martedì 29 novembre 2011

CONTROLUCE..di Mario Berardelli (25° puntata)

Torniamo almeno all'inizio a parlare di questioni tecniche, sono il nostro pane. Adeguatamente celebrato il 200 di Cristian Demuro, chiuderà intorno alle 230 forse 235. Non sono i numeri che ci interessano  . Qui siamo di fronte, oltre che all'ennesimo fantino di valore che negli ultimi 20 anni il nostro turf ha saputo creare ( vogliamo dire grazie alla scuola di Pisa? E' questa la cultura che dobbiamo salvare) , ad un che di straordinario. Io credo che se Cristian avesse il cuore e osasse l'estero forse , deve però farlo subito, avremmo un nuovo Franky. Non aggiungo altro, credo sia il complimento massimo. Che ne pensate ? Il tempo è galantuomo : un anno dopo Buena Vista ritrova la Japan. Trionfo del sol levante, i primi 5 sono loro, Tosen Jordan  che è secondo avrebbe dato a Nicola Pinna  una emozione unica se fosse rimasto li dopo il Tenno. Victoire Pisa solo rientro, vedremo nell'Arima se è ancora integro. Danedream non avrebbe mai corso se non fosse stata acquistata da loro, come Tony Bin. Con tutto il rispetto chi vince Parigi  è sopra Tokyo a parte il fatto che due mesi dopo non regge la forma, non corre e basta. A meno che non siano Jap da prima e si siano fatti Longchamp ma è un altro approccio.  Del resto li comprano apposta se sono abbordabili. Ci resta Hong Kong prima del letargo attivo fino alla fine di marzo, salti a parte. I Book nello sprint , come del resto il rating esige, sono per  quelli dell'east. Rocket Man a 9/4, Sacred Kingdom a 9/2 però Bated Breath è a 6.  Il nuovo itinerario globale porta da Melbourne o da Tokyo al Vase cosi ottimizzi e ammortizzi. In linea di massima si capisce. Dunaden a 7, Red Cadeaux a 10 , Sara Lynx a 6 ma i favori sono per Perfect Shirl a 5  Noi abbiamo Campa e Jakka a 10 , ci siamo e questo conta.  Nel mile abbiamo Cityscape a 11/2 dopo il 5 di Xtension e Jimmy Choux ma volendo anche Rasjaman , vale Rio , ci da presenza a 7.   Zazou è a 25 nella Cup, dura. Cirrus a 6/4 precede Ambitious Dragon a 3, danno Victoire a 5 ma sembra più logico l'Arima. Giochiamo Byword tutta la vita a 7.  A Santo Stefano  la vera corsa di Natale sarà a Kempton , King George : Long Run a 6/4 Kauto con ? a 4 Master Minded a 5. Libidine se ci saranno.... Nel Champion Hurdle di marzo il nostro Hurrycan Fly corre solo a 7/4 , il fratello Zarkandar è a 10, ispira Binocolar a 12. C'è tempo.  Per gli allibratori le classiche si sono già corse :  Camelot a 3 in Ghine e Derby. Dabirsim tra 8 e 10  , idem Harbour Watch e Nephrite, Power a 14. Tanto vale correre a  a Typperary. Il derby poi è allucinante il secondo è a 20 ma a 25 non vi piacerebbe  Mandaan anche se viene da una corsa tomba ? Tra le girl si va con Maybe ma nelle Oaks anche con Wadin. In Inghilterra 250 cavalli hanno vinto l'equivalente di 50.000 euro. Sapete che sono perplesso nel giudicare il dato...occorre riflettere. O' Brien in Inghilterra ha vinto 2.894.000 di sterline con solo 16 vittorie, in Irlanda 4.827.000 euro, aggiungete Usa e altro e abbiamo le cifre di un impero.  Per darvi una idea in Irlanda solo Bolger , Weld e Oxx sono sopra il milione, gli altri in cassa integrazione. Hannon comunque strabiliante con 3.703.000 sterline ma con 214 vittorie, il Maestro  con 55 porta a casa 2.750.000 ( Frankel 1.106.000, Twice Over 466, Midday 435) . Tra i jockey Hughes ha in cassa 2.655.000 sterline, Moore 2.613.000, Queally 2.552, Buick 2.532 e Franky 2.232. Heffernan in Irlanda vince 1.980.000 euro ma il ragazzino figlio di papà vive di suo con 1.404.000. Basta con i numeri  che però vi possono far riflettere e stop anche alle nostre chiaccherate  settimanali, pausa invernale magari interrotta di quando in quando se ci saranno argomenti da riflessione. Ci si risente per la notte del Dubai. Ci sarà ancora la nostra ippica ? Le corse si, l'ippica e il turf , almeno come lo concepisco io,  forse da tempo è fenomeno clandestino, carbonaro. Hanno preso il sopravvento altri valori, non si legge più, non si dibatte più seriamente, salvo alzar la voce tanto per farsi notare, le esigenze , le necessità sono diventate altre, a volte ti cadono le braccia e ti domandi se ne vale la pena...... 

6 commenti:

  1. dai Mario non mollare....ne vale sempre la pena!

    RispondiElimina
  2. ...Mario mi fermi i cavalli ma se non ti leggo fino a Marzo vado in depressione!:-)
    Leader

    RispondiElimina
  3. Mario hai ragione sulla grave perdita di valori del nostro mondo, purtroppo credo sia un problema generale della nostra epoca, ma proprio per questo c'è bisogno di gente come te che continui a ricordarci quali sono i principi sui quali rifondare la nostra ippica, di persone amanti del nostro magnifico sport ce ne sono tante e tante altre gravitano attorno, vedasi le statistiche di quante persone praticano l'equitazione (Sportweek di qualche settimana fa), c'è bisogno di una rinascita e la base deve essere la passione! Forse questa crisi può darci delle oppurtunità insperate.
    Consiglio a tutti la lettura del supplemento di domenica del Sole 24 ore dove c'è un bellissimo racconto di Piero Mei su Diamond Jubilee, tanto per rimanere in tema di Cultura.
    A presto

    RispondiElimina
  4. forza Cristiannnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnn!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Sursum corda Mario! Non bisogna mollare proprio ora, anzi bisogna raddoppiare gli sforzi!

    RispondiElimina

Commenta qui