STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 30 aprile 2018

Francia: Cracksman show al ParisLongchamp, dominio nel Ganay con Frankie Dettori. Obiettivo Coronation Cup

A Longchamp, anzi ParisLongchamp, c'è stato un cavallo che ha illuminato la scena e celebrato al meglio l'inaugurazione ufficiale dell'impianto al Bois de Boulogne. Cracksman (Frankel) ha inaugurato la stagione come meglio non avrebbe potuto, vincendo per dispersione il Prix Ganay G1 surclassando i rivali e lasciando il secondo a 4 lunghezze di margine. 
C'è da dire subito che il secondo Wren’s Day (Medaglia D’Oro) era il battistrada di Cloth Of Stars (Sea The Stars) che si è mostrato pavido, terzo ma senza mai riuscire a dare la sua dimensione, in un Ganay comunque di alto profilo che conteneva anche gente come Rhododendron (Galileo), quarta, mentre Air Pilot (Zamindar) è giunto nelle retrovie. 
Cracksman ha seguito la scia del battistrada con Frankie Dettori che non aspettava altro che una schiena per adeguarsi. A 500 dal palo la lunga progressione grazie alla quale il portacolori di Anthony Oppenheimer ha cominciato ad accendere i motori, poi ai 300 si è finalmente messo sulle gambe e prodotto l'accelerazione che per molti è stata devastante.
Cracksman ha conosciuto così l'impianto che probabilmente lo ospiterà il 7 Ottobre per l'Arc de Triomphe G1, intanto sui 2100 del Ganay ha fatto la sua figura. Ricordiamo come l'ascesa di Cracksman è cominciata nel terzo posto nel Derby G1, quando era ancora "come un quattordicenne", per usare un termine di John Gosden, ed è poi sbocciato a fine stagione vincendo le British Champion Stakes G1 senza dimenticare quelle nelle Great Voltigeur G2 di York e nel Prix Niel G2 di Chantilly. L'homebred di Anthony Oppenheimer è parso molto cresciuto nel fisico e rafforzato sulle spalle e nel posteriore, si tratta di un figlio di Rhadegunda (Pivotal), già madre della promessa inespressa Fantastic Moon (Dalakhani). Prossimo obiettivo è la Coronation Cup G1 di Epsom. Per Craksman fanno 6 vittorie in 8 uscite, di cui 2 di G1. Ed intanto ancora non abbiamo visto Enable (Nathaniel).

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui