STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

martedì 8 marzo 2016

Giappone: #Makahiki valutato 123 da Sam Walker del Racing Post. È lui la speranza Arc de Triomphe per il Sol Levante?

La prestazione di Makahiki (Deep Impact) nel Hochi Hai Yayoi Sho G2 (VIDEO CORSA QUI) di Nakayama di domenica dove ha battuto Mirco Demuro in sella a Leontes, non è passata inosservata agli analisti europei del Racing Post. Il figlio di Deep Impact (Sunday Silence), nella foto sotto, che veste proprio la giubba della Kaneko Makoto Holdings Co Ltd del campionissimo in corsa e champion sire in razza, ha maturato un 123 di Rating secondo Sam Walker, un valore altissimo per un cavallo solo alla terza uscita in carriera. Ad incidere su questa valutazione, condizionata dal cammino simile di "Impacto" con debutto e vittoria successiva nelle Wakagoma Stakes di Kyoto, c'è stata sicuramente la chiusa in 33.6s per i 600 finali ed il tempo finale di 1m 59,9s sui 2000 metri, in linea con le 2000 Ghinee Giapponesi dello scorso anno, con relativo record della corsa, e parziali di circa mezzo secondo più bassi del campione Duramente (King Kamehameha) rientrato la settimana precedente sullo stesso tracciato in medesime condizioni, ma su distanza un filo più corta. 
A proposito di Duramente, fino a questa settimana si pensava a lui come cavallo giapponese per l'Arc, ma la prestazione di Makahiki ha rimesso in discussione tutto per 2 motivi. Il non scintillante rientro di Duramente in ottica Sheema Classic, sebbene sia maturata una vittoria, ed il fatto che un cavallo così giovane possa aver fatto questi numeri a questo punto della stagione. Una cosa è certa, i cavalli giapponesi vanno come treni aiutati da andature folli. Basti pensare che le femmine sul miglio fanno tempi intorno all'1m 32s! Da noi siamo di media 4 secondi più alti con i tre anni, ma le andature sono più lente. Comunque. gli analisti si chiedono se Makahiki può essere per davvero il cavallo capace di spezzare l'anatema da Arc de Triomphe G1 per il galoppo giapponese. Possibile! Intanto però Lemaire, che ha montato anche Satono Diamond nel Kisaragi Sho di Kyoto, ed è ancora imbattuto, è ancora indeciso. Tutto ci verrà molto più chiaro nel Satsuki Sho G1, le 2000 Ghinee giapponesi che si corrono a 2000 metri di Nakayama, di domenica 17 Aprile.
Ricordiamo come l'Arc sia una sorta di maledizione per i cavalli giapponesi, forse i più forti del mondo sulle distanze del miglio e mezzo, ma mai riusciti a sfatare il mito della corsa più importante del mondo. Cominciò El Condor Pasa che perse da Montjeu nel 1999, poi Nakayama Festa ancora secondo con Workforce nel 2010, poi la incredibile sconfitta di Orfevre nel 2012 a favore della outsider Solemia dopo brusco scarto quando sembrava avere la corsa in mano, la positività di Deep Impact nel 2006 dopo un piazzamento, e la monta indecente su Harp Star nel 2014 dietro a Treve.
Che sia il 2016, a Chantilly, l'anno giusto?

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui