STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 15 novembre 2014

Rating IFHA, buone nuove: Priore Philip valutato 120! Come Worthadd e Falbrav, meglio di Jakkalberry. Ecco i dati della stagione, il top dell'anno è Just a Way con 130, i migliori 3 anni Australia e Kingman a 126

Una buona notizia arriva dalla IFHA (International Federation of Horseracing Authority) che ha stilato nei giorni scorsi la Classifica mondiale per i cavalli che hanno corso tra il 1° Gennaio ed il 9 Novembre scorso. La impressionante vittoria per 6 lunghezze ottenuta da Priore Philip (Dane Friendly) nel Premio Roma GBI Racing, è valso al cavallo italiano una valutazione di 120, un bel riconoscimento per la stagione eccezionale del portacolori della Ste.Ma. che ha impressionato gli handicapper proprio dopo l'ultima affermazione sui 2000 metri, alla prima partecipazione sulla distanza. Qui di lato trovate la classifica dei migliori 3 anni del mondo, la classifica completa la pubblicheremo dopo, ma sviscerando i dati emerge come il sauro allevato da Lollo e Stefano Luciani è terzo in Classifica per età, categoria intermediate (gli altri sono o Miler o Long Distance) e per superficie, quindi erba. Il suo 120 è al di sotto dei 126 di Kingman, Australia e The Grey Gatsby, ma con un valore uguale ed identico a Free Eagle, secondo delle Champion Stakes G1, e Tapestry G1, vincitrice delle Yorkshire Oaks. In assoluto i migliori purosangue del mondo sono, come si evice più sotto, Just A Way con il suo 130, poi Kingman, Australia e The Grey Gatsby con il loro 126 e a scendere gli altri anziani di valore come Variety Club a 126, Treve a 125, Flintshire a 124 come Gold Ship, The Fugue.. poi 123 per Cirrus Des Aigles, Designs Of Rome (HK), Lankan Rupee (Aus), Magician e Military Attack (HK). A 122 troviamo Mukhadram, Noble Mission, Olympic Glory, Telescope, Wise Dan (Usa), a 121 Al Kazeem, Kizuna e Toronado, a 120 quelli sopra elencati e, tra gli anziani, un valore uguale per Admire Ratki, Ivanhowe, Lucky Nine, Protectionist dopo la vittoria della Melbourne Cup. Tutti ovviamente vanno divisi per segmento, distanza, sesso, età etc
La classifica, pubblicata dalla Longines World’s Best Racehorse Rankings, è stata introdotta dal 2004 e da quell'anno solo un cavallo ha ricevuto una valutazione superiore a Priore: Electrocutionist (Red Ransom), allenato da Valfredo Valiani, ricevette per la stessa categoria un 121 dopo la vittoria nelle Juddmonte International G1. Un altro italiano in tutto e per tutto celebre come Worthadd (Dubawi), ottenne un 120 dopo il secondo posto nelle Lockinge Stakes G1 dietro Canford Cliffs. Il 120 di questi, è superiore al 119 ottenuto da Jakkalberry (Storming Home) nel Gran Premio di Milano. 
Tra gli altri cavalli allenati in Italia presenti nelle classifiche internazionali, spicca il nome di Tony Bin con il suo 131 del 1988 dopo l'Arc de Triomphe G1, poi Tisserand nel 1990 con il suo 125, Misil nel 1992 e 1993 con il suo 122, Electrocutionist come detto a 121, Falbrav a 120 come Worthadd e Priore Philip, mentre scendendo si ricordano in passato anche il 118 di Crackerjack King nel 2012, il 117 di Misil, Distant Way, Voila Ici, Blu Constellation, il 116 di Sunstrach, Le Vie Dei Colori, Altieri, Prince Kirk, Ramonti, Cima De Triomphe e Turati
Soddisfattissimi ovviamente Stefano Botti, Stefano Luciani ed il proprietario Luciano Monaldi. Per Priore il prossimo anno si spalancano le porte dell'estero, con tante opportunità da poter sfruttare. Tra i cavalli buoni della stagione che non hanno ottenuto un riconoscimento altissimo ma possono guardare lontano, c'è Dylan Mouth (Dylan Thomas), vincitore del Gran Premio del Jockey Club G1, attualmente rallentato. I suoi uomini hanno rifiutato l'invito per la Japan Cup a causa del lungo e dispendioso viaggio, oltre agli avversari tra i più forti al mondo sulla distanza, per poter dosare gli appuntamenti e puntare nel 2015 al sogno del Sciur Villa, correre con chance l'Arc de Triomphe G1, vero obiettivo per il prossimo anno. Stefano Botti sta lavorando a target, da allenatore che ha vinto 4 dei 6 G1 della stagione italiana con 3 diversi cavalli, e 15 delle 29 Pattern della stagione con 9 cavalli individuali. 

2 commenti:

  1. dove posso vedere le puntate di CANTER su internet;;;se vuoi rispondi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul canale YouTube di Unire tv. Ma non ci sono tutti. Altrimenti ogni mercoledì sera ore 19 c'è una nuova puntata

      Elimina

Commenta qui