STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 30 marzo 2019

Meydan, i G2 di giornata: Cross Counter vola nella Dubai Gold Cup. Ecco il resto dei G2 di giornata..

Lo scopo di questo post è suddividere per categorie il pomeriggio di Meydan dagli Emirati Arabi Uniti del quale abbiamo parlato abbondantemente questa settimana, ed il cui live lo potete trovare cliccando su QUESTO LINK.
Da dove partiamo, ovviamente seguiamo l'ordine cronologico delle corse che via via si sono avvicendate.
Nella foto, Cross Counter, certamente il protagonista di questo segmento nella prima parte del pomeriggio Dubaiano di fronte ad una platea di appassionatissimi. 
  • Il pomeriggio di Meydan è cominciato molto presto, con la corsa riservata ai PSA, cioè il Dubai Kahayla Classic Sponsored By Mubadala (Group 1) (Pure-Bred Arabians) dove Pierantonio Convertino ha sfiorato subito la vittoria in sella a Fazza Al Khaledyah (Jalnar Alkhalediah) che sembrava facile vincitore, salvo poi subire la ripartenza di Af Maher (Af Al Buraq) per Ernst Oertl. Il secondo arrivato, ricordiamo, aveva vinto nel giorno dell'Arc de Triomphe nel  Qatar Arabian World Cup (Group 1) (Turf).
  • Godolphin Mile Sponsored By Mohammed bin Rashid Al Maktoum City-District One (Group 2) (Dirt): Nella prima prova per i PSI prima vittoria americana del meeting per Jose Ortiz in sella alla femmina Coal Front (Stay Thirsty), a 5/1, allenata da Todd Pletcher, che ha battuto il sempiterno Heavy Metal (Exceed And Excel), con solo un terzo posto per il favoritissimo Muntazah (Dubawi), andato indietro di condizione rispetto alle precedenti uscite. La vincitrice è una figlia di Stay Thirsty (Bernardini), stallone che funziona per $5,000.
  • Dubai Gold Cup Sponsored By Al Tayer Motors (Group 2) (Turf): Sicuramente il clou dei G2, in attesa dei G1, era la prova sulle due miglia dove era alla ricomparsa Cross Counter (Teofilo), dopo la vittoria nella Melbourne Cup G1 di Novembre a Flemington, che ha completato il sorpasso rispetto al compagno Ispolini (Dubawi) per emergere netto e regalare la prima vittoria in questa corsa per Charlie Appleby e William Buick in sella. Terzo Call The Wind (Frankel), cavallo francese. Il vincitore punterà ora verso la Gold Cup G1 del Royal Ascot. Si tratta di un figlio di Teofilo (Galileo) stallone che funziona per €40,000 al Darley in Irlanda. Il tempo finale della corsa è stato un buon 3m 19.00s (fast by 1.00s).
  • UAE Derby Sponsored By Saeed & Mohammed Al Naboodah Group (Group 2) (Dirt): Storia indimenticabile e seconda affermazione, parzialmente, americana nel Derby degli Emirati Arabi Uniti con Plus Que Parfait (Point Of Entry) per il training di Brendan Walsh ed in sella, per la seconda volta, Jose Ortiz per i colori della Imperial Racing. Il risultato è stato ampiamente a sorpresa con una quota di 26/1, mentre al secondo posto è giunto Gray Magician (Graydar), altro americano, con terzo il locale Manguzi (Planteur) ora allenato da Ali Al Rayhi, ed ex inglese agli ordini di George Scott. Il vincitore ha steccato praticamente solo al rientro nelle Risen Star G2 di Fair Grounds, corsa che valeva come preparazione per il Kentucky Derby G1. Insomma, il Derby UAE continua a non produrre dei veri e propri candidati per la corsa più eccitante d'America. Point Of Entry (Dynaformer), il papà del vincitore, funziona per $20,000 alla Adena Springs in Kentucky.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui