre Scorpion e Masked Marvel, e poi anche Jukebox Jury vincitore dell'Irish St Leger. Quest'anno può presentare un vincitore di 2000 Ghinee come Camelot, il quale ha già vinto a due anni il Racing Post Trophy G1 in maniera esplosiva, proprio come St Nicholas Abbey nel 2009, ma cadde poi tremendamente nella stagione dei 3 anni salvo risollevarsi successivamente nella Coronation Cup G1 e soprattutto nella BC Turf G1 dello scorso autunno. Chissà che proprio la morte di Montjeu non faccia pensare ad Aidan O'Brien ad una presenza sicura del suo nelle 2000 Ghinee, dopo che quest'ultimo ha un pò nicchiato alla fine del lavoro pubblico a Leopardstown dove è sembrato indirizzare il suo solo verso il Derby. Affascina pensare ad un Montjeu vincitore Classico sotto i 2000 metri....
Tornando a Montjeu, fu allevato da Sir James Goldsmith ed è stato il miglior continuatore in corsa di Sadler's Wells e miglior prodotto di Floripedes (Top Ville). Allenato da John Hammond per Michael Tabor, vinse il Prix du Jockey Club G1 e l'Irish Derby G1 a tre anni, poi le King George VI and Queen Elizabeth Diamond Stakes G1, il Prix de l’Arc de Triomphe entrambi a 4 anni. Ciao, vanitoso e caratteriale Montjeu!

giovedì 29 marzo 2012

Ramzan Kadyrov acquista Zazou

Il discusso presidente Ceceno Ramzan Kadyrov, che dovrà rinunciare alla presenza Gitano Hernando (Hernando) nella Dubai World Cup G1 a causa di infortunio, è subito venuto meno allo scompenso allargando i cordoni della borsa ed acquistando tutto il vendibile possibile. Scorrendo la lista dei partecipanti è incappato in Zazou (Shamardal) e ha deciso che lui poteva essere il cavallo buono per provare a sognare. Ha alzato il telefono, chiamato Werner Heinz ed acquistato il 5 anni globetrotter allenato da Waldemar Hickst in tempo per stampare le locandine con i colori di giubba esatti. Non è stata comunicata la somma, ma si parla ovviamente di cifre alte mediate dal racing management consultant di Kadyrov Dinara Rakhimbaeva attraverso la compagnia dubaiana MirVipM che ha concluso le pratiche comunicandole all'Emirates Racing Authority giovedì. Zazou ha vinto il Premio Roma in Novembre battendo Rio De La Plata (Rahy) prima di finire terzo nella Cathay Pacific Hong Kong Cup G1. Montato da Olivier Peslier, il figlio di Shamardal (Giant's Causeway) è rientrato in una condizionata sul Polytrack di Chantilly un mesetto fa battendo Cirrus Des Aigles (Even Top), che correrà lo Sheema Classic G1. L'acquisto di Zazou permetterà un buon livello di divertimento per Kadyrov che nella serata più ricca del mondo, con $28 milioni in palio, avrà sei interessi complessivi e sono Dux Scholar (Godolphin Mile), Bronze Cannon e Mikhail Glinka (Dubai Gold Cup), Maritimer (UAE Derby, occhio ha una bella chance) e Green Destiny (Dubai Duty Free), questi allenati a Dubai dal trainer Sudafricano Herman Brown.
Zazou nell'antepost proposto dai vari bookies è il 5° favorito intorno al 12.

Fasig-Tipton in Florida. Top Price un erede del Classico Big Brown

Foto coperta da copyright Fasig Tipton
Ve lo ricordate Big Brown (Boundary)? Quello che è andato vicinissimo alla vittoria della Triplice americana, svanita dopo la prima curva delle Belmont. Ebbene, un suo figlio del freshman sire ha realizzato il top price delle Fasig-Tipton Florida sale of selected two-year-olds in training di lunedì scorso, per $1,3 milioni spuntati dall'agente Demi O'Byrne, agente Coolmore. Si tratta del Lot 149, un cavallo prodotto di una famiglia di vincitori, che da yearling era costato $220,000 alle Saratoga Sale organizzate dalla stessa compagnia nell'Agosto scorso. Il maschio ha coperto un furlong in 10.1s. Il secondo prezzo più alto della sessione è stato il Lot 96, un maschio da Distorted Humor (Forty Niner) acquistato da John Ferguson per $1,2 milioni per conto Godolphin. Lo stesso Sheikh Mohammed ha visto il video del breeze definendo l'azione del cavallo impressionante. Da yearling era costato $180,000 alle Keeneland’s September Yearling Sale, ed ha coperto 200 metri in 10.1s.
Nick Sallusto ha comprato il terzo prezzo, ossia il Lot 51, un maschio da Tapit (Pulpit) per conto della Black Rock Thoroughbreds per $1 milioni. Fa parte della famiglia di Sacahuista (Raja Baba), mamma di Ekraar (Red Ransom). Acquistato privatamente da yearling $75,000, ha coperto 200 metri in 10.3s. John Fergusopn ha poi acquistato gli altri successivi lotti più importanti economicamente, sborsando $875,000 ed $870,000 rispettivamente per il Lot 40 un maschio da Bernardini (AP Indy) e per il Lot 56, un maschio da Hard Spun (Danzig). Sul totale di $19,215,000 per 60 cavalli venduti, registrato un -7.1% rispetto ai 20,685,000 dello scorso anno con 87 venduti però. La media cresce con $320,250 (+34.5%) rispetto ai $237,759 dello scorso anno, così come crescono i mediani a $227,500 (+13.7%)

lunedì 26 marzo 2012

Dubai World Cup 2012: Meno 5 alla corsa più ricca del mondo. Ecco gli steccati.

Sono stati sorteggiati nella mattinata di oggi gli steccati e pubblicati i partenti definitivi della Dubai World Cup Night del 31 Marzo prossimo a Meydan. Poco soddisfatti gli inglesi, che hanno pescato male secondo i maggiori quotidiani online. Nel Duty Free G1 il vincitore lo scorso anno Presvis (Sakhee) ha preso il 12 in un campo di 16 partenti, mentre Wigmore Hall (High Chaparral) terzo lo scorso anno partirà dal 15. Richard Hannon avrà Dubawi Gold (Dubawi) dal 16, Cityscape (11) ed i due Godolphin City Style (13) e Rio De La Plata (14). L'altro di Godolphin Delegator ha preso il sei, mentre più fortunato Aidan O'Brien con Await The Dawn (Giant's Causeway) che partirà dal 2. Nello Sheema Classic St Nicholas Abbey (Montjeu) ha preso il 9 su dieci partecipanti, l'italiano Jakkalberry (Storming Home) ha pizzicato il 7, avrà vicino al 6 Treasure Beach (Galileo) e con l'8 Cirrus Des Aigles (Even Top). I tre di Godolphin con fortuna alterna, ovvero Songcraft (1), Cavalryman (5), Shimraan (10).
Lucky Chappy (High Chaparral) partirà dal numero 1 dell'UAE Derby G2, il Coolmore Wrote (High Chaparral), vincitore del Breeders' Cup Juvenile Turf G1, ha preso un numero largo ed è il 13, mentre il compagno Daddy Long Legs (Scat Daddy) partirà dal 7. 
La Dubai World Cup: Si parte alle 21,40 (19,40 ora italiana) e sono in 14 alla fine, il massimo consentito. So You Think (High Chaparral) partirà dall'11, l'1 è andato a Capponi, Einshin Flash ha preso il 2, l'altro Jap Transcend partirà dal 12 mentre Smart Falcon dal 10. Planteur ha pescato il 7, mentre gli ultimi due numeri di steccato, il 13 ed il 14, sono stati sorteggiati rispettivamente da Zazou e Royal Delta.
I partenti completi con gli steccati compresi li trovi cliccando qui: http://www.emiratesracing.com/node/3?id=2499#tab-8867

Raffaele Biondi e Stefano Landi d'annata: Facoltoso vince il Pisa. Il resto della domenica italiana

Photo courtesy Stefano Grasso
Le migliori 800 sterle spese degli ultimi anni. Raffaele Biondi, le ha sborsate per acquistare Facoltoso (Refuse To Bend) che domenica pomeriggio ha vinto il Premio Pisa ben 21 anni dopo Piani Di Caiano (Gorytus) (Gianfranco Dettori up). Stavolta un giovanotto di 46 anni dal nome di Stefano Landi ha portato al successo un cavallo cresciuto nelle mani del bravo trainer napoletano che ne è anche il proprietario. Landi ha posizionato Facoltoso ad un tiro di schioppo dal leader Strategic Game (Choisir), è partito lungo in dirittura e con una grande progressione in retta ha infine piazzato un granito di marmo tra se e Moustache (Mujadil) respinto di una testa, con quest'ultimo che ha avuto un percorso non facilissimo. Terzo è finito Lui E La Luna (Nayef), che ha acciuffato Strategic il quale nel frattempo aveva messo le 4 frecce. Raffaele Biondi, che aveva dichiarato inizialmente Facoltoso in una condizionata di Milano salvo poi ripensare alle possibilità del suo, attualmente si è spostato a Milano con circa 20 cavalli dall'inizio della stagione, proprio a causa dei problemi dell'ippica napoletana. Ma lui è il maggiore investitore di se stesso, e l'anno scorso ha comprato Facoltoso gns800 alle Tattersalls October Sale, Book 3. Si tratta di un fratello di Aspasia De Mileto (Hurricane Run) (ne abbiamo parlato nel giugno scorso qui: http://www.mondoturf.net/2011/06/ayanz-e-mirco-demuro-vincono-il-derby.html) la quale ha vinto due volte in Spagna, comprese le 1000 Ghinee locali, terza nel Derby di Ayanz (Tiger Hill) ed è stata poi mandata in Francia vincendo il Duc d’Albuquerque Listed. La loro mamma è Fabulous Speed (Silver Hawk), di una famiglia di vincitori di Gruppo minori. La stessa ha una due anni femmina da Mount Nelson (Rock Of Gibraltar) pagata 25,000 ghinee da spagnoli, mentre lo yearling da Shirocco (Monsun) è stato comprato per gns18,000 da Peter and Ross Doyle.
Tornando a San Rossore, in una cornice come al solito meravigliosa, abbiamo assistito al trittico servito da Bruno Grizzetti che ha vinto con Frankenstein (Dubawi) il Regione Toscana, per Roberto Cavalli, battendo Lake Drop (Lemon Drop Kid). A Roma, Bellini e Saccaroa per i test classici. Sui 2000 metri del Bellini ha vinto Miss Manduro (Manduro), colori della Scuderia dell’Avvocato che ha respinto Angegreen (Ekraar) sul traguardo. Pagata 10,000 gns per un acquisto privato alle Tattersalls Craven Breeze-Up Sale da Federico Barberini, Miss Manduro è prodotto di Kristina’s Wish (Smart Strike), stakes winner, e stretta consanguinea di Soaring Free (Smart Strile), leading miler in Canada con la vittoria nell'Atto Mile G1. L'altro trial Classico a Capannelle, il Saccaroa, ha premiato Etoile D’Argent (Docksider) in lotta con Chellala (Elnadim), due cavalle da handicap. Così, non si va lontano però..

Primo vincitore per New Approach

Dawn Approach
1 a 0. New Approach (Galileo), il Champion European Two-Year-Old del 2007 e miglior cavallo del 2008 in Euroa, ha cominciato alla grande il suo debutto nella carriera di stallone, facendosi ben rappresentare al Curragh domenica. Il suo primo prodotto in pista, il chiacchierato Dawn Approach allevato ed allenato da Jim Bolger, ha siglato senza problemi la maiden di apertura dell'Irish turf season. Il maschio, fa parte di una famiglia discreta di vincitori e piazzati di G1 come Galantas (Tale Of The Cat), Miss Oceana, Kitwood e Magic Of Life. Bolger ha parlato, dopo la corsa, di un cavallo che è molto differente rispetto a suo padre, che deve dimostrare molto ma che lo vede un ottimo prospetto, ma ne ha da parte almeno un'altra dozzina in scuderia. Ha aggiunto inoltre che tornerà a Settembre per poter ambire a correre le National Stakes G1.
New Approach funziona al Dalham Hall Stud per conto del Darley al tasso di £22,500, è stato imbattuto a due anni vincendo le National Stakes G1 e le Dewhurst Stakes G1, poi a tre anni si è espresso nel Derby G1, nelle Irish Champion Stakes G1, Champion Stakes G1. Quest'anno è rappresentato da 94 puledri, un paio dei quali passeranno alle Tattersalls Craven Breeze-Up Sale del 19 aprile prossimo. 
Camelot al lavoro
Sempre al Curragh, la prima pattern della stagione in erba con la caldissima favorita Twirl (Galileo), una tre anni, che è arrivata seconda nelle Park Express Stakes G3 sul miglio, vinto da Chrysanthemum (Danehill Dancer), una 4 anni allenata da David Wachman per Michael Tabor, che lo scorso anno è finita settima nelle Irish 1,000 Guineas G1, ed ora punta ad un obiettivo di Gruppo.
Ah, quasi dimenticavamo. Ieri, dopo l'ultima corsa Aidan O'Brien ha fatto lavorare pubblicamente in pista da corsa 44 dei suoi cavalli, ma uno dei più attesi Camelot non ha soddisfatto in pieno il suo trainer, anche se per molti il figlio di Montjeu (Sadler's Wells) è andato alla grande, in un gruppo di "workers" capitanato da Fame And Glory (Montjeu). 

domenica 25 marzo 2012

Breeding News: Zenyatta da Tapit; Pursuit Of Life da alla luce una sorella di Stay Alive

Jerry ed Ann Moss, proprietari di Zenyatta (Street Cry), hanno annunciato nei giorni scorsi chi sarà il prossimo principe azzurro per la loro campionessa. La regina farà visita a Tapit (A.P. Indy), altro figlio di AP Indy (Seattle Slew) dopo Bernardini da cui è nato un bel maschietto come ne abbiamo dato notizia qualche settimana fa, con il quale si ripeterà l'incrocio per 3/4. Tapit, vincitore di Wood Memorial G1, è arrivato secondo nella classifica generale degli stalloni in America dello scorso anno, mentre in quella corrente è primo. Funziona alla Gainesway a Lexington in Kentucky al tasso di $125,000, ed in razza ha prodotto tre vincitori di Breeders Cup Races come Hansen, per esempio.

Un'altra notizia d'allevamento riguarda anche l'Italia, perchè la Grundy Bloodstock ha annunciato la nascita di un'altra femminuccia da Pursuit Of Life (Pursuit Of Love), sempre da Iffraaj (Zafonic), venuta alla luce al Mount Coote Stud. Si tratta di una sorella piena della vincitrice del Regina Elena G3 Stay Alive, la quale è stata successivamente acquistata privatamente da Teruya Yoshida, ed è in training da Rodolphe Collet a Chantilly. La quattordicenne Pursuit Of Life ha uno yearling femmina da Notnowcato (Inchinor), (bell'incrocio Ahonoora su Blushing Groom) definito “smashing” da Franca Vittadini, ed ora farà visita a Sea The Stars (Cape Cross).

Australian News: Manighar e Foxwedge, due nomi buoni

Manighar (Linamix) ci ha preso gusto. Il cavallo allevato dall'Aga Khan ha collezionato la sua seconda vittoria di G1 consecutiva in Australia, dominando le Ranvet Stakes G1 a Rosehill. Il sei anni da Linamix (Mendez) ha ben battuto Rangirangdoo (Pentire) di una corta testa. La precedente vittoria di Manighar è stata quella ottenuta nell'Australian Cup G1. Peter Moody ha parlato attraverso il sito www.racingandsports.com.au spiegando che Manighar è un cavallo perfetto per queste latitudini, e la prossima prova da disputare saranno le BMW Tancred Stakes G1 sui 2400 metri nello stesso ippodromo, dove peraltro potrebbe incontrare Americain (Dynaformer), vincitore della Melbourne Cup G1 del 2010.
Ma siccome a noi piacciono le corse veloci, riportiamo della vittoria di qualche giorno fa di Foxwedge (Fastnet Rock) che è entrato nell'olimpo dei più grandi sprinter australiani, dopo aver vinto le MRC William Reid Stakes sui 1200 metri di Moone Valley (video qui: http://www.youtube.com/watch?v=z8HNJbYpNDU), battendo Hay List (Statue Of Liberty) e Buffering (Mossman), acerrimi (più che altro sparring partners) rivali di Black Caviar (Bel Espirit) la quale ora ha un avversario in più. Foxwedge ha bussato spesso alla porta del G1, finendo terzo nel VRC Newmarket Handicap G1 vinto da Hay List, ed è stato secondo di Sepoy (Elusive Quality) nelle VRC Coolmore Stud Stakes G1. Pagato A$925,000, già vince in corsa A$930,000 è un figlio dello stimatissimo stallone Fasnet Rock (Danehill) ed ha già attirato le attenzioni dei maggiori gruppi allevatori. Un altro vincitore per Fastnet Rock, nello stesso contesto, è stata la femmina Empress Rock, rising star, che ha vinto il MVRC Sportingbet Fillies’ Classic G2 di quanto ha voluto. C'è tanta qualità nel suo pedigree, si tratta di un prodotto di Empress Jade (Encosta De Lago), una mezza sorella del Campione degli sprinter Silent Witness (El Moxie). 

Racing News: Snow Fairy, Harbour Watch, Most Improved, Premio Loco, Cherry Collect e....i Coolmore

Una carrellata di news, sempre utile per capire alcune novità delle ultime ore. Ha parlato Ed Dunlop, il quale si è detto fiducioso del prossimo rientro agonistico di Snow Fairy (Intikhab) la quale nella campagna orientale dello scorso dicembre patì un infortunio nella preparazione dell'Hong Kong Vase G1.
Ed ora un paio di notizie in prospettiva Classica. Richard Hannon ha parlato ai microfoni di PA Sports di Harbour Watch (Acclamation), che non corre dalla vittoria nelle Richmond Stakes G2 al Glorious Goodwood, e che potrebbe saltare le 2000 Ghinee del 5 Maggio proprio per una ricaduta dello stesso infortunio. Sarebbe un enorme peccato.
Brian Meehan è stato intervistato nei giorni scorsi ed ha ovviamente fatto il programma di Most Improved (Lawman), il terzo delle Dewhurst G1, che in prospettiva 2000 Ghinee effettuerà il proprio rientro nelle Craven Stakes G3 a Newmarket il mese prossimo. Meehan attraverso il suo sito ha dichiarato che vede il suo “grown and filled out" esprimendosi soddisfatto degli ultimi lavori effettuati. Meehan vinse le Craven con Delegator (Dansili) e poi arrivò secondo nelle Ghinee di Sea The Stars (Cape Cross).
Ieri a Lingfield si è corso il Winter Derby G3, vinto dal veterano Premio Loco (Prized), che ha battuto Cai Shen (Iffraaj). Per Premio Loco, 8 anni, una parziale compensazione per il secondo posto di un muso ottenuto nel 2009 alle spalle Scintillo (Fantastic Light).
Intanto in Italia, nel premio Erba ha vinto Cherry Collect (Oratorio) che ha risolto una prova su schema stringato. Ha battuto in poche folate Dan Loose Daughter (Sakhee), concludendo in 1.37.1s con gli ultimi 400 in circa 23s e gli 800 in 46.1s. Obiettivo Regina Elena G3, dove partirà favorita.
Intanto in Irlanda si cominciano a muovere i Coolmoriani per la stagione Classica. La promettente Twirl (Galileo), tra le favorite delle 1000 Ghinee G1 e Oaks G1, rientrerà nelle Park Express Stakes G3 al Curragh. Ma chi sarà all'ippodromo avrà modo di vedere all'opera Camelot (Montjeu) ed altri in un lavoro pubblico, alla prima apparizione davanti a tutti del 2012. Così ha "twittato" Annemarie O'Brien, la moglie di padre Aidan, che scritto il seguente messaggio: "Camelot, Power, Fame And Glory, Nephrite, Reply, Crusade, Excelebration, Maybe and Wading will be among our workers at the Curragh tomorrow". La comunicazione è tutto. 

venerdì 23 marzo 2012

First Crop Sires. Il favorito è New Approach..

In tabella, i vincitori lo scorso anno
Qualche giorno fa in Francia, ma in generale in Europa cominciano a debuttare i primi due anni e così Stan James ha pensato bene di rimodulare le quote dei first season sires. Il favorito è New Approach (Galileo), stallone Darley allenato in corsa da Jim Bolger che sarà rappresentato in pista domenica al Curragh da Dawn Approach, è il favorito nella speciale classifica ad 11/8, mentre il secondo favorito è Sakhee’s Secret (Sakhee) a 4/1, mentre Raven’s Pass (Elusive Quality) e Duke Of Marmalade (Danehill) sono intorno al 9/2. Il sire Mount Nelson (Rock Of Gibraltar), residente al Newsells Park Stud è a 12/1 mentre Tamayuz (Nayef) è a 14/1. Joseph Burke della Stan James, ha spiegato: "Numericamente Duke Of Marmalade è il più rappresentato con 126 prodotti ma New Approach ha forse i migliori puledri visti sinora. Anche Sakhee’s Secret ha molti rappresentanti, circa 93, ed è poi uno sprinter. All'inizio possono fare la differenza. Penso allo scorso anno a Dutch Art e Red Clubs, ma è chiaro che la qualità passa per Raven’s Pass. Se ripenso a Duke dico che a livello di famiglia stalloniera, è forse il migliore, mentre ho lasciato volutamente fuori Henrythenavigator (Kingmambo), perchè aldilà del fatto che Aidan O'Brien abbia i migliori, forse non ha numeri a sufficienza per competere a livello di vincitori in Europa, avendo coperto parecchio in America". Come ogni anno la Thoroughbred Stallion Guide indice un concorso, dettagli e per come fare ad iscriversi andate su www.stallionguide.com/home/index.asp. dove prossimamente vi sarà spiegato tutto. 

Dubai World Cup news: Planteur c'è

Planteur vince il Ganay
Marco Botti ha ricevuto una buona notizia ieri, poichè Planteur (Danehill Dancer) è riuscito a rientrare nello schema della Dubai World Cup del 31 Marzo prossimo a Meydan, per il ritiro dai giochi del suo ex allievo Gitano Hernando (Hernando), ora allenato da Herman Brown. Dunque Marco Botti cc'è nella sera più ricca del mondo, eccome vista la presenza anche di Joshua Tree (Montjeu) e Jakkalberry (Storming Home) quest'ultimo nello Sheema Classic. Planteur ha soddisfatto il suo nuovo trainer, nonostante all'inizio della preparazione avesse dei contrattempi di troppo dopo la buona stagione ottenuta con Ellie Lellouche (ha vinto il Prix d’Harcourt G2 ed il Prix Ganay G1), il quale sembra non abbia voluto spiegare al nuovo allenatore quali fossero i problemi patiti da Planteur nell'arco della stagione. Fa niente, perchè Marco Botti ha trovato il bandolo della matassa, e Planteur sarà un cavallo su cui puntare.
Altre novità sono quelle che arrivano da Treasure Beach (Galileo), che potrebbe correre per i colori del Dottor Jim Hay e di sua moglie Fitri, che hanno acquistato il baio da Derrick Smith, John Magnier e Michael Tabor. Gli Hay's i quali hanno avuto anche partnership insieme con Fame And Glory (Montjeu) e Cape Blanco (Galileo) lo scorso anno, vincendo a livello di G1. 

giovedì 22 marzo 2012

Il...Futuro Lucky.. (per concessione di Per Sport del 21 Marzo)

Frontale della vittoria in maiden di Capitan Futuro
Supermercato Italia, parte "esima". Dopo Lucky Chappy (High Chaparral) anche Capitan Futuro (Dalakhani) (un altro grigio) ha lasciato le scuderie di Angelo Candi per approdare sotto i nuovi colori del Team Valor. Si compra bene in Italia, lo sa bene il gruppo guidato da Barry Irwin che dopo la fortunata intuizione sul figlio di High Chaparral (Sadler's Wells) trasferito in Usa, che sta preparando la trasferta a Dubai (è arrivato ieri, dopo una rifinitura in erba a Palm Meadows), ha pensato bene di inserire un effettivo intrigante e di matrice completamente europea come Capitan Futuro (incrocio classico Dalakhani su mamma da Sadler's Wells), nelle proprie scuderie, pescando il gngione nel "vivaio" Candi (quest'anno con Lucky Chappy si sarebbe ritrovato due soggetti da Derby in Italia), dopo una maiden vinta in ottimo stile in all weather, ma con ancora margini di espressione. Il percorso del figlio di Dalakhani (Darshaan), ex della scuderia Osteria Trastevere di proprietà di Ernesto Valentini, purtroppo da poco scomparso, ricalcherà quello di tutti gli acquisti del Team Valor, ossia passaggio per l'uomo di fiducia in Francia John Hammond, dove a Chantilly, complice una struttura favolosa, avrà modo di capire bene il suo... di futuro. Il Derby Italiano rimane l'opzione principale per il Capitano che, comunque, verrà provato sul sintetico m vista della carriera americana. In caso di esito positivo dopo la classica di Capannelle il figlio di Dalakhani potrebbe partire per gli Usa, con obiettivo addirittura le Belmont Stakes. Al contrario, se il poly non gli andrà a genio, verrà tenuto sull'erba con la possibilità di chiudere la stagione di 3 anni in Europa. Marco Bozzi, l'intermediatore della trattativa grazie ai buoni uffici m America, spiega: «C'era una piccola speranza che venisse proprio lasciato ad Angelo Candi fino al Nastro Azzurro, ma John Hammond è il loro uomo di fiducia in Europa e dopo la buona scelta caduta su Lucky Chappy. Barry Irwin & C. hanno apprezzato il buon lavoro di base fatto proprio sull'altro grigio dal suo ex allenatore, scegliendo un soggetto da valorizzare ulteriormente. Chi lo sa poi, magari in futuro...»
Capitan Futuro è stato valutato, nella maiden vinta, con un 98 di ItaliaForm (equivalente dell'85 del RPR), non male come valore per una maiden. Da puledro, era stato pagato €21,000 da Marco Bozzi ed Angelo Candi elle Arqana Breeze-Up Sale di Deauville, ed è prodotto di Showstar (Sadler’s Wells), fattrice che fa parte della famiglia di Fanjica (Law Society), piazzata di G1.

mercoledì 21 marzo 2012

Focus sulla Dubai World Cup

Mancano dieci giorni alla notte più ricca del mondo, ed il 31 Marzo tutti i riflettori saranno puntati su Meydan. Facciamo il punto della situazione ipotizzando un campo partecipanti che molto probabilmente prevederà al massimo 14 partecipanti, tra questi anche i Coolmore che Aidan O'Brien ha deciso di schierare. Dunque ci sarà So You Think (High Chaparral), 8 volte vincitore di G1, che avrà in sella il figlio di Aidan O'Brien, Joseph per la seconda presenza del gruppo a Dubai, dopo il quarto posto dello scorso anno di Cape Blanco (Galileo). Altri contendenti certi saranno i giapponesi Transcend (Wild Rush), secondo lo scorso anno alle spalle di Victoire Pisa (Neo Universe) assente quest'anno, mentre ci sarà anche Smart Falcon (Gold Allure) ed il vincitore del Derby Giapponese Eishin Flash (King’s Best). Godolphin carica con 4 armi differenti, due allenati da Saeed bin Suroor e due da Mahmood Al Zarooni. Quest'ultimo ha lasciato dentro Capponi (Medicean) e Monterosso (Dubawi), mentre bin Suroor ha immesso Mendip (Harlan’s Holiday) e Prince Bishop (Dubawi). Ci dovrebbero essere anche gli americani Game On Dude (Awesome Again) e Royal Delta (Empire Maker), poi dovrebbero completare lo schieramento Gitano Hernando (Hernando), Master Of Hounds (Kingmambo), Silver Pond (Act One) e Zazou (Shamardal). 
Per le altre corse della sera, da Ballydoyle previsti anche St Nicholas Abbey (Montjeu), e Treasure Beach (Galileo) nello Sheema Classic, insieme a Cirrus Des Aigles (Even Top) e Bold Silvano (Silvano) con Jakkalberry (Storming Home) che da quel pizzico di italianità. Nello sprint non ci sarà Overdose (Starborough) ancora alle prese con una ricaduta al precedente infortunio (il team conta di ripararlo in tempo per le King's Stand ad Ascot). Nell'UAE Derby G2 confermato Lucky Chappy (High Chaparral) contro 13 avversari tosti, tra cui Wrote (High Chaparral) vincitore della BC Juvenile Turf G1 e Daddy Long Legs (Scat Daddy), vincitore delle Royal Lodge G2 in Europa.
I partenti provvisori della giornata li trovi cliccando qui: http://dubairacingclub.com/sites/default/files/Likely%20Fields%20March%2018.pdf

Henry vs New Approach, primi figli in pista

In corsa erano rivali acerrimi, ma stavolta New Approach (Elusive Quality) e Henrythenavigator (Kingmambo) si daranno battaglia in razza con i primi rappresentanti in corsa dichiarati partenti in Irlanda, nella prima corsa per puledri della stagione. Si tratta di Dawn Approach ed Infanta Branca, che se la vedranno domenica al Curragh in una maiden sui 1000 metri. Dawn Approach è allenato da Jim Bolger e corre per i colori della moglie Jackie. Come detto è figlio di New Approach, a sua volta allenato da Bolger, campione a due anni nel 2007, prima di essere venduto alla Principessa Haya di Giordania. A tre anni il sauro, sempre sotto la guida di Bolger, fu battuto da Henrythenavigator in due occasioni, nelle Ghinee inglesi ed Irlandesi. Poi Approach si rifece vincendo il Derby, le Irish Champion Stakes e le Champion Stakes allora a Newmarket facendo il record della pista.
Infanta Branca è invece allenata da Aidan O'Brien, che portò alla gloria proprio Henry, vincendo le Coventry Stakes a due anni e perdendo da New Approach nelle Futurity Stakes. Delle vittorie nelle Ghinee abbiamo detto, Henry ha aggiunto poi la perla delle St James's Palace e delle Sussex Stakes, arrivò così la rivincita di Raven's Pass nelle QEII ad Ascot e nella Breeders' Cup Classic a Santa Anita, dove Raven's ebbe la meglio proprio sul campione Coolmore. Quanti incroci! 

lunedì 19 marzo 2012

Real Solution vs Smoking Joe, Roma chiama Milano risponde

Altri euro da convertire in Dollari, per Mr Ramsey. La domenica di Capannelle ha consegnato la vittoria di uno strepitoso Real Solution (Kitten's Joy) nel Federico Smith sui 1800 metri di Roma. Il figlio di Kitten's Joy (El Prado), è riapparso dopo il vittorioso debutto di Novembre a Capannelle dando una superba dimensione di se stesso. Gabriele Bietolini in sella, ha dovuto solo tenere sveglio il suo negli ultimi 200 dove il potente baio è passato di slancio cambiando marcia decisamente, con gli ultimi 400 fatti in 22.5 e lasciando a sette lunghezze Romantic Wave (Rock Of Gibraltar) ed Heed The Cat (Easing Along), finito piano piano terzo. Gianluca Bietolini ha confermato, si va al Derby G2 passando per il Botticelli Lr,ed al momento è il cavallo che più apre il cuore alla speranza. Raggiante lo stesso Gabriele Bietolini, uno che dopo oltre 1600 vittorie in carriera, si è espresso parlando di come un cavallo così gli ricorda i tempi di un certo Altieri (Selkirk). A Milano affascinante convegno, dove attendevamo Salure (Sakhee), terzo nel Prix Jean-Luc Lagardere G1, battuto di poco da Peccato Di Gola (Three Valleys) nel Premio Como sui 1200 metri. Il sauro era al rientro, ed ha bisogno di correre per trovare la forma. La prossima tappa, in vista delle Poule francesi, potrebbe essere il Prix Djebel G3 di metà Aprile a Maisons-Laffitte. A Roma, nel Sinni, si è rivista tonicissima Noble Hachy (Kyllachy). La homebred della Nuova Sbarra ha battuto facilmente Guagliona (Elusive City) dopo 9 mesi lontano dalle piste in un veloce 1m 8s. Non c'era Star Kodiak (Kodiac), in procinto di lasciare l'Italia, forse. Tra le anziane, ma sui 1000 metri, è emersa Onlyyouknowme (Martino Alonso) che ha inchiodato il cronometro in un 55.80 (qualcuno dice 56.2). Tornando a Milano, nel Lodi Vecchio ha vinto Smoking Joe (Mujahid) ritornando in un varco all'interno e battendo Jack Boy (Hawk Wing) per mezza lunghezza. 

America News: Secret Circle, Havre De Grace ed altri..

Lucky Chappy
Ed ora un pò d'America, tra trial in vista del Kentucky Derby, rientri di prestigio e lavori previsti. Ad Oaklawn Park Secret Circle (Eddington) ha vinto le Rebel Stakes G2 per Bob Baffert, dopo l'assunto nelle Southwest Stakes G3 del mese scorso, e dopo la sconfitta di inizio gennaio, al rientro dalla vittoria in BC Sprint G1. Per Bob Baffert è la terza affermazione consecutiva negli ultimi tre anni, dopo Lookin At Lucky e The Factor lo scorso anno. Secret Circle è di proprietà di Karl Watson, Mike Pegram, e Paul Weitman.
E' tornata alla vittoria anche Musical Romance (Concorde's Tune), vincitrice del Breeders' Cup Filly & Mare G1 nella due giorni della BC, ma a picco nel rientro del 28 gennaio scorso in Florida nelle Sunshine Millions Filly & Mare Sprint a Gulfstream Park. La Eclipse Award-winning female sprinter del 2011, ha vinto le Inside Information G2 sullo stesso tracciato, ma sui 1400 metri.
A Fair Grounds, è rientrata in grande stile la "Reigning Horse of the Year" Havre de Grace (Saint Liam) la quale ha stampato 4 lunghezze e mezzo nelle New Orleans Ladies Stakes da $150,000 di dotazione. Un bel rientro in pista per la 5 anni di Larry Jones.
Intanto, Hansen (Tapit) è tornato in Kentucky dopo aver passato l'inverno in Florida, ed ha breezato mezzo miglio al Churchill Downs’ Trackside Training Center qualche giorno fa. Il vincitore delle Gotham G3, si avvicina piano piano al Kentucky Derby G1. 
Anche Lucky Chappy (High Chaparral) ha lavorato 6 furlongs a Palm Meadows in Florida, sull'erba, concludendo in 1,12 e 03. Si avvicina per lui la partenza verso Dubai. 

Ancora Mosheen, sue anche

Per la seconda volta in due settimane, la campionessa Mosheen (Fastnet Rock) ha battuto i temibili maschi in un G1, è accaduto a Randwick in Australia dove sul miglio delle Randwick Guineas G1 e con la monta di Danny Nikolic la femmina ha battuto di poco Said Com (O'Reilly) e Laser Hawk (Artie Shiller). 
Mosheen in carriera ha vinto anche le VRC Oaks G1 e le Australian Guineas G1, con uno score che parla di 6 vittorie in 13 uscite per guadagni quantificabili in A$2.3milioni. 
Il padre è il sensazionale Fastnet Rock (Danehill).

Prima pattern del 2012: Chinchon, ancora nell'Exbury

Cominciano le prime corse per i due anni, almeno in Europa. In Italia dovremo aspettare almeno fino a metà Aprile per scoprire le prime reclamare. In Francia, invece, sono già avanti ed i primi debutti sono arrivati qualche giorno fa a Saint Cloud dove in una reclamare sui 900 metri ha vinto di poco Halloween Chope, una figlia del giovane stallone Soave (Dashing Blade), concezione tedesca ma funzionante in Francia. Ma Saint Cloud aveva come centrale il Prix d'Exbury G3, la prima pattern della stagione europea, che dopo un anno è stata risolta di nuovo da Chinchon (Marju), tornato in Europa dopo la parentesi americana che gli ha regalato la vittoria in G1 nelle United Nations Stakes G1 a sei anni, ed il secondo posto a sette anni, centrando la 4° vittoria di Gruppo in carriera. Il sette anni è stato fuori per molti mesi a causa di un infortunio proprio nella seconda occasione in USA. Stavolta, con in sella Olivier Peslier, ha battuto War Is War (Galileo), e si candida ad essere uno dei protagonisti dello Sheema Classic G1 mentre in cantiere ci sono viaggia ad Hong Kong e Singapore. Chi lo sa, magari potrebbe pensare anche al nostro Repubblica...ditelo a Carlos Laffon-Parias. La famiglia femminile fa capo a Northern Prancer (Northern Dancer) la quale è sorella piena dei campioni El Gran Senor, Try My Best della stessa famiglia di Domedriver e Blu Air Force.

Sempre a Saint Cloud, l'homebred dell'Aga Khan Lidari (Acclamation) ha vinto il Prix Maurice Caillault.

domenica 18 marzo 2012

Grandezza e MircoSan: Vittoria nelle Spring Stakes G2.. il resto dell'Oriente...

Dai una chance a Mirco, e lui la trasforma in vittoria. Abbandonati i lentissimi purosangue arabi e i cavalli a 40/1 nel Carnival, Mirco Demuro si è rifatto alla grande nel weekend tra Hanshin e Nakayama. Culmine del weekend la vittoria delle Spring Stakes G2 (il video della vittoria qui: http://www.youtube.com/watch?v=aYUJGFL4HI4)  sui 1800 metri, ultimo trial per le 2000 Ghinee del 15 Aprile prossimo, in sella a Grandezza (Agnes Tachyon) (colori Shadai Race e training di Osamu Hirata) con un volo dall'esterno, su terreno pesante, andando a riprendere Deep Brillante (Deep Impact). Grandezza è un prodotto della campionessa italiana Marbye (Marju), dunque si tratta di un fratello di Marcellina (Deep Impact) vincitrice lo scorso anno dell'Oka Sho G1 per le femmine. Ma Mirco è riuscito nell'impresa di vincere a livello di Gruppo sia con la madre che con il figlio, era lui infatti in sella a Marbye nell'Astarte G1 di Deauville nell'Agosto del 2004. Ha deluso la star giovanile Alfredo (Simboli Kris S).
Un passo indietro, perchè Mirco ha cominciato il weekend ad Hanshin dove ha montato per 9 volte vincendo in 2 occasione e andando sul podio in altre 4 occasioni, in un convegno dove anche Nicola Pinna ha montato portando a casa una vittoria. Domenica mattina a Nakayama, oltre alla vittoria in pattern ha portato a casa 2 vittorie e 2 secondi posti in 7 ingaggi. Mica male però..
Rimanendo in Oriente, Hanshin ha ospitato il rientro di Orfevre (Stay Gold) sui 3000 metri dell'Hanshin Daishoten G2, ma l'Orafo non è riuscito a riprendere sul percorso Gustave Cry (Heart's Cry), per una bruttissima monta del suo interprete. Brutto stop, che però non cancella la sua impeccabile carriera sin qui intrapresa. C'era anche Nicola Pinna che in 9 ingaggi ha ottenuto 1 vittoria e 4 piazzamenti.
Ancora nulla di fatto invece per Umberto Rispoli ad HK dove a Sha Tin ha ottenuto solo qualche piazzamento, ma non ancora la vittoria che tarda ad arrivare. Ma in fondo, anche uno come Barzalona ci ha messo almeno 40 corse per vincere la prima ad HK..

Addio a Martino Alonso.

Se n'è andato Martino Alonso (Marju). Il padre del campione Ramonti, è deceduto qualche giorno fa presso l'Azienda Agricola Antezzate dopo un incidente accorso mentre era nel suo paddock. Il 18enne stallone, molteplice piazzato a sua volta di G1, ha cominciato la sua carriera coprendo solo poche fattrici mediocri, e dalla sua prima annata è nato quel Ramonti divenuto famoso in tutto il mondo, salvando la stagione Godolphin, una volta passato sotto le insegne dello Sceiccone. Martino Alonso è stato anche oggetto di un rapimento qualche anno fa, ma dopo il ritrovamento in una campagna napoletana è tornato in razza dal sciur Emilio Balzarini, coprendo per un paio di anni. Il suo prodotto migliore è stato Ramonti, homebred della SiBa che ha vinto il Vittorio Di Capua G1, è stato secondo di Derby Italiano sfortunato e terzo di HK Mile G1 prima di passare in blue. Nell'anno successivo ha vinto Queen Anne Stakes G1, Sussex Stakes G1, QEII Stakes G1 ed HK Cup G1. Tornando a Martino Alonso, non ha mai coperto tantissimo e la sua annata record in fatto di prodotti parla di 36 foal nati nel 2009, ma tra la sua progenie migliore oltre a Ramonti spicca anche Dagda Mor velocista di rango, Marcret, Marshade, Rumsfeld, Ragiam, Cronsa, Grenso e tanti altri. Martino aveva un caratterino particolare in corsa che gli ha fatto esprimere in parte il potenziale ma in razza ha risposto sempre molto bene. Il suo continuatore sarà proprio Ramonti, i cui due anni debutteranno quest'anno. Ramonti era stato ritirato in razza al Darley al Kildangan Stud nel 2009, ma è tornato in Italia grazie ad un accordo con l'Allevamento di Besnate.

sabato 17 marzo 2012

Riapre San Siro, stagione 2012. Anche Roma e Pisa in questa domenica

Stagione milanese 2012
La lunga stagione di San Siro comincia domenica, insieme a Pisa e Capannelle, per una giornata che apre il cuore in vista dei prospetti più interessanti che potremo ammirare da qui in avanti. Peccato che si parli soprattutto delle pessime condizioni della pista, non si è fatto nulla per risolvere i problemi antichi mentre si è pensato ad investire su altro all'ippodromo di Milano. Si è risvegliato Bruno Grizzetti che presenta Salure (Sakhee), terzo del Prix Jean-Luc Lagardere G1, che rientrerà nel Premio Como, una condizionata sui 1200 metri dopo aver lavorato in coppia con Spirit Of Saints (Invincible Spirit) ed aver soddisfatto il trainer di Viggiù. Per Grizzetti l'obiettivo è il Parioli, ma da un terzo di Lagardere ci si aspetta quantomeno un retropensiero alle Poule francesi, dove il Grizza ovviamente l'ha iscritto. Nella stessa giornaa, si rivede Lui E La Luna (Nayef), vincitore del Rumon in grande stile e secondo del Guido Berardelli G3 la scorsa stagione dietro a Duck Feet (Aussie Rules) venduto ad HK. Corre il Lodi Vecchio, sui 1800 metri, dando 3Kg agli avversari. La famiglia Botti si dividerà tra Roma e Milano, ma nella stessa corsa a San Siro presenta Smoking Joe (Mujahid), 1/2 fratello di Sneak A Peak (Doyen), mentre a Roma scende Romantic Wave (Rock Of Gibraltar) nel Federico Smith. I due sono stati secondo e terzo del Campobello. A Roma quest'ultimo incontrerà il talentuoso Real Solution (Kitten’s Joy), impressionante al debutto per i colori dei leading American owners Ken and Sarah Ramsey. Nel convegno romano, femmine in odore di Oaks nel Nannoccia, ma soprattutto occhio a quelle del Sinni veloci, dove si rivede Noble Hachy (Kyllachy) sfortunata imbattuta vincitrice del Perrone, opposta a Star Kodiak (Kodiac), vincitrice del Pandolfi. Dal Sinni si passa per arrivare al Chiesa G3, oppure all'Elena G3 sul miglio. 

OBS second day. Top price a $800,000

Secondo giorno delle OBS concluse con il botto. Il Lot 342, un maschio da War Front (Danzig) consegnato dall'agenzia Harris Training Center, per conto della Frank Fletcher Racing Operations, è stato venduto alla somma di $800,000 nella sessione finale delle Ocala Breeders’ Sales Company’s 2012 March Sale of
Selected Two-Year-Olds. Il baio oscuro, che ha realizzato 10s in 1/8 è il secondo prodotto di Henna (Horse Chestnut), è una mezza sorella di Pomeroy (Boundary) con il quale si ripropone l'incrocio per 3/4 del top price. La Stonestreet Stables ha speso $525,000 per il Lot 323, un maschio prodotto della prima annata dello stallone e graded winner Tiz Wonderful (Tiznow) presentato dall'agente Paul Sharp. Il maschio ha lavorato in 10 secondi all'Under Tack Show di qualche giorno fa, e in agosto era costato $82,000. Un bel plusvalore!
Terzo prezzo più alto per il Lot 350, un maschio da Leroidesanimeaux (Candy Stripes) ha realizzato $490,000, con un profitto di $420,000 rispetto alla vendita percedente alle Fasig-Tipton di October. Il sauro ha lavorato un quarto di miglio (400 metri) in 21.2s, è mezzo fratello del vincitore Easy Crossing (English Channel).

Per la sessione 84 venduti per $12,580,000, prezzo medio $149,762 (+ 23%) ed i mediani a $110,000 (+28%). Per la sessione intera, 179 venduti per $24,819,500, prezzo medio a $138,656 +33%, mentre i mediani da record con $105,000 (+50%). Video qui: http://obssales.com/marpreview/2012/

mercoledì 14 marzo 2012

Shuttling per Canford Cliffs

Anche Canford Cliffs (Tagula) si dovrà abituare a cambiare emisfero. Da quest'anno, appena terminerà la stagione in Irlanda, lascerà il Coolmore Stud per andare a funzionare presso la Blue Gum Farm. Il Champion Miler europeo funzionerà accanto ai "Victorian" sires Elvstroem, Churchill Downs, Turffontein e Red Arrow, di stanza da un pò in Australia. La motivazione che ha spinto il proprietario della Blue Gum Phillip Campbell a cercare una trattativa con gli Irlandesi, è il pedigree di Canford, ricco della linea maschile che fa capo ad Hail To Reason (tramite Stop The Music, Taufan e dunque Tagula) e che ha come ramificazioni eredi stalloni del calibro di More Than Ready, Sunday Silence e Roberto, che si incrociano benissimo con fattrici da Danehill (Danzig) di cui l'Australia è inflazionata. Canford Cliffs si è costruito una carriera su sette vittorie di cui 5 a livello di G1 facendo lo scalpo a campioni come Rip Van Winkle (Galileo) e Goldikova (Anabaa) e vincendo corse come le Irish 2000 Guineas G1, St James's Palace Stakes G1 e Queen Anne Stakes G1. Un infortunio nelle Sussex G1 contro il mostro Frankel (Galileo) ne ha fermato le ambizioni nel corso dei 4 anni, ma non scalfito una carriera da campione. Forse il migliore che Richard Hannon abbia mai allenato in 40 anni di carriera gloriosa. 
Canford Cliffs ha servito il primo book di fattrici al Coolmore per €17,500 mentre in Australia funzionerà per A$17,500 (£11,644/€14,019). 

OBS Selected 2Y0 prima sessione: Top Price a $485,000, media a +50%, mediani +75%

Una figlia dello stallone Juddmonte Empire Maker (Unbridled) ha realizzato il top price nella prima sessione di vendita delle OBS March Selected Two-year-olds in Training Sale in Florida dove è stata venduta per $485,000 a Frank Fletcher Racing. La homebred della Claiborne Farm, passata per ultima nella prima giornata di ieri con il Lot 180 di nome Ado, è stata una dei nove lotti che hanno realizzato almeno $250,000, dato che va comparato con quello del 2011 dove a superare quella soglia furono in 7. In totale, venduto 91 cavalli (74%) per un totale complessivo di $11,877,000, la media di $130,516 (+50%) mentre da record i mediani a $100,000 (+75,4%). Dati incredibili e confortanti per l'ippica americana. L'agente Donato Lanni ha firmato l'assegno per conto di Fletcher per la femmina che fa parte della famiglia del top American sprinter Zensational (Unbridled's Song). La femmina ha breezato 200 metri in  :10 1/5 durante l'under tack show dell'altra settimana. 
Acquirenti JAP molto attivi, con Toyomitsu Hirai della Eishin Farm che ha sborsato $470,000 per il Lot 58, un figlio del prominente stallone di base in Florida Montbrook (Buckaroo), presentato dall'Ocala Stud. 
Altro pezzo interessante il Lot 126, un maschio da A.P. Indy (Seattle Slew) presentato da Hartley/De Renzo Thoroughbreds LLC, venduto a Mark Casse per $425,000, e pure il Lot 165, Swig It, un maschio da Tapit (Pulpit), venduto al Colts Neck Stables per $400,000. Soddisfatto ovviamente Todd Wojciechowski, Direttore dell'asta per OBS, che ha parlato ai microfoni di Blood-Horse spiegando che l'aumento così significativo riflette la qualità dei cavalli presentati, ben accolti da un pubblico di compratori che si sono ritenuti soddisfatti del bel catalogo proposto.
I risultati completi della prima giornata li trovi qui: http://www.obssales.com/OBSPAGES/Mar12Dayone.pdf se invece vuoi vedere il video del lavoro realizzato dalla femmina Top price della sessione, clicca qui: http://obssales.com/marpreview/2012/

Casablanca Quick vince il GP Latino Americano, P.A. Picchi esulta..

Sabato notte, mentre il tre anni cileno Casablanca Quick (Until Sundown) battagliava per la vittoria contro il campione argentino Expressive Halo (Halo Sunshine) nel Gran Premio Latino Americano G1, un uomo in Italia ha gioiva. Il suo nome è Paolo Andrea Picchi, che gestisce le fortune dello stallone Until Sundown
(Smart Strike), il quale dallo scorso anno funziona in Italia senza troppa promozione. Il figlio di Smart Strike (Mr Prospector) in corsa ha vinto a livello di G3 in America, piazzandosi secondo in G1 nelle Swap Stakes, e poi ha vagato in giro per il mondo alla ricerca del suo io in razza. Entrato a fare lo stallone nel 2003 tra Usa e Chile, la stagione successiva è stata quella dello spostamento in Francia facendo ancora lo shuttling nell'emisfero sud presso l'Haras Matancilla. Di proprietà della Narvick International, ha prodotto 166 foals in sei annate francesi, 38 di questi sono stati vincitori. Ha lasciato la Francia con 8 foal nati nel 2010 e 38 attualmente tre anni, spostandosi in Italia, in Toscana, presso la La Selva Razza Pian del Lago, vicino Siena dove nella prima annata in razza, i nati nel 2011, sono testimoni 20 yearlings. A giugno tornerà in Sudamerica, ma intanto qualcosa nell'interesse generale è stato mosso. Casablanca Quick è infatti solo uno dei 4 vincitori di G1 in Cile da Until Sundown, ed attraverso l'Haras Matancilla possiamo riportare i dati dello stallone con 79 vincitori in 5 annate di produzione in pista, con un rate del 68.7% tra i vincitori su quelli che hanno corso. In Italia funziona a tasso privato. 

Di nuovo mamma Claba. Una sorellina piena di Crackerjack King

Photo Courtesy Daniele Fortuzzi
"Un'altra femmina!". Così ha esclamato Edo Rolla affidando i propri pensieri a Facebook, annunciando la nascita della piccola da Shamardal (Giant's Causeway), sorella piena del Derbywinner Crackerjack King. La terza femmina consecutiva della "top class broodmare" Claba Di San Jore (Barathea) che ha dato alla luce la piccola qualche notte fa presso il Wattlefield Stud, vicino Norfolk tra Norwich e Newmarket, in Inghilterra. Apparte le battute, Edo Rolla è felice di poter contare sul proseguimento di una linea femminile che sta facendo tanto bene in Italia, sorella piena di un vincitore Classico. La tredicenne fattrice grigia, di proprietà della Razza del Velino, rimasta vuota nel 2010 dopo 7 foal consecutivi senza stop, ha dunque ripreso con la produzione regalando al mondo un'altra femmina, dopo Freezy (Dalakhani), tre anni quest'anno, e una piccola da Cape Cross (Green Desert), che si chiama Alaskan Assassin, venduta per €260,000 alle ITS lo scorso anno alla Scuderia Effevi. La produzione di Claba vanta Awelmarduk (Almutawakel), vincitore del Derby 2007 ed ora stallone in Kazakistan, il vincitore del Milano G1 Jakkalberry (Storming Home), lo Stakes winner Kidnapping (Intikhab) e Crackerjack King (Shamardal) vincitore dell'ultimo Derby appunto. Claba di San Jore (Barathea) quest'anno visiterà Dubawi (Dubai Millennium). Siamo in attesa delle foto della piccola, per gentile concessione degli allevatori. 

lunedì 12 marzo 2012

Dubai World Cup: Out Animal Kingdom! Va solo Lucky Chappy per l'UAE Derby

Quanta sfortuna! Il campione americano Animal Kingdom (Leroidesanimaux), ultimo vincitore di Kentucky Derby G1, dovrà abbandonare l'idea di partecipare alla Dubai World Cup G1 ($10 milioni) del 31 Marzo prossimo a causa di un infortunio patito un paio di giorni fa, dopo un lavoro effettuato sui 1000 metri del Palm Meadows Training Center. Ne ha dato notizia qualche minuto fa, ad un paio di giorni di distanza, proprio il suo allenatore Graham Motion, attraverso il social network Twitter, nel quale si è detto molto amareggiato. Nel testo si legge "Sorry to report that AK will not be making the trip to Dubai. He came out of his work sore in the same leg that he injured in the Belmont". Animal Kingdom si poteva giocare intorno al 12/1 fino a qualche giorno fa, mentre nelle scorse ore era sceso fino al 8/1 sui maggiori bookies internazionali.
Ha parlato anche Barry Irwin, CEO del Team Valor, il quale ha parlato di "crushing blow for our company and our partners as well as our trainer", ma non ha escluso che il derbywinner possa tornare e provare l'anno prossimo, nel 2013. Qualcuno invece già parla di un ritiro in razza, lo scopriremo fra qualche giorno, dopo il nuovo intervento chirurgico in programma il 20 Marzo. 
Confermato invece l'impegno preso per Lucky Chappy (High Chaparral) annunciato da tempo per l'UAE Derby G2. Il grigio allevato dalla Gialloblu partirà senza il compagno. Il grigio partirà per Dubai il 20 Marzo prossimo: http://www.teamvalor.com/news/Mar2012/luckychappydubai0313.pdf. (aggiornamento del 13 Marzo)

Uragano Cheltenham: salti per tutti i gusti (di Marco Vizzardelli, concessione Per Sport di venerdì 9 Marzo)

Domani inizia Cheltenham, vogliamo celebrarlo come si deve pubblicando uno scritto a firma di Marco Vizzardelli uscito su Per Sport del 9 Marzo scorso. 
Mancano quattro giorni (un giorno ndr) all'apertura del più spettacolare meeting ippico del mondo. I barili di Guinness sono pronti, la pista più gobba delle gobbe di un cammello viene (per ora) innaffiata, onde evitare l'eventuale terreno (relativamente) duro. E si attendono i campioni e la folla. È l'ora di Cheltenham! Ogni anno, il Festival ostacolistico è una storia nuova, e sarà così in un'annata che l'appassionato riconosce come eccezionale in tré-quattro individualità di spicco che daranno vita ai clou. Vedremo sul campo se eccezionale sarà, venerdì prossimo, la prova più attesa: la Gold Cup GR1, 5300 metri in steeple, sembra finora caratterizzarsi per le incertezze che accomunano i "soliti due" grandi attesi: Long Run, detentore del titolo, e Kauto Star, trionfatore nel 2007 e 2009, battuto dal compagno di training Denman nel 2008, e terzo di Long Run e del medesimo Denman nell'epica edizione 2011. Kauto vi approda nelle vesti consolidate di leggenda: vincitore di quattordici gruppi 1, fra i quali cinque edizioni (unico nella storia) del King George Chase di Kempton. Dopo la sconfitta patita a Cheltenham lo scorso anno, in scuderia si era fatto cenno alla possibilità d'un ritiro, la "risposta" del cavallo è stata, quasi alla soglia dei 12 anni, il nuovo trionfo a Kempton. Ma... c'è un ma. A fine febbraio, in preparazione per la Gold Cup, Kauto Star è caduto, durante un esercizio mattutino a Ditcheat, il quartier generale di Paul NicholIs. Da allora, quotidianamente (proprio come in Italia...) il trainer emette, per gli appassionati e gli scommettitori in ansia, un comunicato-stampa sulla ripresa del lavoro, la fisioterapia, i pro- gressi, i galoppi quotidiani del campionissimo. Le apprensioni iniziali erano forti, ma le attenzioni della scuderia e la fibra di Kauto ne danno, ora, per probabile la presenza. Invece, il rivale Long Run è stato vittima dei classici "gufi": sono "girate" voci (a scopo betting?) su intoppi nella preparazione che hanno mandato su tutte le furie Nicky Henderson («questo genere di chiacchiere è il peggio che possa capitare quando si prepara una Gold Cup»). I problemi reali, semmai, sono altri a) non è dato sapere, in base alla forma, compreso il recente, e non convincente, successo nel Denman Chase, se Long Run sia ancora l'iradiddio che schiantò Kauto (e Denman) nella Gold Cup 2011, dopo averlo disintegrato anche nel King George; b) nelle ultime apparizioni, la monta del gentleman-proprietario Sam Waley Cohen ha lasciato a desiderare, pur se Henderson dichiara fiducia nell'affiatamento fra cavallo e cavaliere. Ma Kauto "dispone" di un Ruby Walsh e, in partenza, è un Long Run è a 15/8, Kauto Star "balla" fra 7/2 e 4/1. 
Il Denman Chase, preparazione prescelta da Henderson, ha visto Long Run salvarsi dal rientrante compagno di allenamento Burton Port (fra 6 e 7/1), recuperato da infortunio: la Gold Cup gli arriva come seconda corsa dopo la ricomparsa, il che è sempre delicato. Ma, se Burton ha "in canna" un progresso, i giochi si aprono. I tre nominati sono i "vecchi eroi" dello steeple su lunga distanza. Ma il "motivo" forse più accattivante della Gold Cup 2012 sarà la collocazione, in questo contesto, del nuovo attore: il piccolo grigio Grand Crus - training diDavid Pipe - fra il 5'/2 e il 6/1, già valletto d'onore del fuoriclasse Big Bucks in siepi, approdato allo steeple con graduali test vincenti, tenuto in bambagia dall'allenatore. Una Gold Cup richiede forse altro da quanto Grand Crus ha fatto vedere, fin qui, nella specialità (ma è di oggi la decisione che correrà l'RSA Chase G1, ma abbiamo lasciato completo il pezzo per non intaccarne la bellezza): c'è un salto di maturità da superare, oltre ai 22 sparsi sul percorso, ma la classe non manca, al grigetto! La Gold Cup culmina e conclude il Festival, ma ognuna delle tre giornate precedenti vivrà di un clou (nonché del fantasmagorico contorno). Giovanni Caiani fìsicamente, e noi, almeno con il cuore, saremo accanto ad Hurricane Fly martedì, per il tentativo di bis nel Champion Hurdle (quota di 10/11) da parte del "Montjeu" allevato dalla Parco, che nel tempo sta dando ragione alla stima sempre professata in lui dal trainer Willie Mullins. Il rientro nel Champion di Leopardstown è stato stellare. Undici i probabili awersari, l'alternativa affascinante, a parte i noti Binocular e Rock on Ruby, è Zarkandar (5/1), il fratellastro di Zarkava (!) targato Nicholls (ma Walsh, libero di scegliere, sarà sull'Hurricane), immacolato nella camera in siepi ma qui chiamato ad affrontare un mostro. Da ricordare che, oltre a Hurricane Fly nel Champion Hurdle, Mullins vivrà l'emozione del quarto assalto della 8 anni Quevega al David Nicholson Hurdle: un po- ker che, se messo a segno, scatenerà il boato degli irlandesi nel winner circle. Noblesse oblige, Ruby Walsh monterà due favoriti più il controfavorito (Kauto Star) in tre dei quattro eventi massimi del Festival. Giovedì, Ruby sarà coattore di un altro incontro con la storia: il tentativo del gigante nero Big Buck's (a 4/7) di sigiare il suo quarto World Hurdle (la gran siepi dei fondisti) consecutivo e la sedicesima vittoria da imbattuto nella specialità. Ad occhio, più dei rivali Oscar Whisky o Thousand Stars, il peggior avversario sarebbe una (fin qui mai Vorremmo, giunti a questo punto, dirvi che la giornata "non imperdibile" del Festival sarebbe mercoledì 14, giorno del Champion Chase, lo steeple "veloce" (due miglia) che sembra un po' una ripetizione, nello scontro fra Sizing Europe, Big Zeb e Finian's Rainbow, della non esaltante edizione 2011. Ma, a parlare così dall'Italia di adesso par di essere la volpe e l'uva, o un provinciale snob: la realtà è che niente di ciò che avviene a Cheltenham è meno che eccezionale! 
Marco Vizzardelli. 

America News...tutto quello che dovete sapere in poche righe. Aste e corse

Ed ora un pò d'America: In prospettiva tre anni di valore, nelle Palm Beach Stakes G3 di qualche giorno fa a Gulfstream Park, tappa intermedia verso il Kentucky Derby G1 anche se in un trial sull'erba, ha vinto Howe Great (Hat Trick) nei confronti dello stimato Dullahan (Even The Score), mezzo fratello di Mine That Bird (Birdstone) vincitore Classico qualche anno fa. Il figlio del talentuoso stallone Hat Trick (Sunday Silence), allenato da Graham Motion, è alla quarta vittoria consecutiva per il Team Valor che ha qualche pedina interessante sparsa qua e la per il mondo. Howe Great ha vinto in 1:46.56 su terreno duro, in precedenza ha vinto le Kitten's Joy Stakes Lr davanti a Lucky Chappy (High Chaparral). Il prossimo target saranno le Toyota Blue Grass Stakes G1 del 14 Aprile sul sintetico a Keeneland Race Course, dove potrebbe reincontrare Dullahan.
Ora, parliamo di aste e di quelle OBS Juvenile Sale che avranno luogo da domani 13 Marzo con le Selected Sale of Two-Year-Olds in Training. I lotti in catalogo sono 362 ed è possibile vedere l'esito e la licitazione on line al sito OBS all'indirizzo www.obssales.com
Da seguire come molto interessanti, come espresso nell'Under Tack Show (breeze up), due giovani presentati dall'Old South Farm, hanno fatto il migliore tempo. In particolare il Lot 93, un maschio da Johannesburg (Hennessy) e Quiet City (Carson City) mezzo fratello della femmina Veneti (Old Trieste), ha prodotto un 1/8 di miglio in 0:9 4/5. Qualche giorno dopo il Lot 213, una femmina da Indian Charlie (In Excess) prodotto di Winter Forest (Forestry), sorella piena di di Ever Elusive, ha realizzato un tempo molto basso simile al 9.4 .
Il quarto di miglio in 20 4/5 lo hanno fatto il Lot 44, ed il 58, consigned by Ocala Stud. I risultati dei lavori completi sono disponibili qui: http://obssales.com/OBSPAGES/UTR30912.pdf e qui: http://obssales.com/OBSPAGES/UTR30812.pdf divisi per i giorni dell'asta. I video dei lavori li trovi cliccando qui: http://obssales.com/marpreview/2012/
Insomma, vi daremo conto del risultato dell'asta alla fine della stessa con dovizia di particolari. 

domenica 11 marzo 2012

Super Saturday a Meydan. Capponi, Master Of Hounds...etc

Il Super Saturday c'era anche a Meydan, ma visti gli esiti è sembrato un pò "ino", anzi alzi la mano chi ha visto il cavallo da Dubai World Cup nella giornata di ieri. Insomma, non c'è molto da dire di una giornata che doveva rappresentare la prova generale in vista della notte più ricca del mondo, ma c'è da dire che mancavano pure i pezzi grossi del Coolmore, etc etc. Partiamo dal terzo round del Maktoum Challenge R3 sul Tapeta sui 2000 metri, che ha laureato il progressivo Capponi (Medicean) il quale ha messo in pista un bel passo da front runner al quale nessuno ha saputo rispondere per le rime. Il sauro, presentato da Mahmood Al Zaaroni e montato Ahmed Ajtebi, ha battuto il grigio Silver Pond (Act One) e Prince Bishop (Dubawi), la speranza di Lanfranco. Tra i battuti, al quarto Monterosso (Dubawi), 12° Bold Silvano (Silvano) che dovrà abbandonare le idee di coppa. Nel Jebel Hatta G1 sui 1800 metri in erba, trial per il Duty Free è emerso Master Of Hounds (Kingmambo) per i colori di Bin Khalifa, il training di Mick de Kock e la monta di Kevin Shea che ha battuto lo stimato compagno Mutahadee (Encosta De Lago), con Soumillon in sella arrivato terzo, ed il cavallo in forma City Zip (City Style). Master Of Hounds è uno degli 8 vincitori di Gruppo da Kingmambo e fattrici da Sadler's Wells (Northern Dancer). Male Rio De La Plata (Rahy) e male River Jetez (Jet Master). Sul miglio del Burj Nahar G3 sul Tapet, ha vinto African Story (Pivotal) in maniera confortevole nei confronti di Snaafy (Kingmambo) e Musir (Redoute's Choice) che ha accusato la corsa, rimanendo sul passo. Forse la classica corsa di troppo. Male anche Gitano Hernando (Hernando) e Silver Ocean (Silver Train). Dal Dubai City Of Gold G2 sul miglio e mezzo è emerso Mikhail Glinka (Galileo), andato in avanti grazie alla tattica di Royston Ffrench, il quale ha battuto Cavalryman (Halling) e Campanologist (Kingmambo) tra gli altri. Tra i velocisti del Mahab Al Shimaal G3 sul Tapeta, abbiamo visto molto bene Krypton Factor (Kyllachy) su Hitchens (Acclamation) e questi possono essere nomi buoni per lo sprint. Per il resto, noia mortale. 

Il Super Saturday Australiano: Hay List, Manighar e All Too Hard

E diamogliela una soddisfazione ogni tanto. A Flemington in Australia si è disputato un Super Saturday in vista del periodo autunnale con prove di spicco, tra queste è nel Lexus Newmarket Handicap G1 sui 1200 metri, il povero Hay List (Statue Of Liberty), allenato da John McNair e montato da Glyn Schofield, si è finalmente guadagnato una copertina sull'Herald Sun senza essere nell'ombra di quella fenomena di Black Caviar. Quando il gatto non c'è i topi ballano, sarebbe da dire, ma finalmente il sei anni da  Statue Of Liberty (Storm Cat) ha conquistato un'altra vittoria di Gruppo 1, la terza in carriera, contro 22 avversari e realizzando un tempo di 1m 8.72s battendo tra gli altri Buffering (Mossman), altra vittima illustre di Black Caviar in parecchie occasioni, e Foxwedge (Fastnet Rock). Il video lo trovi qui, insieme a tutti gli highlights della giornata di Flemington: http://www.youtube.com/watch?v=5nF1G7aNMzc.
Detto del primo, a cui va un meritato e conquistato plauso, resta da dire che a Flemington c'era da vedere l'Australia Cup G1 vinta dall'ex Cumani Manighar (Linamix) ora in training da Peter Moody (l'allenatore di Black Caviar), il quale ha battuto Southern Speed (Southern Image) e Americain (Dynaformer) di poco, ion un finale serrato dove quest'ultimo è finito fortissimo. Manighar adesso punterà al  Sydney's Autumn Carnival, dove ad aspettarlo ci sono i $2 Milioni del The BMW (sui 2400m) G1 a Rosehill Gardens del 7 aprile prossimo.
Non c'era Black Caviar, ma la sua ombra si. O quantomeno suo fratello All To Hard (Casino Prince) non ha mancato di far sentire la sua presenza, vincendo le VRC Sires' Produce Stakes G2 sui 1400 metri, schiacciando gli avversari per ben 4 lunghezze. Lo scorso anno fu pagato A$1,025,000 alle Inglis Easter Yearling Sale ed ha debuttato vincendo le Talindert Stakes per il team degli Hawkes ed i proprietari del Patinack Farm Racing Syndicate. Il suo prossimo obiettivo saranno le Golden Slipper Stakes G1 con in palio  A$3.5milioni, il mese prossimo. Questo il video delle Produce Stakes: http://bigpondvideo.com/Horse_Racing/429234  Questo invece, il video del debutto nelle Talindert Stakes LR: http://www.youtube.com/watch?v=18x8HYwmwOI
Rimanendo in area estrema, c'è da dire del secondo posto di Packing Whiz (Trade Fair), ex Al Rep, in un handicap sui 1600 metri. 

venerdì 9 marzo 2012

E' nato il primo foal di Zenyatta

Fiocco azzurro in casa Moss. La sensazionale Zenyatta (Street Cry) ha partorito della prima mattinata di oggi ora italiana, il suo primo foal della nuovissima carriera da fattrice. Il maschietto, un baio oscuro dal top sire Bernardini (A. P. Indy), è venuto al mondo alle 10pm ora locale, presso la Lane's End Farm in Kentucky. Fieri del lieto evento i proprietari della campionessa Jerry ed Ann Moss che hanno annunciato della nascita sul sito ufficiale della campionessa (http://www.zenyatta.com/diary/diary-post-454) dove sono state postate le prime foto dopo il parto, con una tenera Zenyatta che guarda il piccolo appena nato. Scene davvero bellissime per chi ama questo sport, ma per chi ama questi cavalli. Carpire lo sguardo della Zenyatta mamma, e trasporlo a quando correva per i suoi fans, con quella tattica al cardiopalma e con lo show del balletto pregara... Ora ha una famiglia e l'erede c'è, sperando in una altrettanto folgorante carriera da fattrice dopo quella strepitosa in corsa, quasi immacolata, se non ci fosse stato quel Blame a far svanire gli ultimi sogni di gloria. 
Ma una come Zenyatta, non ha mai perso. Anche se il tabellino parla di 19 vittorie in 20 corse, incluse 13 a livello di G1. E' diventata la prima femmina a vincere il Breeders' Cup Classic nel 2009, e ci è andata vicinissima alla seconda l'anno successivo. Dopo qualche problema nel rimanere gravida lo scorso anno, Zenyatta ha partorito un figlio dello stallone Bernardini, uno di quelli che ha coperto uno dei migliori book di fattrici al mondo, ed ha già prodotto campioni del calibro di Biondetti, Stay Thirsty e To Honor And Serve.
Il video del piccolo lo trovi cliccando qui: http://www.youtube.com/watch?v=3Fl9FrlkZE4