SPAZIO PUBBLICITARIO

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com

domenica 2 ottobre 2011

Danedream vola e conquista l'Arc de Triomphe!

Da brividi! Fantastica, favolosa Danedream (Lomitas), stravince l'Arco proprio nell'anno in cui i tedeschi stanno patendo il confronto internazionale. La figlia di Lomitas (Niniski) spacca il mondo a Parigi, e lo fa in un tempo di 2, 24 e 49 che dovrebbe essere il record della corsa, giunto alla 90° edizione, che prima apparteneva a Bago (Nashwan). Ma apparte il tempo cronometrato, che vale e non vale, è stata una corsa che su terreno molto scorrevole si è rivelata veramente tirata, ma dal gruppo è emersa la sola Danedream posizionata vicino alla testa da Andreas Starke, scaltro come il serpente della Genesi, che ai 400 si è manifestato e dato fuoco alle polveri della sua. La tedesca-giapponese ha veramente cambiato marcia in un crescendo costante della cavalla allenata da Peter Schiergen, riportando l'Arc in Germania dopo Star Appeal (Appiani II) nel 1975. C'è da dire che gli altri sono rimasti invischiati in una progressione mai materializzata, e pensare che la seconda arrivata, schiacciata a 5 lunghezze, è stata Shareta (Sinndar) con al terzo Snow Fairy (Intikhab) e Lanfranco Dettori. Solo quarto So You Think (High Chaparral), Sarafina (Refuse To Bend) settima, mentre Workforce (King's Best), li è partito e li è rimasto.
Ma quanta strada ha fatto Danedream dal Seregno del 10 aprile dove Goritz fece di tutto per perdere, e lo fece, e questa che è al terzo G1 consecutivo? Ha battuto tutto e tutti, a tre anni (e nell'Arc hanno tradizione eccellente, 15 degli ultimi 18 vincitori erano tre anni), migliorando corsa dopo corsa. Sono 16 le lunghezze di margine rifilate agli avversari in queste ultime tre uscite, come altro definire una cavalla di questa consistenza e classe?
Leggendo nel pedigree, è stata allevata dal Gestut Brummerhof, è prodotto della inedita Danedrop (Danehill). La seconda mamma è Rose Bonbon (High Top), mezza sorella dei vincitori di G1 Vert Amande (Prix Ganay), Le Nain Jaune (Grand Prix de Paris) ed Indian Rose (Prix Vermeille). Nonostante il suo pedigree, è stata pescata dal BBA Germany per soli €9,000, per conto del Gestut Burg Eberstein che ne detiene tuttora la proprietà ma a metà con Teruya Yoshida che l'ha acquistata proprio nei giorni precedenti la corsa.
Il resto con Lanfranco? Ve lo dico oggi.
Intanto, per chi si fosse perso l'Arc de Triomphe in diretta dagli schermi del 220 di Sky e della Rai, ecco il replay in ottima qualità proposto in diretta da Equidia: Clicca su http://www.youtube.com/watch?v=xcMICDeKEHk 


2 commenti:

  1. Poche volte sono stato così contento di sbagliare in pieno il pronostico. Non pensavo Salure nel Lagardere e invece si è dimostrato all'altezza, inoltre Dario Vargiu ha montato alla perfezione. Danedream mi ha fatto saltare davanti alla tv, questa cavalla è fantastica, quanti possono dire di aver visto la futura vincitrice dell'Arc presentarsi nel Seregno? Il bello dei cavalli è questo, una domenica di routine vedi una cavalla molto buona perdere per colpa di una monta sciagurata e poi a distanza di pochi mesi la rivedi trionfare nella corsa più importante del mondo. Come con MasterCard... Non ha prezzo!
    Per Mario: che rating gli diamo adesso al nostro Derby? Si sta svelando come una delle migliori corse dell'ultimo decennio per i cavalli che vi hanno partecipato
    Su Dettori non mi dilungo: è un Fenomeno e come tale non si può discutere!

    RispondiElimina
  2. VOLEVO FARE I COMPLIMENTI AL VINCITORE DELLA TRIO ITALIANA NELL'ARC, DEVE AVER PARLATO CON IL PARADISO... COMUNQUE TORNANDO ALLE CORSE HA RAGIONE LANFRANCO QUANDO DICE CHE CON LO STECCATO AL MINIMO BISOGNA STARE LI' LASCIANDO PERDERE ZANTENDA CHE HA PERSO PERCHE' PESLIER NON HA COMPRESO CHE BISOGNA RESTARE ALLO STECCATO SI' MA CON GLI ALTRI ACCANTO. DI DANEDREAM HO GIA' DETTO CHE VOLEVO DEDICARE UNA PREGHIERA AL SIG. GORITZ , INTERPRETE SOPRAFFINO NEL SEREGNO, E VOLEVO RICORDARE CHE ANCHE SE ANDRASCH STARKE PER ME NON RIENTRA NEL NOVERO DELLA TOP TEN MONDIALE QUALCHE CAVALLO BUONO L'HA MONTATO ANCHE LUI ED AL RIENTRO DEL DERBY ITALIANO DICHIARO' HO PERSO DA 2 CAVALLI VERAMENTE MOLTO BUONI. PECCATO CHE NESSUNO LO HA ASCOLTATO E CI PREPARIAMO AD ASSISTERE AD UN JOCKEY CLUB DOVE CRACKERJACK KING RISCHIA DI PERDERE UNA CORSA CHE NON DOVEVA PROPRIO FARE SECONDO ME. COMUNQUE E' CERTAMENTE VERO CHE DANEDREAM E' VENUTA AVANTI MA NON DI TANTISSIMO SECONDO ME DAL DERBY E DALLE OAKS QUINDI SAREBBE ORA DI PROVARE CARTA ALLA MANO A RECUPERARE IL MASSIMO STATUS DI G1 PER LE NS. CLASSICHE MAGGIORI. PER QUEL CHE RIGUARDA SALURE VOLEVO FORTEMENTE SOTTOLINEARE CHE AL RIENTRO ANDAVA COME UN TRENO IN PISTA DRITTA, ALLA SECONDA USCITA SE NON TROVAVA IL PESANTE VINCEVA DI 5 ED IL LAGARDERE ERA L'OPZIONE PIU GIUSTA CHE MAI DATA LA PISTA IN DISCESA E LA SCORREVOLEZZA DEL TERRENO E RIPETO CHE NON POSSO AMMETTERE DI SENTIR PARLARE DI TATTICA PREPARATA PERCHE' SALURE PER ORA SA CORRERE SOLO IN QUEL MODO E PECCATO PER QUEL LEGGERISSIMO SCARTO DOVUTO SOLO ALLA TROPPA FOGA ED ALLA DISCESA SECONDO ME VISTO CHE A MILANO IN PISTA MEDIA AVEVA CURVATO.ADESSO ASPETTO CON FIDUCIA ALLORA IL GRAN CRITERIUM DI LUI E LA LUNA.

    RispondiElimina

Commenta qui