SPAZIO PUBBLICITARIO

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com

domenica 17 giugno 2012

Il Prix de Diane a sorpresa : Valyra batte Beauty Parlour

L'Aga Khan si, ma non quella attesa. Il Diane 2012 si è tinto di verde smeraldo, in generale per la settima volta in 20 anni, grazie a Valyra (Azamour) a 28/1 la sua chance che è così imbattuta in tre uscite. L'Aga Khan ne aveva tre in campo, ma Valyra era la meno attesa tra Dalkala (Giant's Causeway) e Sagawara (Sinndar) allenate da Duprè, invece ha vinto quella che ha forgiato Jean-Claude Rouget, alla seconda vittoria nel Diane dopo Stacelita (Monsun) nel 2009, che dopo la vittoria è esploso in un abbraccio con Simone Brogi che lavora fruttuosamente al fianco dell'allenatore francese.
Tra l'altro, primo successo di G1 anche per Azamour (Night Shift), che funziona per l'Aga Khan al Gilltown Stud. La vittoria del Diane rappresenta un grandissimo miglioramento per Valyra, che aveva debuttato in Aprile a Bordeaux le Bouscat in una condizionata (da li la scelta di supplementarla al Diane), e poi ha alzato l'asticella vincendo impressionando anche a Chantilly il mese successivo. Stavolta ha battuto una come Beauty Parlour (Deep Impact), mica una qualsiasi, la favoritissima dopo la vittoria nelle Poule d’Essai des Pouliches G1 da imbattuta. Ora, le ragioni della sconfitta di Beauty Parlour vanno addebitate a qualche fattore contingente e non ad uno in particolare. Forse non fa la distanza, forse Soumillon ne ha fatta una delle sue, tant'è che dalla partenza ha reso vana la partecipazione della battistrada andando faccia al vento in avanti con Kissed (Galileo) con la quale ha ingaggiato un testa a testa inusuale dalla partenza. In dirittura, Kissed è calata appena entrata in retta  (frattura ad un sesamoide, ne comprometterà la carriera di corse ma non quella in razza) e Beauty Parlour si è trovata sola calando sotto le martellate di Valyra che lentopede è arrivata da dietro sotto la spinta di Johnny Murtagh passando la leader, nonostante Beauty Parlour abbia comunque tentato una ripresa di carattere. Terza ha chiuso Rywa (Muhtathir). In Francia si dice che Soumillon rischi l'esonero da parte dei Wildenstein, staremo a vedere. Valyra è prodotto di Valima (Linamix), mezza sorella del Breeders’ Cup Mile winner e sire Val Royal (Royal Academy), della famiglia di Valixir (Trempolino ) e Vadamar (Dalakhani) terzo recentemente nel Milano.
In Francia c'era anche il Prix du Lys G3, vinto dal Kevin Borgel Remus De La Tour (Stormy River) che ha battuto il favoritissimo Masterstroke (Monsun). Il Prix du Chemin de Fer du Nord G3 è stato vinto dallo spagnolo Vagabond Shoes (Beat Hollow), castrone di 5 anni al secondo successo in pattern. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui