STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 26 luglio 2014

Doping regale, Estimate positiva alla morfina. Contaminazione ambientale per la Dodson & Horrell, tanto rumore per nulla

Un caso gonfiato, pronto subito a sgonfiarsi. Parliamo della positività riscontrata da Estimate (Monsun), la portacolori della Regina, in occasione del secondo posto nella Gold Cup G1 di Ascot nel recente Royal Meeting che ha tenuto banco su alcune testate nazionali, curiosamente in modo eccezionale visto che di ippica in Italia si tratta sempre molto poco questa tematica. Comunque, noi di Mondoturf abbiamo atteso prima di dire la nostra per capire bene cosa sia successo, in fondo dei casi alla morfina così diffusi, improvvisamente, non significa necessariamente che all'improvviso tutti gli allenatori si siano messi a drogare cavalli. Tutt'altro. Chiaro, c'è del clamoroso per un portacolori della Regina, ma pare evidente si tratti di una questione particolare che coinvolge la Dodson & Horrell, azienda fornitrice di mangimi ed altro, che sta indagando sulla contaminazione ambientale che ha coinvolto almeno altri 4 cavalli risultati positivi ai test, molti di allenatori differenti. Pare che la causa sia la presenza di alcuni semi di papavero nel prodotto Alfaalfa Oil Plus, e non in nessun altro della casa produttrice. Se verrà accertato e confermata la positività alla morfina, come è giusto che sia verrà tolto quel secondo posto ottenuto ad Ascot, ma in generale Sir Michael Stoute (che non ha voluto commentare la vicenda), essendo in modo non volontario incappato in questa positività, non riceverà nessuna sanzione. Insomma, un gesto involontario che comunque ha fatto rumore in Inghilterra e nel resto dell'Europa. Ricordiamo che c'è doping e doping e su questo, sinceramente, ci pare il caso di minimizzare. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui