domenica 22 maggio 2011

Shackleford vince le Preakness e respinge Animal Kingdom

In altro anno se ne va, e anche nel 2011 il lucchetto rimane intatto. Nemmeno Animal Kingdom (Leroidesanimaux) sarà il cavallo per tentare di sfatare l'incantesimo della Triplice Corona che dura da 33 anni. Si ripartirà il prossimo anno alla ricerca di un nuovo Affirmed, ma intanto bisogna parlare di attualità. A frapporsi tra le Preakness G1 disputatesi a Pimlico (Saratoga) questa notte (VIDEO QUI), ed il vincitore del Kentucky Derby ci si è messo uno che di nome fa Shackleford (Forestry), montato da Jesus Lopez Castanon, allenato da Dale Romans ed allevato e di proprietà di Mike Lauffer e William Cubbedge, che nel Kentucky Derby G1 era terminato al quarto posto. Con una corsa dispendiosa in avanti, il figlio di Forestry (Storm Cat) ha realizzato il classico "wire to wire" ripartendo in dirittura e resistendo con gran coraggio in 1.56.20, rimbalzando fuori dalla giostra gli attacchi di un ritardatario Animal Kingdom che ha trovato molto caos in curva, terminando comunque molto forte. Al terzo è arrivato Astrology (A.P Indy), mentre al quarto ancora un deludente Dialed In (Mineshaft), che aveva battuto Shackleford nel Florida Derby G1. 
Il vincitore, figlio di Forestry (Storm Cat) che funziona per $12,000 euro al Taylor Made in Kentucky, era passato nel ring delle Keeneland September Yearling Sale ma il proprietario non ha ritenuto abbastanza i $275,000 offerti e s l'è tenuto, a ragione a questo punto. Si tratta di un mezzo fratello di Lady Joanne (Orientate) vincitrice delle Alabama Stakes G1, acquistata dall'Adena Springs a 4 anni per $1.25 milioni nel 2004, e rivenduta nel 2005 in Giappone per $1.6 milioni.
Intanto in Giappone, si sono corse le Oaks locali di G1 che hanno laureato Erin Court (Durandal), in un arrivo serratissimo su Pure Brise (Monsun) e Whale Capture (Kurofune). Solo quarta la favorita Marcellina (Deep Impact), mentre Nicola Pinna in sella a Derma Durga (Lincoln) è arrivato decimo.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui