STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 8 agosto 2016

Irlanda: #Caravaggio domina le Phoenix Stakes al Curragh! Scontro al vertice con Lady Aurelia nel Morny?

In Irlanda abbiamo assistito all'ennesimo show messo in mostra dall'imbattuto Caravaggio (Scat Daddy) il quale, dopo la impressionante prestazione nelle Coventry Stakes G2 al Royal Ascot, ha vinto in maniera ancora più notevole nelle Phoenix Stakes G1 del Curragh, diventate oramai terreno di caccia di Aidan O'Brien capace di vincerle per 15 volte negli ultimi 18 anni, le ultime 3 consecutivamente. Non c'era bisogno di Ryan Moore, di fatto, alle prese con un riposo per un problema all'anca.
Con le dovute proporzioni, in Irlanda accade un pò quello che succede in Italia con la famiglia Botti. In Irlanda però i premi sono alti.. Oramai il Coolmore ha il suo giardino privato dove ottiene le sue vittorie e poi va a confrontarsi con gli inglesi a casa loro. In Irlanda, ormai, non ci va più nessuno degli inglesi e quindi il ruolo del gruppo irlandese diventa eccessivamente predominante. Del resto, sono una vera e propria industria ed è necessario vendere stalloni, oltre che produrre cavalli da corsa da G1. L'ultima di Padre Aidan riguarda una frase ad effetto che non avevamo ancora mai sentito: "Nei lavori mattutini non c'è nessuno che stia dietro a Caravaggio che tocca punte di 45 miglia orarie (circa 72 km/h) in velocità". Una di quelle da brochure, certo, ma un fondo di verità c'è eccome. Figlio di Scat Daddy (Johannesburg), stallone americano deceduto prematuramente, ha battuto Courage Under Fire (War Front), ancora maiden in 4 uscite, e rimasto in quota per il secondo su Medicine Jack (Equiano) che non ha corso bene, ed era il vincitore delle Railway Stakes G2. IL VIDEO DELLE KEENELAND PHOENIX STAKES QUI.
Caravaggio ha debuttato vincendo ad Aprile a Dundalk, poi ha proseguito nelle Marble Hill Stakes Lr nonostante non gradisca il terreno soffice, e poi ecco Ascot ed il Curragh. Nonostante sia in cima all'antepost delle 2000 Ghinee, come lo scorso anno Air Force Blue ancora a picco domenica in G3 sulla velocità, Caravaggio per modo di correre sembra più un velocista. Prossimo obiettivo il Morny G1 dove potrebbe concretizzarsi il duello con la femmina Lady Aurelia (Scat Daddy), vincitrice impressionante delle Queen Mary G2. Vedremo se accadrà: Anche qui dinamiche commerciali in quanto sono 2 figli di Scat Daddy, e potrebbero proseguire su percorsi opposti anzichè darsi contro in maniera fratricida. Dopo il Morny, possibile un summit nelle Middle Park G1. 
Allevato dal Windmill Manor Farm and Petaluma Bloodstock, è mezzo fratello di My Jen (Fusaichi Pegasus) prodotto della fattrice Mekko Hokte (Holy Bull). 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui