STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 29 dicembre 2012

Fuori un altro: Anche Castello Aragonese venduto ad Hong Kong. Ilfiglio di Authorized ha già lasciato l'Italia

Fuori un altro. Eccolo il "prossimo" di cui vi avevamo preannunciato un probabile destino di venduto all'estero nell'articolo precedente. Si tratta di Castello Aragonese, portacolori di Raffaele Biondi, il quale è stato registrato dal cassiere davanti al lettore di codice a barre del Supermercato Italia, ed appena impacchettato nel carrello da un proprietario cinese, quindi con destinazione Hong Kong anche lui, come Flying Zone. La trattativa, condotta da Marco Bozzi, ha fatto si che il figlio di Authorized (Montjeu) abbia già lasciato le scuderie milanesi per prendere il volo verso l'Inghilterra dove farà la quarantena da dove poi salperà alla volta di Hong Kong per conto di un proprietario non precisato, per ora.
Castello Aragonese ha debuttato vincendo in grandissimo stile una debuttanti di Pisa, poi a Milano è arrivato secondo nella preparazione al De Montel, poi in seguito vinto da lontano alla maniera forte. In Luglio ha dominato il Criterium Partenopeo, tanto da poter tentare il Gran Criterium G1 dove ha pesantemente steccato anche per una condizione non proprio al top per stessa ammissione del suo allenatore "Rafè" Biondi, che non aveva fatto in tempo a prepararlo come si deve a causa di un contrattempo. In seguito Castello, carattere difficile ma talento da vendere, ha dato una buona dimostrazione di forza terminando secondo nel Guido Berardelli G3 vinto da Never Say Never (nella foto). Insomma, un prospetto per Parioli e Derby, che ha preso la via orientale.
Castello era stato acquistato proprio da Marco Bozzi per £2500 alle Tattersalls October dello scorso anno, in Italia ha vinto premi per €51.986,00 ed è stato venduto per una somma non precisata, ma certamente a 6 cifre. Un bel profit, non c'è che dire. Tutto questo conferma ancora la tendenza di cui abbiamo riferito nel precedente post. Chi correrà e vincerà le nostre Classiche nel 2013?
E l'altra questione, rinnovata nei contenuti, è chi sarà il prossimo venduto? Riproponiamo la lista dei 2 anni più interessanti visti in Italia, con in corsivo sottolineato quelli che hanno già abbandonato l'Italia. 
Grand Treasure 109, Punta Stella 109, Castello Aragonese 108,5, Flying Zone 108,5, Never Say Never 108,5, Candiani Street 108, Gordol Du Mes 108, Virtual Game 108, Kitten On The Run 107,5, Wish Come True 106,5, Best Tango 106, Girl Of The Rain 106, Freetown 105,5, Lord Unfuwain 105,5, Mangiapregaama 105,5, Deflection 105, Savana Pearl 105, Belinzaghi 104,5, Cloud 104,5, Night Of Light 104,5, Porsenna, Ancient King, Sisiri, Pepparone, Demeteor, Cerro, Tuttipaesi, Belinzaghi, Biz The Nurse, Elettrotreno, Shirley's Kitten, Riapriamo Le Ali.. e chi più ne ha più ne metta.
e certamente ne abbiamo dimenticato qualcuno.

8 commenti:

  1. Salvatore Bruno29 dicembre 2012 13:55

    Come già detto nei post di Facebook, Con enorme dispiacere bisogna ammettere che la partenza dall'Italia di questi campioni segna una dura sconfitta per tutto il mondo dell'ippica, che ancora una volta deve abbassare il capo e abbandonare i propri sogni per cercare di sopravvivere a questa dura crisi. Cio' che rende il tutto meno amaro e' il fatto che vedere un Flyng Zone o un Castello Aragonese o Punta Stella, portare il tricolore nel mondo sara' per noi tutti un vero orgoglio e fara' onore all'Ippica Italiana e soprattutto ai cavalli allevati in Italia.

    RispondiElimina
  2. purtroppo devi anche capire che di fronte a certe offerte e' difficile non cedere.Vuoi cambiare una cifra,forse,a 6 zeri in cambio di che cosa?un sogno per il proprietario di questo cavallo e' anche averlo pagato 3500 euro circa e averlo venduto a chissa' quanto,e te lo dice un amante dei cavalli.....

    RispondiElimina
  3. Correction: Kitten On The Run has a rating of 107.5 after victory in Criterium d Pisa //////// If Italian Government and Ippica Business Leaders would cooperate, many USA owners,(like Ramsey), would send more horses to Italy than Italians sell to other countries. Prominent USA owners would establish stables and training centers. Italian ippica would be elevated and Italians would realize and exploit the wonderful ippica resorces they have and other European counties do not have. There would be no benefit to sell to other countries. Those who laugh doom Italian Racing - don't be one of them. John D'Amato

    RispondiElimina
  4. Gabriele Antonini29 dicembre 2012 18:06

    Tutta colpa di quei cittadini occidentali che da anni, pur di avere tante schifezze o tanti servizi scadenti a poco prezzo, piuttosto che meno ma di maggior qualità, hanno dato i loro soldi prima ad aziende occidentali delocalizzate in Cina ed India, poi addirittura (come avviene con l'azienda 3, di telefonia mobile...) ad aziende a capitale completamente orientale. Bisognerebbe ricordarsi anche di quante volte questi paesi hanno minacciato paesi come gli USA o l'Australia di guerra e di quante volte (vedi il caso dei nostri Marò rapiti dalla marina indiana in barba a tutte le norme del diritto internazionale). Senza contare che quando saremo 2 o piu miliardi in piu, tutti sviluppati, con tanti diritti e tutti a mangiare al fast food o il sushi anzichè un pugno di riso ci sarà da ridere a pensare alla crisi energetica che ne seguirà.

    Basta soldi all'oriente, siamo ancora in tempo, noi da loro compriamo grossi quantitativi, loro da noi solo prodotti di nicchia che da soli non sanno produrre!

    Compriamo ed investiamo piu responsabilmente!!

    RispondiElimina
  5. Mr Ramsey, Kitten On The Run has 107,5 after criterium di pisa, right.
    The true problem is inside the whole industry of racing in italy. unfortunately, until the situation will be this this, I understand that foreign owners will not be interested.

    RispondiElimina
  6. E comunque, personalmente, non mi rammarico troppo delle vendite che si stanno verificando. Chiaramente le nostre corse ci rimettono, per alcuni versi, ma in fondo il nostro è un mercato che funziona, almeno. è diventato un business, quello di valorizzare e vendere, ed ha un suo volano. Chiaramente anni fa erano i nostri proprietari che compravano all'estero per tenerli e per vincere, in questa fase storica avviene il contrario, è così e dobbiamo solo attendere l'pinversione di tendenza. Io credo sarebbe peggio se nessuno comprasse nel nostro mercato.

    RispondiElimina
  7. veramente è sempre stato che i cavalli buoni hanno preso la strada dell'estero, ti arriva un offerta a tanti zeri....e amen, si vende punto.
    poi a parlare so buoni tutti, vorrei vedere questi davanti a un mucchio di soldi.
    farneticante il post sui marò....ma rapiti de cheeeee ?????
    guarda che questi hanno commesso un reato che si chiama OMICIDIO, hanno premuto un grilletto....sai cosa significa ??



    LUCIO

    RispondiElimina

Commenta qui