STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 20 ottobre 2014

Mondo: Admire Rakti, primo giapponese nella Caulfield Cup, ora la Melbourne Cup! A Woodbine, europei sugli scudi

Fine settimana dai motivi molto interessanti in giro per il mondo. Partiamo dal far east ed in particolare dall'Australia dove in una edizione molto aperta della Crown Golden Ale Caulfield Cup G1 sul miglio e mezzo, a vincere è stato un giapponese che risponde al nome di Admire Ratki (Heart's Cry) e la prima cosa che ci è venuta in mente è stata: Appena un cavallo giapponese all'esterno viene montato da un fantino degno di questo nome, vince. Infatti, in sella al cavallo allenato da Tomoyuki Umeda c'era il locale Zac Purton il quale ha dato un percorso perfetto al sei anni giapponese, al quale non è parso vero di correre tatticamente in modo molto meno dispendioso. Admire Rakti ha battuto due femmine quali Rising Romance (Ekraar) e Lucia Valentina (Savabeel), mentre l'unico europeo presente era Seismos (Dalakhani) per Marco Botti ma il sauro è incappato in una brutta prestazione, finendo nelle retrovie 15° su 18. Admire in carriera ha vinto 2 delle 12 corse disputate, ha sfiorato sempre la massima categoria e lo scorso anno era finito 4° ad una lunghezza da Gentildonna nella Japan Cup. Male nell'Arima Kinen di Dicembre 2013, è rientrato con un secondo dietro a Gold Ship nelle Hanshin Daishoten Stakes G2, poi male a Kyoto nel Tenno Sho primaverile, ora è arrivata la vittoria a Caulfield, la prima per un giapponese. Seppure alterno, è ora un forte candidato alla Melbourne Cup del 4 Novembre a Flemington, in virtù di questa convincente vittoria. IL VIDEO DELLA CAULFIELD CUP QUI.
A proposito di Australia, qualche ora fa David Hayes, allenatore di Crackerjack King, ha annunciato a TVN, la tivù locale, che il grigio italiano di allevamento, vincitore in Italia di Derby e Repubblica, salterà il Cox Plate G1 a causa di un infortunio patito recentemente...
Domenica a Woodbine in Canada, risultati molto europeizzanti. Nel Pattison Canadian International G1 sul miglio e mezzo, a vincere è stato Hillstar (Danehill Dancer) per Sir Michael Stoute e con Ryan Moore in sella, che ha risolto in lotta nei confronti di Big Blue Kitten (Kitten's Joy). Prima della corsa "drama" per l'atteso Brown Panther che ha scodellato in terra Richard Kingscote ed è fuggito in libertà in un pregara piuttosto nervoso del figlio di Shirocco. Non ha preso parte alla corsa, ma nulla di grave per cavallo e fantino. Solo una arrabbiatura per Michael Owen, che ne è proprietario ed allevatore. Hillstar ha battuto i rivali nordamericani confermando la forza europea in queste corse oltreoceano, regalando a Sir Michael Stoute la seconda vittoria in questa corsa dopo Singspiel nel 1996. Per Ryan Moore la seconda consecutiva dopo Joshua Tree di un anno fa. Hillstar, che correva con il Lasix, ha completato la 4° vittoria in carriera in 14 uscite, in un tempo di 2min 29.0sec su terreno buono. IL VIDEO DEL CANADIAN INTERNATIONAL QUI.
Nelle E. P. Taylor Stakes G1 sui 2000 metri, la favorita britannica Just The Judge (Lawman) con Jamie Spencer in sella, ha battuto l'altra europea Odeliz (Falco) con Ryan Moore. Assente giustificata Euro Charline (Myboycharlie), portacolori del Team Valor già tornata in Europa in bacino di carenaggio, dopo un infortunio patito in allenamento sotto le cure di Todd Pletcher, in prestito da Marco Botti per il quale in America aveva vinto le Beverly D Stakes G1 battendo, tra le altre, proprio Just The Judge. Peccato, la rivedremo l'anno prossimo. Just The Judge si è guadagnata una candidatura nelle Breeders Filly & Mare Turf del prossimo 1° Novembre a Santa Anita. La figlia di Lawman è di proprietà della Qatar Racing e della famiglia Sangster, allenata da Charles Hills. Completato il doppio chilometro in 2:03.47.
Nelle Nearctic Stakes G2 sui 1200 metri in erba in 1m 8.97s, sotto una regia di un magnifico Andrew Mullen, a vincere è stato Caspar Netscher (Dutch Art) per il trainer David Simcock, sabato protagonista ad Ascot con Madame Chiang, e l'anno scorso assoluto primattore nell'1-2 realizzato da Trade Storm e Sheikhzayedroad. Caspar è un figlio di Dutch Art di 5 anni, con un passato di vittorie nelle Greenham G3 e nelle 2000 Ghinee tedesche per Alan McCabe nel 2012, prima dell'ingresso fallimentare in razza ed uno ritorno all'attività agonistica per Charles Wentworth. Questa era la sua prima vittoria dal ritorno in pista. In razza ha coperto 54 fattrici ma solo 3 sono rimaste gravide, ed i suoi figli sono foal e saranno offerti prossimamente alle aste. Chissà che non faccia come Starspangledbanner...

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui