STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 8 marzo 2015

Italians in USA: Biz The Nurse subito a bersaglio. Il Derbywinner italiano 2013 ha vinto una condizionata in erba

Buona la prima. Quella di Biz The Nurse (Oratorio), derbywinner italiano 2013, che alla prima uscita a stelle e strisce ha riportato una condizionata da $50,000 sulla distanza 2.735 m risolvendo sorvolando il gruppo da favorito (a 3,40) con in sella Javier Castellano. Il cavallo è di proprietà della Aleali, sebbene abbia corso con i colori di John D'Amato, ha pazientato in fondo al gruppo prima di muovere deciso prima dell'ultima curva, entrando in dirittura all'esterno di tutti in spinta e battendo agevolmente Desvelo (Sunray Spirit) e Jonrah (Bob And John) al terzo. Biz è stato trasferito intelligentemente negli States dopo una stagione dei 4 anni un filo sotto le aspettative in Italia, dopo che a 3 anni aveva realizzato un magico doppio Derby-Repubblica riportando il double tanti anni dopo Tommy Way. Biz, allevato dalla famiglia Parri (www.allevamentolegi.it), ha vinto anche il Premio Federico Tesio nel 2013, ed è stato secondo nel GP del Jockey Club 2013 e nel Premio Presidente della Repubblica 2014. Impiegato sotto uso di Lasix, il cavallo di Tom Albertrani (3 vittorie in giornata per l'ex assistente di Godolphin USA nell'apertura di Gulfstream Park) ha impiegato 2m 20,28s con parziali di :24.70, :48.04, 1:12.48, 1:37.68, 2:02.41. Prossimo obiettivo, innalzamento dell'asticella per correre le graded in erba. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
A proposito di cavalli italiani all'estero, qualche giorno fa a Dundalk in una condizionata sui 2000 metri sul sintetico, l'ex campione italiano Vedelago (Red Clubs) è giunto terzo alle spalle di Shalaman (Oratorio) e Parish Hall (Teofilo) correndo in avanti e resistendo fino ai 200 dal palo, quando è stato sopraggiunto dai primi due e superato. Vedelago non è più lo stesso Vedelago che abbiamo conosciuto noi, chissà che in Irlanda non facciano un altro miracolo stile Fiesolana.
Il figlio di Red Clubs (Red Ransom), in Italia ha vinto Primi Passi G3, è stato secondo di Premio Parioli G3, ha poi riportato il Carlo Vittadini G2 e poi il Premio Presidente della Repubblica G1 prima di calare a livello agonistico e di prestazioni. Allevato dalla GTA di Giampiero Brotto, ora è di proprietà di Dominick Glennane & Tiziana Zampese ed è allenato da Dermot Weld. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
Qualcosa di italiano possiamo trovarlo ancora around the world dal punto di vista dell'allevamento. In Cile l'argentino Cortinero ha rappresentato il sire italiano Cima De Triomphe (Galileo) nelle Porfido Stakes sui 1200 metri del Club Hipico de Santiago. In Nuova Zelanda nelle New Zealand Stakes G1 di Ellerslie sui 2000 metri, Sakhee's Soldier si è confermato il più forte rappresentante in corsa di Sakhee's Secret (Sakhee's Secret), stallone funzionante in Italia al Centro Equino Arcadia come ottima proposta agli allevatori italiani (http://www.centroequinoarcadia.it/home/sakhees-secret/).
Sempre in NUova Zelanda, nelle Diamond Stakes G1 di Ellerslie sui 1200 metri, colpo per l'ex Archi Romani Per Incanto (Street Cry) che come stallone sta facendo benissimo nell'emisfero sud. Due suoi figli, rispettivamente Dal Cielo e Rocanto, sono arrivati primo e terzo in un G1 sui 1200 metri per cavalli di 2 anni. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui