STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

martedì 5 gennaio 2016

Lunedì senza corse italiane, ecco i movimenti al Tot ed Ippica Nazionale della prima giornata. Tu sei favorevole o contrario ai lunedì con in programma solo le straniere? Scrivici, vota e commenta.

Beh, com'è andata? C'è molta curiosità sui numeri realizzati nel primo lunedì di ippica senza corse italiane, come avveniva una ventina di anni fa. Gli ippici come i parrucchieri, liberi di lunedì. Per la prima volta un palinsesto fatto di sole straniere con Deauville, Flamingo Park e Wolverhampton per il galoppo, e Vincennes per il trotto, ha portato un movimento al totalizzatore di €597.825,00 ai quali vanno aggiunti anche i dati di ippica nazionale che sono stati di 436.602,50 che complessivamente dunque fanno €1.034.427,50 di movimento globale, in calo rispetto al 2015 quando, nella stessa giornata, nella cassa dell'ippica erano confluiti complessivamente circa €1.838.685,5, con 804,258 euro in più. Certo, per ora, si è risparmiato sul Montepremi delle corse italiane. Per ora. E l'anno scorso in programma c'erano 52 corse di cui 22 italiane e 30 estere, mentre nel primo lunedì del mese 2106 ci sono state 31 corse, solo straniere. Però, senza le corse italiane che, ovviamente, hanno attirato meno pubblico, c'è stato movimento minore.
Ecco il raffronto della giornata di lunedì 4 Gennaio, con i movimenti per corsa, e quello degli anni precedenti. NB: Sono inseriti solo i movimenti al totalizzatore, vanno aggiunti anche quelli di Ippica Nazionale:
Sigla 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Totale
WAG 6,090 10,681 11,445 14,552 23,454 30,383 16,515 14,166 15,596 - 142,882; WBG 8,092 11,575 10,520 10,095 14,115 30,877 26,936 - - - 112,210; WCG 22,787 34,759 30,338 18,959 16,950 15,830 43,012 - - - 182,635; YAT 19,923 16,977 29,252 29,921 18,512 14,124 18,161 13,228 - - 160,098. TOTALE GIORNATA - - - - - - - - - - 597,825 
Una cosa è certa, il numero dei partenti è stato di gran lunga maggiore di quanto avrebbero potuto ottenere le corse italiane, in questo momento in sofferenza, con una media di oltre 13 partenti a corsa. E questa è la buona notizia. 
Ma il problema è che manca l'aspetto culturale su cui basare un discorso scommessa! Molti italiani, quelli abituati a giocare sull'Inghilterra, scommettono oramai da anni sui punto.com per il galoppo estero, complice la tassazione bulgara delle scommesse italiane, mentre altri in sala scommettono semplicemente perchè ci sono le corse e stop. Il fatto che non c'è, al momento, una grossa copertura mediatica televisivamente con informazioni esatte e collegamenti dai campi o con i professionisti, come avviene per le italiane, che inducano lo scommettitore ad investire su una corsa piuttosto che su un'altra, è un rischio. Un aspetto su cui comunque ci si sta lavorando, e verrà implementato a breve. E quello di ieri di fatto era un anno zero. 
Intanto, senza aver speso un euro di Montepremi di lunedì, le corse straniere hanno portato la bellezza di €112.000 nelle casse dell'ippica italiana e quasi €50.000 in quelle del Ministero.
Ora bisognerà vedere come, nell'accorpamento dei campi dei rimanenti giorni, con più corse una dietro l'altra, si riuscirà a stabilire esattamente quanto e come si produrrà. C'è il rischio che mantengano lo stesso movimento, che si riduca, e che difficilmente aumenti. 
Una scelta, quella di non correre nella giornata di lunedì, che ha lasciato perplessi molti ed ancora non è chiaro sia sia una cosa buona e produttiva per il settore, oppure non lo è. Il decreto Ministeriale recita così: «l’articolazione della programmazione su sei giorni la settimana, di norma dal martedì alla domenica, consentirà di approntare un palinsesto giornaliero più “denso” di avvenimenti per la raccolta delle scommesse e, al contempo, una calendarizzazione delle giornate tecnicamente più interessante per gli scommettitori».
Invitiamo i nostri lettori a scrivere nei commenti più sotto le proprie impressioni, motivando il perchè sì è giusto non correre il lunedì, o perchè no, non è giusto non correre il lunedì. Tu sei per il SI o per il NO?
Queste sono le "Frequently Asked Questions", meglio conosciute con la sigla FAQ, letteralmente le "domande poste frequentemente" dagli ippici, operatori e scommettitori.
Esempi: SI perchè è necessario un giorno di riposo per gli ippici e per l'ippica, perchè si può fare in modo di creare il lunedì come un angolo dell'estero, dove si consiglia e si fa cultura di ippica straniera. Etc. 
NO perchè non è utile alla causa ippica, e si crea solo confusione nei giorni successivi con troppe corse accorpate che non danno modo di studiare attentamente e riscommettere la vincita con la dovuta velocità. Etc. 
Insomma, partecipate al sondaggio (nella barra laterale o cliccando QUI) e, soprattutto, diteci la vostra. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui