STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 2 novembre 2015

Tutto in un post: I Criterium francesi di fine stagione, Ito che vince a Monaco, spinge Prince Gibraltar a Roma..

Tutta questa America ci ha fatto quasi dimenticare di quello che è accaduto e di quello che accadrà fra qualche ora. Facciamo dunque un pastone di notizie da sapere ad ogni latitudine. Domenica a Saint-Cloud sono andati in scena i due G1 conclusivi della stagione per i 2 anni, e cioè il Criterium de Saint-Cloud, sui 2000 metri, e ed il Criterium International portato invece ai 1400 metri. In realtà avremmo cambiato quello da 2000, accorciandolo. Vabè, sta di fatto che nella prova sul doppio chilometro il favorito era l'impressionante Idaho (Galileo) il quale, però, non è riuscito a esprimersi secondo le attese arrivando quarto in una prova vinta da Robin Of Navan (American Post), un sauro allenato da Harry Dunlop, alla prima vittoria a questo livello. Vincitore del Prix de Conde G3 del 5 Ottobre, con Tony Piccone a bordo è finito battendo il Fabre di Godolphin Cloth Of Stars (Sea The Stars), con al terzo posto Notte Bianca (Kendargent), prodotto della fattrice Biancarosa (Dalakhani), cavallina fisicamente minuta che cominciò la carriera in Italia agli ordini di Bruno Grizzetti e poi passato nella broodmare band di Yoshida. Primo G1 per il suo allenatore, e primo G1 per lo stallone American Post (Bering). Non è iscritto al Derby francese, ma farà tutto quanto possibile per arrivarci. Queste sono corse poco indicative per il futuro, ma continuano a mantenere un altissimo profilo dunque occhio per il futuro. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Ryan Moore, comunque, appena sceso dall'aereo e ancora con il jet lag da smaltire dopo le vittorie con Hit It A Bomb e Found, ha continuato il suo "ritorno" magico con i Coolmoriani ed Aidan O'Brien, vincendo anche in Francia nel Criterium International grazie a Johannes Vermeer (Galileo) che si è rifatto del piazzamento nel Racing Post Trophy G1, partendo velocemente, graduando ed isolandosi pur resistendo di una testa nei confronti di Stormy Antarctic (Stormy Atlantic), per Ed Walker con Andrea Atzeni in sella, con al terzo Attendu (Acclamation). IL VIDEO DELLA CORSA QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
In Europa è accaduto anche che Ito (Adlerflug) con Philip Minarik vincesse a Monaco il Grosser Preis von Bayern G1, lasciando nettamente al secondo posto Prince Gibraltar (Rock Of Gibraltar) il quale ora, compatibilmente con una reazione fisica buona, potrà scendere domenica a Capannelle e chiudere la stagione prima dell'ingresso in razza nel Premio Roma GBI: Da queste parti dicono "magari ce casca", nel senso che una sua presenza valorizzerebbe una corsa altrimenti a rischio declassamento. IL VIDEO DELLA CORSA QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
A proposito, nella giornata di lunedì non sono arrivati forfait ufficiali dunque quelli preannunciati sono tutti dentro. Confermatissimi Tullius, Energia Davos e Felician tra i tedeschi più uno minore. Attendiamo come manna dal cielo anche Prince, ma Rouget deciderà solo nei prossimi giorni. Intanto il fatto che non sia tornato a casa ma solo a Lione, fa propendere per una decisione in tal senso. Speriamo bene.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui