STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

mercoledì 21 novembre 2018

Mondo del Turf, allevamento e non solo. Il notiziario del 21 Novembre. Too Darn Hot in razza al Darley al termine della carriera..

Siamo a metà settimana di fine Novembre, notizie riguardano soprattutto il mondo dell'allevamento. Ne diamo menzione sperando sempre di costituire un valido notiziario, in particolare del 21 Novembre, che parla un pò di tutto. Aste americane, quelle dei foals in Europa, programmi dei campioni etc.
  • La prima notizia riguarda l'ingresso già programmato in razza per Too Darn Hot (Dubawi e Dar Re Mi), vincitore ed imbattuto in 4 uscite, che quando terminerà la carriera di corsa ha già un posto nel box con il suo nome al Dalham Hall Stud di Newmarket, per conto del Darley. Questo grazie ad un accordo trovato tra la proprietà dei signori Lord e Lady Lloyd-Webbers del Watership Down Stud e Godolphin. Allenato da John Gosden ha trionfato nelle Solario Stakes G3 di Sandown, nelle Champagne Stakes G2 di Doncaster e poi ha infilato anche le Dewhurst Stakes G1 di Newmarket. La mamma è la campionessa Dar Re Mi (Singspiel), che ha già prodotto So Mi Dar e Lah Ti Dar, sempre con papà Dubawi, e poi De Treville (Oasis Dream), prima ancora. 
  • Prendendo spunto dal Trotto & Turf, a firma di Franco Castelfranchi, facciamo ora il punto sulle aste delle fattrici in America delle November Breeding Stock Sales organizzate da Keeneland, in 12 sessioni. Riprendiamo e riferiamo: "Nel 2018 il catalogo era dell'8,8% più piccolo, 4.147 capi contro i 4.513 di quest'anno. I presentati sono stati 3.454 (235 in più) e i venduti 2.538 contro 2.424. In termini percentuali, non hanno raggiunto la riserva il 26,5% dei presentati, in crescita rispetto al 24,7% dello scorso anno. Nonostante i maggiori numeri. il fatturato è diminuito da 202.021.700 a 188.508.300 dollari, un calo del 6,7% ma dove si misura lo stato del mercato è nella diminuzione della media che a 74.274 dollari è arretrata del 10,9% sullo scorso anno e nel prezzo mediano, sceso da 30.500 a 25.000 dollari ovvero il 18%. Sono drasticamente calati i lotti milionari: erano 18 lo scorso anno, solo 8 quest'anno. Per la ventitreesima volta in 32 anni, Taylor Made ha capeggiato la classifica dei venditori con 258 lotti per 23.958.400 dollari di fatturato mentre l'agente Steve Young guida gli acquirenti con 6 lotti per 4.985.000. Complessivamente ci sono stati 43 differenti acquirenti che hanno speso almeno un milione di dollari e il 44°, Marco Bozzi, non rientra per appena 1.000 dollari. Per l'agente romano ben 11 acquisti per allevatori sia nazionali sia internazionali, ma il suolo italiano non verrà calcato da nessuna delle fattrici o dei foal acquistati. Ennesimo motivo di riflessione. Evidentemente chi acquista valuta il complesso di incentivi e prospettive per l'allevatore in Italia inferiori sotto il profilo della convenienza economica rispetto ad altre nazioni. Spetta a coloro che sono ai vertici analizzare le cause e impostare i correttivi. Se un industriale impianta una fabbrica o la trasferisce ci sono sbattimenti (giustificatissimi) enormi; nell'allevamento accade esattamente la stessa cosa e nulla si cambia. Quattro degli acquisti di Marco Bozzi sono ricompresi fra i 135.000 e 150.000 dollari. Il prezzo maggiore per una Speighstown vincitrice con madre vincitrice di Gr. II, gravida di Empire Maker. Valentine Rosie è una 4 anni vincitrice di tre corse che nasce da Curlin e da una piazzata di graded figlia di una vincitrice di Gr. I. Janis' Joy (Broken Wow) ha vinto quattro corse e 129.000 dollari ed è gravida in febbraio di Mastery, un figlio di Candy Ride. Strike Accordo, 9 anni, nasce dal grande Smart Strike e da una figlia di A.P. Indy ed è gravida di Hard Spun". I RISULTATI COMPLETI QUI.
  • A Goffs si stanno tenendo le aste dei foals. Al momento il top price è per un bellissimo Showcasing (Oasis Dream), primo prodotto di sua madre inedita Casila (High Chaparral), acquistato per €160,000. Movimento, per ora, nella 2 giorni con corposa contrazione. Ben 541 in catalogo, offerti 474, venduti 315 con un fatturato di €8,259,500 (-22%), la media a €26,221 (-6%) ed il mediano a €20,000. Qualche acquisto italiano, ma il top per ora realizzato dalla Sant'Uberto per una Kodi Bear (Kodiac) da €12,000. I RISULTATI E LIVE COMPLETI QUI.
  • Sempre in tema di aste e cataloghi, appena reso noto quello delle Goffs UK December Sale a Doncaster, una nuova asta per il 2018, che offrirà 212 foals, fattrici ed horses in training il 7 Dicembre prossimo. IL CATALOGO QUI.
  • Altra notizia arriva dagli States dove il jockey Gary Stevens ha deciso, forzatamente, di smettere la carriera di fantino a causa di un infortunio serio ala vertebra spinale C4 che non gli da modo di essere al top. Il jockey leggendario, inserito nella hall fame e vincitore di 3 Kentucky Derby, 55 anni, era tornato a montare nel 2013 dopo che i problemi alle ginocchia lo fermarono nel 2005. Ha vinto in sella ai campioni Winning Colors (1988), Thunder Gulch (1995) e Silver Charm (1997) nel Kentucky Derby, poi anche 3 Preakness Stakes winners come nelle Belmont, e ben 11 prove Breeders. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui