STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2015. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2015 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Prezzi modici e massimo profitto!

sabato 2 giugno 2012

Camelot domina il Derby di Epsom! Cinque lunghezze al secondo. St Nic Abbey vince la Coronation Cup. Futuro e suggestioni per Camelot......

Aidan O'Brien non conosce confini. Ma nemmeno Camelot (Montjeu) che ha vinto il Derby di Epsom G1 aumentando la sua reputazione e regalando al trainer di Ballydoyle la vittoria in G1 numero 202. Padre Aidan, un genio a capo dell'ingegneria sofisticata e potente del Gruppo Coolmore, una macchina perfetta. Hanno portato a compimento la missione con un cavallo forte, che ha spezzato la concorrenza prima ancora che si corresse e distribuendo lunghezze nella vittoria, correndo a perdere. Sotto lo sguardo della Regina Elisabetta II, celebrata a dovere da tutta l'Inghilterra ed il mondo ippico, Camelot è stato posizionato da Joseph O'Brien nelle posizioni di retroguardia ed in dirittura quando è stato chiamato a dare una dimostrazione di forza dopo andatura impartita da Astrology (Galileo) ha saputo sorvolare il plotone con facilità disarmante e concludere con 5 lunghezze di margine su Main Sequence (Aldebaran) per la famiglia Niarchos (era stato supplementato ad Aprile) e lo stesso Astrology. Camelot ha realizzato il tempo di 2m 33.90s, più veloce  dei 2m 34.52s realizzati da St Nic Abbey  (Montjeu) nella Coronation Cup poco prima (con frusta persa da parte del jockey e vittoria numero 201 in G1 per Padre Aidan, Il video della Coronation qui:http://www.chroma.premiumtv.co.uk/streaming/watch/RacingUKFlashVOD/partnerId_166/videoFileId_11536421/clipId_1996522/index.html).
Team irlandese inarrestabile, O'Brien ha solo 43 anni. Tirate voi le conclusioni. Il video del Derby lo trovi cliccando qui: http://www.youtube.com/watch?v=vc-YMwb_9ZU&feature=related. Gustatevelo! Risultato completo qui: http://www.racingpost.com/horses/result_home.sd?race_id=518983&r_date=2012-06-02&popup=yes#results_top_tabs=re_&results_bottom_tabs=ANALYSIS
Imperano ora le suggestioni, il mondo delle corse si interroga se Camelot sia in grado di realizzare il sogno della Triple Crown inglese che manca da Nijinsky (Northern Dancer) che la vinse nel 1970. Ma il St Leger G1 di Doncaster in Settembre è una corsa (quasi) morta, viva solo per tradizione, cosa potrebbe aggiungere ad un campione lapalissianamente acclarato, in un'epoca di concezioni anche commerciali? In fondo è un figlio di Montjeu (Sadler's Wells), stallone scomparso, e un ulteriore valorizzazione in altri mercati sarebbe la soluzione più logica (oltre ad aver vinto una Classica sul miglio), e al di la della suggestione Triple Crown, che in America ha altra valenza rispetto all'Europa. Ok, potrebbe anche farla, ma lo stesso Nijinsky, campionissimo, per vincerla perse l'Arc de Triomphe G1 da Sassafras (Sheshoon) (chiedere a Mario Berardelli per testimonianza diretta, anzi lo invito ad intervenire). E quindi, cosa potrebbe fare? Non le Eclipse G1 di Sandown contro gli anziani, sono la tomba dei vincitori di Epsom, non l'Irish Derby G1 che non aggiungerebbe altro. Forse, direttamente attendere l'Arc de Triomphe G1 per far scattare il confronto con Sea The Stars (Cape Cross) oppure aspettare le Breeders G1 e puntare al Classic G1 per dare un ulteriore valorizzazione ad un campionissimo. Dite la vostra.
Parliamo di pedigree: Allevato da Sheikh Abdulla bin Isa Al-Khalifa, Camelot fu pagato  525,000gns alle Tattersalls October Yearling Sale Book One da Demi O’Byrne, presentato dall'Highclere Stud. E' prodotto di Tarfah (Kingmambo), vincitrice di Dahlia Stakes G3 e dunque proveniente dalla famiglia Classica che fa capo a Polygamy (Reform), vincitrice di Oaks G1.
Del padre Montjeu sappiamo quasi tutto ormai, come il fatto che è scomparso nel marzo scorso a 16 anni tragicamente. Camelot è il quarto figlio a vincere il Derby dopo Motivator (2005), Authorized (2007), Pour Moi (2011). 

5 commenti:

  1. Lo sai che invece a me farebbe piacere se andassero per la Triplice Corona?

    E credo lo faranno, Ladbrokes di solito ben informati, non spenderebbe un 30/100 per la Triplice, gia' ieri gli uomini di Coolmore facevano riferimento alla leggenda ferma ai tempi di Nijinsky.

    Credo anche il St.Leger non sia affatto una corsa finita, eppoi loro hanno un So You Think per le Eclipse, un Niccolino per le King George,e il resto mancia, why not Camelot a Doncaster?

    Rp

    RispondiElimina
  2. Sarò un tradizionalista ma anche a me piacerebbe rivedere un "triple crown" winner inglese dopo 42 anni!
    Appunto perchè poche corse potrebbero aggiungere ulteriore prestigio, vincere la triple crown lo farebbe entrare nella storia più di una "King George" o di un Arc. Anch'io penso che il St. Leger non sia del tutto inutile come corsa. Tra i nuovi stalloni emergenti, come dite sopra, non c'è forse anche Sixties Icon?
    Dopo il St. Leger potrebbero, saltando l'Arc, prepararsi a dovere e puntare alla Breeder's Cup Classic. Vi immaginate, per assurdo, uno scontro sui 2000 metri tra Camelot e I'll Have Another, vincitore pure lui della triple crown americana?
    Fantascienza?

    Luigi

    RispondiElimina
  3. Ho letto anche io che non hanno eslcuso la Triple Crown, ma conoscendo un pochino i soggetti (non Aidan, ma i Coolmore) dicono dicono dicno (bancano bancano bancano) e poi non correranno, capite che intendo? vabbè, che malizioso che sono.
    Nelle Eclipse, se le fanno sono matti, le King George mai che mai. Il derby irish lo vincono con Imperial Monarch o Astrology, rimane il fatto che faranno l'Arco o in America, ripeto, ma solo per un fatto di valorizzazione commericale visto che il gruppo è un'industria. Certo, se poi vogliono essere ancor più ricordati, fanno il St Leger e lo vincono...ma quello ce l'hanno già in tasca. Si, dopo Nijinsky...si, dopo 40 anni...però boh, io, come tutti, lo so che è un fuoriclasse....non mi serve saperlo dopo il St Leger....e poii..vincere il St Leger contro i morti,( nel senso che per me, è una corsa QUASI morta( che selezione è? io sono tradizionalista, per il Derby però, per il 2400 al massimo di qualsiasi corsa toh, non per le corse morte...datemi un motivo per ricordare (apparte Sixties Icon da stallone, ovviamente, ma siamo all'inizio della carriera di stalloni....) un cavallo vincitore di St Leger negli ultimi 40 anni che sia riuscito poi come stallone, in fatto di selezione della corsa. Nijisky, ok, ma lui non aveva bisogno di St Leger per far capire il suo valore. Poi, gli altri? Forse Shantou??? Ok, a me piaceva...ma da qui a dire che è stato un miglioratore....dai dai che mi allupa sta questione, e voi che avete più esperienza di me potete dirmi cosa ne pensate.

    RispondiElimina
  4. SONO D'ACCORDO CON GABRIELE SUL FATTO CHE IL COOLMORE E' PRINCIPALMENTE UN'AZIENDA CHE DEVE SPONSORIZZARE AL MASSIMO I SUOI PRODOTTI. A QUESTO PUNTO PERO' CREDO CHE CAMELOT IN EUROPA NON ABBIA PIU BISOGNO DI PRESENTAZIONI PER NON PARLARE DEL FATTO CHE SE SCONFIGGESSE GLI ANZIANI SAREBBE ULTERIORMENTE VALORIZZATO.
    PER IL DISCORSO USA NON CREDO CHE IL COOLMORE VOGLIA SPONSORIZZARLO DA QUELLE PARTI, IN GENERE PREFERISCONO COMPRARE QUALCOSA DI GIA' CONFEZIONATO QUINDI IL BC CLASSIC RESTEREBBE SOLO UNA SFIDA NELL'AMBITO SPORTIVO MA NON AZIENDALE. MA UOMINI D'AFFARI COME LORO ACCETTERANNO TALE SFIDA??

    RispondiElimina
  5. Nel 2012 si deve ragionare in termini aziendali. Coolmore è un'azienda seria, che macina profitti su profitti e ormai da tanti anni produce campioni su campioni. Nella mia modesta opinione meglio un piglio imnprenditoriale volto a produrre utili, che comprende i migliori stalloni e il miglior trainer al mondo, che l'imnmagine desolante lasciata dai Godolphin.

    Dovevate vedere il tondino delle Oaks, uno spettacolo O'Brien che sellava, coccolava e controllava minuziosamente le sue sei cavalle e la povera acciughina Kailani, quasi imbarazzante.

    Dico che correranno il St.Leger perche', anche se potranno sempre cambiare idea, quando John Magnier, Michael Tabor e Derrick Smith, tutti ormai oltre i 65 anni dicono: "Ormai noi siamo vecchi e queste cose (la Triplice Corona) acquistano ancora maggior importanza quando diventi sempre piu' vecchio"...


    Rp

    RispondiElimina

Commenta qui