STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2020. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2020 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 19 settembre 2011

Il resto dell'estero, tra Germania e America

In Germania, nel Grosser Europa Meile G2 sul miglio a Monaco è stato vinto da Sommerabend (Shamardal), capace ddi vincere la sua prima Pattern, ai danni di Silver Ocean (Silver Train) montato da Nicola Pinna per il Team Maestro e Riccardo Santini. Il vincitore, è un figlio di Shamardal (Giant's Causeway), stallone tornato in forma recentemente grazie a Dubai Prince, Casamento e French Navy. Il St Leger Tedesco G3 sui 2800 m di Dortmund, è stato vinto da Fox Hunt (Dubawi), il quale fu sesto nell'Ebor l'ultima volta. Fox Hunt è il 12° stakes winner della stagione per lo stallone Dubawi (Dubai Millennium). Intanto domenica pomeriggio a Colonia, Mirco Demuro sarà presente per partecipare nel PREIS VON EUROPA G1, e nel KOLN HERBST STUTENPREIS G3 (www.newracingfactory.com).
A Woodbine, in Canada, Michael Bell ha vinto con il suo Wigmore Hall (High Chaparral) il Northern Dancer Turf G1, presented by VTech, L'anno scorso, vinse Redwood (High Chaparral). 

1 commento:

  1. Complimenti a Silver Ocean e a tutto il team, però adesso il primo che mi dice che all'estero i gruppi "contano" e da noi valgono al più come una listed gli stacco la testa! Con tutto il rispetto per Silver Ocean, davvero una bella scelta per Benedetti e i suoi, questo da noi corre a livello di listed e in Germania si piazza in gruppo 2.. è ora di fare meno i tafazzi e iniziare a farci sentire a livello internazionale.

    RispondiElimina

Commenta qui