Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

venerdì, novembre 27, 2015

Wolverhampton, debutto inglese per Kyllachy Queen in Classe 2. Marco Botti multato di £200 per una errata comunicazione

Venerdì pomeriggio in Inghilterra, alle 19,45 ora italiana e dunque quando il palinsesto di Wolverhampton del "black friday" non è più "giocabile" da noi, effettuerà il debutto in Inghilterra l'italian bred Kyllachy Queen (Kyllachy), portacolori della Blueberry dai trascorsi nazionali, che è stata esportata nelle ultime settimane a Newmarket nello yard di Marco Botti a Prestige Place dopo aver lasciato Cenaia. La 3 anni è una cavalla che in Italia ha corso 9 volte vincendo in 4 occasioni e piazzandosi in altrettante. Praticamente ha steccato solo nel Regina Elena dove è finita settima. Successivamente ha vinto il Nogara, si è piazzata seconda nel Besserto e poi quarta nel Premio Elena e Sergio Cumani. Avrebbe dovuto debuttare il 18 Novembre scorso a Kempton in Listed, ma è stata ritirata e "programmata" per una Classe 2 contro le anziane sui 1400 metri sul sintetico dove, al momento, è proposta a 10/1 in una corsa dove la favorita è Cold As Ice (Western Winter), una campionessa sudafricana, duplice vincitrice di G2 e piazzata di G1 in patria, esportata in Inghilterra e presentata da Willy Haggas con in sella il jockey sudafricano Bernard Fayd'Herbe. Tornando a Kyllachy Queen, la femmina ha soddisfatto in lavoro il trainer italiano, dovrebbe puntare ad una Listed in Francia a fine anno. 
A proposito di Marco Botti, nelle ultime ore è stata formalizzata la multa di £200 comminata dalla British Horseracing Authority a causa della questione accaduta un mesetto fa su un errore, veniale, riguardante un cavallo presentato e venduto come intero, e che invece era castrone. Il cavallo in questione si chiama Sammy’s Warrior che dopo una reclamare di Redcar era stato acquistato per £12,000 sterline da Jim Best il quale, dopo poco, si è accorto che qualcosa li "sotto" mancava ed ha fatto un pò di casino denunciando il fatto ottenendo il risarcimento da parte di Marco Botti che, ovviamente, si è scusato per l'errore non avendolo comunicato a Weatherbys. Molto rumore per nulla, immaginiamo che non l'abbia materialmente compiuto lui e che civilmente avrebbe restituito i soldi anche senza una denuncia formale, ma intanto la giustizia ha fatto il suo corso velocemente. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui

Ricerca personalizzata