STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 16 novembre 2013

Supermarket Botti: Ciao ciao Charity Line ed Arpinati. La campionessavenduta a Teruya Yoshida, Arpinati ad Hong Kong

Supermercato Italia, parte n-esima. Dalla bottega Botti due cessioni eccellenti: Sono stati prelevati nelle scorse ore due campioni che lasciano l'Italia ed in generale l'ippica italiana con quella che era una indiscrezione diventata poi ufficiale tramite la fonte EBN, che ha lanciato la notizia. Di forte risonanza è la vendita che riguarda la campionessa delle tre anni italiane Charity Line (Manduro), vincitrice di Oaks G2 e Lydia Tesio G1, acquistata da Teruya Yoshida per una somma non resa nota, in una trattativa mediata da Eugenio Colombo (http://colombobloodstock.com/) che spesso ne cura gli interessi per gli acquisti. L'imbattuta figlia di Manduro (Monsun) verrà ben presto trasferita nella scuderia di Marco Botti in Inghilterra a Newmarket per proseguire l'attività agonistica a 4 anni. Charity Line fu pagata €70,000 dalla Scuderia Effevi alle ITS del 2011 e a due anni ha corso solo una volta vincendo. Nella stagione dei tre anni l'esplosione con le 5 consecutive affermazioni culminate con le Oaks G2 per 4 lunghezze e mezzo e, dopo la sosta estiva, con la prestazione notevole nel Lydia Tesio G1 a Capannelle. Charity Line è una mezza sorella di Cherry Collect (Oratorio), che lo scorso anno vinse Regina Elena G3 ed Oaks G2, ma fallì l'appuntamento con il Lydia Tesio per poco arrivando seconda e, sempre in quei giorni successivi alla corsa, fu acquistata da Katsumi Yoshida, il fratello di Teruya. La mamma dalle uova d'oro è Holy Moon (Hernando), stakes winner in Italia che ora ha con se una femmina di due anni da Dylan Thomas (Danehill) che si chiama Final Score ed è in training, ovviamente, da Stefano Botti per la Effevi che ne ha parlato spiegando come stia lavorando e che a breve debutterà a Capannelle sui 1900 metri in una maiden. La fattrice Holy Moon ha ancora uno yearling femmina da........SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI SOTTO

Rock Of Gibraltar (Danehill) ed un foal maschio da Pour Moi (Montjeu). La fattrice, 13enne, è ora gravida di Nathaniel (Galileo). Insomma, quella che ogni anno descriviamo come una diaspora è comunque supportata (ancora per quanto?) da fattrici in grado di produrre campioni in Italia. La sensazione è quella però che anche Holy Moon sia destinata alla vendita, non alle prossime December ma forse in quelle del prossimo anno. Speriamo di no..ovviamente. L'allevamento italiano è stato già ridotto in pezzi, ci vorranno almeno 20 anni a ricomporne i pezzi e farne di nuovo un fiore all'occhiello ma intanto qualche pepita da dragare c'è ancora...
Non solo Charity Line, perchè ad abbandonare l'Italia e le scuderie di Stefano Botti è Arpinati (Lucky Story), acquistato dal proprietario di Hong Kong Pak Kwan Siu. Arpinati lascerà Cenaia nei prossimi giorni, stavolta veramente dopo la trattativa fallita con gli americani in prossimità della Breeders' Cup Juvenile e farà tappa prima in Inghilterra per la quarantena e poi andrà diretto verso la sua ultima destinazione. Arpinati vinse il Premio Primi Passi G3 battendo Omaticaya e poi è stato recente terzo nel Gran Criterium G1 su terreno molto pesante. Da yearling fu acquistato per €12,000 da Alduino Botti, è il secondo prodotto della fattrice Lola Sapola (Benny The Dip) che ha prodotto anche uno yearling da Sleeping Indian (Indian Ridge), acquistato per £28,000 da Alberto Panetta alle DBS Premier Yearling Sales nei mesi scorsi.

4 commenti:

  1. .....bene all'estero avranno molte più possibilità....coi montepremi di oggi.....cicoria ....

    RispondiElimina
  2. E pensare che holy moon fu comprata per due soldi, tra l'altro passandomi sotto il naso... ricordo ancora quando Marco botti, a colazione il giorno dopo l'asta, disse che era piccolina e l'avrebbe mandata al prato...

    RispondiElimina
  3. Un pessima notizia per il nostro galoppo. Delle due stelle che quest'anno ci hanno fatto sognare, Charity era la più bella. Ci manca solo che se ne vada anche Biz The Nurse e poi siamo al buio pesto. Anche Arpinati era più che una promessa. Speriamo in un exploit a tre anni dei due anni che quest'anno hanno impressionato di più: Gentleman Only, Priore Philip e Autre Qualite e/o qualche altro che sinora è stato poco impegnato o tenuto nascosto. Altrimenti non ci resta che affidarci a San Gennaro.

    RispondiElimina
  4. beh, Charity almeno resta in famiglia come training, non poteva certo rimanere ancora in Italia, nulla avendo piu' da dimostrare qui da noi.

    Le si puo' solo augurare di trovare i terreni moribidi che gradisce, ma non sara' facile nel nuovo mestiere.

    In quanto ad Arpinati, figlio di Lucky Story e "cheap buy" a 12.000 euro, hanno fatto bene a far cassa e ..di corsa!

    Ora andra' nel Far East, gli toglieranno subito gli attributi maschili, e se sara' buono abbastanza fara' divertire per lungo tempo il suo nuovo proprietario.

    That's the market, baby

    Rp

    RispondiElimina

Commenta qui