STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

martedì 21 maggio 2013

Godolphin: L'affare doping si ingrossa. Trovati altri sette positivi, tra cui Encke vincitore del St Leger

Si ingrossa il Godolphin-gate, e si arricchisce di un nuovo capitolo. Stando al Racing Post di lunedì pomeriggio, dei quasi 400 cavalli analizzati nelle Moulton Paddocks, a Newmarket nelle scuderie di Mahmood Al Zarooni tra il 29 Aprile ed il 2 Maggio in seguito allo scandalo, sono stati trovati positivi agli anabolizzanti altri 7 cavalli, tra cui Encke (Kingmambo), quello che ha tolto la corona di immortale a Camelot nel St Leger G1 di Settembre, quando questo inseguiva la triplice inglese dopo Nijinsky nel 1970. Il controllo è recente, ma le ombre su quella vittoria cominciano ad aleggiare. Sta di fatto che il cavallo, che non corre da quel Settembre, sarà ora squalificato sei mesi. Gli altri sei cavalli trovati sono i seguenti: Energizer, Genius Beast, Improvisation, Stamford, Steeler e Zip Top, che saranno fermi fino al 29 Ottobre, secondo la BHA. Il prodotto incriminato sarebbe il Sungate, un medicinale che contiene steroidi anabolizzanti ed era stato prescritto da alcuni veterinari a diversi allenatori. Il Racing Post ha riportato anche che i controlli invece effettuati nelle scuderie di Saed Bin Suroor, hanno dato esito negativo. Il primo allenatore di Godolphin ne è uscito completamente pulito. Sheikh Mohammed, almeno di lui, può andare fiero.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui