STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 24 maggio 2015

Irlanda: Al Kazeem di forza nella Tattersalls Gold Cup. #Bolger e Pleascach negano il grande slam Classico a Padre Aidan

Due anni dopo la sua ultima vittoria in questa corsa battendo Camelot (Montjeu), il leone Al Kazeem (Dubawi) è tornato più forte di prima collezionando il suo 4° successo a livello di G1, ma il primo da quando è tornato dopo la fallimentare esperienza da stallone nella Tattersalls Gold Cup. Battuto da Cirrus des Aigles (Even Top) nel Prix Ganay G1 del 3 Maggio scorso, il 7 anni di Roger Charlton montato con vigore da James Doyle ha risolto battagliando e lasciando ad una incollatura Fascinating Rock (Fastnet Rock) con al terzo Postponed (Dubawi). Anche qui c'è stato un convitato di pietra ed è grigio, risponde al nome di The Grey Gatsby (Mastercraftsman) che non è riuscito a far valere il fattore freschezza. Insomma, Al Kazeem ne ha fatte di battaglie ma pur mostrandone le cicatrici ha dimostrato di non essere l'ultimo degli scemi, rendendo secondo le aspettative. Questa è stata una bellissima vittoria, emozionante. Per James Doyle una sorta di cerchio che si chiude dopo quella vittoria che era stata la prima di un certo livello per un jockey molto bravo che sta crescendo ancora. Per Al Kazeem ora obiettivo delle Hardwicke Stakes G2 il 17 Giugno o le Prince of Wales’s Stakes G1 dello stesso giorno. IL VIDEO QUI.
Ancora in Irlanda non è riuscito l'en plein Classico ad Aidan O'Brien che nelle Irish 2000 Guineas è arrivato solo secondo con la favorita Found (Galileo) che era appoggiatissima al betting. A battere la Coolmoriana ci ha pensato Jim Bolger con una femmina terribile che risponde al nome di Pleascach (Teofilo) che con rabbia agonistica fuori dal comune ha risolto la contesa da cavalla appoggiata intorno al 11/2. In sella Keving Manning, alla seconda vittoria in questa corsa insieme con Bolger, con una cavalla che molto probabilmente virerà diretta verso l'Irish Derby. Terza Devonshire (Fast Company). La vincitrice è una figlia di Teofilo (Galileo) che ha vinto la sua maiden alla seconda uscita in carriera a Leopardstown. Giunta a maturazione a 3 anni, è rientrata con un secondo posto in Listed a Navan alle spalle di Bocca Baciata (Big Bad Bob) con la quale ha ribaltato il riferimento qui al Curragh. Il 13 Maggio a Naas l'esplosione sul pesante delle Blue Wind Stakes G3 vinte per 8 lunghezze e mezzo. Secondo il suo trainer è in grado di tenere il miglio e mezzo. IL VIDEO QUI.
Nelle Gallinule Stakes G3 attendevamo dei segnali in chiave Derby G1 per quanto riguarda i Coolmoriani, ma il favoritissimo Giovanni Canaletto (Galileo), fratello pieno di Ruler Of The World e mezzo fratello di Duke Of Marmalade, dopo aver saltato Chester a causa di un contrattempo ha deluso le aspettative dei suoi fans perdendo da una femmina: Lei è Curvy (Galileo), una sorellastra di Power (Oasis Dream), che al debutto le aveva prese da Pleascach e successivamente da Bocca Baciata, ma vincendo le ultime due prima di questa a Navan battagliando con il maschio e risolvendo con Wayne Lordan a bordo della femmina presentata da David Wachman, sempre famiglia Coolmore. IL VIDEO QUI.
In apertura di convegno al Curragh bella esibizione in una maiden sui 1200 metri: A vincere è stato Air Force Blue (War Front), pagato $490,000 alle Keeneland di Settembre in America, che ha risolto una corsa di forza e dimostrandosi molto interessante in prospettiva. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui