STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

martedì 1 ottobre 2013

Verso l'Arc de Triomphe: Supplementato Leading Light, il vincitore del St Leger di Doncaster è tra i 4 probabili candidati del Coolmore. In attesa di ulteriori conferme, il campo va man mano configurandosi..

Mancano 5 giorni all'Arc de Triomphe ed ovviamente si fa la conta delle presenze. L'ultimo in ordine cronologico ad aver confermato la partecipazione è Leading Light (Montjeu) per il quale Aidan O'Brien ha annunciato la supplementazione. Il figlio di Montjeu (Sadler's Wells) quest'anno ha mostrato una ampia versatilità e crescita tanto da aver prima vinto sulle due miglia del Queen’s Vase G3 al Royal Ascot, e poi vincendo una Classica come il St Leger G1 di Doncaster in stile superiore, non solo da cavallo che macina metri. Insomma, un buon motivo per tentare di fare lo sgambetto ai migliori cavalli d'europa. Il team di Ballydoyle porterà in pista anche l'eroe di Epsom Ruler Of The World (Galileo), il campione da ritrovare Camelot (Montjeu) ed il talentuoso Kingsbarns (Galileo), almeno questo ha detto il trainer irlandese contando il numero dei probabili protagonisti in pista a Longchamp per la corsa da €5 Milioni.
Leading Light attualmente è a 20/1 dell'antepost che prevede ancora Orfevre (Stay Gold) come primo favorito, poi Treve (Motivator), Novellist (Monsun), Kizuna (Deep Impact), Flintshire (Dansili), Intello (Galileo), Al Kazeem (Dubawi), The Fugue (Dansili)..... Il campo di quest'anno, come al solito, sarà di enorme spessore e si prevede la partecipazione di almeno 10 cavalli vincitori già di G1, tutti al di sopra del 125 di Timeform. Nei prossimi giorni analisi completa dei partecipanti alla madre di tutte le corse. Manca davvero pochissimo alla corsa più attesa della stagione e l'ultimo aggiornamento (prima della supplementazione di Leading Light, Treve e Meandre) vede ancora 21 iscritti. I rimasti sono i seguenti diffusi da France Galop: Very Nice Name (M4), Novellist (M4), Camelot (M4), Al Kazeem (M5), Joshua Tree (M6), Orfevre (M5), Going Somewhere (M4), Yellow And Green (F4), Haya Landa (F5), The Fugue (F4), Pirika (F5), Flintshire (M3), Manndawi (M3), Ocovango (M3), Iniciar (M3), Penglai Pavilion (M3), Kizuna (M3), Kingsbarns (M3), Ruler Of The World (M3), Sahawar (M3), Intello (M3).

4 commenti:

  1. Che passerella di campioni per la corsa più prestigiosa del mondo! Peccato che non ci sia nessuno dei nostri che possa competere con questi mostri. E' veramente deprimente sentirsi i parenti poveri ed essere costretti solo a guardare senza poter fare il tifo per un campione di casa nostra da oltre 5 anni (l'ultimo a partecipare nel 2008 mi sembra sia stato Cima de Triomphe).

    RispondiElimina
  2. Si, peccato davvero. Ma uno noi lo avevamo, ed è Biz The Nurse. Se impostata la preparazione nel modo giusto, era la corsa da fare alternativamente al st leger...certo, c'è il rischio pesante, la pista etc... tutto vero ma è una corsa che avrebbe potuto fare, non dico avrebbe vinto ma almeno avremmo visto lo stato di salute delle nostre linee. peccato

    RispondiElimina
  3. be io penso che per andare a parigi devi avere qualcosa nelle gambe, battere gente che si chiama wish come true....wild wolf....orsino !!!!! ....non mi sembra dare un range di livello......anzi.
    per competere ai massimi livelli ci vuole molto di piu.


    sebastiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, ma in quanto "migliore della nazione" e nell'ottica di rimanere aggrappato al treno europeo, cerchi di prendere le migliori contromisure possibili per preservare investimenti, cavallo e team, e vai a parigi. Io credo sia giusto, ma tra il giusto ed il concreto ci passa il mare.

      Elimina

Commenta qui