STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 4 aprile 2015

Lingfield, All-Weather Championship a tinte italiane. #Pretend (Luciani) vince lo Sprint, Grey Mirage (Vittadini) il Mile

Tutti gli ippodromi hanno il loro giorno di gloria, Lingfield lo ha vissuto nel Good Friday, il venerdì santo, con il secondo All-Weather Championship Finals. Molta italianità nella giornata ma a fare la parte del leone è stata Godolphin ed in particolare Charlie Appleby che ha vinto 3 delle 8 prove nella giornata, tutte ricchissime condizionate difficili da risolvere. La più ricca era la Easter Classic (VIDEO CORSA QUI) risolta alla maniera forte da Tryster (Shamardal), reduce dalla vittoria nel Winter Derby proprio 3 settimane fa su tracciato e distanza. Il figlio di Shamardal (Giant's Causeway) ha messo in mostra un notevole cambio di marcia per regolare di giustezza il leader Complicit (Captain Rio) per 3/4 di lunghezza. Con questa vittoria Tryster ha concluso così il suo ciclo sull'all weather, si aprono scenari interessanti in erba dove se manterrà la condizione mostrata in questi mesi, potrà diventare un interprete interessante per il team in blue. Poco più tardi nel convegno ecco la prima soddisfazione italiana. Il progressivo Pretend (Invincible Spirit), made in Luciani, ha vinto ancora sul sintetico (5 corse su 6 in assoluto) inanellando anche il ricco All-Weather Sprint Championships (VIDEO CORSA QUI) da £150,000 sui 1200 metri concluso con una lunghezza e mezza di margine nei confronti di Alben Star (Clodovil). Pretend è un castrone di 4 anni, aveva in sella William Buick ed ha maturato un 109 di OR, dunque ora potrebbe come Tryster puntare ad una carriera in erba. Come detto allevato da Loreto e Stefano Luciani, Pretend è stato acquistato da foal per gns70,000 da John Ferguson agente di Sheikh Mohammed.....
Si tratta di un prodotto di Fafinta (Indian Ridge) la quale è una sorellastra del campione Falbrav (Fairy King) ha già prodotto i buoni Fiulin (Galileo) e Blu Petraeus (Teofilo), ma è destinata alla ripetizione dell'incrocio di Pretend con l'accoppiamento da Born To Sea (Invincible Spirit). Insomma, una fattrice coi fiocchi.. in più stato trovato l'abbinamento giusto con i "Green Desert".. magari ad averne! La "middle leg of the treble" per Godolphin è stata completata dalla seconda stringa di Godolphin con Four Seasons (Dubawi), montato da Adam Kirby, che ha fatto di tutto per respingere Tempus Temporis (Dynaformer) nel Three-YearOld Mile Championships. Con questo triplo Appleby si è confermato Champion Trainer in all-weather con 73 vincitori prima di questo meeting, diventati poi 76 dopo il triplo. 
In tema di italiani va menzionata anche la vittoria per Marco Botti e Giuliano Manfredini nel Mile Championship (VIDEO QUI) con Grey Mirage (Oasis Dream) che ha fatto leva sulla sua classe e sulle nerborute braccia di Ryan Moore che hanno risolto di una incollatura nei confronti di Sovereign Debt (Dark Angel). Grey Mirage ha molto di italiano perchè è un sei anni prodotto della fattrice Grey Way (Cozzene), dunque chiara marca vittadini, campionessa e vincitrice del Lydia Tesio G1 e madre del duplice vincitore di Repubblica G1 Distant Way (Distant View). 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui