STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 26 ottobre 2014

Capannelle: Final Score che grinta! Vince il Longines Lydia Tesio in foto e rispetta le tradizioni di famiglia. Battute Lacy e Calyxa, ora sarà venduta a Katsumi Yoshida che aveva comprato anche Cherry Collect. Nel Berardelli ottimo Misterious Boy, Spicy Jam superiore nel Pandolfi, Cape Magic batte i maschi nello Scheibler

 Immaginate, in senso figurativo, il pollice, l'indice ed il medio che si toccano a mo di sfregamento.. Ecco, quando hai.."queste", le mani, per intenderci ed essere chiari, e fai il fantino..hai un dono fondamentale che la natura ti ha dato, e allora hai tutto. Fabio Branca c'è nato così, c'è venuto da Dorgali e da quando ha ricevuto questo regalo lo ha messo a disposizione dei cavalli, di Stefano Botti e di Felice Villa. Talento, genio ed un pizzico di sregolatezza, quello si, che sono il sale ed il pepe dell'esistenza quando sei un fantino a quei livelli, con tutte le zone d'ombra. In sella a Final Score (Dylan Thomas) ha vinto il Longines Lydia Tesio G1, un anno dopo sua sorella Charity Line (Manduro) e per la terza volta in 4 anni se comprendiamo anche Quiza Quiza Quiza, risolvendo una corsa tatticamente venuta male e che stava per finire peggio se non fosse stato per l'immensa classe, domando solo sul palo una coraggiosissima Lacy (Authorized) con Andrea Atzeni che voleva fare la magata ma non ci è riuscito, poi Calyxa (Pivotal) al terzo e la temuta Mayhem (Whipper) solo al quarto. Il Fotoservizio della corsa a cura di Domenico Savi cliccando QUI o sul sito www.stefanograsso.it
Bellissima al tondino, decisamente migliore di tutte le straniere messe assieme, Final all'inizio non voleva entrare nelle gabbie dando un brutto presagio a chi guardava. Ma quando l'ha fatto, alla fine, è stata sincera fino in fondo, anche con l'aiuto dei cheekpieces, i paraombre australiani: è partita ed anche bene, tanto che si è dovuta costruire la corsa andando in avanti e, infine, rimanendoci fino in fondo lottando strenuamente, sbattendo la porta in faccia a chiunque si sia avvicinata per portare un attacco ma lei sempre no, in modo feroce, ha risposto sempre negando questa possibilità. IL VIDEO DEL LONGINES LYDIA TESIO QUI. Il primo attacco l'ha dovuto subire da
Vague Nouvelle (Mastercraftsman) che alle intersezioni l'ha avvicinata dandole un parziale violento, e quello a posteriori è stato un bene perchè ha svegliato d'improvviso Final e l'ha fatta infiammare per un finale accesissimo. Al suo è esterno si è manifestata Calyxa, poi Mayhem e allora Fabio l'ha presa dura e, nel normale "challenge", ha lasciato uno spiraglio all'interno nel quale si è fiondato come una saetta Atzeni su Lacy, che non aspettava altro per sfruttare i punti deboli dalla rivale. Solo che, quella tattica, alla fine si è rivelata non esattamente premiante proprio perchè Lacy avrebbe avuto bisogno di una corsa pulita e non di "challengiare" con una come Final che, come una virago, l'ha sbattuta fuori dalla giostra come con tutte le altre concorrenti. Quasi dramma sul palo: Fabio che esulta, convinto della vittoria, e un paio di colpi proibiti che vengono notati dai commissari che suonano: minuti di attesa, ma la consapevolezza che quel danneggiamento, considerato nel più inglese dei metri di giudizio, non poteva inficiare su una prestazione di altissimo livello. Tutto secondo copione, dunque e tradizione di famiglia rispettata alla grande grazie ad una interpretazione fine, saggia, fredda, astuta di quel genietto che risponde al nome di Fabio Branca, 30 anni proprio oggi, festeggiati nel migliore dei modi. Aveva promesso, quasi minacciato, si sarebbe ritirato dopo questa vittoria. Scherzava, forse, sarebbe uno spreco di cui non abbiamo effettivamente il bisogno. Tempo finale, misurato dal cronometrista ufficiale Longines, è stato di 2m 2.00s. Uno dei più bassi nella storia nella corsa, il più basso degli ultimi 10 anni. E Final, cosa farà? Ora riposo, certamente, e poi una campagna si spera ancora internazionale perchè dopo quel tentativo nelle Ribblesdale va ripetuto, per una cavalla che ha saputo doppiare Oaks-Lydia Tesio un anno dopo Charity. Per Final Score era l'ultima per i colori Effevi, la settimana prossima infatti lascerà la scuderia di Cenaia ed approderà per il gruppo di Katsumi Yoshida che aveva già acquistato la sorellona Cherry Collect (Oratorio), vincitrice delle Oaks 2012. L'altra sorella Charity Line (Manduro) era stata venduta alla Shadai Farm, del fratello di Katsumi Yoshida. Dopo Final Score, la fattrice Holy Moon (Hernando) ha un due anni da Rock Of Gibraltar (Danehill) che si chiama Wordless, uno yearling da Pour Moi (Montjeu) ed ha dato alla luce nel corso del 2014 un foal da Nathaniel (Galileo).
Premio Guido Berardelli G3 - 1800 metri: Misterious li ha fatti scappare tutti. Nel senso buono del termine il ragazzo Misterioso ha portato a compimento la missione Berardelli faticando ma dimostrando notevole forza e lasciando negli occhi una convinzione: quella che può diventare veramente l'erede di suo fratellone Biz The Nurse, e forse anche meglio. Misterious ha pagato una corsa strana, tatticamente parlando, ma è stato bravo Dario Vargiu ad incanalarla nella giusta direzione quando si potevano complicare per davvero le cose. Un arrivo a ventaglio, il peggio che ti può accadere quando il campo è stringato, perchè puoi arrivare primo o quarto in un batter di ciglia.
Ma gli ultimi 200 metri li ha fatti in scioltezza, dopo aver preso quell'azione giusta, decisiva, che ci aspettavamo. Il ragazzo misterioso ha battuto meglio di quanto non dica il distacco un coraggioso Panther Cat (Tale Of The Cat) con Yucatan (Muhtathir) al terzo all'interno: Sfortunato, sfortunatissimo, Altroquando che proprio mentre era in lotta per la vittoria nel famoso ventaglione, ha patito un cedimento dei legamenti del nodello finendo si la corsa, ma non al massimo possibile. Rientrato claudicante è stato fasciato ma per lui la carriera di corse rischia di essere compromessa. Non affrettiamoci a tirare conclusioni, speriamo bene ma in ogni caso la vita del cavallo non è in pericolo: Dispiace comunque tanto, per lui e per Maurizio Mattioli. Tornando al vincitore, si tratta di un cavallo allevato Le.Gi. (www.allevamentolegi.it) che dopo un anno l'assolo di Gentleman Only, guadagna la copertina del Berardelli e non solo. Misterious, per stessa ammissione di Stefano Botti, può diventare ancora migliore di suo fratello. Nel Berardelli, intanto, ha già fatto meglio dei suoi predecessori Biz e Cospirator, sfatando un tabu per Biz Bar, la mamma dei 3. Per fortuna, la mamma dei campioni è sempre incinta. IL VIDEO DEL BERARDELLI QUI. Misterious Boy ha un fratello da Roderic O’Connor (Galileo) andato invenduto per €97,000 alle recenti SGA di Settembre. La mamma Biz Bar (Tobougg) ha un foal da Power (Oasis Dream) ed è gravida di Dawn Approach (Galileo).
Premio Ubaldo Pandolfi (Listed Race) 1200 metri: Botti ancora Botti. Stavolta per i colori Blueberry portano a casa il Pandolfi con Spicy Jam (Holy Roman Emperor) con una condotta di gara perfetta per Dario Vargiu il quale ha approfittato della schiena di Lady Ro (Showcasing) per seguirla e gettandole addosso lo spunto di cui è dotata, facendo dimenticare il passo falso nel Criterium Nazionale ed il chilo e mezzo di sovraccarico dovuta dalla vittoria nell'Eupili, analoga a questa corsa. Spicy Jam ha completato i 1200 in 1m 9.60s; Per la cronaca, terza una eccezionale Turrialba (St Paul House) che ha piegato Mefite, per l'ultimo gradino del podio. IL VIDEO DEL PANDOLFI QUI.
Premio Conte Felice Scheibler (Listed Race): è bastata una francesina in stile mistress a fare a fette i nostri. Cape Magic (Cape Cross), che aveva vinto al debutto e poi fuffa nelle altre due corse nella stagione, ha seguito come un'ombra Uniram (Ramonti) mettendosi a 3/4 dall'avversario, ma quando è arrivato il momento giusto Olivier Peslier gliel'ha lanciata addosso con la giusta foga: I due hanno battagliato, il Bottiano ha provato a resistere ma c'è da celebrare la monta fine, di Classe, di Peslier che ha fatto tutto bene con la cavalla di Francis-Henri Graffard che ha fatto inginocchiare i maschietti al suo cospetto. Un aggettivo? Dominante. IL VIDEO DELLO SCHEIBLER QUI.
Oltre 4000 le presenze all’Ippodromo Capannelle con un volume di gioco di 73mila euro sul campo e 450mila al totalizzatore.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui