STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

mercoledì 27 luglio 2016

Goodwood, day 2: The Gurkha vola sulle Sussex Stakes, battuto Galileo Gold. Ulysses vince le Gordon, Yalta fa il record delle Molecomb

Photo John Walton/PA
The Gurkha (Galileo) si è ripreso il maltolto. Dopo la sconfitta patita nelle St James a favore di Galileo Gold (Paco Boy) dopo monta discutibile di Ryan Moore che si fece sempre anticipare da Frankie e non trovò lo spazio giusto al momento giusto, il cavallo del Coolmore a Goodwood ha fatto in modo di non trovarsi in situazioni spiacevoli con Ryan, stavolta, tornato ad offrire lo standard che conoscevamo di lui. Frankie ha provato a gestirla in avanti con Galileo, cercando di sfruttare il feeling con la pista del suo (vincitore lo scorso anno delle Vintage) ma The Gurkha era in agguato nella sua scia o poco distante da li. Ai 400 si è accesa la bagarre, mentre Awtaad calava, con i 2 staccati in un duello testa a testa, fatto solo di velocità negli ultimi 400 metri, dove Galileo Gold nulla ha potuto contro lo strapotere del Galileo apparso in forma smagliante. A livello di Classe pura, è di gran lunga meglio del rivale. Solo che ad Ascot non tutto filò per il verso giusto, oggi The Gurkha ha ribaltato il tavolo prendendosi gli applausi e giustificando il ruolo di favorito che gli scommettitori gli hanno attribuito da quando è uscito l'antepost delle Sussex da £1 milione. The Gurkha, tra l'altro, aveva già testato gli anziani a Sandown nelle Eclipse perse da Hawkbill, ed era quindi in una posizione di superiorità, quantomeno in termini di esperienza, rispetto ai coetanei. Con questa prestazione, inoltre, si è guadagnato un punticino in più in termini di rating rispetto alla precedente valutazione di 120, arrivando a 121. Per la cronaca al terzo posto è giunto come un forsennato Ribchester (Iffraaj), ma quando ormai il DJ aveva messo l'ultimo disco. IL VIDEO DELLE SUSSEX STAKES QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Tornando al vincitore, quanto agli obiettivi, Aidan O'Brien (tra l'altro raggiunto il traguardo dei 280 G1 vinti in carriera, superati gli australiani TJ Smith e Bart Cummings) ha allargato alla possibilità possa correre con profitto sui 2000 metri, ma si tratta comunque di un mixer fatto e finito: Gli obiettivi possibili sono il Jacques Le Marois G1 a Deauville IL 14 Agosto, o il Prix du Moulin G1 l'11 Settembre a Chantilly. Allungando, sono possibili le Champion Stakes G1 del 15 Ottobre o le Juddmonte International Stakes G1. Quando a Galileo Gold, ora osserverà un piccolo periodo di sosta saltando Deauville, ma si ripresenterà forse al Moulin, alle QEII o alla Breeders’ Cup Mile. 
In giornata si sono disputate anche le Gordon Stakes G3, vinte lo scorso anno da Highland Reel, sul miglio e mezzo, nella quale si è finalmente manifestato al mondo l'incompiuto Ulysses (Galileo), con Andrea Atzeni in sella, capace di far progredire il suo in una azione proficua stendendosi bene sul palo. Per Ulisse è stato un ritorno in maniera convincente rispetto al 12° posto nel Derby di Epsom G1. Per Sir Michael Stoute era l'ennesima affermazione in questa corsa dopo le recenti di Conduit (Dalakhani) ed Harbinger (Dansili). Ulisse punterà ora al St Leger di Doncaster G1. Ma prima correrà le Great Voltigeur Stakes G1 di York, o il Prix Guillaume d’Ornano G2 a Deauville il 15 Agosto. IL VIDEO DELLE GORDON STAKES QUI. IL RISULTATO QUI.
Nelle Molecomb Stakes G3 per 2 anni sui 1000 metri, risultato un filo a sorpresa ma con record del tracciato per Yalta (Exceed And Excel) e per Mark Johnston ad 8/1, in un tracciato che ama particolarmente come anticipato nei giorni scorsi. Con in sella James McDonald Yalta ha inchiodato il chilometro di Goodwood in 57.14s, superando quello di Cotai Glory di 57,30s nel 2014. IL RISULTATO COMPLETO QUI. IL VIDEO QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui