STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

mercoledì 11 luglio 2018

Storie: Addio a The Green Monkey, il puledro più pagato della storia a $16M. Ecco come andò..

Una storia curiosa ci arriva dall'America, molti di voi già la conosceranno, ma riteniamo sia meritevole di una spolverata. E' scomparso infatti The Green Monkey, il cavallo più costoso di tutti i tempi ad una asta pubblica, deceduto nelle scorse ore alletà di 14 anni dopo aver perso la battaglia contro una laminite che lo aveva catturato da qualche anno a questa parte.
Il figlio di Forestry era stato acquistato per la cifra record di $16m quando Demi O'Byrne, agendo per conto del Coolmore, riuscì a battere la concorrenza di Godolphin spendendo una cifra monstre dopo averlo visto galoppare in occasione delle Fasig-Tipton Calder Select Two-Year-Olds In Training Sale del 2006. Insomma, The Green Monkey era molto promettente ed i due colossi fecero a testate per accaparrarselo in una sorta di battaglia all'arma bianca. Il 2 anni era stato messo in vendita dal duo Hartley/De Renzo Thoroughbreds, che realizzarono un profit incredibile in quanto lo acquistarono da yearling per una cifra più di 10 volte inferiore, esattamente $425,000.

 The Green Monkey, allevato dalla Padua Stables era prodotto della fattrice Magical Masquerade (Unbridled), dunque non solo un prospetto in corsa ma anche una potenziale miniera d'oro da stallone, e passò da yearling alle Fasig-Tipton Kentucky July Sale del 2005, prima di essere preparato per il breeze up dove impressionò con il suo 9 e 4/5 secondi su un furlong: "I doubt if anyone has ever seen a better one-eighth performed by a two-year-old in training," fu la frase del banditore Walt Robertson all'apertura delle contrattazioni, con il duello a suon di milioni di dollari tra O'Byrne e John Ferguson, con il primo a spuntarla dopo 9 minuti di asta. IL VIDEO DELLA LICITAZIONE QUI. IL VIDEO DEL BREEZE QUI.
Il nome gli fu dato dopo, esattamente in onore del The Green Monkey golf club nelle Barbados, dove Magnier ed in generale il Coolmore aveva interessi importanti. Allenato da Todd Pletcher corse 3 volte, senza mai vincere.
Nel Settembre 2007 il debutto sui 1200 metri a Belmont Park, dove arrivò terzo da favorito ma a distacco dai primi 2. La seconda corsa la fece a metà Ottobre sui 7 furlongs dove finì quarto ben battuto ancora, su 7 partecipanti, e provò ancora ad Hollywood nel Novembre ottenendo un altro terzo posto. Nel Febbraio 2008 è stato uf
ficialmente ritirato in razza perchè non riusciva ad uscire da qualche problemino fisico, e gli fu impedito di fare ancora altre figuracce date le premesse. Il suo bottino in corsa parlava di $10,440 in somme vinte.
Dopo il suo ritiro il Coolmore non ne voleva più sapere e allora lo ricomprarono in partnership gli stessi Hartley/De Renzo, che in qualche modo gli dovevano essere grati. Entrò in razza al tasso di monta di $5,000. Neanche li, però, una soddisfazione decente. Coprì un book di fattrici limitato, al massimo 12 nella prima annata, e poi 40 nella successiva. Comunque è padre di 4 vincitori di black type, incluso Monkey Business, che nel 2016 ha vinto la triple crown femminile..a Panama. Insomma, non benissimo per uno che si pensava potesse essere un triple crown winner e stallone del secolo...
Una storia incredibilmente triste. Tranne che per Hartley e De Renzo.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui