STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 10 marzo 2019

Meydan, Super Saturday: Capezzano spezza egemonia Godolphin, verso la DWC. Primo G1 per Dream Castle

Non si può dire che ci siamo divertiti un mondo, durante il Carnival. Tra uno sbadiglio e l'altro siamo arrivati anche alla giornata del Super Saturday che ci ha rilasciato la solita lista di innumerevoli schizzi di blue, varie considerazioni e convinzioni, ribaltabili in un amen dalla notte della Dubai World Cup in programma fra tre settimane.
Da dove partiamo? Dalle corse di G1. I RISULTATI COMPLETI QUI. In particolare dal terzo round del Al Maktoum Challenge R3 Sponsored By Emirates Airline (Group 1) (Dirt) vinto da Capezzano (Bernardini) che a 5 anni ha fatto un grandissimo passo in avanti della sua carriera. Per lui, questa preparazione per la DWC, era la terza vittoria consecutiva in questo 2019 producendo una prestazione enorme, devastante, senza mai subire niente e nessuno con Mickael Barzalona in sella. Il vincitore è un ex Godolphin allenato da Salem Bin Ghadayer. Solo secondo Thunder Snow (Helmet), vincitore della DWC lo scorso anno, e rimasto in quota pur flettendo dimostrando però di essere abbastanza in forma per ripetersi fra 3 settimane. Quanto a Capezzano, invece, quella forma mostrata e che gli ha permesso di accumulare una cosa come 9 lunghezze e mezzo sul detentore, appunto, mentre al terzo è giunto il coreano Dolkong (Afleet Alex) per Simon Foster.

Poco più tardi, nell'altro G1 di giornata, il Jebel Hatta Sponsored By Emirates Airline (Group 1) (Turf), Saeed bin Suroor si è rifatto ed ha trionfato con Dream Castle (Frankel), cresciutissimo fino a raggiungere il suo massimo livello. Peccato sia castrone, altrimenti un posto in razza non glielo avrebbe mai tolto nessuno, anche se in sostanza vincere a Meydan conta relativamente. Sta di fatto che è un cavallo cresciutissimo, si è responsabilizzato ed ora rende per quello che gli viene chiesto. Con in sella Cristoforo Soumillon ha superato di slancio il chiacchieratissimo Wootton (Wootton Basset). Dream Castle sarà uno di quelli che rivedremo in palla per il Dubai Turf, a cui il Jebel Hatta preparava.
Nelle altre prove abbiamo assistito ad una prova di forza di Old Persian (Dubawi) che è andato a riprendere il compagno Racing History (Pivotal) nel Dubai City Of Gold Sponsored By Emirates SkyCargo (Group 2) (Turf), che prepara allo Sheema Classic. Qui, probabilmente, vedremo fra tre settimane all'opera altri calibri, ma intanto Old Persian ha vinto non essendo al top della condizione. Rientrava da Settembre dal tentativo nel St Leger, ma in precedenza nelle Great Voltigeur G2 di York aveva tenuto a bada Cross Counter, successivo vincitore di Melbourne Cup. Insomma, non è uno scemo qualsiasi e quando c'è da trattare di metri, lui è sempre pronto e disponibile. Anche qui Guglielmo Buick in sella per Carletto Appleby.
Per il resto tutti favoriti attesi a segno, ma ciò non significa che sarà così anche quando ci sarà la notte della DWC, nella quale, come direbbe Alessandro Borghese, si può "ribballtttare" il credito. Nel Mahab Al Shimaal Sponsored By Emirates Skywards (Group 3) (Dirt) che prepara al Golden Shaheen G1 ha vinto Drafted (Field Commission) per Doug Watson, nel' Al Bastakiya Sponsored By emirates.com (Listed Race) (Dirt) che prepara al Derby degli Emirati Arabi Uniti, e verso anche il Kentucky Derby, ha vinto Divine Image (Scat Daddy), ancora Godolphin. Nel Nad Al Sheba Turf Sprint Sponsored By Arabian Adventures (Group 3) (Turf) conferma per uno dei migliori sprinter europei come Blue Point (Shamardal), che non ha fatto altro che ribadire la sua supremazia contro questi avversari, e puntando deciso verso l'Al Quoz Sprint G1, prima di una stagione europea già in gas. Nel Burj Nahaar Sponsored By Emirates Holidays (Group 3) (Dirt) verso il Godolphin Mile G2, bellissima azione di forza di Muntazah (Bernardini), sempre un blue, ma stavolta con inserti bianchi tipici di Hamdan, sceicco fratello di Mohammed.



Chi vi è piaciuto di più?

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui