STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

giovedì 26 luglio 2018

Inghilterra: Cracksman ufficialmente dichiarato al via nelle KING George di sabato ad Ascot! Ecco gli altri e le assenze

Tempo di dichiarazioni partenti per il weekend. L’ultim’ora riguarda una clamorosa novità in vista delle Qipco King George VI & Queen Elizabeth II Stakes G1 di sabato pomeriggio ad Ascot, con 8 cavalli dichiarati al via tra cui una new entry inattesa ed una defezione altrettanto poco prevedibile.
Infatti John Gosden ha dato il via libera per la partecipazione di Cracksman (Franke) anche in considerazione del terreno che dovrebbe ammorbidirsi nelle prossime ore. Il trainer di Clarehaven dunque ha deciso all’ultimo per l’inserimento, nonostante nei giorni scorsi avesse annunciato uno stop per il 4 anni di Anthony Oppenheimer, per puntare poi all’autunno visto la non brillante forma del primo periodo del 2018. Con la squalifica di Frankie Dettori, peraltro, a salire in sella al campione di sara Rob Havlin. Gosden ha parlato di un Cracksman soddisfacente in lavoro e con le analisi a posto. Se scenderà abbastanza pioggia, sarà dentro sicuro.
Al contrario, chi non ha mantenuto le aspettative è stato Aidan O’Brien che ha tirato fuori dalla contesa il 3 anni Kew Gardens (Galileo), che era in procinto di essere gettato nella mischia dopo la vittoria nel Grand Prix de Paris e la grande ascesa raccontata dal suo trainer. No ci sarà lui ma ci sarà Hydrangea (Galileo) con in sella Ryan Moore. 
Per il resto tutto confermato: Crystal Ocean e Poet’s Word per Sir Michael Stoute con, rispettivamente, William Buick e James Doyle, poi Olivier Peslier a bordo di Coronet, mentre su Desert Encounter salirà Andrea Atzeni, poi Salouen con Silvestre De Sousa. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui