STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 24 luglio 2016

America: California Chrome rientro con vittoria nel San Diego Handicap, ma che duello con Dortmund!

Benoit Photo
Vincere ha vinto, ma California Chrome (Lucky Pulpit) se l'è dovuta sudare più del necessario per vincere il San Diego Handicap G2 da $200,000 risolvendo in battaglia con Dortmund (Big Brown). L'imponente baio, al rientro da Novembre 2015, ha messo in campo una tattica d'avanguardia senza mai risparmiarsi, buttando giù parziali di :23.47, :47.02 con passaggio ai 1200 metri in 1:10.51 sotto la spinta di Gary Stevens che non ha fatto prigionieri, ma ha lasciato che California Chrome lo pungolasse sempre. Dall'altra parte Victor Espinoza era convinto di poter "spaccare" in 2 Dortmund già al rientro dopo 4 mesi di sosta dalla Dubai World Cup G1, e di fatto ci è riuscito, ma comunque faticando e mettendo nelle gambe di California Chrome un impegno tutto sommato severo. Il miglio i 2 in lotta lo hanno passato in 1:34.49 ed alla fine il sauro di Art Sherman ha messo tra se ed il rivale mezza lunghezza con tempo finale di 1m 40,84s. Victor Espinoza ha ammesso di aver avuto una corsa dura, e che Dortmund ha dato un impegno severo al suo che, tra l'altro, aveva 5 libbre in più dell'avversario. IL VIDEO DEL SAN DIEGO HANDICAP QUI.
Qualcuno (tutti) può aver pensato che California ha premuto troppo per stare dietro al rivale e così ne è uscita una battaglia nella quale si sono spese molte energie. In realtà Art Sherman ha dichiarato che sapeva che Dortmund avrebbe agito così, ma ha preferito non farlo scappare troppo ma tenerlo comunque sulla corda mettendogli pressione. Ne è uscito un challenge abbastanza entusiasmante, ed ora i 2 (che avevano comunque bisogno della corsa ed hanno fatto quasi il record!) si ritroveranno nel Pacific Classic G1 del 20 Agosto a Del Mar, dove potrebbero incontrare la campionessa Beholder (Henny Hughes), vincitrice del Pacific lo scorso anno con 8 lunghezze e mezzo di margine. Tornando a California, per lui è la 8° vittoria a livello di Gruppo, con oltre $12 milioni nel portafoglio.
Intanto questa notte a Saratoga si corrono le Coaching Club American Oaks G1 dove tornerà all'opera in G1 la campionessa americana Songbird (Medaglia D'Oro) dopo l'infortunio pre-Oaks e lo scintillante rientro a Santa Anita nelle Summertime Oaks G2. Songbird, imbattuta in 8 uscite, cerca la nona contro 4 avversarie non degne di lei tranne una: Carina Mia. IL CAMPO PARTENTI QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui