STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

giovedì 15 gennaio 2015

Foto del Carlo Porta 2011: Sentenza storica a favore dello scommettitore, condannata la Trenno (€510)..ma non è finita

Tempo fa ci ha scritto un lettore, Dino Santoni. L'oggetto della mail era un discusso fotofinish del Premio Carlo Porta del 2011 per il quale lo stesso Dino, appassionato di ippica ed assiduo frequentatore di Mondoturf, rivendica la vincita della trio legittimamente presa, ma non ratificata e dunque non pagata a causa di una cattiva interpretazione della fotografia da parte dei giudici di arrivo. Per un errore, evidenziato anche dalla foto diffusa sul maxischermo, in quell'arrivo viene sancita la vittoria di Silver Arrow su Occhio della Mente (e fin qui tutto bene) ma con Renaione e Fausto invertiti rispetto alla realtà, al terzo e quarto posto. Dino, che aveva Fausto nella Trio, come tanti altri si accorge dell'errore e manifesta l'evidenza con il ticket vincente, a ragione. Dopo tantissime discussioni su giornali ed internet senza esito, il signor Santoni decide di adire a vie legali per questioni soprattutto di principio, chiamando in causa la Trenno, i commissari impegnati quel giorno e tutti coloro i quali hanno avuto un ruolo della vicenda. La conclusione è arrivata 3 anni dopo, nel Novembre 2014, quando il Giudice Di Pace, dopo aver ricevuto tutti gli incartamenti necessari, sancisce la ragione al Santoni e condanna la Trenno a pagare i 510 euro previsti dal ticket vincente. Una sentenza storica, a favore dello scommettitore, che però sembra dovrà vivere di altri episodi. La società di corse ha già inoltrato richiesta di appello, dunque per veder scritta la parola fine bisognerà aspettare ancora altri mesi, forse un anno.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui