STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 10 aprile 2016

Liverpool: Rule The World domina il Grand National G3 di Aintree a 33/1! In sella David Mullins per Mouse Morris

C'è qualcosa di più epico e leggendario del Grand National? Non abbiamo mai avuto la fortuna di partecipare dal vivo ad un meeting del genere, certi che si tratti di qualcosa di unico dove si celebra una festa e soprattutto si celebra il cavallo. Aintree come parabola della vita. Di fronte ad un ostacolo, salta. Anche se è il più alto, anche se il più difficile, tentare rende sempre immortali. Si può anche perdere, non prima di aver dato tutto. La copertina della giornata è tutta per il 19enne David Mullins, figlio di Tom e nipote di Willie, alla prima esperienza a Liverpool, che ha montato la corsa della vita in sella ad un cavallo allenato da Mouse Morris e che si chiama Rule The World (Sulamani), nomen omen, il quale ha vinto Crabbie's Grand National G3 a 33/1 al primo tentativo nonostante fosse maiden sulle fences, ma già vincitore in ostacoli "over hurdles".. Rule è un 9 anni di proprietà del Gigginstown House di Michael O'Leary, il CEO di Ryan Air alla terza affermazione di livello nel periodo dopo la Timico Cheltenham Gold Cup con Don Cossack e l'Irish Grand National con Rogue Angel. I suoi cavalli sembra abbiano le ali, perdonateci la battuta. Come detto Rule The World era maiden sulle fences, ha superato due gravi infortuni al bacino ma nonostante ciò ha trovato una integrità che gli ha permesso di allenarsi con continuità e presentarsi di fronte ai 30 salti e alle 4 miglia e mezzo da affrontare nella migliore condizione possibile. Questo grazie al genio di Mouse, allenatore dei grandi eventi. Secondo è arrivato il favorito The Last Samurai (Flemensfirth) mentre terzo il veterano Vic's Canvas (Old Vic), 13 anni, vivido in battaglia. Altra notizia importante: Sul traguardo sono transitati 12 cavalli, ma tutti i 39 partecipanti del Grand National 2016 sono tornati sani e salvi alla base. IL RISULTATO COMPLETO QUI. IL VIDEO DEL GRAND NATIONAL QUI. IL FINALE DEL GRAND NATIONAL QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui