STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

martedì 1 gennaio 2013

Classifiche 2012 in Italia: Cristian Demuro, Stefano Botti e la Razza dell'Olmo primeggiano. Il confronto con il 2011

Si tirano le somme, nel vero senso del termine. Cosa è accaduto in questo 2012 di corse in Italia? E' successo che Cristian Demuro ha vinto di nuovo la classifica fantini, arrivando a quota 264 vittorie (anzi, 265 in Europa considerando quella ad Ascot e senza considerare quelle Giapponesi e Dubaiane) in meno di un anno, avendo cominciato a vincere a metà Marzo circa. Non raggiunto il record di Peter Schiergen (273 tra Germania, Svizzera ed Italia) ma poco importa per il nostro top jockey, che nel 2013 ci starà ben poco in Italia. Comunque, per lui 264 vittorie in 1151 corse (22,94% di strike rate) e €2.236.402,70 vinti, che rispetto al 2011 quando vinse 222 corse (16,91%) per €2.133.932,57.
Insomma, un + in tutti gli ambiti ed ora Cristian andrà in America da Bill Mott, poi sarà Giappone per tre mesi (Marzo, Aprile, Maggio) e da Giugno probabilmente in Francia, ma tutto è da decidere. Stagione lievemente sottotono, dal punto di vista dei numeri per i due secondi in parità quest'anno cioè Dario Vargiu e Fabio Branca che lo scorso anno avevano vinto più corse, ma ricordiamo che complice è stato anche lo sciopero di inizio anno. Dei primi 5 in classifica comunque Salvatore Sulas è salito dalle 84 del 2011 alle 85 del 2012, mentre ottima la stagione di Federico Bossa che ha vinto 66 corse, quasi il doppio rispetto allo scorso anno. Nel 2011 infatti aveva vinto 37 corse, era la sua migliore stagione, dunque uno score in costante crescita per un fantino che si sta consacrando, senza grossi gruppi alle spalle. Bene anche Sam Diana, che nel 2011 aveva vinto 58 corse mentre quest'anno ha concluso a quota 66. Identico lo score per Pierantonio Convertino, 71 vittorie sia nel 2011 che nel 2012, ma quest'anno con meno corse disputate (dunque media più alta) e la vittoria a livello di G1 in Qatar, oltre alla nascita del primogenito. Tra i giovani, Antonio Fresu ha vinto 53 corse nella sua seconda stagione da professionista, nel primo anno (il 2011) erano state 11. 
Tra gli allenatori si conferma la supremazia con il gruppo dei Botti dominante in Italia. Nel 2012 Stefano ha vinto 271 corse (strike del 24,59%) e €3.210.009,48 di somme vinte. Lieve calo rispetto alle 307 vittore del 2011, con uno strike del 23,71% e somme vinte per €3.755.248,10. Ma nel 2011 le corse effettuate erano di più (1295) rispetto alle 1102 del 2012. Bruno Grizzetti è arrivato secondo con 102 vittorie e €1.212.383,15, la sua peggiore stagione dal 1999, quando finì l'anno con meno di 100 vittorie. Nel 2011 ne aveva vinte 136 per €2.149.281,60. Parecchie vittorie in meno per Luigi Riccardi, rispetto allo scorso anno, con quello che era stato il migliore con 62 vittorie. Nel 2012 sono state 32. 
Le scuderie: Per numero di vittorie ha vinto la Razza dell'Olmo con 126 sigilli e €843.665,37 in somme vinte, drastico il calo rispetto al 2011 dove il team del Prof. Salvatore Limata aveva vinto 197 corse con praticamente il doppio delle somme vinte (€1.674.535,84). Meglio, rispetto allo scorso anno, i Dioscuri con 102 vittorie (25 in più rispetto alle 77 del 2011) e somme vinte per €936.658,32, mentre nel 2011 erano stati €886.144,55 gli euro vinti.
Queste sono riflessioni sommarie, qualcosa ci sarà certamente sfuggito e ce ne scusiamo in anticipo qualora fosse così. Ecco comunque in breve una videata delle statistiche raccolte dal sito Ippica.biz

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui