STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 6 novembre 2016

America, #BC2016: #Arrogate doma California Chrome nel Classic! Il giovane che batte il vecchio, duello epico a Santa Anita

Due minuti di esaltazione pura! All'epilogo il giovane ha battuto il vecchio, significa che Arrogate (Unbridled's Song), il 3 anni, ha battuto, giustiziato, il favorito e campione di 5 anni California Chrome (Lucky Pulpit) nella Breeders' Cup Classic G1 da $6 milioni che avrà il sapore epico anche in futuro. Il sauro, fabbrica dei sogni, favoritissimo ad 1/10, ha provato a gestire la corsa con i suoi soliti parziali, mentre Mike Smith è rimasto guardingo, calmo, ed atteso la curva finale. Davanti in quel momento c'era ancora California a gestire parziali in :23.28 e :47.15, Victor Espinoza che si guarda dietro ed attende l'attacco sapendo di avere sotto ancora qualcosa ma con la consapevolezza di non avere il serbatoio pieno, entra in dirittura, chiama il suo, vede la sagoma del grigio avvicinarsi minacciosamente, prova a ripartire ma nulla può contro lo strapotere e la giovane verve del Juddmonte. Un finale intenso, da leggenda. Alla fine la freschezza ha avuto la differenza, con un California che non aveva sbagliato nulla fino ad oggi ma è capitolato contro un cavallo fortissimo capace di dare un attacco severo ad un campione del mondo come California al quale è stata inflitta la prima sconfitta nel 2016 dopo 6 vittorie consecutive. Alla fine merita il più forte e più fresco (California è in giro da un bel pò), ed Arrogate lo è stato per davvero senza rubare nulla da tipico cavallo arrogante! Allenato da Bob Baffert (3° vittoria consecutiva nel Classic), veste la casacca Juddmonte del Principe Khalid Abudlla non proprio fortunata nel corso dell'anno. Ma con un "Baby Le Bron", come lo chiama Mike Smith (alla 25° vittoria in Breeders) che ne è stato, e ne sarà, il cavallo copertina per la stagione. Terzo, a raccogliere i resti degli altri, ma a 8 lunghezze, è stato Keen Ice (Curlin). Il tempo finale è stato di 2m 0,11s. IL RISULTATO COMPLETO QUI. IL VIDEO DELLA Breeders' Cup CLASSIC QUI. Arrogate è un figlio di Unbridled's Song (Unbridled) e Bubbler (Distorted Humor). Non è stato allevato da Juddmonte, ma fu pagato $560,000 con il Principe Khaled Abdulla che decise di darlo in training a Bob Baffert in California. Non ha corso a 2 anni ma ha debuttato sui 1200 metri di Los Alamitos arrivando terzo. Poi tre vittorie di seguito tra Giugno ed Agosto tra Saratoga e Del Mar prima del botto a Saratoga nelle Travers Stakes G1 dove si rivelò al mondo, ed ora tutta la copertina necessaria per la vittoria del Classic battendo un altro campione autentico. Chi lo sa, forse questi due si ritroveranno a fine Gennaio 2017 nella prima edizione della Pegasus World Cup G1 da $12 milioni a Gulfstream Park..
Nella BC Turf G1 sul miglio e mezzo continua l'anatema che non vuole vincitore dell'Arc, vincitore anche nella Breeders. Ma ad Aidan O'Brien questo importava poco.. tanto che ha attuato con Highland Reel (Galileo) la tattica parti-stoppa-stacca, che tanto piace al bellissimo baio. Tutti a guardare Found, ed intanto Seamie se la filava liscia in avanti. Vana la rincorsa di Flintshire (Dansili), mentre la granitica Found è giunta risparmiando il possibile al terzo posto venendo dalle retrovie ma giocando di squadra a favore di quello davanti. La tipica mossa Kansas City...Tempo finale di 2m 23s. Per Padre Aidan sono 22 le vittorie a livello di G1 (23, se consideriamo anche 1 in ostacoli), sempre alla ricerca del record mondiale di Bobby Frankel a quota 25. Per Flintshire ennesimo piazzamento in G1 ed ora ingresso alla Hill ‘n’ Dale Farm nel 2017 grazie ad una partnership folta, per Highland Reel, che ha sfondato in avanti con parziali sempre in progressione e miglio passato in 1m 36,s e spicci, ennesima conferma da cavallo imbattuto in USA ed ora probabilmente un viaggetto ad HK non glielo toglie nessuno (ma pare entrerà in razza, come Found), e stessa corsa per la femmina, mentre Frankie ha limato il limabile con Ulysses (Galileo), poi rimasto sul quarto, ennesima monta "clever"... Praticamente, un arrivo ce lo aspettavamo. Evvai! IL VIDEO DEL BC TURF QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Rimanendo in tema europacentrico, da sottolineare un altro vibrante testa a testa Breeders' Cup Filly & Mare Turf G1 risolta a fil di palo da Queens Trust (Dansili) per i colori Cheveley ed il training di Sir Michael Stoute, grazie ad una monta spettacolare da parte di Frankie Dettori che ha atteso il momento giusto per aggredire e fulminare Lady Eli (Divine Song), favorita prima della corsa e rivista in palla dopo un serio problema che ne aveva fatto patire per una sua eventuale dipartita oltre un anno fa. La 4 anni di Chad Brown non è riuscita a ripetere il risultato delle Flower Bowl Stakes G1, ma ha comunque venduto carissima la pelle facendo registrare un tempo record della corsa in 1:57.75. Per Frankie era la 12° vittoria nella Breeders, per Queen's Trust, una 3 anni, una bella conferma dopo lo sfortunato terzo posto nelle Darley Yorshire Oaks G1. IL VIDEO DELLE BC FILLY & MARE TURF QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Per correre bene a Santa Anita, bisogna conoscere bene Santa Anita. Reduce da un terzo posto carambolesco a Keeneland, Tourist (Tiznow) ha ribaltato il riferimento con Miss Temple City e vinto la BC Mile G1 nei confronti dell'americana Tepin (Bernstein) ed al terzo Midnight Storm (Pioneerof The Nile). A grossa quota, 40/1, ha vinto il 5 anni di Will Mott con Joel Rosario a bordo quando nessuno sembrava poterlo ipotizzare. Malino Limato (Tagula), malissimo Alice Springs (Galileo). IL VIDEO QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui