STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 30 giugno 2013

San Siro: Arpinati di forza (e di furbizia) nel Primi Passi, battuta Omaticaya. Fanoulpifer conferma e stravince il De Montel, Black Elegance domina il Mantovani nel quale succede di tutto prima e durante. Nel Giubileo emerge Pattaya

PREMIO GIUSEPPE DE MONTEL Listed: Fanoulpifer (High Chaparral) sa andare forte ed apre il cuore a suggestioni particolari. Dopo un debutto devastante, è arrivata la conferma a livello di Stakes nel Giuseppe De Montel Lr dove senza troppo patire ha risolto la contesa con un confidente Dario Vargiu a bordo e modalità da cavallo davvero buono in 1.34.8 sui 1500 con più o meno la stessa misura realizzata al debutto con gli ultimi 600 a chiudere in 34.4. Molto bene, per un cavallo che sembra ancora molto verde, ed obiettivi di livello in vista..lo rivedremo in autunno! Secondo è arrivato il passistone Dress Drive (Yeats) su Laguna Drive (Aussie Rules). Allevato dalla Azienda Agricola Francesca, Fanoulpifer è un figlio di High Chaparral (Sadler's Wells) e stretto consanguineo del campione Falbrav (figlio di Fairy King, fratello di Sadler's Wells) mentre la mamma è Furbeseta (Danehill Dancer), nipote in linea materna di Gift Of The Night (Slewpy), mamma appunto di Falbrav. Dopo Fanoulpifer c'è una femmina da Authorized (Montjeu) e un maschio da Kyllachy (Pivotal) in seguito alla cui nascita, la mamma è deceduta. Il video del DE MONTEL QUI.
PREMIO PRIMI PASSI G3: Questa l'ha vinta Esposito. Ha montato con esperienza ed in sella ad Arpinati (Lucky Story) ha siglato il Primi Passi G3 in 1.10.90 battendo Omaticaya (Bernstein) e Quiz Evolution (Mujahid). A far premio sul vincitore la scelta del suo interprete di chiamarlo quando l'ha sentito giusto dal centro della pista, ai 300 finali, con un GP Fois che verso lo steccato è stato forse troppo fiducioso ed ha sentito l'effetto Milano chiamando un filo troppo tardi la sua lasciando l'iniziativa al Dioscuri che nel frattempo aveva preso margine ed ha tenuto qualcosa sulla femmina di Fazio, tornata nel finale. Terzo è arrivato Quiz Evolution preso in velocità nella frazione a metà gara e onestamente sotto il livello dei primi. Il vincitore è stato pagato €12,000 alle Tattersalls September. Come sarebbe andata se Omaticaya fosse stata chiamata con decisione ai 300? E come sarebbe andata se ci fosse stato Crissolo (Red Rocks)? Ai posteri l'ardua sentenza. Il video del PRIMI PASSI QUI.
PREMIO DEL GIUBILEO G3: Pattaya (Philomateia), ancora con Mario Esposito in stato di grazia in sella, ha dimostrato di aver ragginuto una maturità psicofisica mai vista prima. Dopo il secondo posto nel Repubblica G1 a Roma, ha replicato anche a San Siro nel Premio de Giubileo proponendo la sua ficcante progressione anche a San Siro e non solo a Roma com'era fino a qualche mese fa. Battuto Storming Loose arroccato allo steccato ed Orpello, finito terzo. Il video del GIUBILEO QUI
PREMIO GINO MANTOVANI Listed: Tempi biblici per la partenza della Listed per femmine, fuori gioco prima del via Concerto Finale e Konkan mentre durante la corsa, complice un cross dopo la partenza, ha fermato End Of Season. Alla fine ha vinto Black Elegance (Footstepsinthesand) che ha dato pronta replica dopo il brillante debutto del 1 Giugno scorso che convinse Barry Irwin a staccare un assegno per lei. Con i colori del Team Valor la cavalla del team Godani/Ligas è andata in avanti con Fabio Branca e si è resa intangibile dal resto della compagnia, con modalità di gestione facili. I parterristi l'avevano descritta pronta già dal debutto, in realtà è fisicamente già esile da tipica Footstepsinthesand (Giant's Causeway) ed il risultato ha confermato le indicazioni e le impressioni del debutto vincendo in 1.33.1 sui 1500 in pista media, con tempo inferiore rispetto ai maschi di almeno un secondo e mezzo, ed una misura decisamente buona. Seconda è arrivata Tucci (Azamour), che ha dato seguito al terzo posto nel Perrone, e terza Denusa (Aussie Rules). Black Elegance, già da tempo presente sul sito del Team Valor come pensionaria, lascerà a breve l'Italia farà tappa in Inghilterra e poi, come Tuttipaesi vincitrice lo scorso anno, raggiungerà gli States. Prevista la partenza il 10 Luglio prossimo. Black Elegance è stata pagata €4.200 alle Tattersalls Ireland September Yearling Sale da Bobby O’Ryan, la mamma è All Elegance (Key Of Luck) recentemente acquistata alle Goffs February dalla Coolaglown Bloodstock per sole €1000 ed ha una yearling da Dylan Thomas (Danehill). VIDEO GINO MANTOVANI QUI
SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI ED APPROFONDIMENTI.

Demurino grandi viaggi: Baron Cristian di Germania..da lunedì a Düsseldorf per il Gestüt Schlenderhan di Georg Von Ullmann, ed il 7 Luglio il Derby con il favorito Ivanhowe. Per concessione di Trotto&Turf di sabato 29 Giugno

Hai capito “Il Sorcio”! In Italia finisce la stagione e lui, che di star fermo non vuole sapere neanche quando è giù di sella, cosa ti combina? Tra l’indecisione di andare in Francia, Inghilterra o tornare in America, ed in attesa di provare ad Hong Kong, ti pizzica all’ultimo un ingaggio per il Derby tedesco con il primo favorito Ivanhowe (Soldier Hollow) che ha appena vinto il trial tedesco per eccellenza il 16 Giugno scorso, ed un contratto di prima monta per due mesi per il Barone Georg Von Ullmann e la scuderia più antica di Germania. Lady luck ha posato la bacchetta sulla sua testa e complice un infortunio patito da Adrie de Vries, prima monta dello Schlenderhan, caduto in lavoro in Olanda qualche giorno fratturandosi il perone (dunque ne avrà per almeno un paio di mesi), è stato contattato dal Gestüt Schlenderhan con i buoni uffici da parte della HFTB, agenzia di Holger Faust (quello del Gestut Karlshof di Sortilege, per intenderci) grazie al quale la sua posizione è stata ben accolta dalla scuderia di Wilhelm Giedt, allenatore privato del Barone, che ha avallato la scelta del “Der italienische Championjockey” per partecipare a tutti i meeting estivi in Germania, in particolare al convegno Principe dell’estate, quello che lo vedrà protagonista ad Amburgo nella Classicissima del 7 Luglio, quella che elegge il miglior tre anni tedesco. Ne ha anche parlato qualche giorno fa anche Gebhard Apelt, General Manager del Gestüt Schlenderhan, ai microfoni dello „Sport-Welt“: “Avevamo bisogno di una monta in breve tempo, in modo che potesse conoscere cavallo e tipo di corse in Germania. Abbiamo optato per un giovane campione italiano che si è fatto largo anche fuori dall’Europa”. La Demuro Airlines riparte, la valigia è sempre quella, forse nemmeno disfatta dopo le fatiche orientali ancora con qualche chicco di riso nel doppio fondo. Così è arrivata la chiamata, da una settimana e ad una settimana dal Derby con un ticket in prima classe ed imbarco prioritario, senza fare la fila come Mirco (che dovrebbe essere su Quinzième Monarque a 50/1) e Atzeni che avrà la sella di Global Bang, a 30/1. Potere del cu…rriculum, delle vittorie e del know how, un marchio di fabbrica costruito a suon di appuntamenti rispettati. La fortuna c’entra, ma non è condizionabile, aiuta gli audaci e i più forti e poi, quello di approfittare degli ingaggi da perfetto “catch”, è una cosa che gli è riuscita spesso e volentieri; vedi in Giappone quando ha beffato fratello Mirco il favorito e recentemente a Milano, appena sceso dall’aereo, quando è stato catapultato in sella a Biz The Nurse, che con monta aggressiva ed allo stesso tempo pulita, lucida, efficace ha servito il Milano. Due esempi, ma pesanti. “Partirò domenica sera, appena finirà la stagione qua in Italia, dopo il Primi Passi e le altre Listed per i puledri. Devo dire la verità, stavo ancora meditando su cosa poter fare alla fine della stagione in Italia, ero quasi in partenza per la Sardegna e qualche giorno di vacanza, invece sono stato contattato, l’opportunità era ghiotta e ho deciso che era cosa buona e giusta. Ho studiato un po’ le possibilità, mi sono risposto subito che era una scelta di…prima! Sono felice e non vedo l’ora di iniziare, farò tutto Luglio ed Agosto li, poi vediamo che cosa succede. Lunedì mattina sarò a Dusseldorf, monterò subito in lavoro, poi mi hanno detto che qualche monta dovrei farla nei primi giorni del Derby Meeting, quelli che vanno dal 3 al 7 Luglio. In seguito ci dovrebbe essere il Bad Harzburg dal 20 al 28 con Il 21 a Berlino il Deutschland Preis, il 28 Luglio a Monaco il Dallmayr-Preis Bayerisches Zuchtrennen, il 4 Agosto a Dusseldorf il Diana e poi il Grosse Woche di Baden Baden a fine Agosto. Insomma, le opportunità ci sono..Tanto qui a Milano oramai è finita, a Napoli non si corre ed in attesa di Roma..cosa avrei dovuto fare, rimanere?” No, anzi. Qui è troppo facile, una media sempre alta (per ora, 23 vittorie e strike rate più alto di tutti del 24,21%) e se da una parte è una bella conferma del fatto che le nostre fruste sono ben accolte, dall’altra assistiamo alla inevitabile fuga causa mancanza di alternative. Cristian non parla il tedesco ma la lingua universale del palo di arrivo, era inevitabile l’opportunità di livello: Ivanhowe è un figlio di Soldier Hollow che ha corso tre volte in carriera, e a tre anni ha vinto tutte e due le corse in cui ha partecipato ed ora si candida ad essere il miglior tre anni della sua generazione in patria: “Si lo so, l’ho studiato. Ha vinto il trial per eccellenza qualche giorno fa, le Oppenheimer-Union-Rennen G2 di Colonia. Mi sembra un cavallo ancora verde, ma di mezzi. Si è allungato bene, sono eccitato all’idea di correre il Derby tedesco. È attualmente il favorito (4/1), speriamo bene”. Non sarà semplicissimo, ma anche stavolta…Die Ratte (il sorcio, in tedesco) butterà anima, corpo e l’animo pugnace nell’esperienza. Non si polverizzano record giovanili per caso. Scommettiamo che ne vince una prima di imparare le parolacce in tedesco?

sabato 29 giugno 2013

Irish Derby: Domina Trading Leather, Jim #Bolger vince la Classica 21 anni dopo St Jovite. A picco Ruler, Libertarian e Sugar Boy

La stagione di Jim Bolger, sta prendendo una bella piega. L'allenatore irlandese, 21 anni dopo St Jovite (Pleasant Colony), ha riportato la vittoria nell'Irish Derby G1 del Curragh e spezzato la dominazione di Aidan O'Brien durata sette anni consecutivi, grazie a Trading Leather (Teofilo) che ha dominato la contesa sul miglio e mezzo battendo Galileo Rock (Galileo) e per il terzo a sorpresa Festive Cheer (Montjeu) che è balzato proprio sul palo davanti a Cap O'Rushes (New Approach) finito quarto. Come avrete intuito, nel tabellino non c'è il nome ne di Ruler Of The World (Galileo), vincitore ad Epsom, ne di Libertarian (New Approach), secondo ad Espom ed acquistato da Sheikh Mohammed, e nemmeno quello di Sugar Boy (Authorized), acquistato recentemente da Bin Khalifa, finiti rispettivamente quinto, ottavo e nono..ma il commento appropriato sarebbe quello di..nelle retrovie stancamente. Per i tre, comunque attesi e due di questi piazzati ad Epsom, una giornata di dimenticare, mai entrati nel vivo ed in grado di cambiare passo, desolatamente fermi sulle gambe. In generale, la conferma che la generazione 2010 non è fenomenale. Ha vinto forse il più fresco, o meglio, quello che si è presentato al Curragh bypassando corse dure e sulla scorta di impegni non eccessivamente pesanti. Il figlio di Teofilo (Galileo) infatti nel 2013 ha corso solo tre volte. Era rientrato nelle Dante Stakes G2 alle spalle di Libertarian, ha poi corso le 2000 Ghinee irlandesi finendo 5° di Magician e poi è andato a preparare il Derby casalingo vincendo una Listed facilmente il 9 Giugno scorso al Curragh, le Silver Stakes, contro gli anziani e battendo tra gli altri Lines of Battle (War Front) per il Coolmore che domani correrà in Francia il Jean Prat G1. Tornando al Derby G1, è stata una edizione comunque selettiva rifinita in 2m 27.17s (fast by 4.83s) con il vincitore, allevato, allenato e di proprietà di Jim Bolger con la monta di Kevin Manning, alla prima vittoria nell'Irish Derby, come al solito very confident con i cavalli del suocero. Il Lifetime di trading è il seguente, 8 corse, 4 vittorie e tre piazzamenti per €869,506. Il risultato completo del Dubai Duty Free Irish Derby G1 cliccando QUI. Il video dell'IRISH DERBY cliccando su questo LINK

Monsieur Rispoli: Tre vittorie in due giorni in Francia e domenica presente a Chantilly nel Jean Prat G1 e nel Chloè G3. Gli altri italians (Daniele Porcu, Mirco Demuro) ed i cavalli all'estero

Della serie: cose italiane all'estero. Dunque, abbiamo parlato nel post precedente di Snow, una mezza sorella di Joanna e Cazals, allevata da Giovanni Faldutto che ha debuttato al Curragh venerdì, facciamo un pò il resoconto degli italiani all'estero. In tema di fantini, da riscontrare l'ingaggio di Cristian Demuro per il Derby Tedesco del 7 Luglio prossimo ad Amburgo di cui parleremo più avanti. Oltralpe, in Francia, Umberto Rispoli invece continua a mietere vittorie su vittorie. Ieri ne sono arrivate 2 consecutive in apertura di convegno a Clairefontaine, in corse non di livello ma sabato a Deauville oltre ad un piazzamento, è arrivata anche una vittoria in condizionata, nel Prix de Pennedepie sui 3000 metri in sella ad Arkhip (Arch) (nella foto) per Mikael Delzangles, con un perfetto tempismo dalla dirittura opposta. Con la terza vittoria in due giorni lievita il conto delle vittorie in Francia, ora a quota 21 nel 2013 e con la 31° posizione nella classifica fantini in Francia. Domani sarà a Chantilly, 4 ingaggi nel meeting del Jean Prat G1 dove sarà presente con Pearl Flute (Piccolo) per Graffard. Poi, altre tre monte: Una nel Chloè G3 su Venturous Spirit per Delzangles e l'Ecurie Wildenstein, poi altre due nel convegno. Vai Umba!
Sempre in tema di fantini da segnalare una vittoria ad Amburgo per Daniele Porcu (nella foto in basso, sono 23 stagionali e 4° posto in classifica tedesca), e da anni ormai ha un contratto per il Gestüt Röttgen, una delle giubbe più antiche in Germania. Insieme a Mirco Demuro, Andrea Atzeni e appunto Cristian Demuro darà un tocco di italianità ai meeting estivi in Germania ed in particolare a quello del Derby di Amburgo. 
Degli altri italian bred, a quattro zampe, citiamo un paio di vittorie: A Chester, nelle Wrexham Lager Claiming Stakes, ha stravinto da declassato Marcret (Martino Alonso) allevato dalla Siba. Sempre di proprietà di Marwan Koukash, è ora allenato da David Nicholls ed aveva in sella Tony Hamilton. Qualche giorno fa sempre in Francia, l'ex italiano Nam June Paik (Orpen) ha vinto sulla sable fibre una reclamare da €23,000. Il figlio di Orpen e Marisa Merz è allevato dalla Razza della Sila, ed è allenato da Stéphane Wattel. Niente da fare invece per Jiroft (Blu Air Force) in Inghilterra. Venerdì a Newcastle è arrivato settimo in handicap sui 1000 metri, non lontano dai primi comunque. Da quando è stato acquistato e trasferito da Robert Cowell, in tre corse non si è mai piazzato. Ad HK intanto, ha corso già Castello Aragonese (Authorized) con il nome di Happy Summer (prima era ancora diverso, My Sum Shine). Comunque, in due uscite, un 10º e 12º posto. I video delle prestazioni QUI e QUI

Primo vincitore per il first crop sire Champs Elysees al Curragh. Nella stessa corsa anche una mezza sorella di Joanna e Cazals..

Avenue Gabriel prima vincitrice
per
Champs Elysees. Alle sue spalle Snow
Il Banstead Manor Stud festeggia il first season sire Champs Elysees (Danehill), rappresentato dal primo vincitore della sua carriera di stallone grazie ad Avenue Gabriel la quale ha vinto una qualitativa maiden al Curragh per puledri di due anni. La due anni, allenata da Paul Deegan, ha siglato presentandosi in ottimo stile con in sella Chris Hayes e rifinendo i 1400 metri in 1m 25.36s. Allevata dal Plantation Stud è prodotto della vincitrice di Oaks G1 Lady Carla (Caerleon). Il papà come detto è Champs Elysees, che è stato un campione in corsa in Nordamerica (Canadian Horse of the Year e Champion Older Horse), per le vittorie nelle Northern Dancer Turf Stakes, nella Hollywood Cup e nel Canadian International Stakes G1. Figlio di Danehill (Danzig), Champs è prodotto della wonder mare Hasili (Kahyasi), la cui progenie vanta vittorie o piazzamenti in 51 G1, ed è rappresentata da Dansili, Cacique, Banks Hill, Intercontinental tutti da Danehill ed Heat Haze (Green Desert). Champs Elysees funziona in razza per €7,500. 
Nella stessa maiden correva anche Snow (Galileo), una portacolori Coolmore con Joseph O'Brien che era favoritissima al betting ma è giunta solo al quinto posto dopo un percorso non facile, sopraggiungendo nelle fasi finali (nella foto in alto, è quella con la giubba blu e cap a strisce arancio). Si tratta di una cavalla allevata da Giovanni Faldutto, è prodotto di Secrete Marina (Mujadil) dunque mezza sorella della campionessa Joanna (High Chaparral), piazzata di G1 nel Prix Maurice De Gheest G1, nel Prix Marcel Boussac G1 e nelle Poule D'Essai Des Pouliches G1 e vincitrice di varie Graded, e Cazals (Aussie Rules), secondo di Derby G2 e Champions & Chater Cup G1 sotto il nome di Willie Cazals. Snow era stata acquistata da Demi O'Byrne per €280,000 alle Arqana del 2012, corre sotto i colori di Michael Tabor, Derrick Smith & Mrs John Magnier. Ne risentiremo comunque parlare, ha l'iscrizione alle Moyglare Stud Stakes G1 del Curragh il 1° di Settmebre. Il video della corsa cliccando su questo LINK

venerdì 28 giugno 2013

Domenica il Primi Passi ma non c'è Crissolo! Match tra imbattuti Quiz Evolution, Omaticaya, Arpinati e Seaside Runner. De Montel e Mantovani, ecco i promettenti 2 anni della domenica in chiave futura. Studia attraverso i video...

Omaticaya solitaria sul traguardo del Perrone.
Riuscirà a replicare anche a San Siro?
Ultimo weekend di livello in Italia, prima della chiusura estiva. Milano lascerà il testimone alle Bettole di Varese, mentre al sud tutto tace in una sacculinizzazione dell'ippica. Cosa offre San Siro? Primi Passi, De Montel, Mantovani e Giubileo ma dopo un veloce sguardo, risulta una mancanza evidente: Crissolo non c'è. Ed è questa la prima notizia. Che fine ha fatto il cavallo più atteso? Nulla di grave, pare che il figlio di Red Rocks (Galileo) abbia avuto un leggero affaticamento dopo un buon lavoro e dunque Bruno Grizzetti ha prudenzialmente deciso di bypassare l'evento. Restano comunque aperte le opzioni estive, compreso il Papin G2 accennato dopo il debutto. Via libera per gli altri, Grizzetti comunque ci sarà in una corsa che ha vinto tre volte in carriera (Della Scala 1997, Rolly Polly 2000 e Orpen Shadow nel 2009) e si presenta con Quiz Evolution (Mujahid) forte di due affermazioni convincenti e Grey Greezly (Red Rocks), che sembrava destinato al De Montel. Il Mujahid (Danzig) si è trasformato letteralmente dopo una castrazione antecedente al debutto, darà filo da torcere ad Arpinati (Lucky Story) autore di un debutto notevole dopo partenza al rallentatore e soprattutto ad Omaticaya (Bernstein), vincitrice del Perrone praticamente in canter o per dispersione, scegliete voi. Cambiano i parziali a San Siro, ma la sensazione è che se l'Omaticaya vista replicherà la prestazione, non ce ne sarà per nessuno. Ed occhio anche al vecchio marpione di Bob Brogi che presenta un Seaside Runner (Excellent Art) il quale ha debuttato col botto. E' un cavallo di mole, bello e di mezzi, Demurizzato per l'occasione. Occhio! Sarà un match tra imbattuti. Studia il Primi Passi attraverso i contributi video, cliccando sul nome di QUIZ EVOLUTION, OMATICAYA, ARPINATI, SEASIDE RUNNER
A proposito di Demuro, Cristian, a breve diventerà "Die Ratte", cioè il Sorcio in tedesco. E' stato infatti ingaggiato per due mesi dal Gestüt Schlenderhan del Barone von Ullman, e come primo impegno di livello hsi è accaparrato la sella di Ivanhowe (Soldier Hollow), il favorito del Derby del 7 Luglio ad Amburgo. Bel colpo, con sfortuna per Adrie de Vries infortunato. Cristian partirà domenica sera con destinazione Düsseldorf. Domani in edicola trovi l'articolo con relativa intervista sul Trotto&Turf.
Tornando a San Siro, in apertura il De Montel con occhi puntati su Fanoulpifer (High Chaparral), consanguineo del campione Falbrav (Fairy King), contro il talentuoso Dress Drive (Yeats). Studia il De Montel attraverso i contributi video di FANOULPIFER e DRESS DRIVE. La quinta corsa è il Giubileo G3 sui 1800, con in pista Orpello, Pattaya e Wild Wolf per confermare il Milano G1. La sesta corsa è il Mantovani Lr che ricorda il famoso proprietario della Mantova, per femmine, bella ed aperta con tanti motivi. La Riccardi Konkan per provare un anno dopo Tuttipaesi, poi Pupa di Saronno chiacchierata, Rayos Del Sol straripante al debutto, Black Elegance per i colori del Team Valor e Vallecupa, un anno dopo Punta Stella per Daniele Zarroli. Studia il Mantovani attraverso i contributi di RAYOS DEL SOL, BLACK ELEGANCE, PUPA DI SARONNO, VALLECUPA e KONKAN. Ecco il programma delle corse di domenica, cliccando QUI

giovedì 27 giugno 2013

Programmi per tutti: Sky Lantern contro le anziane nelle Falmouth, Eclipse di Sandown per Al Kazeem. Dawn Approach vs Toronado rivincita nelle Sussex, Sole Power sfida July Cup..ecco tutti i programmi dei campioni del periodo

Programmi da campioni: Si parla di obiettivi, a medio e lungo termine per quelli che sono i protagonisti della stagione. A breve termine, da confermare sabato l'Irish Derby senza però Battle Of Marengo (Galileo) dirottato verso il Jean Prat G1 per una riconversione sul miglio di Chantilly. Dunque nel Derby via libera per Ruler Of The World (Galileo) con in sella Joseph O'Brien e non Ryan Moore come sembrerebbe anche se non sono state sciolte tutte le riserve ad oggi. 
Sky Lantern (Red Clubs), vincitrice impressionante delle Coronation Stakes G1 al Royal Ascot (di gran lunga secondo noi la miglior prestazione del meeting), cercherà di migliorarsi ulteriormente e in modo coraggioso affronterà le anziane nelle Falmouth Stakes G1 del 12 Luglio prossimo a Newmarket. La grigia è apparsa ancora più bella delle Ghinee ed ulteriormente irrobustita, ha dato una grossa dimostrazione della sua qualità ed è sembrata migliorata anche a livello di prestazione. Mentre Just The Judge (Lawman), la sua avversaria nelle Coronation, correrà le Nassau Stakes G1 nel Glorious Goodwood meeting di fine Luglio.
Per Sole Power (Kyllachy), altro protagonista del Royal Meeting con la vittoria nelle King's Stand, ha parlato il suo allenatore Eddie Lynam il quale ha dichiarato il prossimo target del sei anni. Sempre July Meeting a Newmarket, e dunque il contesto della July Cup del 13 Luglio. Alla prova in velocità dovrebbero partecipare anche Lethal Force (Dark Angel), vincitore delle Diamond Jubilee Stakes G1 per Clive Cox, con l'altro di scuderia Reckless Abandon (Exchange Rate). Previste anche le presenze degli extraeuropei Shea Shea (National Emblem), il suo compagno Soft Falling Rain (National Assembly) imbattuto in 7 uscite per Mike de Kock, poi ci dovrebbe essere Krypton Factor (Kyllachy) dal Bahrain, Shamexpress (O’Reilly) dall' Australia ed il nordamericano Havelock (Great Notion).
Niente King George Vi & Queen Elizabeth II Stakes G1 invece per Al Kazeem (Dubawi). Lo ha riferito Roger Charlton il quale ha spiegato che il figlio di Dubawi (Dubai Millennium) parteciperà nelle Coral-Eclipse Stakes di Sandown il 6 Luglio prossimo, e poi eventualmente tentare nell'Arc de Triomphe nella prima domenica di Ottobre a Longchamp. Una cosa è certa, rimarrà sul miglio e mezzo. 
A fine Luglio (il 31) invece, ci sarà il re-match delle St James's Palace Stakes tra Dawn Approach (New Approach) e Toronado (High Chaparral) per una rivincita attesissima. I due sono anche iscritti alle Juddmonte International Stakes G1 di York sui 2000 metri del 21 Agosto prossimo. L'alternativa è che i due partecipino anche al Prix Jacques le Marois di Deauville sul miglio. 
Un pò d'italianità in Inghilterra. La campionessa del Carlo Chiesa G3 Bettolle (Blu Air Force) parteciperà a metà Luglio alle Summer Stakes G3 di York sui 1200 metri per femmine di 3 anni ed oltre. Attualmente è a Newmarket da Marco Botti ed è in preparazione. 
Per quanto riguarda invece il Giapponese Gold Ship (Stay Gold), recente vincitore del Takarazuka Kinen G1, era in odore di partecipazione all'Arc de Triomphe G1 di Ottobre ma il suo allenatore Naosuke Sugai ha recentemente dichiarato che fino a fine 2013 correrà in Giappone e che preferisce affrontare Orfevre (Stay Gold) prima in Giappone e poi in Europa. Orfevre ha saltato recentemente il match a causa di una setola, ma è programmato per il summit parigino di nuovo dopo il tentativo dello scorso anno quando finì in modo incredibile secondo. Ma Longchamp avrà comunque bandierine del Sol Levante in quantità notevoli, visto che Sei Ishizaka ha confermato la volontà di portarci Gentildonna (Deep Impact). Stessa cosa ha fatto Shozo Sasaki con il suo tre anni Kizuna (Deep Impact). Il piano di quest'ultimo è arrivare a Chantilly a Luglio per poi correre il Niel G2 del 15 Settembre come preparazione all'Arc. A proposito di antepost, Orfevre è favorito insieme a Intello e Ruler Of The World a 6/1.

mercoledì 26 giugno 2013

Sabato al Curragh l'Irish Derby: Rivincita di Epsom tra Ruler Of The World, Libertarian, Galileo Rock, Battle e non solo..

Non solo corse italiane, sabato al Curragh va in scena il Derby irlandese G1 per molti la rivincita di quello inglese. I primi 4 infatti si ritroveranno a battagliare dunque, nell'ordine quelli che sono arrivati ai primi 4 posti di Epsom. Il video del INVESTEC EPSOM DERBY CLICCANDO QUI: C'è Ruler Of The World (Galileo), Libertarian (New Approach), neo acquisto di Godolphin per i cui colori correrà, Galileo Rock (Galileo) e Battle Of Marengo (Galileo) reduce dal secondo posto nelle King Edward VII Stakes G2 ad Ascot alle spalle di Hillstar (Danehill Dancer), quest'ultimo che probabilmente andrà direttamente al St Leger G1. Ruler Of The World è ovviamente la speranza di Aidan O’Brien (in caso non corresse Battle destinato al Jean Prat, niente Ryan Moore e sella a Joseph O'Brien per Ruler) per cercare di vincere l'11 volta l'Irish Derby (e l'8° di seguito). Il suo allenatore lo ha descritto cresciuto ed in forma per l'appuntamento. Libertarian, supplementato per l'occasione, è stato descritto in forma terrificante, progredito ulteriormente dal Derby e perfetto per il Curragh da Karl Burke, marito della sua allenatrice Elaine Burke. Avrà in sella William Buick. Confermato anche Galileo Rock da David Wachman che dovrebbe trovarsi meglio sul tracciato irlandese. Come detto, confermato anche Battle Of Marengo anche se per ora la linea del Derby verificata ad Ascot ha dimostrato di non essere solidissima. Infatti c'è anche un opzione Jean Prat G1 per Battle. Ci sarà anche Sugar Boy (Authorized) in rappresentanza di Patrick Prendergast, neo acquisto di Sheikh Mohammed bin Khalifa Al Maktoum che lo ha comprato recentemente in una trattativa mediata dalla Blandford Bloodstock. Dopo il Derby irlandese, dovrebbe raggiungere le scuderie di Mike de Kock. Il figlio di Authorized (Montjeu) non corre dal 26 Aprile scorso, cioè dalla vittoria del Derby Trial G3 di Sandown, prima ancora era arrivato alle spalle di Battle Of Marengo nelle Ballysax G3. Ci sarà Jim Bolger che vinse il Derby Irlandese per la prima ed unica volta con St Jovite 21 anni fa. Il trainer irlandese ci sarà con Trading Leather (Teofilo), un cavallo che ha preso le sue linee in occasione delle Dante Stakes (secondo di Libertarian), nelle Irish 2000 Guineas (terzo di Magician) e nelle Silver Stakes del Curragh dando una bella impressione. Ecco l'antepost per il Derby: Ruler Of The World a 5/4 è il favorito, poi 4/1 per Libertarian, 5/1 per Battle Of Marengo e Trading Leather, 13/2 per Galileo Rock e Sugar Boy, 14/1 Festive Cheer, 20/1 Little White Cloud, 33/1 Cap O’ Rushes e Count Of Limonade e 66/1 Ralston Road.

martedì 25 giugno 2013

Classifiche #puledri in Europa: #Iffraaj guida per somme vinte (£159,000), #Kodiac per numero di vincitori (14). Tra i first crop sires in testa Dandy Man, poi Mastercraftsman, Red Rocks, Intense Focus....

A tutto classifiche, in questa sede parliamo di quella che riguarda i padri di due anni, indistintamente che siano alla prima annata di produzione in pista oppure no. Al momento, nel 2013 e fino ad oggi, comanda Iffraaj (Zafonic), campione dei padri di due anni qualche anno fa e sempre al top per quanto riguarda i puledri. Il figlio di Zafonic al momento ha 8 rappresentanti vincitori per £159,256 in somme vinte. Proprio le somme vinte a fare premio, perchè a livello di vincitori un maggior numero ne hanno Kodiac (Danehill), Footstepsinthesand (Giant's Causeway) e il first crop sire Dandy Man (Mozart), con rispettivamente 11 e 10 vincitori. Ma parliamo di soldi: Kodiac, mezzo fratello di Invincible Spirit, ha 14 vincitori (su 98 nati e 36 che hanno corso), per somme vinte quantificabili esattamente in £88,459. Kodiac ha avuto un ottima riuscita in razza sinora, ed è ricercato molto a livello commerciale. Kodiac funziona al Tally Ho Stud per €7,500. Poi: Footstepsinthesand, stallone Coolmore che funziona in Irlanda per €10,000, vanta vittorie per £154,457 come da grafica. Dandy Man ha avuto un impatto notevole come stallone, tanto che i suoi 10 esponenti (i migliori sono Parbold secondo delle Coventry G2 e Extortionist vincitore delle Windsor Castle Listed) hanno fatto mettere in cascina più di £132,000. Dandy Man, che correva per i colori Godolphin, funziona al Ballyhane Stud in Irlanda per sole €4,000 ma c'è modo di pensare ad un sostanziale ritocco all'insù del suo tasso nel 2014. Di fatto la sua è una percentuale winners/runners alta, del 38%, frutto della scrematura di 73 foal nati, 26 che hanno corso e 10, appunto, che hanno vinto. A proposito di First Crop Sires, rinnoviamo l'invito a visionare le classifiche del concorso su www.stallionguide.com. Il secondo stallone, con il maggior numero di vincitori dopo Dandy Man è Bushranger (Danetime) con 7 rappresentanti. Un pò pochino se pensiamo che ha ben 147 nati e 35 ne sono scesi in pista, con somme guadagnate per £50,000 circa complessivamente. Bene sta andando Mastercraftsman (Danehill Dancer) con i suoi 6 esponenti vincitori per £88,000 circa. Solo 19 hanno messo i piedi in pista (su 132 nati) ma media sinora abbastanza alta, con leader quel Pablosky vincitore del Giubilo e venduto qualche giorno fa ad Hong Kong con trattativa mediata da Federico Barberini.
Con 5 vincitori ci sono......

Aste yearlings 2013 SGA & ITS: Venerdì 20 Settembre Settimo Milanese. Saranno in 146, ecco le anticipazioni e gli iscritti

Ecco il comunicato SGA/ITS pubblicato nella giornata di lunedì su IL PUROSANGUE di Corsa, Settimanale di informazione ippica a cura di A.N.A.C. e S.G.A., che anticipa qualcosa nella questione aste yearlings 2013 in programma venerdì 20 Settembre 2013 a Milano per i nati 2012: Abbiamo dato i numeri e il totale è 146. Fuori di metafora, il catalogo della Selezionata 2013 è fatto e in luglio sarà on line (anche disponibile sulle App per iPad e iPhone di equineline). Nelle pagine seguenti (da pag 3 del file fruibile più sotto) troverete la lista dei puledri, già in ordine di catalogo, e non vogliamo insegnare alla lepre come si corre. Leggeteli, studiate, approfondite! Il numero è calato, riflettendo e amplificando la contrazione della produzione nazionale che dal 2007 è scesa da 1870 a meno di 1200 puledri. All’asta del 2007 il catalogo comprendeva 360 puledri, ora sono meno della metà. Le stangate all’allevamento si sono fatte sentire, soprattutto nella fascia che definiremo “commerciale”. La sostanza, scorrendo il catalogo, è che molti di quelli che allevavano per vendere hanno ridotto, chi alleva per correre continua a farlo. Leggete gli iscritti, per le analisi abbiamo tutta l’estate. Per scaricare il Settimanale, Anno 2013 - Numero 24, leggere la rubrica a cura di Franco Raimondi (RaimondoVisione) e gli iscritti al catalogo delle selezionate, cliccare su questo LINK

#Politica ippica: firmato il decreto di #Semplificazione dal Ministro Saccomanni. Delega dei pagamenti 2013 a Ruffo della Scaletta.

Una piccola notizia positiva dal fronte della politica, nello stagno dell'ippica italiana: Da una riunione in programma ieri al Ministero dell'Agricoltura con Stefano Vaccari, dirigente delegato del Mipaaf, è emerso che finalmente il decreto di Semplificazione nella sua interezza è stato firmato anche dal ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni e dunque, per quanto riguarda la sezione ippica, questo significa che per tutto il 2013 i premi verranno pagati dall'ex Assi nella persona del delegato Francesco Ruffo senza (si spera) le eccessive lungaggini burocratiche degli ultimi mesi. Ovviamente il decreto per diventare operativo deve essere firmato dalla Corte dei Conti, e questa è ancora una lungaggine, ma si spera che almeno questa situazione possa risolversi in fretta, per evitare la paralisi del sistema nelle mani del Ministero, com'è stato finora con bonifici ancora non partiti, lavorazioni lente, errori di Iban etc etc. E' emersa anche un'altra questione nella succitata riunione, quella dei soldi del 2012 (i €17,5 Milioni), ma sembra che la la pratica sia in mano sempre a Saccomanni il quale, al momento, non ha firmato nulla. Domani il "nostro" Onorevole Fanucci riceverà dal Mef una risposta, speriamo esaustiva, alla sua interpellanza sui pagamenti. E intanto il tempo passa..

San Siro: Il 30 Giugno Primi Passi, De Montel e Mantovani con Lanfranco Dettori che torna a Milano. Ecco i rimasti per l'ultimo summit estivo di livello per i 2 anni italiani, prima della chiusura estiva

Sweet Hearth "vola" nel Primi Passi 2008
mentre era in lotta con Lui Rei, che poi vinse
Domenica 30 Giugno si corre ancora. A Milano c'è il Primi Passi G3, il De Montel Lr ed il Mantovani Lr (con Dettori ingaggiato per Black Elegance), l'ultima occasione per un 2 anni di mettersi in mostra su un circuito selettivo, prima delle vacanze forzate per molti dei protagonisti della stagione, i puledri..ovvero la linfa di ogni scuderia. Peccato, senza il tour dei Criterium (Labronico, Partenopeo), che ci piaceva parecchio, sarà un'estate ancora più torrida e noiosa. Peggio è andata a proprietari ed allenatori che non sanno davvero dove far correre i loro due anni a meno di non andare in Francia a tentare la sorte e cercare fortuna (è un idea che sta prendendo in considerazione Gianluca Bietolini che ha fatto un sopralluogo a Maisons-Laffitte, ed è in procinto di spostarsi con i suoi "Kitten's Joy" di Mr Ramsey e Gordol Du Mes). Noi che si fa? In Italia riposo forzato, dovremo accontentarci di qualcosa di diverso con la chiusura di Livorno ed Agnano, quelle di San Siro e Capannelle programmate ed i circuiti di Varese e Grosseto per fortuna ancora attivi. Nel frattempo, ci sta alla grande uno studio dei pedigree e del catalogo delle aste selezionate 2013 organizzate dalla SGA ed ITS in partnership, programmate a Milano il 20 Settembre. Ne parleremo in un post a parte, intanto prepariamoci alla domenica di livello. Saranno in pochi, ma buoni. Senza Pablosky (Mastercraftsman) venduto qualche giorno fa, ci sarà lo scontro tra gli imbattuti rimasti in Italia nella prima Pattern per i due anni. Crissolo (Red Rocks) contro Arpinati (Lucky Story), Quiz Evolution (Mujahid) e la terribile Omaticaya (Bernstein), che affronta la trasferta milanese forte della vittoria per dispersione nel Perrone. In neretto i probabili partenti del Primi Passi. NB: Grey Greezly dovrebbe correre il De Montel, mentre Vitesse Song (Shamdinan) è rimasta iscritta ma difficilmente correrà: Vale la pena dire che è il primo prodotto di Magritte (Modigliani) che vinse il Primi Passi G3 nel 2007, ma sua figlia non ha ancora debuttato per problemi dietro alle gabbie qualche giorno fa. Nel Mantovani un motivo in più per essere presenti all'ippodromo. Torna a casa Lanfranco Dettori, ingaggiato dal Team Valor per montare Black Elegance (Footstepsinthesand), puledra acquistata dopo il debutto vittorioso a San Siro il 1 Giugno scorso, che tenterà il summit a livello di Stakes prima di essere trasferita negli Usa. Un esperimento nello stile Tuttipaesi l'anno scorso. Intanto, l'albo d'oro del Primi Passi cliccando QUI
Premio PRIMI PASSI 77.000 GRUPPO III 2 m.1200 (P.Dritta II Trag.): ARPINATI(56), CRISSOLO(56), GREY GREEZLY(56), OMATICAYA(54½), QUIZ EVOLUTION(56), SEASIDE RUNNER(56), VITESSE SONG(54½), ( 7 )
Premio GIUSEPPE DE MONTEL 41.800 LISTED RACE maschi e castroni 2 m.1500 (P.Media)
ARPINATI, BOOGY MAN, BRIDGE GHOSTLY, CRISSOLO, DRESS DRIVE, FANOULPIFER, GIANT DIAMOND, GREY GREEZLY, GREY STORM, HOOVERGETTHEKEYS, ILNASSA, KVENTIN, LAGUNA DRIVE, LORENZO D'ARCADIA, LUX FULGENTI, MATTIA WELCOME, PATON SUR, QUIZ EVOLUTION, SAGAL NEL VENTO, SCHIAMAN FORCE, SENTIMENTODARCADIA, SIR GIN, SIR SPENCER, THIBODEAU, UNIRAM, ( 25 )
Premio MANTOVANI 41.800 LISTED RACE femmine 2 m.1500 (P.Media)
APOCALITTICA, BLACK ELEGANCE, BORELY, BRIDGE ARABRAB, CONCERTO FINALE, DENUSA, DIMONTINA, DRAGORAMA, END OF SEASON, GREEN HARBOUR, KONKAN, LADY DUTCH, LADY PENKO, MOSSA STRATEGICA, MOUNTAIN WAY, PRETZHOF, PROVA A PRENDERMI, PUNTA VENTOS, PUPA DI SARONNO, RAYOS DE SOL, RIVA DEI PINI, SEINELLANIMA, SOPRAN RE ROSA, TUCCI, VAGUE NOUVELLE, VALLECUPA, VITESSE SONG, ( 27 )

domenica 23 giugno 2013

San Siro: #Licia domina l'Incisa, battuta Shirley's Kitten. Nel Gran Premio D'Italia di rabbia #Demeteor, nel Mezzanotte emerge Lili Moon. E domenica prossima il Primi Passi, De Montel e Mantovani..

Ha vinto la più forte. Cioè, la progressiva Licia (Singspiel), 4° delle Oaks G2 del mese scorso, che ha meritatamente dominato l'edizione 2013 dell'Incisa G3 mostrando delle potenzialità da cavalla superiore da tipica figlia di Singspiel. Il terreno scorrevole, l'esperienza accumulata nella stagione, ma soprattutto una andatura più che decente impostata da Night Of Light hanno fatto si che la favorita di proprietà della Quafin vincesse in grandissimo stile, con un Cristian Demuro confidente in sella. Ha concluso con del buono in mano, almeno 4 le lunghezze di margine sulle altre che si sono piazzate. A rimorchio sono arrivate infatti Shirley's Kitten (Kitten's Joy) che ha dimostrato una continuità di rendimento nel corso della stagione (si parla di offerte per lei in fase di valutazione) con Mangiapregaama (Dubawi) che ha catturato il terzo nel finale a Lucky Serena (Bertolini), la quale non ha trovato un percorso pulitissimo. Comunque, tempo sui 2000 metri di San Siro, di 2m 1.30s. Non malaccio. Il risultato completo cliccando QUI.
Nel Paolo Mezzanotte Lr sui 2200 metri per femmine anziane, ha risolto Lili Moon (Desert Prince) con Benjamin Clös in sella per Glanz Werner al training. Ha disposto di una coraggiosa Summer Fall (Mizzen Mast) che le ha portato un duro attacco, ma alla fine si è dovuta inchinare allo strapotere della tedesca. Terza Regina Mundi (Montjeu), emersa su Valvibrata (Mujahid) che ha tenuto su French Quebec. Lili Moon non era favorita ma ha vinto, ed è quello che conta.. poi, per i soldi, chissà quando li vedrà.
Sul miglio e mezzo del Gran Premio D'Italia Lr, strepitosa prestazione dell'Olmo Demeteor (Mujahid) che finalmente ha conosciuto il suo giorno di gloria dopo tanti piazzamenti. Il coraggio però non è mai mancato e nemmeno le prestazioni per il coriaceo cavallo allenato da Riccardo Menichetti che anche stavolta ha faticato e non poco. Demeteor, con Luca Maniezzi in sella, ha dovuto anticipare lo sforzo a metà retta sul calo di Palmieri, e una volta trovatosi isolato si è deconcentrato ma quando dal centro della pista si è proposto minacciosissimo Pietro Il Grande (Sakhee), il nostro è ripartito di slancio dallo steccato ed in lotta ha vinto per il tempo di galoppo a suo favore. Muso! Terzo è finito Keshiro (Shirocco), in progressione finale. Vittoria meritata per un cavallo che non si risparmia mai e che nel Derby era stato quinto, ma avrebbe potuto ottenere qualcosina in più. TUTTI I VIDEO DELLA GIORNATA DI MILANO, COMPRESO SAN SIRO REPLAY LI PUOI VEDERE CLICCANDO QUI

Francia: #Novellist di forza nel Grand Prix de Saint-Cloud, #Cirrus solo quinto. Ora assalto alle King George del 27 Luglio. Nel Malleret Umbertino Rispoli su Pacific Rim per Delzangles e Wildenstein

Vedrà prima quelli francesi di Giugno che quelli italiani di Ottobre 2012. Parliamo di Euro e del tedesco Novellist (Monsun) che ha portato a casa gioco, partita ed incontro nel Grand Prix de Saint-Cloud G1 (VIDEO QUI), riuscendo a dare seguito alla vittoria del Jockey Club milanese di Ottobre ed al rientro vittorioso di Baden Baden il mese scorso nel GROSSER PREIS DER BADISCHEN UNTERNEHMER G2 dimostrando di andare forte, di avere brillantezza, tenuta e proponendosi come uno dei migliori anziani nel panorama europeo. Con Ryan Lee Moore in sella, ingaggiato appositamente per questa (non a caso), il Monsun di Andreas Wohler, allevato e di proprietà del Dr Christoph Berglar, ha preso le consegne di Lateran Accord poco prima dell'ingresso in dirittura, e quando questo si è spostato ha dato spazio al 4 anni che ha fatto tutta la retta in progressione, attaccando Cirrus Des Aigles (Even Top) e mettendolo quasi di passo nella fase finale. In crescendo sono finiti Dunaden (Nicobar) e la femmina Haya Landa (Lando), con al quarto Meleagros e Cirrus, che ha pagato il rientro, finito addirittura al 5° posto in calo finale. Tempo finale di 2m 31.12s (slow by 0.62s).
Per Novellist si parla di King George VI And Queen Elizabeth Stakes G1 del 27 Luglio prossimo ad Ascot con sfida lanciata a Al Kazeem (Dubawi), attualmente favorito in antepost a 6/4. Novellist è proposto a 6/1 come Pastorius e Ruler Of The World, Cirrus è a 4, St Nicholas Abbey a 5/2. Novellist è un cavallo che va forte, in carriera ha sbagliato poco, il suo lifetime parla di 9 corse, 7 vittorie e due piazzamenti, uno è stato il secondo posto nel Derby di Pastorius mentre l'altro, il peggiore, nel Grosser Preis von Baden di Settembre dove fu quarto di Danedream al rientro. Un bottino di €576,560. Il risultato completo del GP de Saint-Cloud QUI.
Poco prima soddisfazione italiana nel Malleret G2 per femmine di tre anni sul miglio e mezzo, con Umberto Rispoli che ha mostrato ancora una volta tutte le sue doti di grande cravache in sella a Pacific Rim (Singspiel) per Mikel Delzangles ed i nobili colori della famiglia Wildenstein. Dopo corsa di attesa, è emersa nei confronti di Chalnetta (Oratorio) e Orion Love (Zamindar). Per Pacific Rim è la terza vittoria consecutiva in 4 corse per €117,500 guadagnati sinora, è migliorata prova dopo prova ed ora tenterà il Vermeille G1 a Settembre, come obiettivo naturale. Per Umberto è la 18° affermazione in Francia in questo 2013. IL VIDEO DEL MALLERET QUI. Il risultato completo del Malleret QUI.
In tema di fantini all'estero e di Germania, da menzionare la trasferta di Mirco Demuro ed Andrea Atzeni a Dortmund per montare il Grosser Preis Der Wirtschaft G3 dove il miglior piazzamento l'ha ottenuto Mirco su Global Thrill (Bg Shuffle) con un terzo posto, mentre Atzeni su Samba Brazil (Teofilo) è arrivato sesto. La vittoria è andata a Neatico (Medicean) con Andrasch Starke per Peter Schiergen su Empire Storm (Storming Home) per Andreas Wohler con Edu Pedroza. Per Andrea Atzeni in giornata un secondo posto su Gitana, cavalla allenata da Uwe Stoltefuß. 

Giappone: Gold Ship vince il Takarazuka Kinen. Il grigio ha come obiettivi l'Arc de Triomphe o la Breeders' Cup Turf

Gold Ship (Stay Gold) è tornato. Ad Hanshin è andata in scena l'edizione 2013 del Takarazuka Kinen G1 con il grigione che si è rifatto della sconfitta patita nel Tenno Sho G1 di primavera a favore di Fenomeno (Stay Gold) ribaltando il risultato con una affermazione per 3 lunghezze e mezzo di margine nei confronti di Danon Ballade (Deep Impact) e la favorita Gentildonna (Deep Impact) con Fenomeno appunto 4°. Gold Ship è un homebred di Eiichi Kobayashi che aveva in sella Hiroyuki Uchida, ed il Takarazuka Kinen, che serve anche come wild card per la Breeders' Cup Turf, è servita al cavallo allenato da Naosuke Sugai di mettere le cose in chiaro prima di andare a riposo e tentare l'eventuale trasferta europea verso l'Arc de Triomphe G1 o verso l'autunno americano. Gold Ship non aveva contro Orfevre (Stay Gold) che ha saltato l'appuntamento, ma ha dato comunque una dimostrazione di forza sui 2200 metri completati con una progressione ficcante con tempo finale di 2:13.2 con i seguenti parziali di 12.7 - 11.0 - 11.0 - 11.9 - 11.9 - 12.0 - 12.3 - 12.4 - 12.7 - 12.7 - 12.6, gli ultimi 800 finiti in 50.4 e gli ultimi 600 in 38.0. Gold Ship è stato leader della sua generazione dei tre anni nel 2012, grazie alle vittorie nel Satsuki Sho (Japanese 2000 Guineas) G1 e del Kikuka Sho (St Leger Jap), passando comunque per un quinto posto nel Derby Giapponese (Tokyo Yushun). Cavallo un filo discontinuo ma dalla sicura potenza di fuoco, aveva vinto anche l'Arima Kinen G1 del 23 Dicembre scorso. Con questa vittoria ha incrementato il suo bottino di ¥ 134,352,000, portandolo così a ¥ 847,985,000 con le principali affermazioni nel Kikuka Sho (Japanese St. Leger, G1, 3,000m), nel Satsuki Sho (Japanese 2000 Guineas, G1, 2,000m), nell'Hanshin Daishoten (G2, 3,000m) nel 2013, e prima ancora il Kobe Shimbun Hai (G2, 2,400m) ed il Kyodo News Service Hai (G3, 1,800m). Il video del Takarazuka Kinen QUI

sabato 22 giugno 2013

Report #RoyalAscot day 5: Tragico epilogo nelle Hardwicke, vince Thomas Chippendale e subisce un attacco di cuore. Cade anche Ektihaam sulla prima curva. Lethal Force domina Society Rock nelle Diamond Jubilee G1

Triste, tristissimo ultimo giorno di Ascot. Nelle Hardwicke Stakes G2 epilogo drammatico per il vincitore Thomas Chippendale (Dansili) che subito dopo il traguardo passato da vincitore è collassato ed è poco dopo deceduto a causa di un attacco di cuore. Dolore che si aggiunge a dolore per Lady Cecil che lo aveva preparato insieme a Sir Henry. Per la cronaca, ma a questo punto importa poco, Ektihaam (Invincible Spirit) è caduto sulla prima curva a causa di una brutta scivolata, complice violento scroscio d'acqua prima dell'inizio del meeting, che ha scodellato in terra Paul Hanagan, senza conseguenze gravissime comunque per il fantino. Secondo è arrivato Dandino (Dansili) e terzo Universal (Dubawi). Video HARDWICKE STAKES QUI. A Thomas Chippendale dedichiamo la copertina, una tragedia inaspettata per l'eroe della giornata. 
Nelle Diamond Jubilee Stakes G1 a vincere è stato il grigione di Clive Cox Lethal Force (Dark Angel) che ha ribaltato il riferimento con Society Rock (Rock Of Gibraltar) nelle Duke Of York Stakes G2 dello scorso mese. Society ha recuperato molto terreno (ai 300 neanche si vedeva) ma Lethal Force, che aveva in sella Adam Kirby, e che partiva dal 15 di steccato, aveva già accumulato lunghezze e fatto i conti in modo giusto. Ancora una giornata all'insegna degli steccati larghi. Terzo è finito Krypton Factor (Kyllachy) e quarto un coraggioso Gordon Lord Byron (Byron), finito terzo nelle Duke Of York poco fa citate. Tempo di 1m 13.36s (slow by 0.96s). Video (quello giusto) DIAMOND JUBILEE STAKES
In apertura le Chesham Stakes sui 1400 con vittoria che, curiosamente, è andata a....Berkshire, cioè praticamente la zona dove sorge l'ippodromo di Ascot. Dunque non poteva essere altrimenti per il figlio di Mount Nelson (Rock of Gibraltar), con Jim Crowley per Paul Cole, che ha battuto lo stimato Bunker (Hurricane Run) ed Ihtimal (Shamardal) la femmina di Godolphin giocatissima. Tempo di 1m 28.46s (slow by 2.46s)
Nelle Wokingham Stakes, affollatissimo heritage handicap sui 1200, a vincere è stato York Glory (Five Star Day) che con Jamie Spencer veniva dal fondo ed ha battuto Shropshire, Dinkum Diamond e Khubala con Lanfranco, ancora al quarto posto. Tempo, sui 1200, di 1m 13.79s (slow by 1.39s)
SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI

Supermarket Italia: Dopo Pablosky anche Best Tango, vincitore del Premio #Parioli, venduto ad Hong Kong. Fuori un altro, chi sarà il prossimo?

Fuori un altro. Alla lunga lista di cavalli venduti all'estero si è aggiunto nelle scorse ore anche Best Tango (Mujahid), vincitore del Premio Parioli G3, è finito nel carrello della spesa di acquirenti orientali ed a breve lascerà l'Italia e le scuderie di Gianluca Bietolini, come hanno fatto in precedenza Flying Zone e Kitten On The Run. La trattativa, condotta in Italia da Marco Bozzi, porterà il figlio di Mujahid (Danzig), un homebred della famiglia Tanghetti, verso Hong Kong dopo un periodo di quarantena in Inghilterra. L'unica nota positiva è che almeno, in qualche caso, vengono immessi capitali nel sistema. Nel caso di Best Tango, curiosamente, i soldi provenienti da Oriente arriveranno prima di quelli vinti in carriera dal pensionario (ormai ex) di Gianluca Bietolini. Best Tango ha infatti debuttato con una vittoria a Milano il 29 Agosto scorso..praticamente dal momento in cui si sono stoppati i pagamenti. Best Tango chiude la sua carriera in Italia con 8 corse disputate,  4 vittorie, 2 piazzamenti, un vittoria Classica un tentativo nel Derby non andato a segno, a fronte di un forziere fantasma di 84.762,00 fantaeuro, come credito.
Intanto è stata finalizzata nella giornata di ieri la trattativa che ha portato la vendita del 2 anni Pablosky (Mastercraftsman), vincitore del Premio Alberto Giubilo a Capannelle ad inizio mese. L'acquisto aveva subito un brusco rallentamento e dopo qualche giorno è ripartita spedita, come epilogo naturale per i presupposti che si erano venuti a creare, con la mediazione di Federico Barberini con Alastair Donald. Il figlio di Mastercraftsman (Danehill Dancer) lascerà le scuderie di Giuseppe Di Chio e raggiungerà Newmarket per la quarantena e poi solo andata verso Hong Kong e lo yard di John Moore a Sha Tin. L'allenatore nativo d'Australia ha avuto ottimi risultati già con Al Rep (Trade Fair), ora Packing Whiz, che ha vinto il Chairman’s Trophy G2 e si è piazzato nel Champions Mile G1. Pablosky ha vinto tre corse su tre per un margine complessivo di 11 lunghezze. Per i signor Esposito della Gies è stato un ottimo profit dopo che era stato pagato £20,000 alle DBS Premier Yearling Sale dalla intuizione di Gianluca Di Castelnuovo della New Racing Factory (www.newracingfactory.com)
Gli altri cavalli venduti nella stagione: Castello Aragonese, Cerro, Girl Of The Rain (in procinto di tornare in Europa secondo Barry Irwin dopo un paio di tentativi fuori quadro), Flying Zone, Kitten On The Run, Best Tango, Wish Came True, Ancient King, Tuttipaesi..senza contare quelli che a mente ci sono sfuggiti, gli anziani, i puledri appena venduti (già parecchi) e quelli in procinto di lasciare l'Italia che non menzioniamo ora, per non togliervi il gusto del prossimo post in proposito. E la fuga continua...

venerdì 21 giugno 2013

Report #RoyalAscot day 4: Sky Lantern impressiona nelle #Coronation Stakes. #Hillstar vince le King Edward VII su Battle Of Marengo, Queen's Vase a Leading Light con Boite terzo..il ricordo di Aidan O'Brien

ALBANY STAKES G3: Kiyoshi (Dubawi), per i colori della Qatar Racing, ha risolto con discreto finale nei confronti dlla favorita Sandiva (Footstepsinthesand) e l'altra attesa Joyeuse (Oasis Dream). Non una edizione apparentemente esaltante, anche se la vincitrice ha prodotto uno scarto evidentissimo che dal centro della pista l'ha portata a finire praticamente allo steccato e Jamie Spencer ha dovuto mettercela tutta per non complicare ulteriormente le cose. Tempo finale di 1m 13.82s (slow by 1.42s), prima vittoria al Royal Ascot per Charles Hills. Il video QUI
KING EDWARD VII STAKES: Sir Michael Stoute è tornato? Quasi. Di sicuro c'è che dopo la vittoria della Gold Cup nella giornata di giovedì, ha replicato nelle King Edward sul miglio e mezzo grazie al progressivo e tipico "Stoutiano" Hillstar (Danehill Dancer), cresciuto nel corso della stagione e secondo recentemente di Newbury Spring Cup Handicap. Il Danehill Dancer, montato ancora una volta perfettamente da Ryan Moore, dalle retrovie è piombato sul fuggitivo Battle of Marengo (Galileo), precedentemente quarto del Derby G1 di Epsom, e lo ha piegato nelle battute finali. Per Battle, si conferma la scarsa affidabilità del Derby (anche Chopin ieri nelle Tercentenary) ed una tendenza delle King Edward che difficilmente premia un partecipante di Epsom. Negli ultimi dieci anni solo Papal Bull (np nel Derby di Sir Percy), vinse qui battendo Red Rocks. Sulle sorti di Battle Of Marengo qualche "responsabilitatuccia" ce l'ha anche Joseph O'Brien che ha forse anticipato un pò troppo le mosse a palo lontano, facendogli pagare, oltre alle fatiche del Derby, anche le fatiche di una corsa nella quale aveva dovuto parare l'attacco di Contributer (High Chaparral) con Lanfranco Dettori. A lingua di fuori nella fase finale,, Terzo è arrivato l'ex imbattuto Mutashaded (Raven's Pass). VIDEO KING EDWARD VII QUI.
CORONATION STAKES: Forma inglese batte quella francese ed irlandese. Si può tradurre così l'esito delle Coronation con la vittoria impressionante andata alla grigia Sky Lantern (Red Clubs), già vincitrice delle 1000 Ghinee inglesi. Ancora più solida fisicamente che nelle precedenti (fonte Castelfranchi), è stata ben interpretata da Richard "Hughesie" Hughes il quale, con uno steccato 17, l'ha messa tranquilla a fondo gruppo per farle fare la volatona dal centro della pista e grazie ad una esplosiva accelerazione ha sorvolato il gruppo delle pretendenti, capitanate da Just The Judge (Lawman) e Kenhope (Kendargent), con quest'ultima, francese esponente di una Poule in sott'ordine, che ha conquistato il miglior piazzamento. Quarto ancora Lanfranco su Maureen (Holy Roman Emperor), sempre per Richard Hannon. La vincitrice, una figlia dello stallone deceduto Red Clubs (Red Ransom), ha rifinito il miglio in 1m 39.75s (fast by 0.25s). VIDEO CORONATION QUI.
WOLFERTON STAKES: Colpo a sorpresa per Forgotten Voice (Danehill Dancer), un 8 anni di Nicky Henderson e dunque con trascorsi in ostacoli, che ha messo tutta la sua esperienza e quella di quel volpone di Johnny Murtagh, attualmente il leading jockey del meeting, per battere Sheikhzayedroad (Dubawi) e Bana Wu (Shirocco). Da menzionare che la favoritissima Albasharah (Arch), finora imbattuta, che è rimasta sempre nelle retrovie con una corsa poco pulita, ha cercato varchi improponibili e solo nel finale si è proposta in una progressione notevole...Risultato: quinta, ma galoppava solo lei con improperi per Silvestre De Sousa, anche da parte di Franco Castelfranchi (testuale: da taglio di pxxxe": VIDEO QUI.
QUEEN'S VASE: Nella lunghissima (3200 metri) maratona che si correva in memoria di Sir Henry Cecil (tutti i jockey con il lutto al braccio) ha risolto Leading Light (Montjeu), un facoltoso e tardivo Montjeu (pagato gns520,000 da puledro) il quale, stavolta, è stato montato perfettamente da parte di figlio Joseph O'Brien per Padre Aidan O'Brien. In premiazione un Aidan O'Brien commosso ha voluto ricordare il Maestro Sir Henry Cecil citando un annedoto: "L'ultimo giorno che l'ho incontrato l'ho salutato dicendogli ciao. Pensavo non mi avesse visto o sentito, ma pochi passi dopo ho sentito la punta del suo piede sul mio sedere.. Era un uomo meraviglioso, è stato un privilegio averlo conosciuto...". Tornando alla cronaca: secondo è arrivato Feel Like Dancing (Galileo), mentre menzione particolare va fatta per Boite (Authorized), non piazzato del Derby Italiano G2 da co-favorito, che si è ripreso con gli interessi di quella brutta prestazione, al termine della quale erano emersi problemi di catarro (rumours). Peter Chapple-Hyam, per ripresentarlo al Royal Meeting, aveva infatti le sue ragione ed il cavallo di proprietà ed allevato dalla Eledy ha risposto con una bella progressione dal fondo del gruppo con Robert Havlin in sella. Il video del QUEEN'S VASE QUI
Seguiranno approfondimenti...

Report #RoyalAscot day3: #Estimate regala una storica Gold Cup G1 alla Regina Elisabetta II. Riposte in ricordo del Maestro Cecil nelle Ribblesdale

GOLD CUP: Tremendous and wonderful for British racing. Questo è stato secondo John Warren il terzo giorno di Royal Meeting ad Ascot. Ha vinto la Regina, e questo ha scatenato un eco in tutto il mondo per una giornata che rimarrà nella storia dell'ippica mondiale. A regalare il successo a Sua Maestà Elisabetta II è stata Estimate (Monsun) la quale ha vinto la Gold Cup G1 (VIDEO QUI) nel giorno più glamour e mondano dell'intero meeting e che ha regalato ad un regnante la vittoria in questa corsa dopo 207 anni di attesa..non era mai accaduto prima, dal 1807. Protagonisti: Sir Michael Stoute e Ryan Moore, rispettivamente allenatore e fantino della figlia di Monsun, attesissima dai bookmaker, che ha altresì regalato la 22° affermazione per la Regina al Royal Meeting. Scene di giubilo al momento del passaggio sul traguardo, con le telecamere inglesi che hanno inquadrato una Regina  nella Loggia reale, rapita nel momento di massima esaltazione di una corsa dopo 4 mila metri, vestita di un abito color glicine, mai scomposta nella sua esaltazione, che solo a tratti ha mostrato sprazzi di felicità. Se avesse potuto, avrebbe agitato in aria i pugni saltando e gridando come invece hanno fatto le principesse Beatrice ed Eugenia, scatenate in mezzo alla folla di 75 mila persone che riempivano lo storico ippodromo costruito tre secoli fa dalla Regina Anna e che Elisabetta frequenta ininterrottamente dal 1945, a pochi chilometri dal suo castello di Windsor. Elisabetta II ci è andata vicina allo scomporsi, scene indimenticabili che riportiamo documentandole. Lei, Estimate, sangue tedesco incrociato con il migliore sangue Aga Khan (Estimate è stato un regalo..regale) ha dato fondo a tutte le energie per tenere ad un paio di lunghezze di distanza Simenon, Top Trip e Colour Vision, finiti alle piazze. La Regina non vinceva a livello di G1 dal 1989, da quando Unknown Quantity vinse per la perfida Albione corsara in America l'Arlington Handicap nel 1989, prima ancora si ricordano le Oaks di Dunfermline nel 1977 ma gli interessi sportivi di rilievo partono dal 1953 quando Aureole fu secondo di Derby e successivamente vinse Coronation Cup e King George VI and Queen Elizabeth Stakes nel 1954 (perse da Pinza sia nelle King George che nel Derby). Tornando alle vicende di attualità, Estimate è stata allenata da Sua Altezza l'Aga Khan come regalo alla Regina in occasione del suo 80° compleanno. Lo scorso anno vinse il Queen's Vase e proprio in quella occasione Sheikh Mohammed gli profetizzò una vittoria nella Gold Cup l'anno successivo. Curiosamente in premiazione, abitualmente è lei a consegnare la coppa, ma stavolta l'ha ricevuta dalle mani del figlio, il principe Andrew.. Estimate è una figlia di Ebaziya (Darshaan), e dunque una mezza sorella di Enzeli (Kahyasi), che questa corsa la vinse nel 1999. Guarda tutti i video della Regina che esulta cliccando sui seguenti LINK: Queen 1; Queen 2; Queen 3
RIBBLESDALE STAKES G2: Nel resto del meeting, da celebrare anche una vittoria di Lady Jane Cecil nel ricordo del Maestro. Nelle Ribblesdale G2 (VIDEO QUI), non poteva essere altrimenti data l'affinità del Maestro con le femmine, a vincere è stata Riposte (Dansili) che ha battuto di un paio di lunghezze Just Pretending (Giant’s Causeway). Momenti di grande commozione per la moglie di Sir Henry Cecil che sta onorando al meglio il lavoro fatto fino alla sua morte del Maestro. E' una vittoria tutta dedicata a Warren Place ed al lavoro svolto in team. Curiosamente, Riposte fa parte della famiglia di Frankel. La mamma è Rainbow Lake (Rainbow Quest), mamma di Kind (Danehill) a sua volta madre del campione mondiale. E venerdì nelle Albany G3 corre Joyeuse (Oasis Dream), una sorella di Frankel.
TERCENTENARY STAKES: E sempre in tema di Juddmonte, poco dopo le Ribblesdale, nelle Tercentenary Stakes G3 (VIDEO QUI) a vincere è stato Remote (Dansili) stavolta per il training di John Gosden il quale aveva paura di correre per il terreno scorrevole, ma è stato invitato ad insistere dal Principe Khalid Abdulla con le seguenti parole: ‘John, I’m here, we run’. Remote ha battuto Shikarpour (Dr Fong) e Van Der Neer (Dutch Art) con Chopin (Santiago), uno dei più attesi al Derby, finito settimo e l'ex italiano Kitten On The Run (Kitten's Joy) solo ottavo. Remote, cresciutissimo nella stagione, è prodotto di Zenda (Zamindar), della famiglia femminile di Oasis Dream (Green Desert). Nota a margine, in riferimento a Cecil: ieri è stato confermato il ritiro in razza della campionessa Beauty Parlour (Deep Impact).
NORFOLK STAKES: In apertura di terzo giorno le Norfolk per puledri, e qui Wesley Ward ha messo tutta la sua conoscenza in fatto di corse per colpire il bersaglio a qualche giorno di distanza dalle Queen Mary G2 sfuggite di poco. Stavolta non ha fatto prigionieri grazie a No Nay Never (Scat Daddy) che in precedenza aveva debuttato e vinto sul polytrack di Keeneland. Il figlio di Scat Daddy, prodotto di Johannesburg (Hennessy) che vinse questa corsa nel 2011, ha fatto registrare il record della corsa sui 1000 metri in 58.80s (fast by 0.70s) ed ha battuto Coach House (Oasis Dream) per Aidan O'Brien ed il gruppo Coolmore, che possiede anche lo stallone del vincitore Scat Daddy in America (e sembra ci siano interessi anche in No Nay Never). Il video delle Norfolk QUI.

giovedì 20 giugno 2013

Godolphin: Acquistato #Libertarian, vincitore di Dante Stakes e secondo di Derby. Prossimo obiettivo Irish Derby al Curragh

Godolphin compra. Nelle scorse ore è stato perfezionato l'acquisto di Libertarian (New Approach), vincitore delle Dante Stakes G2 di York e secondo del Derby di Epsom G1 alle spalle di Ruler Of The World finendo forte. Il figlio di New Approach (Galileo), stallone che funziona per il Gruppo Darley di Sheikh Mohammed, rimarrà in allenamento da Mrs Elaine Burke almeno fino alla disputa dell'Irish Derby G1 al Curragh della settimana prossima dove correrà con la tipica giubba blue, poi prenderà la via di Newmarket come ha riferito il racing manager di Godolphin Simon Crisford sul sito www.godolphin.com "Siamo soddisfatti dell'acquisto di Libertarian (che ha un incrocio classicissimo), le sue prestazioni sono state finora eccellenti e pensiamo possa fare ancora qualcosa in più per il nostro team. Gli obiettivi a corto raggio sono quelli già prestabiliti da Elaine Burke, cioè correrà il Derby Irlandese della settimana prossima.

mercoledì 19 giugno 2013

Report #RoyalAscot Day 2: Al Kazeem piega Mukhadram nelle Prince Of Wales's. Gale Force Ten è il 40° per Padre Aidan...

Al Kazeem dall'esterno batte Mukhadram
Photo: Mathea Kelley
JERSEY STAKES G3: 38, 39 e 40. Ahh come corre il contavittorie di Aidan O'Brien al Royal Meeting. Nella prima prova della seconda giornata ha ottenuto il suo personale 40th vincitore grazie a Gale Force Ten (Oasis Dream) con Joseph O'Brien in sella, che dal centro della pista si è impegnato per piegare le velleità di un Montiridge (Ramonti) che sembrava vincitore poco prima del palo, ma comunque in versione super, con allo steccato delle tribune l'errante Tawhid (Invincible Spirit). Quarto è finito Garswood (Dutch Art). Gale Force Ten, che lo scorso anno aveva vinto le Norfolk qui ad Ascot, era terminato 4° nelle Poule d’Essai des Poulains G1 del 12 Maggio scorso a Longchamp e secondo nelle Irish 2,000 Guineas del Curragh dietro Magician 13 giorni dopo. Gale Force Ten era favorito a 4,5 ed il tempo finale sui 1400 in pista dritta è stato di 1m 25.32s (fast by 0.68s). Il risultato completo QUI. Il video delle JERSEY QUI.
DUKE OF CAMBRIDGE STAKES G2 (ex Windsor Forest Stakes): Ha risolto Duntle (Danehill Dancer) la quale, squalificata lo scorso anno nelle Matron Stakes G1 di Leopardstown, si è presa la rivincita quest'anno crescendo corsa dopo corsa e risolvendo in bel finale a 4 cavalle in lotta, nei confronti di Lady's First ((Dutch Art) per mezza lunghezza, con Dank (Dansili) al terzo. Lanfranco Dettori ancora quarto con Beatrice Aurore (Danehill Dancer). La vincitrice è allenata da David Wachman per la famiglia Niarchos, aveva in sella Wayne Lordan. Ancora irlandesi sugli scudi! Tempo finale di 1m 39.47s (slow by 0.47s). Risultato completo QUI, video Duke Of Cambridge QUI
PRINCE OF WALES'S STAKES G1: Al Kazeem (Dubawi) è il cavallo più in forma d'Europa al momento. Con un guizzo risolutivo ha raggiunto Mukhadram (Shamardal) sul quale Paul Hanagan pensava di aver fatto tutti i conti giusti scatenandosi in avanti in una sorta di falsa andatura (comunque ritmo onesto) con fuga in dirittura. James Doyle, alla prima vittoria al Royal Ascot prima di una tripletta d'autore, l'ha capito subito e non è rimasto troppo lontano dalla testa, raggiungendo l'Hamdan, lottando (nella foto) e sopravanzandolo nella fase finale nonostante questo abbia anteposto molto della sua fisicità. In tema di fantini, William Buick lontano dalla miglior forma, con un tempismo errato è finito forte su The Fugue (Dansili) la quale, comunque, al rientro e contro i maschi, ha corso alla grande. Quarto Camelot (Montjeu) ancora non al meglio...Il vincitore è un figlio di Dubawi (Dubai Millennium) di proprietà del signor Deer allenato da Roger Charlton, cresciuto tantissimo nella stagione. Imbattuto nel 2013, ha ottenuto il suo secondo G1 consecutivo. Per il vincitore tour estivo e forse il tentativo nell'Arc. Il tempo della corsa è stato di 2m 3.06s (fast by 2.54s), il risultato completo delle Prince Of Wales's Stakes QUI. Il video delle Prince Of Wales's Stakes QUI
Seguiranno aggiornamenti ed approfondimenti..

martedì 18 giugno 2013

Report #RoyalAscot: Declaration Of War di forza nelle Queen Anne, Sole Power all'ultimo tuffo nelle King's Stand. Dawn Approach torna ed in lotta risolve nelle St James's Palace Stakes, battuto Toronado di una corta testa. Nelle Coventry War Command

QUEEN ANNE STAKESInizio scintillante per il Coolmore nel Royal Ascot 2013! Il team di Ballydoyle ha vinto la prima battaglia nella lunga strada del meeting grazie ad un esaltante prestazione di Declaration Of War (War Front) nelle Queen Anne Stakes G1 (VIDEO QUI) che ha dato ad Aidan O'Brien il 38th vincitore nella storia del Royal Ascot. Il figlio di War Front (Danzig), con in sella Joseph O'Brien, è emerso negli ultimi 50 metri sul calo di Elusive Kate (Elusive Quality) quando questa, passata presto, ha finito per pagare il lungo rientro, comunque 4°. Declaration ha vinto per 3/4, il margine sarebbe potuto essere maggiore ma il varco non si è aperto subito (vedi Elusive Kate), ma è fuori di dubbio che Declaration si sia ampiamente rifatto della brutta prestazione nelle Lockinge G1 di Newbury il mese scorso. In lotta per le piazze sono finiti anche Aljamaaheer (Dubawi) e Gregorian (Clodovil), arrivati rispettivamente secondo e terzo, finito forte anche Trade Storm (Trade Fair) mentre nulla da fare per il favoritissimo Animal Kingdom (Leroidesanimaux), irriconoscibile ed intrappolato in una andatura lenta ed in un tipo di corsa non propriamente nelle proprie corde, è arrivato 11° su 13 senza mai essere della partita. Joseph O'Brien ha parlato dopo la corsa: "Non so cosa sia successo nelle Lockinge, ma mio padre ha detto che non era abbastanza in forma. Stavolta ha dato il 100%, è veramente un buon cavallo". In riferimento ad Animal Kindgom, che sembrava Dawn Approach nel Derby per come tirava, John Velazquez ha riferito con un laconico.."non era lui". Tempo finale sul miglio in pista dritta di 1.38.48 e quota del vincitore di 15/2.
KING'S STAND STAKES: Sole Power (Kyllachy) ha risolto all'ultimo tempo di galoppo, complice anche la fascia di terreno favorevole e lo steccato delle tribune, battendo di un soffio il favoritissimo sudafricano Shea Shea (National Emblem) sul quale Cristophe Soumillon credeva di aver fatto tutto secondo i piani. Si conferma lo scarso feeling del fantino francese con i tracciati inglesi. Terzo è arrivato in lotta, subito dietro ai primi, Pearl Secret (Compton Place). Il vincitore è uno specialista dei 1000 metri, ha sei anni ed è figlio di Kyllachy (Pivotal), stallone ricercatissimo in oriente per via del suo grande apporto di velocità, allenato da Edward Lynam e montato da quella volpe di Johnny Murtagh. Sole, che pagava 8/1, in Inghilterra ha ribaltato il riferimento di Marzo a Meydan, quando perse proprio dal Sudafricano nell'Al Quoz Sprint G1. Tempo finale di 58.88s (fast by 0.62s). Il video delle King's Stand Stakes QUI
ST JAMES PALACE'S STAKES: Jim Bolger è un fenomeno! E che carattere Dawn Approach (New Approach). A 17 giorni dal Derby il figlio di New Approach (Galileo) è stato ripresentato al meglio (stupendo al tondino) nelle St James's Palace Stakes (VIDEO QUI) ed è tornato ad essere se stesso: forte, combattivo e per nulla intimorito dalla lotta che si è venuta a creare dai 400 quando, complice un cross al centro della pista, è stato sbalzato verso l'esterno coinvolgendo anche Toronado (High Chaparral) con il quale si è staccato in una lotta furibonda protratta fin sul traguardo, bellissima. Il fotofinish ha decretato la vittoria del sauro di una corta testa, anche dopo intervento dei commissari per il cross a metà retta iniziato da Glory Awaits su Magician e a cascata sui primi due all'esterno con Toronado che ne ha fatto le spese in modo maggiore, per come viaggiava, e Manning, Hughes, O'Brien e Spencer chiamati in Steward room per una decina di minuti almeno, ed infatti da celebrare anche la riscossa dell'High Chaparral di Hannon, il quale, anche lui, si è ampiamente rifatto della brutta prestazione di Newmarket quando perse anche la piazza nelle 2000 Ghinee, trovando stavolta più congeniale un tracciato come quello di Ascot e scacciando via le voci su un presunto "dislocamento del palato" dopo la Classica. Si rivedranno forse a Goodwood (sicuro Dawn, non troppo Toronado per via del tracciato). Terzo è finito Mars (Galileo), quarto Mshawish (Medaglia D'Oro) allo steccato, con Dettori. Tempo finale 1m 39.23s (fast by 0.77s). Finora "irish power" ad Ascot; nelle prime tre corse hanno vinto allenatori irlandesi (O'Brien, Lynam e Bolger).
COVENTRY STAKES G2: L'O'Brien che non ti aspetti. Nella prova dei puledri che l'anno scorso ha laureato Dawn Approach) a vincere è stato un portentoso War Command (War Front), bellissimo e di mole, che negli ultimi 200 metri ha lasciato a distanza siderale Parbold (Dandy Man) e Sir John Hawkins (Henrythenavigator) con al quarto Thunder Strike (Sakhee's Secret) ancora con Lanfranco Dettori in sella. Non una edizione esaltante delle Coventry forse, ma il vincitore (che pagava 20/1) aveva in sella Seamie Heffernan per i colori di Joseph Allen e, come Declaration Of War, è un figlio dello stallone americano War Front (Danzig) che funziona in America alla Claiborne Farm in Kentucky al tasso di $80,000. Tempo finale sui 1200 metri di 1m 12.86s (slow by 0.46s)
Seguiranno aggiornamenti ed approfondimenti....

lunedì 17 giugno 2013

#Royal #Ascot 2013, tutto pronto! Comincia il meeting più bello del mondo. Dal 18 al 22 Giugno: 18 Pattern, 7 G1 in una annata all'insegna della memoria, della tradizione, dello sport, del rilancio, della passione e dello sport. Ecco cosa ci aspetta..

E' già tempo di Royal Ascot! Domani comincia "IL" meeting per eccellenza, quello che viene definito "The greatest race meeting in the world", dove ogni anno consuma un rito uguale e diverso all'insegna dello spettacolo e dello sport. Dal 1711 al 2013 sono 302 anni dalla sua fondazione voluta dalla Regina Anna (Queen Anne) alla quale siamo grati eternamente. LA MEMORIA ED IL RISCATTO: Se due anni fa si celebrava il "Tercentenary", 300 anni dalla fondazione, in quello del 2012 abbiamo salutato il Giubileo di Diamanti di Sua Maestà la Regina Elisabetta II d'Inghilterra, da 60 anni sul trono inglese. Ma anche il 2013 è denso di significato e ricco di aspettative sia perchè è il primo Royal Ascot da quando Sir Henry Cecil ci ha lasciato un pò più soli, sia del potenziale ritorno alla ribalta di Lanfranco Dettori in un ippodromo che in suo onore ha posto una statua all'ingresso, e non è mai un caso. Partiamo dal programma, che si svilupperà su 18 corse Pattern, a partire da da martedì 18 Giugno fino a sabato 22 Giugno. Non c'è più Sir Henry Cecil, quello che ha sellato più vincitori nel meeting reale con 75 rappresentanti. E proprio nella prima giornata si consumerà forse il momento più toccante e commovente dell'intero meeting, con il minuto di silenzio previsto alle 2,00pm ora locale quando la Regina varcherà il Golden Gate per la "Royal Procession", si fermerà al tondino ed onorerà, insieme al tanto pubblico previsto, la memoria di un grande uomo di sport che ha influenzato e fatto vibrare di gioia migliaia di appassionati. Giù il cappello! 
IL PROGRAMMA: Da quel momento in poi, si comincia seguendo la scaletta. Sei corse ogni giorno, inizio alle 2,30 (ora locale) per finire alle 5,35 ora locale, naturalmente da noi un'ora più in avanti. Le condizioni atmosferiche al momento sono buone. Cosa offre Royal Ascot quest'anno? Il meglio del meglio, come al solito. 
Martedì 18 Giugno: Queen Anne Stakes G1, King's Stand Stakes G1, St James's Palace Stakes G1, Coventry Stakes G2, Ascot Stakes, Windsor Castle Stakes
Mercoledì 19 Giugno: Jersey Stakes G3, Duke Of Cambridge Stakes (ex Windsor Forest Stakes G2), Prince of Wales's Stakes G1, Royal Hunt Cup, Queen Mary Stakes, Sandrigham Handicap Stakes. 
Giovedì 20 Giugno: Norfolk Stakes, Ribblesdale Stakes, Gold Cup G1, Britannia Stakes, Tercentenary Stakes e King George V Stakes.
Venerdì 21 Giugno: Albany Stakes, King Edward VII Stakes, Coronation Stakes G1, Wolferton Handicap Stakes, Queen' Vase (in memoria di Sir Henry Cecil) e le Buckingham Palace Stakes. 
Sabato 22 Giugno: Chesham Stakes, Hardwicke Stakes, Diamond Jubilee Stakes (British Champions Series & Global Sprint Challenge) G1, Wokingham Stakes, Duke of Edinburgh Handicap e Queen Alexandra Stakes. Il programma con i relativi partenti dichiarati per ogni corsa, raggiungibile cliccando su questo LINK ASCOT RUNNERS aggiornato di volta in volta.
LE CORSE: Entrando nel tecnico, possiamo anticipare i temi più importanti del meeting: Animal Kingdom (Leroidesanimaux) ci sarà nel tentativo di entrare nella storia per essere il primo cavallo a vincere il Kentucky Derby, la Dubai World Cup e una prova del Royal Meeting. Nelle Queen Anne G1 con John Velazquez in sella, affronterà 12 rivali (attualmente la sua quota è di 8/11), ha pescato lo steccato 13 (il più largo) ed il suo allenatore Graham Motion spera in un terreno scorrevole. Dopo questa corsa, indipendentemente dall'esito, entrerà in razza in Australia. Lo scorso anno vinse Frankel con una prestazione straripante, da brividi. Rivedila cliccando QUEEN ANNE STAKES G1 2012 QUI. La parata di stelle continua, perchè nella prima giornata c'è lo scontro di forme tra le 2000 Ghinee inglesi ed irlandesi nelle St James Palace's Stakes G1 dove si ritrova Dawn Approach (New Approach) dopo il flop nel Derby G1, contro la flotta Coolmore capitanata da Magician (Galileo) con Mars e George Vancouver a sostegno. Magician è ancora in dubbio ma ci sarà.. come Toronado che deve rifarsi della sconfitta patita nella Classica di Newmarket. Qui c'è anche Lanfranco Dettori che ha pescato l'ingaggio su Mshawish (Medaglia D'Oro) che come Toronado è di proprietà di Joaan Bin Hamad Al Thani ma allenato da Mikel Delzangles. Occhio, questo è l'ippodromo di Dettori...Lanfranco monterà anche Thunder Strike nelle Coventry G2 per Richard Hannon. Nelle King's Stand G1, potenzialità sicure per Shea Shea (National Emblem) che cercherà di diventare il primo Sudafricano a vincere una corsa al Royal Meeting. Ha pescato lo steccato 5 in un contesto con 19 partenti. C'è anche il tre anni Reckless Abandon (Exchange Rate) che partirà dal 13. Nelle Prince Of Wales's previsti scontri tra campioni anziani: Confermati Camelot (Montjeu) contro Al Kazeem (Dubawi) e c'è anche Red Cadeaux (Cadeaux Genereux) di nuovo con Frankie. Per ora le novità riguardano piccoli aspetti di cui parleremo più avanti, diciamo solo che nelle Coronation G1 di venerdì è prevista la supplementazione di Pavlosk (Arch) per il Principe Khalid Abdulla e Sir Michael Stoute, c'è Joyeuse (Oasis Dream), mezza sorella di Frankel, nelle Albany G3 di sabato. E poi, con riferimento all'Italia, nel meeting saranno della partita anche Andrea Atzeni con qualche ingaggio e gli ex italiani Kitten On The Run, Boite
VARIE ED EVENTUALI: Come detto, il montepremi ha superato la soglia dei £5 Milioni grazie ad iniezioni di denaro fresco e dunque dai £4.5 milioni del 2012, c'è stata una crescita di £715,000. Le Prince of Wales's Stakes G1 diverranno le "The 150th Anniversary of The Prince Of Wales's Stakes", e si correranno per £500,000, con una crescita di £100,000, come per le Diamond Jubilee Stakes G1. Le Queen Anne Stakes, Gold Cup e King's Stand Stakes avranno una dotazione di £350,000, con un incremento anche qui di £100,000 per le prime due, e di £50,000 per la prova in velocità. Raddoppiata la dotazione delle Hardwicke Stakes con £200,000 e non ci saranno sovraccarichi per i vincitori di G1 e G2 nell'anno. Le King Edward VII Stakes si correranno per £150,000 (£140,000 nel 2011); Le Ribblesdale Stakes per £125,000 (£100,000 in 2011); The Wokingham and Royal Hunt Cup per £125,000 (£100,000 in 2011); The Buckingham Palace per £75,000 (£50,000 in 2011) e le Duke of Edinburgh per £70,000 (£50,000 in 2011). Poi, sono state aumentate quasi simbolicamente di £5,000 tutte le corse del meeting che prima si correvano per £50,000, e sono circa sette corse. Altra variazione significativa riguarda le Windsor Forest Stakes G2 diventate Duke of Cambridge Stakes in onore del Principe William e come già anticipato, il Queen's Vase si correrà in memoria del Maestro Sir Henry Cecil. Gustiamoci il PROMO (cliccando QUI), rosa all'occhiello, e tutti ad Ascot. Il Maestro ci guarda.