STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 2 novembre 2014

Capannelle: Priore Philip tenta il salto in lungo per la Ste.Ma. dopo Welsh Guide. Ad attenderlo Dartagnan D'Azur..

E' tutto pronto per il Premio Roma GBI Racing dove i corsi ed i ricorsi storici si rincorrono uno dietro l'altro. Era il 1988 ed il Premio Roma era stato appena accorciato ai più fruibili e moderni 2000 rispetto ai 2800 di un tempo. Quel giorno di 26 anni fa la Ste.Ma e Luciano Monaldi sorrisero per la vittoria di Welsh Guide (Caerleon) che a 3 anni ottenne il migliore risultato per il noto proprietario che, a distanza di tanti anni, ha voluto svecchiare quei ricordi acquistando un cavallo, o per meglio dire una banca, chiamata Priore Philip che in pochi colpi ha vinto Gran Criterium, Vittadini G2 e Di Capua G1 diventando il suo portacolori di punta per questo tentativo che va fatto sui mai affrontati 2000 metri. Il sauro allevato da Loreto Luciani e da figlio Stefano, ha cominciato la carriera vincendo a reclamare in Giugno dei 2 anni e poi è cresciuto esponenzialmente. Oggi avrà contro il 5 anni progressivo Dartagnan D’Azur (Slickly), supplementanto per l'occasione, allenato in Germania da Werner Hefter, che recentemente ha vinto il Prix Andre Baboin G3. I tedeschi propongono anche Oil Of England (Lord Of England), terzo del Derby Italiano ma ancora maiden in 10 uscite. L'altro straniero è praticamente italiano. Awake My Soul (Teofilo), allenato da David O'Meara, è di proprietà della Zaro ed è allevato da Franca Vittadini. Risulta allenato da Gianluca Bietolini, ma solo per una pastoia burocratica in cui è incappato Aldo Feligioni in seguito ad un vecchio doping. Gli altri italiani sono Duca Di Mantova (Manduro) che, come il Priore, è allevato dai Luciani, ed è arrivato secondo di Dylan Mouth nel Jockey Club di San Siro. 
Di contorno c'è il Premio Ribot G2 e qui si che la Incolinx può ottenere un superbo risultato: Il favorito è Verdetto Finale (Nayef) che ha subito il Priore proprio nel Vittadini e nel Di Capua e merita la vittoria a livello di Pattern. Non ci sarà Mirco volato ad Hong Kong, toccherà a Bossa fare il DemurOne. Henri-Alex Pantall invia la 3 anni Dancing Sands (Dubawi), terza in Turchia nel Istanbul Trophy G3 a Veliefendi e poi vincitrice con stile a Colonia in Settembre. L'altra è tedesca e si chiama Love Happens, piazzata di Cumani G3 a San Siro. Degli altri italiani spicca la chance di Salford Secret (Sakhee Secret), vincitore del Parioli proprio davanti al Priore. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui