STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 13 febbraio 2015

Meydan: #Maftool redento nelle UAE 2000 Guineas, nell'Al Shindagha ancora Reynaldothewizard

Mica male il giovedì di Meydan. Da vedere c'erano 3 corse di G3, utili per capire cosa accadrà nel corso del Carnival. Le 2000 Ghinee del Emirati Arabi Uniti (VIDEO CORSA QUI) hanno sempre laureato cavalli più che discreti, da qui è passata gente come Street Cry, Victory Moon ed Asiatic Boy. Quest'anno a vincere è stato un Godolphin molto interessante che risponde al nome di Maftool (Hard Spun), che aveva perso tragicamente il trial di questa corsa qualche settimana fa, ma fallendo completamente la partenza e recuperando molti metri durante il percorso arrivando a 5 lunghezze e mezzo da Mubtaahij (Dubawi), allievo di De Kock, con il quale aveva dunque un conto aperto, subito saldato nella foto per concessione di Andrew Watkins. Il figlio di Hard Spun (Danzig), per la prima volta con il visor e con in sella Paul Hanagan, ha provato a non partire ma messo subito sui binari giusti dal suo fantino ha prodotto una bella progressione dal centro della pista per regolare proprio il De Kockiano, partito da contro favorito. I due hanno dato vita ad un bel duello che si è protratto fin sul traguardo dove i due sono rimasti divisi da una testa.
Al terzo, lontanissimo a 10 lunghe dai primi 2, l'argentino Ajwad (Not For Sale), l'unico 3 anni...e mezzo (dell'Emisfero Sud), in una corsa animata da Burnt Sugar (Lope De Vega), andato in avanti ma inabissatosi in retta. Il tempo finale sul miglio in sabbia è stato di 1m 37.69s (slow by 0.39s), praticamente lo stesso tempo prodotto dagli anziani nel corso della giornata e di cui parleremo dopo. Quanto al vincitore, chissà se riuscirà a coronare il sogno di Sheikh Mohammed di partecipare con chance al Kentucky Derby G1, per ora in programma c'è solo il Derby degli Emirati Arabi in programma nella notte della DWC del 28 Marzo. 
Maftool in Europa si è distinto per la vittoria nelle Somerville Tattersall Stakes G3 di Newmarket n Settembre. Allevato da C Kidder and J K and Linda Griggs, è il primo prodotto della fattrice With Intention (Mr Greeley) che non ha mai corso. Maftool risulta acquistato per $260,000 da Shadwell, poi passato a Godolphin. 
Da vedere c'era anche l'Al Shindagha Sprint G3 (VIDEO CORSA QUI), sui 1200 metri in dirt, che si correva in preparazione del Golden Shaheen G1 nella World Cup night su stessa distanza e tracciato. L'onesta andatura iniziale con Beat Baby (Johannesburg) autore di ottimi parziali, hano giocato a favore del vecchio Reynaldothewizard (Speightstown) che sembrava fuori dai parziali ed invece dal centro della pista ha prodotto una bella progressione con Richard Mullen in sella, vincendo e battendo l'altro atteso Krypton Factor (Kyllachy) con al terzo Speed Hawk (Henny Hughes). Reynaldo, reduce da una affermazione al rientro, ha già vinto il Golden Shaheen, ci proverà ancora. 
Nell'ultimo G3 della giornata, nulla da inventare e alla fine ha stravinto Tamarkuz nelle Firebreak Stakes (VIDEO CORSA QUI) sul miglio, con il figlio di Speightstown (Gone West) di proprietà di Hamdan Al Maktoum ha dato seguito ad una già brillante affermazione in handicap, lasciando a 4 lunghezze e mezzo Gold City (Pivotal) in 1m 37.45s (slow by 0.15s). Nulla da fare per l'eterna promessa Darwin (Big Brown), nemmeno sotto le mani di De Kock, mentre United Color (Ghostzapper) è giunto quinto. Tamarkuz è un cavallo in assoluto progresso, ha vinto 5 delle 11 corse disputate ed è allenato da M Al Muhairi. In giornata c'era da registrare anche il tentativo di Scighera (New Approach) in un handicap di inizio convegno ma la seconda delle Oaks G2 italiane 2014, è arrivata ancora una volta ultima lontana.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui