STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2020. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2020 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 23 febbraio 2019

Il bello del sabato: Wissahickon e Frankie Dettori vincono il Winter Derby. Obiettivo Dubai World Cup Night

Il pomeriggio di sabato è stato molto intenso con svariati convegni di corse distribuiti tra Inghilterra, Doha e qualcosina in Francia.
Non possiamo non cominciare nel commentare il netto assunto di Wissahickon (Tapit) nel Betway Winter Derby Stakes (Group 3) (All-Weather Championships Fast-Track Qualifier), risolvendo a palo lontano e dimostrando di essere uno di quelli da tenere d'occhio in questo 2019 perchè in costante miglioramento. 
Allenato da John Gosden, prima affermazione nel Winter Derby, ha risolto la prova da £100,000 guadagnando metri su metri con in sella Frankie Dettori e completando i 2000 metri in un veloce 2m 1.28s, con rallentamento finale. Al secondo posto è arrivato Court House (Dawn Approach), con al terzo Pactolus (Footstepsinthesand). IL RISULTATO COMPLETO QUI. Continuando a leggere i video e le interviste.
Il vincitore è un 4 anni di proprietà di George Strawbridge che dopo questa vittoria guarda con fiducia alla notte della Dubai World Cup, con opzioni ancora da decidere. Potrebbe partecipare allo Sheema Classic sul miglio e mezzo in erba oppure tentare il salto nella corsa principale della nottata sui 2000 metri in sabbia. Gosden ha sottolineato come sia Frankie Dettori che Rob Havlin, che lo hanno spesso montato al mattino, gli hanno sempre raccontato come sia dotato di un enorme cambio di marcia. Il programma è comunque apertissimo. Si tratta di un figlio di Tapit (A P Indy), probabilmente il miglior stallone americano sul dirt, e di No Matter What (Nureyev), una delle migliori fattrici di Mr Strawbridge.

In Francia sottolineiamo la bella vittoria di Simone Brogi che è allenatore di Rockemperor (Holy Roman Emperor), un 3 anni mai uscito dal marcatore in 5 uscite, capace di vincere anche il Prix Policeman, Classe 1 - A conditions - 44 000€ - 2000m - 7 partants - Sable fibré - corde : à gauche. Si tratta di un cavallo di proprietà di Mme Claudine Escoubet. Per il trainer italiano era la terza vittoria in stagione. 

A Doha, in Qatar, un pò di note italiane. Nel H.H The Amir Trophy (Local Group 1) (4yo+) (Turf) vittoria francese grazie a French King (French Fifteen), allenato da Pantall con Oliviero Peslier in sella, per i colori locali di H H Sheikh Abdulla Bin Khalifa Al Thani. In Francia vale le Listed. Al secondo posto Royal Julius (Acclamation), mentre al terzo il favoritissimo Hunting Horn (Camelot), per il Coolmore.

Nel Al Biddah Mile (Local Group 2) (3yo) (Turf) vittoria inglese grazie a Global Spectrum (Dutch Art) per Gay Kelleway, mentre Ivan Rossi è giunto terzo in sella a Cococabala (Sir Prancealot). Nel Dukhan Sprint (Local Group 3) (3yo+) (Turf) affermazione per Anima Rock (Shamalgan), pescato per poche lire da Maurizio Guarnieri, valorizzato e rivenduto, ora di proprietà di Khalifa Bin Sheail Al Kuwari. In giornata una vittoria per Cristian Demuro che, in sella a Beachwalk allenato da Stefano Ibido, ha vinto il H.H. THE AMIR SHALFA (Sponsored by Manateq). I RISULTATI COMPLETI DI DOHA CLICCANDO QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui