venerdì 18 maggio 2012

Bonfire vince le Dante Stakes, Izzy Top un gradino su nelle Middleton. In Francia, vince Dormello

York ha mandato in scena le Dante Stakes G2 di cui tutti già sanno il risultato. La nostra vuole essere una riflessione cercando guardare al futuro, e cioè al Derby G1. Ha vinto l'Andrew Balding Bonfire (Manduro), soggetto cresciuto e maturato quest'anno dopo il piazzamento in G1 lo scorso anno alle spalle di French Fifteen (Turtle Bowl) nel Criterium International G1. Bonfire ha saltato le Dee Stakes G3 di Chester per il terreno troppo duro ed ha puntato tutto sulle Dante dove ha mostrato una proficua progressione ribattendo colpo su colpo ad Ektihaam (Invincible Spirit) nella lunga volata, che non sarà un fenomeno, ma gli ha dato un bell'attacco dall'ingresso in retta, e tra l'altro non è iscritto ad Epsom, ma nel Prix du Jockey-Club in Francia si. I due si sono staccati e lasciato al terzo Fencing (Street Cry), reduce dalle 2000 Ghinee G1. Andrew Balding ha commentato: "E' un cavallo molto professionale, non aveva tanto lavoro alle spalle ed è andato benissimo. Possiamo guardare ad Epsom con una certa fiducia, Jimbo (Fortune) ha detto che è rimasto molto impressionato dalla prova del cavallo, nonostante l'inesperienza". in fondo questa era la terza corsa in carriera. Il vincitore è un figlio di Manduro (Monsun) i cui figli stanno facendo molto bene in questo periodo, è stato fatto tutto in casa da Highclere Stud and Floors Farming ed è stato venduto per 90,000gns alle Tattersalls October Yearling Sale da John Warren, e corre per gli stessi 20 co-proprietari, gli stessi della impressionante Vow (Motivator) di qualche giorno fa. Certo è, che è una buona impressione, ma Camelot (Montjeu) (che tra l'altro era compagno di paddock da piccolo) sembra di un altro mondo stando così le cose. Bonfire è un mezzo fratello di Joviality (Cape Cross) vincitrice di Musidora, ed è della stessa famiglia di Blue Bunting (Dynaformer), vincitrice di 1,000 Guineas G1, Irish Oaks e Yorkshire Oaks.
Chi è migliorata davvero tanto ed ha nel target un G1 è la Meon Valley Stud’s homebred Izzi Top (Pivotal) che ha iniziato la stagione 2012 come aveva lasciato quella 2011, vincendo step by step (fu terza di Oaks lo scorso anno) e trionfando ieri nelle Middleton Stakes G2 a York, per il training di John Gosden, battendo Sajjhaa (King’s Best). Nel mirino ci sono o Pretty Polly G1, o Nassau G1 o Prix de l'Opera G1, magari passando per le Windsor Forest G2, anche se è più no che si. La mamma Zee Zee Top (Zafonic), che ha vinto questa corsa nel 2003, fa parte di una famiglia eccezionale che fa capo a Opera House e Kayf Tara, entrambi da Sadler's Wells, e quindi la famiglia è quella di Reprocolor (Jimmy Reppin), capostipite di una generazione di fenomeni. 
Intanto ieri in Francia, a Lyon, nel Prix Bedel sui 2400 metri di una Listed, è stata vinta da Dormello (Dansili), allenato da Bary, allevato dalla Grundy Bloodstock e di proprietà ancora per metà della Scuderia Vittadini. La mamma è la campionessa Field Of Hope (Selkirk), vincitrice nel 1999 del Prix de la Foret G1, ed è mamma di Olympian Odyssey (Sadler's Wells), piazzato Classico, Field Of Dream (Oasis Dream) e Ransom Of Hope (Red Ransom), stakes winner, ed eredi di una famiglia prolifica. 

1 commento:

  1. Vista la performance di Camelot nelle 2000 ghinee e questa di Bonfire, per il Derby non sembra proprio esserci storia...

    Luigi

    RispondiElimina

Commenta qui